61313–61328 di 62912 risultati

Il fiume dell’oblio

Seymour Zaplowsky è una persona che ha strane visioni riguardanti la morte di persone a lui sconosciute. Una delle sue visioni porterà al ritrovamento dell’ultima vittima del Tagliatore di Teste, a questo punto Dylan Dog, inizialmente scettico sulle visioni dell’uomo, accetterà di indagare.

Il fioraio di Perón

L’Argentina di ieri e quella di oggi, unite da una storia che, tra crisi e trasformazioni, resta pervicace nelle sue linee di fondo e in cui il peronismo riemerge periodicamente quale collante politico e culturale di una nazione. Nazione ben strana, del resto, in cui apparente spensieratezza italiana e apparente tragicità spagnola hanno dato luogo a una curiosa sintesi, che differenzia il paese da tutto il resto dell’america latina. Il romanzo narra episodi in gran parte veri, ma ciò è irrilevante: ciò che è vero al di là di ogni dubbio è il contesto umano e sociale che emerge nel narrare la vicenda di un fioraio italiano giunto vicino alle sedi del potere, e quella parallela di un erede che ne cerca le tracce. Il simbolo più significativo di tutto ciò è la casa rosada, così chiamata – impariamo – perché tinta con sangue bovino all’epoca della costruzione. Un colore tenue e piacevole, dunque, che allude a una crudeltà sempre pronta a trasudare, fatta di prepotenza e pulsioni autoritarie.
**

Il filosofo di via del Bollo. Un’indagine del commissario Lucchesi

È cambiato Andrea Lucchesi. Ha sfiorato la morte e, se questa volta ha vinto lui, il prezzo che ha dovuto pagare è alto: adesso ha paura. Paura di ogni sigaretta che accende, di ogni bicchiere che si concede, ma soprattutto paura di essere, di restare solo. Forse è per questo che un giorno, uscendo dalla Questura milanese di piazza San Sepolcro, Lucchesi si accorge di quell’uomo, che, all’angolo di via del Bollo, dispensa saggezza ai passanti, a chi ha tempo per fermarsi ad ascoltare un vecchio, un filosofo. Lucchesi ha tempo, adesso, per ascoltare, per capire. Sì, è cambiato l’ispettore Lucchesi. Ma non è il solo. Se l’indagine su una serie di furti d’arte in cui si troverà coinvolto appena rientrato in azione è fin troppo vicina a quella risolta pochi mesi addietro, in realtà nulla è come prima. Le persone che ha incontrato allora sembrano divertirsi a sovvertire ogni aspettativa: la contessa Urbinati, il commissario Pepe, i collezionisti d’arte, la collega Marchesi,.. Nulla e nessuno è come sembra, per Andrea Lucchesi, che per risolvere questo caso dovrà esser disposto a svelare e accettare verità amare sulle persone all’apparenza a lui più vicine. Verità che cambieranno la sua vita per sempre.
**

Il filo nero

Uno sguardo retrospettivo sugli ultimi cinquant’anni di storia italiana e sul carattere degli italiani dal punto di vista dell'”eterno fascismo” presente in Italia, secondo Bocca, prima e dopo la parabola del fascismo storico.
**

