63457–63472 di 64539 risultati

Furia d’amore

Rimasta vedova in giovane età di un uomo che tutto le poteva dare fuorché l’amore di cui lei aveva bisogno, Lady Vivian ha appena iniziato ad accarezzare il sogno di godersi la riconquistata liberta e la sua ricchezza quando il re le impone un nuovo matrimonio con il più valoroso dei suoi cavalieri, Sir Rupert, soprannominato “Il falco del deserto” per le eroiche imprese compiute in Terrasanta.
All’inizio, pur non sottraendosi ai suoi doveri coniugali, il rapporto tra i due è tanto burrascoso che sir Rupert l’abbandona e si ritira nel suo castello di Seymore dove ospita la splendida principessa Jamila, donatagli da un emiro arabo.
Ma nel frattempo, nella solitudine della sua tenuta inglese, qualcosa accade nel cuore di Vivian: comincia a rendersi conto che l’avversione che nutriva per Rupert era motivata da ragioni che non riguardavano l’uomo che a sua volta era stato costretto dal re a sposarla.
E il fatto che lui l’abbia sostituita con Jamila scatena in Vivian una tale furia di orgoglio e gelosia che la porterà a inseguirlo dalle brumose terre del nord, fino alle assolate lande desertiche della Palestina dove, nel mezzo di una saguinosa guerra, fra mille vicissitudini si compirà la trama del destino e Vivian riconquisterà il cuore del suo uomo.

Fuori dal branco

Il matrimonio di Harry Pierce, capo dei lupi britannici, è durato il tempo di uno sbadiglio… anche perché nella sua vita è entrata una nuova persona, l’eccentrica vampira Lady Susanna Erskine. Sulla carta due caratteri forti come i loro non dovrebbero legare, ma il vero problema non sembra questo. Le interferenze del branco di Londra, tradizionalista e chiuso, diventano sempre più insistenti, e nel momento peggiore. Harry sta trattando con il consiglio dei vampiri un trattato di non aggressione sul quale ha lavorato duramente e che renderebbe la vita di tutti più sicura, ma senza l’appoggio della sua stessa gente la situazione rischia di diventare esplosiva…

Fuoco E Sangue

**INEDITO IN ITALIA**
**Dall’autore di *Nelle tempeste d’acciaio*, il romanzo fulgido e cruento della Grande Guerra**
Il 21 marzo del 1918 l’esercito tedesco sferra la prima delle grandi offensive di primavera sul fronte occidentale, con l’obiettivo di sfondare le linee alleate e penetrare in profondità. Dopo l’estenuante guerra di trincea, la prospettiva della battaglia in campo aperto esalta e atterrisce soldati e ufficiali, consapevoli di giocarsi il tutto per tutto in un inaudito dispiegamento di truppe e mezzi, che sembra assegnare alla tecnica un ruolo decisivo. È un’esperienza unica, «che coinvolge la carne e il sangue» e forgia destini individuali e collettivi. In questo romanzo del 1925, Ernst Jünger, pluridecorato sottotenente della Wehrmacht, rielabora i propri ricordi in una prosa nitida e solenne, prestando la propria voce all’io narrante e dando modo al lettore di ripercorrere quei tremendi istanti in tutta la loro drammatica fatalità. Sebbene l’entusiasmo del 1914 sia ormai irrimediabilmente perduto, cresce in prossimità dell’attacco la consapevolezza della superiorità dell’uomo sul «materiale» e della sua sorprendente capacità di resistenza. Così, alla vigilia della battaglia, si può ancora assaporare un momento di perfetta solitudine nella natura, incantevole per l’imminente risveglio stagionale, ma anche un ultimo brindisi con i camerati, «nella fratellanza del sangue». E dopo aver combattuto, regna la sensazione di un «pieno compimento», come al «cospetto di una morte indolore dopo una lunga vita».

