7201–7216 di 65579 risultati

La società letteraria di Guernsey

Un inno al piacere della lettura. Un’indimenticabile storia d’amore, di coraggio e amicizia in un romanzo senza tempo Londra, 1946. Juliet Ashton, giovane scrittrice di successo, è alla ricerca di un soggetto per il suo nuovo romanzo in una città appena uscita dalla guerra ma piena di speranze per il futuro. Inaspettato, lo spunto arriva da Dawsey Adams, fattore dell’isola di Guernsey e membro della Società Letteraria nata per sfuggire al coprifuoco tedesco. Dawsey ha trovato l’indirizzo di Luliet su un vecchio libro usato e i due iniziano una ditta corrispondenza. Affascinata dalle straordinarie storie dei membri della Società e dal loro amore per i libri, che li ha salvati dagli orrori del conflitto, Juliet decide di partire per l’isola. E proprio a Guernsey troverà non solo l’ispirazione, ma anche qualcosa che cambierà per sempre la sua vita.

La Società Del Diavolo

Un romanzo controverso pieno di eccitazione. Scopri la vera natura e le
pratiche ripugnanti degli attuali occupanti del Vaticano, i membri della
Società di Gesù Cristo.
Nelle catacombe della Basilica papale a Roma, viene ritrovato dalla polizia il
corpo mutilato di un Cardinale. Le prove sulla scena del crimine puntano a
William R. Sandwell, un professore americano in visita a Roma. quando una
persona anonima invia a Sandwell un misterioso messaggio che lo conduce a una
reliquia religiosa molto preziosa, la polizia comincia  ad avvicinarsi.
Inseguito dall`ispettore della polizia italiana De Angelis, Sandwell è
determinato a provare la sua innocenza e a trovare i veri colpevoli.
Assistito dalla meravigliosa attivista italiana Raffaella Fabbri, Sandwell si
rende ben presto conto che l`assassino vive in Vaticano. Le loro
investigazioni li espongono a un gruppo clericale senza scrupoli all`interno
del vaticano, il cui scopo è nient`altro che la dominazione del mondo.
In una corsa contro il tempo Raffaella e Sandwell devono scoprire chi si
nasconde dietro al complotto e trovare un modo per fermarli prima che possano
sabotare un summit di leader mondiali a Roma.
PUBLISHER: TEKTIME

Sintomi Morbosi

**«La principale caratteristica dell’interregno tra vecchio e nuovo è
l’incertezza. È come guadare un largo fiume. La vecchia sponda è alle spalle,
ma la nuova non si distingue ancora.»**
«La crisi consiste appunto nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può
nascere: in questo interregno si verificano i fenomeni morbosi più svariati.»
Così scriveva Antonio Gramsci oltre ottant’anni fa nella prigione fascista di
Turi. Muovendo da questa intuizione, lo storico Donald Sassoon, profondo
conoscitore del nostro paese, si chiede quali sono oggi i segnali della crisi
che sembra stia condannando al declino la civiltà occidentale. Dalla
proliferazione di movimenti nazionalisti e sovranisti alle sempre più
frequenti manifestazioni razziste e xenofobe, dalla sfiducia nei partiti
tradizionali all’aumento delle diseguaglianze, l’impressione è di trovarsi in
un cruciale momento di passaggio, in quell’interregno fra il tramonto del
vecchio e l’affermazione del nuovo in cui si corrono i rischi maggiori di
rapide regressioni. Al centro della sua analisi, la crisi che sta
attraversando il Vecchio Continente: le probabilità di una sua implosione, ma
anche le motivazioni e le ragioni della sempre più evidente disaffezione nei
confronti di un’Europa unita che subisce attacchi da ogni fronte e viene
troppo debolmente difesa da chi dovrebbe rappresentarla. Da «ebreo nato in
Egitto con passaporto britannico, con studi in Francia, Italia, Gran Bretagna
e Stati Uniti», Donald Sassoon è in una posizione peivilegiata per
interpretare senza pregiudizi la moltitudine di umori, sensibilità, scelte di
vari paesi, e ci offre la lezione di un grande storico capace di decifrare la
complessità dell’oggi sciogliendo con maestria gli intricati fili provenienti
dal nostro passato.