Il Filo Di Auschwitz

**Dall’oscurità di Auschwitz allo splendore dell’alta moda a Parigi: la straordinaria storia di un ragazzo ribelle**
Tomas Kiss, quattordicenne scapestrato, è la disperazione del padre perché si rifiuta di studiare nonché di impararne il mestiere di sarto. Ma, nella cittadina ungherese dove vive, nel 1944 per la comunità ebraica i problemi sono ormai altri. Dalle progressive restrizioni delle libertà personali si passa ai rastrellamenti e la famiglia di Tomas finisce, come le altre, ad Auschwitz. Qui Tomas perde subito di vista i suoi famigliari tranne il padre con cui combatte una lotta per la sopravvivenza quotidiana che, paradossalmente, lo porterà, per salvarsi, ad avvicinarsi proprio al mestiere paterno imparando a cucire le divise degli ufficiali e rappezzare quelle dei prigionieri. Sopravvivono entrambi, ma il Tomas che esce fra mille peripezie dal campo di concentramento è drasticamente cambiato: è – precocemente – un adulto disincantato e duro. Insieme al padre tenta di tornare nel paese di origine, dove però tutto è cambiato, compresi i confini, ed emigra definitivamente a Parigi dove, grazie all’aiuto di una variegatissima comunità ebraica, dolente ma con una grande voglia di ricominciare a vivere, troverà infine la sua strada.
Nel *Filo di Auschwitz* Véronique Mougin racconta con penna magistrale la storia di un ragazzo, feroce e fragile come tutti gli adolescenti, un Tom Sawyer ungherese e ribelle che non è «solo» una vittima, non è un eletto, non è un simbolo, bensì una persona di quelle che si devono ricostruire dopo essere state all’inferno.

Il Figlio segreto del Drago: Un Romanzo Paranormale

**
## Non sono incinta, vero? Com’è possibile… sono ancora vergine.
**
La formosa archeologa Dominique non riesce a credere alla sua fortuna; ha appena rinvenuto un antico uovo di Drago! Ma non è l’unica interessata a tale premio. Tutti i clan di Draghi della zona ambiscono a reclamarlo. Specialmente quel gran figo rompiscatole di Virdi, che le sta appiccicato come colla. Sfortunatamente, se lei vuole stare al sicuro, ha bisogno proprio dell’aiuto di Virdi.
Imperatore del mondo – è questo lo scopo fondamentale di Virdi. E non importa cosa dovrà arrivare a fare perchè accada. Adescare donne nella foresta è solo un passatempo per lui. Ma adesso, Dominique con il suo corpo sensuale e l’uovo… forse può avere entrambi, piacere e potere, allo stesso tempo.
Ma il rischio aumenta: i Draghi sono alla caccia dell’uovo e di Dominique, perché si compia, a qualsiasi costo, una profezia a cui non si assite da secoli.
Virdi deve rischiare tutto per tenere al sicuro Dominique e quel piccolo segreto che le cresce dentro. Ce la faranno? O saranno divisi? Scoprilo!
NOTA DELL’AUTRICE: Questo è un romanzo paranormale unico con un lieto fine! La storia contiene temi e linguaggio per adulti, ed è rivolta solo a lettori di 18+ anni.
**Altri Libri in questa Serie**
✦ Il Figlio segreto del Drago (Libro 1)
✦ La Moglie segreta del Drago (Libro 2)
✦ Il Premio segreto del Drago (Libro 3)
✦ L’erede segreto del Drago (Libro 4)
✦ La Regina segreta del Drago (Libro 5)
**

