6849–6864 di 82931 risultati

Aldilà

Una analisi ricca di particolari in relazione al luogo da cui spiritualmente proveniamo e dove torneremo al termine di questo straordinario interludio che chiamiamo vita. Finalmente il mondo spirituale spiega cosa accade dopo quel “miliardesimo di secondo” che ci porterà nell’aldilà. Il raggiungimento della quarta dimensione, denominata arrivo, l’incontro con i propri c ari, l’incontro con l’angelo della soglia, e poi la quinta dimensione, chiamata raduno. E poi… le altre dimensioni… Un ricco excursus nella vita oltre la vita. Dopo aver destato in noi la comprensione della sua presenza, il mondo spirituale – che inizialmente si è fatto udire (tiptologia), si è fatto vedere mostrandosi in modo sensazionalistico (ectoplasmi), ci ha aiutato in momenti difficili a livello mondiale, e contemporaneamente a livello personale – oggi questo mondo, che non è nell’alto dei cieli ma incredibilmente vive accanto alla nostra visibilità, ci sta aiutando a comprendere – attraverso messaggi di grande levatura – quale è il nostro scopo qui sulla Terra e oltre. Questo mondo che così profondamente ci ama, ci sta indicando la via e soprattutto ci sta descrivendo con dovizia di particolari il luogo che ci attende, che dovremo solo riconoscere perché ci appartiene da sempre, quel luogo dello spirito in cui andremo dopo che sorella morte porrà termine alla fisicità, per dare inizio al vero inizio.

Alba nera

Cento anni fa nascevano a Milano i Fasci di combattimento. A breve distanza di tempo, nell’ottobre 1922, Mussolini giungeva al potere con la marcia su Roma. Questo libro ci aiuta a capire la genesi e l’ascesa del fascismo: come e perché possa morire la libertà.
Nel centenario degli eventi che segnarono la storia d’Italia, il Corriere della Sera presenta il libro di Antonio Carioti che ricostruisce la genesi e la creazione del fascismo nella nostra nazione fino alla marcia su Roma, con integrazione di interviste di studiosi di storia. Il volume è completato da una raccolta di documenti dell’epoca.

Agente Di Ventura (Segretissimo SAS)

Se la CIA spedisce un operativo fino a Ceylon sulle tracce di una bella ragazza non è per offrirgli una gita di piacere. Malko Linge farà meglio a togliersi dalla testa certe idee. Del resto l’ambiente, tra il caldo massacrante e legioni di insetti, non è dei più accoglienti. Il suo predecessore, inviato da un’altra agenzia d’intelligence, ci ha addirittura lasciato la pelle. Interessarsi di Diana Vorhund, splendida sudafricana con un debole per le rivoluzioni e soprattutto per i rivoluzionari, sembra pericoloso. Lo stretto legame con un famigerato estremista le garantisce un posto d’onore tra i nemici degli Stati Uniti, e a Langley vogliono capire cosa bolle in pentola nell’Oceano Indiano. Malko è perfetto per la missione: un elemento privo di un titolo ufficiale, capace di muoversi con discrezione… In altre parole, se qualcosa andasse storto, toccherà a lui ammuffire in una prigione singalese senza che nessuno alzi un dito per tirarlo fuori. Incerti del mestiere. Ma quando c’è di mezzo una donna, il Principe delle Spie non sa dire di no.

L’autore incoronato dal “New York Times” come il più grande scrittore di spy story del mondo, con oltre 100 milioni di copie vendute!

