61313–61328 di 74503 risultati

Per la gloria dell’impero

N°1 in tutto il mondo Nessuno come lui Un grande romanzo storico Se non conosci Scarrow, non conosci Roma Britannia, 52 d.C. Le tribù occidentali sono pronte a schierarsi. Ma saranno in grado di eguagliare la disciplina e il coraggio dei legionari? Macrone, ferito, è rimasto indietro a difesa dell’accampamento, mentre il prefetto Catone cerca di penetrare nelle colline. Il suo intento è consolidare il trionfo di Roma schiacciando definitivamente la roccaforte dei Druidi. Ma con l’inverno che avanza, il percorso è funestato dalle piogge fredde e dalle tempeste di neve. Quando le pattuglie di Macrone riferiscono che il presidio degli indigeni si sta assottigliando, un terribile sospetto prende forma nella mente del soldato. È possibile che il governatore Quintato abbia sottovalutato il nemico? Se c’è in atto un piano sofisticato e mortale, saranno Catone e i suoi uomini a pagarne il prezzo… 5 milioni di copie nel mondo Simon Scarrow è leggenda ‘Il miglior scrittore di romanzi storici? Simon Scarrow.’ Corriere della Sera ‘Il nuovo capitolo della lunga serie di Scarrow sull’esercito romano è come sempre un grande piacere. Per gli appassionati di Catone e Macrone è rincuorante sapere che le loro avventure sono più che mai vive.’ The Times ‘Un buon libro, facile da leggere ma travolgente.’ Mail on Sunday Simon ScarrowÈ nato in Nigeria. Dopo aver vissuto in molti Paesi si è stabilito in Inghilterra. Per anni si è diviso tra la scrittura, sua vera e irrinunciabile passione, e l’insegnamento. È un grande esperto di storia romana. Il centurione, il primo dei suoi romanzi storici pubblicato in Italia, è stato per mesi ai primi posti nelle classifiche inglesi. Scarrow è autore dei romanzi Sotto l’aquila di Roma, Il gladiatore, Roma alla conquista del mondo, La spada di Roma, La legione, Roma o morte, Il pretoriano, La battaglia finale, Il sangue dell’impero, La profezia dell’aquila, L’aquila dell’impero, Sotto un unico impero, La spada e la scimitarra, Per la gloria dell’impero e I conquistatori (con T.J. Andrews), tutti pubblicati dalla Newton Compton.

(source: Bol.com)

Per il mio amore, Whiskey

Dieci anni d’amore, di perdita, di amicizia, di cuori infranti e di emozioni da gustare fino all’ultima goccia.

Dal primo momento in cui incontra Jamie, Brecks sa che la sua vita non sarà più la stessa.
Quel ragazzo dagli occhi ambrati diventerà il suo Whiskey, una irrinunciabile dipendenza. Mese dopo mese, anno dopo anno, errore dopo errore, la loro amicizia si fa sempre più complicata, e la loro attrazione sempre più inarrestabile.

Ma cosa fare quando il tempo e le circostanze sembrano essere sempre avverse?
Quanto duramente e quanto a lungo una donna può lottare per riappropriarsi del cuore dell’uomo che da sempre le appartiene?

Una storia cruda, appassionata e straziante, in cui il destino giocherà a tirare i fili del vero amore, in un turbinio di emozioni travolgenti.

Ci vuole più coraggio ad ammettere di amare qualcuno e di voler lottare per lui, che a lasciarlo andare per soffrire di meno.

**’Per il mio amore, Whiskey parte a fuoco lento, ma prima di accorgertene ti ritrovi inebriata e incapace di smettere di leggere finché non arrivi alla fine. Una volta toccato il fondo di questa bottiglia, sarai completamente ubriaca e innamorata delle parole della Steiner. In assoluto la mia lettura preferita del 2016!’
Brittainy C. Cherry – L’autrice del bestseller Ti amo per caso

