61665–61680 di 75864 risultati

Lo sport dei re

Lo sport dei re by C. E. Morgan
Ricco proprietario terriero del Kentucky, Henry Forge aspira ad allevare il cavallo perfetto, una macchina da corsa imbattibile. Autoritario e tracotante, Henry è sicuro di poter piegare tutto alla sua volontà, dalla genetica all’unica figlia ed erede Henrietta. A scompaginare il malsano equilibrio dei Forge arriva Allmon, uno stalliere nero cresciuto tra la violenza e la miseria del ghetto. È la miccia che incendia il divario tra ricchi e poveri, animali vincenti e perdenti, bianchi e neri.
«Ci sono regno, classe, ordine, famiglia, genere, specie. Puoi girare i tacchi, ripercorrere il corridoio all’indietro, sottrarti a quel coro di sguardi, ma è impossibile sfuggire alla categoria della tua nascita e alle categorie morfologiche che la precedono». È questa la condanna che grava sulla misera stirpe di Scipio, schiavo nero che per sfuggire ai soprusi di un padrone bianco ha imboccato una strada disseminata di disgrazie? Oppure a essere condannata è la superba famiglia Forge, da secoli abituata a possedere, comandare, maltrattare? Fin da bambino, Henry sa di essere destinato a grandi imprese, come tutti i Forge che da secoli occupano le terre fertili del Kentucky. Logorato dalla smania di perfezione, Henry dedica la sua esistenza a trovare la combinazione genetica che gli faccia ottenere un cavallo imbattibile. Abbandonato da sua moglie, Henry rimane solo con la figlia Henrietta e trasmette alla bambina la sua stessa ossessione, sviluppando con lei un rapporto malato. Ma qualcosa – o qualcuno – sta per attaccare la fortezza inespugnabile dei Forge e sovvertire l’ordine del loro mondo. Allmon Shaughnessy ha una madre nera e un padre bianco assente. Cresciuto nei quartieri ghetto dell’Ohio, ha dovuto fare i conti con quello che la vita gli ha riservato: la morte del nonno e della madre, l’impossibilità di stipulare un’assicurazione sanitaria, il fantasma della segregazione, gli scontri con la polizia negli anni Novanta, le attività illegali come unico mezzo di sostentamento, il riformatorio prima e il carcere poi. Il riscatto sembra arrivare quando ottiene un impiego a Forge Run. Presto Henrietta si innamora di quel ragazzo difficile e per giunta nero. È un’onta che pesa sul nome dei Forge e Henry è disposto a tutto pur di ostacolare la relazione, persino a capitolare su Hellsmouth, il suo cavallo migliore. A fare da sfondo a questa vicenda, il passato glorioso dei Forge e quello tormentato della famiglia nera di Allmon: due dimensioni che continuano a intersecarsi e sovrapporsi in epoche diverse, coinvolgendo una schiera di personaggi indimenticabili. Come la madre muta di Henry, Lavinia; o quella di Allmon, Marie, vittima di un uomo insensibile e di un sistema disumano; o ancora il piccolo Samuel, il figlio di Henrietta, unica speranza di pace fra due mondi troppo distanti. Con questo romanzo epico e corale, C. E. Morgan traccia un ritratto spietato della società americana, in cui la schiavitú è una macchia pressoché indelebile e non può esistere redenzione dalle colpe del passato senza uno sforzo d’amore.

Gli sporchi dannati di Cassino

Operazione in codice: Rabat. Obiettivo segreto: rapire il papa e liquidare il Vaticano. Sven Hassel e la sua compagnia di soldati maledetti, di stanza nell’inferno di Montecassino, vengono spediti a Roma sotto falsa identità. Ufficialmente devono trasportare di nascosto preziose reliquie e opere d’arte, ma la verità è ben diversa. Dalla trincea più insanguinata del secondo conflitto mondiale alle pericolose strade della capitale d’Italia occupata dalle SS, una terribile storia di guerra, tradimento, violenza e pietà.

