61537–61552 di 68366 risultati

Il mondo proibito

Esplorando quel settore della Via Lattea per conto del Servizio Medico Interstellare, Calhoun non immaginava di doversi trasformare nel deus ex machina di una feroce guerra interstellare!… Calhoun, protagonista di tutte le avventure dell’Astronave Medica Aesclipus, insieme all’inseparabile torma! Murgatroyd (i tormal, per chi non lo sapesse, sono deliziosi animaletti capaci di trasformarsi, all’occorrenza, in un perfetto laboratorio medico naturale, e capaci anche di tenere compagnia a un essere umano durante i lunghi balzi attraverso l’iperspazio) si trova in un settore della Via Lattea nel quale ormai da secoli nessun medico è mai stato inviato: e si trova immediatamente al centro di un conflitto interstellare, tra gli abitanti di due pianeti divisi dall’incomprensione e dall’odio. Attraverso l’irresistibile prosa di Murray Leinster, uno degli scrittori più amati dai lettori di tutto il mondo, ci troviamo a vivere le tragicomiche avventure del giovane medico galattico, che tra balzi tra le stelle e inseguimenti e attacchi risolve in modo del tutto inconsueto una guerra cosmica…

Il mondo invisibile

Ray Cummings, scrittore riconosciuto tra i padri fondatori della moderna fantascienza, ha legato la sua fama all’avventura, alle storie movimentate e turbinose di straordinari eventi nello spazio, nel tempo e nelle dimensioni: e questo suo romanzo inedito in Italia ci offre una vicenda ancora più bizzarra e ancora più avvincente delle altre che già conosciamo sui molti mondi dimensionali coesistenti con il nostro piano terrestre. Cosa accade quando, nelle Bermude, misteriose apparizioni cominciano a turbare la quiete delle isole? E cosa accade quando coloro che vengono ritenuti fantasmi o visioni cominciano a rapire le giovani donne più belle delle isole? Questo nuovo ratto delle Sabine è solo il primo passo di una strana guerra di conquista… la guerra che il mondo dell’Altra Dimensione muove alla nostra Terra, minacciando perfino, con armi spaventose e invincibili, le più orgogliose metropoli del nostro pianeta!

Il mondo è marcio

In questo nuovo romanzo di Ross MacDonald, Lew Archer, l’anti-eroe che fa l’investigatore privato con civiltà, umanità e intelligenza, si trova a districarsi in un rovente labirinto disseminato di segreti sepolti da un pezzo, i segreti di una famiglia ricca che non vuol perdere la posizione e la faccia. Un cimelio perduto, un sanguinoso delitto che chiama altro sangue, la vita di un ragazzo avvelenata da un sordido crimine commesso per avidità di denaro prima che egli nascesse, ecco i principali elementi nella vicenda di «Il mondo è marcio». Qui si può dire che MacDonald sia sulla cresta dell’onda: ci ha dato un romanzo acuto, spietato verso il mondo di cui fa la vivisezione e tutto questo senza dimenticare ciò che vogliono i lettori di Gialli: fremito, suspense.

Il mondo di Lavalite

Tra i classici moderni della fantascienza d’avventura, il ciclo dei Fabbricanti di Universi (Cosmo Oro n. 15) di Philip José Farmer detiene un posto speciale. L’inesauri-bile vena inventiva dell’autore, la freschezza narrativa delle storie, l’originalità dello spunto di partenza, ne fan-no un capolavoro affascinante e inimitabile. Il mondo di lavante, è il quinto e ultimo romanzo della saga dei Signori, gli umani immortali ed estremamente progrediti tecnologicamente che si sono creati gli «uni-versi tascabili», i cosmi privati costruiti in base ai loro gusti personali, e ci trasporta sul mondo di Urthona, un mondo le cui forme e strutture mutano in continuazione. Qui le montagne sorgono dalle pianure oppure sprofon-dano dando luogo a terrificanti burroni nell’arco di una nottata, qui oceani insospettati ricoprono depressioni cre-atesi in pochi giorni, qui frammenti giganteschi del pia-neta si distaccano dalla massa principale e, dopo esser rimasti in orbita per qualche mese,’ tornano a precipitare nuovamente su di essa. C’è solo una via di scampo da questo mondo maledetto: il palazzo di Urthona, un minareto immenso e fiabesco. Paul Janus Finnegan, meglio conosciuto come Kickaha, e la sua compagna Anana, dovranno assolutamente rag-giungerlo per sfuggire alle insidie del pianeta (popolazio-ni barbariche, vegetazione semovente e assassina, preda-tori voraci, un paesaggio cangiante e da incubo) e dei lo-ro nemici acerrimi, i Signori Urthona e Orc il Rosso

