68513–68528 di 74503 risultati

Falso d’autore

Sulle tracce di un quadro rubato, Adam Haines è riuscito a farsi invitare nella tenuta dei Fairchild con il pretesto di studiare la famosa collezione d’arte del proprietario anche se in realtà medita di svolgere delle indagini private, e questo è un problema per un tipo franco e integerrimo come lui. E Kirby Fairchild, figlia del pittore di fama mondiale su cui deve investigare, potrebbe rivelarsi un problema anche più spinoso. Perché non solo è la donna più affascinante che lui abbia mai incontrato, ma ha anche un’etica a dir poco sconcertante che spesso cozza con il suo rigido codice morale. E, soprattutto, sarebbe facilissimo innamorarsi di lei.
**
### Sinossi
Sulle tracce di un quadro rubato, Adam Haines è riuscito a farsi invitare nella tenuta dei Fairchild con il pretesto di studiare la famosa collezione d’arte del proprietario anche se in realtà medita di svolgere delle indagini private, e questo è un problema per un tipo franco e integerrimo come lui. E Kirby Fairchild, figlia del pittore di fama mondiale su cui deve investigare, potrebbe rivelarsi un problema anche più spinoso. Perché non solo è la donna più affascinante che lui abbia mai incontrato, ma ha anche un’etica a dir poco sconcertante che spesso cozza con il suo rigido codice morale. E, soprattutto, sarebbe facilissimo innamorarsi di lei.

Falli soffrire 2.0. Gli uomini preferiscono le stronze. La versione aggiornata

Almeno una volta nella vita è successo a tutte. Pomeriggi passati tra i fornelli a preparare fantastiche cenette per il nostro principe azzurro. Mesi di noiosissime partite in televisione, di giornate con gli occhi appiccicati al cellulare in attesa che chiami. Disponibili, carine, presenti. E lui cosa fa? Ci molla. Per una che al massimo sa cucinare popcorn, non si fa mai trovare, si concede una volta sì e tre no. Una “stronza”, in poche parole. E se invece fosse una che ha capito tutto? Perché dobbiamo prendere atto una volta per sempre di una verità sacrosanta: agli uomini le “stronze” piacciono, eccome. Loro amano chi li fa stare sulle spine, chi dà loro la sensazione di non aver vinto completamente la battaglia, chi garantisce “stimolo intellettuale”. Insomma agli uomini un po’ piace “soffrire”. Quindi, tanto vale imparare le regole del gioco.

Fallen in love

Viaggiando nel tempo e nello spazio, com’è abitudine degli angeli, Shelby e Miles si ritrovano in una cittadina medioevale inglese alla vigilia della Fiera di San Valentino: una rustica festa cortese che con danze e doni onora le ragioni del cuore. Ma come tutti sanno non sempre amore e felicità si danno la mano: l’umile cavaliere Roland si strugge d’amore per la nobile Rosaline; Arriane non sa darsi pace da quando la sua Tess è tornata per sempre tra le tenebre di Lucifero. E per Luce e Daniel, destinati a inseguirsi nei secoli, la sorpresa più bella sarebbe potersi liberare almeno per un giorno della maledizione che li perseguita.

Falco di Mezzanotte. Saga dei Rigante

Flagello è il figlio illegittimo di Connovar, re dei Keltoi. A 17 anni decide di recarsi a Stone, città lacerata dalla corruzione e dalle lotte politiche. Qui i Preti Cremisi, protetti dal malvagio Jasaray, hanno creato un regno dominato dal terrore. Flagello dovrà guadagnarsi da vivere come gladiatore, nell’arena, per poi tornare a schierarsi con il padre contro una nuova invasione di Jasaray. Dopo “Spada nella tempesta” il secondo capitolo della “Saga dei Rigante”.
**

Falco Della Rupe

Veleggiando da Como verso settentrione, passata la penisola di Torno, perviensi ad un lago solitario e di selvagge sponde. Fiancheggiato a levante dagli alti monti della Valle Assina e da quelli di Val d’Intelvi a ponente, non offre al riguardante che ripide balze e annosi boschi sparsi per le loro falde e per le loro sommità; ivi le acque nereggiano riflettendo il bruno aspetto delle vaste rupi da cui sono cinte, e più d’un torrente in esse si versa precipitando biancheggiante dalle nude roccie.
(source: Bol.com)