**ALL’INTERNO** , il racconto inedito “Il Professionista – Ultima notte ad Amburgo” di Stephen Gunn.

Agatha Raisin: il maiale allo spiedo

Ché cosa c’è di più innocuo di una grande festa paesana nel pittoresco scenario dei Cotswolds? Agatha decide di rilassarsi concedendosi una bella grigliata a Winter Parva, presso Carsely. Non può immaginare che sarà il prologo al suo prossimo caso… Gary Beech è un poliziotto dei Cotswolds assai zelante: nessuno riesce a sfuggire alle grinfie del suo libretto delle contravvenzioni. Certo Gary non è amato, ma dal risentimento ad arrivare a ucciderlo, decapitarlo e cuocerlo allo spiedo durante un sagra ce ne passa. Agatha si ritrova immersa suo malgrado in un nuovo caso di omicidio, che però è solo la punta dell’iceberg di una trama criminale internazionale che farà rischiare la pelle alla nostra detective e ai suoi collaboratori e amici – tra cui un James redivivo nel ruolo di “spalla” di Agatha… **

Agatha Raisin e l’insopportabile ficcanaso

Le avventure di Agatha Raisin – 21º episodioAgatha Raisin è una cinquantenne dal carattere difficile. Ottenuto successo e denaro con un’agenzia di PR, decide di mollare tutto, Londra compresa, e trasferirsi a Carsely, fiabesco villaggio dei Cotswolds. Lì, per la prima volta, capisce di essere sola: un matrimonio breve e disastroso alle spalle, un’infanzia misera e difficile l’hanno resa sospettosa verso gli altri, tanto poco incline ai rapporti umani quanto desiderosa di averne. E proprio per essere accettata, Agatha si trova invischiata nella sua prima avventura. Da lì in poi, un po’ per caso un po’ per scelta – tutto sommato in pensione si annoia – Agatha sarà coinvolta in un considerevole numero di casi.Negli oltre venti libri che a oggi costituiscono la serie, Agatha appare un’eroina non convenzionale: quasi interamente priva di capacità introspettive, così piena di difetti da risultare talvolta seccante, tra i pochi ancora a mangiare male e a bere e fumare peggio, Agatha alla fine conquista. Letta da un pubblico eterogeneo, della serie di Agatha Raisin astoria ha finora pubblicato: “La quiche letale”, “Il veterinario crudele”, “La giardiniera invasata”, “I Camminatori di Dembley”, “Il matrimonio assassino”, “La turista terribile”, “La Sorgente della morte”, “Il mago di Evesham”, “La strega di Wyckhadden”, “Le fate di Fryfam”, “L’amore infernale”, “I giorni del diluvio”, “Il caso del curioso curato”, “La casa infestata”, “Il ballo mortale”, “Il modello di virtù”, “Amore, bugie e liquori”, “Natale addio!”, “Una cucchiaiata di veleno” e “Arriva la sposa!”, nonché il prequel “Il primo caso di Agatha Raisin”.

Aforismi Metafore Passi

È impossibile ignorare quanto la nascita della psicoanalisi abbia pervaso, e ancora pervada, le nostre vite di donne e uomini moderni. Come per tutte le grandi rivoluzioni culturali, esiste un’epoca prima e un’epoca dopo Sigmund Freud.
L’interpretazione dei sogni e l’esplosione della nozione di inconscio hanno profondamente mutato il nostro modo di essere, di pensare e ovviamente anche di parlare e comunicare. Freud ha ispirato non solo una scuola che ha liberato l’uomo dalle sue fobie più profonde, ha raccontato vere e proprie storie (si pensi solo ai *Casi clinici *) inventando un linguaggio semplice, accessibile e dalla dirompente forza creatrice.
Per la prima volta, attingendo direttamente dall’immenso corpus delle *Opere* pubblicato in Italia da Bollati Boringhieri nella curatela di Cesare L. Musatti, Francesco Marchioro, storico della psicoanalisi e studioso di Freud, raccoglie un’ampia scelta del pensiero freudiano lungo una linea che attraversa grandi temi quali il sogno, l’inconscio, la psiche, la sessualità, il desiderio, la memoria, il transfert, il piacere e il legame con l’arte, la letteratura, la religione, la società e la scienza.
*Aforismi metafore passi* ci permette finalmente di vedere dispiegato – e avere sempre a portata di mano – tutto il talento letterario e il sapere del fondatore della psicoanalisi.

