66449–66464 di 71363 risultati

Verso La Soluzione Finale

Il 20 gennaio 1942 alcune figure di vertice del Terzo Reich si riunirono in una lussuosa villa a Wannsee, nei dintorni di Berlino, e decisero la soluzione finale nei confronti degli ebrei. Peter Longerich fornisce un’accurata contestualizzazione del verbale della riunione perché le interpretazioni dei motivi che portarono a tenere la conferenza, la sua funzione e utilità, sono varie e contraddittorie. Tranne il verbale, non esistono altri documenti inerenti alla conferenza perché sono andati distrutti. La spiegazione di Longerich è che l’Olocausto non è stato attuato in seguito a una scelta determinata, ma fu il risultato di una politica antisemita di lunga durata, sottoposta a cambiamenti contingenti, e di un processo decisionale con cui Hitler, istanza suprema del regime, insieme ad altre figure e organi dell’apparato, diede vita a un vero e proprio programma di distruzione degli ebrei d’Europa, partendo da una generica e indefinita intenzione di distruggerli.

Il 20 gennaio 1942 quindici personaggi di primo piano del regime nazionalsocialista, della Nsdap e delle SS, si riunirono su invito di Reinhard Heydrich, capo dell’Ufficio centrale per la sicurezza del Reich, in una lussuosa villa situata sulle sponde del lago Wannsee alla periferia di Berlino. Il contrasto tra la bellezza del luogo e lo scopo della manifestazione non poteva essere piú stridente: la dimora utilizzata dalle SS come foresteria fu scelta per definire la cosiddetta ‘soluzione finale della questione ebraica’. Oggi il verbale della conferenza di Wannsee è considerato sinonimo del genocidio degli ebrei d’Europa, di uno sterminio lucido, burocratico, basato sulla divisione del lavoro: un documento inconcepibile, il promemoria di come la follia dottrinaria e omicida del sistema nazista, per ordine della principale autorità del regime, si trasformò in azione concreta, in intervento statale, in un piano portato a termine senza pietà. In questo libro Peter Longerich presenta e approfondisce un’interpretazione della conferenza e del verbale che rielabora gli spunti offerti dalle ricerche precedenti, per costruire una spiegazione piú articolata: dimostrare che l’Olocausto non fu l’esito di un’unica decisione presa a livello centrale ma il risultato di un esteso processo che vide Hitler, istanza primaria del Terzo Reich, sviluppare e avviare gradualmente, da una generica intenzione di distruggere gli ebrei, un programma di genocidio in stretta collaborazione con altri componenti dell’apparato di potere.

(source: Bol.com)

Verso La Secessione Dei Ricchi?

Si sente dire che Veneto e Lombardia vogliono l’autonomia regionale differenziata. Ma pochissimi italiani sanno di che cosa si tratta effettivamente: anche perché se ne parla poco, e in modo volutamente molto vago. Questo breve saggio racconta le origini di questo processo, le richieste regionali e le loro possibili implicazioni. Mostra così che non si tratta di una piccola questione amministrativa, che riguarda solo i cittadini di quelle regioni, ma di una grande questione politica, che riguarda tutti gli italiani. Che può portare ad una vera e propria “secessione dei ricchi”; spezzettare la scuola pubblica italiana; creare cittadini con diritti di cittadinanza di serie A e di serie B a seconda della regione in cui vivono.

Verso l’aurora

1817 – La severa Prunella è molto preoccupata per la sorella minore Nanette: ella viene assiduamente corteggiata dall’Onorevole Pascoe Lowes e naturalmente il fatto che Nanette sia una ricca ereditiera, mentre Pascoe venga considerato un dandy ed un cacciatore di dote, non rassicura Prunella sulla natura di questo romanzo d’amore. Prunella, come estrema risorsa per allontanare lo sgradito corteggiatore, chiede aiuto allo zio del ragazzo, il nuovo conte di Winslow. Purtroppo le sue speranze sono destinate ad essere amaramente deluse: lord Winslow sembra più divertito che scandalizzato dal racconto di Prunella e si rifiuta di separare i due innamorati, accusando la fanciulla di insensibilità e di eccessivo rigore.

