62097–62112 di 63547 risultati

Il calore della neve

Le montagne dell’Alto Adige, il maso di famiglia e un bimbo di tre anni. Sono queste le cose a cui Angelika, caparbia ventiquattrenne, non rinuncerebbe mai. E per Matthias, il figlio avuto da una breve relazione con Riccardo, Angelika è disposta a tutto. L’ha cresciuto da sola, senza dire nulla al padre: sapeva che i loro due mondi – lei precaria maestra di sci, lui giovane milanese di ottima famiglia – erano inconciliabili e che quel figlio non era frutto dell’amore, ma di un desiderio infuocato che li ha travolti per un paio di settimane, per poi sciogliersi come neve ai primi cenni di primavera. Così Angie si è dedicata completamente al piccolo, impedendosi persino di lasciarsi distrarre da un amore vero, maturo e potente: Rio è sempre stato un amico per lei e Matthias, ma adesso quel sentimento è cresciuto trasformandosi in qualcosa di molto più profondo, che freme per liberarsi dal bozzolo e spiegare le sue ali. Ma quando Riccardo torna a farsi vivo, tutto cambia: la vita di Angelika e delle persone che le vogliono bene si ritrova improvvisamente in bilico, sull’orlo del precipizio. Un romanzo gioioso e delicato, immerso nelle vallate innevate delle Dolomiti, dove le passioni scaldano la pelle e gli imprevisti confondono il cuore.
**
### Sinossi
Le montagne dell’Alto Adige, il maso di famiglia e un bimbo di tre anni. Sono queste le cose a cui Angelika, caparbia ventiquattrenne, non rinuncerebbe mai. E per Matthias, il figlio avuto da una breve relazione con Riccardo, Angelika è disposta a tutto. L’ha cresciuto da sola, senza dire nulla al padre: sapeva che i loro due mondi – lei precaria maestra di sci, lui giovane milanese di ottima famiglia – erano inconciliabili e che quel figlio non era frutto dell’amore, ma di un desiderio infuocato che li ha travolti per un paio di settimane, per poi sciogliersi come neve ai primi cenni di primavera. Così Angie si è dedicata completamente al piccolo, impedendosi persino di lasciarsi distrarre da un amore vero, maturo e potente: Rio è sempre stato un amico per lei e Matthias, ma adesso quel sentimento è cresciuto trasformandosi in qualcosa di molto più profondo, che freme per liberarsi dal bozzolo e spiegare le sue ali. Ma quando Riccardo torna a farsi vivo, tutto cambia: la vita di Angelika e delle persone che le vogliono bene si ritrova improvvisamente in bilico, sull’orlo del precipizio. Un romanzo gioioso e delicato, immerso nelle vallate innevate delle Dolomiti, dove le passioni scaldano la pelle e gli imprevisti confondono il cuore.

Il caffè delle seconde occasioni

Kaylie ha deciso di tornare a Hope Springs, la cittadina in cui è cresciuta circondata dall’affetto di Winton e May, che l’hanno accolta nella loro famiglia come una figlia. Ora che non ci sono più, ha acquistato la casa in cui ha vissuto con loro e ha deciso di trasformarla in un ristorante, il Two Owls Café. Kaylie vuole dare una svolta alla propria vita, e vuole farlo a partire dalla passione più grande che May le ha trasmesso: preparare dolci, soprattutto brownies.
Sarà Ten Keller, il tuttofare più abile della città, gentile e affascinante, a occuparsi dei lavori. Ten è subito attratto dalla nuova arrivata, ma l’animo di Kaylie è chiuso e indurito dalle esperienze drammatiche di un passato che la tormenta ancora nei suoi incubi notturni. I suoi veri genitori l’hanno abbandonata da bambina, e lei ha bisogno di scoprire come sono andate le cose. Quando anche Ten le rivela una macchia oscura nei propri ricordi, Hope Springs sembra poter diventare lo sfondo perfetto di una splendida storia di amore e di riscatto.
**