Aadam Ed Eeva

Piccolo imprenditore in una Finlandia in grave crisi economica, Aadam Rymättylä si barcamena ormai tra debiti e pignoramenti, un’interminabile fila di creditori e un branco di figli da mantenere: ben sette, con tre madri diverse, prove viventi della sua grande passione per l’amore, che, si sa, ha pure quello il suo prezzo. Ridotto a vivere nel capannone della ditta a Tattarisuo, nella triste periferia di Helsinki, Aadam non perde però la speranza e continua i suoi esplosivi esperimenti per mettere a punto una batteria ultraleggera che rivoluzioni il sistema energetico mondiale. Finché un’ennesima malasorte lo conduce dietro le sbarre. Ma come spesso accade ai resilienti personaggi di Paasilinna, è la comparsa di una donna a portare una svolta nella sua vita: l’intraprendente avvocatessa Eeva Kontupohja, che crede subito nella sua innocenza e nel suo talento di inventore. Evidentemente lassù qualcuno li ama: il prototipo della batteria miracolosa funziona davvero, la rivoluzione energetica è cominciata, e i due si ritrovano lanciati in un’ascesa fulminea fino ai vertici della ricchezza del mondo. Ma cosa succede quando un’innovazione tecnologica minaccia gli interessi dei potenti e rischia di sovvertire gli equilibri economici e politici della terra? Con straordinaria preveggenza sui grandi temi e i protagonisti del presente, Paasilinna conduce il suo novello Adamo – tra riunioni segrete di petrolieri, reginette del latte innamorate, sicari professionisti e l’immancabile tassista Seppo Sorjonen – oltre i confini del mondo, con una domanda: può una ricchezza senza limiti convivere con le migliori intenzioni? **
### Sinossi
Piccolo imprenditore in una Finlandia in grave crisi economica, Aadam Rymättylä si barcamena ormai tra debiti e pignoramenti, un’interminabile fila di creditori e un branco di figli da mantenere: ben sette, con tre madri diverse, prove viventi della sua grande passione per l’amore, che, si sa, ha pure quello il suo prezzo. Ridotto a vivere nel capannone della ditta a Tattarisuo, nella triste periferia di Helsinki, Aadam non perde però la speranza e continua i suoi esplosivi esperimenti per mettere a punto una batteria ultraleggera che rivoluzioni il sistema energetico mondiale. Finché un’ennesima malasorte lo conduce dietro le sbarre. Ma come spesso accade ai resilienti personaggi di Paasilinna, è la comparsa di una donna a portare una svolta nella sua vita: l’intraprendente avvocatessa Eeva Kontupohja, che crede subito nella sua innocenza e nel suo talento di inventore. Evidentemente lassù qualcuno li ama: il prototipo della batteria miracolosa funziona davvero, la rivoluzione energetica è cominciata, e i due si ritrovano lanciati in un’ascesa fulminea fino ai vertici della ricchezza del mondo. Ma cosa succede quando un’innovazione tecnologica minaccia gli interessi dei potenti e rischia di sovvertire gli equilibri economici e politici della terra? Con straordinaria preveggenza sui grandi temi e i protagonisti del presente, Paasilinna conduce il suo novello Adamo – tra riunioni segrete di petrolieri, reginette del latte innamorate, sicari professionisti e l’immancabile tassista Seppo Sorjonen – oltre i confini del mondo, con una domanda: può una ricchezza senza limiti convivere con le migliori intenzioni?