Verità sepolte

I SEGRETI DI CHICAGO – Ogni uomo di successo nasconde un segreto.
Quando l’investigatore Jackson Rush accetta di rapire Crista Corday nel giorno delle sue nozze, il suo intento è impedirne il matrimonio con un uomo disonesto, non certo innamorarsene. Eppure bastano due giorni insieme a lei per dimenticare ogni regola. Pronto a tutto pur di proteggerla, non può darle l’unica cosa che lei desidera: la verità. Perché significherebbe rivelarle chi gli affidato quell’incarico e rischiare quindi di perderla per sempre.
Miniserie “I Segreti di Chicago” – Vol. 3/4
**
### Sinossi
I SEGRETI DI CHICAGO – Ogni uomo di successo nasconde un segreto.
Quando l’investigatore Jackson Rush accetta di rapire Crista Corday nel giorno delle sue nozze, il suo intento è impedirne il matrimonio con un uomo disonesto, non certo innamorarsene. Eppure bastano due giorni insieme a lei per dimenticare ogni regola. Pronto a tutto pur di proteggerla, non può darle l’unica cosa che lei desidera: la verità. Perché significherebbe rivelarle chi gli affidato quell’incarico e rischiare quindi di perderla per sempre.
Miniserie “I Segreti di Chicago” – Vol. 3/4

Verità e ragione nella storia

Nato cattolico, per uscire dal cattolicesimo avrei dovuto avere delle ragioni; ma queste ragioni, proposte da più parti, non mi hanno mai convinto. L’antologia offre una panoramica del pensiero di Augusto Del Noce (1910-1989) attraverso una scansione in quattro parti, ciascuna delle quali dedicata a un tema nodale: l’ateismo come problema dell’età moderna, compimento e dissoluzione del marxismo, il momento fascista della secolarizzazione, secolarizzazione, nichilismo e cristianesimo. La scelta dei testi documenta il metodo di indagine di Del Noce, caratterizzato da una analisi minuziosa di questioni storiografi che, sostenuta sempre da un’elaborazione teoretica profonda e originale. Secondo Del Noce la ragione può attingere le questioni meta fisiche ultime solo attraverso la storia. Su questo sfondo il pensiero del filosofo piemontese anticipa alcune delle questioni di massima attualità per il pensiero, quali la possibile dissoluzione della società opulenta, della struttura democratica dalla polis nichilista e i possibili nuovi totalitarismi dovuti all’elusione delle questioni fondamentali della verità e della libertà. Lo sforzo della lunga ricerca di Del Noce fu quello di mostrare come il nichilismo sia l’esito inevitabile del razionalismo, ma non rappresenti il destino dell’Occidente: nel momento del suo compiersi esso svela anche la sua natura dogmatica e apre la via a una riconsiderazione critica della forza e della bontà per l’uomo della tradizione cristiana.

(source: Bol.com)

Verità / Menzogna

L’opera di George Orwell, come pure la sua vita, affonda le radici in un concetto fondamentale: quello di verità, indissolubilmente legato a quello di libertà. Il tema della verità (inseparabile dal suo opposto, la menzogna) è il cuore di questa antologia, che raccoglie pagine folgoranti tratte sia dai romanzi sia dai saggi, dai diari e dalle lettere. Dalla propaganda politica all’onestà personale, dalla libertà di stampa al senso morale, molti sono gli argomenti trattati; le parole di Orwell, il suo illuminato scetticismo, la limpidezza del suo pensiero offrono all’umanità del Duemila, confusa in un mondo di disinformazione, post-verità e *fake news*, l’antidoto più efficace contro la manipolazione delle coscienze.
**
### Sinossi
L’opera di George Orwell, come pure la sua vita, affonda le radici in un concetto fondamentale: quello di verità, indissolubilmente legato a quello di libertà. Il tema della verità (inseparabile dal suo opposto, la menzogna) è il cuore di questa antologia, che raccoglie pagine folgoranti tratte sia dai romanzi sia dai saggi, dai diari e dalle lettere. Dalla propaganda politica all’onestà personale, dalla libertà di stampa al senso morale, molti sono gli argomenti trattati; le parole di Orwell, il suo illuminato scetticismo, la limpidezza del suo pensiero offrono all’umanità del Duemila, confusa in un mondo di disinformazione, post-verità e *fake news*, l’antidoto più efficace contro la manipolazione delle coscienze.

