68129–68144 di 71727 risultati

Neverland Peter Pan & Wendy

“Era cosa nota che i Darling avessero sempre abitato nel quartiere di Bloomsbury, al numero quattordici.” Wendy ha sempre sentito strane storie, sulle donne della sua famiglia, soprattutto sulla sua famosa trisavola, la prima Wendy Moira Angela Darling. Si racconta, da intere generazioni, che un ragazzino misterioso entri di notte, e rapisca le bambine nei loro letti.
La notte prima del suo diploma, alla finestra di Wendy appare un bellissimo ragazzo, dagli occhi verdi e dai capelli color castano ramato. Lei ricorda di averlo già incontrato molti anni prima, quando era piccola. Ma è diverso dal Peter con il quale aveva volato nei cieli di Londra.
Peter Pan è cresciuto. Apparentemente ha la sua stessa età, non è più un ragazzino allegro ma un giovane uomo tormentato.
I ricordi di Wendy riaffiorano. Ricorda di avergli dato il suo Bacio Vero, il bacio che lei aveva sempre custodito per il suo unico amore, e che ha fatto scegliere a Peter di crescere.
Wendy lo segue volando, ritrovandosi in un’altra dimensione, in una Londra cupa e senza leggi, che somiglia a quella vittoriana.
L’Isola che non c’è è diventato un luogo da incubo e denso di pericoli, dove niente è come sembra, dove nessuno si fida più dell’altro.
La colpa è di Peter. È cambiato, la sua anima, una volta spensierata e innocente, sta diventando sempre più oscura, e Wendy teme che anche il suo amore per lei possa morire.
Accolta dai nuovi Ragazzi Sperduti, che la eleggono loro capo e le insegnano a combattere, Wendy si troverà a un bivio dopo aver conosciuto un giovane e affascinante Capitan Uncino, deciso a conquistarla.
Campanellino e Giglio Tigrato sono misteriosamente sparite nel nulla, e l’Ombra di Peter incombe minacciosa su tutto, decisa a sterminare le fate, le sirene, i pirati, i pellerossa.
L’Isola che non c’è racchiude dei segreti mai svelati e l’unica in grado di salvare Peter che si è perduto nelle tenebre è Wendy, *credendo* in lui ma soprattutto in se stessa.
“Neverland” è un retelling di Peter Pan, con un finale alternativo e un’intensa storia d’amore, fra due adolescenti appassionati.
Un Paranormal Romance pieno di avventura e intensi momenti di romanticismo, liberamente ispirato al romanzo di James Matthew Barrie.
Un Amore Immortale, in un mondo fantastico, oltre i confini del tempo.
Alla fine del volume, in regalo per i lettori il bonus “Curiosità su Neverland”, il backstage sulla realizzazione del romanzo.
NEVERLAND (stralcio)
«Perché? Perché non ti sei mai fatto vedere da me?»
«Volevo prima diventare l’*uomo* che meriti, e non lo sono ancora. Forse, non lo sarò mai, Wendy.»
I suoi occhi verdi brillarono nella penombra, alla luce della lampada da notte. E mi spaventarono. Quello non era più il mio Peter, qualcosa di inquietante si era impossessato di lui, e se non avessi fatto qualcosa lo avrei perduto.
«Peter…» non ne avrei mai avuto abbastanza di pronunciare il suo nome.
Gli feci una carezza sulla guancia e lui stavolta non si ritrasse, ma socchiuse gli occhi. «Voglio darti un bacio» sussurrai.
Se fosse stato il piccolo Peter che conoscevo, avrebbe allungato la mano e mostrato il palmo, per ricevere un ditale, ma lui non lo fece.
Da questo compresi che era davvero cresciuto e mi si spezzò il cuore.
Mi avvicinai e posai la mia bocca sulla sua. Fu meraviglioso baciare Peter, il mio Peter, che avevo atteso per così tanto tempo.
I nostri baci sarebbero sempre stati così, Baci Veri, mai più ditali. «Io ti amo, Peter Pan» gli sussurrai piano.
**
### Sinossi
“Era cosa nota che i Darling avessero sempre abitato nel quartiere di Bloomsbury, al numero quattordici.” Wendy ha sempre sentito strane storie, sulle donne della sua famiglia, soprattutto sulla sua famosa trisavola, la prima Wendy Moira Angela Darling. Si racconta, da intere generazioni, che un ragazzino misterioso entri di notte, e rapisca le bambine nei loro letti.
