65153–65168 di 75864 risultati

Caterina a modo suo

Caterina a modo suo by Sveva Casati Modignani
Giunta all’età matura, la scrittrice Caterina Belgrado tira le somme di un’esistenza vissuta “a modo suo”: la bellezza, gli affetti, il successo non le hanno dato la felicità. Figlia di un fruttivendolo con bottega nel centro di Milano, Caterina, splendida adolescente nell’Italia del dopoguerra, ha avuto un marito, poi un compagno, tre figli e anche la fama. Ma ha posseduto Marco, il grande amore della sua vita, solo per pochi, indimenticabili giorni. Eppure, al di là di ogni speranza, la sorte le riserva un’ultima sorpresa…

La catena al piede

Nell’amena località di Port Palmetto, durante una baldoria fra ragazzi, una studentessa viene violentata e uccisa. La polizia appunta i suoi sospetti su Keith Rollins, l’ultimo che è stato visto in compagnia della vittima, prima della tragedia. Ma non esistono prove, e Keith viene rilasciato. Gli rimane il marchio di quel sospetto, anche se Nancy Vallancourt, che è innamorata di lui, è pronta a giurare sull’innocenza che egli proclama. Anche il babbo di Nancy, John, lo crede innocente, ma la sua fiducia riceve un duro colpo, quando lo stesso padre del ragazzo gli manifesta i propri dubbi in proposito. Poi accade una cosa orribile: Dorcas Ferguson, la ricca zia di Keith, viene assassinata. È lo stesso Vallancourt a fare la raccapricciante scoperta e a trovare proprio Keith Rollins nella stanza del delitto, nascosto dietro una tenda. Il giovane si dà alla fuga, saltando da una finestra e aggravando così la sua già disperata situazione. Bisogna ritrovarlo, bisogna indurlo a costituirsi. È il solo modo per salvargli la pelle. Ma dove cercarlo? Con incredibile cinismo, il padre del ragazzo suggerisce una ipotesi allarmante a Vallancourt. «Sarà andato da vostra figlia» dice. E questo è il momento in cui il Rettore della Scuola Superiore frequentata da Nancy telefona a Vallancourt. Nancy non si è presentata alla scuola. Nancy è sparita. Si è forse recata a un appuntamento con Keith, ignara e indifesa, come la ragazza di Port Palmetto? E se Keith ha già ucciso due volte, che cosa lo tratterrà dal commettere un terzo delitto? Ancora una prova convincente della superiorità di Ellery Queen, narratore di classe.

Cate, io

“Ci sono guerre che non hanno tregua, eroi senza fanfare. Caterina è una di questi: una veterana di diciassette anni, che comincia la lotta ogni mattina, entrando nella tortura dei vestiti. Perché Caterina è obesa, e l’unica normalità che conosce è tra le mura di casa, in una famiglia di obesi. La sua identità scompare a contatto con il resto del mondo, perché fuori l’unico modo di sopravvivere è diventare Cate, la supereroina ferocemente autoironica il cui potere è quello di “essere il paragone che salva”: nessuna è più brutta, più grassa o più sola di lei. Caterina va a testa alta per il mondo ostile: attraversa le selve dei soprannomi, si veste del desiderio di essere invisibile, rifiuta la pietà degli altri. Il suo posto nel mondo è gravato dalla sproporzione, ma la sua scialuppa di salvataggio è l’intelligenza, la sua arma il sarcasmo con cui anticipa su di sé il giudizio degli altri per anestetizzarlo prima che colpisca duro. Matteo Cellini entra a gamba tesa nella vita di Caterina, e senza sconti ci racconta la sua guerra. Lo fa talmente bene che non è la pietà per Cate quella che ci rimane, ma è il rispetto. Rispetto per questa eroina condannata al fuori misura, e rispetto per un autore che la misura – letteraria – invece la conosce bene, con un racconto durissimo e lieve, implosivamente normale e ferocissimamente pieno di tenerezza.” (Alessandra Casella)
**

