67185–67200 di 71727 risultati

Templari. Dov’è il tesoro?

###
“Conoscere i Templari non cambia la vita, non conoscerli rende più difficile cambiare vita.” La storia, spesso, nasconde un doppiofondo. E la storia dei Templari in particolare suggerisce ipotesi capaci di stravolgere la nostra visione del mondo. Non è un caso che questo mitico Ordine cavalleresco, che conquistò in poco tempo un enorme potere dopo la Prima crociata per poi venire soppresso con la forza nel 1314, conti ancora tanti appassionati ed eserciti tanto fascino. Il sacro Graal, la Sindone, l’Arca dell’alleanza: sono solo alcuni, i più noti, fra i misteri che aleggiano attorno alla fantastica avventura dei Templari.
Questo è un libro di storia, e molto di più. È un libro documentatissimo, con una nutrita bibliografia, ricco di informazioni e scoperte, nobilitato dagli interventi di due studiosi del calibro di Franco Cardini e Barbara Frale. È la summa di tutto quello che di rilevante è stato detto finora sui Templari, esauriente compendio per i curiosi e ottimo punto di partenza per chi volesse approfondire ulteriormente.
Ma queste pagine ci portano anche oltre. Roberto Giacobbo, da gran maestro del mistero, ci accompagna in una avvincente caccia al tesoro, il leggendario tesoro dei Templari, nella quale “ogni riga può dare spunti ed elementi per trovare la strada giusta, nulla è lasciato al caso, non ci si può distrarre”. E a ogni indizio lasciato dai Templari nel loro lungo viaggio, si aprono scenari inauditi sul passato che abbiamo dato finora per scontato. Le crociate, l’elezione di papa Celestino V, la fondazione della città dell’Aquila, la nascita del santuario di Loreto, la scoperta dell’America, la rivoluzione francese, Mozart, Goethe, Dante Alighieri… Come se la vicenda dei Templari fosse il più grande giallo architettato dalla Storia, e la soluzione fosse proprio a un passo dall’essere scoperta.

Tempi felici

Molto più della guerra, delle bombe che riducono Budapest in macerie, molto più dei rischi che lui stesso corre in quanto ebreo, a occupare i pensieri di Józsi Beregi è il campionato di calcio. E poi trovare il modo di procurarsi quello che più gli manca: un po’ di carne da mettere sotto i denti. Ma non dovrà sforzarsi troppo, giacché a offrirgli, con entusiastica e spontanea generosità, tutto ciò di cui ha bisogno saranno le donne, nessuna delle quali sembra poter resistere al suo fascino. Se “Epepe” si presentava da subito come un incubo, “Tempi felici” appare sin dalle prime battute come un divertissement – quasi uno schnitzleriano girotondo. Solo in una commedia, infatti, farsi crescere un paio di baffi può sottrarre un giovane ebreo alle terribili Croci frecciate nell’Ungheria dell’inverno del 1945; e solo in una commedia il giovanotto in questione può vivere le sei drammatiche settimane dell’assedio dei Sovietici, in una città squassata dai bombardamenti e ridotta allo stremo, come una parentesi beata, deliziosamente propizia agli amori clandestini, riuscendo a farsi proteggere, nutrire e coccolare da prostitute e borghesi, da giovani e da vecchie – e perfino da una miliziana fascista.
(source: Bol.com)

