63745–63760 di 64539 risultati

Dopodomani non ci sarà

‘Su Luca Rastello si dovrà tornare spesso nei prossimi tempi.’
Goffredo Fofi

‘Se proprio vogliamo parlare di un mito moderno dico assolutamente Luca Rastello. Grande scrittore prestato al giornalismo.’
Nicola Lagioia

‘Non aveva paura della cattiveria Luca, la guardava in faccia e la raccontava.’
Alessandro Baricco

‘Un piccolo capolavoro umanista.’
Roberto Saviano (Su La guerra in casa)

‘Quando parliamo di storie, Luca Rastello è il mio autore preferito.’
Enrico Deaglio

‘Una persona che sapeva prendersi la responsabilità delle parole che scriveva.’
Giuseppe Culicchia

‘Se salvi anche uno solo salvi tutto il mondo. E pensa a quante vite ha salvato Luca. Finché ci saranno persone come lui esisterà il mondo.’
Samir Zenkic, profugo bosniaco

Malato per dieci anni, Luca Rastello, giornalista e scrittore torinese, sempre in prima fila e spesso solo a raccontare l’indicibile della realtà, proprio per la sua condizione di lungodegente ha potuto guardare e riflettere sulla malattia e la morte (un’esperienza che “si può fare”).
Il frammento di romanzo qui proposto, ambientato in un ospedale, rivela la lucidità di analisi e la ricchezza espressiva di Rastello e la** forte critica alle ragioni “economiche”** che il mondo dei sani cerca di imporre a quello dei malati. “Abbiamo raccolto in questo libro le parti più compiute del romanzo, nella certezza che la visione del mondo che esprimono e le riflessioni (spesso urticanti e feroci) che contengono possano essere utili a sani e malati” scrive nell’introduzione la moglie Monica Bardi.

Al primo capitolo, La luce, che ha una forma più compiuta, seguono quindici capitoli ricchissimi di suggestioni, mentre il testo inserito in apertura, intitolato ”Del morire”, costituisce un’intensa riflessione a latere del romanzo, scritta fra il maggio e il giugno del 2015. In chiusura, il blog del Malato Riottoso (”Il penultimo viaggio del malato riottoso con Madame Problema”), ”Penultime”, critica alle cure alternative, ”Antigone”, riflessione sulla tragedia greca e la lettura steineriana, e il saggio su Tristram Shandy di Sterne.

Completa il volume la lettera di commiato alle figlie, una testimonianza commovente che rivela tutta l’umanità e l’intelligenza sempre venata di ironia del suo autore.

(source: Bol.com)

Dopo il tramonto

**Seguito di Tempo al tempo **
Sono passati due anni da quando Stefan Joss si è trasferito nel sud degli Stati Uniti per amore del rancher Rand Holloway. Stef ha cercato – con esitazione – di adeguarsi alla sua nuova vita, ma il vero amore non fila mai liscio come dovrebbe. Rand vuole che lui rimanga a casa al ranch, Stef vuole avere una rete di sicurezza nel caso Rand decida di sbarazzarsi di lui. Finalmente, dopo aver capito di essere stato ingiusto a dubitare di lui, Stef decide di impegnarsi sul serio con Rand e l’uomo è al settimo cielo.
Quando Stef ha l’opportunità di provare il suo amore, non si tira indietro, mettendo a repentaglio la sua stessa vita. E Rand ha la possibilità di dimostrare che – a volte – la vita può sorprenderti quando meno te lo aspetti.
(source: Bol.com)

Dopo il nero della notte

Fulmini e saette squarciano il cielo seguiti da assordanti tuoni. Nell’ascensore della vecchia biblioteca, nella tenebra totale, un uomo scivola contro lo specchio e muore. Accanto a lui, due polverosi libri dalle pagine ingiallite. Il caso viene assegnato al medico legale Ardelia Spinola, che conosce bene le procedure da seguire e i protocolli a cui attenersi. Ma a lei piace fare di testa sua. È impossibile mettere a tacere il suo istinto da investigatrice. Soprattutto ora che Ardelia ha bisogno di tenere la mente occupata. La sua vita è stata sconvolta da qualcosa che non credeva potesse capitare a lei, che non è più una ragazzina: un incontro speciale. Arturo, manager di successo che all’improvviso ha lasciato tutto per fare l’apicoltore. Con lui condivide l’amore per i gatti: i migliori amici di Ardelia. Quando si scopre che la vittima è un bibliotecario appassionato di testi antichi, la dottoressa è sicura che dietro questo caso si nasconda qualcosa di misterioso. L’uomo, prima di trasferirsi nella cittadina ligure, era un professore universitario stimato in tutta Europa. Un evento importante deve averlo portato a rinunciare alla sua carriera. Non ci sono molti elementi su cui indagare, ma Ardelia ha dalla sua quel fiuto che non la tradisce mai. Ha la sua pista da seguire. Una pista in cui l’aspettano sconcertanti scoperte. Una pista pericolosa in cui è facile perdersi quando il buio è più cupo dell’oscurità della notte. Cristina Rava regala ai lettori una protagonista forte e indipendente. Un medico legale con il vizio dell’investigazione. Una donna che adora i suoi gatti, ma non riesce ad aprire il suo cuore all’amore. Sullo sfondo dei suggestivi paesini dell’entroterra ligure, Dopo il nero della notte trascina il lettore in un vortice di rivelazioni inaspettate e colpi di scena, di gelosie e bugie, di sentimenti intensi e passioni ritrovate.