Vento Solare

Vento solare (The Wind from the Sun) è un’antologia di racconti fantascientifici di Arthur C. Clarke del 1972. L’opera è stata pubblicata in italiano nel 1977 come secondo speciale della rivista fantascientifica Robot (supplemento al numero 12), diretta da Vittorio Curtoni.
Titoli dei racconti
Il cibo degli dèi (The Food of the Gods, 1961)
Maelstrom II (Maelstrom II, 1962)
Le creature degli abissi (The Shining Ones, 1962)
Vento solare (The Wind from the Sun, 1963)
Il segreto (The Secret, 1963)
L’ultimo ordine (The Last Command, 1963)
Chiamata per l’Homo Sapiens (Dial F for Frankenstein, 1963)
Playback (Playback, 1963)
La luce delle tenebre (The Light of Darkness, 1964)
Il più lungo racconto di fantascienza mai scritto (The Longest Science-Fiction Story Ever Told, 1965)
Herbert George Morley Roberts Wells (Herbert George Morley Roberts Wells, Esq., 1967)
Ama quell’universo (Love That Universe, 1966)
Crociata (Crusade, 1966)
Cielo crudele (The Cruel Sky, 1966)
Marea neutronica (Neutron Tide, 1970)
Transito della Terra (Transit of Earth, 1970)
Incontro con Medusa (A Meeting with Medusa, 1971) – vincitore del Premio Nebula

Ventiquattresimo Rapporto sulle migrazioni 2018

L’immigrazione è diventata una delle principali questioni dell’Unione europea e dei Paesi che ne fanno parte. Il Rapporto analizza gli atteggiamenti degli italiani nei confronti degli immigrati; affronta il rapporto tra Europa e immigrazione, partendo dagli esiti delle elezioni politiche in Italia e toccando alcune tematiche di grande attualità quali il dibattito su Brexit e la crisi del sistema europeo d’asilo; approfondisce alcuni aspetti fondamentali quali la trasformazione delle appartenenze religiose a fronte delle migrazioni internazionali, il fenomeno dei minori non accompagnati e l’attivazione dei corridoi umanitari.

(source: Bol.com)

Venti di morte. La caduta di Malazan: 72

L’Impero Letherii, governato dallo spietato Cancelliere Triban Gnol, è sotto la II minaccia di un’invasione da parte dei Tiste Edur, che sembrano essersi inaspettatamente alleati con i Tiste Andii. La guerra incombe. La grande flotta Edur avanza incontrastata, i suoi guerrieri sono selezionati fra un numero sterminato di aspiranti. Le loro file annoverano, tra gli altri, Rarsa Orlong e Icarium, destinati a incrociare le rispettive lame con l’Imperatore in persona. Ma nell’attraversare mezzo mondo, i Tiste Edur si sono lasciati alle spalle una vistosa scia di sangue, e la loro brutalità non può restare Impunita. Per qualcuno si avvicina la resa dei conti, per altri è ancora lontana. E il duro scontro non coinvolgerà solo i mortali, ma anche le malvagie e bizzose divinità…
**

Vent’anni son già troppi. Romanzo di lotta e di vita

Diario di una ventenne spaesata che il “mal di vivere” porta a reiterati tentativi di suicidio. Trovare il proprio equilibrio, il proprio posto nel mondo, è il suo sforzo. Tratti comuni a più di una generazione di giovani, che non trovano valori di riferimento in una società protesa alla competizione, all’apparire. Non c’è posto in questo mondo e la morte arriverà quando lei smetterà di cercarla. Il destino che strappa la vita a vent’anni è tanto crudele quanto sempre più frequente. In molti Paesi occidentali il suicidio casato dal disagio psicologico, dall’ansia e dall’angoscia, è tra le prime cause di morte. Fin da piccola la protagonista fugge al mondo degli adulti rifugiandosi nella sua Arcadia, nella sua cuccia fatta di animali, di cani randagi, di libri.

