62817–62832 di 62912 risultati

Agatha Raisin e il modello di virtù

Le avventure di Agatha Raisin – 16º episodioAgatha Raisin è una cinquantenne dal carattere difficile. Ottenuto successo e denaro con un’agenzia di PR, decide di mollare tutto, Londra compresa, e trasferirsi a Carsely, fiabesco villaggio dei Cotswolds. Lì, per la prima volta, capisce di essere sola: un matrimonio breve e disastroso alle spalle, un’infanzia misera e difficile l’hanno resa sospettosa verso gli altri, tanto poco incline ai rapporti umani quanto desiderosa di averne. E proprio per essere accettata, Agatha si trova invischiata nella sua prima avventura. Da lì in poi, un po’ per caso un po’ per scelta – tutto sommato in pensione si annoia – Agatha sarà coinvolta in un considerevole numero di casi.Negli oltre venti libri che a oggi costituiscono la serie, Agatha appare un’eroina non convenzionale: quasi interamente priva di capacità introspettive, così piena di difetti da risultare talvolta seccante, tra i pochi ancora a mangiare male e a bere e fumare peggio, Agatha alla fine conquista. Letta da un pubblico eterogeneo, della serie di Agatha Raisin astoria ha finora pubblicato: ”La quiche letale”, ”Il veterinario crudele”, ”La giardiniera invasata”, ”I Camminatori di Dembley”, ”Il matrimonio assassino”, ”La turista terribile”, ”La Sorgente della morte”, ”Il mago di Evesham”, ”La strega di Wyckhadden”, ”Le fate di Fryfam”, ”L’amore infernale”, ”I giorni del diluvio”, ”Il caso del curioso curato”, ”La casa infestata” e ”Il ballo mortale”, nonché il prequel ”Il primo caso di Agatha Raisin”.

(source: Bol.com)

Agatha Raisin e il caso del curioso curato

Agatha sta attraversando una fase di odio per gli uomini: l’ex maritoJames ha fatto perdere ogni traccia di sé, il nuovo vicino ha fattodelle avance cui Agatha non era preparata e Tristan, il bellissimocurato appena giunto a Carsely, sembra intenzionato a ignorarla.Tuttavia, quando lo incontra di persona, Agatha rimane più checolpita dall’insieme occhi azzurri-capelli biondi-fisico aitante, esattamente come tutte le altre donne di Carsely. E quando Tristan la invita a cena, comincia a sognare come un’adolescente.Il giorno dopo, però…

(source: Bol.com)

Agatha Raisin – Amore, bugie e liquori

Le avventure di Agatha Raisin – 17º episodioAgatha Raisin è una cinquantenne dal carattere difficile. Ottenuto successo e denaro con un’agenzia di PR, decide di mollare tutto, Londra compresa, e trasferirsi a Carsely, fiabesco villaggio dei Cotswolds. Lì, per la prima volta, capisce di essere sola: un matrimonio breve e disastroso alle spalle, un’infanzia misera e difficile l’hanno resa sospettosa verso gli altri, tanto poco incline ai rapporti umani quanto desiderosa di averne. E proprio per essere accettata, Agatha si trova invischiata nella sua prima avventura. Da lì in poi, un po’ per caso un po’ per scelta – tutto sommato in pensione si annoia – Agatha sarà coinvolta in un considerevole numero di casi.Negli oltre venti libri che a oggi costituiscono la serie, Agatha appare un’eroina non convenzionale: quasi interamente priva di capacità introspettive, così piena di difetti da risultare talvolta seccante, tra i pochi ancora a mangiare male e a bere e fumare peggio, Agatha alla fine conquista. Letta da un pubblico eterogeneo, della serie di Agatha Raisin astoria ha finora pubblicato: ”La quiche letale”, ”Il veterinario crudele”, ”La giardiniera invasata”, ”I Camminatori di Dembley”, ”Il matrimonio assassino”, ”La turista terribile”, ”La Sorgente della morte”, ”Il mago di Evesham”, ”La strega di Wyckhadden”, ”Le fate di Fryfam”, ”L’amore infernale”, ”I giorni del diluvio”, ”Il caso del curioso curato”, ”La casa infestata”, ”Il ballo mortale” e ”Il modello di virtù”, nonché il prequel ”Il primo caso di Agatha Raisin”.