La notte prima del suo diploma, alla finestra di Wendy appare un bellissimo ragazzo, dagli occhi verdi e dai capelli color castano ramato. Lei ricorda di averlo già incontrato molti anni prima, quando era piccola. Ma è diverso dal Peter con il quale aveva volato nei cieli di Londra.
Peter Pan è cresciuto. Apparentemente ha la sua stessa età, non è più un ragazzino allegro ma un giovane uomo tormentato.
I ricordi di Wendy riaffiorano. Ricorda di avergli dato il suo Bacio Vero, il bacio che lei aveva sempre custodito per il suo unico amore, e che ha fatto scegliere a Peter di crescere.
Wendy lo segue volando, ritrovandosi in un’altra dimensione, in una Londra cupa e senza leggi, che somiglia a quella vittoriana.
L’Isola che non c’è è diventato un luogo da incubo e denso di pericoli, dove niente è come sembra, dove nessuno si fida più dell’altro.
La colpa è di Peter. È cambiato, la sua anima, una volta spensierata e innocente, sta diventando sempre più oscura, e Wendy teme che anche il suo amore per lei possa morire.
Accolta dai nuovi Ragazzi Sperduti, che la eleggono loro capo e le insegnano a combattere, Wendy si troverà a un bivio dopo aver conosciuto un giovane e affascinante Capitan Uncino, deciso a conquistarla.
Campanellino e Giglio Tigrato sono misteriosamente sparite nel nulla, e l’Ombra di Peter incombe minacciosa su tutto, decisa a sterminare le fate, le sirene, i pirati, i pellerossa.
L’Isola che non c’è racchiude dei segreti mai svelati e l’unica in grado di salvare Peter che si è perduto nelle tenebre è Wendy, *credendo* in lui ma soprattutto in se stessa.
“Neverland” è un retelling di Peter Pan, con un finale alternativo e un’intensa storia d’amore, fra due adolescenti appassionati.
Un Paranormal Romance pieno di avventura e intensi momenti di romanticismo, liberamente ispirato al romanzo di James Matthew Barrie.
Un Amore Immortale, in un mondo fantastico, oltre i confini del tempo.
Alla fine del volume, in regalo per i lettori il bonus “Curiosità su Neverland”, il backstage sulla realizzazione del romanzo.
NEVERLAND (stralcio)
«Perché? Perché non ti sei mai fatto vedere da me?»
«Volevo prima diventare l’*uomo* che meriti, e non lo sono ancora. Forse, non lo sarò mai, Wendy.»
I suoi occhi verdi brillarono nella penombra, alla luce della lampada da notte. E mi spaventarono. Quello non era più il mio Peter, qualcosa di inquietante si era impossessato di lui, e se non avessi fatto qualcosa lo avrei perduto.
«Peter…» non ne avrei mai avuto abbastanza di pronunciare il suo nome.
Gli feci una carezza sulla guancia e lui stavolta non si ritrasse, ma socchiuse gli occhi. «Voglio darti un bacio» sussurrai.
Se fosse stato il piccolo Peter che conoscevo, avrebbe allungato la mano e mostrato il palmo, per ricevere un ditale, ma lui non lo fece.
Da questo compresi che era davvero cresciuto e mi si spezzò il cuore.
Mi avvicinai e posai la mia bocca sulla sua. Fu meraviglioso baciare Peter, il mio Peter, che avevo atteso per così tanto tempo.
I nostri baci sarebbero sempre stati così, Baci Veri, mai più ditali. «Io ti amo, Peter Pan» gli sussurrai piano.
### L’autore
Connie Furnari è nata a Catania. Laureata in lettere, appassionata di cinema, pittura e film d’animazione, ha pubblicato con varie case editrici, in self publishing e ha vinto diversi premi letterari. È una scrittrice multi-genere, predilige scrivere il fantasy e il paranormal, ma si dedica anche al romance, al thriller, alla narrativa per bambini e ragazzi, e ad altri generi letterari. Tutte le sue opere sono facilmente reperibili on line, sia in digitale che in cartaceo. Vive tra centinaia di libri e dvd, ed è presente nei social network. Ama leggere, disegnare manga, e dipingere quadri.

