64049–64064 di 64539 risultati

Cioccolata amara

Che cosa ha in serbo per noi, questa volta, l’imprevedibile famiglia Garrone? Giulio è un marito e un padre esemplare, è un uomo solido e affidabile, forte e senza scheletri nell’armadio… O almeno, questo è ciò che tutti hanno sempre pensato. Eppure il suo passato nasconde un segreto, difficile da confessare e con il quale lui stesso non ha ancora fatto i conti. La vita però lo costringe a tornare indietro con la memoria, quando, mentre aspetta, terrorizzato, l’esito del parto prematuro di Felicia, sua figlia, i fantasmi lo assalgono. E allora Giulio si rende conto che è il momento di affrontarli. Uno in particolare. Si tratta di una donna, bella e travolgente ma complicata come un calcolo matematico. Una donna che gli ha rubato il cuore. E che non è sua moglie…

Cinque Secondi

Cosa saresti, se nessuno ti riconoscesse? Cosa proveresti, se il mondo non ti vedesse? Cosa faresti, se non potessi lasciare alcuna traccia di te?
Io sono Mnemosine, e ti racconterò la storia della mia vita, a patto che tu la ricordi.
Io sono Mirya, e ti racconterò la vita della mia storia, a patto che tu la dimentichi.
E se fosse il contrario?
Hai solo cinque secondi per scegliere.
Perché il tempo non basta mai.
**
### Sinossi
Cosa saresti, se nessuno ti riconoscesse? Cosa proveresti, se il mondo non ti vedesse? Cosa faresti, se non potessi lasciare alcuna traccia di te?
Io sono Mnemosine, e ti racconterò la storia della mia vita, a patto che tu la ricordi.
Io sono Mirya, e ti racconterò la vita della mia storia, a patto che tu la dimentichi.
E se fosse il contrario?
Hai solo cinque secondi per scegliere.
Perché il tempo non basta mai.

Cinema la prima volta

Cineasta e cinéphile, Bernardo Bertolucci racconta se stesso e il suo amato cinema dall’opera prima La commare secca del 1962 al più recente Io e te del 2012. Nato da anni di ricerche negli archivi delle biblioteche di cinema e spettacolo, il volume raccoglie una selezione di interviste e conversazioni pubblicate dagli esordi a oggi su riviste di cinema e spettacolo e quotidiani nazionali e internazionali, che sono spesso condotte da altri registi (tra cui Clare Peploe, Wim Wenders, Andy Warhol, Robert Aldrich e James Franco) o scrittori e drammaturghi (Dacia Maraini, John Guare) e sempre accomunate da una fedeltà al presente e a quelle che egli stesso definisce ‘le intermittenze del cuore’. Nelle parole delle interviste che hanno seguito ogni film (o a volte condotte proprio sui set dei film) si ritrova così quel giusto equilibrio tra etica ed estetica che appartiene alla sua opera, realizzata senza compromessi e con coerenza, e sempre con la consapevolezza che ‘la cosa più importante è rimanere fedeli a se stessi’.A cura di Tiziana Lo Porto.

(source: Bol.com)

Cime abissali

“Personalmente, ne sono rimasto assolutamente, oscuramente affascinato; mi sono divertito ed ho anche riso, essendo consapevole contemporaneamente che si trattava di un libro sinistro; sono stato irretito in un mondo d’ombre, di disossate e consunte meduse umane, avvertendo insieme che quei bizzarri profili di carta e parole erano capaci di lancinanti squisitezze logiche e di raffinate, sapienti, intollerabili sofferenze. È satira? Non lo so; forse sì, giacché la satira è il genere più ambiguo, più sordido, e sa congiungere in sé l’odio e il riso, la ripugnanza e la seduzione; sa essere disperata e furba. Questo libro è satira come il viaggio di Gulliver tra i cavalli sapienti, i nobili animali che gli rivelano come si possa tollerare d’esser uomini solo difendendosi nella follia.” (Giorgio Manganelli)
**