(source: Bol.com)

Affare Fatto

Quando sei una studentessa unversitaria e perdi il lavoro, non sai più come pagare l’affitto e devi arrangiarti…..
“Molto bene”, lo sentii dire, “ora siediti e bevi qualcosa con me …
No, non là “aggiunse, mentre stavo per girare intorno al tavolo per sedermi all’estremità del divano,” stai vicina qui e siediti sul ginocchio di papà! ”
Oh, mio dio, questo ha cominciato a diventare sgradevole, ma non ho avuto altra scelta che fare come ordinato, almeno non era doloroso sedersi sulla sua coscia grassoccia. La sua pancia era premuta contro la mia schiena mentre lui mi stringeva il braccio con un braccio intorno alla vita, l’altro proteso ancora verso il suo bicchiere. Con una piccola possibilità di sfuggire a quel forte liquore, presi una bottiglia di birra e bevvi un sorso. Rimettendo il bicchiere sul tavolo, cercò di nuovo di mettere le sue spesse dita nei lati della mia parte superiore, ma fallì di nuovo. Dopo alcuni inutili tentativi, si fermò, ma fece un altro giro per coprirmi i seni. Sentendoli e soppesandoli come pesava i meloni nel suo negozio respirava profondamente nel piacere.
“Sì, ho sempre saputo che hai delle belle tette,” mormorò mentre le mani le stavano tastando, “adoravo il modo in cui ballano e si muovono quando sei passata in estate senza portare niente sotto la maglietta.” Le sue dita cerchiarono e cercarono di arrivare ai miei capezzoli. Sfortunatamente sono molto sensibile lì, anche una leggera brezza fa reagire i miei capezzoli e si fanno duri. Quindi, anche se l’intera situazione non era affatto un’eccitazione per me, ho sentito i miei capezzoli sollevarsi e premere contro il materiale sottile della mia maglietta attillata.
**
### Sinossi
Quando sei una studentessa unversitaria e perdi il lavoro, non sai più come pagare l’affitto e devi arrangiarti…..
“Molto bene”, lo sentii dire, “ora siediti e bevi qualcosa con me …
No, non là “aggiunse, mentre stavo per girare intorno al tavolo per sedermi all’estremità del divano,” stai vicina qui e siediti sul ginocchio di papà! ”
Oh, mio dio, questo ha cominciato a diventare sgradevole, ma non ho avuto altra scelta che fare come ordinato, almeno non era doloroso sedersi sulla sua coscia grassoccia. La sua pancia era premuta contro la mia schiena mentre lui mi stringeva il braccio con un braccio intorno alla vita, l’altro proteso ancora verso il suo bicchiere. Con una piccola possibilità di sfuggire a quel forte liquore, presi una bottiglia di birra e bevvi un sorso. Rimettendo il bicchiere sul tavolo, cercò di nuovo di mettere le sue spesse dita nei lati della mia parte superiore, ma fallì di nuovo. Dopo alcuni inutili tentativi, si fermò, ma fece un altro giro per coprirmi i seni. Sentendoli e soppesandoli come pesava i meloni nel suo negozio respirava profondamente nel piacere.
“Sì, ho sempre saputo che hai delle belle tette,” mormorò mentre le mani le stavano tastando, “adoravo il modo in cui ballano e si muovono quando sei passata in estate senza portare niente sotto la maglietta.” Le sue dita cerchiarono e cercarono di arrivare ai miei capezzoli. Sfortunatamente sono molto sensibile lì, anche una leggera brezza fa reagire i miei capezzoli e si fanno duri. Quindi, anche se l’intera situazione non era affatto un’eccitazione per me, ho sentito i miei capezzoli sollevarsi e premere contro il materiale sottile della mia maglietta attillata.

