63217–63232 di 64539 risultati

I giorni dell’amore e della guerra

‘La vita, semplicemente, come nel ”Cacciatore di aquiloni”, ma in più qui pulsa un respiro epico, un turbinare da Via col vento, un intreccio di battaglie, fughe, rivendicazioni e passioni estreme.’
la Repubblica – Leonetta Bentivoglio

‘Tahmima Anam è brava a richiamare le atmosfere di un paese non di sfumature ma di colori forti, piatto, battuto dal sole e dai monsoni. Il suo romanzo gode di uno stile evocativo e controllato.’
Corriere della Sera – Sergio Perosa

Pakistan orientale, 1959. Rehana ha comprato due aquiloni. È l’ultimo regalo ai suoi due figli, i piccoli Sohail e Maya, prima che la lascino, forse per sempre. Orfani di padre, andranno a vivere con lo zio a Lahore. Così ha deciso il giudice, ma lei non ha perso né speranza né voglia di combattere: un giorno li ritroverà.
È il 1971 e a casa di Rehana si celebra l’anniversario del ritorno dei suoi figli. Sohail ha ormai 19 anni e Maya 17. Per le strade il clangore dei carri armati segnala che il paese è in guerra. Il Bangladesh ha dichiarato la propria indipendenza ed è stato occupato dall’esercito pakistano. Si sta organizzando la resistenza. Rehana perderà di nuovo i suoi figli: Sohail si è unito al movimento di liberazione, Maya sta per seguirlo. E mentre il sangue scorre sull’asfalto, Rehana combatterà ancora una volta per la loro salvezza.

(source: Bol.com)

I Giorni Dell’addio

Larry Astell, bewoont met zijn Amerikaans-Franse familie een chateau in het Franse Champagnegebied. Na een verboden liefde voor een dochter van een Italiaanse diplomaat stort hij zich geheel op zijn werk als journalist in Parijs. Zijn leven neemt een andere wending in de loop van de tweede wereldoorlog. Na de oorlog keren de nog overgebleven Astell-leden naar hun woonplaats terug waar ze de balans van de oorlog opmaken. Een verhaal, dat net als de eerste roman van deze schrijver (“Tanameria” een traag begin heeft maar daarna door een goede spannende opbouw tot het eind toe weet te boeien. Het lezen wordt vergemakkelijkt door de talrijke dialogen. De aanwezige realistische gedeeltes hebben een duidelijke functie. Duidelijke druk.

I giorni del terrore

‘La rivoluzione è come Saturno: divora i suoi figli’. A parlare è Vergniaud, in piedi al banco degli imputati. Il Tribunale rivoluzionario ha appena pronunciato la sentenza: fino a qualche settimana prima era presidente della Convenzione nazionale, tra poche ore il boia mostrerà la sua testa al popolo. È l’autunno del 1793. Nemmeno sei mesi prima, con l’esecuzione del re, la rivoluzione ha raggiunto l’apice. Il tiranno è morto, la monarchia finalmente abbattuta – eppure è proprio in questo momento che qualcosa s’incrina tra le diverse fazioni rivoluzionarie, che fino ad allora hanno agito di concerto. Gli eserciti delle potenze straniere avanzano verso i confini francesi, decisi a marciare su Parigi, e nella capitale la paura che qualcuno si sia venduto e stia tramando per la disfatta della Repubblica diventa sospetto, e il sospetto rapidamente psicosi. Chiunque non dia prova di costante ardore rivoluzionario – stabilisce il Comitato di salute pubblica – è da considerarsi sospetto; chiunque abbia un atteggiamento passivo nei confronti della Repubblica dev’essere arrestato, chiunque non faccia niente per essa va punito. La Montagna e la Gironda, i brissottini e gli hébertisti: la battaglia è tanto più feroce quanto più diventa chiaro che la posta in gioco non è solo la supremazia politica, ma la vita stessa. Esecuzioni e linciaggi sono all’ordine del giorno, i sanculotti banchettano nel sangue, una dopo l’altra le teste dei leader usciti vittoriosi dalla rivoluzione cadono sotto la lama del Rasoio Nazionale. È il Terrore. Ultimo atto dell’opera che Hilary Mantel dedica alla Rivoluzione francese, I giorni del Terrore è un lucido resoconto di quegli anni terribili, ma anche e soprattutto una storia di uomini che avanzano verso il loro personale punto di non ritorno, quando toccherà loro scegliere tra i sentimenti e gli ideali sempre più alti cui hanno legato il proprio nome, e del tributo di sangue che sempre il potere esige.