Cieli d’Irlanda

Molly Rivers, giovane architetto, ha appena perso il marito in un drammatico incidente. La sua esistenza è distrutta. Rimasta sola, cerca di rimettere insieme i pezzi della sua vita e di ricominciare investendo in una proprietà immobiliare, praticamente in stato di abbandono, poco a nord di Dublino. L’antica dimora diventa il pensiero fisso che le permette di progettare un nuovo futuro, ma è anche un luogo magico, abitato da curiosi inquilini e da un affascinante fantasma… In quel piccolo angolo d’Irlanda sembrano giungere tutti coloro che vogliono ripartire con le loro vite. L’esistenza di ogni persona, del resto, è come i cieli d’Irlanda: può mutare improvvisamente e portare nuove possibilità… Ma un misterioso personaggio aleggia intorno a Molly. La donna subisce furti, intrusioni e attentati… Chi vuole la sua morte? Coloro che crede amici lo sono davvero?
**

Ciclismo & doping. Armstrong: così fan tutti (FIRSTonline con goWare Vol. 2)

Lo tsunami che ha investito il ciclismo con l’indagine su Lance Armstrong è ancor più grande di quello che ha investito la politica italiana. Si sapeva che nel ciclismo, un’attività massacrante al limite della resistenza umana, correvano delle “bombe” condannate a parole, ma non vietate. Se ne parlava senza falsi pudori e anche Coppi auspicava di trovare qualcosa che lo aiutasse nelle salite.
Oggi però è arrivato uno tsunami forza 10 a radere al suolo uno degli sport più amati e più affascinanti di tutti i tempi. Ma dagli anni ’80 in poi il doping ematico, sfuggendo ai controlli, ha dilagato nel plotone dei corridori: il ricorso all’ormone della vittoria (EPO) si è generalizzato come condizione imprescindibile per trionfare. “No dope, no hope” è diventato il “verbo” dei ciclisti e del loro entourage. Sono quasi 900 i professionisti che negli ultimi trent’anni sono caduti nella rete dell’antidoping; sono 47 i vincitori del Tour trovati positivi in carriera. Numeri impressionanti. Pantani, il Pirata che regalò sogni cavalcando Alpi e Pirenei, se n’è andato per sempre con questo peso. Il mito di Armstrong, il superman che vinse il cancro e sette Tour, è finito a pezzi tra documenti e testimonianze raccolte dall’USADA, l’agenzia antidoping USA. Il processo di Madrid contro Eufemiano Fuentes, il medico-stregone dell’Operación Puerto ha gettato nel fango SuperMario Cipollini.
Un’ecatombe che questo ebook di Aldo Bernacchi, da leggere nel tempo di un telegiornale sportivo, ricostruisce con accuratezza, partecipazione e rammarico. È proprio “tutto sbagliato, tutto da rifare”, diceva Gino Bartali, il ciclista senza macchia di Ponte a Ema.
**
### Sinossi
Lo tsunami che ha investito il ciclismo con l’indagine su Lance Armstrong è ancor più grande di quello che ha investito la politica italiana. Si sapeva che nel ciclismo, un’attività massacrante al limite della resistenza umana, correvano delle “bombe” condannate a parole, ma non vietate. Se ne parlava senza falsi pudori e anche Coppi auspicava di trovare qualcosa che lo aiutasse nelle salite.
Oggi però è arrivato uno tsunami forza 10 a radere al suolo uno degli sport più amati e più affascinanti di tutti i tempi. Ma dagli anni ’80 in poi il doping ematico, sfuggendo ai controlli, ha dilagato nel plotone dei corridori: il ricorso all’ormone della vittoria (EPO) si è generalizzato come condizione imprescindibile per trionfare. “No dope, no hope” è diventato il “verbo” dei ciclisti e del loro entourage. Sono quasi 900 i professionisti che negli ultimi trent’anni sono caduti nella rete dell’antidoping; sono 47 i vincitori del Tour trovati positivi in carriera. Numeri impressionanti. Pantani, il Pirata che regalò sogni cavalcando Alpi e Pirenei, se n’è andato per sempre con questo peso. Il mito di Armstrong, il superman che vinse il cancro e sette Tour, è finito a pezzi tra documenti e testimonianze raccolte dall’USADA, l’agenzia antidoping USA. Il processo di Madrid contro Eufemiano Fuentes, il medico-stregone dell’Operación Puerto ha gettato nel fango SuperMario Cipollini.
Un’ecatombe che questo ebook di Aldo Bernacchi, da leggere nel tempo di un telegiornale sportivo, ricostruisce con accuratezza, partecipazione e rammarico. È proprio “tutto sbagliato, tutto da rifare”, diceva Gino Bartali, il ciclista senza macchia di Ponte a Ema.

