Visualizzazione di 52453-52464 di 90860 risultati

La Verità su David Raker

Tre giorni dopo Natale, una donna entra in una stazione di polizia di Londra. Non ha con sé un telefono né un documento d’identità, solo un pezzo di carta sul quale è scritto il nome di colui che, a quanto dice, è suo marito: l’investigatore David Raker. L’uomo acconsente a incontrarla, sconcertato. Sua moglie Derryn è morta otto anni prima, dopo una lunga battaglia contro il cancro. Eppure quella donna le somiglia molto e conosce dettagli privati della loro vita trascorsa insieme. Ma Raker sa che non può essere sua moglie… non può essere vero. Dimostrarlo, tuttavia, non è semplice tanto più che anche il certificato di morte di Derryn sembra scomparso nel nulla. Nell’attesa che si faccia chiarezza, la misteriosa donna viene ospitata dalla polizia in un luogo segreto, ma quando scompare i sospetti ricadono inevitabilmente su Raker. Perché il destino è stato così beffardo da metterlo faccia a faccia con il proprio tragico passato? E dove è finita la misteriosa donna? Il nono capitolo della serie che vede come protagonista David Raker, l’investigatore specializzato nella ricerca delle persone scomparse. Un’indagine che sfida le leggi della ragione e riscrive le regole del gioco.

(source: Bol.com)