(source: Bol.com)

I generali di Mussolini

**Da Badoglio a Graziani, la storia segreta degli uomini del Duce

Da Pietro Badoglio a Rodolfo Graziani
Da Mario Roatta a Ugo Cavallero
La storia mai raccontata dei condottieri del regime**

Pietro Badoglio, Ugo Cavallero, Francesco Saverio Grazioli, e ancora Umberto di Savoia, Ettore Bastico e Carlo Favagrossa: chi erano i generali di Mussolini? Come si sono formati e che influenza hanno avuto sulle strategie militari e politiche del Duce? Questo libro ripercorre la carriera dei generali del regime, analizzandone con rigore storico le mosse vincenti, le operazioni riuscite, ma anche gli errori tattici e le cocenti sconfitte. Personaggi come Rodolfo Graziani o Giovanni Messe, figli di una realtà rurale meridionale, sono stati l’espressione più alta di come la prima guerra mondiale abbia mutato l’intero assetto gerarchico degli uomini in divisa, tanto da farli ascendere successivamente ai massimi gradi del Regio esercito. Il fascismo, con la sua capacità di aggregazione interclassista, ha contribuito a un processo già avviato, e in parte lo ha fatto proprio. Ereditando l’esperienza della trincea e di una generazione borghese che si sentiva scoraggiata e tradita, ha dato un nuovo impulso e senso al significato di essere comandanti. Non è quindi un caso se il primo governo Mussolini nobilitò il generalissimo Armando Diaz, facendolo ministro della Guerra. E pure la nomina di Pietro Badoglio a capo di Stato maggiore generale fu una delle ulteriori mosse di Mussolini per tenere sotto scacco le Forze armate e allo stesso tempo per definire la costruzione del tanto auspicato Stato totalitario.

**Le strategie, le battaglie e le tragiche sconfitte degli uomini del Duce

Tra i personaggi presenti nel libro:**

• PIETRO BADOGLIO, DALLA DISFATTA DI CAPORETTO AL COMPLICATO RAPPORTO CON IL DUCE
• UGO CAVALLERO, PIEMONTESE E MONARCHICO DI FERRO, AMBIZIOSISSIMO E AMICO DEI TEDESCHI
• RODOLFO GRAZIANI, UN GENERALE PER IL REGIME
• FEDERICO BAISTROCCHI, FASCISTA DELLA PRIMA ORA
• GIOVANNI MESSE, DA SOLDATO SEMPLICE A MARESCIALLO D’ITALIA
• I NOBILI UMBERTO DI SAVOIA E AMEDEO D’AOSTA
• I GENERALI COSIDDETTI SPAGNOLI ETTORE BASTICO E MARIO ROATTA
• LE EMINENZE GRIGIE CARLO FAVAGROSSA E GIACOMO CARBONI
• I VALOROSI GIUSEPPE TELLERA E GUGLIELMO NASI

Giovanni Cecini

Nato a Roma nel 1979, è laureato in Scienze Politiche e in Lettere e Filosofia. Collaboratore dello Stato maggiore dell’esercito, di quello della Difesa, del Museo storico della Guardia di Finanza, dell’Enciclopedia Treccani, dell’Istituto del Nastro Azzurro e di Rai Storia, è studioso di storia militare, politica e diplomatica. È autore di numerosi volumi e saggi, tra cui I soldati ebrei di Mussolini (2008), Il Corpo di spedizione italiano in Anatolia (2010), Arnhem 1944 (2013) e La Guardia di finanza nelle isole italiane dell’Egeo (2014).