Lo Splendore Della Vita

Lo splendore della vita by Sveva Casati Modignani
Giulia de Blasco è una scrittrice di successo, che ha vinto la battaglia contro la malattia e conquistato l’amore di Ermes Corsini, ma la vita non è facile per lei. Il figlio Giorgio le causa infatti angosce e problemi, influenzando negativamente il suo rapporto con Ermes; una situazione di cui approfitta l’affascinante e spregiudicato finanziere Franco Vassali. Comincia così un lungo inverno per Giulia, che deve rimettere ordine nella propria esistenza: ma in fondo al tunnel palpita vivida una luce…

Uno Splendido Settembre La Notte Della Tempesta

Riuniti in un unico ebook, i due romanzi che raccontano la storia di Arianna, la giovane donna protagonista di UNO SPLENDIDO SETTEMBRE e LA NOTTE DELLA TEMPESTA.
UNO SPLENDIDO SETTEMBRE. Fuggita da un matrimonio con un uomo violento, Arianna trova il coraggio e la forza di ricostruirsi una vita, anche grazie alla passione travolgente per ragazzo più giovane di lei. Attraversando grandi difficoltà e
imprevedibili vicissitudini, la giovane donna si avvicina sempre più al successo. Ma proprio quando sembra avere raggiunto il traguardo, nell’amore e nel lavoro, scoprirà che nulla è come sembra…
LA NOTTE DELLA TEMPESTA. La sorprendente vicenda di Arianna si tinge di giallo. Dopo aver subito una brutale violenza, si trova invischiata in un misterioso omicidio e la sua vita si trasforma in un incubo. Solo la tenacia e la carica di umanità di un vicequestore, intelligente e acuto investigatore, riuscirà a dissipare la fitta rete di ingannevoli indizi e a far emergere una verità sconvolgente e amarissima.

Lo spirito e la parola. Gli Atti degli apostoli letti dal papa

Il libro degli “Atti degli apostoli” letto da Papa Francesco. Un affresco della fisionomia della prima comunità cristiana, dell’itinerario di diffusione del messaggio di salvezza di Gesù risorto da Gerusalemme fino a Roma, delle persecuzioni, della missione evangelizzatrice di san Paolo. Una comunità reale e umanissima, con le sue debolezze e il suo dirompente bisogno di annunciare con coraggio la buona novella del vangelo. Un modello e uno stimolo che le parole del pontefice additano all’oggi della nostra vita ecclesiale.
**

Le Spirali del Tempo

“Le astronavi avevano continuato a slanciarsi fuori da Lortas. Ma le mete erano state sempre più distanti, nascoste in angoli così remoti della galassia che, durante i viaggi, i soli e i pianeti non erano altro che numeri nei grandi cataloghi astronomici. Le astronavi s’erano spinte sempre più lontano, sempre più lontano, ma sinora non avevano trovato nulla, anzi, avevano trovato peggio del nulla…”. Che cosa cercano le astronavi di Lortas? Che cosa le spinge a solcare gli oceani sconfinati dello spazio? Cercano la speranza, la soluzione del problema più angoscioso di fronte al quale si siano mai trovati gli uomini di tutti i mondi e di tutti i tempi. Un problema cui bisogna trovare a tutti i costi una risposta definitiva e rasserenante, se non si vuole che l’amareggiato Nlesine abbia ragione quando definisce l’uomo “il peggior morbo del cosmo”. *Le Spirali Del Tempo* non è solo un romanzo di pura fantasia, di semplice avventura avveniristica: è anche, e soprattutto, un’autentica parabola moderna, un racconto col quale Chad Oliver, brillante rivelazione nel campo della fantascienza, oltre ad appassionarci con la vicenda allucinante del dottor Weston Chase, di Los Angeles, e di un gruppo di uomini “naufragati” sulla Terra, presenta in tutta la sua drammaticità il più grande dilemma dei nostri giorni, e con penna incisiva, spietata, verga un atto d’accusa davanti al quale ci sentiamo indotti a meditare.