Cicerone. La parola e la politica

Protagonista e tragica vittima dell’ultima fase della crisi dello stato repubblicano, Cicerone è il massimo oratore politico e giudiziario e prosatore di Roma. Lo stile dei suoi discorsi e delle sue opere teoriche è stato il modello da seguire per gli antichi e per i moderni, strumento fondamentale per comprendere quell’interessante fenomeno politico e sociale di Roma antica che è stata l’oratoria. Con Cicerone e la sua sistematica rilettura della filosofia greca arriva per la prima volta a Roma la raffinatezza della cultura ellenica e l’oratore la inserisce a buon diritto nel quadro di un più ampio progetto civile di agire pubblico per il benessere della società. Passione pubblica, elaborazione concettuale, esperienza personale sono inestricabili nella personalità di Cicerone e ne fanno una sorta di prototipo del moderno intellettuale europeo. In queste pagine il lettore ritrova la summa del trentennale percorso di studi ciceroniani di Emanuele Narducci, che – come scrive Mario Citroni nella Prefazione – “propone, attraverso l’ampio racconto biografico, una ricostruzione compiuta del personaggio Cicerone, in cui si integrano inscindibilmente l’uomo politico, l’oratore, il filosofo, l’intellettuale, lo scrittore. E poiché in ciascuno di questi aspetti egli è stato una figura centrale, un punto di riferimento, un modello, il libro offre anche, attraverso la biografia, un quadro sociale, politico e culturale di una fase cruciale della storia”.
**

Cicerone: La parola e la politica

Summa del trentennale percorso di studi ciceroniani di Emanuele Narducci, il volume propone, attraverso l’ampio racconto biografico, una ricostruzione compiuta del personaggio Cicerone, in cui si integrano inscindibilmente l’uomo politico, l’oratore, il filosofo, l’intellettuale, lo scrittore. E poiché in ciascuno di questi aspetti egli è stato una figura centrale, un punto di riferimento, un modello, il libro offre anche, attraverso la biografia, un quadro sociale, politico e culturale di una fase cruciale della storia.
Dalla Prefazione di Mario Citroni
**
### Sinossi
Summa del trentennale percorso di studi ciceroniani di Emanuele Narducci, il volume propone, attraverso l’ampio racconto biografico, una ricostruzione compiuta del personaggio Cicerone, in cui si integrano inscindibilmente l’uomo politico, l’oratore, il filosofo, l’intellettuale, lo scrittore. E poiché in ciascuno di questi aspetti egli è stato una figura centrale, un punto di riferimento, un modello, il libro offre anche, attraverso la biografia, un quadro sociale, politico e culturale di una fase cruciale della storia.
Dalla Prefazione di Mario Citroni

Cicerone

Summa del trentennale percorso di studi ciceroniani di Emanuele Narducci, il volume propone, attraverso l’ampio racconto biografico, una ricostruzione compiuta del personaggio Cicerone, in cui si integrano inscindibilmente l’uomo politico, l’oratore, il filosofo, l’intellettuale, lo scrittore. E poiché in ciascuno di questi aspetti egli è stato una figura centrale, un punto di riferimento, un modello, il libro offre anche, attraverso la biografia, un quadro sociale, politico e culturale di una fase cruciale della storia. Dalla Prefazione di Mario Citroni

(source: Bol.com)