(source: Bol.com)

Donne dagli occhi grandi

Le seducenti donne dagli occhi grandi sono capaci di vedere oltre l’orizzonte della vita quotidiana, sempre creative, sempre irriverenti anche quando scelgono di chinare la testa. Angeles Mastretta le racconta nel momento in cui superano un passaggio cruciale: nell’età in cui si annoda un legame che durerà per la vita, nel gesto coraggioso che fa spazio al desiderio, nel sorriso che illumina anche la più impegnativa relazione sentimentale.

(source: Bol.com)

Donne che non perdonano

‘È vero, stava per uccidere un uomo, ma avrebbe anche liberato una donna. La somma algebrica delle sue azioni sarebbe stata uguale a zero. E poi un’altra persona avrebbe liberato lei’.

PRIMA EDIZIONE MONDIALE

Camilla Läckberg ha venduto oltre venti milioni di copie nel mondo.

(source: Bol.com)

Donna di Porto Pim e altre storie

Este livro fascinante e inesquecível é o relato ao mesmo tempo imaginário, real e cultural, de uma viagem aos Açores em busca dos últimos baleeiros, das escassas baleias sobreviventes.
Relatos breves, fragmentos, transcrições e apêndices compõem A Mulher de Porto Pim, um livro de fronteira, um belíssimo artefacto literário de estrutura tão díspar como profundamente unitária.
Uma complicada história de amor que se adivinha votada ao fracasso é o tema de «Pequenas baleias azuis que se passeiam pelos Açores»: fragmento de uma conversa sem prólogo nem epílogo, captada pelo indiscreto autor na ponte de um navio.
Outro texto é a microbiografia do poeta do século XIX Antero de Quental, que desvenda em poucas, mas intensíssimas páginas a dimensão de um grande artífice de sonetos que, náufrago no mundo, descobre a existência do nada e se suicida.
Mulher de Porto Pim é a narrativa de um amor total, apaixonado e violento, a história de uma dupla traição que culmina num final sangrento.
Neste espaço em que Tabucchi se move convivem a verdade e a alusão, a realidade e a metáfora. Concretas e visíveis são as baleias, mas também poderosos arquétipos que atravessam lendas e literatura; certas e evidentes são as tempestades, mas os naufrágios são sobretudo os das aventuras inacabadas, histórias impossíveis, vidas destroçadas.

Donald Lam investigatore sottile

Le prime tre avventure di Donald Lam presentate in un unico volume del 1952 1949 Donald Lam investigatore, (The Bigger They Come) 1950 Donald Lam sulla pista, (Fair Turn on the Heat) 1950 Di bene in meglio, (Fair Gold comes in Brick)

Don Manuel di Poictesme

Guardiano di porci destinato a diventare un semidio, Don Manuel è il personaggio meglio riuscito di James Branch Cabell (1879-1958), il romanziere americano che insieme a Lord Dunsany può essere considerato il padre della fantasy nel nostro secolo. Cabell, però, è più scanzonato, più terrestre e profano di Dunsany: le sue avventure si svolgono nell’immaginaria terra di Poictesme, un reame che ricorda la Provenza del medioevo, e insieme alla magia e agli avvenimenti soprannaturali ci offre una continua giostra di avventure nel più puro stile picaresco. Prima di diventare dèi i suoi eroi sono uomini, le sue donne sono di carne e sangue, i suoi mostri mitici hanno una saggezza che non è andata perduta. Don Manuel di Poictesme (Figures of Earth, 1921) è il primo romanzo, in ordine cronologico, della serie di Poictesme, una tra le più famose nel campo della fantasia eroica.