(source: Bol.com)

I Gemelli Segreti del Miliardario

### ***«Sono passate due settimane da quando ci siamo baciati e mi sembra di essere pronta a perdere le staffe e sputtanarmi davanti a tutti.»**** *
«Non è divertente, Jenny. È un disastro. Perché non può essere un idiota doppiogiochista come tutti? Non ci sarebbero tutti questi problemi!»
«Tutte queste emozioni, vorrai dire,» la stuzzicò l’amica.
«Emozioni, problemi… che differenza c’è? Ohh, perché deve essere così… così…»
«Perfetto?» la completò Jenny.
«Si!» si lagnò Miranda tornando ad appoggiare la testa. «Odio la mia vita.»
* * *
Quando Miranda entra a lavorare in uno degli studi legali più prestigiosi di New York è convinta di mettere tutti in ginocchio. È lì in segreto – deve farsi un nome nel campo del giornalismo investigativo – e ha un sogno: mostrare il suo nuovo capo per quel che è veramente: un viscido.
**Il suo piano era perfetto: stare vicina al suo capo, imparare tutti i suoi segreti e svelarli al mondo.**
*Ma c’è un problema.*
Jackson è l’uomo più perfetto che Miranda abbia mai conosciuto: ricco, sexy, divertente e attento e invece di metterlo alla gogna, la donna se ne innamora lentamente, fino al punto di non ritorno.
Quando Miranda resta incinta poi, sa di dover fare una scelta difficile.
**Dirà la verità a Jackson anche a rischio di perdere la sua fiducia? O manterrà il segreto correndo quello di perdere lui?**
**
### Sinossi
### ***«Sono passate due settimane da quando ci siamo baciati e mi sembra di essere pronta a perdere le staffe e sputtanarmi davanti a tutti.»**** *
«Non è divertente, Jenny. È un disastro. Perché non può essere un idiota doppiogiochista come tutti? Non ci sarebbero tutti questi problemi!»
«Tutte queste emozioni, vorrai dire,» la stuzzicò l’amica.
«Emozioni, problemi… che differenza c’è? Ohh, perché deve essere così… così…»
«Perfetto?» la completò Jenny.
«Si!» si lagnò Miranda tornando ad appoggiare la testa. «Odio la mia vita.»
* * *
Quando Miranda entra a lavorare in uno degli studi legali più prestigiosi di New York è convinta di mettere tutti in ginocchio. È lì in segreto – deve farsi un nome nel campo del giornalismo investigativo – e ha un sogno: mostrare il suo nuovo capo per quel che è veramente: un viscido.
**Il suo piano era perfetto: stare vicina al suo capo, imparare tutti i suoi segreti e svelarli al mondo.**
*Ma c’è un problema.*
Jackson è l’uomo più perfetto che Miranda abbia mai conosciuto: ricco, sexy, divertente e attento e invece di metterlo alla gogna, la donna se ne innamora lentamente, fino al punto di non ritorno.
Quando Miranda resta incinta poi, sa di dover fare una scelta difficile.
**Dirà la verità a Jackson anche a rischio di perdere la sua fiducia? O manterrà il segreto correndo quello di perdere lui?**

I gatti e le loro donne. Un’amicizia speciale in cinquanta quadri

Quello fra donne e gatti è un legame antico che, nato in Egitto, è giunto immutato fino ai giorni nostri. Un legame che non ha mai smesso di esercitare il proprio fascino e che, nel corso dei secoli, ha saputo ispirare artisti che hanno reso donne e gatti rispettivamente muse ispiratrici e compagni, eroine e presenze leggere. È di questa straordinaria affinità che Detlef Bluhm ha voluto parlare nelle pagine del suo ultimo libro: con un viaggio entusiasmante all’interno della storia della pittura, lungo un percorso di cinquanta dipinti, Bluhm racconta le diverse sfaccettature della più antica amicizia interspecie, analizzandone caratteristiche, leitmotiv e unicità. Senza trascurare il minimo dettaglio: da Lorenzo Lotto a Leonardo da Vinci, da Frieda Kahlo a Pablo Picasso, all’interno del libro tutte le riproduzioni dei dipinti sono accompagnate da brevi testi di commento che riportano interpretazioni, aneddoti e cenni biografici dell’autore o dei soggetti ritratti. Per approfondire e conoscere uno dei temi più affascinanti, e ricchi di significato, della storia dell’arte
**