Il Silenzio Dell’acqua (eLit)

_Un cadavere, indizi incongruenti, la polizia locale che non sembra
interessata a indagare oltre. Ma la verità ha spesso la fastidiosa abitudine
di tornare a galla._
Nell’aria fredda di gennaio, sotto una pioggia insistente, Madeline Barker
osserva poliziotti e volontari impegnati nel recupero di un’auto da una cava
abbandonata e piena d’acqua. È l’auto di suo padre, scomparso da più di
vent’anni.
In quel momento non è solo la speranza di rivederlo vivo che va in frantumi.
Nell’auto infatti vengono rinvenuti oggetti che lasciano pensare a un caso di
omicidio.
Per vederci chiaro, Madeline decide di ingaggiare un investigatore privato. E
ciò che Hunter Solozano porterà alla luce è una verità sconcertante e
inaccettabile.

Signori, Si Cambia

Il viaggio più affascinante è un viaggio antico, graduale, privato e sociale insieme: il viaggio in treno. I treni sono teatri, caffè, bazar. L’unico talk-show che non conosce crisi è quello che si replica quotidianamente sulle rotaie. La confidenza genera libertà: ci ha messo insieme il caso, ci dividerà una stazione. I treni aiutano a pensare. Tutti i grandi viaggi – dai pellegrinaggi cattolici al Grand Tour, dalla prima partenza con gli amici al viaggio di nozze – sono, in fondo, una scoperta di se stessi: il panorama che c’interessa sta dentro di noi. Il treno esenta da responsabilità, consente di restare passivi senza sentirsi pigri. Possiamo lavorare e riposare. Possiamo parlare, quando siamo stanchi di leggere. E sognare, quando siamo stanchi di parlare. L’autore ha un nome per tutto questo: la terapia dei binari. Dopo il bestseller La vita è un viaggio Beppe Severgnini ci conduce attraverso gli USA dall’Atlantico al Pacifico (due volte, passando da nord e passando da sud); segue le rotaie da Mosca a Lisbona; taglia l’Europa in verticale (da Berlino a Palermo) e l’Australia in orizzontale (da Sydney a Perth). Tra tutti – confessa – il viaggio più emozionante e istruttivo è quello che apre il volume. Gli USA attraversati col figlio ventenne, Antonio. Da Washington DC a Washington State, 8.000 km in treno, in bus, in automobile. “Un figlio, un papà e l’America: e nessun altro che disturba.”

Signora Ava

Un mondo intero in un romanzo. È l’impresa che riesce a compiere Francesco Jovine, scrittore tra i più arditi del nostro Novecento, in questo che è stato il suo libro più noto e amato, prima di cadere nel dimenticatoio che negli ultimi vent’anni ha ingoiato tutto ciò che ci ricorda l’Italia che eravamo – a meno di un paio di eccellenti eccezioni come *Il Gattopardo* e *Cristo si è fermato a Eboli*. Il mondo che Jovine ritrae, infatti, è lo stesso di quei due capolavori, e di quel mondo il romanzo intreccia storie ed emozioni nuove – quelle di Pietro e Antonietta e del loro contrastatissimo amore – a vecchie credenze e leggende risalenti ai tempi mitici della «gnora Ava», dure a morire in una comunità contadina quale è il Molise, tra il 1859 e il 1860, alla vigilia dell’Unità d’Italia e della fine del regno borbonico. Fatto sta che in questo mondo sospeso tra un presente immobile e un passato che non passa, tra le beghe di paese, il notabile, il curato, il maestro, il proprietario e il bracciante, ecco che a un tratto fa irruzione la «Storia» con i suoi protagonisti: Garibaldi; Vittorio Emanuele II, il re «straniero» che combatte contro Francesco II di Borbone; le truppe dei vincitori che compiono razzie e seminano morti; i gruppi sbandati dei vinti. L’impatto è brusco, il pacato ritmo del paese ne esce sconvolto: molti giovani partono, il curato inneggia alla libertà, i notabili tremano per le sorti dei loro beni; Pietro, denunciato alla Guardia Nazionale, è costretto a fuggire nottetempo: suo malgrado imparerà a uccidere, rubare e saccheggiare, e finirà per scappare con la nobile Antonietta, coinvolgendola nella sua vita di brigante in fuga verso lo Stato pontificio. Immobilismo e azione, folklore e storia, tradizione e futuro: quanti romanzi riescono a mescolare così tanti registri? Non a caso la critica ha evocato, a proposito di Jovine, il realismo magico di un García Márquez: per questa capacità di trasporre un pezzo vivido di realtà in un tempo sospeso tra il fantastico e il mitico.