Domani ti perdono

“Non sono innamorato di te.” La fine di un amore? No, l’inizio di una nuova vita per Laura Sereni, bella, brillante e di nuovo single. Una che non ha bisogno di una storia per usare il cuore: si commuove alla posta delle sue lettrici, assiste l’amica ingessata, non si tira indietro davanti ai cambiamenti. Eppure neanche lei è perfetta. Proprio come tutti quanti. Come Andrea, che ha avuto paura di amarla, nonostante sia un uomo di successo. Come il prete anticonformista che incontra per un’intervista e non la molla più, e come l’ineffabile Gaia, più zen di una gatta di marmo e madre fortunata del bambino più pratico e impertinente che si possa incontrare.
**

Domani arriva veloce

Giorgia ha quasi quindici anni e cerca un’emozione che valga una vita. Ha appena iniziato il liceo ed è stanca di essere trattata come una brava ragazza: è il momento di bruciare le tappe. Mentre il suo ragazzo storico diventa un peso e sua madre inizia a darle contro, la spregiudicata Asia la trascina in un mondo di trucco pesante e minigonne infilate di nascosto, bicchieri di troppo e corse in motorino fino alla discoteca più trasgressiva di Roma. Lì regna il magnetico Mattia, che attira a sé Giorgia come un buco nero a cui lei non può resistere. E tra amicizie pericolose, *rave party* e *gare di train surfing*, il confine tra il cielo e l’inferno può diventare questione di un attimo…
**
### Sinossi
Giorgia ha quasi quindici anni e cerca un’emozione che valga una vita. Ha appena iniziato il liceo ed è stanca di essere trattata come una brava ragazza: è il momento di bruciare le tappe. Mentre il suo ragazzo storico diventa un peso e sua madre inizia a darle contro, la spregiudicata Asia la trascina in un mondo di trucco pesante e minigonne infilate di nascosto, bicchieri di troppo e corse in motorino fino alla discoteca più trasgressiva di Roma. Lì regna il magnetico Mattia, che attira a sé Giorgia come un buco nero a cui lei non può resistere. E tra amicizie pericolose, *rave party* e *gare di train surfing*, il confine tra il cielo e l’inferno può diventare questione di un attimo…

Dolore e ragione

“Dolore e ragione” apparve a New York nel 1995, poche settimane prima della scomparsa dell’autore, offrendosi così, inevitabilmente, come opera testamentaria. Di fatto, leggendo i tre grandi saggi su Frost, Hardy e Rilke, che fanno da perno al libro, risulta difficile immaginare un grado ulteriore di tensione. Se si uniscono i saggi qui presentati a quelli su W. H. Auden e Marina Cvetaeva pubblicati in precedenza, si intravede un paesaggio della poesia moderna nuovo, ben più convincente di quelli offerti in varie scuole accademiche. Ma parlare di poesia per Brodskij ha sempre significato parlare di tutto e del tutto, poiché per lui la poesia era “l’unica assicurazione disponibile contro la volgarità del cuore umano”.

Dodici porte

“Dodici porte” è una lunga fiaba che si snoda attraverso dodici passaggi simboleggiati dalle porte che la protagonista (Lunar) supera, trovandosi a conoscere di volta in volta luoghi e dimensioni diverse. È un percorso di guarigione, ma anche un viaggio iniziatico alla scoperta delle sue reali origini. I personaggi e i luoghi incontrati rappresentano simbolicamente parti psichiche della protagonista e manifestazioni del percorso da compiere per superare il dolore legato al trauma subito.
Lunar è una giovane, vittima di violenza. La notte stessa in cui si consuma il terribile episodio si trova a bussare a una porta in cerca di aiuto. È la porta della Casa. Le apre una strana donna accompagnata da un animale speciale. È questo il primo contatto di Lunar con una dimensione interiore che non credeva esistesse. La giovane tenterà di far fronte al periodo di dolore e di angoscia che la aspetta contando sulle sue forze e sull’aiuto della famiglia, ma quando si ritrova faccia a faccia con il suo carnefice, si rende conto di aver bisogno di un aiuto ‘particolare’.
Inizia così il percorso di guarigione all’interno della Casa, alla scoperta di personaggi e luoghi fantastici: i contenuti della sua psiche, ma non solo.

Doble Silencio

Sam and Andrea, Stina and Hakan, and John and Beata are three couples who go on vacation together each year. This time they are off to the beautiful island of Faro to coincide with the annual Ingmar Bergman Film Festival. What should have been a dream vacation turns into a nightmare when the body of one of the six is found on the beach. Anders Knutas and his partner Karin Jacobsson are given the case. To discover what happened, they must delve deep into the complicated relationship between the three couples because even among the best of friends, there are some things that should not be shared!