La verità non basta: Le avventure di Jack Reacher

«*Reacher mi cattura dalla prima pagina fino all’ultima. Tra gli scrittori di thriller, Lee Child per me è il numero 1.*»
**Ken Follett**
«*I suoi romanzi sono davvero straordinari.*»
**Stephen King**
«*Il miglior autore contemporaneo di narrativa crime.*»
**Haruki Murakami**
«*Dà un nuovo significato al concetto di page-tuner.*»
**Michael Connelly**
«*Lee Child ci sa fare con le parole. Sono un suo fan.*»
**James Patterson**
**Le avventure di Jack Reacher – vol. 16**
****L’origine del mito: come e perché Jack Reacher ha scelto la giustizia e la libertà a ogni costo
Sempre al numero 1 delle classifiche USA e UK
Scelta difficile per un uomo giusto.
Carter Crossing, Mississippi, marzo 1997. La ragazza è bellissima, vestita di bianco e con la gola tagliata. La cittadina è piccola e non conterebbe nulla se nelle vicinanze non sorgesse Fort Kelham, un’importante base dell’esercito, in cui sono di stanza due compagnie di Ranger, una delle quali è comandata dal capitano Riley, figlio del senatore che presiede la Commissione sui servizi armati.
La vittima era uscita con Riley, ma non solo. Altre due ragazze sono state uccise tempo prima nello stesso modo. Ed entrambe avevano avuto rapporti con Riley. Le indagini vengono affidate, sotto copertura, a **Jack Reacher**, maggiore della polizia militare. Per Reacher è la scelta più difficile: nascondere la verità vuol dire non riuscire più a vivere con se stesso. Ma denunciarla vuol dire non riuscire più a vivere dentro l’esercito…
* * *
**La serie di Jack Reacher:** 
* * *
*Zona pericolosa *
*Destinazione inferno *
*Trappola mortale *
*Via di fuga *
*Colpo secco *
*A prova di killer *
*La vittima designata *
*Il nemico *
*Jack Reacher – La prova decisiva*
*Identità sconosciuta – Un’avventura di Jack Reacher*
*Un passo di troppo *
*Vendetta a freddo *
*Niente da perdere *
*I dodici segni *
*L’ora decisiva *
*Una ragione per morire *
*La verità non basta *
*Il ricercato *
*Punto di non ritorno *
*Personal *
*Prova a fermarmi *
*Non sfidarmi *
**
**
### Sinossi
«*Reacher mi cattura dalla prima pagina fino all’ultima. Tra gli scrittori di thriller, Lee Child per me è il numero 1.*»
**Ken Follett**
«*I suoi romanzi sono davvero straordinari.*»
**Stephen King**
«*Il miglior autore contemporaneo di narrativa crime.*»
**Haruki Murakami**
«*Dà un nuovo significato al concetto di page-tuner.*»
**Michael Connelly**
«*Lee Child ci sa fare con le parole. Sono un suo fan.*»
**James Patterson**
**Le avventure di Jack Reacher – vol. 16**
****L’origine del mito: come e perché Jack Reacher ha scelto la giustizia e la libertà a ogni costo
Sempre al numero 1 delle classifiche USA e UK
Scelta difficile per un uomo giusto.
Carter Crossing, Mississippi, marzo 1997. La ragazza è bellissima, vestita di bianco e con la gola tagliata. La cittadina è piccola e non conterebbe nulla se nelle vicinanze non sorgesse Fort Kelham, un’importante base dell’esercito, in cui sono di stanza due compagnie di Ranger, una delle quali è comandata dal capitano Riley, figlio del senatore che presiede la Commissione sui servizi armati.
La vittima era uscita con Riley, ma non solo. Altre due ragazze sono state uccise tempo prima nello stesso modo. Ed entrambe avevano avuto rapporti con Riley. Le indagini vengono affidate, sotto copertura, a **Jack Reacher**, maggiore della polizia militare. Per Reacher è la scelta più difficile: nascondere la verità vuol dire non riuscire più a vivere con se stesso. Ma denunciarla vuol dire non riuscire più a vivere dentro l’esercito…
* * *
**La serie di Jack Reacher:** 
* * *
*Zona pericolosa *
*Destinazione inferno *
*Trappola mortale *
*Via di fuga *
*Colpo secco *
*A prova di killer *
*La vittima designata *
*Il nemico *
*Jack Reacher – La prova decisiva*
*Identità sconosciuta – Un’avventura di Jack Reacher*
*Un passo di troppo *
*Vendetta a freddo *
*Niente da perdere *
*I dodici segni *
*L’ora decisiva *
*Una ragione per morire *
*La verità non basta *
*Il ricercato *
*Punto di non ritorno *
*Personal *
*Prova a fermarmi *
*Non sfidarmi *
**
### Dalla seconda/terza di copertina
Lee Child è nato a Coventry, in Inghilterra, nel 1954. Dopo aver lavorato per vent’anni come autore di programmi televisivi, nel 1997 ha deciso di dedicarsi alla narrativa: il suo primo libro, Zona pericolosa, è stato accolto con un notevole successo di pubblico e critica, e lo stesso è accaduto per gli altri romanzi d’azione incentrati sulla figura di Jack Reacher, personaggio definito dall’autore «un vero duro, un ex militare addestrato a pensare e ad agire con assoluta rapidità e determinazione, ma anche dotato di un profondo senso dell’onore e della giustizia ». I titoli di Child in edizione Longanesi: Destinazione inferno, Trappola mortale, Via di fuga, Colpo secco, Il nemico, A prova di killer, La vittima designata, La prova decisiva (da cui è stato tratto il film con Tom Cruise nei panni di Jack Reacher), Vendetta a freddo, Niente da perdere, I dodici segni, L’ora decisiva e Una ragione per morire. Lee Child vive negli Stati Uniti dal 1998.

La verità fallibile: pragmatismo e immagine scientifica del mondo

Il tema principale di questo saggio è costituito dai rapporti tra senso comune e visione scientifica del mondo. Partendo dalla riscoperta del pragmatismo verificatasi negli ultimi decenni, viene fornita una ricostruzione del passaggio dalla filosofia analitica a quella postanalitica con particolare enfasi sul pensiero di D. Davidson e R. Rorty. L’attenzione si volge poi all’antagonismo tra le due immagini della realtà tratteggiate da W. Sellars. Viene inoltre proposta una difesa della nozione di “schema concettuale”, intesa in un’accezione funzionale e pragmatica. Oltre a Davidson, Rorty e Sellars, i principali autori di riferimento sono W. James, J. Dewey, W.v. Quine e H. Putnam.
**