Adriano. Roma e Atene

Nel pantheon degli imperatori romani che la storiografia antica ci ha tramandato, Adriano è una figura eccezionale, così esuberante e poliedrica da ispirare i romanzieri e sfidare gli studiosi, anche a distanza di quasi due millenni. Di origine ispanica, pupillo di Traiano, appassionato di musica e poesia, filosofo, mecenate e perfino astrologo, secondo Andrea Carandini ed Emanuele Papi Adriano fu soprattutto un imperatore “architetto”: un princeps illuminato e smisuratamente ambizioso, che, pur senza promuovere nuove grandi conquiste, concepì il potere come un instancabile moto progettuale e costruttivo destinato a imprimere segni profondissimi sulla fisionomia del mondo romano. Se la vita di Adriano fu un viaggio continuo da un confine all’altro dell’impero, due città ne costituiscono però i sicuri capisaldi: in nessun altro luogo la sua opera trasformatrice è riconoscibile come a Roma e ad Atene. In questo libro Carandini e Papi, tra i massimi conoscitori della storia antica di queste due città, mettono finalmente a disposizione del lettore un’inedita, duplice mappa della monumentale eredità che questo imperatore ci ha lasciato. Dal Pantheon all’Hadrianeum, dal Sepulcrum – trasformato nei secoli in Castel Sant’Angelo – al sarcofago imperiale riadattato in fonte battesimale barocco, passando per templi e biblioteche, archi trionfali e basiliche, terme e anfiteatri: ciascun sito archeologico è indagato alla luce delle scoperte più innovative e ricostruito nel dettaglio con l’aiuto di minuziose tavole grafiche. Nel racconto, storia e architettura si fondono per rievocare anche la vita e i personaggi che hanno abitato quei luoghi: la poco amata moglie di Adriano, Vibia Sabina, e l’amato Antinoo, e alcune figure finora rimaste in ombra come Plotina – la moglie di Traiano che fece adottare il futuro principe dal marito già morto, garantendogli così una discussa successione – o la suocera Augusta Salonina Matidia. Tassello dopo tassello, a ricomporsi davanti ai nostri occhi è così un sorprendente ritratto bifronte dell’imperatore. Dove su tutto domina il suo sguardo, in grado di coprire le distanze che separano Occidente e Oriente, in una sintesi forse irripetibile che non ha mai smesso di nutrire una civiltà, la nostra, radicata nella classicità adrianea. Con e-book scaricabile fino al 30 giugno 2019.

Adios Muchachos

A causa della crisi economica che colpisce Cuba, Alicia elabora uno stratagemma per adescare turisti danarosi in cerca di emozioni per le vie dell’Avana. Recitando la parte della brava ragazza in disgrazia, riesce a farsi ricoprire di doni costosissimi, anche se il suo scopo primario è quello di trovare un miliardario che la porti via dalla miseria. L’incontro con Victor King sembra essere la sua grande occasione, peccato solo che lui abbia una moglie: questo non basta però a scoraggiare Alicia.

Adesso vieni qui (Texan Passion Series Vol. 1)

In un’incantevole isola del Texas, Galveston, dove l’oceano scandisce la vita di molti dei suoi abitanti, Grace vive con sua nonna Rosemary in una grande villa e ha un sogno: trasformarla in una locanda dove poter accogliere i turisti che ogni anno si riversano sull’isola.
Un giorno, a Galveston, arriva Matthew. Viene da Houston e ha un pesante passato alle spalle, ma sembra pieno di entusiasmo e cattura l’attenzione di Grace sin dal primo istante. Tra i due si instaura un legame viscerale che, tra vecchie insicurezze e nuove paure, li porterà a vivere ogni giorno nell’unico modo che si addice all’amore vero. Almeno fino a quando il destino, con un colpo di mano imprevedibile, deciderà per loro.
**
### Sinossi
In un’incantevole isola del Texas, Galveston, dove l’oceano scandisce la vita di molti dei suoi abitanti, Grace vive con sua nonna Rosemary in una grande villa e ha un sogno: trasformarla in una locanda dove poter accogliere i turisti che ogni anno si riversano sull’isola.
Un giorno, a Galveston, arriva Matthew. Viene da Houston e ha un pesante passato alle spalle, ma sembra pieno di entusiasmo e cattura l’attenzione di Grace sin dal primo istante. Tra i due si instaura un legame viscerale che, tra vecchie insicurezze e nuove paure, li porterà a vivere ogni giorno nell’unico modo che si addice all’amore vero. Almeno fino a quando il destino, con un colpo di mano imprevedibile, deciderà per loro.

Adesso Però Dormi, Per L’Amor Del Cielo!