Il mondo di ieri: Ricordi di un europeo

Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo by Stefan Zweig
Cura e traduzione di Silvia Montis
Edizione integrale
Scritto negli anni dell’esilio e pubblicato postumo nel 1942 a Stoccolma dalla casa editrice Bermann-Fischer, Il mondo di ieri è l’opera più nota di Stefan Zweig, un’intensa e struggente rievocazione di quella Felix Austria di cui lo scrittore interpretò con sagacia i turbamenti. Dalla Vienna dei fasti imperiali, culla di uno straordinario fermento culturale, Zweig tratteggia il lento declino di un mondo che, con lo scoppio della Grande Guerra, cederà il passo a una nuova Europa: una terra mutilata, stravolta dall’odio e affamata dall’inflazione, le cui cicatrici indelebili costituiranno l’humus fertile su cui attecchirà la fatale parabola del nazismo. Il mondo di ieri è il testamento spirituale che Zweig consegna alle generazioni a venire, un’analisi lucida e appassionata della tragica eredità in cui affonderanno le radici del «mondo di domani»: il nostro.
Stefan Zweig
(Vienna, 1881–Petrópolis, 1942) crebbe nella Vienna di fine Ottocento, ed esordì giovanissimo sulla scena letteraria. Autore di raffinata formazione culturale e artistica, scrisse novelle, romanzi, poesie, opere teatrali, saggi letterari e biografie storiche, e conobbe uno straordinario successo mondiale tra gli anni Venti e Trenta. Dopo l’ascesa al potere del nazismo, Zweig – le cui opere furono bruciate nei roghi dei libri del 1933 – dovette rifugiarsi, essendo di origine ebrea, in Inghilterra, poi a New York e infine in Brasile. Morì suicida nel febbraio del 1942. Delle sue opere la Newton Compton ha pubblicato Il mondo di ieri, Novella degli scacchi – Paura – Lettera di una sconosciuta e Mendel dei libri – Amok – Bruciante segreto.

Il Mondo Di Grimm

Svir Hedrig è un giovane astronomo e, come tutti, è un entusiasta lettore della rivista Fantasie, che da settecento anni dispensa intrattenimento, storia e cultura sul suo mondo. L’incontro inatteso con l’enigmatica Tatja Grimm e la scoperta che l’unica collezione completa della mitica testata sta per essere distrutta dal tirannico Tar Benesh, reggente di Crownesse, lo spingono ad accettare con troppa leggerezza una pericolosa alleanza. Ben presto, quella che era iniziata come una nobile impresa nel nome della cultura si tramuta in una cruenta lotta per il potere a causa degli oscuri disegni di Tatja, ma il vero pericolo è forse altrove. Forse si trova fra i non meno oscuri disegni di una grande civiltà interstellare, e la tragedia scoppia per davvero con l’avvicinarsi del tempo della “raccolta”…

INDICE
LA VISTA DALLA CIMA DELLA TORRE
The View from the Top of the Tower (1986)
HARRY HARRISON

Il mondo di Fessenden

Ventunesimo volume della collana, Il Meglio di Weird Tales propone altre storie fantastiche tratte dal famoso Magazine: LA DISTORSIONE DELLO SPAZIO di Francis Flagg, LA PIÙ VECCHIA STORIA DEL MONDO di Murray Leinster, SAHARA di G.G. Pendarves, IL PASSEGGERO IMPREVISTO di Stephen Grendon, ATLANTAN di Nictzin Dyalhis, LA VENDETTA DI ERIC MARTIN di Jay Wilmer Benjamin, IL FANTASMA ASSASSINO di Fritz Leiber e I MONDI DI FESSENDEN di Edmond Hamilton.