Vent’ anni dopo

Il romanzo ricomincia vent’anni dopo le vicende raccontate ne I tre moschettieri. Il cardinale Richelieu è morto nel 1642 ed è stato sostituito dal cardinale italiano Giulio Mazarino, “odiato” da gran parte del popolo; era morto anche il re Luigi XIII, lasciando Luigi XIV, il Re Sole, ancora bambino, che regnava sotto la reggenza della madre Anna d’Austria. A Parigi, inoltre, dopo un aumento delle tasse da parte di Mazarino scoppia la Fronda, che porta scompiglio nella città e preoccupa il cardinale. D’Artagnan ha ormai quarant’anni, è tenente nei moschettieri del re e non vede i suoi amici da molto tempo.
**
### Sinossi
Il romanzo ricomincia vent’anni dopo le vicende raccontate ne I tre moschettieri. Il cardinale Richelieu è morto nel 1642 ed è stato sostituito dal cardinale italiano Giulio Mazarino, “odiato” da gran parte del popolo; era morto anche il re Luigi XIII, lasciando Luigi XIV, il Re Sole, ancora bambino, che regnava sotto la reggenza della madre Anna d’Austria. A Parigi, inoltre, dopo un aumento delle tasse da parte di Mazarino scoppia la Fronda, che porta scompiglio nella città e preoccupa il cardinale. D’Artagnan ha ormai quarant’anni, è tenente nei moschettieri del re e non vede i suoi amici da molto tempo.

Vendetta d’amore (eLit)

SILK & SCANDAL Vol.3 Cornovaglia, 1814. Quando Lady Honoria, diamante del ton, viene sorpresa con le vesti strappate tra le braccia di un uomo, nessuno è disposto a credere che sia vittima di un complotto. Caduta in disgrazia, la gentildonna si rifugia così in Cornovaglia e si presenta a tutti come Miss Foxe. Qui conosce il capitano Gabe Hawksworth, un affascinante contrabbandiere con cui instaura un rapporto intenso e magico e al quale racconta ciò che è accaduto a Londra. Gabe, che pur non essendo nobile è un vero gentiluomo, si offre di aiutarla a smascherare chi ha ordito l’intrigo anche se a quel punto è chiaro che lei non potrà mai essere sua. Ma al cuore, e al vero amore, non si comanda…

(source: Bol.com)

Vedute sul mondo reale. Gurdjieff parla agli allievi 1917-1931

George I. Gurdjieff, profondo conoscitore della tradizione orale propria delle regioni a sud del Caucaso dove si incrociano culture diverse e antichissime, dopo aver viaggiato a lungo in Europa, Africa, Medio Oriente, Asia Centrale per raccogliere i frammenti sparsi delle antiche tradizioni di saggezza, si dedicò a ricostruire la conoscenza della verità e a trasmetterla agli occidentali attraverso l’insegnamento. Questo libro raccoglie una serie di testimonianze di quegli incontri così frequenti che Gurdjieff aveva coi suoi allievi.
**

Vathek

La terra si apre; con terrore e speranza, Vathek scende fino infondo al mondo. Una silenziosa e pallida moltitudine di persone che non si guardano erra per le superbe gallerie del palazzo infinito. L’Alcázar del Fuoco Sotterraneo abbonda in splendori e talismani, ma è anche l’Inferno. Saintsbury e Andrew Long dichiarano o suggeriscono che l’Alcázar del Fuoco Sotterraneo è la maggior gloria di Beckford. Io affermo che si tratta del primo Inferno realmente atroce della letteratura. L’Inferno dantesco magnifica la nozione di carcere; quello di Beckford, i cunicoli di un incubo. Beckford incarnò un tipo di playboy milionario, gran signore, viaggiatore, bibliofilo, libertino e costruttore di palazzi. Innalzò un’azzardata magione a Fonthill, della quale, forse fortunatamente per il buon gusto, non rimane pietra su pietra.

Vanish. La Traditrice

Ho tradito il mio clan per amore di un cacciatore. Ho rivelato la mia natura draki trasformandomi proprio davanti agli avversari di sempre, uomini capaci di ogni malvagità, di ogni bassezza. Era l’unica cosa da fare per salvare la vita a Will, il mio amore, il mio nemico. Senza l’intervento di Cassian, il principe ereditario, sarei finita peggio che morta, e di fronte a un gesto simile, nessuna ragazza può restare indifferente, nemmeno io. Il compromesso è stato abbandonare Will e tornare a vivere con il clan, ma non più come futura regina. Nessuno parla a una traditrice, nessuno vuole avere a che fare con me, nessuno capisce quello che ho fatto e perché. Nemmeno mia sorella Tamra, la mia gemella, innamorata di Cassian da sempre. Tutto si complica quando Will supera le barriere protettive del clan per ritrovarmi e, senza saperlo, si porta dietro la sua famiglia. Tutti cacciatori, dal primo all’ultimo.