Fuoco E Sangue

PREZZO LANCIO FINO AL 20 NOVEMBRE

L’emozionante storia dei Targaryen prende vita in questa opera magistrale dall’autore de ”Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”, che ha ispirato la serie HBO ”Game of Thrones”.

Secoli prima degli eventi de Il Trono di Spade, Casa Targaryen – l’unica famiglia di signori dei draghi a sopravvivere al Disastro di Valyria – si stabilì a Roccia del Drago. Con Fuoco e Sangue ha così inizio la loro storia sotto il leggendario Aegon il Conquistatore, creatore del Trono di Spade, per proseguire narrando le generazioni di Targaryen che hanno combattuto per difendere quell’iconico scranno, fino alla guerra civile che quasi dilaniò per sempre la loro dinastia.

In questo avvincente primo volume della loro storia, narrata dalla penna di un antico maestro della Cittadella, finalmente i frammenti e gli accenni che riecheggiavano nel ciclo epico Il Trono di Spade sono svelati in tutta l’ampiezza di un portentoso affresco: com’è stato forgiato il Trono di Spade? Perché era così micidiale visitare Valyria dopo il Disastro? Quali sono stati i peggiori crimini di Maegor il Crudele? Cosa scoprì Alysanne la Buona recandosi alla Barriera? Che cosa è veramente successo durante la Danza dei Draghi? Sono solo alcune delle domande cui viene data risposta in questa cronaca fondamentale del continente occidentale.

Finalmente anche il grande mondo fantasy di George R.R. Martin ha il suo legendarium, un compendio inesauribile di episodi e dettagli che riecheggia Il Silmarillion di J.R.R. Tolkien e Storia della decadenza e caduta dell’Impero Romano di Gibbon, un banchetto fastoso per tutti gli appassionati e un potente specchio delle grandezze e miserie della natura umana, nei bassifondi della carestia o assisa su un trono, nel fango d’una battaglia o sul dorso d’un drago.

(source: Bol.com)

Fuoco amico

“Ruach” in ebraico significa vento, ma anche spirito, e “ruach refaim” è lo spirito dei morti, il fantasma. Il vento, in questo nuovo romanzo di Abraham B. Yehoshua, è quello che si insinua nelle fessure di un grattacielo di recente costruzione a Tel Aviv e provoca sibili e ululati che turbano gli inquilini. Amotz Yaari, il progettista degli ascensori, viene chiamato a indagare e a difendere il buon nome del suo studio dalle accuse che gli vengono rivolte. È la settimana di Hanukkah, una delle feste più amate in Israele, ma non è una settimana facile per Amotz. Sua moglie Daniela, che ama moltissimo è partita per la Tanzania, dove in una specie di esilio volontario vive Yirmiyahu, vedovo della sorella di Daniela. Da quando suo figlio è stato ucciso per sbaglio da un commilitone durante un’azione nei territori occupati, Yirmiyahu non sopporta più di vivere in Israele. Non solo: non vuole più vedere un israeliano o leggere un giornale o un libro scritto in ebraico. Vuole liberarsi dalla storia del suo paese, e per farlo ha accettato un lavoro di contabile al seguito di una spedizione paleoantropologica in Africa. Alla ricerca degli ominidi preistorici, per non rischiare dolorosi incontri con la storia. Al centro del racconto, il ricordo di un giovane ucciso, la rabbia per quelle due parole – “fuoco amico” -, il rifiuto di vivere in un paese continuamente in guerra, ma anche la sete di normalità, l’amore e la testarda volontà di tenere unita la famiglia.
**