Catch the Millionaire

“Catch the Millionaire”, della London Chronicle, mette sottosopra il mondo dei media: i milionari cercano in questa spettacolare maniera di trovare la donna per la vita, – e proprio Gillian, 24 anni, un po’ troppo bassa, un po’ troppo rotondetta, viene messa a capo del progetto. Con gioia si getta sul nuovo compito, ma già il suo primo “caso”, il milionario scozzese Kyle MacLeary, con il suo desiderio di una “top model intelligente” e i suoi modi insopportabili, la porterà ad infuriarsi. E anche per quanto riguarda il resto, niente va come dovrebbe. Il suo vicino di casa è l’attraente Bad Boy Jayson che la fa confondere. Quando Gillian verrà poi messa davanti ad un nuovo capo, non potrà credere ai propri occhi … L’autrice è il tipico risultato del rapporto tra due persone con culture diverse: poliglotta e da nessuna parte davvero a casa, oppure, al contrario, ovunque. Lisa Torberg vive fra l’Italia e l’Inghilterra, la patria di sua madre, e vive e scrive secondo il motto: “L’amore è l’unico gioco in cui ci possono essere due perdenti. Oppure due vincitori.” Iscrivetevi su www.lisatorberg.com per ricevere la newsletter in italiano e seguite Lisa Torberg qui su Amazon, sulla pagina Facebook in italiano, su Instagram, Twitter e Pinterest.

Il Catalogo Delle Donne Valorose

Il catalogo delle donne valorose by Serena Dandini
“È facile per una donna essere valorosa. Il salto mortale per tentare di mettere insieme casa, lavoro (sempre se si riesce a trovarne uno), magari figli e cure sparse a parenti vari… già dovrebbe far scattare una decorazione al merito. Il piccolo inconveniente da secoli è che non c’è nessun podio o inno pronto ad accogliere queste vincitrici, né tantomeno una medaglia da appuntar loro al petto. È un annoso argomento che studiose molto più autorevoli di me hanno già posto all’attenzione mondiale: per semplificare la pratica potremmo dire che, mentre l’Uomo Invisibile è diventato una star cinematografica, le donne spesso sono invisibili e rimangono tali. Eppure le esponenti di quella che una volta veniva chiamata ‘l’altra metà del cielo’ hanno fatto la storia, contribuendo all’evoluzione dell’umanità in tutti i campi possibili: dall’arte alla letteratura, dalla scienza alla politica, non trascurando la cibernetica e la fisica quantistica; ma per uno strano sortilegio raramente vengono ricordate, con difficoltà appaiono nei libri di storia e tantomeno sono riconosciute come maestre e pioniere: in sintesi, si fa fatica a intestar loro persino una strada periferica.”
Partendo da questa amara ma indiscutibile premessa, Serena Dandini decide di raccontare le vite di trentaquattro donne, intraprendenti, controcorrente, spesso perseguitate, a volte incomprese ma forti e generose, sempre pronte a lottare per raggiungere traguardi che sembravano inarrivabili, se non addirittura impensabili.
Così, una accanto all’altra, introdotte dai meravigliosi collages di Andrea Pistacchi, scorrono le vite di Ilaria Alpi, la giornalista uccisa mentre indagava su scomode verità, Kathrine Switzer, la prima donna a correre la maratona di Boston, Ipazia, che nel IV secolo, contro i divieti ecclesiastici, osò scrutare il cielo per rivelare il movimento dei pianeti, Olympe de Gouges, autrice nel 1791 della rivoluzionaria *Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina*, fino a Betty Boop che, pur essendo solo una donnina di carta, ha dovuto comunque subire una censura per via della propria esuberanza.
In attesa di un riconoscimento ufficiale con tanto di busti marmorei e lapidi a eterna memoria, l’autrice ha affiancato alle protagoniste del suo libro altrettante rose che lungimiranti vivaisti hanno creato per queste donne valorose.
“Questo catalogo non ha la pretesa enciclopedica di fare giustizia dell’amnesia collettiva che ha privato la storia di una parte essenziale del suo albero genealogico, ma vuol solo farvi ‘assaggiare’ quell’epopea sommersa. Se il mondo dei ‘padri’ illustri ha fatto cilecca in molti campi, per fortuna abbiamo ancora un terreno inesplorato di ‘madri’ eccellenti e autorevoli a cui rivolgerci con un nuovo entusiasmo – cattive maestre comprese, che non guastano mai in una corretta educazione.” Una delle scrittrici più importanti e amate d’Italia scrive un libro appassionante e necessario, restituendo ai lettori le vite di donne formidabili, per alimentarne la memoria e perché possano essere di esempio per le nuove generazioni.