Fairy love

“Cam Browne può fare tutto.” Lo scrive una rivista sportiva locale e lo pensano tutti: è intelligente, tremendamente sexy, ed è la stella della squadra di football della scuola. Ma quando Morgan, la sua ragazza fin dai tempi dell’asilo, lo vede letteralmente spiccare il volo per eseguire un touchdown, comincia a pensare che stia accadendo qualcosa di strano. E strano è dir poco: mentre il corpo di Cam inizia a subire inspiegabili cambiamenti e il suo comportamento diventa sempre più sfuggente, in città arriva Pip, un ragazzo misterioso e stravagante che racconta a Morgan una storia assurda: Cam è una creatura fatata, presto sarà condotto nell’Oltremondo per diventarne il sovrano e dovrà sposare Dawn, una fata molto potente più simile a una top model che a Campanellino. Morgan è disposta a tutto pur di non farsi portare via il suo Cam da un esercito di creature alate. Ma si possono ingannare le fate?
**

Fabbricanti di universi

Migliaia di anni fa, la razza dei Signori scoprì i massimi segreti della natura: l’immortalità, la creazione della vita in laboratorio e addirittura il modo di fabbricare interi mondi: veri universi in miniatura, popolati di individui sottratti alla Terra o creati dalla loro scienza. Poi, nel corso dei millenni, la razza dei Signori entrò in decadenza, finché i pochi eredi di una grande civiltà finirono con l’arroccarsi nei loro mondi personali, rifiutando ogni contatto con l’esterno. Le testimonianze della loro presenza sono ancora tra noi, però, e non soltanto sotto forma di leggende, ma anche di strani e misteriosi manufatti che permettono di penetrare in altri universi. Uno di questi strumenti capaci di aprire le porte tra i mondi è capitato nelle mani di Robert Wolff, ed egli si trova inavvertitamente trasportato nel Mondo dei Livelli: un pianeta a forma di Torre di Babele, sui cui piani vivono i discendenti di antichissime civiltà terrestri. Il Signore che ne è assoluto padrone risiede nel palazzo più alto, sulla cima di un gigantesco monolito, e sorveglia da lontano i suoi sudditi. Wolff è deciso ad affrontarlo e a sfidare la sua collera attraversando tutto il pianeta, ma chi è il vero Signore del Mondo dei Livelli: è ancora colui che lo ha costruito inizialmente, oppure è un impostore? Il Ciclo Dei Fabbricanti di Universi è composto inizialmente da quattro volumi (gli altri tre sono I Cancelli Dell’Universo, Un Universo Tutto Per Noi e Le Muraglie Della Terra) a cui, in tempi più recenti, si sono aggiunti altri due romanzi: Il Mondo Di Lavalite e La Macchina Della Creazione.

Fabbricanti di schiavi

Eagles: una città che è l’emblema di una Terra disperata, in cui un numero immenso di schiavi è alla mercé di un Capo la cui crudeltà si fa sadismo quotidiano e di pochi uomini liberi che godono privilegi ereditari. Qui la schiavitù non è frutto di violenza dell’uomo sull’uomo, né sgorga dai rapporti sociali: essa è stata creata da una macchina, il Gismo, un congegno geniale quanto crudele, che è in grado di duplicare ogni oggetto, anche un uomo. E chi lo possiede può diventare senza sforzo padrone di ricchezze immense, e accumulare nelle sue mani un potere assoluto, col quale dominare un popolo di passivi duplicati umani, di larve senza il soffio della vita.
Eagles: una prova, un segreto per il giovane Dick Jones, che attraverso la lenta conoscenza delle sue leggi potrà diventare uomo, superando una dura iniziazione il cui esito significherà anche il riscatto degli oppressi dagli oppressori e l’inizio di una nuova speranza.
Fabbricanti di schiavi, che è stato definito da Barry Malzberg un capolavoro, resta tra le opere migliori di un grande della fantascienza, Damon Knight, che si è sempre distinto per la sua acuta sensibilità verso lo studio concreto di problemi che riguardano i grandi temi della società umana.

