67153–67168 di 74503 risultati

L’ altra Metà Del Cuore

Quanti scherzi del destino può sopportare un amore?E quanto deve essere forte per uscirne indenne?Luca e Luisa sono legati da una profonda amicizia e da una tragedia che ha sconvolto le loro giovani vite.Questo primo ostacolo ha rafforzato il loro rapporto, ma saranno abbastanza uniti per affrontare gli imprevisti che la vita metterà sul loro cammino?

Kualid che non riusciva a sognare

Kualid vive con sua madre e suo nonno nella periferia di una Kabul dominata dai talebani e devastata dalle guerre. Ha dodici anni, lo sguardo sveglio e due incisivi un po' sporgenti che hanno consentito a suo cugino Said di affibbiargli il soprannome di "sorcio". Si guadagna la vita riempiendo con la pala le buche disseminate sulle strade che portano alla città, sperando in una moneta di ricompensa dai camion di passaggio. Ha fantasia Kualid, la fantasia di tutti i bambini, o almeno quella consentita a un bambino cresciuto in una zona di guerra. Conosce Asmar, il serpente di luce che, proiettato dal becco ricurvo di una teiera, lo viene a trovare in ogni notte di luna piena… Ma ha un cruccio: non riesce, proprio non riesce a sognare. O meglio, ci riesce a volte di giorno, quando è sveglio, ma quelli tuff'al più sono desideri, gli ha detto suo cugino Said, che anche per questo lo prende un po' in giro. È di notte che non riesce a sognare, Kualid. Non ci è riuscito nemmeno quando ha rubato i nastri delle videocassette che i talebani avevano legato a una mitragliatrice come trofeo, per ricordare a tutti che musica e immagini sono proibite. Proibite come gli aquiloni, e come tante altre cose a Kabul. Sarà l'incontro-scontro con Samir, il calligrafo che collabora con gli occidentali che hanno aperto un ospedale in città, a fargli conoscere il mondo dei disegni e dei colori. Sarà la scoperta di quel mondo che consentirà a Kualid di riuscire finalmente a sognare.

Kshira

Nicholas Linnear ha appena portato a termine una delle sue imprese più temerarie: la distruzione della Città Fortificata, un temibile, inespugnabile regno nascosto nel cuore della giungla vietnamita, che prosperava grazie al commercio dell’oppio e al traffico d’armi. Tuttavia il nemico è fiaccato, non vinto: lontano dalle rovine fumanti della base segreta sta per riorganizzarsi e sferrare l’attacco definitivo, quello che gli consentirà di riconquistare il potere e di eliminare Linnear per sempre. Il suo nome è Mick Leonforte, è lui il fondatore senza scrupoli dell’impero che Nicholas Linnear crede di aver annientato. Erede designato di una fiera dinastia mafiosa, Mick si era in un primo tempo dissociato dai brutali colpi di mano messi a segno dalla sua famiglia nelle strade di New York. Ma la necessità di compiere una crudele vendetta ha rivelato il suo straordinario talento per il delitto e scatenato in lui una sete di predominio, un furore insaziabile che nessuna società criminosa potrebbe mai soddisfare. Diventato broker di altissimo livello internazionale nonché boss rispettato e temuto, Leonforte è finalmente pronto ad attrarre Linnear, il suo avversario più irriducibile, su un terreno pieno di insidie dove affari e guerra sono una cosa sola…

Krispos l’imperatore

Sono trascorsi venti anni dall’ascesa al trono di Krispos e sempre di più l’Imperatore deve scoprire amaramente come il potere non sia solo fonte di ricchezza e gioia, ma anche di angosce e amarezze. Tutti e tre i suoi figli sono ormai adulti, ma fra loro e il padre non regna certo la più perfetta armonia! Anzi Phastis, il primogenito – sulla cui autentica paternità esistono ancora dei dubbi, sicché si mormora che possa in realtà discendere dal seme di Anthimios – sembra essersi lasciato affascinare da un’iquietante eresia che va sempre più diffondendosi nel territorio dell’Impero: quella dei Thanasioi. Trascinati dal fanatismo del loro sinistro capo, Livanios, i seguaci della setta predicano che ogni ricchezza e ogni materialità, compreso il corpo umano, altro non sono che creazioni diaboliche di Skotos, il dio del Male e che pertanto ogni manifestazione di dovizia e ogni potere vanno combattuti… A cominciare da quello di Krispos! Affascinato dal lato mistico dell’eresia, molti dei seguaci della qule non esitano a lasciarsi morire di fame in nome del loro credo, Phastis si avvicina al pericoloso culto proprio quando Livanios scatena una guerra senza quartiere contro il trono. Rapito al culmine del conflitto, Phastis avrà modo di toccare con mano la vera natura dell’eresiarca Livanios e dei suoi più stretti discepoli. Basterà il tenero amore di Olyvria, la figlia di Livanios, a salvare la vita dell’erede al trono e la corona di Krispos?