Ciao Mamma, Parto, Studio E Mi Diverto

In un mondo sempre più interconnesso, è fondamentale per i nostri figli sapere le lingue, conoscere altri Paesi e culture, aprirsi a nuove esperienze. Anche in vista del futuro professionale e della realizzazione personale. Stefano De Angelis spiega in questa guida, unica nel suo genere, come far viaggiare e studiare all’estero i nostri figli – bambini e adolescenti – in totale sicurezza, ottimizzando risultati e divertimento. Imparare da insegnanti madrelingua e dialogare con loro per assorbire accento e intonazioni corretti, confrontarsi con ragazzi di nazionalità diverse, rafforzare il carattere e vincere la timidezza, acquisire autostima e indipendenza, arricchire le proprie conoscenze, aprire la mente per rapportarsi con disinvoltura in ambienti internazionali, tornare con bellissimi ricordi… ecco solo alcuni dei motivi che spingono tanti genitori a fare questa scelta. Partendo dai tanti vantaggi, l’autore – che ha fatto viaggiare migliaia di giovani studenti – offre preziose indicazioni su come scegliere la destinazione, con quali criteri selezionare le organizzazioni a cui affidarsi per garantire la sicurezza dei nostri ragazzi, come essere certi di soddisfare esigenze e aspettative, ma anche informazioni sui programmi di studio e sulla routine giornaliera delle attività. Un libro chiaro ed esaustivo che risponde a tutte le domande di mamma e papà con uno stile brillante e coinvolgente.
**
### Sinossi
In un mondo sempre più interconnesso, è fondamentale per i nostri figli sapere le lingue, conoscere altri Paesi e culture, aprirsi a nuove esperienze. Anche in vista del futuro professionale e della realizzazione personale. Stefano De Angelis spiega in questa guida, unica nel suo genere, come far viaggiare e studiare all’estero i nostri figli – bambini e adolescenti – in totale sicurezza, ottimizzando risultati e divertimento. Imparare da insegnanti madrelingua e dialogare con loro per assorbire accento e intonazioni corretti, confrontarsi con ragazzi di nazionalità diverse, rafforzare il carattere e vincere la timidezza, acquisire autostima e indipendenza, arricchire le proprie conoscenze, aprire la mente per rapportarsi con disinvoltura in ambienti internazionali, tornare con bellissimi ricordi… ecco solo alcuni dei motivi che spingono tanti genitori a fare questa scelta. Partendo dai tanti vantaggi, l’autore – che ha fatto viaggiare migliaia di giovani studenti – offre preziose indicazioni su come scegliere la destinazione, con quali criteri selezionare le organizzazioni a cui affidarsi per garantire la sicurezza dei nostri ragazzi, come essere certi di soddisfare esigenze e aspettative, ma anche informazioni sui programmi di studio e sulla routine giornaliera delle attività. Un libro chiaro ed esaustivo che risponde a tutte le domande di mamma e papà con uno stile brillante e coinvolgente.

Ciano

Questa ricostruzione biografica si basa su una ricca documentazione inedita proveniente dagli archivi italiani, vaticani, britannici, francesi, nipponici, tedeschi, statunitensi e dalle memorie delle maggiori personalità politiche entrate in rapporto con l’ultimo ministro degli Esteri dell’Italia fascista. Un lavoro corale che analizza la sua vita privata, la costruzione della sua straordinaria fortuna finanziaria, il complesso rapporto con il padre naturale e con il suocero Mussolini, la storia d’amore con Edda. Questo libro è anche una biografia dell’Italia del Ventennio nero, delle sue classi dirigenti fasciste o fascistizzate, degli intrighi e delle lotte di potere condotti all’interno del Partito Fascista, nei saloni del Quirinale, nelle segrete stanze della Santa Sede, nei circoli affaristici del regime e nei Palazzi della grande industria e dalla grande finanza.
La vera novità di questo testo consiste, però, nell’aver dimostrato, per la prima volta in maniera compiuta, la sostanziale inautenticità del Diario di Ciano finora ritenuto fonte veridica per tracciare la storia del fascismo e del secondo conflitto mondiale. Quel documento invece si rivela, grazie a una più attenta analisi, una semplice deposizione a discolpa, redatta a uso dei contemporanei e dei posteri.
**
### Sinossi
Questa ricostruzione biografica si basa su una ricca documentazione inedita proveniente dagli archivi italiani, vaticani, britannici, francesi, nipponici, tedeschi, statunitensi e dalle memorie delle maggiori personalità politiche entrate in rapporto con l’ultimo ministro degli Esteri dell’Italia fascista. Un lavoro corale che analizza la sua vita privata, la costruzione della sua straordinaria fortuna finanziaria, il complesso rapporto con il padre naturale e con il suocero Mussolini, la storia d’amore con Edda. Questo libro è anche una biografia dell’Italia del Ventennio nero, delle sue classi dirigenti fasciste o fascistizzate, degli intrighi e delle lotte di potere condotti all’interno del Partito Fascista, nei saloni del Quirinale, nelle segrete stanze della Santa Sede, nei circoli affaristici del regime e nei Palazzi della grande industria e dalla grande finanza.
La vera novità di questo testo consiste, però, nell’aver dimostrato, per la prima volta in maniera compiuta, la sostanziale inautenticità del Diario di Ciano finora ritenuto fonte veridica per tracciare la storia del fascismo e del secondo conflitto mondiale. Quel documento invece si rivela, grazie a una più attenta analisi, una semplice deposizione a discolpa, redatta a uso dei contemporanei e dei posteri.