Spifferi

Come una matrioska che nasconde nella sua pancia un susseguirsi di mondi, Spifferi trascina il lettore lontano dalla superficie finché – e ognuno lo farà a modo suo – non senta d’aver afferrato qualcosa che somiglia a un fantasma, intrappolato o sprigionato dalle parole. Un molestatore telefonico che a poco a poco entra nella quotidianità delle sue vittime fino a quando la vita non dovrà scardinare l’abitudine aprendo a un’improvvisa avventura; un vecchio amico eccentrico, fanatico, razionalissimo e al tempo stesso matto, perso nel suo labirinto prima di andarsene alla deriva inseguito da una banda di medium; lo spettro di un bracco in una villa toscana dove vive una fantasmatica famiglia israelita; una coppia di omosessuali e il complicato rapporto con la madre surrogata del loro bambino in un continente lontano; storie di stranieri in Italia, osservati da angolazioni spiazzanti, fra il rischio di sparire, di non essere riconosciuti o addirittura respinti. Da Roma alla Toscana, dalla Valtellina alla Virginia, sei racconti incatenati fra loro da una scrittura ironica, concreta e sognante. Una guida per acchiappafantasmi letterari che perlustra case e famiglie, sensitivi e animali, fra chi brama di riportare qualcuno in vita e chi desidera solo sfuggire alla morte o alla memoria. Perché il punto non è credere ai fantasmi, ma alla forza dei propri desideri, senza rinunciare a una corrente aerea di umorismo e ai nostri più profondi e intensi spifferi vitali.

(source: Bol.com)

La spia

Parigi, prigione di Saint-Lazare, 1917. Una donna attende con fierezza il proprio destino. Ha un solo desiderio: che sua figlia sappia la verità, che non creda ad altri che a sua madre. E così prende carta e penna per raccontarle la sua vita avventurosa e controversa. Lei è Mata Hari, la donna più desiderabile e desiderata del suo tempo: ballerina scandalosa, seduttrice infallibile degli uomini più ricchi e potenti, capace di diventarne cortigiana, amante e fidata confidente; e, forse per questo, di suscitare gelosie e invidie nelle donne e mogli dell’aristocrazia parigina. Lei è la donna dai molti nomi: Margaretha, il nome di battesimo; Mrs MacLeod, come la chiamavano a Giava; H21, il nome in codice che i tedeschi le avevano attribuito durante la guerra. Il passato di Mata Hari è oscuro, il suo presente sempre pericoloso: ha dedicato la sua vita alla libertà e al desiderio, ha sfidato i pregiudizi della società, e ora sconta l’accusa infamante di spia. La sua unica colpa: essere una donna libera. Paulo Coelho torna con uno straordinario ritratto di donna, un romanzo d’avventura e di formazione, frutto di una ricerca basata su documenti inediti, ma condotta con lo sguardo del narratore che, nella vita di Mata Hari, coglie un messaggio di straordinaria attualità per le donne e gli uomini di oggi.
**
### Sinossi
Parigi, prigione di Saint-Lazare, 1917. Una donna attende con fierezza il proprio destino. Ha un solo desiderio: che sua figlia sappia la verità, che non creda ad altri che a sua madre. E così prende carta e penna per raccontarle la sua vita avventurosa e controversa. Lei è Mata Hari, la donna più desiderabile e desiderata del suo tempo: ballerina scandalosa, seduttrice infallibile degli uomini più ricchi e potenti, capace di diventarne cortigiana, amante e fidata confidente; e, forse per questo, di suscitare gelosie e invidie nelle donne e mogli dell’aristocrazia parigina. Lei è la donna dai molti nomi: Margaretha, il nome di battesimo; Mrs MacLeod, come la chiamavano a Giava; H21, il nome in codice che i tedeschi le avevano attribuito durante la guerra. Il passato di Mata Hari è oscuro, il suo presente sempre pericoloso: ha dedicato la sua vita alla libertà e al desiderio, ha sfidato i pregiudizi della società, e ora sconta l’accusa infamante di spia. La sua unica colpa: essere una donna libera. Paulo Coelho torna con uno straordinario ritratto di donna, un romanzo d’avventura e di formazione, frutto di una ricerca basata su documenti inediti, ma condotta con lo sguardo del narratore che, nella vita di Mata Hari, coglie un messaggio di straordinaria attualità per le donne e gli uomini di oggi.