Krispos di Videssos

A dispetto di ogni previsione, Krispos è riuscito a conquistare la corona di Videssos, ma fino a quando può sperare di conservarla? Il caos e la ribellione serpeggiano ovunque nel regno, e lo stesso Petrenas, brillante sul campo di battaglia e ancor più abile negli intrighi politici, non cela i suoi propositi di vendetta contro chi dal nulla si è impossessato del trono. E mentre nelle truppe ribelli s’insinua ogni giorno di più l’inquietudine, predatori giunti dal nord scorrazzano liberamente seminando terrore e distruzione. E ora un oscuro potere aggiunge la sua terribile minaccia e pare che neppure la magia di Videssos sia in grado di fronteggiarlo, lasciando presagire un’epoca di sventura…

Korolev

Questo numero speciale di “Urania” esce esattamente cinquant’anni dopo che il primo uomo si è avventurato oltre la Terra (aprile 1961). Si trattava del cosmonauta sovietico Yuri Gagarin e non è un caso che l’eroe di questo denso, sorprendente romanzo di Paolo Aresi sia sovietico anche lui. Nel continuum che conosciamo, Sergej Pavlovich Korolev è stato il padre dell’astronautica russa, ma nel continuum della fantascienza non poteva finire i suoi giorni nell’ombra, né scomparire modestamente com’è scomparso. Eccolo rispondere allora a una chiamata più grande, più inattesa, e fissare lo sguardo verso un punto del sistema solare che rappresenta la nuova sfida.

Komarr

Il nuovo romanzo del ciclo dei Vorkosigan. Komarr potrebbe essere un giardino, lavorandoci sopra un altro migliaio di anni, oppure diventare un deserto inabitabile, se l’operazione di terraforming fallisse. Ora lo specchio solare, vitale per il processo di condizionamento del pianeta, è stato infranto da un’astronave scagliata fuori dalla sua rotta e l’Imperatore di Barrayar invia il suo Ispettore Imperiale, Lord Miles Vorkosigan, per scoprire come mai. La decisione non è accolta con favore su Komarr, dove un tradimento sofferto dalla precedente generazione ha per sempre associato il nome dei Vorkosigan a memorie di sangue. Sotto le cupole claustrofobiche del pianeta, cosa sono i komarrani che circondano Miles?
**

Koko

Sono trascorsi ormai molti anni dalla fine della guerra in Vietnam quando quattro reduci appartenenti allo stesso plotone si ritrovano a Washington. Il motivo del loro incontro è legato proprio al passato che hanno in comune, improvvisamente rievocato da un agghiacciante fatto di cronaca. A Singapore si sta verificando un’efferata catena di inspiegabili delitti firmati da un misterioso killer che lascia su ogni vittima, orribilmente sfigurata, una carta da gioco sulla quale è scarabocchiato il nome Koko. Ed è questo particolare che convince i quattro amici di poter identificare l’assassino. Koko, infatti, richiama con chiarezza alle loro menti il volto di un ex commilitone, Tim Under-hill, rimasto in Oriente dopo la conclusione del conflitto e diventato scrittore. Decidono quindi di partire immediatamente per tornare laggiù e ritrovare quello che sembra essere soltanto un fantasma. Inizia così una tormentata avventura, che diventa ben presto un viaggio dalle tappe allucinanti, capace di illuminare le zone oscure della loro coscienza in cui si annida un tremendo episodio, la strage di un gruppo di bambini vietnamiti. Koko si trasforma perciò in qualcosa di più e di diverso da Underhill, diventa parte di loro, incarna atroci ricordi, traumi laceranti, ossessionanti sensi di colpa e desideri di espiazione.