Siamo amici solo il mercoledì

Autrice del bestseller Le strane logiche dell’amore Woden e Carter hanno un segreto: sono amici da sempre, ma non in pubblico. Si incontrano il mercoledì sera a casa di Woden per rispettare l’accordo stretto da bambini: il Woden’s Day. Nonostante impegni e interessi molto diversi, quello è il loro giorno speciale. Woden è una patita della chimica e dell’elettronica, piatta come uno skateboard e deliziosamente ordinaria (tranne per un dente scheggiato per colpa di una caduta). Carter invece è un pilota Nascar e il suo sogno è correre nella Sprint Cup, cosa che, insieme ai suoi bellissimi occhi azzurri, lo rende estremamente popolare nel loro liceo. Praticamente non hanno nulla in comune, sono due mondi agli antipodi e a scuola nessuno potrebbe sospettare della loro amicizia segreta. L’unica cosa che li lega è quella promessa fatta da bambini, senza la quale sarebbero diventati semplicemente due estranei. Ma cosa succederà dopo il diploma? Tra liti, tregue, battibecchi e incomprensioni, dovranno trovare una soluzione. Oppure dire addio alla loro speciale amicizia. Un amore che fa battere il cuore tutti i giorni della settimana Hanno scritto di Tania Paxia: «Tania Paxia si riconferma, con il suo stile semplice, scorrevole e realistico, una scrittrice in grado di arrivare al cuore del lettore! Le sue storie sanno di vita reale, e quindi ti fanno sognare!» «La storia, i personaggi, i dialoghi dei romanzi di Tania Paxia sono sempre frizzanti e così ben scritti che ti sembra di essere parte del racconto.» Tania PaxiaVive in provincia di Livorno. Frequenta la facoltà di Giurisprudenza di Pisa, ma la sua grande passione è scrivere. La Newton Compton ha pubblicato Le strane logiche dell’amore, un grande successo sul web, seguito da Ti amo ma non lo sai, Ti amo già da un po’, Prima che arrivassi tu e, in ebook, Lost. Per colpa di un bacio, Left. Il bacio che aspettavo, Gone. Un bacio è troppo poco, Back. Un bacio alla luce del sole, Liar. Un bacio non è per sempre, Feel. Prima dammi un bacio e Found. È più facile dirlo con un bacio.

Sherlock, Lupin & Io – 17. Un delitto a Natale

Il Natale è alle porte e non c’è regalo migliore che passare le feste nella
campagna inglese, nella deliziosa locanda King’s White Horse. Ma quando sotto
una memorabile nevicata uno degli ospiti si allontana dalla locanda e Holmes
scopre nelle cantine un cunicolo segreto, Mila inizia a pensare che quel luogo
pittoresco nasconda un segreto a tinte fosche. E quando la notte della vigilia
uno degli ospiti muore improvvisamente, dovrà mettere a frutto tutto quello
che ha imparato dai suoi amici per risolvere il mistero.

Sette (eLit)

Quando il dottor Chauvin, apprezzato medico di famiglia, si toglie la vita in circostanze misteriose, sua figlia Avery, affermata giornalista con un innato talento investigativo, torna a Cypress Springs. Le strade sono linde, le case ordinate, gli abitanti sorridenti, gentili, appagati. Ma Avery si rende conto che, dietro l’apparenza paradisiaca, la città maschera un orribile segreto. Cypress Springs, infatti, è controllata da un’occulta rete di vigilanti, che intendono mantenere l’ordine a qualunque costo. E con qualunque mezzo. Anche se ciò non impedisce che la morte del dottor Chauvin sia seguita da una serie di altre morti e sparizioni. Come sono legate tra loro? Mentre i dubbi si infittiscono, le tracce sembrano condurre a un nemico invisibile, che diventa ogni giorno più feroce.