Tempi da raccontare: Scrivere e vivere

“L’atto creativo non è puro. Lo dimostra la storia. Lo pretende l’ideologia. Lo esige la società. Lo scrittore perde il suo Eden, scrive per essere letto e capisce di dover rendere conto. Lo scrittore è ritenuto responsabile.”
Nadine Gordimer non è solo una grande artista e scrittrice, ma anche una donna che si è sempre spesa per le cause della giustizia. Se scrivere e vivere restano per lei due esperienze indissolubilmente legate, né l’una né l’altra possono prescindere dall’impegno etico e dall’assunzione di responsabilità. Nella sua vita si riconosce lo spirito autentico dello scrittore che parla e agisce in prima persona in nome della giustizia, denunciandone le violazioni ovunque esse si manifestino nel mondo. In questa raccolta, che comprende saggi, articoli, conferenze che spaziano nell’arco di mezzo secolo, da metà degli anni cinquanta a metà dei duemila, se ne dà una ricca testimonianza. Gordimer vi si svela narrando di sé, delle sue passioni, delle sue convinzioni, delle sue letture, del suo fare i conti con la storia, passando dalla lunga lotta contro il regime dell’apartheid in Sudafrica a quella condotta contro i pericoli rappresentati dalla minaccia alla libertà di espressione, dalle violenze etniche, dalle discriminazioni, da una globalizzazione disumana.
Il volume si apre con il primo articolo da lei scritto per “The New Yorker”, nel 1954, dove racconta come è diventata una giovane scrittrice in un paese razzista. Da questa esperienza discende la sua personalità artistica, politica e civile, nonché la coraggiosa presa di posizione a favore di Nelson Mandela e di altri membri dell’African National Congress negli anni della loro prigionia. Questo libro costituisce insieme un importante documento della storia politica e sociale del ventesimo secolo, nel racconto di una delle più convincenti e perspicaci sue voci, e quanto di più vicino ci possa essere all’autobiografia di una illustre scrittrice.
**
### Sinossi
“L’atto creativo non è puro. Lo dimostra la storia. Lo pretende l’ideologia. Lo esige la società. Lo scrittore perde il suo Eden, scrive per essere letto e capisce di dover rendere conto. Lo scrittore è ritenuto responsabile.”
Nadine Gordimer non è solo una grande artista e scrittrice, ma anche una donna che si è sempre spesa per le cause della giustizia. Se scrivere e vivere restano per lei due esperienze indissolubilmente legate, né l’una né l’altra possono prescindere dall’impegno etico e dall’assunzione di responsabilità. Nella sua vita si riconosce lo spirito autentico dello scrittore che parla e agisce in prima persona in nome della giustizia, denunciandone le violazioni ovunque esse si manifestino nel mondo. In questa raccolta, che comprende saggi, articoli, conferenze che spaziano nell’arco di mezzo secolo, da metà degli anni cinquanta a metà dei duemila, se ne dà una ricca testimonianza. Gordimer vi si svela narrando di sé, delle sue passioni, delle sue convinzioni, delle sue letture, del suo fare i conti con la storia, passando dalla lunga lotta contro il regime dell’apartheid in Sudafrica a quella condotta contro i pericoli rappresentati dalla minaccia alla libertà di espressione, dalle violenze etniche, dalle discriminazioni, da una globalizzazione disumana.
Il volume si apre con il primo articolo da lei scritto per “The New Yorker”, nel 1954, dove racconta come è diventata una giovane scrittrice in un paese razzista. Da questa esperienza discende la sua personalità artistica, politica e civile, nonché la coraggiosa presa di posizione a favore di Nelson Mandela e di altri membri dell’African National Congress negli anni della loro prigionia. Questo libro costituisce insieme un importante documento della storia politica e sociale del ventesimo secolo, nel racconto di una delle più convincenti e perspicaci sue voci, e quanto di più vicino ci possa essere all’autobiografia di una illustre scrittrice.

Tempesta solare

A Kiruna, una terra avvolta nell’eterna notte polare, giace il corpo massacrato del predicatore più famoso della Svezia, morto per la seconda volta. La prima volta era stato investito da un’auto ma si era risvegliato e aveva raccontato del regno fra la vita e la morte. Diventato una star, aveva usato la sua nuova forza per riunificare tre diverse congregazioni in un’unica, potente comunità religiosa. Chiamata dalla sorella della vittima, l’avvocato Rebecka torna alla sua città natale per aiutare l’amica di gioventù, sospettata dell’omicidio. Avvolte dalla neve e dal buio dell’inverno lappone, Rebecka e l’ispettrice di polizia Anna Maria Mella, in avanzato stato di gravidanza, indagano alla ricerca del vero colpevole.