Neve Di Praga

ATTENZIONE: RACCONTO BREVE DI NARRATIVA ROSA
In una Praga romantica  ma corrotta si consumano passioni effimere come la neve:destinate a dissolversi.
Là dove tutto è solo apparenza, due anime distanti si scontrano in un vortice di passione che ambisce a qualcosa di più importante: l’amore.
Estratto:
Quello che la colpì con violenza, però, non fu la bellezza di ciò che la circondava, ma il pavimento freddo che la accolse inclemente, dopo che qualcuno, urtandola, l’aveva fatta rovinare al suolo.
«Být opatrný.» Una voce, capace di incutere un timore reverenziale la percosse come una ruvida carezza.
Sollevò lo sguardo sull’uomo che ora le porgeva la mano e si perse in uno sguardo ceruleo screziato da ombre color del ghiaccio. Era irritato e, a discapito del soccorso che si apprestava a darle, non tradiva alcuna gentilezza. Per Sofia fu tale il senso di disagio che, mentre la sua piccola mano, scompariva all’interno della forte morsa di lui, si sorprese a chiedere scusa: «Mi scusi, ero distratta.»
L’espressione dell’uomo, assente quasi distante, si fece d’un tratto incuriosita. Scrutò Sofia con attenzione, rendendosi conto che non era ceca e ne riconobbe la lingua.
Lo sguardo divenne sottile, gli occhi di un predatore che, tuttavia, in quel momento, non era interessato alla caccia. Dopo essersi assicurato che la donna fosse capace di tenersi in equilibrio, notò la cintura allentata che le aveva fatto aprire i lembi del cappotto. Così, come se Sofia fosse una cosa, un oggetto che gli apparteneva, l’uomo si fece più vicino, offendendola con la sua altezza e mettendola in uno svantaggio emotivo mai sperimentato. Sofia fu costretta a inalare un profumo che esibiva una sfacciata mascolinità; lui afferrò con entrambe le mani le estremità della cintura e, in un lento movimento che alla ragazza parve durare un eternità, strinse il nodo fino a strizzare la vita.
Con le guance in fiamme, Sofia ebbe il coraggio di alzare il volto alla ricerca di quello sguardo che nascondeva più di quanto mostrasse. Lo trovò. Ancora una volta, quella voce vibrò dentro al suo corpo che a quelle note cupe si offriva come una conchiglia che restituisce l’eco: «*Sbohem malá italská.*» Tre parole, per lei incomprensibili, e l’uomo le voltò le spalle in un movimento felino e sinuoso, con i lembi del cappotto nero a intrecciare una danza scomposta attorno al corpo solido e dannato, una visione che la lasciò turbata per tanta bellezza, poiché era scomparso come in una fiaba oscura tra la neve di Praga che ora scendeva copiosa.
ATTENZIONE
Il racconto breve “Neve di praga” è stato disponibile gratuitamente sul sito Free Passion dal quale è stato ritirato per restituirlo in questa nuova veste.