Il mondo delle cose senza nome

Andrea è un bambino sano e allegro. Daniela è la sua felicissima madre. Fino a quando un medico le rivela una terribile verità: suo figlio è sordo, è un bambino che si muove in un mondo di “cose senza nome”, in cui non può sentire suoni, rumori, musica, parole. Non può udire neppure la voce della mamma. Per Daniela è una rivelazione angosciante, un dolore che deve sforzarsi di superare, reinventando una comunicazione con lui. Inizia così il racconto serrato e coinvolgente di un’avventura umana, dallo smarrimento dei primi mesi alla determinazione di offrire ad Andrea la possibilità di una vita normale, preservandone socievolezza, curiosità e allegria.Una sfida d’amore che porterà Daniela a superare, giorno dopo giorno, insieme al suo bambino, le barriere che lo separano dall’universo dei suoni, per fargli conoscere piacere e desiderio di ascoltare e parlare.Pensato come la lettera d’amore di una madre al proprio figlio, Il mondo delle cose senza nome è la storia dura e dolcissima di una scelta di fiducia e libertà, un viaggio avventuroso e intenso che punta dritto al cuore, un’acuta riflessione sulla fragilità dei rapporti, sulla fallibilità umana, sulla paura e sul coraggio.

(source: Bol.com)

Il mondo alla rovescia

“Avevo raggiunto l’età di seicentocinquanta miglia…” E’ subito chiaro, leggendo le parole con cui si apre il romanzo, che il mondo di Helward Mann non è come dovrebbe essere: infatti è un mondo semplicemente… impossibile. Eppure l’affermazione di Helward è perfettamente sensata, perché questa è la distanza che la città dove egli vive ha percorso sulla superficie del pianeta dal giorno della sua nascita: nel mondo di Helward, infatti, così viene calcolato il tempo. Ed ora, raggiunta l’età adulta, Helward deve imparare a convivere con tutte le contraddizioni e i misteri del suo mondo, uscendo finalmente dagli angusti confini della città. Ma le sorprese che lo attendono sono inquietanti e spettacolari, e generano sempre nuovi interrogativi. Perché la città deve assolutamente muoversi verso un misterioso punto ottimale che è sempre a poche miglia di distanza? Perché il territorio verso il quale si dirige è chiamato Futuro, mentre quello alle spalle invece è il Passato? E che cosa significa che a sud tutto è orizzontale e il tempo scorre più lentamente, mentre a nord accade esattamente il contrario? Il viaggio è appena agli inizi, ma già appare sconvolgente, mentre il ritmo delle sorprese è destinato ad accelerare… Helward, e i lettori di questo libro insieme a lui, non potranno fare a meno di rivedere continuamente le loro concezioni e le ipotesi fatte fino a quel momento. In realtà, Helward ha cominciato a sperimentare su di sé i fantastici effetti di un “mondo alla rovescia”: un pianeta di dimensioni infinite in un universo finito, dove spazio, tempo e percezione obbediscono a regole completamente diverse…
Un tour de force immaginativo dove speculazione, avventura e paradosso si sono incontrate, come poche altre volte in passato, per dare vita ad un inimitabile classico di fantascienza.