La Vera Vita: Appello Alla Corruzione Dei Giovani

Che cos’è la giovinezza? Che cosa è stata per le innumerevoli generazioni che ci hanno preceduto? E che cosa significa essere giovani, oggi? È una condizione trionfante e privilegiata dell’esistenza, tanto che il giovanilismo è diventato il paradigma di vita nelle società neoliberiste (si è giovani finché si è in grado di consumare), oppure è qualcosa di altamente problematico e di falso? Di «terribile»? Sono queste le domande che si pone uno dei maggiori filosofi viventi in questo breve ma ricchissimo libro. La giovinezza vi viene considerata come quella fase cruciale della vita in cui si decide se costruire la propria esistenza o bruciarla. Se nelle società attuali, venuto meno il potere che aveva la tradizione di dare un senso alle cose, si è condannati a un’adolescenza infinita, e l’adulto diventa niente più che un adolescente con qualche mezzo in più per consumare, quale idea è ancora in grado di radicarsi nei giovani perché attingano quella «vera vita» di cui Rimbaud, il poeta della giovinezza, diagnosticava l’assenza? Badiou offre una risposta paradossale: bisogna, socraticamente, corrompere i giovani, distoglierli dall’universo luccicante delle merci, creare per loro le condizioni di un nuovo pensiero che sappia farsi fratello del sogno.

La vera vita

SOLO PER CHI CREDE CHE I GIOVANI
NON SIANO INETTI ‘SDRAIATI’
MA IL FUTURO DEL MONDO

‘Inchiniamoci all’erede di Platone: Badou è il più grande filosofo vivente.’
Slavoj Žižek

Che cos’è la giovinezza? Che cosa è stata per le innumerevoli generazioni che ci hanno preceduto? E che cosa significa essere giovani, oggi? È una condizione trionfante e privilegiata dell’esistenza, tanto che il giovanilismo è diventato il paradigma di vita nelle società neoliberiste (si è giovani finché si è in grado di consumare), oppure è qualcosa di altamente problematico e di falso? Di ‘terribile’? Sono queste le domande che si pone uno dei maggiori filosofi viventi in questo breve ma ricchissimo libro. La giovinezza vi viene considerata come quella fase cruciale della vita in cui si decide se costruire la propria esistenza o bruciarla. Se nelle società attuali, venuto meno il potere che aveva la tradizione di dare un senso alle cose, si è condannati a un’adolescenza infinita, e l’adulto diventa niente più che un adolescente con qualche mezzo in più per consumare, quale idea è ancora in grado di radicarsi nei giovani perché attingano quella ‘vera vita’ di cui Rimbaud, il poeta della giovinezza, diagnosticava l’assenza? Badiou offre una risposta paradossale: bisogna, socraticamente, corrompere i giovani, distoglierli dall’universo luccicante delle merci, creare per loro le condizioni di un nuovo pensiero che sappia farsi fratello del sogno.

(source: Bol.com)

La vera storia di Charlotte Doyle

Tredici anni, americana e di ottima famiglia, Charlotte Doyle sta per tornare a casa dopo aver completato la propria educazione in Inghilterra. Ma una volta imbarcata scopre di essere l’unica passeggera, e intuisce che il viaggio non sarà facile: lo spietato Jaggery, infatti, governa la nave con pugno di ferro, e l’equipaggio medita la rivolta. Non ci vuole molto perché la situazione precipiti, costringendo Charlotte, divisa tra il rispetto per l’autorità e il senso di giustizia, a scegliere tra il capitano e i marinai, crudelmente maltrattati. Comincia, così, la sua tumultuosa e drammatica avventura da “lupo di mare”, che è al tempo stesso una battaglia contro i pregiudizi maschili e una lotta per la sopravvivenza, in tempi (siamo nella prima metà dell’Ottocento) nei quali alle donne era negata qualsiasi autonomia.
Una storia ambientata nel passato ma straordinariamente attuale, appassionante e vivace, che certo piacerà alle ragazze d’oggi.