Fugitives: La Serie Completa

Ecco finalmente la dilogia completa
Vol.1 NON TI APPARTENGO
Vol.2 APPARTENGO SOLO A TE
Carcere di Los Angeles.
Il primo giorno da guardia penitenziaria è molto difficile per Khyla. Di colpo si trova proiettata in una realtà piena di lati oscuri, che neanche poteva immaginare. Eppure questo luogo così triste e deprimente le fa dono di qualcosa di inaspettato. Basta un incontro di pochi attimi per cambiarle la vita.
Ci si può innamorare a prima vista di due occhi grigi come una giornata di nebbia, freddi come il ghiaccio?
Questo si chiede Khyla, ma nulla può contro il sentimento che le provoca Matthew, giovane detenuto ricco di fascino. Attratta dal vortice di sensualità che lui le propone, non può fare a meno di gettarsi a capofitto in un amore a senso unico, in una storia destinata a finire male.
E quando Matthew le chiede di aiutarlo a evadere dal carcere, lei accetta senza preoccuparsi troppo delle conseguenze.
Inizia così un viaggio rocambolesco tra le vie della California, dove amore e dolore, paura e speranza si mischiano in una storia da lasciare senza fiato.

Fuga in Europa

L’Europa sta invecchiando e si sta spopolando. L’Africa è piena di giovani e di vita. La migrazione di massa, appena iniziata, è per modalità e dimensioni la sfida piú drammatica del ventunesimo secolo. L’Unione Europea conta oggi 510 milioni di abitanti che invecchiano; l’Africa un miliardo e 250 milioni, il 40% dei quali ha meno di quindici anni. Nel 2050, ci saranno 450 milioni di europei contro 2 miliardi e mezzo di africani. Da qui al 2100, tre persone su quattro del mondo saranno nate a sud del Sahara. L’Africa ‘sta emergendo’ e, uscendo dall’assoluta povertà, si mette in marcia. Se gli africani replicheranno ciò che è sempre avvenuto e avviene nella storia dell’umanità, fra trent’anni l’Europa avrà dai 150 ai 200 milioni di afro-europei, rispetto ai 9 milioni odierni. Una pressione migratoria di questa portata sottoporrà l’Europa a una prova senza precedenti, col rischio di portare al parossismo la spaccatura tra élite cosmopolite e populisti difensori del suolo. Se lo stato sociale senza frontiere è una pia illusione, immaginare di fare del Mediterraneo il fossato di una ‘fortezza Europa’ – erigendo intorno al continente della ricchezza e della sicurezza sociale dei muri per arrestare il flusso – dissolverebbe le basi stesse dell’Europa.

(source: Bol.com)

Fuga dal destino

A Highland Feuding 4

Scozia, 1370.
Il destino di Sorcha sembra ormai segnato.
Suo padre, capoclan dei MacMillan, è intenzionato a usarla come pedina per i propri fini e l’ha promessa in sposa al laird dei Cameron, un uomo violento e crudele, le cui due precedenti mogli sono morte in circostanze molto sospette. Prima di esalare l’ultimo respiro, però, sua madre le rivela di aver disposto tutto affinché lei possa scappare e trovare rifugio in un convento sull’isola di Skye. Tuttavia durante la fuga qualcosa va storto e Sorcha è costretta a nascondersi a Glenlui sotto falsa identità.
È proprio qui che incontra Alan Cameron e da subito comprende quanto sia pericoloso. Per il suo sorriso, per il modo in cui la guarda, per l’intesa immediata tra loro, per la tenerezza che li lega… ma soprattutto perché lui è l’uomo incaricato dai Cameron di stanarla e riconsegnarla al triste futuro che l’attende.

(source: Bol.com)