Exit strategy

“Come se ne esce?” è la domanda che risuona più spesso in questi anni. Non solo dalla crisi economica ma dalla paralisi politica e istituzionale, e anche da quella vocazione al consumo superfluo e al piacere pronto-cassa che dopo aver caratterizzato gli anni ruggenti del berlusconismo rischia ora di lasciare sul campo tanti smarriti e depressi. Ogni mutamento profondo presuppone una conversione e un rimescolamento nella gerarchia dei desideri. In questo romanzo che seziona i giorni come un diario, Siti affronta la questione partendo da un’esperienza personale: racconta la propria uscita da un’ossessione erotica che sembrava eterna, e la propria conversione a qualcosa che sembra rappresentare il suo contrario, dal cielo drogato dei corpi artificiali alla terra di un amore umano troppo umano. A fare da contrappunto ci sono i capitoli della berlusconiade: dal sole in tasca al mesto tramonto, dal tintinnio delle farfalline al cane Dudù. Ritratto spietato dell’immobile frenesia italiana e insieme sincera autoanalisi di un tentativo di liberazione (con un simbolico trasloco da Roma a Milano e un addio altrettanto simbolico al mondo dei reality), il libro non offre ricette miracolose ma suggerisce che una via d’uscita esiste, almeno nel privato, e che le ossessioni si possono, se non sconfiggere, almeno addomesticare. Exit strategy è un romanzo che vive la vita del protagonista e dell’autore permettendo a chi legge un percorso di analogia – chiudendo il cerchio della Trilogia autobiografica con un’ultima disperata tentazione: la serena, responsabile misura.
(source: Bol.com)

Exit

Una villa lussuosa, sei ospiti che si incontrano per la prima volta. Un’estate da trascorrere assieme, come in una danza felice, incalzante e finale. Il romanzo forse più coraggioso e irriverente di Alicia Giménez-Bartlett, una delicata lezione di libertà, una commedia letteraria e provocatoria, di dolce ed euforica malinconia.

Everlost

Nick sta andando al matrimonio del cugino quando la Mercedes del padre va a schiantarsi contro la Toyota sulla quale viaggia Allie, in quel momento impegnata a discutere con i genitori sul volume della musica che sta ascoltando. Molto tempo dopo, che per Nick e Allie dura solo un attimo, i due si risvegliano. Sono morti, eppure sono rimasti qui, nel mondo. Il mondo, pero, non si accorge più di loro. Per un motivo sconosciuto sono rimasti incastrati fra la vita e la morte,in quella specie di limbo che si chiama Everlost. È pericoloso, è spaventoso ma non è disabitato. Molti altri vivono, se così si può dire, in quella sospensione del tempo e del giudizio, ma nessuno di loro è adulto. A Everlost ci sono solo ragazzi, tutti cristallizzati nell’attimo in cui sono morti. Stessi vestiti, stesse abitudini, stesso linguaggio. Stessa angoscia, almeno all’inizio. Poi l’abitudine prende il sopravvento e tutti si rassegnano a perdere la memoria del proprio passato. Ci si dimentica della propria famiglia, dei propri amici; persino del proprio nome. Tutti gli abitanti di Everlost si rassegnano e dimenticano. Tutti, tranne due.