A Me Puoi Dirlo

In un paesino di provincia arriva una persona sconosciuta. Gli abitanti la trovano addormentata sulla panca di una chiesa, dove si è fermata a cercare riparo durante la notte. Ha un’età giovane ma indefinita, la pelle di un colore diverso dalla loro, e a prima vista è impossibile stabilire di che sesso sia. Capisce la loro lingua, ma si rifiuta di parlare e raccontare la sua storia. La comunità, unita da una forte fede religiosa, si dichiara pronta ad accoglierla: ma sarà in grado di farlo davvero? Nei sei giorni successivi (quelli che precedono l’annuale «Festival del perdono», una tradizionale cerimonia di catarsi collettiva), gli abitanti del paese tenteranno in tutti i modi di fare i conti con questa figura inerme ed enigmatica che li lascia continuamente in scacco, e finiranno per essere loro a mettere a nudo i propri sentimenti più profondi, le proprie paure, le proprie ipocrisie.
Sfuggendo alle ipotetiche «verità» di tanta narrativa autobiografica, uno dei migliori talenti della nuova narrativa americana scrive un romanzo breve fantasioso e provocatorio che ci mette di fronte a domande profonde: siamo capaci di accogliere l’altro senza farlo rientrare nelle nostre categorie di interpretazione del mondo? È possibile relazionarci fra esseri umani prescindendo dalle caratteristiche corporee? È più facile aprirci con chi non ci mette di fronte un’identità precostituita?

A che servono i Greci e i Romani?

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche – e soprattutto classiche – viene chiesto: «A che cosa serve?» Dietro questa domanda agisce una rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e così via). A fronte di tanta pervasività di immagini tratte dal mercato, però, sta il fatto che la storia testimonia una visione ben diversa della creazione intellettuale. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». In particolare, è proprio lo studio dei Greci e dei Romani a meritare questa pazienza: soprattutto in Italia, un paese la cui enciclopedia culturale è stata profondamente segnata dall’ininterrotta conoscenza dei classici. Se si vuole mantenere viva questa presenza, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole. **

9 Novembre

È il 9 novembre quando, durante un pranzo con il padre, Fallon incontra Ben per la prima volta. È un giorno speciale per lei, non solo perché sta per trasferirsi da Los Angeles a New York, ma anche perché ricorre l’anniversario dell’evento che ha segnato per sempre la sua vita, il terribile incendio che le ha lasciato cicatrici su gran parte del corpo, impedendole di continuare la sua carriera da attrice. Contro ogni previsione, la conoscenza tra i due si trasforma subito in qualcosa di più, ma Fallon sta per partire e sembra esserci tempo solo per il rimpianto. Come per strappare al destino quell’inevitabile separazione, Ben le promette allora che scriverà un romanzo su di loro, proponendole di ritrovarsi il 9 novembre di ogni anno, fino a che non ne compiranno ventitré. È così che ogni 9 novembre i due protagonisti aggiungono un nuovo capitolo alla loro storia, finché qualcosa non arriva a sconvolgere le loro promesse e a mettere alla prova i loro sentimenti, tra i dubbi di Fallon e le mezze verità di Ben.
Colleen Hoover, autrice bestseller #1 per il New York Times, torna con un’indimenticabile storia d’amore tra uno scrittore e la sua insolita musa. **
### Sinossi
È il 9 novembre quando, durante un pranzo con il padre, Fallon incontra Ben per la prima volta. È un giorno speciale per lei, non solo perché sta per trasferirsi da Los Angeles a New York, ma anche perché ricorre l’anniversario dell’evento che ha segnato per sempre la sua vita, il terribile incendio che le ha lasciato cicatrici su gran parte del corpo, impedendole di continuare la sua carriera da attrice. Contro ogni previsione, la conoscenza tra i due si trasforma subito in qualcosa di più, ma Fallon sta per partire e sembra esserci tempo solo per il rimpianto. Come per strappare al destino quell’inevitabile separazione, Ben le promette allora che scriverà un romanzo su di loro, proponendole di ritrovarsi il 9 novembre di ogni anno, fino a che non ne compiranno ventitré. È così che ogni 9 novembre i due protagonisti aggiungono un nuovo capitolo alla loro storia, finché qualcosa non arriva a sconvolgere le loro promesse e a mettere alla prova i loro sentimenti, tra i dubbi di Fallon e le mezze verità di Ben.
Colleen Hoover, autrice bestseller #1 per il New York Times, torna con un’indimenticabile storia d’amore tra uno scrittore e la sua insolita musa.