I Gatti E Le Loro Donne

Quello fra donne e gatti è un legame antico che, nato in Egitto, è giunto immutato fino ai giorni nostri.
Un legame che non ha mai smesso di esercitare il proprio fascino e che, nel corso dei secoli, ha saputo ispirare artisti che hanno reso donne e gatti rispettivamente muse ispiratrici e compagni, eroine e presenze leggere.
È di questa straordinaria affinità che Detlef Bluhm ha voluto parlare nelle pagine del suo ultimo libro: con un viaggio entusiasmante all’interno della storia della pittura, lungo un percorso di cinquanta dipinti, Bluhm racconta le diverse sfaccettature della più antica amicizia interspecie, analizzandone caratteristiche, *leitmotiv* e unicità.
Senza trascurare il minimo dettaglio: da Lorenzo Lotto a Leonardo da Vinci, da Frieda Kahlo a Pablo Picasso, all’interno del libro tutte le riproduzioni dei dipinti sono accompagnate da brevi testi di commento che riportano interpretazioni, aneddoti e cenni biografici dell’autore o dei soggetti ritratti.
Per approfondire e conoscere uno dei temi più affascinanti, e ricchi di significato, della storia dell’arte.

I funerali della Mama Grande

Otto racconti fantastici e insieme naturalistici dominati da una matrona mitica e prepotente, sovrana assoluta del regno di Macondo, ai cui funerali interviene persino il papa.

I fucili

È trascorso ormai ben più di un secolo da quando Sir John Franklin raggiunse il Circolo polare artico con due navi, in cerca del mitico Passaggio a nordovest, per ritrovarsi avvolto in un feroce sudario di morte e di gelo. Ora, in quegli stessi luoghi, giunge un altro uomo bianco con una strana uniforme addosso che gli vale, presso gli Inuit, il soprannome di Capitan Sottozero. Non è chiaro quale sia il suo vero scopo: forse esplorare di nuovo quelle terre magnifiche e ingrate, scoprendo quanto l’uomo bianco e i suoi fucili abbiano contribuito ad alterarne l’equilibrio; forse ritrovare le tracce della spedizione maledetta e ripercorrerne fisicamente gli stenti, per poi poterne scrivere con la forza dell’esperienza; o forse rivivere gli amori di Franklin per una donna Inuit, fino a trasformarsi nell’incarnazione vivente di Sir John. Nel sesto dei Sette sogni, la serie imponente di romanzi dedicati alla colonizzazione del continente nordamericano, dai vichinghi fino alle guerre indiane, William T. Vollmann dipinge un formidabile affresco sospeso tra mito e storia, tra passato e presente, unendo a un rigoroso lavoro di documentazione una sensibilità paesaggistica stupefacente e la potenza di una scrittura visionaria e barocca, che ha pochi eguali nella narrativa contemporanea.

(source: Bol.com)