‘Ci sono dei libri che riescono a distruggerti, a lasciarti senza fiato, che ti fanno in mille pezzi e poi ti rimettono insieme. È l’effetto di questo romanzo di Kandi Steiner: crea dipendenza, tossico, ti toglie le forze, ti investe di emozioni e non puoi smettere di leggere. Basta un sorso e lo devi finire tutto, fino all’ultima goccia’.
Elisa Gioia – L’autrice della serie So che ci sei**

(source: Bol.com)

Per Cinque Minuti in Piu

Per cinque minuti in piu by Natascia Gandini, Victoria Sue
Serie Enhanced World, Libro 1 Fin dal momento della sua trasformazione in un umano potenziato, Talon Valdez sapeva che avrebbe dovuto dire addio alla sua vita e ai suoi sogni. Trattati con diffidenza, insultati, spesso rinchiusi, i potenziati sono visti come mostri, disprezzati dalla società e considerati inadatti a prestare servizio nell’esercito o nelle forze dell’ordine. Anni più tardi, ha la possibilità di creare una task force di potenziati all’interno dell’FBI, ma a una condizione: ogni potenziato deve fare coppia con un essere umano normale. Finn Mayer sogna di entrare nell’FBI da quando aveva quattordici anni e ha fatto qualsiasi sacrificio perché ciò avvenisse: ha sopportato di vivere con una madre egoista, con un fratello omofobo e bullo e di non avere un compagno. Soffre però di dislessia non diagnosticata e basta questo a frustrare le sue aspirazioni sul nascere. La sua ultima occasione è fare coppia con Talon, un potenziato con abilità letali, che però non vuole affidare i suoi segreti ai normali e che pertanto vuole vederlo fallire. Quattro sono le settimane a disposizione di Finn per provare alla squadra quanto vale. Quattro le settimane perché la squadra dimostri al resto del mondo che può funzionare. E quando un altro gruppo minaccia il loro successo – mettendo a rischio le loro vite – sarà per quattro settimane che dovranno sopravvivere.

Per chi suona la campana

Durante la guerra di Spagna un americano combatte al fianco di un gruppo di partigiani repubblicani, innamorandosi di una giovane combattente e giungendo a sacrificare la propria vita per salvare i compagni e l’amata. Questo celebre romanzo di Hemingway (1898-1961) è da annoverarsi fra le vette della letteratura del Novecento.
(source: Bol.com)

Per alleviare insopportabili impulsi

Per alleviare insopportabili impulsi by Nathan Englander
Un uomo molto religioso, dopo l’ennesimo rifiuto della moglie, non sa piú come contenere gli irrefrenabili istinti sessuali e il suo rabbino gli consiglia di ricorrere all’aiuto di una prostituta. Un giovane un po’ strambo, che non ha mai pubblicato neanche una riga, si ritrova in prigione per essere giustiziato insieme ai piú grandi scrittori ebrei dissidenti nella Russia di Stalin. Charles Luger è colto all’improvviso da un’illuminazione mentre è a bordo di un taxi: è ebreo. Non l’ha mai saputo, ma ha sentito dentro di sé muoversi una *yiddishe neshama* e dunque deve esserlo per forza. Nove storie in cui ironia e disillusione, farsa e tragedia, s’intrecciano di continuo. Racconti che s’inseriscono nella piú luminosa tradizione ebraica ma parlano a tutti; perché al fondo di ciascuno c’è la ricerca, eternamente irrisolta, del proprio posto nel mondo.

Peperoncino

Mosè e Bonaventure sono cresciuti insieme nell’orfanotrofio di Loango. Sono amici per la pelle, anche quando Bonaventure fa domande inopportune e a Mosè viene una gran voglia di picchiarlo. A Loango, tra il catechismo con Papà Moupelo e le affettuose cure di Sabine Niangui, non si sta poi così male, ma siamo in un’epoca di grande fermento, la Repubblica popolare del Congo si sta trasformando in un avamposto africano dell’Unione Sovietica, e all’improvviso arriva la Rivoluzione. Niente più catechismo, niente più danze dei pigmei dello Zaire. La vita nell’orfanotrofio adesso viene scandita dai surreali proclami del direttore. Mosè nel frattempo si è conquistato un soprannome, Peperoncino, e decide di fuggire a Pointe-Noire, anche se questo significa abbandonare il suo amico. Lì si imbatte in Mamma Fiat 500 e le sue «ragazze», l’incontro che cambierà il suo destino. Grazie alle avventure di Peperoncino, novello Tom Sawyer in un paese in rapido cambiamento, Alain Mabanckou veste i panni di cantore dell’Africa contemporanea e ne traccia il futuro svelando ai bianchi un passato fatto di comunismo, guerre etniche ed eredità coloniale, senza mai perdere la leggerezza che lo caratterizza. L’opera è stata finalista al Prix Goncourt e al Prix Goncourt des lycéens.