Il Figlio Sconosciuto Del Miliardario

### *“Non l’ho mai desiderato: semplicemente, non sapevo cosa fare. Non è stato facile. Mi sentivo persa, ero sola, con un bambino di cui prendermi cura contando solo su me stessa.”*
**Maria:**
Avevo cresciuto nostro figlio dal primo giorno, quando ero solo una ragazzina. Avevo fatto tanto, mentre lui se ne andava in giro a fare quel che cazzo voleva. A diventare ricco. Non era giusto.
Avrei fatto di tutto perché si sottoponesse a quel test. Sarei diventata sua amica, l’avrei sedotto, avrei fatto in modo che mi volesse, poi lo avrei scaricato con la stessa crudeltà con cui lui aveva scaricato me. Avrebbe capito cosa significava. Sarebbe stato male come ero stata male io.
Dal modo in cui mi guardava, capivo che mi voleva ancora. Avevo la strana sensazione di desiderarlo anche io… ma ogni volta che iniziavo a perdere la testa per lui, ricordavo che si trattava solo di una parte del piano. Lo odiavo. Mi aveva rovinata.
**Anthony:**
Ho provato questi sentimenti per troppo tempo: non posso lasciarli andare proprio ora.
Ma presto o tardi dovrò liberarmi del passato, una volta per tutte.
Proprio quando ho deciso di non pensare mai più a lei, ecco che mi sono sentito il suo sguardo addosso.
Aveva un aspetto incredibile.
Mi ha folgorato. Non riuscivo a staccarle lo sguardo di dosso, non ci sarei riuscito nemmeno se avessi voluto, e non volevo.
Sapevo quanto sarebbe stato pericoloso restare soli, per entrambi. Poteva accadere di tutto.
* * *
Sei anni fa, Maria Lawrence era la ragazza più felice del mondo.
Sei anni fa, stava per diplomarsi alla scuola superiore ed era pronta ad iniziare una vita perfetta con il suo fidanzato, Anthony.
**Un ragazzo cattivo, un po’ misterioso ed estremamente sexy. **
Lei ne era innamorata.
**Poi era rimasta incinta**. E Anthony l’aveva scaricata prima che potesse anche solo dirglielo.
Sei anni fa, il suo mondo era caduto in pezzi e Maria era scappata senza guardarsi alle spalle.
Ma ora che il figlio di sei anni ha bisogno di un trapianto urgente di midollo osseo e il padre potrebbe essere l’unico in grado di salvarlo, Maria si trova costretta a tornare nel proprio paese natale.
Costretta ad affrontare di nuovo i suoi genitori.
Costretta a vedere Anthony.
Ora lui è un uomo d’affari di successo. Un dongiovanni che può avere tutte le ragazze che desidera e che non lo nasconde affatto.
Maria è determinata a non fargli sapere nulla del figlio: non lo merita.
*Odia Anthony.*
Ma è pronta a fare di tutto per salvare il proprio figlio.
Ha pianificato tutto: farsi assumere nella sua compagnia, sedurlo e costringerlo a salvare il bambino senza che sospetti nulla. * *
**Le cose andranno secondo i piani? Maria riuscirà a salvare suo figlio?**
**Cosa succederà quando si accorgerà che i sentimenti che prova per Anthony non sono mai davvero svaniti? **
* * *
*ATTENZIONE: Questo eBook contiene tematiche e linguaggio adatti a un pubblico di soli maggiorenni.*
**
### Sinossi
### *“Non l’ho mai desiderato: semplicemente, non sapevo cosa fare. Non è stato facile. Mi sentivo persa, ero sola, con un bambino di cui prendermi cura contando solo su me stessa.”*
**Maria:**
Avevo cresciuto nostro figlio dal primo giorno, quando ero solo una ragazzina. Avevo fatto tanto, mentre lui se ne andava in giro a fare quel che cazzo voleva. A diventare ricco. Non era giusto.
Avrei fatto di tutto perché si sottoponesse a quel test. Sarei diventata sua amica, l’avrei sedotto, avrei fatto in modo che mi volesse, poi lo avrei scaricato con la stessa crudeltà con cui lui aveva scaricato me. Avrebbe capito cosa significava. Sarebbe stato male come ero stata male io.
Dal modo in cui mi guardava, capivo che mi voleva ancora. Avevo la strana sensazione di desiderarlo anche io… ma ogni volta che iniziavo a perdere la testa per lui, ricordavo che si trattava solo di una parte del piano. Lo odiavo. Mi aveva rovinata.
**Anthony:**
Ho provato questi sentimenti per troppo tempo: non posso lasciarli andare proprio ora.
Ma presto o tardi dovrò liberarmi del passato, una volta per tutte.
Proprio quando ho deciso di non pensare mai più a lei, ecco che mi sono sentito il suo sguardo addosso.
Aveva un aspetto incredibile.
Mi ha folgorato. Non riuscivo a staccarle lo sguardo di dosso, non ci sarei riuscito nemmeno se avessi voluto, e non volevo.
Sapevo quanto sarebbe stato pericoloso restare soli, per entrambi. Poteva accadere di tutto.
* * *
Sei anni fa, Maria Lawrence era la ragazza più felice del mondo.
Sei anni fa, stava per diplomarsi alla scuola superiore ed era pronta ad iniziare una vita perfetta con il suo fidanzato, Anthony.
**Un ragazzo cattivo, un po’ misterioso ed estremamente sexy. **
Lei ne era innamorata.
**Poi era rimasta incinta**. E Anthony l’aveva scaricata prima che potesse anche solo dirglielo.
Sei anni fa, il suo mondo era caduto in pezzi e Maria era scappata senza guardarsi alle spalle.
Ma ora che il figlio di sei anni ha bisogno di un trapianto urgente di midollo osseo e il padre potrebbe essere l’unico in grado di salvarlo, Maria si trova costretta a tornare nel proprio paese natale.
Costretta ad affrontare di nuovo i suoi genitori.
Costretta a vedere Anthony.
Ora lui è un uomo d’affari di successo. Un dongiovanni che può avere tutte le ragazze che desidera e che non lo nasconde affatto.
Maria è determinata a non fargli sapere nulla del figlio: non lo merita.
*Odia Anthony.*
Ma è pronta a fare di tutto per salvare il proprio figlio.
Ha pianificato tutto: farsi assumere nella sua compagnia, sedurlo e costringerlo a salvare il bambino senza che sospetti nulla. * *
**Le cose andranno secondo i piani? Maria riuscirà a salvare suo figlio?**
**Cosa succederà quando si accorgerà che i sentimenti che prova per Anthony non sono mai davvero svaniti? **
* * *
*ATTENZIONE: Questo eBook contiene tematiche e linguaggio adatti a un pubblico di soli maggiorenni.*