La spia dei Borgia

**Un autore da oltre 1 milione di copie
Tradotto in tutto il mondo
Un grande thriller
Un papa al culmine del suo trionfo
Il più celebre delitto della Roma rinascimentale**
Il papa Alessandro VI Borgia sta perfezionando i suoi progetti per il controllo dell’Italia, quando un atroce delitto lo priva di uno degli affetti più cari e sconvolge i suoi piani. Tutta Roma viene mobilitata per scoprire l’autore del crimine ma, per una strana serie di coincidenze, in prima linea nelle indagini si viene a trovare il pittore di corte, il celebre Pinturicchio. Per far luce su un omicidio che ha ferito il cuore del papato, Pinturicchio si servirà dell’aiuto dei più affermati artisti in città, da Michelangelo Buonarroti a Filippino Lippi, da Piermatteo d’Amelia al Perugino. L’elenco dei nemici dei Borgia è così lungo che la lista dei sospettati si alimenta di giorno in giorno. Ma un uomo mascherato potrebbe essere il testimone chiave del delitto o il suo autore… Di chi si tratta? In una Roma rinascimentale dove la ricchezza delle espressioni artistiche va di pari passo con le lotte per il potere, la penna di Andrea Frediani rievoca uno dei più celebri cold case della storia.
**Uno dei più celebri casi irrisolti della Roma rinascimentale insidia il papato di Alessandro VI Borgia**
«Non si può fare a meno di appassionarsi alla narrazione di questo autore.»
**Il Messaggero**
«Grande conoscitore del quotidiano annidato nella storia, Frediani usa il particolare come un fregio arricchendo le vicende con precisione, dalle descrizioni degli abiti fino alle regole dei cerimoniali.»
**Sette – Corriere della Sera**
**Andrea Frediani**
È nato a Roma nel 1963; consulente scientifico della rivista «Focus Wars», ha collaborato con numerose riviste specializzate. Con la Newton Compton ha pubblicato diversi saggi (tra cui *Le grandi battaglie di Roma antica*; *I grandi generali di Roma antica*; *L’ultima battaglia dell’impero romano*;* Le grandi battaglie di Napoleone*;* La storia del mondo in 1001 battaglie*; *L’incredibile storia di Roma antica*) e romanzi storici:* Jerusalem*;* Un eroe per l’impero romano*;* *la trilogia* Dictator *(*L’ombra di Cesare*, *Il nemico di Cesare *e* Il trionfo di Cesare*, quest’ultimo vincitore del Premio Selezione Bancarella 2011); *Marathon*; *La dinastia*; *300 guerrieri*;* 300. Nascita di un impero*;* I 300 di Roma*; *Missione impossibile*. Ha firmato le serie *Gli invincibili *e *Roma Caput Mundi*, i thriller storici* Il custode dei 99 manoscritti *e* La spia dei Borgia* e, con Massimo Lugli, *Lo chiamavano Gladiatore*. Le sue opere sono state tradotte in sette lingue.
**
### Sinossi
**Un autore da oltre 1 milione di copie
Tradotto in tutto il mondo
Un grande thriller
Un papa al culmine del suo trionfo
Il più celebre delitto della Roma rinascimentale**
Il papa Alessandro VI Borgia sta perfezionando i suoi progetti per il controllo dell’Italia, quando un atroce delitto lo priva di uno degli affetti più cari e sconvolge i suoi piani. Tutta Roma viene mobilitata per scoprire l’autore del crimine ma, per una strana serie di coincidenze, in prima linea nelle indagini si viene a trovare il pittore di corte, il celebre Pinturicchio. Per far luce su un omicidio che ha ferito il cuore del papato, Pinturicchio si servirà dell’aiuto dei più affermati artisti in città, da Michelangelo Buonarroti a Filippino Lippi, da Piermatteo d’Amelia al Perugino. L’elenco dei nemici dei Borgia è così lungo che la lista dei sospettati si alimenta di giorno in giorno. Ma un uomo mascherato potrebbe essere il testimone chiave del delitto o il suo autore… Di chi si tratta? In una Roma rinascimentale dove la ricchezza delle espressioni artistiche va di pari passo con le lotte per il potere, la penna di Andrea Frediani rievoca uno dei più celebri cold case della storia.
**Uno dei più celebri casi irrisolti della Roma rinascimentale insidia il papato di Alessandro VI Borgia**
«Non si può fare a meno di appassionarsi alla narrazione di questo autore.»
**Il Messaggero**
«Grande conoscitore del quotidiano annidato nella storia, Frediani usa il particolare come un fregio arricchendo le vicende con precisione, dalle descrizioni degli abiti fino alle regole dei cerimoniali.»
**Sette – Corriere della Sera**
**Andrea Frediani**
È nato a Roma nel 1963; consulente scientifico della rivista «Focus Wars», ha collaborato con numerose riviste specializzate. Con la Newton Compton ha pubblicato diversi saggi (tra cui *Le grandi battaglie di Roma antica*; *I grandi generali di Roma antica*; *L’ultima battaglia dell’impero romano*;* Le grandi battaglie di Napoleone*;* La storia del mondo in 1001 battaglie*; *L’incredibile storia di Roma antica*) e romanzi storici:* Jerusalem*;* Un eroe per l’impero romano*;* *la trilogia* Dictator *(*L’ombra di Cesare*, *Il nemico di Cesare *e* Il trionfo di Cesare*, quest’ultimo vincitore del Premio Selezione Bancarella 2011); *Marathon*; *La dinastia*; *300 guerrieri*;* 300. Nascita di un impero*;* I 300 di Roma*; *Missione impossibile*. Ha firmato le serie *Gli invincibili *e *Roma Caput Mundi*, i thriller storici* Il custode dei 99 manoscritti *e* La spia dei Borgia* e, con Massimo Lugli, *Lo chiamavano Gladiatore*. Le sue opere sono state tradotte in sette lingue.