Il cadavere del lago

**Le indagini del Commissario Ventura**
Mario Ventura, commissario sessantenne dai metodi duri, musicista mancato e con una certa dipendenza dall’alcol, è alle prese con un caso difficile: sulle rive del lago di Albano, in un giorno d’inverno freddo e piovoso, viene ritrovato il cadavere di un giovane seminarista irlandese, Eamon McCormac. Il corpo è seminudo e con evidenti segni di soffocamento. Si tratta di omicidio. Le indagini portano gli inquirenti a interessarsi al Seminario Apostolico d’Irlanda, a Castel Gandolfo, un’istituzione che accoglie futuri ecclesiastici di nazionalità irlandese. Non ci vuole molto per scoprire che la condotta di McCormac era tutt’altro che irreprensibile. Il seminarista frequentava infatti un giro di prostituzione. I sospetti cadono subito su un giovane che lavorava proprio nella zona in cui è stato rinvenuto il cadavere e una serie di indizi sembrano confermare la sua colpevolezza. Ma Ventura non intende chiudere il caso prima di essere venuto a capo del mistero che avvolge la vicenda. Perché la verità è molto più lontana di quanto potrebbe sembrare…
**Un cadavere ritrovato vicino alla riva di un lago.
Un seminario in cui si muovono personaggi ambigui.
Una verità scomoda da riportare a galla. **
**Hanno scritto del suo precedente romanzo:**
«Un thriller duro, a tinte forti.»
**Thrillermagazine**
«È un libro che emoziona dall’inizio alla fine. Da leggere almeno una volta nella vita.»
**Danilo Pennone**
è nato a Roma, dove vive e insegna. Ha esordito nella narrativa con il romanzo *Confessioni di una mente criminale*, pubblicato dalla Newton Compton, da cui è stato tratto l’omonimo spettacolo teatrale, per la regia di Marcello Cotugno, rappresentato al Todi Arte Festival 2009. Ha lavorato come assistente alla cattedra di Storia del cinema presso l’Università “La Sapienza” di Roma. *Il cadavere del lago* è il suo nuovo romanzo.
**
### Sinossi
**Le indagini del Commissario Ventura**
Mario Ventura, commissario sessantenne dai metodi duri, musicista mancato e con una certa dipendenza dall’alcol, è alle prese con un caso difficile: sulle rive del lago di Albano, in un giorno d’inverno freddo e piovoso, viene ritrovato il cadavere di un giovane seminarista irlandese, Eamon McCormac. Il corpo è seminudo e con evidenti segni di soffocamento. Si tratta di omicidio. Le indagini portano gli inquirenti a interessarsi al Seminario Apostolico d’Irlanda, a Castel Gandolfo, un’istituzione che accoglie futuri ecclesiastici di nazionalità irlandese. Non ci vuole molto per scoprire che la condotta di McCormac era tutt’altro che irreprensibile. Il seminarista frequentava infatti un giro di prostituzione. I sospetti cadono subito su un giovane che lavorava proprio nella zona in cui è stato rinvenuto il cadavere e una serie di indizi sembrano confermare la sua colpevolezza. Ma Ventura non intende chiudere il caso prima di essere venuto a capo del mistero che avvolge la vicenda. Perché la verità è molto più lontana di quanto potrebbe sembrare…
**Un cadavere ritrovato vicino alla riva di un lago.
Un seminario in cui si muovono personaggi ambigui.
Una verità scomoda da riportare a galla. **
**Hanno scritto del suo precedente romanzo:**
«Un thriller duro, a tinte forti.»
**Thrillermagazine**
«È un libro che emoziona dall’inizio alla fine. Da leggere almeno una volta nella vita.»
**Danilo Pennone**
è nato a Roma, dove vive e insegna. Ha esordito nella narrativa con il romanzo *Confessioni di una mente criminale*, pubblicato dalla Newton Compton, da cui è stato tratto l’omonimo spettacolo teatrale, per la regia di Marcello Cotugno, rappresentato al Todi Arte Festival 2009. Ha lavorato come assistente alla cattedra di Storia del cinema presso l’Università “La Sapienza” di Roma. *Il cadavere del lago* è il suo nuovo romanzo.