Kiss

Proprio nei giorni in cui si sta celebrando il processo per l’uccisione di suo padre, il detective Steve Caralla dell’87° distretto è alle prese con una donna, Emma Bowles, scampata per miracolo a due tentativi di omicidio. E tutto fa pensare che il Killer ci riproverà. Dopo pochi giorni, però ,l’uomo accusato da Emma viene trovato ucciso e numerosi indizi fanno pensare a Martin Bowles. Ma Martin è un assassino o è il mandante dei falliti tentativi? Oppure è, a sua volta, il capro espiatorio di un piano diabolico? Per capirlo, per arrivare all’insospettabile colpevole, Carella deve trovarsi di fronte a una nuova e ancor più insospettata vittima. Nell’intrigo poliziesco di Ed McBain gli innocenti e i colpevoli, i morti e i vivi sono sempre e comunque i protagonisti di una tragedia senza fine. Alta tensione e grande umanità: lo stile nuovo dei thriller.

Kisaeng

Sono giovani, belle, ignare del loro fascino e lui le strappa alle famiglie. Lui è Park Song, detto “Sorriso”, un signore del crimine, un uomo di rara ferocia, di grande potere e di immense ricchezze. Le toglie alle famiglie e le addestra nell’antica arte dell’amore perché diventino delle perfette kisaeng, le gheishe coreane, il suo unico ideale di donna. Ma ancora di più, per Park Song queste ragazze toccano la perfezione nel momento della morte… l’affascinante Towny DaSilva sta per seguire questa funesta sorte. A meno che il detective della Polizia di New York, Manny Decker, non riesca a penetrare nel torbido mondo della tratta delle bianche e delle devianze sessuali per salvarla. Parallelamente deve indagare su un traffico internazionale di valuta che coinvolge i servizi segreti coreani. Le due indagini si intrecciano e Manny scoprirà che Song è un nemico pericolosissimo e disposto a tutto pur di poter continuare i suoi loschi affari e i suoi riti mortali.

Kintsugi L’arte segreta di riparare la vita

Il libro che tenete tra le mani vi invita a scoprire e a esplorare l’arte del kintsugi in tutte le sue sfumature. Questa antica tecnica, sviluppata in Giappone a partire dal quindicesimo secolo, consiste nell’utilizzare un metallo prezioso per riunire i pezzi di un oggetto di ceramica rotto, rendendolo così un’opera d’arte unica ed evidenziandone le crepe anziché nasconderle. La filosofia profonda del kintsugi, però, va ben oltre la semplice pratica artistica, e ci parla di guarigione e resilienza. Riparato con cura, l’oggetto danneggiato pare accettare e riconoscere i propri trascorsi e paradossalmente diventa più forte, più bello, più prezioso di quanto non fosse prima di andare in frantumi. Una metafora che, dipanandosi, illumina di nuova luce ogni processo di guarigione, riguardi esso una ferita fisica o emotiva. Così come la ceramica prende vita attraverso le linee di frattura, così anche noi possiamo imparare l’importanza della fragilità per crescere attraverso le nostre esperienze dolorose, valorizzarle e capire che sono proprio queste a renderci unici e preziosi.
**
### Sinossi
Il libro che tenete tra le mani vi invita a scoprire e a esplorare l’arte del kintsugi in tutte le sue sfumature. Questa antica tecnica, sviluppata in Giappone a partire dal quindicesimo secolo, consiste nell’utilizzare un metallo prezioso per riunire i pezzi di un oggetto di ceramica rotto, rendendolo così un’opera d’arte unica ed evidenziandone le crepe anziché nasconderle. La filosofia profonda del kintsugi, però, va ben oltre la semplice pratica artistica, e ci parla di guarigione e resilienza. Riparato con cura, l’oggetto danneggiato pare accettare e riconoscere i propri trascorsi e paradossalmente diventa più forte, più bello, più prezioso di quanto non fosse prima di andare in frantumi. Una metafora che, dipanandosi, illumina di nuova luce ogni processo di guarigione, riguardi esso una ferita fisica o emotiva. Così come la ceramica prende vita attraverso le linee di frattura, così anche noi possiamo imparare l’importanza della fragilità per crescere attraverso le nostre esperienze dolorose, valorizzarle e capire che sono proprio queste a renderci unici e preziosi.