**
### Sinossi
ATTENZIONE: RACCONTO BREVE DI NARRATIVA ROSA
In una Praga romantica  ma corrotta si consumano passioni effimere come la neve:destinate a dissolversi.
Là dove tutto è solo apparenza, due anime distanti si scontrano in un vortice di passione che ambisce a qualcosa di più importante: l’amore.
Estratto:
Quello che la colpì con violenza, però, non fu la bellezza di ciò che la circondava, ma il pavimento freddo che la accolse inclemente, dopo che qualcuno, urtandola, l’aveva fatta rovinare al suolo.
«Být opatrný.» Una voce, capace di incutere un timore reverenziale la percosse come una ruvida carezza.
Sollevò lo sguardo sull’uomo che ora le porgeva la mano e si perse in uno sguardo ceruleo screziato da ombre color del ghiaccio. Era irritato e, a discapito del soccorso che si apprestava a darle, non tradiva alcuna gentilezza. Per Sofia fu tale il senso di disagio che, mentre la sua piccola mano, scompariva all’interno della forte morsa di lui, si sorprese a chiedere scusa: «Mi scusi, ero distratta.»
L’espressione dell’uomo, assente quasi distante, si fece d’un tratto incuriosita. Scrutò Sofia con attenzione, rendendosi conto che non era ceca e ne riconobbe la lingua.
Lo sguardo divenne sottile, gli occhi di un predatore che, tuttavia, in quel momento, non era interessato alla caccia. Dopo essersi assicurato che la donna fosse capace di tenersi in equilibrio, notò la cintura allentata che le aveva fatto aprire i lembi del cappotto. Così, come se Sofia fosse una cosa, un oggetto che gli apparteneva, l’uomo si fece più vicino, offendendola con la sua altezza e mettendola in uno svantaggio emotivo mai sperimentato. Sofia fu costretta a inalare un profumo che esibiva una sfacciata mascolinità; lui afferrò con entrambe le mani le estremità della cintura e, in un lento movimento che alla ragazza parve durare un eternità, strinse il nodo fino a strizzare la vita.
Con le guance in fiamme, Sofia ebbe il coraggio di alzare il volto alla ricerca di quello sguardo che nascondeva più di quanto mostrasse. Lo trovò. Ancora una volta, quella voce vibrò dentro al suo corpo che a quelle note cupe si offriva come una conchiglia che restituisce l’eco: «*Sbohem malá italská.*» Tre parole, per lei incomprensibili, e l’uomo le voltò le spalle in un movimento felino e sinuoso, con i lembi del cappotto nero a intrecciare una danza scomposta attorno al corpo solido e dannato, una visione che la lasciò turbata per tanta bellezza, poiché era scomparso come in una fiaba oscura tra la neve di Praga che ora scendeva copiosa.
ATTENZIONE
Il racconto breve “Neve di praga” è stato disponibile gratuitamente sul sito Free Passion dal quale è stato ritirato per restituirlo in questa nuova veste.

Nevaeh: Il paradiso non ha l’abito bianco

Nevaeh sta per sposare Jacopo, l’uomo con cui vuole condividere la vita, eppure questa scelta pianificata da tempo le sta mettendo ansia, facendo nascere in lei ripensamenti e paure.
Questo importante cambiamento, però, non è la sola cosa che la turba poiché Dario, il testimone di nozze e suo migliore amico d’infanzia, altro non è che il suo ex ragazzo, il solo e l’unico uomo che Nev abbia mai amato.
Ma il loro amore è sempre stato difficile, folle, travagliato, sconsiderato e totalizzante e non ha mai saputo arrivare a nulla per paura, per questioni di vita oppure soltanto per colpa del destino.
Il loro è sempre stato un amore impossibile ma ancora oggi, alla vigilia delle sue nozze, Nevaeh guarda Dario e non riesce ad amare che lui, pur non potendo ormai venir meno alle sue promesse e ai suoi compiti.
Lei deve sposare Jacopo e mettere da parte Dario e tutto ciò che desidera e la rende felice, ancora una volta e per sempre.
Ma quando l’amore urla forte, è impossibile metterlo a tacere.
Che cosa farà Nevaeh, stretta nel suo abito bianco e accanto agli uomini della sua vita?
Un racconto d’amore, di riscatto, di paure e di cambiamenti.
Un racconto romantico che ci dimostra che i “se” possono diventare “per sempre” e che i “mai” in amore non possono esistere. 
**
### Sinossi
Nevaeh sta per sposare Jacopo, l’uomo con cui vuole condividere la vita, eppure questa scelta pianificata da tempo le sta mettendo ansia, facendo nascere in lei ripensamenti e paure.
Questo importante cambiamento, però, non è la sola cosa che la turba poiché Dario, il testimone di nozze e suo migliore amico d’infanzia, altro non è che il suo ex ragazzo, il solo e l’unico uomo che Nev abbia mai amato.
Ma il loro amore è sempre stato difficile, folle, travagliato, sconsiderato e totalizzante e non ha mai saputo arrivare a nulla per paura, per questioni di vita oppure soltanto per colpa del destino.
Il loro è sempre stato un amore impossibile ma ancora oggi, alla vigilia delle sue nozze, Nevaeh guarda Dario e non riesce ad amare che lui, pur non potendo ormai venir meno alle sue promesse e ai suoi compiti.
Lei deve sposare Jacopo e mettere da parte Dario e tutto ciò che desidera e la rende felice, ancora una volta e per sempre.
Ma quando l’amore urla forte, è impossibile metterlo a tacere.
Che cosa farà Nevaeh, stretta nel suo abito bianco e accanto agli uomini della sua vita?
Un racconto d’amore, di riscatto, di paure e di cambiamenti.
Un racconto romantico che ci dimostra che i “se” possono diventare “per sempre” e che i “mai” in amore non possono esistere.