Il cacciatore: Una nuova avventura di Isaac Bell

*America dell’Ovest, primi anni del Novecento*. I giornali l’hanno soprannominato «Il Macellaio» non a caso: appare dal nulla come un fantasma, rapina le banche il giorno di paga dei minatori e scompare senza lasciarsi dietro né tracce né testimoni. Solo una scia di morti. Il suo teatro d’azione sono gli stati dell’America dell’Ovest, dalla California al Texas, dall’Arizona al Montana. La Van Dorn Detective Agency ha deciso di affidare il caso al suo uomo migliore, Isaac Bell, un detective freddo e determinato come l’assassino che deve catturare. Solo Bell può risolvere il caso. Lui, ultimo discendente di una dinastia di banchieri che all’attività di famiglia ha preferito la vita pericolosa ed eccitante del cacciatore di banditi, lui che in un batter d’occhio può estrarre la derringer dal suo cappello e fare fuoco. Basandosi solo sul proprio straordinario intuito, Bell inizia le indagini, alla ricerca di una minima traccia, di un piccolo errore del criminale che possa condurre alla sua identificazione. E il bandolo dell’intricata matassa sembra proprio essere un’avventuriera bellissima e senza scrupoli, che si fa chiamare Rose Manteca, una donna che ha già irretito uno degli investigatori della Van Dorn e che sembra molto interessata a sedurre Bell. Forse Rose potrebbe condurli al Macellaio…
**
### Sinossi
*America dell’Ovest, primi anni del Novecento*. I giornali l’hanno soprannominato «Il Macellaio» non a caso: appare dal nulla come un fantasma, rapina le banche il giorno di paga dei minatori e scompare senza lasciarsi dietro né tracce né testimoni. Solo una scia di morti. Il suo teatro d’azione sono gli stati dell’America dell’Ovest, dalla California al Texas, dall’Arizona al Montana. La Van Dorn Detective Agency ha deciso di affidare il caso al suo uomo migliore, Isaac Bell, un detective freddo e determinato come l’assassino che deve catturare. Solo Bell può risolvere il caso. Lui, ultimo discendente di una dinastia di banchieri che all’attività di famiglia ha preferito la vita pericolosa ed eccitante del cacciatore di banditi, lui che in un batter d’occhio può estrarre la derringer dal suo cappello e fare fuoco. Basandosi solo sul proprio straordinario intuito, Bell inizia le indagini, alla ricerca di una minima traccia, di un piccolo errore del criminale che possa condurre alla sua identificazione. E il bandolo dell’intricata matassa sembra proprio essere un’avventuriera bellissima e senza scrupoli, che si fa chiamare Rose Manteca, una donna che ha già irretito uno degli investigatori della Van Dorn e che sembra molto interessata a sedurre Bell. Forse Rose potrebbe condurli al Macellaio…

Il cacciatore di teste

A Roger Brown non manca nulla. Ha un lavoro rispettabile come cacciatore di teste per le grandi multinazionali e un hobby segreto, i furti d’arte, grazie ai quali foraggia lo spropositato stile di vita che conduce.
E non appena gli viene presentato Clas Greve, proprietario di un meraviglioso Peter Paul Rubens, un dipinto andato disperso durante la Seconda guerra mondiale, comincia immediatamente ad accarezzare l’idea del colpo.
Ma niente in questa storia va mai come previsto. E nell’appartamento di Greve, Roger Brown trova sí il prezioso Rubens, ma anche qualcosa che non cercava affatto. E ben presto appare evidente che lo scaltro cacciatore di teste altro non è che una povera preda…

***

‘Un libro che dovete leggere assolutamente. A confronto, Ellroy sembra un boy-scout ed Ellis uno scolaretto’.

Helsingin Sanomat

(source: Bol.com)

Il cacciatore di stelle

Highlands 1648.
La promessa della giovane Marsali, del clan dei Gunn, è stata udita da tutti: il fidanzamento con Patrick Sutherland è ufficiale. Ma quando, anni dopo, il giovane torna dalla guerra, l’alleanza tra le due famiglie è finita e il matrimonio non può più avvenire. La bella Marsali deve prendere la decisione più difficile della sua vita: scegliere tra la lealtà al suo clan e l’amore per un nemico.