Pensione Tersicore:

Delitto a teatro per il commissario Martini…
Il teatro si è sempre prestato come ambiente ideale per rappresentare il delitto, sia sulla scena sia dietro le quinte. Gianna Baltaro lo sceglie come luogo dell’omicidio di un attore dal fascino ambiguo, la sera del debutto di uno spettacolo importante. Il commissario Martini, chiamato a risolvere il mistero, riuscirà come sempre a individuare l’assassino…

Pensieri, idee, opinioni

Traduzione di Lucio Angelini Edizione integrale Albert Einstein non appartiene a quel gruppo di studiosi che si chiudono nella ‘torre d’avorio’ del loro lavoro di ricerca, immemori del mondo che li circonda. Al contrario, è sempre stato un osservatore acuto e critico delle tendenze e dei problemi del suo tempo. In questo senso, i discorsi, gli articoli, le lettere e gli appelli raccolti in questo volume rispecchiano non solo le posizioni scientifiche e filosofiche dell’autore, ma anche gli atteggiamenti politico-sociali. Un documento straordinario che ci restituisce nella sua interezza e profondità il pensiero di uno dei più grandi scienziati del nostro tempo. Albert Einsteinnacque a Ulm, in Germania, nel 1879. Fu direttore dell’Istituto Kaiser Wilhelm di Berlino fino al 1933, anno in cui fu costretto dai nazisti a lasciare la Germania. Si trasferì negli Stati Uniti, dove insegnò nell’Università di Princeton. Nel 1916 enunciò la sua teoria della relatività generale che rivoluzionò i concetti di spazio e tempo. Nel 1921 ricevette il premio Nobel per le sue ricerche sull’effetto fotoelettrico. Morì a Princeton il 18 aprile 1955. Di Albert Einstein la Newton Compton ha pubblicato Come io vedo il mondo – La teoria della relatività, Pensieri, idee e opinioni, Il significato della relatività e Il mondo come io lo vedo.

(source: Bol.com)

I pensieri di Olivia

Sinonimo di stile, fascino e ora anche scanda-lo, le sorelle Balfour, ultime eredi dell’antica dinastia, adesso hanno una bella lezione da imparare…
Per sottrarla all’occhio invadente dell’opinione pubblica e consentirle di trovare se stessa, Olivia Balfour è stata mandata dal padre Oscar a migliaia di chilometri da casa, nella tenuta di Clint McAlpine, ricco e affascinante proprietario terriero australiano. Scuotere la fredda Olivia è un’impresa ardua per chiunque, ma il caldo sole e gli ardenti baci del suo nuovo datore di lavoro finiscono per sciogliere il ghiaccio che sembra attanagliarle il cuore. Clint, infatti, non si lascia intimidire dall’algida apparenza di Olivia, e farla capitolare passo dopo passo sarà per lui un gioco facile, ma dalle conseguenze imprevedibili anche per un uomo esperto e appagato come lui.
**
### Sinossi
Sinonimo di stile, fascino e ora anche scanda-lo, le sorelle Balfour, ultime eredi dell’antica dinastia, adesso hanno una bella lezione da imparare…
Per sottrarla all’occhio invadente dell’opinione pubblica e consentirle di trovare se stessa, Olivia Balfour è stata mandata dal padre Oscar a migliaia di chilometri da casa, nella tenuta di Clint McAlpine, ricco e affascinante proprietario terriero australiano. Scuotere la fredda Olivia è un’impresa ardua per chiunque, ma il caldo sole e gli ardenti baci del suo nuovo datore di lavoro finiscono per sciogliere il ghiaccio che sembra attanagliarle il cuore. Clint, infatti, non si lascia intimidire dall’algida apparenza di Olivia, e farla capitolare passo dopo passo sarà per lui un gioco facile, ma dalle conseguenze imprevedibili anche per un uomo esperto e appagato come lui.