Neuroscienze

Sempre più al centro dell’attenzione degli scienziati e del grande pubblico, le neuroscienze hanno avuto il merito di portare alla ribalta dell’indagine scientifica argomenti di vitale importanza come mente, memoria, coscienza, libertà e autonomia, di cui fino a poco tempo fa si poteva parlare solo in sede filosofica. Risultato di approcci diversi, le neuroscienze sono un complesso di discipline in cui la neurobiologia occupa il ruolo di primo piano, ma contributi significativi nel campo giungono anche dalla linguistica, dall’antropologia, dall’informatica e dalla riflessione filosofica. Quali sono gli oggetti di studio delle neuroscienze? Le neuroscienze parlano di molecole, di recettori, di cellule nervose e di circuiti, ma anche di rappresentazioni, di ricordi, di associazioni, di anticipazioni e di condotte. Le metodologie sono inconfondibilmente scientifiche, ma il linguaggio è più variato e più ricco, come si addice allo studio di fenomeni così complessi.

Nettuno #4: Tredicesimo regno

Zayden è il padrone più crudele di Nettuno, ne è consapevole e i suoi schiavi sono i più torturati di tutto il pianeta. Ma non gli basta. Per quanto dolore riesca a infliggere loro non riesce più a trarne piacere. Ha bisogno di qualcuno che sopporti meglio le sue perversioni e il pericolo di questa nuova perversione lo eccita come non gli succedeva da tempo.
Leon è un vampiro di seicento anni, uno dei pochi sopravvissuti della sua razza e un potente signore. Essere trattato come schiavo sessuale non è quello che si aspettava dalla vita, ma durante la sua terribile condizione gli si presenta anche una piacevole sorpresa.
Questo romanzo è nella categoria erotici per un motivo, la copertina e la trama dovrebbero dare un’indicazione su cosa aspettarvi. Se a qualcuno non fosse chiaro si tratta di scene gay con sesso molto erotico e dettagliato, scene threesome, Bdsm, ma non volgare. Al testo non è stato fatto l’editing, comprate questo libro in modo consapevole.
**
### Sinossi
Zayden è il padrone più crudele di Nettuno, ne è consapevole e i suoi schiavi sono i più torturati di tutto il pianeta. Ma non gli basta. Per quanto dolore riesca a infliggere loro non riesce più a trarne piacere. Ha bisogno di qualcuno che sopporti meglio le sue perversioni e il pericolo di questa nuova perversione lo eccita come non gli succedeva da tempo.
Leon è un vampiro di seicento anni, uno dei pochi sopravvissuti della sua razza e un potente signore. Essere trattato come schiavo sessuale non è quello che si aspettava dalla vita, ma durante la sua terribile condizione gli si presenta anche una piacevole sorpresa.
Questo romanzo è nella categoria erotici per un motivo, la copertina e la trama dovrebbero dare un’indicazione su cosa aspettarvi. Se a qualcuno non fosse chiaro si tratta di scene gay con sesso molto erotico e dettagliato, scene threesome, Bdsm, ma non volgare. Al testo non è stato fatto l’editing, comprate questo libro in modo consapevole.