La spia che cadde sulla terra

La spia che cadde sulla terra by Ahron Bregman
Poco dopo mezzogiorno, il 27 giugno 2007, a Londra un uomo cadde dal balcone del suo appartamento al quinto piano. Suicidio? Omicidio? Si trattava di Ashraf Marwan, un milionario egiziano, che viveva in Gran Bretagna dagli anni Ottanta. Ma Marwan era anche un uomo d’affari, sposato con Mona Abdel Nasser, figlia del leggendario presidente egiziano. Pochi anni dopo, lo storico Ahron Bregman, autore di questo libro, fece saltare la copertura di Marwan, smascherandolo come una delle spie piú importanti che avevano lavorato per Israele, il principale nemico dell’Egitto. Ma la storia ha una svolta straordinaria. Poco dopo averlo smascherato, Bregman venne contattato da Marwan. Si incontrarono, diventarono amici e rimasero in contatto per quasi cinque anni. Il giorno prima della sua morte, Marwan chiamò Bregman al telefono. Era in ansia e piuttosto scosso e chiese urgentemente un incontro a Bregman per il giorno dopo. Quell’incontro non ebbe mai luogo. Intorno all’ora dell’appuntamento, il corpo di Marwan fu rinvenuto nel giardino ai piedi del suo appartamento di Londra.