Il Serpente

La figlia del Lupo non può che essere fiera come il padre! 1283 d.C. – Edoardo I è nel mezzo della sua campagna per domare i gallesi, ma prima deve eliminare l’ostacolo più grande: un cavaliere gallese noto come il Serpente. Con il suo attacco mortale, Sir Bhrodi ap Gaerwen de Shera è un guerriero di enorme fama e potenza. Discendente dai re di Anglesey da parte di madre e dai conti di Coventry da parte di padre, Bhrodi è nella posizione unica di appartenere alla nobiltà gallese e a quella inglese, il che lo rende un importante protagonista della guerra di Edoardo in Galles. Il re inglese non può sottomettere completamente i Gallesi fintanto che Bhrodi gli oppone resistenza, e tutto il Galles del Nord con lui. Ma Edoardo è astuto e sa che gli conviene allearsi con de Shera. Con questo in mente, ordina al più potente guerriero del nord, il leggendario William de Wolfe, di dare in sposa una delle sue figlie a de Shera. William è onorato dalla proposta del re, ma è anche sollevato; avendo perso uno dei suoi figli l’anno prima nelle guerre in Galles, vuole mettere fine a quelle guerre devastanti, e si impegna a dare la sua figlia più giovane, Lady Penelope Adalira de Wolfe, in sposa al Serpente. Ma Lady Penelope non è una donna come le altre: è stata addestrata dai migliori cavalieri e, nonostante le proteste della madre, combatte come un cavaliere. Squisitamente bella, con i capelli scuri e gli occhi nocciola, Penelope non ha alcun desiderio di diventare merce di scambio e si oppone all’ordine del re, ma inutilmente. Deve sposare il gallese noto come il Serpente, riunendo due possenti case e assicurando la pace a due nazioni. In quel mondo gallese alieno, pieno di brutalità e costumi sconosciuti, Penelope e Bhrodi sono inizialmente riluttanti a conoscersi. Bhrodi, tuttavia, è incuriosito dalla donna che sembra un angelo ma combatte come il diavolo in persona. I loro primi giorni insieme sono difficili ma, un po’ alla volta, Bhrodi scopre una do

Serenità

PICCOLI SUGGERIMENTI PER RAGGIUNGERE L’EQUILIBRIO INTERIORE
Tutti aspiriamo alla serenità… Ma la vita ci mette alla prova, e i nostri demoni interiori sono sempre all’erta: allora ci angosciamo, ci disperiamo, ci disperdiamo. Soffriamo. Attraverso 25 storie e attraverso l’insegnamento che esse ci offrono, questo libro ci propone di andare avanti, di individuare e di imparare a superare gli ostacoli, i momenti bui, le sfide oggettive della vita. Esortandoci a mantenere il nostro ritmo e le nostre modalità, André ci invita a seguire il cammino dell’equilibrio e della serenità. **

Senza movente

**Un grande successo nato dal passaparola
Un’indagine del capitano Nicola Serra
Dall’autrice del bestseller _Inquietante delitto in Vaticano_ **
Nicola Serra, ora capitano dei Carabinieri di Roma, è in Bretagna in vacanza,
presso la famiglia della sua compagna Marion Calvé. Insieme vogliono visitare
l’abbazia di Mont Saint-Michel e la Normandia, ma il loro programma è
rivoluzionato dalla morte di Jeanud Modan, amico di Annie Danton, una zia di
Marion. La donna ne è sconvolta: per lei è una tragedia molto sospetta. A
Roma, intanto, una grave circostanza complica ancora le vacanze di Nicola: nel
suo appartamento muore per overdose una giovane donna che aveva una relazione
con una collega di Serra, Sara Vittorini, che inizia a indagare sulla vicenda,
per niente convinta sia stato un fatale incidente. La situazione precipita: in
casa di Serra, vengono trovate delle dosi di cocaina ed eroina, e in Normandia
scompare anche la zia Annie senza apparente motivo. Entrambe le vicende
sembrano sfuggire a un chiaro movente, sia per la gendarmerie francese, cui
Nicola Serra offre il proprio aiuto, sia per il nucleo dei Carabinieri di
Roma, dove i colleghi del capitano iniziano a temere per la sua posizione
all’interno dell’Arma. Ma niente è quello che appare, e ai primi crimini ne
seguono altri, feroci, in un crescendo avvincente…
**Chi vuole incastrare il capitano Serra?
Un doppio giallo ambientato tra l’Italia e la Francia
Hanno scritto dei suoi libri:**
«Thriller intenso e veloce […] Tutto viene ribaltato con continui colpi di
scena e alibi che scagionano il primo indiziato.»
**Gli amanti dei libri**
«Pur trattandosi di una fiction, il romanzo denuncia atteggiamenti reali.
L’autrice calibra toni e linguaggio senza forzature.»
**Milanonera**
**Flaminia P. Mancinelli**
È nata a Roma. Giornalista, appassionata di nuove tecnologie, con uno
pseudonimo ha scritto _La profezia della stella_. Con la Newton Compton ha già
pubblicato _Inquietante delitto in Vaticano_ , che ha riscosso un notevole
successo online. _Senza movente_ è il nuovo romanzo sulle indagini di Nicola
Serra.