Nestor Burma e il mostro

È agosto e all’Agenzia Fiat Lux non si muove foglia. Nestor Burma si ritrova senza molto da fare: subisce l’agguerrita concorrenza di un ambizioso giornalista che, grazie alle sue inchieste, cerca di offuscare la sua fama e di rubargli il titolo di detective più geniale di Parigi. Così, quando un giovane gangster quindicenne, capo di una banda di adolescenti che in periferia ha monopolizzato la distribuzione dei quotidiani, si presenta alla Fiat Lux con la notizia della morte sospetta di due suoi sottoposti, Burma non si lascia sfuggire l’occasione. Dei due ragazzini, uno sembra essere morto di morte naturale, mentre l’altro – si scoprirà – è stato avvelenato con dei cioccolatini ripieni d’arsenico. Li aveva portati a casa il padre, Frédéric Tanneur, tassista ubriacone dal torbido passato, su cui cadono subito i sospetti. Ma con l’entrata in scena del medico incaricato di una delle autopsie e dell’affascinante mademoiselle Larcher, Burma dovrà fare attenzione a non confondere vendette tra malavitosi e delitti sentimentali, sconfiggendo la concorrenza per riconquistarsi il titolo di detective capace di ‘mettere ko il mistero’. Un Nestor Burma in gran forma, in questa nuova avventura scoppiettante e ritmata, divertente e ricca di suspense, che certo non lascerà delusi i fan. ‘Maestro del noir, Malet è giudicato, non a torto, migliore di Simenon’. Corrado Augias ‘Malet è, giustamente, ritenuto fra le voci più alte del noir francese’. Giancarlo De Cataldo ‘Lo stile di Malet è quello dell’unico vero maestro del polar’. Gianni Mura, ‘la Repubblica’ ‘Uno dei detective più riusciti del noir novecentesco. Un classico. E basta’. Fabrizio d’Esposito, ‘il Fatto Quotidiano’ ‘Solo da morto gli fu tributata la caratura letteraria che si meritava, non inferiore a quella di Simenon’. Bruno Ventavoli, ‘TTL – La Stampa’

(source: Bol.com)

Nessuno lo saprà. Viaggio a piedi dall’Argentario al Conero

Non sarà un coast to coast da New York a Los Angeles, ma anche il più modesto “da costa a costa” dal Tirreno all’Adriatico può riservare sorprese, generare avventura, produrre mito. Basta uscire dal centro abitato – e già non è facile – e imboccare la prima strada bianca che sale in mezzo ai colli per rendersi conto che smarrirsi è un’eventualità più che concreta, che un cane randagio non è proprio una minaccia da nulla, che individuare il posto ideale per piantare la tenda può richiedere assai più tempo del previsto, che neppure trovare un agglomerato di case munito di bar è così ovvio e che niente, per la verità, è più come prima, scontato come prima. Tre settimane di marcia ed ecco un mondo imprevedibile, così dietro casa e così remoto, tutto da raccontare.
**

Nessuna notizia di Gurb

Il bellissimo romanzo di Maggiani è uno dei pochi che possiedono il dono di una narrazione ampia, di una trama complessa e nello stesso tempo il respiro di un unico, sostanziale messaggio che arriva direttamente al cuore e al cervello del lettore. Romanzo circolare, che si apre e si chiude a Genova, che si apre e si chiude con due morti impossibili, due incidenti fiabeschi e irreali ma così credibili nell’economia dell’intero romanzo. Fiaba e poema quasi, il libro si evolve guidato dal filo della bellezza: di Paride, di Sascia, del giovane Giacomo e della regina Lucy. Bellezze purissime (“si può vivere come puri spiriti?” si chiede Giacomo nelle ultime pagine del libro, ” … la risposta è sì, ancora una volta sì”) che la passione, la sensualità, laddove è esplicitata, non scalfisce, anzi si trasforma in una specie di canto alla vita e all’amore perenne di cui sono capaci questi personaggi. La prima parte del romanzo è ambientata a Genova, nell’ambiente del porto (la Regina per i camalli), dove la vita è dur

Nessuna morte è perfetta

La nuova JO NESBØ viene dall’Est. Un’autrice da 1 milione di copie vendute

In un mondo di bugiardi, solo i morti non mentono.