La Venexiana

La Venexiana, come dire la ‘commedia veneziana’, sembra indicare già fin dal titolo il posto che essa occupa nell’evoluzione del teatro veneto rinascimentale. L’ignoto veneziano che la scrisse pare affermarvi non tanto l’ambizione, quanto la consapevolezza di aver creato l’opera per eccellenza rappresentativa di una società e di un costume. Se nelle farse e nelle commedie che cronologicamente la precedono – come ad esempio l’anonima Bulesca – era ancora possibile rintracciare gli elementi costitutivi attinti alla cronaca, nella Venexiana la ricerca diventa in pratica inattuabile; la commedia – e in ciò è il suo miracolo d’arte – contamina con perfetta naturalezza schemi convenzionali e modi, per i tempi,d’avanguardia.

(source: Bol.com)

La vendetta di Mick Trewlove

Gli illegittimi Trewlove 1

Londra, 1871.
Figlio illegittimo di un duca, Mick Trewlove è stato affidato appena nato alle cure di una comune cittadina. Nonostante le modeste possibilità economiche, è diventato un uomo d’affari di successo, ma la ricchezza e la posizione ottenute non hanno soddisfatto il suo desiderio di rivalsa contro l’uomo che lo ha abbandonato e che ancora si ostina a non riconoscerlo. Per ottenere vendetta, decide allora di distruggere la vita dell’erede legittimo del duca, sfruttando la debolezza che questi mostra per il gioco d’azzardo e corteggiandone la promessa sposa, la dolce e proba Lady Aslyn Hastings. Troppo tardi, però, proprio quando il piano sta per avere successo, Mick si accorge di essere caduto nella sua stessa trappola.

(source: Bol.com)

La vendetta della rosa

L’impresa che attende Elric non solo è impegnativa, ma più che mai toccante: infatti, in gioco vi è l’anima di suo padre, che i Signori del Caos si contendono in una lotta che li vede eterni rivali. E in questa missione soprannaturale Elric trova accanto a sé dei compagni d’eccezione: Ernest Wheldrake, viaggiatore del tempo e poeta dall’ironia sottile; il principe Gaynor il Maledetto, singolare figura di mercenario che apre nuove prospettive all’arte raffinata della dannazione; i membri della Famiglia Phatt, un manipolo di bizzarri vagabondi con il potere della chiaroveggenza che sembrano usciti da un romanzo di Dickens; infine, una donna guerriera conosciuta come la Rosa, che è circondata da un alone di mistero e solca le vie del tempo in cerca di vendetta. Moorcock muove i suoi protagonisti attraverso uno splendido arazzo di paesaggi e situazioni: dall’immensa migrazione del popolo zingaro al misterioso Mar Plumbeo dove il tempo rallenta il suo corso, dalle giungle di cristallo a una seconda Torre di Babele, che appare come una gigantesca nave alla deriva, fino al supremo campo di battaglia, situato nel cuore stesso delle terre del Caos. Un’immaginazione straripante che non solo rinverdisce le gesta di Elric, ma esplora le infinite strade del Multiverso, la gigantesca cornice dentro la quale tutti gli eroi di Moorcock sono protagonisti di un’avventura letteraria fuori da ogni schema, ma appassionante come poche altre.

La vendetta del perdono

Ah, il perdono! Gesto meraviglioso grazie al quale chi perdona viene affrancato dal risentimento e chi è perdonato viene sollevato dal senso di colpa per aver compiuto il misfatto. Ma cosa accade quando il perdono si rivela una vendetta per chi lo concede e una condanna per chi lo riceve? E il tema dei quattro racconti di Eric-Emmanuel Schmitt riuniti nel volume “La vendetta del perdono”, dal titolo di uno dei quattro. Con la consueta spigliatezza e ironia l’autore ci presenta quattro situazioni in cui l’atto di bontà diventa il mezzo di una vendetta sottile, quasi sadica. Così abbiamo la storia di Lily, la gemella buona e brava che perdona alla sorella Mosetta di essere invidiosa e subdola; la storia di Mandine, che perdona a William di averla sedotta e abbandonata; la storia di Elise, che perdona a Sam Louis di aver violentato e ucciso sua figlia; e infine la storia dell’anziano aviatore Werner von Breslau, che perdona a se stesso di non essersi opposto al nazismo nel decennio che ha sconvolto il mondo. L’epilogo di ognuna delle quattro novelle ci ricorda che il risultato delle nostre azioni non è sempre quello che ci aspettiamo.
**