Il cacciatore di Ottomila

Everest, Shisha Pangma, Annapurna, Cho Oyu, Broad Peak, K2, Manaslu, Lhotse, Makalu, Dhaulagiri: nomi che echeggiano nell’immaginario collettivo come luoghi remoti, quasi inaccessibili. Sono gli Ottomila, le montagne più alte del Pianeta. Marco Confortola ne ha già scalati dieci, e ognuno è stato una storia di fatica e soddisfazioni, rinunce e attimi di pace assoluta, sudore e amicizie ad alta quota con uomini straordinari, da Silvio “Gnaro’ Mondinelli a Denis Urubko a Krzysztof Wielicki e molti altri. Pronto a rialzarsi anche dopo la tragedia che l’ha visto coinvolto sul K2, nella quale sono morte 11 persone e ha perso tutte le dita dei piedi per gli effetti del congelamento, Marco non ha smesso di “cacciare’, ed è deciso a conquistare la quattro cime che gli mancano per completare la “collezione degli Ottomila’ e assecondare così quell’istinto che sin da bambino lo portava a salire sempre più in alto. Il testo ha la prefazione di Carlos Soria Fontán (classe 1939), l’alpinista che detiene il record di 13 Ottomila scalati sopra i 60 anni di età.

(source: Bol.com)

Il cacciatore di draghi

Nelle mani di Tolkien fiabesco e concretezza di particolari si mescolano con somma maestria per andare dritto al cuore dei lettori di tutte le età.
Un contadino abitudinario e un po’ fanfarone, costretto a dar la caccia a un drago su cui riesce ad avere la meglio, diventa ricco e rispettato, tanto da essere eletto re. La fonte sarebbe un’antica cronaca in latino contenente il resoconto delle origini del Piccolo Regno. Ma è solo un espediente. Tolkien vi ricorre per creare un mondo metastorico, senza precise coordinate spazio-temporali, un’atmosfera da fiaba, un universo immaginario popolato di draghi e di giganti in cui però possiamo ritrovare qualcosa della nostra quotidianità.

(source: Bol.com)

Il cacciatore di draghi

Nelle mani di Tolkien fiabesco e concretezza di particolari si mescolano con somma maestria per andare dritto al cuore dei lettori di tutte le età.
Un contadino abitudinario e un po’ fanfarone, costretto a dar la caccia a un drago su cui riesce ad avere la meglio, diventa ricco e rispettato, tanto da essere eletto re. La fonte sarebbe un’antica cronaca in latino contenente il resoconto delle origini del Piccolo Regno. Ma è solo un espediente. Tolkien vi ricorre per creare un mondo metastorico, senza precise coordinate spazio-temporali, un’atmosfera da fiaba, un universo immaginario popolato di draghi e di giganti in cui però possiamo ritrovare qualcosa della nostra quotidianità.

(source: Bol.com)

Il cabalista

Di fronte a una scettica assemblea di scienziati, a Ca’ Foscari, un matematico dalle idee poco ortodosse comincia un’insolita dimostrazione: farsi obbedire da una cavia usando un antico sistema tratto dalla Cabala. A molti potrà sembrare assurdo, ma per Joseph Kestler non c’è niente di più assurdo che negare qualcosa a priori: ed ecco perché, nonostante le evidenti resistenze dei professori, non esita a dare inizio al suo esperimento. Ma qualcosa che chiamano il Ghermitore era sulle sue tracce fin da quando Kestler aveva fatto un testamento molto particolare, e ora è venuto il momento di regolare i conti. La dimostrazione non va per il verso giusto; una forma di energia ignota sfugge al controllo e l’entità prende il sopravvento, ingaggiando con lui una lotta senza quartiere. Scienze “di confine” e forze imponderabili si affrontano per una posta che è molto più alta di una vita umana… Ricchissimo e con un finale sorprendente, questo romanzo sulfureo è stato la rivelazione di Amanda Prantera, una delle più inquietanti scrittrici inglesi contemporanee.
Copertina di Franco Brambilla

Il buttafuoco: Cronache di guerra sul mare

Buzzati dal ’40 al ’43 fu corrispondente di guerra per il “Corriere”, imbarcato sugli incrociatori Bolzano, Fiume e Trieste. Questo libro raccoglie i suoi articoli, nei quali c’è tutto Buzzati: il brivido metafisico, l’ossessione di scopire cosa c’è sotto la superficie del mare, le navi come esseri viventi che, colpite, non perdono nafta, ma sangue. La retorica obbligatoria del tempo è smorzata dalla genuinita del racconto, sia che si tratti di piccoli episodi di vita di bordo, che di celebri episodi: la notte di Matapan da lui vissuta a guardare immobile i lampi delle cannonate inglesi a decine di miglia di distanza, l’impresa di Forza, la distruzione del convoglio Duisburg. Scrittori Italiani