Il Segreto Di Palazzo Moresco

**_*_ DOPO IL BOSCO DI MILA UNA NUOVA INDAGINE PER IL COMMISSARIO CAPO
VITTORIA TROISI ****_Ginevra Moro non crede ai suoi occhi: sul treno che la
porta da Brescia a Milano le sembra di vedersi riflessa in uno di quegli
specchi che deformano la realtà; l’immagine che vede passare dall’altra parte
del vetro è quella di un’adolescente dall’aspetto selvatico, un’anima alla
deriva, una copia di sé stessa priva della ricchezza e dell’eleganza tra le
quali è cresciuta. Le strade di Brescia si preparano intanto ad accogliere il
rombo dei motori e lo scintillio delle carrozzerie delle auto d’epoca che
partecipano alla Mille Miglia. Durante la cena di gala che precede la corsa e
vede riunita tutta la Brescia che conta, la capo commissario Vittoria Troisi
conosce Lodovico Moro, il padre di Ginevra: tra scambi di battute e
galanterie, il collezionista si lascia andare a confidenze sulla sua vita
privata e familiare che lasciano interdetta Vittoria, indecisa se
interpretarle come un tentativo di seduzione o una richiesta d’aiuto. Quando
il corpo di Lodovico Moro viene ritrovato senza vita nello studio privato di
palazzo Moresco, la magnifica residenza di famiglia che cela alla stessa
maniera tesori d’arte e rancori familiari, Vittoria è incaricata delle
indagini. Senza una pista certa e senza il giovane agente del posto Mirko Rota
a farle da guida nella realtà locale, Vittoria Troisi si ritrova di nuovo alle
prese con le torbide relazioni di una famiglia della ricca provincia bresciana
e come sempre tormentata dai fantasmi privati che la riportano per una breve
parentesi, ma forse non per caso, nella sua Roma._ *Leggi il primo capitolo de
_Il bosco di Mila_ , il primo romanzo di Irma Cantoni.**

Il segreto di Maša

Stribor Kralj, giovane giornalista con un profondo senso della giustizia, sta indagando sulle attività della criminalità organizzata nei Balcani. In particolare, gli interessa scoprire cosa lega i clan croati a quelli serbi, e chi offre loro copertura. Un’attraente collega di Belgrado lo mette su una buona pista: a quanto sembra, gli affari tra i clan al di qua e al di là del confine prosperano, e chi è al potere, oltre a fingere di non vedere, ne trae in entrambi i paesi numerosi vantaggi. Nella sua rischiosa inchiesta, Stribor può di nuovo contare sull’appoggio dell’ispettore Vladimir Kovač, finalmente tornato in servizio alla polizia di Osijek dopo quattro mesi di riposo forzato. Intanto, alla redazione del giornale dove Stribor lavorava, arriva la lettera anonima di una studentessa che denuncia gli abusi subiti da un importante politico locale, e un caso che sembrava archiviato chiede di essere riaperto. Pochi giorni dopo, sul ciglio di una strada nei pressi della cittadina croata, viene ritrovato il corpo di una ragazza. È stato davvero un tragico incidente? Kovač e Kralj non ne sono convinti. Contrastati da colleghi e potenti di turno, conducono la loro privata caccia al colpevole, di nuovo fianco a fianco, cercando di far luce sulle verità più inconfessabili della buona società croata.
**

Il segreto di Kenna (I Romanzi Passione)

Scozia, 1544. Alexander Macpherson ha accettato di sposare la giovane e ribelle Kenna MacKay per il bene del suo clan, ma viene abbandonato durante la prima notte di nozze. Alexander tuttavia non riesce a dimenticare quella fuggiasca dalla lingua tagliente ed è convinto che anche lei segretamente lo desideri. Dal canto suo, Kenna pensa di essere al sicuro nel convento dove si è rifugiata. Quando però viene rapita per errore e ricondotta da suo marito, tra i due ricominciano le solite schermaglie. Poi la passione sembra finalmente accendersi, ma un segreto viene a galla dal passato