Fuga da Bisanzio

Iosif Brodskij era finora conosciuto e riconosciuto, da noi, come il massimo poeta vivente di lingua russa. Con questo libro si rivela un grande prosatore in lingua inglese. Una parte di “Fuga da Bisanzio” si compone di pezzi memorialistici, centrati su Leningrado. Sono testi di straordinaria intensità e sobrietà: l’evocazione di una città che è una categoria dello spirito, intrecciata al racconto di una giovinezza in Russia, negli anni del dopoguerra, segnato da una straziata precisione. E insieme il memorabile ritratto dei genitori, che sembrano condensare nelle loro figure la muta sofferenza della Russia in questo secolo. Il Brodskij poeta ci parla poi in due omaggi a Mandel’štam e a Auden, che sono quanto di più illuminante sia stato scritto su questi due autori. Infine, nella lunga prosa che dà il titolo al volume, ed è una fuga anche in senso musicale, Brodskij si lancia in una febbrile riflessione sulla storia della civiltà, che tocca l’imperatore Costantino e l’Islam, la storia della Russia e la natura del tempo – per indicare, quasi a caso, solo alcuni dei numerosissimi temi che si sovrappongono in questo saggio. Poeta metafisico, Brodskij ci offre in queste pagine un esempio di prosa metafisica, dove una sorpresa e una percezione imprevista ci attendono a ogni frase.

Fuga a Opar

Diecimila anni fa, nel cuore dell’Africa, sorgeva la mitica città di Opar, sede di uno dei regni più fantastici del continente: così racconta Edgar Rice Burroughs, l’inventore di Tarzan, nelle sue celebri storie d’avventura. Oggi Philip José Farmer prende in mano la sua magica penna per raccontarci le cronache di Opar all’apice del suo splendore e le gesta di Hadon, legittimo successore del re Minruth sul trono di Khokarsa, che in questo secondo volume cerca scampo nella propria città natale. Compagni nel pericoloso viaggio gli sono alcuni amici e la bellissima Lalila, che sta per dargli un figlio. Ma percorrere migliaia di chilometri attraverso un impero in preda al caos e alla guerra civile non si rivelerà impresa facile.

Frotte di pesci rossi

Ancora inedita in Italia, Okamoto Kanoko fu poetessa, narratrice e saggista. Si segnalò sulla scena culturale nipponica della prima metà del ‘900 anche per gli atteggiamenti spregiudicatamente disinibiti che potrebbero farla accostare ad alcune protagoniste dell’avanguardia artistico-culturale dell’Occidente, da Colette a Djuna Barnes, ad Anaïs Nin. I tre racconti che compongono il volume sono rappresentativi di una vena narrativa che l’autrice coltivò soprattutto negli ultimi anni della sua vita. Pur diverse nell’ambientazione e nello sviluppo, le vicende narrate finiscono per sciogliersi in una sorta di rivelazione, tanto imprevista quanto rasserenante. Il protagonista di Frotte di pesci rossi è un giovane ittiologo che vive tormentato da una duplice ossessione, un amore che crede impossibile e il tentativo di ottenere finalmente la considerazione dell’amata selezionando una nuova, bellissima varietà di pesce rosso. Un’impresa che sembra destinata a fallire finché, allo stremo delle forze e delle speranze, non scopre che qualcosa è successo là dove meno se lo sarebbe aspettato. Nel secondo racconto, Nel settentrione, il rapporto di tenero affetto che lega un ragazzo idiota a una adolescente in età da marito suscita in lei un sentimento materno che durerà quanto la sua stessa vita, inducendola a sperare in un improbabile ritorno dell’amico del cuore anche dopo che ne ha perduto le tracce. Nel terzo racconto, Il genio familiare, a illuminare il futuro della giovane incaricata di gestire la trattoria di famiglia è la scoperta del misterioso conforto accordato dal destino alla vita scialba e rassegnata di sua madre: nulla è in realtà cambiato nella sua esistenza, se non l’animo con cui la affronterà da quel momento in poi, giorno dopo giorno. –– Prefazione di Dacia Maraini

(source: Bol.com)