Il buongiorno si vede dal marito

What happens in Vegas, stays in Vegas
Così è solito dire quando si parla della città degli eccessi e del gioco d’azzardo, Las Vegas.
Quel che succede a Las Vegas, tuttavia, non potrà restare confinato tra le strade calde del Nevada.
In fondo, quando un addio al celibato e un addio al nubilato hanno in comune Las Vegas potrebbe succedere di tutto. Persino per un milanese, dalle idee chiare e un lavoro facoltoso, ma itinerante, come Davide Mancini e una messicana piena di vita e credente come Belen Pilar Torres Jiménez.
Quando a Las Vegas le strade dei due mondi vanno in collisione, il destino metterà in scena una scoppiettante filiera di guai e imprevisti che renderà possibile tutto… persino svegliarsi con il marito sbagliato.
Una storia dai contorni ironici e catastrofici.
**
### Sinossi
What happens in Vegas, stays in Vegas
Così è solito dire quando si parla della città degli eccessi e del gioco d’azzardo, Las Vegas.
Quel che succede a Las Vegas, tuttavia, non potrà restare confinato tra le strade calde del Nevada.
In fondo, quando un addio al celibato e un addio al nubilato hanno in comune Las Vegas potrebbe succedere di tutto. Persino per un milanese, dalle idee chiare e un lavoro facoltoso, ma itinerante, come Davide Mancini e una messicana piena di vita e credente come Belen Pilar Torres Jiménez.
Quando a Las Vegas le strade dei due mondi vanno in collisione, il destino metterà in scena una scoppiettante filiera di guai e imprevisti che renderà possibile tutto… persino svegliarsi con il marito sbagliato.
Una storia dai contorni ironici e catastrofici.

Il buon soldato

Con tono divagante e ipnotico virtuosismo, John Dowell racconta la storia di cui è insieme narratore e protagonista, “la più triste che abbia mai sentito”. Vittima degli inganni della moglie, l’apparentemente ingenuo Dowell svela a un silenzioso ascoltatore le sofferte relazioni sentimentali e l’incrocio di amori che legano lui e sua moglie, ricchi americani, a una coppia di nobili inglesi, gli Ashburnham, abituati a incontrarsi ogni anno in una elegante località termale in Germania. Il lettore è presto catturato dalle rivelazioni inattese che riguardano soprattutto il capitano Edward Ashburnham, prototipo del “buon soldato” e tuttavia pronto a tradire ogni codice morale in nome di un’inesausta passione per donne giovani e indifese. Impressionistico ritratto delle tensioni tra vecchio e nuovo mondo, Europa e America, cattolicesimo ed etica protestante, la conservazione di un ordine antico e una modernità esuberante, il romanzo-confessione di Ford assomiglia a una lunga ammaliante seduta di psicoanalisi che delinea il clima sofisticato e decadente degli anni che precedono lo scoppio della Prima guerra mondiale. Introduzione di Enrico Terrinoni.
**