Pensare l’Islam

‘IL CICLONE MICHEL ONFRAY CONTINUA A SCUOTERE IL MONDO DELLA CULTURA FRANCESE’. **LA REPUBBLICA**
‘MICHEL ONFRAY, SPIRITO LIBERO E LIBERTARIO, UNO DEI MAGGIORI FILOSOFI CONTEMPORANEI FRANCESI, È AL CENTRO DI UNA POLEMICA A 360 GRADI, NEL MIRINO (COME SEMPRE) ANCHE DELLA SINISTRA “UFFICIALE”‘. **LA STAMPA**
Dopo i fatti di Charlie Hebdo, una nuova e più sanguinosa strage jihadista fa vacillare i valori fondamentali della Repubblica francese rischiando di innescare una deriva autoritaria in tutta l’Europa; questo mentre la coalizione contro l’ISIS si allarga pericolosamente facendo emergere complicità per troppo tempo ignorate e acuendo le tensioni tra gli Stati coinvolti nella crisi siriana.
Nel Corano si predica la pace o al contrario si inneggia alla guerra? Ha senso ritenere che l’Islam, in quanto tale, sia incompatibile con la cosiddetta civiltà occidentale? Ciò a cui stiamo assistendo non è forse il prodotto di un conflitto planetario scatenato più di un decennio fa in nome del profitto, un conflitto che ha armato la mano di coloro che oggi minacciano la nostra incolumità e che quasi ogni giorno seminano terrore e morte in tutto il mondo arabo? Michel Onfray, partigiano del libero pensiero che non ammette compromessi, cerca di rispondere a queste domande cruciali affidandosi alle armi della critica e all’analisi delle fonti, in un libro ‘vietato’ in Francia, dove il dibattito pubblico si sta progressivamente omologando alla narrazione imposta dalle autorità e alle semplificazioni dei media. Per questo, il libro che qui presentiamo costituisce la prima edizione mondiale. Mantenere la lucidità, avere il coraggio di analizzare i fatti per quello che sono, senza infingimenti e ipocrisie, permette di tracciare una via di uscita da una catastrofe annunciata che nessuno sembra avere intenzione di scongiurare. Pensare l’Islam vuole contribuire al risveglio della razionalità in un mondo sempre più assediato dai demoni della follia, prima che sia troppo tardi.
(source: Bol.com)

Pensare come un antropologo

Pensare come un antropologo by Matthew Engelke
Intrecciando esempi e teorie provenienti da tutto il mondo, Matthew Engelke ci presenta dell’antropologia un quadro vivace, sempre accessibile, talvolta irriverente, che attraversa una vasta gamma di approcci e temi, classici e contemporanei, e chiama in causa il contributo dei suoi protagonisti. Presentando una serie di casi esemplari, il volume invita il lettore a riflettere su alcuni concetti chiave attraverso i quali l’antropologo si propone di decifrare il mondo: da cultura, civiltà e natura ad autorità, sangue e identità. Lungo il percorso, si chiarisce il ruolo centrale ricoperto da questa disciplina: un sapere di frontiera che ci aiuta a penetrare culture lontane e punti di vista diversi, svelando contemporaneamente qualcosa di noi stessi e del nostro modo di vivere.

Pensare altrimenti: Filosofia del dissenso

Da sempre, sia pure in forme diverse, gli uomini si ribellano. Difficilmente le rivolte si lasciano ricondurre a un paradigma unitario, ma presentano come orizzonte comune la rivendicata antitesi rispetto a un ordine costituito o a un «comune sentire» che si pretende giusto. La cellula genetica del dissenso corrisponde a un sentire altrimenti che è, già virtualmente, un sentire contro: e che, per ciò stesso, può trapassare nelle figure concrete in cui il dissentire si cristallizza facendosi operativo. Il pensiero ribelle deve costituire oggi il gesto primario contro l’uniformazione globale delle coscienze che si sta registrando nell’orizzonte del nuovo pensiero unico e del falso pluralismo della civiltà occidentale. Diego Fusaro si propone qui di analizzare le figure del pensare altrimenti, le declinazioni storiche del dissenso e la sua fenomenologia.