34 metodi non ordinari inventati da genitori in debito di sonno (che hanno incredibilmente funzionato, almeno una volta).Save the Parents è una collana di libri che potrebbero sembrare manuali e invece sono storie, e viceversa. Save the Parents è un progetto della Scuola Holden.
(source: Bol.com)

Adesso Che Lo Sai

Alec West è il più giovane chef della storia ad aver ottenuto una stella Michelin, e da allora la sua carriera non ha più smesso di decollare. Occhi azzurri in grado di parlare, erotismo che trasuda da ogni poro e un amore smisurato per l’ambizione, è il classico uomo incapace di accontentarsi. Per questo, a soli venticinque anni, decide che è già ora di scrivere un libro che racconti al mondo la storia del suo successo. Per realizzare il progetto ingaggia un’agenzia di ghostwriting e alla sua porta compare Rain Myers: una biografa famosa nel suo campo per la spietata inclinazione a scavare nella verità, facendo a pezzi ogni parvenza di maschera. Senza peli sulla lingua, con grandi occhi da folletto e maniere decisamente irriverenti, Rain è disposta a mettere da parte il suo cuore ridotto in briciole per arrivare all’anima del nuovo cliente a colpi di indiscrezione e domande spinose. Ma i segreti, si sa, non amano essere svelati, e Alec ne ha molti di più di quanti non dovrebbe averne chi decide di pubblicare un libro che parli di sé. E che cosa accadrebbe se a tutto questo si aggiungesse una scomoda attrazione, fantasmi in fuga dal passato e i capricci di due cuori in rivolta?
Alec e Rain sono diversi, diffidenti e testardi. Eppure la connessione tra loro è innegabile e profonda, sensuale e autentica. Ma l’amore funziona solo se si è disposti a crederci, fidarsi e cambiare. O l’occasione di essere felici potrebbe spezzarsi per sempre.
**
### Sinossi
Alec West è il più giovane chef della storia ad aver ottenuto una stella Michelin, e da allora la sua carriera non ha più smesso di decollare. Occhi azzurri in grado di parlare, erotismo che trasuda da ogni poro e un amore smisurato per l’ambizione, è il classico uomo incapace di accontentarsi. Per questo, a soli venticinque anni, decide che è già ora di scrivere un libro che racconti al mondo la storia del suo successo. Per realizzare il progetto ingaggia un’agenzia di ghostwriting e alla sua porta compare Rain Myers: una biografa famosa nel suo campo per la spietata inclinazione a scavare nella verità, facendo a pezzi ogni parvenza di maschera. Senza peli sulla lingua, con grandi occhi da folletto e maniere decisamente irriverenti, Rain è disposta a mettere da parte il suo cuore ridotto in briciole per arrivare all’anima del nuovo cliente a colpi di indiscrezione e domande spinose. Ma i segreti, si sa, non amano essere svelati, e Alec ne ha molti di più di quanti non dovrebbe averne chi decide di pubblicare un libro che parli di sé. E che cosa accadrebbe se a tutto questo si aggiungesse una scomoda attrazione, fantasmi in fuga dal passato e i capricci di due cuori in rivolta?
Alec e Rain sono diversi, diffidenti e testardi. Eppure la connessione tra loro è innegabile e profonda, sensuale e autentica. Ma l’amore funziona solo se si è disposti a crederci, fidarsi e cambiare. O l’occasione di essere felici potrebbe spezzarsi per sempre.

Addio Gary Cooper

Lenny è un vero vagabondo delle nevi, uno ski bum, come li chiamano. Conosce dei posti sulle Alpi dove la neve è incredibilmente luminosa e pura. Posti vuoti pieni di vita vera. Come ogni ski bum, autentici avventurieri dello spirito, fugge di continuo e ha nello sguardo l’espressione avida e inquieta di quelli che vivono soltanto per qualcosa che non c’è, che è sempre più in alto… verso le nevi perenni. Lenny è americano, uno di quegli americani che non si curano della guerra del Vietnam, tranne quando si tratta di non andarci. È alto un metro e ottantotto, è biondo e gli hanno detto più volte che assomiglia a Gary Cooper da giovane. Ha persino una foto dell’attore, che guarda spesso. I ragazzi a casa di Bug Moran – un eccentrico milionario che raccatta nel suo lussuoso chalet sbandati di ogni genere – ci scherzano su. Gary Cooper è finito, dicono. Finita la storia dell’americano che è contro i cattivi, fa trionfare la giustizia e alla fine vince sempre. Addio, America. Addio, Gary Cooper. Lenny, però, non si turba più di tanto, lui non ha la minima voglia di essere qualcuno, e ancor meno di essere qualcosa. Il suo solo problema è guadagnarsi la pagnotta, ora che la piena stagione è alle spalle. Gli skilehrer, gli istruttori di sci locali, gli rendono la vita difficile poiché detestano gli ski bum come lui che, con la loro aura di avventura e disperazione, piacciono alle donne. Così Lenny è costretto a scendere a valle, ad arrischiarsi nel cosiddetto mondo civile, dove lo attendono avventure picaresche e l’incontro fatale con Jess, la bella figlia di un diplomatico che scrive romanzi, parla correntemente cinque lingue, conosce un po’ di ebraico e di swahili e ha il fisico e la sensualità di una spogliarellista del Bataclan. Pubblicato per la prima volta in inglese nel 1965 col titolo “The Ski Bum”, “Addio Gary Cooper” è una delle opere di Romain Gary in cui il desiderio di assoluto e di autenticità della gioventù si misura con le miserie e i paradossi dell’epoca che, negli anni Sessanta, annunciò l’avvento della società del benessere.
**