Il figlio perduto di Roma (Il destino dell’imperatore Vol. 6)

**Oltre 50.000 copie in Italia
Un grande romanzo storico
Roma, 51 d.C.**
Finalmente, dopo otto anni di guerre, il condottiero britanno Carataco è stato sconfitto e viene portato da Vespasiano al cospetto dell’imperatore Claudio. Ma il nemico giurato di Roma non riceve un’esemplare punizione, bensì il perdono. Dietro la decisione dell’imperatore c’è la mano della moglie Agrippina, pronta a manovrare le sorti dell’impero sfruttando la debolezza del marito. A corte poi ci sono Narciso e Pallante che tramano anch’essi alle spalle di Claudio, e che sono divisi proprio sul ruolo di Agrippina. Il primo vorrebbe cacciarla, il secondo salvarla. Vespasiano, invece, è un personaggio troppo scomodo per gli intrighi dei palazzi romani e viene inviato in Armenia, dove un nuovo culto ebraico sta destabilizzando quei territori. La missione però non inizia nel migliore dei modi: Vespasiano viene catturato… 
**Una serie di successo 
Tradotta in 8 Paesi
Il fascino della grande storia di Roma antica**
«Azione, avventura, divertimento. Una serie decisamente interessante.»
**Liberi di scrivere**
«Guerriglie ed esaltanti spaccati di storia romana nella saga di Roberto Fabbri.»
**Sololibri**
**Roberto Fabbri**
è nato a Ginevra e vive tra Londra e Berlino. Per venticinque anni ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. La passione per la storia, in particolare per quella dell’antica Roma, lo ha spinto a scrivere la serie dedicata all’imperatore Vespasiano, di cui la Newton Compton ha già pubblicato* Il tribuno*, *Il giustiziere di Roma*, *Il generale di Roma*,* Il re della guerra*, *Sotto il nome di Roma *e* Il figlio perduto di Roma*.
**
### Sinossi
**Oltre 50.000 copie in Italia
Un grande romanzo storico
Roma, 51 d.C.**
Finalmente, dopo otto anni di guerre, il condottiero britanno Carataco è stato sconfitto e viene portato da Vespasiano al cospetto dell’imperatore Claudio. Ma il nemico giurato di Roma non riceve un’esemplare punizione, bensì il perdono. Dietro la decisione dell’imperatore c’è la mano della moglie Agrippina, pronta a manovrare le sorti dell’impero sfruttando la debolezza del marito. A corte poi ci sono Narciso e Pallante che tramano anch’essi alle spalle di Claudio, e che sono divisi proprio sul ruolo di Agrippina. Il primo vorrebbe cacciarla, il secondo salvarla. Vespasiano, invece, è un personaggio troppo scomodo per gli intrighi dei palazzi romani e viene inviato in Armenia, dove un nuovo culto ebraico sta destabilizzando quei territori. La missione però non inizia nel migliore dei modi: Vespasiano viene catturato… 
**Una serie di successo 
Tradotta in 8 Paesi
Il fascino della grande storia di Roma antica**
«Azione, avventura, divertimento. Una serie decisamente interessante.»
**Liberi di scrivere**
«Guerriglie ed esaltanti spaccati di storia romana nella saga di Roberto Fabbri.»
**Sololibri**
**Roberto Fabbri**
è nato a Ginevra e vive tra Londra e Berlino. Per venticinque anni ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. La passione per la storia, in particolare per quella dell’antica Roma, lo ha spinto a scrivere la serie dedicata all’imperatore Vespasiano, di cui la Newton Compton ha già pubblicato* Il tribuno*, *Il giustiziere di Roma*, *Il generale di Roma*,* Il re della guerra*, *Sotto il nome di Roma *e* Il figlio perduto di Roma*.