Il Buio Nel Tuo Cuore

Cassidy Bennet è una giovane fotografa di moda. Julian Cress è all’apparenza uno spietato uomo d’affari, ma in realtà è un uomo soffocato dal peso delle sue colpe e dei suoi demoni.
Vivono in mondi diversi, fino al giorno in cui una foto scattata a quelle che sembrano due persone qualunque, li fa scontrare drammaticamente.
Un rapimento, una scelta sbagliata e niente sarà più lo stesso.
Julian si lascia coinvolgere per proteggere il fratello maggiore, addentrandosi ancora di più nel buio e nell’oscurità che albergano in lui.
Cassidy vorrebbe solo riprendere la sua vita, dimenticare quello che è successo, ma non può. Per colpa dell’uomo misterioso appena entrato nella sua vita. Occhi blu, fisico statuario, aria schiva e misteriosa. Lui la incuriosisce, l’attrae in un modo spiazzante a cui non sa dare una risposta. Ma ogni volta che lo vede, ogni volta che lui la sfiora, Cassidy dimentica ogni cosa. La paura, il fuoco oscuro che vede ardere nel suo sguardo. Julian diventa il suo punto di non ritorno.
Julian, da troppo tempo, vive nella solitudine, nel silenzio, soffocato dalla perdita di qualcuno che ha amato più della sua stessa vita.
Eppure quando incontra Cassidy, anche se nelle circostanze peggiori, vorrebbe aprirsi a lei, senza filtri, senza maschere. Essere solo Julian. Il Julian di prima.
Ma non può. Farlo significherebbe dire addio a tutto. Alla possibilità di essere felice.
Lui è tutto ciò da cui lei dovrebbe scappare. Eppure, proprio come il gas e la benzina, insieme danno origine a un’esplosione di vita e distruzione. E desiderio.
Malsano. Pieno di violenza.
Ma incredibilmente perfetto. Feroce, violento.
“ Dovevo allontanarmi da lui, aveva scritto in faccia che portava guai seri, eppure mi era bastato guardarlo un secondo per capire che non sarei più riuscita a togliermelo dalla testa. Il fuoco che bruciava in quell’uomo che non conoscevo era tutto ciò che avevo sempre cercato nella mia vita banale. E lui lo sapeva. Oh, se lo sapeva. “
Un amore insano, il loro. Molesto.
Troppo feroce per i loro fragili cuori.
Ma troppo intenso per lasciarlo andare.
Un amore fatto di baci feroci che si prendevano tutto e di menzogne brutali che sapevano di morte e scelte sbagliate.
Un amore che poteva dare loro la felicità se solo non fosse stato basato su una bugia.
Enorme. Incancellabile.
Ma l’abisso è sempre più vicino. Julian lo sa. Lo teme. E’ lui quell’abisso.
“ Noi, siamo sempre stati una bugia. E da questo non possiamo scappare. Io volevo essere sua in ogni modo possibile, ma lui non era capace di amare. Di certo non sapeva amare me. Mi ha privata della mia felicità, fottendo il mio futuro. Io non potevo amare un uomo così. Peccato che il mio cuore non volesse capirlo. “
Perché il passato brucia come l’inferno in cui Julian si è rintanato da troppo tempo. E il presente è solo una bestia feroce che non gli permette di vivere, di amare. Di fare le scelte giuste.
Ma l’amore per Cassidy lo è. O forse no? Si può vincere il destino? Si può davvero essere felici?
Loro sono inferno e paradiso.
Loro sono armonia e caos.
E insieme non smetteranno mai di volersi. Di odiarsi. Di amarsi.
Anche se ciò li porterà alla completa distruzione. Perché lui è alla ricerca di una vendetta a cui mai rinuncerà.
“ Alla fine mi arresi a una terribile verità. Lui era il mio caos, e io solo lì mi sentivo a casa. >>
IL ROMANZO CONTIENE SCENE DI SESSO ESPLICITE