Il castello di Northanger (eLit)

A PROPOSITO DI JANE AUSTEN 2 Caroline Merrill nutre una passione davvero smodata per i libri e in particolare per le novelle popolate di vampiri, castelli e buie notti di luna. Caroline ha anche una sfrenata fantasia, che la porta ad ambientare storie in ogni luogo che visita e a fare di ogni persona che colpisce la sua curiosità la protagonista di un racconto. Non ha idea di quanto possa essere pericolosa questa sua innocente passione, almeno finché non inizia a sospettare che l’affascinante Mr. Blanchard sia uno di quei succhiasangue che popolano le storie che tanto ama…

(source: Bol.com)

Il castello dei sogni

Lui è sempre rimasto in un angolo del suo cuore
Dopo la morte del padre, il signore di Deerstone, Lianne rimane sola al mondo quando sua madre scompare nel nulla. Appena nata, la ragazza era stata promessa in sposa a Hayden, un abile e feroce guerriero che, sopravvissuto in tenera età allo sterminio della propria famiglia, era stato accolto proprio a Deerstone. In cerca di protezione, ora Lianne lo richiama a sé e Hayden non si tira indietro, prende possesso del castello e la sposa. Ma ad attenderlo non sono giorni felici, perché la strada per superare i dolori e le atrocità del passato è ancora lunga e il suo cuore sembra incapace di amare.

Il castello d’argento

«Era un trafiletto che parlava di un quadro a olio venduto il giorno prima da Waterman’s, un paesaggio svizzero di montagna dipinte da Benedict Sherbrooke. Era la prima volta, diceva l’articolo, che un quadro di questo artista veniva venduto all’asta. Solo poco tempo prima, in febbraio, il pittore si era ucciso vicino alla sua abitazione in Svizzera: ironicamente, il riconoscimento era arrivato troppo tardi. “Gail, sei diventata bianca come un lenzuolo!” esclamò Colin, preoccupato, “C’è qualcosa che non va?” Mi tremavano le mani e non riuscivo a tenerle ferme. “Benedict Sherbrooke era mio padre.” “Ma non mi avevi detto che tuo padre è morto quando eri piccola?” “È quello che ho sempre creduto…”» Così comincia per Gail Sherbrooke, giovane Nastratrice inglese, il mistero de! Castello d’argento: la ragazza, infatti, è bella e gentile, ma vuole andare sino in fondo, scoprire la verità. E la verità è pericolosa.

La casta della monnezza

Mentre la Campania cade nel baratro dell’emergenza spazzatura, soffoca per la disoccupazione ed è messa in scacco dalla violenza della camorra, la sua classe dirigente rimane nel mirino della magistratura per i reati più disparati. Si va dal Governatore della Regione, l’afragolese “rosso” Antonio Bassolino, alla sbarra per lo scempio dei rifiuti, al suo rivale di partito, Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, rinviato a giudizio dopo tre richieste di arresto andate a vuoto. Si passa poi all’ex ministro Alfonso Pecoraro Scanio, accusato di aver accettato viaggi e soggiorni di lusso in cambio di favori, e a Clemente Mastella, indagato con l’accusa di aver estorto nomine e assessorati. E ancora: il sottosegretario all’Economia Nicola Cosentino (PDL), chiamato in causa da pentiti di camorra; il vice capogruppo alla Camera dei berlusconiani Italo Bocchino, nei guai per l’inchiesta “Magnanapoli” sugli appalti truccati per favorire Alfredo Romeo; l’ex assessore al Bilancio del Comune di Napoli Enrico Cardillo (PD), arrestato per l’affare Romeo; il consigliere regionale Nicola Ferrara (UDEUR), sottoposto a diverse misure cautelari… Nel libro di De Stefano e Iurillo sfilano quaranta uomini politici nei guai con la legge: senz’altro troppi per una terra che chiede a gran voce il riscatto dalle condizioni in cui è precipitata.
**

La cassaforte segreta (Artemis Fowl 0.5 & 1.5)

Finalmente la chiave per entrare nel mondo segreto di Artemis. Direttamente dalla cassaforte di Casa Fowl, un dossier riservatissimo sui sogni di Artemis, i suoi incubi, i suoi pensieri, perfino la sua pagella! E poi le più incredibili invenzioni di Polledro, mappe, formule, un estratto dal Libro del Popolo in Codice Gnomico e una ghiotta sezione alla scoperta della creature magiche. In più due nuove fantastiche storie.