Fremito Inconfessabile

Jolie Quinn è una donna in carriera, astro nascente nello sfavillante mondo della moda. Determinata e fieramente indipendente, niente può impedirle di raggiungere i suoi obiettivi, nemmeno Heath Powell, l’affascinante guardia del corpo inglese che ha assunto e verso il quale sente un’innegabile attrazione. Da parte sua, dopo che una tragedia personale lo ha lasciato a pezzi, anche Heath ha deciso di evitare qualsiasi tipo di relazione, ma Jolie esercita su di lui un fascino difficile da ignorare. Quando, inevitabilmente, la passione tra loro divampa, nessuno dei due vuole cedere al sentimento. Ma un misterioso nemico minaccia Jolie e la sua azienda, e Heath è l’unica persona di cui lei possa fidarsi. Lavorare accanto a lui per salvare la sua attività, però, potrebbe voler dire per Jolie esporsi al rischio che più teme: innamorarsi perdutamente…
Dalla regina indiscussa del romance erotico, un nuovo episodio della fortunata serie *Wicked Lovers*, un mix esplosivo di passione sfrenata e l’azione.
**
### Sinossi
Jolie Quinn è una donna in carriera, astro nascente nello sfavillante mondo della moda. Determinata e fieramente indipendente, niente può impedirle di raggiungere i suoi obiettivi, nemmeno Heath Powell, l’affascinante guardia del corpo inglese che ha assunto e verso il quale sente un’innegabile attrazione. Da parte sua, dopo che una tragedia personale lo ha lasciato a pezzi, anche Heath ha deciso di evitare qualsiasi tipo di relazione, ma Jolie esercita su di lui un fascino difficile da ignorare. Quando, inevitabilmente, la passione tra loro divampa, nessuno dei due vuole cedere al sentimento. Ma un misterioso nemico minaccia Jolie e la sua azienda, e Heath è l’unica persona di cui lei possa fidarsi. Lavorare accanto a lui per salvare la sua attività, però, potrebbe voler dire per Jolie esporsi al rischio che più teme: innamorarsi perdutamente…
Dalla regina indiscussa del romance erotico, un nuovo episodio della fortunata serie *Wicked Lovers*, un mix esplosivo di passione sfrenata e l’azione.

Fregati dalla scuola

I manuali di storia dell’obbligo sono per comodità divisi in capitoli; questi però non si limitano ad essere numerati, bensì recano dei titoli. E questi titoli, contrariamente a quel che si pensa, non si limitano a descrivere il contenuto del capitolo, ma danno anche un giudizio di valore. “Medioevo” significa, come tutti sanno, “età di mezzo”, laddove “Rinascimento” sta per “nuova rinascita”. Dunque il “Medioevo”, epoca precedente al “Rinascimento”, era il tempo in cui l’umanità era morta, i “secoli bui” durati mille anni secondo il manuale. Mille anni! Sbrigativamente catalogati come “età di mezzo”. Che lunga morte! Vuol dire che si era ben vivi ai bei tempi di Atene e Roma, poi si morì per dieci secoli e si rinacque infine alle soglie del ‘500… In epoca moderna poi, Garibaldi e Napoleone erano i buoni, mentre i Borbone erano cattivi – e con loro pure il papa – perché non volevano cedere il Sud ai piemontesi. L’evoluzionismo poi, insegnato fin dalla tenera età come scienza certa, chiude il cerchio di questa storia letta in chiave totalmente materialista. Visto così, l’insegnamento scolastico sembra un continuo tentativo di scrollarsi di dosso Dio ed il cristianesimo. Il motivo lo si capirà leggendo questa guida.
**

Freddi fiori d’aprile

Alla vigilia del 2000, in un villaggio albanese spento dalle nebbie vicino al braciere kosovaro, mentre il pittore Mark Gurabardhi dipinge la sua giovane modella e amante, si sparge la notizia di una sanguinosa rapina in banca, giudicata nel paese ex comunista un preciso segnale dell’occidentalizzazione di quel piccolo mondo. Una strana inquietudine aleggia nel borgo: diversi uomini si aggirano nei dintorni alla ricerca del cunicolo che porta agli Archivi segreti, dove pare siano conservate le tracce di crimini politici del passato. “Freddi fiori d’aprile” è una metafora screziata di elementi noir sulla primavera albanese, ancora troppo fredda per non far temere il ritorno del gelo sulle fragili efflorescenze della recuperata libertà.

