66353–66368 di 75864 risultati

Tecniche di concentrazione interiore

L’Autore, che per qualche decennio praticò lo Yoga e lo Zen, unitamente all’ascesi puramente noetica del Buddhismo mahayanico e del Vedanta, ha rivolto successivamente la sua ricerca alla «facies» occidentale della Tradizione, incontrando, a un determinato momento, il filone facente capo al personaggio considerato l’«Iniziatore degli iniziati», in ogni tempo, presso ogni sistema tradizionale, sotto nomi diversi, e che «appare» in Occidente tra il XIII e il XIV secolo, sotto il nome di Cristiano Rosenkreuz.
Le discipline dalla concentrazione trattate in questo libro sono il risultato delle esperienze e delle sintesi di anni, ma soprattutto del contatto dell’Autore con portatori dell’insegnamento perenne: insegnamento espresso bensì dalla moderna scienza dello spirito, ma tale che il suo mero apprendimento non è sufficiente a renderne attuale l’intimo contenuto. Tenuto conto di ciò, e data la precaria situazione della presente civiltà, l’Autore si è regolato secondo la persuasione che talune discipline, sinora trasmesse solo oralmente, debbano oggi essere messe alta portata anche del cercatore indipendente. Sarà questi che, ove muova da decisione assoluta e con purezza d’intenti, scoprirà la fonte stessa dell’insegnamento, giovandosi delle discipline contenute nel libro.

Teatro

Stefano Benni a teatro. È da una decina d’anni che Benni presta volentieri la sua fantasia alla scena teatrale, scrivendo per amici attori e registi e passando di volta in volta dalla sintesi del monologo alla divagante e ricca tensione drammatica della pièce di ampio respiro. Comico, sferzante, dolente, Benni disegna figure femminili (“La topastra”, “La moglie dell’eroe”, scritti per Lucia Poli), si diverte a nevrotizzare sognanti fanciulle romantiche (“La signorina Papillon”), a spezzare identità (“La misteriosa scomparsa di W”) a far tornare sulla terra in veste di contadino un diavolo-angelo dalle lunghe ali grigie (“Astaroth”), a tratteggiare la figura di un intrusivo barista col complesso di Sherlock Holmes (“Sherlock Barman”).
**

Teach Me

‘Dove c’è tanto odio, c’è tanto amore’ sparo, non troppo convinta che possa essere definita un’argomentazione e figurarsi una risposta.Mi fissa ed è evidente che non sia convinto della mia risposta.’Quindi la sua ostilità è dovuta a un celato amore nei miei confronti?’

Morgan Williams non crede ai suoi occhi quando vede entrare in aula un nuovo professore di Letteratura Inglese al posto della sua adorata Mrs. Tutcher. Chi è? E perché ha osato sostituire la sua professoressa adorata? Non importa quanto lui sia sexy, bellissimo, assolutamente attraente e persino intelligente, lei non proverà mai simpatia per uno del genere, che potrebbe di certo fare il modello, ma non l’insegnante. Cameron Wilde ha gli occhi più azzurri che Morgan abbia mai visto, recita Shakespeare a memoria, lui sa scherzare con gli alunni, sa essere insolente con classe, e si rivela più capace di quanto lei si aspettasse, perché Cameron Wilde è speciale e si avvicina pericolosamente al suo uomo ideale, ma è un professore, il “suo” professore, e una ragazza all’ultimo anno di superiori non può innamorarsi di un docente. Questo non è possibile.

Un amore nato tra i banchi di scuola in situazioni imbarazzanti e divertenti, dove sono le emozioni che travolgono e non lasciano scampo, anche se proibite. Non si può imbrigliare un sentimento, per quanto questo faccia male e sembri impossibile.

I lettori dicono:

Dopo pochi capitoli sono già pazza di Cameron… Immagino che per quando la storia sarà finita, avrò sviluppato una forma di ossessione, o qualcosa del genere.

Come si fa a non adorare Cameron Wilde?

Per info sulla casa editrice: www.delraiedizioni.com

(source: Bol.com)

Tè, zucchero e segreti

La bella e risoluta Jill Clemmons ha deciso di abbandonare Adams Grove, il paesino di campagna dove è nata, per costruirsi una nuova vita in Georgia. Ma in quel remoto angolo di Virginia ha lasciato il suo affetto più grande, la nonna Pearl, che l’ha cresciuta come una figlia dopo la morte dei genitori. Il suo cuore si è allontanato anche da Garrett Malloy, il fidanzato di un tempo e una delle ragioni per cui Jill ha deciso di andarsene.
Quando tutto il paese si ritrova a piangere l’improvvisa scomparsa dell’amata Pearl, Jill ritorna ad Adams Grove per occuparsi del funerale e delle cose della nonna. La casa di Pearl custodisce però dei segreti inattesi. Segreti che riguardano il passato della nonna, ma anche il presente di Jill, e quello di Garrett. Segreti che, innescando una strana serie di eventi, faranno riavvicinare i due. Segreti che metteranno Jill di fronte a una scelta decisiva, e le insegneranno il valore più profondo dell’amore.
**