Addio fantasmi

Ida è appena sbarcata a Messina, la sua città natale: la madre l’ha richiamata in vista della ristrutturazione dell’appartamento di famiglia, che vuole mettere in vendita. Circondata di nuovo dagli oggetti di sempre, di fronte ai quali deve scegliere cosa tenere e cosa buttare, è costretta a fare i conti con il trauma che l’ha segnata quando era solo una ragazzina. Ventitre anni prima suo padre è scomparso. Non è morto: semplicemente una mattina è andato via e non è piú tornato. Sulla mancanza di quel padre si sono imperniati i silenzi feroci con la madre, il senso di un’identità fondata sull’anomalia, persino il rapporto con il marito, salvezza e naufragio insieme. Specchiandosi nell’assenza del corpo paterno, Ida è diventata donna nel dominio della paura e nel sospetto verso ogni forma di desiderio. Ma ora che la casa d’infanzia la assedia con i suoi fantasmi, lei deve trovare un modo per spezzare il sortilegio e far uscire il padre di scena.

Fra il tramonto e la cena, l’assenza di mio padre tornava a visitarmi. Aprivo il balcone sperando che il temporale filtrasse dai soffitti e squarciasse le crepe sul muro, supplicavo la tramontana di trasformarsi in uragano e rovesciare in terra l’orologio e le sedie, all’aria il letto, i cuscini, le lenzuola. Non vuoi sapere che sono diventata grande, non ti interessa?, chiedevo, e nessuno rispondeva.

(source: Bol.com)

Addio Anatolia

“Addio Anatolia” è la storia, epica e drammatica, della scomparsa dell’ellenismo dalle terre in cui era insediato da tremila anni. Definito il “Guerra e pace” della letteratura greca, il libro di Didò Sotiríu è il maggior best seller della storia editoriale greca.

Addio

**Un romanzo unico sulla nostra identità perduta, sul lavoro come valore fondante che rinnova una tradizione che sembrava ormai persa, quella di una letteratura civile che racconta la vita, le lotte e il sangue versato dai lavoratori.**
Angelo Ferracuti, non nuovo al genere del romanzo-verità in presa diretta sulla società in cambiamento, ambienta il nuovo libro in una zona della Sardegna che in passato dava lavoro a migliaia di persone e che adesso è praticamente abbandonata. Siamo nel Sulcis-Iglesiente, terra di miniere e dell’epica operaia, e ora provincia più povera d’Europa con i suoi 30.000 disoccupati su 130.000 abitanti e 40.000 pensionati spesso usciti dal mondo del lavoro dopo aver contratto malattie terribili come la silicosi.
Ecco la crisi di un mondo in disfacimento, legata a un modello di organizzazione del lavoro novecentesco e ormai ossidato come il ferro dei castelli degli ascensori abbandonati di Carbonia.
Ferracuti viaggia tra queste terre avvelenate e incontra una popolazione vinta, malata, povera ma piena di dignità, in una condizione che riassume tutte le contraddizioni del presente, come quella tra salute e lavoro, mentre le multinazionali dell’alluminio delocalizzano in Islanda e in Arabia Saudita. Qui è finito il Novecento ed è iniziato non si sa che cosa. Rimane la nostalgia e un buco nero a tratti rischiarato dall’assistenza dello Stato che tutti aspettano come unica salvezza.
(source: Bol.com)