La profiler Sasza Załuska, trentasei anni e capelli rosso fuoco, ha cambiato vita. È ormai tornata in Polonia, con la sua bambina, ed è un bel po’ che non tocca un goccio. E, soprattutto, è decisa a fare pace con quel pezzo del suo passato che ancora la tormenta: l’uomo che è il padre di sua figlia, conosciuto quando, alle prime armi come agente infiltrata nella malavita di Danzica, aveva commesso l’errore di innamorarsi proprio della persona su cui avrebbe dovuto vigilare. È per questo che Sasza si sposta sulle sue tracce tra i boschi dell’est della Polonia, ad Hajnowka, nella parte più orientale e remota del Paese. Una città di camini e fantasmi, con un passato che ancora incatena i suoi abitanti: lì, nel 1946, una terribile rappresaglia uccise più di cento polacchi di origine bielorussa, un massacro su cui non è mai stata fatta chiarezza. Uno dei tanti misteri rimasti irrisolti ad Hajnowka.
Come quello di Iwona, sposa bielorussa scomparsa il giorno del suo matrimonio con un ricco polacco del luogo. Sarà proprio Sasza, scontrandosi con la polizia locale, a indagare sulla sparizione della donna, senza sapere che il caso la porterà molto più lontano, in un affondo emozionante e doloroso negli anni più cupi della storia polacca
Dall’autrice numero uno in Polonia, una delle grandi voci emergenti della narrativa crime europea, paragonata a Jo Nesbø, arriva un nuovo thriller magnificamente orchestrato, che conferma Sasza Załuska come una delle più toste e originali detective in circolazione.

‘Un autentico fenomeno letterario Una voce originale, lucida, nerissima Da leggere assolutamente.’ Matteo Strukul**, La Stampa**

‘Katarzyna Bonda sa come tenere svegli anche i lettori di thriller più incalliti.’ Corriere della Sera

(source: Bol.com)

Nessun Milionario Per Una Notte

*L’amore è come la luce per una falena. Ci si sente irresistibilmente attratti salvo poi finire per scottarsi. *
A volte serve maledettamente tanto coraggio per lasciarsi andare all’amore. Soprattutto quando il destino ci ha giocato qualche colpo basso, proprio come è accaduto a Pascal che, da allora, ha preferito isolarsi e vivere in un vuoto emozionale pur di non lasciare spazio ai sentimenti. Pascal è convinto di non vivere male la sua condizione e, se ha bisogno di adrenalina per sentirsi vivo, si lancia in pista al volante della sua Ferrari oppure pratica l’arrampicata.
Ciò che non ha messo in conto è Julia. La ragazza inizia a lavorare nella sua casa discografica e, già dal primo giorno, non porta solo scompiglio nella sua esistenza ma mette a soqquadro anche il suo mondo emotivo. Pascal, improvvisamente, non è più in grado di nascondersi dietro i muri che aveva eretto dentro di sé. Il caos emotivo nel quale si ritrova, minaccia di inghiottirlo e Pascal capisce di non avere altra scelta per venirne a capo: dovrà affrontare i sentimenti e abbandonarsi all’amore.

Nessun luogo è lontano

Il nostro viaggio parte dal cuore di un piccolo uccello, un colibrì. Insieme a lui, a un gufo, un’aquila, un falco e un gabbiano, che nella loro semplicità hanno tanto da insegnare, impariamo a capire il vero significato dell’amicizia e l’incredibile potere dell’amore. Richard Bach ci prende per mano e ci fa volare, alla ricerca della verità che tutti noi conosciamo, ma dimentichiamo troppo spesso. Con le sue parole piene di poesia ci conduce ovunque vogliamo andare, accanto a chi desideriamo avere vicino, al di là dello spazio e del tempo, dove risiede il senso profondo della vita. Un racconto breve tanto celebre quanto “Il gabbiano Jonathan Livingston”, da condividere con le persone che ci stanno a cuore. Un percorso emozionante attraverso la magia di Bach e le preziose illustrazioni di Lee Shapiro, che ci accompagnano a riscoprire i sentimenti che uniscono davvero le persone, senza temere limiti e confini.
**