Il Figlio Perduto Di Roma

**Oltre 50.000 copie in Italia

Un grande romanzo storico

Roma, 51 d.C.**
Finalmente, dopo otto anni di guerre, il condottiero britanno Carataco è stato sconfitto e viene portato da Vespasiano al cospetto dell’imperatore Claudio. Ma il nemico giurato di Roma non riceve un’esemplare punizione, bensì il perdono. Dietro la decisione dell’imperatore c’è la mano della moglie Agrippina, pronta a manovrare le sorti dell’impero sfruttando la debolezza del marito. A corte poi ci sono Narciso e Pallante che tramano anch’essi alle spalle di Claudio, e che sono divisi proprio sul ruolo di Agrippina. Il primo vorrebbe cacciarla, il secondo salvarla. Vespasiano, invece, è un personaggio troppo scomodo per gli intrighi dei palazzi romani e viene inviato in Armenia, dove un nuovo culto ebraico sta destabilizzando quei territori. La missione però non inizia nel migliore dei modi: Vespasiano viene catturato…

**Una serie di successo
Tradotta in 8 Paesi

Il fascino della grande storia di Roma antica**

‘Azione, avventura, divertimento. Una serie decisamente interessante.’
Liberi di scrivere

‘Guerriglie ed esaltanti spaccati di storia romana nella saga di Roberto Fabbri.’
Sololibri

Roberto Fabbri

è nato a Ginevra e vive tra Londra e Berlino. Per venticinque anni ha lavorato in produzioni televisive e cinematografiche. La passione per la storia, in particolare per quella dell’antica Roma, lo ha spinto a scrivere la serie dedicata all’imperatore Vespasiano, di cui la Newton Compton ha già pubblicato Il tribuno, Il giustiziere di Roma, Il generale di Roma, Il re della guerra, Sotto il nome di Roma e Il figlio perduto di Roma.

(source: Bol.com)

Il figlio dell’alba

Il primo racconto della nuovissima serie Fantasmi del Mercato delle Ombre firmata da Cassandra Clare con Sarah Rees Brennan, Maureen Johnson, Kelly Link, Robin Wasserman.

New York, 2000 — I Lightwood, gli Shadowhunter che gestiscono l’Istituto di New York, sono in attesa del nuovo membro della famiglia: Jace Wayland, figlio del parabatai di Robert Lightwood, rimasto orfano dopo la morte del padre. Alec e Isabelle non sono del tutto certi di volere un altro fratello, ma i loro genitori non si curano di rassicurarli, distratti come sono dalle pessime notizie che Fratello Zaccaria e Raphael Santiago, vice del clan newyorkese dei vampiri, hanno portato loro dal Mercato delle Ombre.