Ci vorrebbe una Thatcher

Al centro di questo libro c’è un Paese considerato il ”grande malato d’Europa”: la sua industria è in declino, il costo della vita minacciosamente cresciuto, il debito pubblico incontenibile, tanto che il governo è sul punto di chiedere l’aiuto del fondo monetario internazionale. Sembra una fotografia dell’Italia di oggi, e invece è il ritratto fedele della Gran Bretagna alla fine degli anni Settanta, poco prima che a Downing Street arrivasse la più intransigente esponente dei conservatori britannici, Margaret Thatcher. Con una fede incrollabile nel liberismo, più solida della cotonatura dei suoi capelli, la Lady di Ferro somministrò al Regno una medicina amarissima, fatta di tagli alla spesa, privatizzazione delle aziende statali e deregulation. Una cura che sembrò, sulle prime, ammazzare il paziente, ma che al contrario lo guarì in breve tempo. Perché ricordare oggi la dura lezione dell’inflessibile Maggie? Innanzitutto per paragonarla spassionatamente con la sorte toccata alle misure proposte dal governo dei tecnici, con le liberalizzazioni ”al ragù” e i provvedimenti sulla spesa pubblica tutti pesantemente ridimensionati dalle resistenze di corporazioni e caste in rivolta. E soprattutto per scoprire come si vive in una nazione dove l’economia è governata dalle regole del mercato e della concorrenza e le istituzioni operano in modo trasparente. Un confronto ricco di esempi e spunti di discussione, a tratti provocatorio, che l’arguta penna di Antonio Caprarica tratteggia in agili capitoli cercando di rispondere a una questione annosa: perché è così difficile fare dell’Italia uno Stato europeo finalmente moderno?
(source: Bol.com)

Ci siamo evoluti bene

Tutto ebbe inizio con un cambiamento epocale: il trasloco di Brignano all’ultimo piano di un palazzo che ne conta più di venti. Da lì Enrico, scrutando l’infinito, si sentì invaso dal desiderio di conoscere. D’altro canto, solo poco prima ai li mortacci dei facchini rumeni, carichi di casse di libri, non aveva forse risposto: ‘Fatti non foste a viver come brutti ma per seguir virtute e canoscenza’? Ecco, quindi, che sbocciarono in lui mille domande. Da dove si origina il tutto? Ma è nato prima l’uovo o la gallina? Dio c’è e non si vede, o ce fa e non ci sente? Come siamo diventati sette miliardi e duecentonovantaquattro milioni di persone? E, soprattutto, dove stiamo andando? In Ci siamo evoluti bene Brignano si cimenta a rispondere alle grandi domande che l’uomo si pone dalla notte dei tempi, ripercorrendo la storia della nostra specie dalle pitture rupestri agli smartphone, dall’invenzione del fuoco allo sbarco sulla Luna, dal baratto di mammuth alla speculazione finanziaria. Ne nasce un flusso irresistibile di riflessioni esilaranti, e insieme un po’ serie, su di noi e sul mondo che ci circonda. In un libro che fa molto ridere, ma anche pensare.