La cassaforte degli evasori

Hervé Falciani ha messo ko il segreto bancario svizzero. Non era mai successo che l’intero archivio di una banca fosse copiato e rivelato alla pubblica opinione. La famosa Lista Falciani ha fatto tremare i salotti buoni di tutta Europa e continua ad agitare il sonno di politici, banchieri, imprenditori, campioni sportivi e riciclatori di enormi somme di denaro (sarebbero più di diecimila i clienti italiani, per un totale di 8 miliardi di euro). Ecco la versione dell’uomo più temuto d’Europa, inseguito da servizi segreti, magistrati, poliziotti, una primula rossa versione 2.0, ex dipendente di una delle più grandi banche del mondo, la Hsbc… La sua storia non l’aveva ancora raccontata: dai primi passi al casinò di Montecarlo alla banca di Ginevra, la fuga dalla Svizzera, le minacce di morte, il finto rapimento, il viaggio in Libano, il carcere a Madrid, la collaborazione con i magistrati spagnoli, francesi e americani (mentre l’Italia sta alla finestra per timore che salti fuori qualche nome importante) che ha fruttato il recupero di centinaia di milioni di euro. Un’avventura dopo l’altra che culmina con il progetto di una rete internazionale per aiutare le gole profonde che denunciano casi di corruzione e di frode fiscale: lui le chiavi per far saltare il sistema le ha e lo dice, rischiando grosso. In gioco ci sono la sua reputazione, la sua famiglia e l’avvenire politico dell’Europa.
**

Il caso

In ”Giovinezza”, in ”Lord Jim” e in ”Cuore di tenebra” Charles Marlow aveva raccontato le vicende di personaggi annientati dal­l’in­contro con il destino. Ma in questo libro Joseph Conrad gli affida un compito ancora più delicato, e per molti versi estremo: raccontare direttamente il destino, o meglio il puro e semplice caso, una forza ‘assolutamente irresistibile, per quanto si manifesti spesso in forme delicate, quali ad esempio il fascino, reale o illusorio, di un essere umano’. Il caso è la storia di Flora de Barral, giovanissima figlia di un banchiere rovinato dalla speculazione (dopo avere a sua volta rovinato migliaia di investitori): finendo in carcere questi fa della ragazza una diseredata, senza altro diritto che la compassione. Ed è la storia di come questa creatura esile, silenziosa e ostinata lotti per resistere al­l”infatuazione del mondo’, e alle attenzioni ‘di persone buone, stupide, coscienziose’. Di come la devozione di un uomo, il capitano Anthony, le sembri all’im­provviso una salvezza possibile. Di quello che un lungo viaggio in mare può nascondere, e un matrimonio può rivelare. E della tragedia cui tutto ciò, inevitabilmente, conduce. Eppure ”Il caso” è anche un romanzo felice, che per la prima volta conquistò a Conrad schiere di lettori entusiasti: uscito nel 1913, fu il suo unico vero successo popolare. Strano destino, per un libro che è in realtà un lungo e complesso tentativo di rispondere alla domanda che tormenta allo stesso modo Conrad, Marlow e il capitano Anthony: se davvero abbia avuto senso giocarsi tutto pur di afferrare, anche solo per un attimo, ‘un filo di nebbia’.

(source: Bol.com)

Il caso Saint-Fiacre

«La contessa di Saint-Fiacre teneva ancora la faccia tra le mani. Era rigida, immobile, come la maggior parte delle altre vecchie». «“Ite missa est… La messa è finita…”». «Solo allora Maigret capì quanto era stato angosciato. Quasi non se n’era reso conto. Senza volerlo sospirò di sollievo». […] «Ancora tre persone… Due… Qualcuno spostò una sedia… Rimaneva solo la contessa, e Maigret ebbe un fremito d’impazienza…». «Il sacrestano, che aveva concluso il suo compito, gettò uno sguardo alla signora di Saint-Fiacre, e un’espressione dubbiosa gli si dipinse sul volto. In quel medesimo istante il commissario avanzò. «Giunti accanto a lei, rimasero entrambi stupiti di quell’immobilità e cercarono di vedere il volto che le mani giunte continuavano a nascondere». «Turbato, Maigret le sfiorò una spalla. Il corpo vacillò, come se fino a quel momento fosse stato sorretto da un filo, poi rotolò a terra e rimase inerte». «La contessa di Saint-Fiacre era morta». (Le inchieste di Maigret 12 di 75)
(source: Bol.com)