11 settembre: Le ragioni di chi?

Il mattino del 12 settembre i quotidiani del mondo intero titolano in tutte le lingue: “Attacco all’America”. Un messaggio la cui forza sconvolgente non è dovuta soltanto all’entità della sciagura, ma anche alla novità assoluta dell’attentato al World Trade Center e al Pentagono. Questo libro raccoglie gli interventi di Noam Chomsky nel mese successivo a quel martedì. Si può vincere il terrorismo? Chi è il nemico che ha lanciato l’attacco? A queste domande e a molte altre l’autore risponde scansando le interpretazioni troppo semplicistiche che sono state avanzate, su fronti opposti, nelle stesse settimane. Chomsky propone una visione complessa dei rapporti fra America, Europa e Oriente, ricordandoci eventi del passato. **

102 bombe h

Dopo il grande successo riportato con ’Campo Archimede’ e Thomas l’incredulo’ torna su Galassia l’autore più completo che la fantascienza americana ha visto nascere negli ultimi anni. Un’altra antologia di racconti, su temi classici o su temi nuovi, ma tutti ugualmente inquietanti, con una serie ben precisa di bersagli da colpire: la realtà come ci appare quotidianamente, la guerra e il militarismo, l’orgoglio e la stupidità umana, la nostra insopprimibile cattiveria. Disch esplora implacabilmente i recessi più segreti delle nostre
contraddizioni, e ci dimostra fino a che punto potrebbe disgregarsi la società (’Traboccanti d’amore’), indica le possibilità d’una salvezza futura (’102 Bombe H’), prospetta il solipsismo come distruzione finale d’una realtà troppo maligna (’Linda, Daniel e Spike’). E strizza l’occhio alla science-fiction magica, oggi tanto di moda in America, con tutto il potere corrosivo del suo stile (’La vamp’ e ’Minnesota Gothic’).
Contiene:
1\. Vieni a Venere, malinconia
2\. Controllo finale
3\. Traboccanti d’amore
4\. La vamp
5\. 102 bombe H
6\. La ricchezza di Edwin Lollard
7\. Linda, Daniel e Spike
8\. Assassino e Figlio
9\. Minnesota Gothic

100 Idee Di Cui Non Sapevi Di Aver Bisogno

In un’epoca in cui il pensiero tende sempre più a semplificarsi e le opinioni vengono scambiate per idee, Ermanno Bencivenga ci ricorda il valore fondamentale e necessario dell’arte del pensare, il fascino e il piacere che può provocare il pensiero articolato e curioso. E ci spinge a chiederci: che cosa può tenere insieme gli asintoti e le massaie, le geodetiche e le zebre, la marginalità e le macchine del caffè? Il fatto che siano tutti concetti astratti, idee, da cui però possiamo trarre spunti e consigli da mettere in pratica nella vita di tutti i giorni. Con la sua consueta e straordinaria capacità di far dialogare ambiti diversi e servendosi, quando è necessario, delle parole di pensatori illustri – come Platone, Aristotele, Arendt, Russell – il più importante divulgatore scientifico italiano ci consegna 100 idee che non sapevamo di poter sfruttare e altrettanti modi di utilizzarle: e così gli autotreni diventano una forma di esercizio per le nostre capacità deduttive e le oche uno strumento per misurare i “gradi” di una relazione; un capocomico un modello di approccio alle difficoltà e gli errori, attraverso la serendipity, inimmaginabili ponti verso i nostri migliori successi. Decine di collegamenti fra mondi solo all’apparenza distanti, brevi aneddoti densi dei significati più sorprendenti. Ma, soprattutto, ciò che Bencivenga regala al suo lettore è la capacità di guardare alle cose con occhi sempre nuovi e reinventare ogni giorno la propria realtà, scoprendola stimolante, multiforme e variegata.