Tempesta in arrivo

A partire dal 21 settembre, con cadenza mensile, usciranno in formato ebook tre spin off della serie di Richard Castle. Il protagonista dei tre racconti è Derrick Storm, personaggio che nella serie TV viene ucciso dal suo creatore, e che qui viene recuperato per la costruzione di un nuovo filone narrativo. Quando l’investigatore Derrick Storm è stato costretto a lasciare le CIA, non ha potuto semplicemente andare in pensione. Ha dovuto inscenare la propria stessa morte, e sparire dalla circolazione. Così quando Jedidiah Jones, il vecchio capo al quale è legato da un gravoso debito e a cui non può negarsi, lo richiama per indagare su un rapimento avvenuto tra i piani alti della politica, Storm già sa che in ballo dev’esserci molto di più della vita del figlio di un senatore. Con lui, ma non proprio insieme a lui, opera l’agente dell’FBI April Showers, una donna tanto scontrosa quanto attraente. I due faranno a gara per portare chiarezza nel vortice che lega minacciose richieste di riscatto e oscuri rapporti personali, transazioni finanziarie e intrighi internazionali. Storm andrà a fondo di questa vicenda, ma la vera tempesta è appena cominciata…

Tempesta di mezza estate

È molto probabile, e Leibniz lo confermerebbe, che mentre Carlo I d’Inghilterra si batteva contro gli insorti puritani, in qualche abisso stellare all’altro capo dell’universo un altro Carlo I si battesse nella stessa disperata guerra. E soltanto distorsioni infinitesimali rifratte dagli innumerevoli specchi dello spazio distinguono le sorti dei due re, e mentre la mano dell’uno si solleva, la mano dell’altro giace inerte. E mentre la cavalleria dell’uno attacca, la cavalleria dell’altro arretra. E pochi secondi di anticipo, e lo sdrucciolare intempestivo di un fante, attraverso anni luce di echi divaricano per sempre il destino dei due gemelli sovrani; e quanto è vero che esistono due Carli, tanto è vero che l’uno muore mentre l’altro celebra la vittoria. Scherzi graziosi combinano i buchi e i salti dell’universo mentre le storie parallele si svolgono, e un sovrano è soccorso da lucenti treni a vapore che percorrono di slancio le verdi pianure insanguinate, e accanto alla spada di Rupert, si erge a difesa del re la bacchetta magica di Prospero. Quante storie possibili accadono nell’universo, oltre a quelle narrate dalle nostre limitatissime cronache? Quante volte re Carlo ha sconfitto i puritani, a fronte di quell’unica volta a noi nota, quando il destino ne ha chiesto la testa? Da mago e maestro, da storico e veggente, Poul Anderson ha provato a raccontare l’avventura di Carlo e di Cromwell in una delle probabili Inghilterre che certo riusciremmo a trovare viaggiando per infiniti anni luce lungo l’illimitata curva dell’universo.

Tempesta di Guerra

**OGNI VITTORIA HA UN PREZZO**
Mare Barrow lo ha imparato fin troppo bene quando Cal l’ha tradita, ferendola a morte. Ora, desiderosa di proteggere il proprio cuore – e di assicurare la libertà ai rossi e ai novisangue come lei -, è determinata a rovesciare il regno di Norda una volta per tutte e togliere la corona dalla testa di Maven.
Ma non esiste battaglia che si possa vincere da soli, perciò, in attesa che i rossi si preparino a insorgere, Mare è costretta a fare fronte comune proprio con il ragazzo che le ha spezzato il cuore. Solo così potrà forse riuscire nel suo intento e sconfiggere colui che l’ha quasi distrutta. Perché lei, insieme agli argentei, i potenti alleati di Cal, e alla Guardia Scarlatta, ha nelle mani una forza formidabile. Ma l’ossessione che guida le mosse di Maven è profonda e lui non si fermerà fintanto che non avrà di nuovo dalla sua parte Mare, anche se questo significa demolire tutto – e tutti – lungo la strada.
La guerra è ormai alle porte e ciò per cui Mare ha lottato finora è in pericolo. Sarà sufficiente la vittoria per far cadere i regni argentei? Oppure la ragazza che controlla i fulmini sarà costretta per sempre al silenzio?
Nel capitolo finale della serie di Victoria Aveyard, Mare dovrà finalmente abbracciare il suo destino e chiamare a sé l’intero suo potere, perché a questo punto tutto dovrà essere messo alla prova. Ma non tutto sopravviverà…