**
### Sinossi
Cassidy Bennet è una giovane fotografa di moda. Julian Cress è all’apparenza uno spietato uomo d’affari, ma in realtà è un uomo soffocato dal peso delle sue colpe e dei suoi demoni.
Vivono in mondi diversi, fino al giorno in cui una foto scattata a quelle che sembrano due persone qualunque, li fa scontrare drammaticamente.
Un rapimento, una scelta sbagliata e niente sarà più lo stesso.
Julian si lascia coinvolgere per proteggere il fratello maggiore, addentrandosi ancora di più nel buio e nell’oscurità che albergano in lui.
Cassidy vorrebbe solo riprendere la sua vita, dimenticare quello che è successo, ma non può. Per colpa dell’uomo misterioso appena entrato nella sua vita. Occhi blu, fisico statuario, aria schiva e misteriosa. Lui la incuriosisce, l’attrae in un modo spiazzante a cui non sa dare una risposta. Ma ogni volta che lo vede, ogni volta che lui la sfiora, Cassidy dimentica ogni cosa. La paura, il fuoco oscuro che vede ardere nel suo sguardo. Julian diventa il suo punto di non ritorno.
Julian, da troppo tempo, vive nella solitudine, nel silenzio, soffocato dalla perdita di qualcuno che ha amato più della sua stessa vita.
Eppure quando incontra Cassidy, anche se nelle circostanze peggiori, vorrebbe aprirsi a lei, senza filtri, senza maschere. Essere solo Julian. Il Julian di prima.
Ma non può. Farlo significherebbe dire addio a tutto. Alla possibilità di essere felice.
Lui è tutto ciò da cui lei dovrebbe scappare. Eppure, proprio come il gas e la benzina, insieme danno origine a un’esplosione di vita e distruzione. E desiderio.
Malsano. Pieno di violenza.
Ma incredibilmente perfetto. Feroce, violento.
“ Dovevo allontanarmi da lui, aveva scritto in faccia che portava guai seri, eppure mi era bastato guardarlo un secondo per capire che non sarei più riuscita a togliermelo dalla testa. Il fuoco che bruciava in quell’uomo che non conoscevo era tutto ciò che avevo sempre cercato nella mia vita banale. E lui lo sapeva. Oh, se lo sapeva. “
Un amore insano, il loro. Molesto.
Troppo feroce per i loro fragili cuori.
Ma troppo intenso per lasciarlo andare.
Un amore fatto di baci feroci che si prendevano tutto e di menzogne brutali che sapevano di morte e scelte sbagliate.
Un amore che poteva dare loro la felicità se solo non fosse stato basato su una bugia.
Enorme. Incancellabile.
Ma l’abisso è sempre più vicino. Julian lo sa. Lo teme. E’ lui quell’abisso.
“ Noi, siamo sempre stati una bugia. E da questo non possiamo scappare. Io volevo essere sua in ogni modo possibile, ma lui non era capace di amare. Di certo non sapeva amare me. Mi ha privata della mia felicità, fottendo il mio futuro. Io non potevo amare un uomo così. Peccato che il mio cuore non volesse capirlo. “
Perché il passato brucia come l’inferno in cui Julian si è rintanato da troppo tempo. E il presente è solo una bestia feroce che non gli permette di vivere, di amare. Di fare le scelte giuste.
Ma l’amore per Cassidy lo è. O forse no? Si può vincere il destino? Si può davvero essere felici?
Loro sono inferno e paradiso.
Loro sono armonia e caos.
E insieme non smetteranno mai di volersi. Di odiarsi. Di amarsi.
Anche se ciò li porterà alla completa distruzione. Perché lui è alla ricerca di una vendetta a cui mai rinuncerà.
“ Alla fine mi arresi a una terribile verità. Lui era il mio caos, e io solo lì mi sentivo a casa. >>
IL ROMANZO CONTIENE SCENE DI SESSO ESPLICITE