Nessun dolore

Marco Tagliaferri ha 42 anni e la certezza quasi assoluta di diventare sindaco della sua città in riva al mare. Marco si sa muovere ed è benvoluto da tutti. Per garantirsi la vittoria gli manca un ultimo e fondamentale pacchetto di voti, quello che dipende dagli interessi di Zanin un faccendiere con le mani in pasta, i contatti giusti e un disprezzo mafioso per la legalità. L’uno borghese, l’altro parvenue, Marco e Zanin sono due facce della stessa medaglia, due squaletti che finora si sono mossi ognuno nel proprio territorio e che ora hanno deciso di conoscersi e di allearsi. Zanin invita il futuro sindaco nel suo nuovo locale e svela le sue carte: l’appalto per lo smaltimento del percolato in cambio dei voti necessari alal vittoria. Marco accetta, si distende, si concede un whisky e uno sguardo alla lap dance. La ballerina ha i capelli rossi e il corpo perfetto, è giovane e profuma di pesca. Quando lo spettacolo è finito diluvia e la ragazza, sotto la pensilina, gli chiede un passaggio. Lui esita e poi accetta. Prima di capire cosa stia accadendo la ragazza lo seduce, ma in quel momento lui perde il controllo dell’auto, che si schianta ai margini della strada. La ragazza non respira, Tagliaferri la crede morta. Capisce di essere finito. Lo scandalo travolgerà tutto: la sua carriera, la candidatura e la sua vita familiare. Decide di fuggire, lasciando sul ciglio della strada il corpo della ballerina. Ma il giorno dopo scopre che è ancora viva. Nessun dolore è la storia della calata negli inferi del suo protagonista: fino a che punto un uomo può spingersi per salvare tutto quello che ha? Mentre la sua vita pubblica prosegue immutata e scintillante per la campagna elettorale, Tagliaferri precipita lentamente e inesorabilmente in un girone infernale popolato da ricattatori e fantasmi.

Nesea E Le Nereidi Di Poseidone (Anime Di Luce)

Nesea è una bambina speciale, diversa dalle altre. Ha da sempre un forte e istintivo legame con l’acqua, conosce il linguaggio dei pesci e sogna di diventare come una delle Nereidi governate da Poseidone, il Dio del mare. Un giorno, mentre si trova in barca con i membri della sua famiglia, un gruppo di sirene crudeli li attacca e porta via soltanto sua madre che è gravida. Per tentare di aiutarla Nesea si tuffa subito in acqua scomparendo anche lei. I suoi famigliari iniziano così una disperata ricerca che li porterà a scoprire un segreto fino ad allora inconfessato.”Nesea e le Nereidi di Poseidone” è una fiaba ricca di avventura e mitologia che ha per soggetto il popolo del mare e tanta, tanta magia! Anime di luce è il titolo di un ciclo di romanzi che mescola tematiche sulla mitologia greca e tematiche sulla leggendaria Atlantide. “Nesea e le Nereidi di Poseidone” è il quarto libro del ciclo. Come personaggio, Nesea, è presente anche nei libri: “Miracoli ad Atlantide” e “Tumulto ad Atlantide”.Altri titoli del ciclo di “Anime di Luce”:-Miracoli ad Atlantide-Tumulto ad Atlantide-Perseo

Nerone (Italian Edition)

Discendente dell’illustre dinastia Giulio-Claudia, Nerone è ancora bambino quando capisce che la Roma imperiale è un ­coacervo di rivalità e ferocia. Il solo fatto di essere destinato alla successione al trono mette a rischio la sua vita fin dai tre anni, quando lo zio Caligola tenta di annegarlo. Ma la sete di potere e di vendetta che dilaga nell’Urbe non gli impedisce di sviluppare una grande passione per la poesia, la musica e la cultura greca. Complici i suoi istitutori d’eccezione, fra cui spicca Lucio Anneo Seneca, Nerone diventa adulto molto presto. Ma il futuro imperatore non può dedicarsi, come vorrebbe, agli ideali di equilibrio e bellezza della cultura greca, perché nella spietata Roma del suo tempo ogni passo può essere l’ultimo. E ancor più che dalle macchinazioni dei nemici, Nerone deve guardarsi dalla persona a lui più vicina: sua madre Agrippina, una donna ambiziosa e senza scrupoli, il cui unico obiettivo è il controllo dell’impero. E proprio quando, attraverso inganni e subdoli espedienti, Agrippina conduce il figlio ai livelli più alti del potere politico, Nerone riesce a liberarsi dalla sua presa e a compiere il proprio destino, lasciando un segno indelebile nella Storia.
Frutto di una approfondita e dettagliata ricostruzione dell’epoca, *Nerone* è il sontuoso romanzo di formazione di un ragazzo che la sorte ha chiamato a guidare il più grande impero del mondo.
**Dalla prosa ammaliante di Margaret George esce il ritratto inedito, e incredibilmente moderno, di un giovane uomo alle prese con le sue debolezze, le passioni, i picchi di ingegno e le inesorabili conseguenze della seduzione del potere. **
**