Evanescent

Non sono colpevole.
* Lui è colpevole. *
È così bella.
* È così pericoloso… *
Conosco bene Weston Ward, anche detto Doppia V da tutte le ragazze che cadono ai suoi piedi come pere cotte: è bello da far male, dannato, pericoloso e antipatico da morire.
Solo che a differenza di tutte le mie amiche, ho un motivo in più per temerlo e odiarlo perché mio fratello Trevor, il mio eroe, è caduto dal campanile della sede dei Black Lion e pare che tutti i sospetti ricadano proprio su Ward. Da quando è successo e mio fratello è in coma, la mia vita è in stand-by ed è tutta colpa sua. Così quando Wes comincia a frequentare l’ospedale vado fuori di testa perché me lo ritrovo sempre tra i piedi. Ma non gli permetterò di avvicinarsi. Non gli permetterò di prendere anche me.
Per me è invisibile, un fantasma.
* ** Evanescente. ***** **
Sono un pessimo soggetto, lo so. Sono un’anima dannata e pericolosa.
E so anche benissimo che Trevor non vorrebbe mai quello che mi sta capitando. Eppure quando vedo Sun con i miei occhi nuovi – e me la ritrovo sempre tra i piedi –, proprio non riesco a starle distante; e più sento di non poterne fare a meno, più rabbia e desiderio mi travolgono, unite all’esigenza di mostrarle che non sono il colpevole.
Forse.
* Spinti da una disperazione senza fine e uniti dalla tragedia, Wes e Sun si scontrano, si legano e poi rifuggono, ignari di quello che accadrà e del fatto che ogni maledetto istante che passano insieme potrebbe cambiare ogni cosa. *
** ***New Adult – Autoconclusivo***
L’autrice **
Deborah Fasola , classe ’78, è autrice ed editor freelance. Il suo esordio letterario avviene nel 2011 con la sua prima opera fantasy; in seguito ha pubblicato altri romanzi dello stesso genere e alcuni manuali e racconti, per poi dedicarsi solo al romance e fare il grande salto.
Nel 2015 pubblica infatti due romanzi con You Feel, Rizzoli, e il 30 giugno del 2016 esordisce in libreria con la commedia romantica Tradiscimi se hai coraggio, edita Newton Compton editori.
Continuerà a pubblicare romance e a sognare insieme ai suoi lettori.
**
### Sinossi
Non sono colpevole.
* Lui è colpevole. *
È così bella.
* È così pericoloso… *
Conosco bene Weston Ward, anche detto Doppia V da tutte le ragazze che cadono ai suoi piedi come pere cotte: è bello da far male, dannato, pericoloso e antipatico da morire.
Solo che a differenza di tutte le mie amiche, ho un motivo in più per temerlo e odiarlo perché mio fratello Trevor, il mio eroe, è caduto dal campanile della sede dei Black Lion e pare che tutti i sospetti ricadano proprio su Ward. Da quando è successo e mio fratello è in coma, la mia vita è in stand-by ed è tutta colpa sua. Così quando Wes comincia a frequentare l’ospedale vado fuori di testa perché me lo ritrovo sempre tra i piedi. Ma non gli permetterò di avvicinarsi. Non gli permetterò di prendere anche me.
Per me è invisibile, un fantasma.
* ** Evanescente. ***** **
Sono un pessimo soggetto, lo so. Sono un’anima dannata e pericolosa.
E so anche benissimo che Trevor non vorrebbe mai quello che mi sta capitando. Eppure quando vedo Sun con i miei occhi nuovi – e me la ritrovo sempre tra i piedi –, proprio non riesco a starle distante; e più sento di non poterne fare a meno, più rabbia e desiderio mi travolgono, unite all’esigenza di mostrarle che non sono il colpevole.
Forse.
* Spinti da una disperazione senza fine e uniti dalla tragedia, Wes e Sun si scontrano, si legano e poi rifuggono, ignari di quello che accadrà e del fatto che ogni maledetto istante che passano insieme potrebbe cambiare ogni cosa. *
** ***New Adult – Autoconclusivo***
L’autrice **
Deborah Fasola , classe ’78, è autrice ed editor freelance. Il suo esordio letterario avviene nel 2011 con la sua prima opera fantasy; in seguito ha pubblicato altri romanzi dello stesso genere e alcuni manuali e racconti, per poi dedicarsi solo al romance e fare il grande salto.
Nel 2015 pubblica infatti due romanzi con You Feel, Rizzoli, e il 30 giugno del 2016 esordisce in libreria con la commedia romantica Tradiscimi se hai coraggio, edita Newton Compton editori.
Continuerà a pubblicare romance e a sognare insieme ai suoi lettori.