Dizionario inesistente

*Attacismo*, *caransèbico*, *quèstico*, *zeissiano*… sono solo alcune delle parole che costellano questo dizionario. Ma non affrettatevi a cercarne altrove il significato: non lo troverete, per il semplice fatto che non esistono. Viceversa, esistono eccome gli stati d’animo che queste nuove parole definiscono: un sorprendente catalogo di umanissime sfumature delle nostre emozioni. Ed è proprio per dar voce a questa variopinta tavolozza che Stefano Massini si è inventato un *Dizionario inesistente*, che dalla A alla Z ci accompagna in un meraviglioso viaggio letterario, in un rincorrersi di racconti straordinari.
Da una carrellata di personaggi reali Massini crea un ventaglio di nuovissimi sostantivi, verbi, aggettivi, talmente efficaci da farti venir subito voglia di usarli nel parlare quotidiano. Ed ecco dunque sfilare l’inventore della penna a sfera László Biró (da cui *birismo*), i tenaci guerriglieri cileni Mapuche (che porteranno al verbo *mapuchare*), ma anche mostri sacri come Leonardo e Galileo, Leopardi e Kafka, passando per nobili del Seicento e miniere sudafricane, instancabili bugiardi e scienziati camerieri.
Dopo lo straordinario successo di *Qualcosa sui Lehman *e dopo aver riscritto Sigmund Freud con irriverente libertà creativa, Stefano Massini ci incanta di nuovo con i suoi magistrali affreschi narrativi: è il tratto distintivo del suo essere un autore indefinibile, sopra ogni genere, acclamato come una rockstar nei massimi festival culturali italiani e nel suo seguitissimo appuntamento televisivo su La7 all’interno del talkshow “Piazzapulita”.
Con questa fucina di nuove parole l’autore si conferma un vulcanico rabdomante di storie, il cui istinto narrativo dipinge l’infinito labirinto di voci di cui risuona l’animo umano.
**
### Sinossi
*Attacismo*, *caransèbico*, *quèstico*, *zeissiano*… sono solo alcune delle parole che costellano questo dizionario. Ma non affrettatevi a cercarne altrove il significato: non lo troverete, per il semplice fatto che non esistono. Viceversa, esistono eccome gli stati d’animo che queste nuove parole definiscono: un sorprendente catalogo di umanissime sfumature delle nostre emozioni. Ed è proprio per dar voce a questa variopinta tavolozza che Stefano Massini si è inventato un *Dizionario inesistente*, che dalla A alla Z ci accompagna in un meraviglioso viaggio letterario, in un rincorrersi di racconti straordinari.
Da una carrellata di personaggi reali Massini crea un ventaglio di nuovissimi sostantivi, verbi, aggettivi, talmente efficaci da farti venir subito voglia di usarli nel parlare quotidiano. Ed ecco dunque sfilare l’inventore della penna a sfera László Biró (da cui *birismo*), i tenaci guerriglieri cileni Mapuche (che porteranno al verbo *mapuchare*), ma anche mostri sacri come Leonardo e Galileo, Leopardi e Kafka, passando per nobili del Seicento e miniere sudafricane, instancabili bugiardi e scienziati camerieri.
Dopo lo straordinario successo di *Qualcosa sui Lehman *e dopo aver riscritto Sigmund Freud con irriverente libertà creativa, Stefano Massini ci incanta di nuovo con i suoi magistrali affreschi narrativi: è il tratto distintivo del suo essere un autore indefinibile, sopra ogni genere, acclamato come una rockstar nei massimi festival culturali italiani e nel suo seguitissimo appuntamento televisivo su La7 all’interno del talkshow “Piazzapulita”.
Con questa fucina di nuove parole l’autore si conferma un vulcanico rabdomante di storie, il cui istinto narrativo dipinge l’infinito labirinto di voci di cui risuona l’animo umano.

Dizionario enciclopedico dei papi: storia e insegnamenti

“Per comporre un’opera così impegnativa l’Autore ha attinto alle fonti più autorevoli: le migliori storie dei Papi (Caspar, Ranke, Pastor, Seppelt-Schwaiger) e della Chiesa (Fichte-Martin, Jedin). L’Opera è utile sia per il pubblico colto, ma anche meno colto, per studenti di teologia e per studiosi di storia della Chiesa e delle sue dottrine, per il clero, per i laici e per tutte le famiglie cattoliche”. (A. Macchi) Il volume è stato aggiornato ai pontificati di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, fino alla pubblicazione, per quest’ultimo, dell’enciclica “Deus Caritas est”.
**