Te lo giuro

A volte basta un piccolo cambiamento di programma, un invitato imprevisto, per trasformare l’attesa vacanza al mare in una catastrofe. Altre volte, lo scompiglio provocato dall’inaspettata scoperta di inquietanti scheletri nell’armadio di una coppia riesce ad avere un effetto catartico, liberatorio. Cosa accadrà in questo nuovo, travolgente romanzo di Claire Calman nel quale due famiglie londinesi si ritirano in un cottage sul mare per trascorrervi le vacanze di Pasqua? Nessuno avrebbe potuto immaginare che il loro idillio balneare potesse infrangersi, ma in un crescendo di rivelazioni risorgono e si riaccendono vecchie rivalità, mentre un segreto rischia di distruggere un matrimonio. Con inconfondibile humour e malizia, Claire Calman, regala ai suoi lettori un’altra commedia sentimentale buffa e graffiante, ricca di colpi di scena, cuori infranti e passioni che infine trionfano su tutto.

Tau Zero

L’astronave interstellare Leonora Christine con a bordo un equipaggio di cinquanta fra uomini e donne, è diretta verso il terzo pianeta della stella Beta Virginis allo scopo di fondare una nuova colonia. Poiché l’astronave è in grado di procedere ad un’apprezzabile frazione della velocità della luce, il tempo soggettivo di bordo viene rallentato e quindi un viaggio di vari decenni per i componenti della spedizione durerà solo pochi anni. Nella teoria della relatività vi è infatti il fattore tau: più la velocità di un’ipotetica astronave si avvicina a quella della luce e più il valore del tau tende a zero, causando una dilatazione del tempo rispetto al resto dell’universo. Ma ecco che l’innocuo attraversamento di una nube di polvere interstellare scatena l’imprevedibile. Il sistema di decelerazione entra in avaria e non solo la Leonora Christine non è più in grado di rallentare la sua folle corsa, ma rischia di trasformarsi in un proiettile cosmico, sfrecciando attraverso intere galassie in un batter d’occhio e divorando materia interstellare ad un ritmo forsennato, mentre lo spazio esterno invecchia di milioni e milioni di anni. Quando, ma soprattutto dove, potrà concludersi un simile viaggio?

Tattica dell’errore

Sfruttare gli errori dell’avversario. Magari provocarli. È, questa, una delle più antiche regole della tattica di guerra. Ma l’errore di cui si serve, come strumento tattico, il giovane tenente colonnello Cletus Grahame, con la sua faccia di bravo figliolo e con la sua gamba lesa da una ferita di guerra, è d’altra natura. È un errore di cui egli crea le premesse «a monte», cioè nel cervello stesso del suo nemico. La sua avventura è come una partita a scacchi — combattuta su lontani pianeti e attraverso lo spazio. Essa coinvolge personaggi straordinari, come il giovane e tipico ufficiale di Marina, come l’austero maggiore dei Mercenari, come gli Esotici di Kultis con i loro poteri metapsichici… È una storia di azione spaziale che non lascia un attimo di respiro.

Taras Bul’ba e gli altri racconti di Mirgorod

Con i Racconti di Mirgorod, pubblicati nel 1845, affiora nell’opera gogoliana la consapevolezza dei mali che tormentano l’umanità e che, in capo a un’inevitabile deriva, ne causeranno la disfatta.
Ai poderi fioriti, alle distese sconfinate della steppa ucraina fanno da tetro corteggio il dolore, la violenza, la distruzione, la cattiveria, la morte come rottura di un accordo tra i vivi. Nascono il conflitto, la furia di prevaricare e di condizionare la libertà altrui a proprio esclusivo vantaggio. Nasce cioè la società in cui Gogol’ infelicemente vive. Per questo, i quattro racconti si propongono come naturale e drammatico trait d’union tra il lirismo stupefatto delle *Veglie* e l’amarezza del ciclo pietroburghese, in cui tutto è menzogna, inganno, sopruso, follia, morte.

Tantra: La via dell’estasi sessuale

Il libro cerca di guidare il lettore sul percorso tantrico (dall’orgasmo all’estasi) e nello stesso tempo lascia uno spazio per riempire le tecniche esposte con il proprio vissuto, per riconoscersi con i problemi personali di ciascuno e per trovare la propria dimensione sessuale-spirituale.

Tanequil. Il druido supremo di Shannara

Vent’anni dopo il viaggio della Jerle Shannara, il Druido Supremo di Paranor Grianne Ohmsford viene esiliata al di là del muro della Zona Proibita. Il suo destino è ora nelle mani del nipote Penderrin, che a differenza di sua zia e dei suoi genitori è privo del dono della magia e che, insieme a una compagnia di elfi fedeli al Druido Supremo, intraprende una spedizione per salvarla. Nel frattempo Grianne viene a conoscenza di un modo per sfuggire alla sua prigionia: procurarsi un ramo dell’albero magico Tanequil…

Tamerlano: il principe delle steppe

Il nome di Tamerlano è ancora associato, nelle lingue euro-occidentali, a un’immagine di paura e di distruzione. In seguito, Attila e Genghiz Khan hanno ricevuto da molti storici un trattamento senza dubbio più rispettoso: se ne sono sottolineati la finezza politica e gli interessi culturali, si sono evidenziati alcuni tratti di generosità e di magnanimità sotto la crosta della ferocia. Solo nel caso di Tamerlano, essa è rimasta irremissibile: nulla vi sarebbe stato, in lui, della nobile terribilità dei suoi due predecessori. Sono stati gli studi etnoantropologici del Novecento a determinare, spesso quasi di riflesso, una visione nuova del problema.