(source: Bol.com)

Chiudi gli occhi

**Due cuori in inverno che aspettano solo il disgelo**
Josephine è una donna di successo, fiera, combattiva e soprattutto autoritaria. A trentacinque anni è già presidente di un’importante agenzia pubblicitaria. È abituata a controllare tutto e la sua vita ruota attorno alla società che ha ereditato dopo la morte del padre. Divisa tra il lavoro e una famiglia sgangherata, Josephine si concentra sulla carriera senza curare le relazioni personali, finché un giorno, durante un viaggio a Dubai, incontra Mads, tipico uomo del Nord dal fascino glaciale. Mads è un dominatore esperto e ambito nel mondo sommerso del BDSM, ma si concede raramente e rifugge ogni coinvolgimento emotivo. Anche con Josephine. Perché c’è un segreto che Mads non intende rivelare a nessuno, un segreto che congela i suoi sentimenti e lo obbliga a mantenere le distanze. Eppure sarà sempre più difficile, per lui, nascondere quel che prova realmente.
«Un’autrice che apprezzo e che riserva molte sorprese con la sua scrittura attenta e capace di emozionare.»
**Monique Scisci**
vive alle porte di Milano. Si è laureata in Comunicazione all’Università di Lingue e Comunicazione IULM. Ha scritto diversi romanzi tra cui fantasy, romance e racconti horror.
**
### Sinossi
**Due cuori in inverno che aspettano solo il disgelo**
Josephine è una donna di successo, fiera, combattiva e soprattutto autoritaria. A trentacinque anni è già presidente di un’importante agenzia pubblicitaria. È abituata a controllare tutto e la sua vita ruota attorno alla società che ha ereditato dopo la morte del padre. Divisa tra il lavoro e una famiglia sgangherata, Josephine si concentra sulla carriera senza curare le relazioni personali, finché un giorno, durante un viaggio a Dubai, incontra Mads, tipico uomo del Nord dal fascino glaciale. Mads è un dominatore esperto e ambito nel mondo sommerso del BDSM, ma si concede raramente e rifugge ogni coinvolgimento emotivo. Anche con Josephine. Perché c’è un segreto che Mads non intende rivelare a nessuno, un segreto che congela i suoi sentimenti e lo obbliga a mantenere le distanze. Eppure sarà sempre più difficile, per lui, nascondere quel che prova realmente.
«Un’autrice che apprezzo e che riserva molte sorprese con la sua scrittura attenta e capace di emozionare.»
**Monique Scisci**
vive alle porte di Milano. Si è laureata in Comunicazione all’Università di Lingue e Comunicazione IULM. Ha scritto diversi romanzi tra cui fantasy, romance e racconti horror.

Chitarra for dummies

Una guida facile, ideale sia per i chitarristi esperti sia per i novellini, in cui troverete tutti gli stili musicali principali: dal rock al blues, dal jazz al folk, passando per la classica. Con tante foto, canzoni e consigli per l’acquisto di chitarre e accessori. Ma lo studio non si ferma al libro: online sono disponibili 98 tracce audio, un aiuto essenziale per progredire e migliorare costantemente.
**
### Sinossi
Una guida facile, ideale sia per i chitarristi esperti sia per i novellini, in cui troverete tutti gli stili musicali principali: dal rock al blues, dal jazz al folk, passando per la classica. Con tante foto, canzoni e consigli per l’acquisto di chitarre e accessori. Ma lo studio non si ferma al libro: online sono disponibili 98 tracce audio, un aiuto essenziale per progredire e migliorare costantemente.
### Dalla seconda/terza di copertina
Mark Phillips è l’ex direttore musicale di Charry Lane Music, presso cui ha editato o arrangiato i canzonieri di autori come John Denver, Van Halen, Guns N’ Roses e Metallica. Jon Chappell è un chitarrista che suona in molti stili diversi, arrangiatore ed ex caporedattore della rivista Guitar.