Pensa e arricchisci te stesso. Manuale per il successo

L’edizione più completa che sia mai stata pubblicata di “Pensa e arricchisci te stesso”. Un manuale per il successo fondamentale per mettere in pratica i 13 princìpi del successo con: il testo originale del 1937 del classico di Hill, le istruzioni e una checklist per il Viaggio in 90 Giorni di “Pensa e arricchisci te stesso”, le istruzioni su come formare un efficiente Gruppo di Master Mind, frasi da memorizzare, citazioni sul successo da personaggi che si sono realizzati nella storia, “Domande per il successo” alla fine di ogni capitolo, “Appunti sul successo” per annotare tutti gli spunti e le idee interessanti, ulteriori brani da autori famosi come James Allen, Wallace Wattles, Raymond Charles Barker e altri, un contratto speciale di “Dichiarazione del desiderio” che viene firmato dai lettori e molto altro.

Pellegrino sul mare

Benché il successo di *Barabba* e il Premio Nobel nei 1951 l’avessero fatto conoscere al grande pubblico anche italiano, Pär Lagerkvist è stato in seguito quasi dimenticato; lasciato in disparte dai flussi delle mode. Ma la scarna semplicità della sua lingua, la linearità delle narrazioni, la capacità di costruire sto­rie che, come *Misteri* medievali, hanno per soggetto le avventure dell’anima e per teatro lo spazio fra la terra e il cielo, pongono Lagerkvist nel numero dei «classici» per i quali giunge, prima o poi, il momento della rilettura. Due storie si intrecciano in *Pellegrino sul mare*: quella di Tobias, che parte per la Terra Santa imbarcandosi su una nave pirata, e quella di Giovanni, il vecchio marinaio che da anni percorre il mare perseguitato dal doloroso ricordo di una pas­sione impossibile. Ma esiste la Terra Santa? Esiste una pace, una fede che giustifichi la nostra vita? Esi­ste l’amore perfetto? Sullo sfondo della violenza e della brutalità della vita di bordo e dell’inquieta e indifferente presenza del mare, nessuna risposta è possibile. È l’assenza la condizione umana, la sepa­razione, la mancanza, come testimonia il medaglione vuoto che i personaggi di Lagerkvist si passano da un romanzo all’altro. I suoi ebrei erranti, le sue sibille, i vagabondi ricercatori di Dio e della verità, portano sempre dentro di sé quella nostalgia per una patria mai avuta e quella tensione verso un’improbabile terra promessa che sono nel fondo di tutti.

La pelle di zigrino

È meglio subire una società ispirata ai valori dell’egoismo oppure esistere in solitudine, in rapporto diretto con l’energia cosmica e la morte? È meglio sopravvivere senza passioni, senza pensieri, senza piaceri, o vivere intensamente, esaurendo il proprio capitale energetico? La tragica storia di Raphaël, la sua lenta agonia, non dà risposte. La pelle di zigrino è un libro nero, amaro, disperante. Nel percorso creativo di Balzac è un nodo fondamentale – contiene anche riferimenti autobiografici espliciti – che investe sia la condotta narrativa sia quella esistenziale.
**
### Sinossi
È meglio subire una società ispirata ai valori dell’egoismo oppure esistere in solitudine, in rapporto diretto con l’energia cosmica e la morte? È meglio sopravvivere senza passioni, senza pensieri, senza piaceri, o vivere intensamente, esaurendo il proprio capitale energetico? La tragica storia di Raphaël, la sua lenta agonia, non dà risposte. La pelle di zigrino è un libro nero, amaro, disperante. Nel percorso creativo di Balzac è un nodo fondamentale – contiene anche riferimenti autobiografici espliciti – che investe sia la condotta narrativa sia quella esistenziale.