(source: Bol.com)

Il Figlio del Satiro

Londra, 1786. Lord Henri-Antoine è tornato dal Grand Tour alla sua vita di privilegi ed eccessi. Un’enorme eredità gli permette ogni capriccio, scevro da ogni responsabilità.
Miss Lisa Crisp è un’orfana che deve dipendere dalla carità dei parenti per non finire nell’ospizio dei poveri. Intelligente e imperturbabile, Lisa non permetterà alla povertà di definire chi è.
Henri-Antoine e Lisa si incontrano in circostanze sorprendenti. C’è un’attrazione istantanea. Quando si trovano a partecipare allo stesso matrimonio in campagna, Henri-Antoine fa a Lisa una proposta scandalosa, che lei dovrebbe rifiutare ma che desidera accettare con tutta se stessa. Seguire il suo cuore potrebbe rovinare entrambi.
Un’avventura romantica ambientata nello scenario di Treat, la casa ancestrale dei duchi di Roxton, Il figlio del Satiro è una storia alla Cenerentola con un lieto fine commovente
Chi ama questa saga sarà lieto di incontrare di nuovo gli affascinanti, sorprendenti e mai convenzionali membri della famiglia Roxton.
Reader’s Favorite- Medaglia d’argento e B.R.A.G. Medallion honoree.
Avventura romantica
Non esplicito (moderata sensualità)
144.000 parole

Il Fidanzamento

“Una scrittura arguta, personaggi splendidi e una storia d’amore che scalda il cuore… da leggere assolutamente!”–Laurin Wittig, autrice di bestseller

L’attesissimo incontro tra le Fanciulle Guerriere di Rivenloch e i Cavalieri dei de Ware!

IL FIDANZAMENTO – Preludio alla serie dei Cavalieri dei de Ware
Quando sir Noёl de Ware giunge dalla Francia a reclamare la sua sposa – la più bella ereditiera delle Highlands – è sicuro di aver ricevuto il miglior dono di Natale di sempre… fino a quando non scopre che la vivace giovane da lui sposata non era la sorella giusta. Ysenda di Rivenloch, dal canto suo, non aveva certo intenzione di sostituirsi alla sposa legittima, ma quando inizia a innamorarsi del suo bel marito, cade vittima del suo stesso inganno. Solo il vero amore e un desiderio magico possono sistemare le cose e garantire ai due un lieto fine.

Dettagli
• Il romanzo collega la serie delle Fanciulle Guerriere di Rivenloch con quella dei Cavalieri dei de Ware
• Pubblicato in origine come parte della raccolta Highland Wishes
• Il fidanzamento è un romanzo breve, lungo all’incirca un terzo rispetto a un libro classico
• I contenuti espliciti rendono l’opera consigliata a un pubblico adulto

Due parole su Glynnis Campbell
Glynnis Campbell è autrice di besteller di USA Today. Scrive storie ricche di azione, avventura e romanticismo ambientate in Scozia, in Inghilterra e nel West americano. Ha pubblicato più di una dozzina di libri in sette lingue. Ha vinto riconoscimenti importanti a premi letterari come l’Orange Rose, l’Hearths through History e il Book Buyers Best, ed è stata due volte finalista dei RITA Awards. I suoi libri compaiono in diverse raccolte assieme a quelli di famose autrici quali Bella Andre, Marie Force, Tanya Anne Crosby, Lauren Royal, Kathryn Le Veque, Eliza Knight e Claire Delacroix. Glynnis scrive dalla sua casa in California e adora giocare a fare la sensale di matrimoni medievali e trasportare i lettori in un mondo dove gli eroi sono coraggiosi e hanno difetti affascinanti, le donne sono più forti di quanto sembra, la terra è fertile e indomita, e la cavalleria è viva e vegeta.