Spettri

Spiriti e spiritelli, anime e fantasmi, ombre ed ectoplasmi, presenze, apparizioni, spettri e reincarnazioni. Sono da sempre la materia effimera di sacerdoti, sciamani e fattucchiere, l’ombra fugace di una domanda che contiene e genera tutte le altre, che ha dato vita alla religione e alla filosofia, alla magia e alla spiritualità: esiste una vita dopo la morte?
Ma cosa succede quando sono gli scienziati a porsi questa domanda? Cosa succede quando il metodo scientifico prova a trascendere i propri limiti, cercando una verità sperimentale nell’occulto? Per raccontare questa unione improbabile ma essenziale tra razionalità e mistero, Mary Roach incontra uomini che affermano di essersi reincarnati in corpi di bambini, entra nel tribunale in cui la testimonianza di un fantasma è stata ammessa come prova, avanza tra il fumo e gli specchi della stanza di un medium e in laboratori in cui si tenta di catturare l’energia della coscienza; scopre volontari issati in punto di morte su una bilancia per misurare il peso dell’anima che li sta abbandonando e ci accompagna all’Università di Cambridge, dove è conservato l’unico esemplare al mondo di ectoplasma.
Dalle sue esplorazioni nasce un resoconto rigoroso e dissacrante di come la ricerca affronti il paranormale, con esiti spesso sbalorditivi. Lugubri voci registrate di persone scomparse e sale operatorie in cui vengono analizzate le esperienze di pre-morte sono descritte con lo sguardo scettico della divulgatrice scientifica e il cuore aperto alla meraviglia di chi vorrebbe credere. Spettri è un viaggio della ragione nell’aldilà che con ironia e piglio gioiosamente macabro conquista anche il più arido fra i materialisti, declinando al presente le domande che accompagnano l’uomo fin dai tempi più remoti.
**
### Sinossi
Spiriti e spiritelli, anime e fantasmi, ombre ed ectoplasmi, presenze, apparizioni, spettri e reincarnazioni. Sono da sempre la materia effimera di sacerdoti, sciamani e fattucchiere, l’ombra fugace di una domanda che contiene e genera tutte le altre, che ha dato vita alla religione e alla filosofia, alla magia e alla spiritualità: esiste una vita dopo la morte?
Ma cosa succede quando sono gli scienziati a porsi questa domanda? Cosa succede quando il metodo scientifico prova a trascendere i propri limiti, cercando una verità sperimentale nell’occulto? Per raccontare questa unione improbabile ma essenziale tra razionalità e mistero, Mary Roach incontra uomini che affermano di essersi reincarnati in corpi di bambini, entra nel tribunale in cui la testimonianza di un fantasma è stata ammessa come prova, avanza tra il fumo e gli specchi della stanza di un medium e in laboratori in cui si tenta di catturare l’energia della coscienza; scopre volontari issati in punto di morte su una bilancia per misurare il peso dell’anima che li sta abbandonando e ci accompagna all’Università di Cambridge, dove è conservato l’unico esemplare al mondo di ectoplasma.
Dalle sue esplorazioni nasce un resoconto rigoroso e dissacrante di come la ricerca affronti il paranormale, con esiti spesso sbalorditivi. Lugubri voci registrate di persone scomparse e sale operatorie in cui vengono analizzate le esperienze di pre-morte sono descritte con lo sguardo scettico della divulgatrice scientifica e il cuore aperto alla meraviglia di chi vorrebbe credere. Spettri è un viaggio della ragione nell’aldilà che con ironia e piglio gioiosamente macabro conquista anche il più arido fra i materialisti, declinando al presente le domande che accompagnano l’uomo fin dai tempi più remoti.

Spettri

Sarebbe facile immaginare una messa in scena di Spettri con i protagonisti in chitone, maschera e calzari. Come nei grandi miti della tragedia greca, qui si mescolano incesto, follia, verità terribili dopo anni di menzogna. L’ambientazione però è quella di un’allucinata campagna norvegese, resa grigia e stagnante, come l’animo dei personaggi, da una pioggia battente. Un luogo in cui il sole e il calore arrivano inutilmente e sempre troppo tardi.
Quello di Ibsen è un realismo che svela l’ipocrisia della morale borghese, fondata sul perbenismo e sulla religiosità di facciata. E questa storia è una denuncia coraggiosa che, come raccontano Roberto Alonge e Franco Perrelli nell’introduzione, fece bandire la pièce per molti anni dai palcoscenici norvegesi.
**
### Sinossi
Sarebbe facile immaginare una messa in scena di Spettri con i protagonisti in chitone, maschera e calzari. Come nei grandi miti della tragedia greca, qui si mescolano incesto, follia, verità terribili dopo anni di menzogna. L’ambientazione però è quella di un’allucinata campagna norvegese, resa grigia e stagnante, come l’animo dei personaggi, da una pioggia battente. Un luogo in cui il sole e il calore arrivano inutilmente e sempre troppo tardi.
Quello di Ibsen è un realismo che svela l’ipocrisia della morale borghese, fondata sul perbenismo e sulla religiosità di facciata. E questa storia è una denuncia coraggiosa che, come raccontano Roberto Alonge e Franco Perrelli nell’introduzione, fece bandire la pièce per molti anni dai palcoscenici norvegesi.