Fratelli di sangue: Spin off tratto da “Amore senza vita”

Un’altra storia tratta dal nostro MM, dall’ambientazione futuristica ma non troppo, che tanto è piaciuto ai lettori, “Amore senza vita”.
Uno sguardo al passato di Pietro e di Jakob e a un giuramento mai dimenticato, fatto quando entrambi erano stati nominati Comandanti della Sacra Inquisizione.
Sembrava davvero una storia durata tre mesi, basata solo sul sesso, sui bassi istinti carnali di due soldati.
“Desidero essere il tuo uomo. Se poi la nostra storia durerà anche solo un giorno, non m’importa.”
Queste parole risuonavano ancora nella testa di Matt Takeshi, quando ora, in un frangente particolare della sua tormentata vita, si trova solo.
Jakob lo ha accusato di aver consumato, alle sue spalle, un tradimento con Pietro, una relazione segreta che, secondo lui, continua ancora.
Offende Aleksey, dicendo che è un “povero fesso” e inizia a far crollare l’amicizia fraterna con i due ragazzi.
Cosa lo ha spinto a credere a una simile bugia?
Un ricordo doloroso legato al passato di Jakob, agli anni in cui frequentava la Facoltà di Ingegneria Aerospaziale e un nome, Eien, che in Giapponese significa “eternità”.
Appartenuto ad un giovane e affascinante Vampiro, per metà italiano e per metà asiatico.
Un’ amicizia fortissima da ricostruire e una storia particolare e intrigante legata al passato di Jakob.
Anche la passione, mai sopita, la forte attrazione fisica che Matt provava ancora per Pietro e il vedere Aleksey come un intralcio tra lui e quello che poteva essere il vero amore della sua vita.
**VISITATE LA NOSTRA PAGINA FB ***
https://www.facebook.com/pg/romanziLGBT/
**LINK PER ACQUISTARE “AMORE SENZA VITA – VOLUME 1”**
https://www.amazon.it/dp/B07B5P1LVY/
**
### Sinossi
Un’altra storia tratta dal nostro MM, dall’ambientazione futuristica ma non troppo, che tanto è piaciuto ai lettori, “Amore senza vita”.
Uno sguardo al passato di Pietro e di Jakob e a un giuramento mai dimenticato, fatto quando entrambi erano stati nominati Comandanti della Sacra Inquisizione.
Sembrava davvero una storia durata tre mesi, basata solo sul sesso, sui bassi istinti carnali di due soldati.
“Desidero essere il tuo uomo. Se poi la nostra storia durerà anche solo un giorno, non m’importa.”
Queste parole risuonavano ancora nella testa di Matt Takeshi, quando ora, in un frangente particolare della sua tormentata vita, si trova solo.
Jakob lo ha accusato di aver consumato, alle sue spalle, un tradimento con Pietro, una relazione segreta che, secondo lui, continua ancora.
Offende Aleksey, dicendo che è un “povero fesso” e inizia a far crollare l’amicizia fraterna con i due ragazzi.
Cosa lo ha spinto a credere a una simile bugia?
Un ricordo doloroso legato al passato di Jakob, agli anni in cui frequentava la Facoltà di Ingegneria Aerospaziale e un nome, Eien, che in Giapponese significa “eternità”.
Appartenuto ad un giovane e affascinante Vampiro, per metà italiano e per metà asiatico.
Un’ amicizia fortissima da ricostruire e una storia particolare e intrigante legata al passato di Jakob.
Anche la passione, mai sopita, la forte attrazione fisica che Matt provava ancora per Pietro e il vedere Aleksey come un intralcio tra lui e quello che poteva essere il vero amore della sua vita.
**VISITATE LA NOSTRA PAGINA FB ***
https://www.facebook.com/pg/romanziLGBT/
**LINK PER ACQUISTARE “AMORE SENZA VITA – VOLUME 1”**
https://www.amazon.it/dp/B07B5P1LVY/