Taking Woodstock. L’avventura eroicomica del ragazzo che salvò il Festival

Nel 1969 Elliot Tiber ha poco più di vent’anni, fa il decoratore a New York e durante i weekend da una mano al motel di famiglia, nel paesino di Bethel, non lontano da Woodstock. Gay non dichiarato, vittima di una “tipica” madre ebrea autoritaria e castrante, sembra destinato a una vita di emarginazione e repressione quando la salvezza gli arriva dal cielo: il 15 luglio un elicottero atterra sulla sua proprietà e Mike Lang chiede il suo aiuto per trovare il luogo che ospiterà un grande concerto rock. Questo libro è il racconto dell’avventura che rese possibile la tre giorni di pace, amore e musica di Woodstock, tra il 15 e il 17 agosto 1969. I 50.000 spettatori previsti diventano mezzo milione, gli inorriditi abitanti della contea devono essere placati, i genitori di Elliot assaggiano biscotti all’hashish e trionfa lo spirito dei giovani che sognavano di cambiare il mondo.
**

Take Me

ROMANZO AUTOCONCLUSIVO
ATTENZIONE! Scene di sesso esplicite.
Jane Bright ha avuto una vita difficile, è una prostituta e l’amore l’ha distrutta fino a ridurla in cenere. È una donna sola, delusa dai suoi affetti più cari e con la vita che continua a voltarle le spalle. Una sera incontra Joseph Welch, un uomo affascinante e irresistibile. Passano la notte insieme, finché lui non le propone una conoscenza più approfondita.
Joseph offre a Jane la possibilità di ricominciare e di diventare la Vivian Ward che sogna di essere.
Jane non sa chi sia Joseph Welch, mentre tutti i media e la gente altolocata lo conoscono bene.
Tra i due si instaura un rapporto passionale e magnetico.
Lui le regalerà dei giorni bellissimi, che Jane faticherà a dimenticare quando arriverà il momento di doverlo fare.
Il passato di Jane tornerà a bussare alla sua porta, ma solo per procurarle altro dolore. Sarà così forte da affrontarlo o si lascerà sconfiggere di nuovo?
Joseph sarà l’Edward Lewis di Jane?
E cosa succederà alle loro vite quando la verità verrà fuori?
Il loro legame potrà diventare qualcosa di talmente forte da riuscire a superare le difficoltà?
CONTATTI AUTRICE
Email: [email protected]
Pagina Facebook: www.facebook.com/karenmorganautrice/
**
### Sinossi
ROMANZO AUTOCONCLUSIVO
ATTENZIONE! Scene di sesso esplicite.
Jane Bright ha avuto una vita difficile, è una prostituta e l’amore l’ha distrutta fino a ridurla in cenere. È una donna sola, delusa dai suoi affetti più cari e con la vita che continua a voltarle le spalle. Una sera incontra Joseph Welch, un uomo affascinante e irresistibile. Passano la notte insieme, finché lui non le propone una conoscenza più approfondita.
Joseph offre a Jane la possibilità di ricominciare e di diventare la Vivian Ward che sogna di essere.
Jane non sa chi sia Joseph Welch, mentre tutti i media e la gente altolocata lo conoscono bene.
Tra i due si instaura un rapporto passionale e magnetico.
Lui le regalerà dei giorni bellissimi, che Jane faticherà a dimenticare quando arriverà il momento di doverlo fare.
Il passato di Jane tornerà a bussare alla sua porta, ma solo per procurarle altro dolore. Sarà così forte da affrontarlo o si lascerà sconfiggere di nuovo?
Joseph sarà l’Edward Lewis di Jane?
E cosa succederà alle loro vite quando la verità verrà fuori?
Il loro legame potrà diventare qualcosa di talmente forte da riuscire a superare le difficoltà?
CONTATTI AUTRICE
Email: [email protected]
Pagina Facebook: www.facebook.com/karenmorganautrice/

Svolta cruciale

Livia acquista a un’asta una vecchia casa di campagna, appartenuta a una vecchietta senza eredi. O almeno così credeva lei, perché all’improvviso le si presenta in casa un certo Clint che, reduce dal Borneo dove ha condotto un’importante ricerca antropologica, ne reclama la proprietà in quanto nipote della defunta. Ma come chiarire il mistero che circonda quell’uomo affascinante? Livia trova nella casa alcuni indizi che però si rivelano insufficienti. Fino a che un giorno…