Tempesta di ghiaccio

Quando nel dicembre 1973 una tremenda ondata di freddo colpisce le regioni nordorientali degli Stati Uniti, il tempo sembra fermarsi: per due giorni, la neve e il ghiaccio isolano paesi e città, bloccandoli in un universo bianco e irreale. Ma a New Canaan, una cittadina del Connecticut, quasi sospinto dalla furia dell’evento meteorologico, un destino feroce scardina i delicati equilibri della famiglia Hood: i tradimenti e le insoddisfazioni di Benjamin ed Elena, le speranze e i turbamenti dei loro figli Wendy e Paul scatenano una tempesta emotiva che investe le esistenze dell’intera comunità. Tempesta di ghiaccio è un romanzo di altissima scrittura che, con una sapiente fusione di ironia e passione, di commozione e divertimento orchestra le voci narranti dei protagonisti in un continuo gioco di rimandi e finezze psicologiche. Solo un autore di talento come Rick Moody poteva esplorare così sapientemente le ansie, le rivalse e i sogni di una famiglia “normale”, per tessere in un unico grande flusso narrativo infatuazioni adolescenziali e scambi di coppia, supereroi dei fumetti e adulteri, avvenimenti politici e drammi famigliari, pettegolezzi e miti degli anni Settanta, lasciando nel cuore del lettore l’indelebile traccia di un’emozione autentica.

Tecnobarocco

La tecnologia del terzo millennio non aiuta gli uomini a migliorare la loro esistenza né a ridurre gli impatti sul pianeta. Non è semplice, né utile e nemmeno educativa. Essa, totalmente slegata dalla radice scientifica, è – invece – fine a se stessa, ‘barocca’, dannosa e insostenibile da un punto di vista ambientale. Viene spesso usata per rimediare ai danni perpetrati da una tecnologia precedente, incrementa i profitti basati sui bisogni indotti, accelera l’obsolescenza di oggetti e macchine, è costosa, fa perdere tempo. Attraverso molti esempi Mario Tozzi dimostra l’inutilità di bizzarri marchingegni che riteniamo indispensabili – e di cui potremmo fare a meno. D’altro canto, egli sottolinea l’utilità di quella tecnologia semplice che ha rappresentato un vero miglioramento nelle condizioni della vita degli uomini senza compromettere l’ecosistema Terra.

(source: Bol.com)

Tecniche Di Lettura Veloce E Skimming

Impara i segreti della lettura veloce con Armando Elle Con il suo stile chiaro e conciso, Armando Elle (autore del bestseller “Tenciche di Memoria Veloce” e gestore del sito “gliaudacidellamemoria”) ti condurrà passo per passo a scoprire ed utilizzare i semplici metodi in grado di triplicare o quadriplicare la tua velocità di lettura. Ad ogni passo approfondirai anche le ragioni fisiche per cui la lettura veloce funziona, e quali sono i suoi limiti. Questo ti permetterà di utilizzare le tecniche in maniera efficace, e guardare con occhio critico tutta la spazzatura che si pubblica in internet su questo argomento. Infine, negli ultimi capitoli, potrai approfondire una tecnica specifica, lo skimming, molto utile per chi studia o deve processare tanto materiale ogni giorno. Buona lettura!
**

Teatro Vol. I

Fondata da Franco Quadri nel 1977, Ubulibri è da quasi quarant’anni un punto di riferimento per il mondo teatrale. Nelle sue collane sono stati pubblicati i piú grandi autori contemporanei ma anche giovani alle prime armi che sono poi diventati maestri riconosciuti. In questa collana vengono riproposti al pubblico di oggi alcuni di quei libri che hanno fatto la storia dell’editoria teatrale raccogliendo in un’ideale antologia gli autori e i testi piú importanti del nostro tempo.