I Fratelli Kristmas

È la notte della vigilia. I bambini di tutto il mondo dormono beati nei loro letti, ma Mad e Pi, due fratelli di 9 e 12 anni, non riescono proprio a prendere sonno… È la notte del 24 dicembre, ma il vecchio Niklas Kristmas, alias Babbo Natale, non può consegnare i regali. Ha una febbre da cavallo e una tosse da paura. Se uscisse al gelo – sentenzia l’elfo dottore – ci lascerebbe le penne. Così, a malincuore, l’incarico viene affidato a Luciano, il fratello minore di Niklas. I due hanno litigato anni prima. Luciano è un uguagliatore: per lui gli uomini sono tutti uguali, figurarsi i bambini, e quindi vuole portare a ciascuno lo stesso numero di regali. Mentre lo gnomo orologiaio rallenta il tempo, Luciano ed Efisio, il nano picchiatore, rivoluzionano il Natale inseguiti su e giù per il pianeta da gnomi grassi e valchirie affamate di carne umana al soldo di Panicus Flynch, l’avido industriale dei giocattoli che vuole impadronirsi del Natale e che rapisce il vecchio Niklas. Al fianco di Luciano ed Efisio si schierano gnomi operai e nani da giardino. Ma insieme a loro, sulla slitta, a combattere le valchirie a mani nude, ci sono due bambini coraggiosi di 9 e 12 anni, Pi e sua sorella Mad, che li aiuteranno a portare a termine la movimentata impresa di consegnare i regali prima dell’alba, salvando il Natale e rendendo il mondo, almeno per un giorno, un posto un pochino più giusto.

I Filamenti Della Magia: Volume I. il Difetto

I Filatori della Magia sono stati ingannati e la Costa di Vaeredia è in pericolo. Il tessuto magico, l’intreccio armonico di cui sono formate tutte le cose, è stato manomesso e dalla sua manomissione ha preso vita una bambina dotata di incredibili poteri. Cataclismi imperversano lungo tutto il continente e gli uomini, sfidando la furia degli elementi, tentano di portare ordine in un mondo che sta per essere inghiottito dal caos. Questi comuni mortali riusciranno là dove gli dei hanno fallito, o il loro destino è già scritto? E quanto hanno influito a determinare gli eventi le enigmatiche profezie pronunciate dal misterioso Oracolo della Scogliera? Se ti senti abbastanza coraggioso da sfidare la collera divina e accompagnare una spedizione di maghi e cavalieri, attraverso intrighi, incantesimi, grandi amori, battaglie e inganni, entra in questa fantastica avventura. Il regno dell’Einar ti attende!
**
### Sinossi
I Filatori della Magia sono stati ingannati e la Costa di Vaeredia è in pericolo. Il tessuto magico, l’intreccio armonico di cui sono formate tutte le cose, è stato manomesso e dalla sua manomissione ha preso vita una bambina dotata di incredibili poteri. Cataclismi imperversano lungo tutto il continente e gli uomini, sfidando la furia degli elementi, tentano di portare ordine in un mondo che sta per essere inghiottito dal caos. Questi comuni mortali riusciranno là dove gli dei hanno fallito, o il loro destino è già scritto? E quanto hanno influito a determinare gli eventi le enigmatiche profezie pronunciate dal misterioso Oracolo della Scogliera? Se ti senti abbastanza coraggioso da sfidare la collera divina e accompagnare una spedizione di maghi e cavalieri, attraverso intrighi, incantesimi, grandi amori, battaglie e inganni, entra in questa fantastica avventura. Il regno dell’Einar ti attende!

I figli di Yurth

Quando giunge il suo tempo, ogni giovane Yurth deve partire per il Pellegrinaggio, un rito la cui origine si perde nel buio del passato. E chiunque torni dal Pellegrinaggio, chiunque sia riuscito a portare a termine la cerca, offre alla comunità il contributo di una forza mentale capace di produrre illusioni perfette. Perché, da sempre, tra Yurth e Raski, le due razze che si dividono l’impervio pianeta che è Zacar, regna l’odio. Una terribile catastrofe, ormai dimenticata, ha gravato le due stirpi di un fardello che forze oscure continuano ad alimentare… Questa è la storia di Elossa, la ragazza Yurth che parte per il suo Pellegrinaggio, ed è la storia di Stans, il Raski che la segue; ed è la storia della loro lotta contro il cupo padrone di insondabili arti magiche. OMICRON # 6.