Eva e Claretta: Le amanti del diavolo

Un identico crudele destino ha segnato la vita delle amanti segrete di Benito Mussolini e Adolf Hitler. Claretta Petacci e Eva Braun nacquero lo stesso mese e lo stesso anno, a distanza di pochi giorni, nel febbraio 1912, e nello stesso mese e nello stesso anno, a distanza di pochi giorni (il 28 e il 30 aprile 1945), scelsero di morire accanto ai loro uomini, all’età di trentatré anni.
Ma aldilà di queste suggestive coincidenze, ad accomunare la loro sorte è stata soprattutto la speculare vicenda umana che le ha collocate accanto ai due dittatori quali favorite privilegiate, nonché fedeli custodi dei loro più intimi segreti.
Claretta incontrò per la prima volta Mussolini nel 1932, sulla strada di Ostia, all’età di vent’anni (ma cominciò a scrivergli lettere traboccanti ammirazione quando ne aveva solo dodici). Eva conobbe Hitler nel 1929 a Monaco, nel negozio di Heinrich Hoffmann – il fotografo personale del Fuhrer – presso il quale svolgeva il lavoro di commessa.
Bionda, sportiva e di una bellezza quasi acerba, con qualche interesse per il jazz e la moda, Eva Braun vivrà accanto a Hitler per quattordici anni e sarà sua sposa per un giorno soltanto. Mora, avvenente, inguaribile grafomane, attorniata da una cricca di parenti e profittatori che destava preoccupazione nei gerarchi più vicini al Duce, Claretta Petacci seppe gestire con più spregiudicata consapevolezza, ma anche maniacale devozione, il suo legame con il fondatore del fascismo.
A dispetto delle loro biografie, spesso trascurate dagli studiosi, le due amanti si rivelano «spettatrici nascoste » di tanti eventi decisivi della Storia, che i loro uomini si illusero di incarnare. Claretta, per esempio, è nell’ombra alle spalle di Mussolini, mentre dal balcone di Palazzo Venezia annuncia nel 1936 la rinascita dell’Impero «sui colli fatali di Roma». E proprio nell’euforia di quella storica notte esplode per la prima volta la loro passione. Eva, invece, vive un momento magico quando nel suo letto riceve la telefonata «privata» di Hitler la sera stessa in cui viene nominato Cancelliere del Reich nel 1933.
Fedeli a un amore che considerano autentico ma anche impossibile, finiranno per accettare la decisione più irrevocabile: la morte accanto all¿uomo da cui per nessuna ragione sanno o intendono separarsi. Claretta Petacci sarà fucilata a Dongo insieme a Mussolini; Eva Braun e Hitler si suicideranno nel bunker della Cancelleria del Reich, mentre le truppe sovietiche occupano Berlino.
Nel raccontare con la consueta abilità narrativa e competenza di divulgatore la vita di Eva e Claretta, Arrigo Petacco traccia il ritratto puntuale e ricco di sfumature, nonché di aneddoti inediti e piccanti, di due donne fuori dell’ordinario, restituendo spazio e concretezza alle dinamiche individuali che, misteriose ma tangibili, sempre si insinuano nelle increspature della Storia.

Eutanasia di un potere: storia politica d’Italia da Tangentopoli alla Seconda Repubblica

Eutanasia di un potere: Storia politica d’Italia da Tangentopoli alla Seconda Repubblica by Marco Damilano
Raccontare la caduta della Prima Repubblica significa svelare perché la Seconda è nata e vissuta così male. La resistenza del vecchio a finire e la difficoltà del nuovo a nascere.Nel 1992-93, sotto la spinta degli avvenimenti, Tangentopoli appare una rivoluzione. La fine della Repubblica dei partiti, nata con la Costituzione del 1948, degenerata e affondata nella paralisi e nella corruzione. Un potere che sembrava eterno entra all’improvviso in agonia e cade in modo drammatico, tra arresti, cappi sventolati in Parlamento, attentati sanguinosi. Un crollo senza paragoni nelle democrazie occidentali che nei decenni successivi trova due narrazioni contrapposte. La prima recita: c’era un sistema che ben governava, un colpo di Stato architettato da forze oscure tramite le inchieste dei pm lo ha ferito a morte… La seconda replica: c’era un regime corrotto, arriva un pool di giudici buoni con un pm venuto dalle campagne a spazzarlo via… Oggi, a vent’anni dall’inizio di Mani Pulite, è possibile finalmente uscire dalle aule di tribunale e provare per la prima volta a scrivere la storia politica di quella classe dirigente e della sua rovina. Ripercorrere le scelte dei protagonisti dell’epoca: Craxi, Andreotti, Forlani, Cossiga, Agnelli, Gardini. Le voci dei testimoni, da Antonio Di Pietro a Carlo De Benedetti. I giornali, le trasmissioni, i film, la satira, le canzoni che accompagnarono la rivolta. Gli eroi, i barbari, i suicidi, i gattopardi. Per capire perché la rivoluzione giudiziaria non sia stata accompagnata da un vero cambiamento politico, istituzionale, morale. E perché abbia lasciato il posto all’avvento di Silvio Berlusconi. Un racconto necessario, oggi che si apre una stagione completamente nuova.

Ethereal Erotica

Ethereal Erotica by Deborah Simpson
An intimate cocktail of arousal with every turn of the page, each erotic tale weaves a perfect fantasy of innuendo to whet your appetite. Allusive poetry that emboldens passion by its very essence, opening uncharted trails of exploration into the caverns and coves of desire, enticing your imagination into an inescapable world of titillation.
Contributing Authors: Pamela Griffiths, Fran Orenstein, Deborah Simpson, Black Sunshine, Felix L. Perry, Jacque Zyon, Melissa Kesead, Ellen George, Colleen Ranney, Irene Jardalla, Christopher N. Geary, Sandra Rains, Tisa Garrison, Autumn Rose Wood, Erin L. George, John Thomas Flynt, Stacy A. Foster, Pat Lewis-Bussard, Bud Koenemund