***

Riunire i testi teatrali di Bernhard, impresa avviata da Ubulibri nel 1982, è stata un’opera tempestiva e lungimirante che merita di essere ripresa a distanza di anni e completata. Questo primo volume riunisce tre testi dei primi anni Settanta: dall’esordio un po’ beckettiano di Una festa per Boris (1970), con la sua tragicomica sfilata di personaggi senza gambe, a La forza dell’abitudine (1974), tagliente e grottesca parabola della ricerca di perfezione artistica ambientata in un emblematico circo, fino a Il riformatore del mondo (1975), autorappresentazione di un vecchio delirante che si atteggia a coscienza del pianeta degradato e a nuovo ordinatore del caos, uno dei capolavori assoluti di Bernhard, molte volte rappresentato anche in Italia.

(source: Bol.com)

Teatro grottesco

Autore di culto della letteratura americana contemporanea, restio alle attenzioni dei media ma autenticamente seminale – suoi gli incubi che hanno ispirato la prima stagione di True Detective –, Thomas Ligotti è unanimamente considerato l’unico, grande successore di Edgar Allan Poe e H.P. Lovecraft. Lontano dalle atmosfere urbane e quotidiane che caratterizzano l’opera di Stephen King, Ligotti fa sua la lezione dei maestri del passato e mette il lettore di fronte a un orrore che non ha forma né volto né contorno, un orrore che non si può dire, a stento pensare, e che ha nell’assoluta indeterminatezza la radice della presa angosciante che esercita sulla nostra immaginazione.In Teatro grottesco l’orrore nasce da seminterrati in cui il buio e l’umido hanno prodotto una vita brulicante che aspetta di insinuarsi nel nostro mondo; da isolate, solitarie fabbriche nelle cui viscere si producono artefatti meccanici dagli scopi imperscrutabili; da catene di montaggio in cui la presenza umbratile di misteriosi supervisori è così schiacciante da trasformare l’uomo in ingranaggio; da cittadine in cui la vita è una messinscena e solo quanto accade sui palcoscenici di una fiera itinerante è reale. Gli abitanti di questo mondo dalla mente impazzita e il cuore selvaggio si muovono in retrobottega fiocamente illuminati, lungo le pareti di bar fumosi, in gallerie d’arte dall’aspetto sinistro, al centro di paludi dove sopravvivono culti antichi e innominabili, tutti alla ricerca disperata di un senso che sembra perennemente alla loro portata e che, pure, è loro perennemente precluso.In questa geografia che ha perso perfino la precisione toponomastica del New England di Lovecraft, e che si può riconoscere soltanto per il nero del cielo e il grigio della terra, la morte è un canto e la vita un carnevale; di autentico non rimane che l’arte, sembra suggerirci Ligotti, nella cui prosa scabra quanto barocca si celebra, nell’impossibilitàormai di esorcizzarlo, il declino di ogni facile antropocentrismo e, in ultima istanza, dell’Occidente.