I figli di Roma

Alessandria d’Egitto e Roma 48-44 a.C. Dopo il lunghissimo viaggio di ritorno dall’Oriente, Romolo e Tarquinio sono stati forzatamente arruolati nelle legioni romane e costretti così a rimandare il loro rientro a Roma. Fabiola invece è già nella capitale e, ormai certa di essere la figlia illegittima di Cesare, ha come unico pensiero quello di ucciderlo e vendicare la violenza subita dalla madre. Corrompere alcuni senatori già ostili a Cesare, grazie ai guadagni del lupanare di cui si è appropriata e all’amore incondizionato di Bruto che non esita a sostenerla, sembra la strada più semplice, anche se non priva di incognite e pericoli. Nel frattempo in Egitto l’amicizia di Romolo e Tarquinio si è incrinata per la prima volta. L’aruspice infatti è fuggito dall’esercito di Cesare abbandonando Romolo in balia della guerra e dei legionari, dai quali verrà riconosciuto come ex schiavo, arrestato, rimandato a Roma e costretto a combattere nell’arena. Sarà ancora una volta il suo coraggio, oltre che la sua forza fisica, a salvarlo e a fargli guadagnare la stima di Cesare, mentre Tarquinio sta ritornando a Roma, guidato da una nuova e inquietante profezia di Mitra che minaccia l’Aquila e forse anche i suoi due amici. Una profezia che metterà alla prova il loro legame e porrà Romolo di fronte alla sua coscienza, combattuta tra la verità, l’affetto per sua sorella e la fedeltà a Cesare.

I figli di Damia

Dotata di poteri psichici straordinari, Damia è già riuscita una volta a salvare l’umanità dall’attacco dei nemici venuti dallo spazio. Ma ora il nemico si è scaltrito, ha imparato a conoscere il pericolo rappresentato dal potere di Damia e della Rowan e sta per tornare in grande stile. Per fortuna Damia, che ha ricevuto il suo potere in eredità dalla madre, è in grado di insegnarlo ai figli. Unendo i loro talenti individuali, i figli di Damia otterranno una forza ancora più grande di quella della madre o della stessa Rowan. Ed è un bene, perchè la minaccia di altri mondi incombe sulle generazioni di Gwyn-Raven.

I figli del re

Inghilterra, 1940. Cecily, dodici anni, e suo fratello Jeremy, quattordici, sono stati mandati in campagna nella lussuosa dimora di famiglia per sfuggire all’ormai imminente e temuto grande bombardamento di Londra. Insieme a loro c’è May, una piccola sfollata che la famiglia ha accolto per il periodo della guerra. Durante le loro scorribande, le due ragazzine scoprono le rovine di un castello su cui aleggia un’antica leggenda. È una storia crudele e terribile, per nulla adatta alle orecchie di tre ragazzi, ma che proprio per questo loro vogliono conoscere. Una storia dalle atmosfere shakesperiane che narra di un Duca assetato di potere vissuto diversi secoli prima e di due principi scomparsi. Nella rievocazione di quel tempo lontano e nei drammatici giorni di guerra che i ragazzi stanno vivendo, passato e presente si fondono per dare vita a una storia avventurosa e piena di mistero, come sprofondate nel mistero sono le rovine di Snow Castle.
**
### Sinossi
Inghilterra, 1940. Cecily, dodici anni, e suo fratello Jeremy, quattordici, sono stati mandati in campagna nella lussuosa dimora di famiglia per sfuggire all’ormai imminente e temuto grande bombardamento di Londra. Insieme a loro c’è May, una piccola sfollata che la famiglia ha accolto per il periodo della guerra. Durante le loro scorribande, le due ragazzine scoprono le rovine di un castello su cui aleggia un’antica leggenda. È una storia crudele e terribile, per nulla adatta alle orecchie di tre ragazzi, ma che proprio per questo loro vogliono conoscere. Una storia dalle atmosfere shakesperiane che narra di un Duca assetato di potere vissuto diversi secoli prima e di due principi scomparsi. Nella rievocazione di quel tempo lontano e nei drammatici giorni di guerra che i ragazzi stanno vivendo, passato e presente si fondono per dare vita a una storia avventurosa e piena di mistero, come sprofondate nel mistero sono le rovine di Snow Castle.