Il buio in fondo al cuore

Romanzo conclusivo
Thaara ha lasciato che il buio avvolgesse il suo cuore per sopravvivere al dolore della sua perdita.
Nick ha anestetizzato il suo per difendersi dall’amore.
Ma a volte non basta scappare per mettersi al riparo dalle tempeste del cuore.
Lui è un membro dei SEAL.
Lei la figlia del suo Generale.
Averla gli è proibito.
Amarla è inevitabile.
Ma quanto dolore può sopportare un cuore prima di sgretolarsi in mille pezzi e smettere di credere nell’amore?
Nick Reynolds è un membro dei SEAL che dalla vita ha ricevuto tutto il peggio che aveva da offrirgli. Dopo la rottura burrascosa con sua moglie, ha cercato in tutti i modi di sigillare il suo cuore ferito, dedicando anima e corpo solo al suo lavoro. Una sera però, incontra Thaara in un pub, e per lui è amore a prima vista. Tuttavia, anche la giovane donna, ha un passato doloroso alle spalle, e ha giurato a sé stessa di non innamorarsi mai più di un soldato. Proprio per questo, quando Nick le confida di essere un Marines, Thaara prende subito le distanze da lui, tanto da non rivelargli che è la figlia del Generale del Corpo dei Marines. Mollare senza lottare non è da Nick, e farà di tutto pur di arrivare dritto al cuore della ragazza. Tra i due scoppia inevitabilmente una passione travolgente, ma quando il Generale scopre la loro avventura amorosa, va su tutte le furie e spedisce Nick in una missione quasi suicida, in un paese fuori dal mondo e dalla grazia di Dio, dove la morte e il terrore sono all’ordine del giorno. Nick si ritroverà a dover affrontare una guerra che non lascia scampo.
Una missione che diviene qualcosa di più, qualcosa che lo spingerà oltre ogni limite, perché morire non gli è concesso, e il suo unico obiettivo è di tornare da Thaara, che lo aspetta con l’ansia nel cuore.
**
### Sinossi
Romanzo conclusivo
Thaara ha lasciato che il buio avvolgesse il suo cuore per sopravvivere al dolore della sua perdita.
Nick ha anestetizzato il suo per difendersi dall’amore.
Ma a volte non basta scappare per mettersi al riparo dalle tempeste del cuore.
Lui è un membro dei SEAL.
Lei la figlia del suo Generale.
Averla gli è proibito.
Amarla è inevitabile.
Ma quanto dolore può sopportare un cuore prima di sgretolarsi in mille pezzi e smettere di credere nell’amore?
Nick Reynolds è un membro dei SEAL che dalla vita ha ricevuto tutto il peggio che aveva da offrirgli. Dopo la rottura burrascosa con sua moglie, ha cercato in tutti i modi di sigillare il suo cuore ferito, dedicando anima e corpo solo al suo lavoro. Una sera però, incontra Thaara in un pub, e per lui è amore a prima vista. Tuttavia, anche la giovane donna, ha un passato doloroso alle spalle, e ha giurato a sé stessa di non innamorarsi mai più di un soldato. Proprio per questo, quando Nick le confida di essere un Marines, Thaara prende subito le distanze da lui, tanto da non rivelargli che è la figlia del Generale del Corpo dei Marines. Mollare senza lottare non è da Nick, e farà di tutto pur di arrivare dritto al cuore della ragazza. Tra i due scoppia inevitabilmente una passione travolgente, ma quando il Generale scopre la loro avventura amorosa, va su tutte le furie e spedisce Nick in una missione quasi suicida, in un paese fuori dal mondo e dalla grazia di Dio, dove la morte e il terrore sono all’ordine del giorno. Nick si ritroverà a dover affrontare una guerra che non lascia scampo.
Una missione che diviene qualcosa di più, qualcosa che lo spingerà oltre ogni limite, perché morire non gli è concesso, e il suo unico obiettivo è di tornare da Thaara, che lo aspetta con l’ansia nel cuore.

Il bufalo della notte

In una Città del Messico affascinante e oscura, le vite di tre amici si intrecciano in maniera inestricabile sullo sfondo urbano della metropoli. Gregorio, che soffre di schizofrenia e a ventidue anni si uccide con un colpo di pistola; il suo migliore amico Manuel, perseguitato dal ricordo della malattia mentale di Gregorio, dallo spettro di un’amicizia tradita, dal mondo di violenza e di ossessione che circondava la vita dell’amico suicida; e la misteriosa Tania, ex fidanzata di Gregorio con cui Manuel ha una tormentata relazione. Giovani alla deriva, che cercano disperatamente un appiglio nel mare mosso della vita. Scritto con l’agilità di un copione cinematografico, Il bufalo della notte è un emozionante romanzo dalle tinte notturne, una storia ai confini della delinquenza e della normalità, il racconto di un rapporto viscerale di amore e amicizia che sopravvive alla morte. Pochi scrittori al mondo sanno trattare le emozioni e i sentimenti forti e violenti come Guillermo Arriaga, pochi scrittori sanno affrontare con tale potenza narrativa il lato più oscuro dell’esistenza umana e allo stesso tempo illuminarla della luce della speranza e del perdono. Dall’autore di Amores Perros, 21 grammi e Babel, un grande romanzo sulla vita ai margini della società e sulla violenza dell’amore. ‘Un vero capolavoro’. ‘El País’ ‘Arriaga è uno scrittore dotato di una forza di linguaggio e di contenuti travolgenti. Il bufalo della notte ha uno stile inconfondibile: la stessa magnifica, sorprendente violenza narrativa di Amores Perros’. ‘El Mundo’ ‘Stacchi netti, frasi brevi, respiro affannato nello spazio dove il sole pare non sorga mai; fumoso, violento, derelitto e frenetico questo romanzo si può definire insieme tenero e crudele, semmai sbilanciato felicemente verso un sentimento di asciutta compassione’. ‘Corriere della Sera’

(source: Bol.com)