La variante di Lüneburg

Un colpo di pistola chiude la vita di un ricco imprenditore tedesco. E’ un incidente? Un suicidio? Un omicidio? L’esecuzione di una sentenza? E per quale colpa? La risposta vera è un’altra: è una mossa di scacchi. Dietro quel gesto si spalanca un inferno che ha la forma di una scacchiera. Risalendo indietro, mossa per mossa, troveremo due maestri del gioco, opposti in tutto e animati da un odio inesauribile che attraversano gli anni e i cataclismi politici pensando soprattutto ad affilare le proprie armi per sopraffarsi. Che uno dei due sia l’ebreo e l’altro sia stato un ufficiale nazista è solo uno dei vari corollari del teorema.
**

La vacanza ideale

Non si può scappare dal passato… 
Troppo bella per essere vera. Così sembra a Libby la proposta, del tutto inaspettata, di fare uno scambio di casa per una settimana: una splendida villa, affacciata sul mare selvaggio della Cornovaglia, in cambio del suo piccolo appartamento a Bath. Anche il tempismo non poteva essere migliore. A nove mesi dalle nozze, le cose col marito Jamie non vanno come Libby aveva sperato e pure il lavoro d’insegnante si sta rivelando più frustrante del previsto. E poi c’è quella voglia di scappare, che è diventata sempre più forte da quando una sua foto è comparsa su tutti i giornali, dopo che lei ha salvato uno dei suoi alunni da un incendio divampato a scuola. Da allora, Libby vive nel terrore che quella foto possa spalancare la porta a un passato da cui lei ha cercato disperatamente di fuggire. E i suoi sospetti trovano conferma nel momento in cui arriva in Cornovaglia con Jamie. La sequenza di piccoli incidenti e strane coincidenze è troppo lunga per essere frutto del caso. È possibile che la stiano minacciando? Che quelle presenze sinistre in giardino siano persone che la stanno spiando? Oppure è soltanto la paranoia a rendere Libby sospettosa? La risposta arriva col ritorno a Bath, e non è certo rassicurante. Gli incidenti, infatti, si fanno sempre più gravi e inquietanti. A questo punto Libby non ha più dubbi: qualcuno l’ha trovata. Qualcuno che conosce il suo segreto. E stavolta scappare non servirà a nulla…
**
### Sinossi
Non si può scappare dal passato… 
Troppo bella per essere vera. Così sembra a Libby la proposta, del tutto inaspettata, di fare uno scambio di casa per una settimana: una splendida villa, affacciata sul mare selvaggio della Cornovaglia, in cambio del suo piccolo appartamento a Bath. Anche il tempismo non poteva essere migliore. A nove mesi dalle nozze, le cose col marito Jamie non vanno come Libby aveva sperato e pure il lavoro d’insegnante si sta rivelando più frustrante del previsto. E poi c’è quella voglia di scappare, che è diventata sempre più forte da quando una sua foto è comparsa su tutti i giornali, dopo che lei ha salvato uno dei suoi alunni da un incendio divampato a scuola. Da allora, Libby vive nel terrore che quella foto possa spalancare la porta a un passato da cui lei ha cercato disperatamente di fuggire. E i suoi sospetti trovano conferma nel momento in cui arriva in Cornovaglia con Jamie. La sequenza di piccoli incidenti e strane coincidenze è troppo lunga per essere frutto del caso. È possibile che la stiano minacciando? Che quelle presenze sinistre in giardino siano persone che la stanno spiando? Oppure è soltanto la paranoia a rendere Libby sospettosa? La risposta arriva col ritorno a Bath, e non è certo rassicurante. Gli incidenti, infatti, si fanno sempre più gravi e inquietanti. A questo punto Libby non ha più dubbi: qualcuno l’ha trovata. Qualcuno che conosce il suo segreto. E stavolta scappare non servirà a nulla…