Spettacolo di morte

###
Troppa pace a Claymore. Troppa noia per il solito branco di spostati. Bisogna pur trovare qualcosa di eccitante da fare per “ammazzare” il tempo. Per esempio dare una lezione memorabile a Linda Allison, troppo bella e troppo snob per passarla liscia. E così Tony, Arnold e soci decidono che sarebbe un vero sballo farle passare la notte nella casa dei Freeman. Nell’oscurità della casa abbandonata, legata alla ringhiera della scala, Linda vede una figura apparire dal nulla. Ha la barba lunga, è nudo. Il fantasma di Jasper? Un oggetto tondo gli cade dalle mani, ruzzola lungo la scala… una testa. Naturalmente. Ma la barba è finta, e la testa quella di un manichino…
**

Lo spettacolo continua

Il Professor Norberto e sua sorella, la Signorina Edvige, sembrano due distinti signori attempati come se ne incontrano tanti passeggiando a Milano. In realtà sono gli eredi dei decaduti conti De Santis e la loro storia non è così cristallina come appare alla prima occhiata. Il Professore, infatti, è conosciuto come “il matto” dai suoi vicini di casa che assistono, chi più felice, chi meno, agli show notturni e diurni che mette in scena dalla finestra di casa. Benedizioni urbi et orbi, gatti miagolanti, galoppate e tanto altro portano il Dottore del piano di sotto a proporre una visita specialistica, conducendolo da un amico psichiatra. Con questo incontro inizia un’avventura che porterà due grandi menti a ricercare le origini dei “lampi rossi” che appannano gli occhi del Professore e gli tolgono la lucidità, fedelmente vegliata dall’amata sorella. Quale mistero si cela dietro all’apparenza? Riuscirà la razionale scienza dello psichiatra a portare a galla un segreto sepolto da anni?
**

Spesso sono felice

Può una donna decidere di cambiare vita a settant’anni? Secondo Ellinor, sì. Anche se ha sempre lasciato che fossero le circostanze a scegliere per lei, appena rimasta vedova abbandona gli agi di un quartiere di lusso di Copenaghen per tornare in quello operaio dove ha trascorso l’infanzia e l’adolescenza. Il quartiere è cambiato: adesso ci sono prostitute, pusher e hipster, ma a lei non importa, le basta solo che dalle finestre della sua nuova casa si veda il portone di quella dove ha vissuto da bambina.
In una lunga lettera alla sua migliore amica morta tanti anni prima, Ellinor fa il bilancio della propria vita, segnata da inganni e tradimenti, da dolori e lutti e da un grande, terribile segreto.
Con una scrittura incisiva ed elegante, Jens Christian Grøndahl scava nel profondo dell’animo femminile restituendoci, attraverso l’appassionante ritratto di una donna al di fuori dagli schemi, un affresco della borghesia di oggi.
Il ritratto di un matrimonio, un libro sull’amore e sulle relazioni famigliari. Il ritorno in grande stile di uno dei migliori autori europei contemporanei.

Spes ultima dea

> Roma, 46 d.C. In una gradevole giornata dell’estate romana il senatore Publio Aurelio Stazio viene invitato a un banchetto nella ricca dimora del console Paolo Metronio, personalità politica assai di spicco. Qui Aurelio ha la piacevole sorpresa di ritrovare due compagni d’infanzia che aveva perduto di vista; con loro si lascia andare alla rievocazione dolceamara dei “bei tempi andati”, tra pettegolezzi, ricordi di amori e avventure, racconti di fortune e rovesci. Presto però l’atmosfera da amarcord si tinge di rosso sangue quando uno dei due amici viene ucciso. E Aurelio capisce che per smascherare l’assassino deve proprio tornare indietro all’epoca della giovinezza: un tempo considerato ormai lontano, che però nasconde un segreto pericoloso. Un segreto in nome del quale c’è ancora chi è disposto a fingere, mentire. E ammazzare…
> **
> ### Sinossi
> Roma, 46 d.C. In una gradevole giornata dell’estate romana il senatore Publio Aurelio Stazio viene invitato a un banchetto nella ricca dimora del console Paolo Metronio, personalità politica assai di spicco. Qui Aurelio ha la piacevole sorpresa di ritrovare due compagni d’infanzia che aveva perduto di vista; con loro si lascia andare alla rievocazione dolceamara dei “bei tempi andati”, tra pettegolezzi, ricordi di amori e avventure, racconti di fortune e rovesci. Presto però l’atmosfera da amarcord si tinge di rosso sangue quando uno dei due amici viene ucciso. E Aurelio capisce che per smascherare l’assassino deve proprio tornare indietro all’epoca della giovinezza: un tempo considerato ormai lontano, che però nasconde un segreto pericoloso. Un segreto in nome del quale c’è ancora chi è disposto a fingere, mentire. E ammazzare…