Un messaggio da Glynnis…
Adoro scrivere “storie che tengono svegli la notte!”
Rimaniamo in contatto…
Venitemi a trovare su glynnis.net
Aggiungetemi ai vostri amici di Facebook: facebook.com/GlynnisCampbell
Seguitemi su Twitter: twitter.com/GlynnisCampbell
Condividete i vostri contenuti con me: pinterest.com/GlynnisCampbell

(source: Bol.com)

Il feudalesimo

Il sistema politico sociale dei feudi nel MedioevoIl Feudalesimo è il sistema politico, sociale ed economico che ha caratterizzato il nostro Medioevo. Venne a instaurarsi dopo l’affermazione dell’Impero carolingio, nel IX secolo, a seguito dei mutamenti, maturati a poco a poco nella concezione dello Stato e dell’economia, e soprattutto del rapporto tra potere politico e sudditi. Da allora e fino alla conclusione del XIV secolo, il nuovo assetto si sviluppò e articolò incessantemente, tanto da penetrare in ogni forma di vita: sociale, spirituale, culturale. Dell’età feudale Ludovico Gatto ricostruisce in queste pagine i momenti e i problemi principali, offrendo al lettore una sintesi storica vivace e rigorosa.Ludovico Gattoprofessore emerito di Storia medievale presso l’Università di Roma ‘La Sapienza’, è autore, fra l’altro, di L’atelier del medievista e Viaggio intorno al concetto di Medioevo. Tra i numerosi titoli pubblicati con la Newton Compton ricordiamo: Sicilia medievale, Storia e storie del Medioevo, Storia di Roma nel Medioevo, Il Medioevo giorno per giorno e Le grandi donne del Medioevo.
(source: Bol.com)

Il feroce saracino

Più che la scimitarra, la forbice. Questa era la percezione dell’islam nell’immaginario degli italiani. Le forbici sul fez del Turco napoletano, una delle più fortunate maschere di Totò, la simpatia malandrina del Sarracino cantato da Carosone, o l’alone fiabesco del Saladino della pubblicità Perugina. Da religione residuale l’islam oggi è diventato l’incubo di tutti; bussa alla porta di ciascuno di noi, insinuandosi nella nostra più privata quotidianità. Della strage di “Charlie Hebdo” a Parigi resta un fotogramma: un musulmano che spara a un altro musulmano. Due individui colti nel momento in cui la guerra civile globale diventa – ben oltre l’immagine – un fatto conclamato. Il primo uccide in nome di Allah, il secondo muore invocandolo. È una guerra civile all’interno dell’islam quella che, nel solco delle primavere arabe, dei flussi migratori e del dilagare del terrorismo internazionale, incendia la comunità musulmana. Si chiama fitna ed è la discordia insanabile, una faida che non trova tregua e che trascina nel proprio gorgo tutti. L’isis cancella coi caterpillar l’antica città di Hatra. Come a Mosul, così a Nimrud. Di duemila anni di storia resta la polvere e una minaccia: la demolizione delle Piramidi in Egitto. Uno scempio messo in atto dai terroristi che non risparmia neppure i luoghi santi della religione di Maometto. E senza risparmiare Mecca dove i fanatici, tra le tante memorie della devozione, non hanno esitato a distruggere la casa del primo califfo dell’islam e anche la dimora di Khadigia, la prima moglie del Profeta, per lasciare il posto a dei bagni pubblici.

(source: Bol.com)

Il fenomeno umano

Se osservassimo il cielo stellato con l’ausilio di un telescopio e con la guida di un esperto astronomo ci invaderebbe un sentimentodi stupore. Affondare lo sguardo della mente in tutta la dimensione spazio-temporale dell’universo accompagnati da Pierre Teilhard de Chardin dona una sensazione altrettanto straordinaria. È un viaggio entusiasmante alla ricerca delle nostre più lontane origini, per individuare le tenui tracce che portano all’Uomo. E, soprattutto, per capire se l’intero moto evolutivo abbia una direzione privilegiata e miri a un ulteriore, fecondo sviluppo. Teilhard de Chardin prende in considerazione la totalità del fenomeno: non solo l’Uomo come espressione ultima della materia altamente organizzata, ma anche l’Uomo che mira a prolungare l’evoluzione nel «più essere» e nello spirituale. È una affascinante concezione unitaria dell’avventura umana inserita nell’avventura dell’universo: una visione altamente incoraggiante.
**