Il mondo alla McDonald’s

Che cosa c’entra Max Weber con il Big Mac? Per quanto irriverente, l’accostamento non è peregrino: il modello d’organizzazione sociale che per Weber toccava la sua forma più compiuta nella burocrazia, trova secondo Ritzer una declinazione lampante nel “sistema McDonald’s”, fondato sull’efficienza, la quantificazione, il calcolo, la prevedibilità, il controllo. Esempio per eccellenza: l’hamburger. Dimensioni e peso sono uguali in tutti i paesi del mondo, la confezione è uniforme, le modalità di consumo sono preordinate, il prezzo viene usato dagli economisti per comparare il costo della vita a livello internazionale. Un modello che sembra ormai regnare in ogni ambito della vita sociale: tra ipermercati e programmi televisivi, parchi Disneyland e vacanze preconfezionate, la standardizzazione si fa strada nell’istruzione e nella medicina, nella religione e nello sport. Pur sottolineando l’irreversibilità di tale processo, l’autore ne mette in luce gli aspetti degenerativi e i limiti intrinseci (iper- razionalità che scatena irrazionalità), e propone alcune strategie per mitigarne le conseguenze più disumanizzanti.

Il monaco prigioniero

Al giovane monaco benedettino Mark, mandato in missione nell’estate del 1144 nella diocesi dell’estremo sud del Galles, viene affiancato fratello Cadfael che, essendo gallese, conosce lingua e costumi del Paese. Ben presto però i due si trovano coinvolti nella faida tra il principe regnante, Owain Cwynedd, e il fratello, Cadwaladr, ritenuto responsabile di un assassinio e bandito. Owain ha tuttavia acconsentito a ricevere nel suo maniero un fedele seguace del fratello, Bledri. In una sola notte la situazione precipita: un messaggero annuncia che al largo della costa è stata avvistata una flotta di danesi armati, mercenari al soldo di Cadwaladr, intenzionato a riconquistare le sue terre.

Il mistero Penrose

Daniel Penrose, un eccentrico gentiluomo inglese, appassionato collezionista di antichità, scompare da casa in circostanze misteriose. Fra i pochi, labili indizi e le molte apparenze ingannevoli, risolvere il caso sembra un’impresa impossibile. Ci vorrà tutto il genio investigativo dell’inimitabile dottor Thorndyke per fare luce su una vicenda dai contorni sempre più torbidi, per giungere, attraverso una serie di colpi di scena, alla sconcertante verità.

Il mistero Marchester Royal

Un telegramma comunica all’avvocato Matthew Deckenham la morte di Lord Marchester, suo cliente, e lo invita a raggiungere immediatamente il luogo dell’accaduto, Marchester Royal. Precipitatosi alla stazione, Deckenham incontra l’ispettore Skarratt di Scotland Yard, In partenza per la medesima destinazione: apprende così che Lord Marchester è stato assassinato. L’Ispettore inizia le Indagini, certo che il colpevole sia lo stesso svaligiatore misterioso in cui si era imbattuto già due anni prima. Ma una complessa situazione ereditaria e imprevisti retroscena complicano il caso, rendendo più difficile la strada verso la soluzione finale.

Il mistero di Starvel

Una giovane si trasferisce presso la residenza di un vecchio zio, tanto misantropo quanto avaro, Ma la residenza va a fuoco e tra le macerie fumanti vengono ritrovati tre cadaveri. Si suppone che quei corpi carbonizzati e irriconoscibili appartengano allo zio e ai suoi fedeli servitori, ma un dubbio si fa strada…

Il mistero di Rennes-le Chateau Nuove ricerche, nuove ipotesi

L’abate Béranger Saunière, prete del villaggio francese di Rennes-le-Château, si spense nel 1917. Da allora il paese è diventato un meta turistica fra le più frequentate. Ma perché? Chi era l’umile prete che da un giorno all’altro entrò in possesso di una sterminata fortuna che con la sua morte sparì nel nulla, a parte una villa magnifica, una chiesa restaurata e una vicenda a metà tra realtà e leggenda, fatta di cene luculliane, scavi misteriosi, ermetiche iscrizioni tombali e morti misteriose. Gli autori sono penetrati nella biblioteca dell’abate, hanno ricostruito la sua personalità e le sue amicizie, localizzato gli scavi, decifrato iscrizioni e individuato il luogo in cui riposerebbe il tesoro.
**