KING

Assist. Tiro. Goal. Palla al centro.
La vita di Alexander King è tutta qui, perlomeno adesso. Il suo mondo è andato in frantumi da poco tempo e, nonostante il successo, vive ogni giorno con un unico obiettivo: essere un bravo papà e giocare al meglio delle proprie possibilità. Non può, non deve lasciare spazio a nessun altro sentimento. Eppure, il destino non sempre tiene conto dei buoni propositi. Thea, la nuova e bizzarra tata di Sophie, scatena in King uno sconvolgimento destabilizzante, tanto da incrinare del tutto le sue certezze.
Ma è possibile ricominciare a sperare?
Alexander è pronto a fidarsi di nuovo?
E se il passato tornasse, presentando conti troppo alti?
Novanta minuti di gioco a volte sono sufficienti per portare a casa una partita, ma spesso si rischia tutto ai rigori. E quelli fanno male, un male terribile se non si è preparati.
Sport Romance
CONCLUSIVO
**
### Sinossi
Assist. Tiro. Goal. Palla al centro.
La vita di Alexander King è tutta qui, perlomeno adesso. Il suo mondo è andato in frantumi da poco tempo e, nonostante il successo, vive ogni giorno con un unico obiettivo: essere un bravo papà e giocare al meglio delle proprie possibilità. Non può, non deve lasciare spazio a nessun altro sentimento. Eppure, il destino non sempre tiene conto dei buoni propositi. Thea, la nuova e bizzarra tata di Sophie, scatena in King uno sconvolgimento destabilizzante, tanto da incrinare del tutto le sue certezze.
Ma è possibile ricominciare a sperare?
Alexander è pronto a fidarsi di nuovo?
E se il passato tornasse, presentando conti troppo alti?
Novanta minuti di gioco a volte sono sufficienti per portare a casa una partita, ma spesso si rischia tutto ai rigori. E quelli fanno male, un male terribile se non si è preparati.
Sport Romance
CONCLUSIVO

Killer on-line

Peter Hobson è un esperto in ingegneria biomedica, quarantenne, affascinato dai problemi della vita dopo la morte e dalle possibilità di sopravvivenza che la tecnologia offre alla personalità umana. E infatti tutto comincia quando Hobson realizza un coraggioso esperimento per verificare le sue teorie sull’immortalità, creando tre simulazioni elettroniche di se stesso.
Al primo alter ego di Hobson è stata cancellata la memoria della sua esistenza fisica: è una simulazione dell’anima.
Al secondo è stata tolta la consapevolezza di invecchiare e di morire: è una simulazione dell’immortalità.
Il terzo invece è un alter ego normale, non modificato.
Ma i tre simulacri di Hobson non si accontentano di vivere nei ristretti confini della memoria di un computer e sono già fuggiti nell’universo sconfinato delle reti informatiche globali. Ma anche un’esistenza virtuale può non bastare, se la prospettiva è quella di interagire con il mondo vero e proprio…
Anzi, uno di loro ha già scoperto la propria vocazione: diventare un killer.

Kill?: romanzo di fantapolitica

Roma Centro, ore 12. L’esplosione è assordante. La grossa auto nera ha tamponato un camioncino. Subito esplode una granata. Da tre auto saltano giù quattro uomini armati, ma crollano a terra falciati da raffiche di mitra. Sono in due a sparare. Hanno il volto coperto da passamontagna grigi. Ma un passante interviene. Giacomo Elliot, promotore finanziario, blocca così un’azione terroristica e salva la vita al Presidente del Consiglio nonché uomo più ricco d’Italia, Silvio Berlusconi. Come accettarne però adesso l’imbarazzante gratitudine? Come difendersi dall’inevitabile vendetta che i terroristi cercano? E, soprattutto, come non pentirsi di non aver lasciato il Presidente al suo destino?