Teach Me

*«Dove c’è tanto odio, c’è tanto amore» sparo, non troppo convinta che possa essere definita un’argomentazione e figurarsi una risposta.
Mi fissa ed è evidente che non sia convinto della mia risposta.
«Quindi la sua ostilità è dovuta a un celato amore nei miei confronti?»*
Morgan Williams non crede ai suoi occhi quando vede entrare in aula un nuovo professore di Letteratura Inglese al posto della sua adorata Mrs. Tutcher. Chi è? E perché ha osato sostituire la sua professoressa adorata? Non importa quanto lui sia sexy, bellissimo, assolutamente attraente e persino intelligente, lei non proverà mai simpatia per uno del genere, che potrebbe di certo fare il modello, ma non l’insegnante. Cameron Wilde ha gli occhi più azzurri che Morgan abbia mai visto, recita Shakespeare a memoria, lui sa scherzare con gli alunni, sa essere insolente con classe, e si rivela più capace di quanto lei si aspettasse, perché Cameron Wilde è speciale e si avvicina pericolosamente al suo uomo ideale, ma è un professore, il “suo” professore, e una ragazza all’ultimo anno di superiori non può innamorarsi di un docente. Questo non è possibile.
**Un amore nato tra i banchi di scuola in situazioni imbarazzanti e divertenti, dove sono le emozioni che travolgono e non lasciano scampo, anche se proibite. Non si può imbrigliare un sentimento, per quanto questo faccia male e sembri impossibile.**
**Attenzione: Questo romanzo fa sognare.**
**I lettori dicono:**
*Dopo pochi capitoli sono già pazza di Cameron… Immagino che per quando la storia sarà finita, avrò sviluppato una forma di ossessione, o qualcosa del genere.*
*Come si fa a non adorare Cameron Wilde?*
Per info sulla casa editrice: [www.delraiedizioni.com](http://www.delraiedizioni.com)

Tatuaggio

Tatuaggio è il primo romanzo poliziesco della serie di Pepe Carvalho e va considerato una specie di presentazione del curioso detective galiziano, della sua bizzarra filosofia e del suo mondo. Pepe viene ingaggiato dal signor Ramon per scoprire l’identità di un cadavere senza volto ripescato in mare a pochi chilometri da Barcellona. Unico indizio: un inquietante tatuaggio … “Sono nato per rivoluzionare l’inferno”.

Tata Con Benefici

** *Le luci si rincorsero dietro alle sue palpebre chiuse ed Alana inarcò la schiena, cercando disperatamente il climax che era sul punto di raggiungere. Improvvisamente, lo trovò.* **
“Volevo solo farti le mie congratulazioni. Ieri ho parlato con Jack e mi ha raccontato di voi due. Per quel che vale, voglio solo darvi la mia benedizione. Però… stai attenta, ok?”
“Attenta?”
“Jack è un donnaiolo. Appena arriverà una nuova candidata di suo gusto, ti lascerà. È successo con le donne prima di me… ed anche a me.”
“Va bene…”
“So che non mi credi, ma lui userà una scusa qualunque per liberarsi di te, una volta che avrà cominciato ad annoiarsi. Quindi… stai attenta, ok?”
* * *
Alana Matthews ama il suo lavoro di tata. È responsabile, affidabile e fantastica con i bambini. Non si mette mai nei guai, né si lascia coinvolgere sentimentalmente dai suoi datori. Non può permettersi di perdere il lavoro: con suo padre infortunato ed impossibilitato a lavorare, sta a lei ed a sua sorella pagare i conti dell’ospedale per tenere salda la famiglia.
Quando il suo ultimo datore decide di trasferirsi in Europa, Alana si ritrova a dover accettare di prendersi cura della bambina più difficile con cui abbia mai avuto a che fare: *la viziata ed energica Lottie Menuda.* Ma il carattere di Lottie non è l’unico problema con cui Alana dovrà avere a che fare.
Per la prima volta, si ritrova attratta dal suo capo: il padre di Lottie, **il bellissimo milionario dagli occhi scuri, Jack Menuda.**
Jack è impegnato con la bellissima e maligna Eleanor, una donna seducente che sembra interessata solamente al suo denaro. Ma, quando Alana crede di essere riuscita a reprimere i suoi sentimenti, Jack rompe con Eleanor e comincia ad interessarti ad Alana…
*Presto, Alana dovrà fare una scelta difficile.*
**Può confessare i propri sentimenti a Jack, rischiando di perdere il lavoro e di veder rovinata la sua carriera per colpa di una notte col suo capo?**
**Cosa succederà quando la malevola ex di Jack farà ritorno, determinata a riconquistare Jack ed a vendicarsi di Alana?**
* * *
*ATTENZIONE: Questo eBook contiene tematiche e linguaggio adatti a un pubblico di soli maggiorenni.*