61137–61152 di 62912 risultati

Il morto che ritorna

Tony Parker fa il contabile, tutto il giorno maneggia denaro. Non suo, naturalmente. Decide di fare il colpo grosso, rubare duecento milioni e poi sparire. Ma non tutto va come previsto e alla fine ci sarà un vero duello tra Diabolik e Ginko.

Il mondo secondo la fisica quantistica

Questo libro è un’avventura esclusiva e affascinante. Un viaggio, anche nel tempo, alla scoperta di qualcosa di nuovo e di straordinario: la Fisica Quantistica, nelle sue logiche, nelle sue potenzialità, nelle sue applicazioni e nei suoi possibili sviluppi. All’interno del volume vengono ricostruiti passo dopo passo i momenti fondamentali del pensiero quantistico, le questioni su cui si sono interrogati i più grandi scienziati degli ultimi decenni, e i diversi contesti nei quali si sono evoluti i principali modelli della Meccanica Quantistica. Sullo sfondo delle ricerche più attuali – come per esempio quella sulle onde gravitazionali che ha portato al Nobel per la Fisica 2017 -, vengono indagati anche i rapporti esistenti fra Fisica Quantistica, Relatività Einsteiniana e Teoria delle Stringhe. Inoltre, fra i tanti temi trattati nelle sue pagine, trovano spazio persino le incredibili ricadute che gli studi sulla Fisica Quantistica stanno avendo negli ambiti della medicina e delle ricerche sul cervello e sulla coscienza. Esauriente, intrigante, autorevole, Il mondo secondo la Fisica Quantistica – caso unico ed eccezionale – è basato sul confronto diretto con gli scienziati che si occupano degli studi più avanzati e che sono i protagonisti delle ricerche più recenti. Al contempo, grazie alla competenza e alla capacità divulgativa dell’autore, queste pagine affascinano con esempi chiari e illuminanti legati alla vita di tutti i giorni, sorprendono per la completezza dei concetti, svelano il presente e il futuro di una visione rivoluzionaria del mondo

(source: Bol.com)

Il mondo perfetto

A seguito di un incidente Dylan Dog perde la memoria. Ora è Rupert Donegal, fratello della piccola Joy e fidanzato di Loren. Nonostante viva in un mondo perfetto creato per lui, a Dylan pian piano la memoria ritorna tramutando la perfezione creata dalla bambina in un incubo

Il mondo infestato dai demoni. La scienza e il nuovo oscurantismo

Per Sagan in una società impregnata di tecnologia come la nostra, ma sempre più assediata da nuovi profeti, impeti di irrazionalità e falsa ricerca del meraviglioso (basti pensare alla New Age e alle sue esagerazioni, ai guaritori e agli astrologi, consulenti di fiducia persino di importanti capi di Stato, agli “psicochirurghi”, all’ufologia e alla mitologia degli alieni, alle truffe della parapsicologia, alla disonestà di giornali e programmi televisivi che sfruttano la credulità di persone impreparate), allontanrsi dalla scienza o permettere che venga demonizzata, significa in realtà consegnarci ai veri demoni: l’irrazionalità, la superstizione, il pregiudizio ed entrare in un’epoca di nuovo oscurantismo.
**

Il mondo in un dollaro

Che cosa succede davvero quando spendiamo il nostro denaro? Quali sono le conseguenze di gesti quotidiani come un pieno di carburante, o l’acquisto di un vestito in qualche negozio di fast fashion? ‘Dietro ogni scambio economico c’è una storia’, scrive un’esperta in materia come Dharshini David, giornalista inglese e anchorwoman finanziaria della bbc. Ogni moneta che spendiamo racconta qualcosa, e nessuna ha tanto da raccontare come il biglietto verde da un dollaro. Perché il dollaro è molto più che un simbolo dell’America. È il linguaggio finanziario del nostro mondo: un sistema sempre più interconnesso, fatto di inimmaginabili ricchezze e disuguaglianze gigantesche, dove una parola detta da un banchiere a Washington può spingere un ragazzo africano ad attraversare il Sahara, e le nostre scelte di ogni giorno possono cambiare, a migliaia di chilometri di distanza, la vita di qualcuno che non conosceremo mai. Il mondo in un dollaro illumina i meccanismi dell’economia globale portandoci in viaggio a bordo di una banconota: a partire dall’acquisto di una radio in un Walmart texano – per l’irrisoria cifra di un dollaro, appunto – seguiamo passo dopo passo una reazione a catena che ci conduce prima in Cina, alla manifattura a basso costo dove la radio è stata prodotta, e poi in Nigeria, dove la banca centrale cinese sta finanziando la costruzione di enormi infrastrutture; di lì, cavalcando i flussi economici che governano il mercato e connettono i continenti, proseguiamo tra risaie indiane, pozzi petroliferi iracheni e fabbriche di armi in Russia, raggiungiamo la Germania attraverso un gasdotto, per tornare infine in America passando per il cuore finanziario del pianeta, la City di Londra minacciata dalle incertezze di Brexit. Con uno stile diretto e comunicativo, Dharshini David scioglie una a una queste intricate relazioni e rende comprensibili a tutti anche le dinamiche più complesse. A disegnarsi in queste pagine è così una grande mappa dell’epoca sfuggente in cui viviamo. Uno strumento chiaro e necessario: perché più il mondo diventa complicato, più abbiamo bisogno di capire davvero come funziona – e non importa che nelle nostre tasche ci siano dollari, euro, yen, rubli o sterline. O forse, invece, sì. ‘Questo libro è la prova che l’economia può essere accessibile e affascinante.’ – Joel Hills, ITV News ‘Un’opera brillante e significativa.’ – Ian King, The Times ‘Illuminante.’ – The Bookseller

(source: Bol.com)

Il mondo fino a ieri. Che cosa possiamo imparare dalle società tradizionali?

Dai viaggi in aereo ai telefoni cellulari, dall’alfabetizzazione all’obesità, la maggior parte di noi dà per scontate alcune caratteristiche della modernità, ma per la quasi interezza dei suoi sei milioni di anni di vita la società umana non ha conosciuto nulla di tutto ciò. E se il baratro che ci divide dai nostri antenati primitivi può apparirci incolmabile, osservando le società tradizionali ancora esistenti, o esistenti fino a poco tempo fa, possiamo farci un’idea di com’era il nostro antico stile di vita. Società come quella degli abitanti degli altipiani guineani ci ricordano che, in termini evoluzionistici, le cose sono cambiate soltanto di recente, e questo libro ci offre un affascinante ritratto di prima mano di ciò che per decine di migliaia di anni è stata la vita dell’umanità, soffermandosi sul significato che le differenze fra quel passato ormai quasi scomparso e il nostro presente hanno per l’uomo di oggi. “Il mondo fino a ieri” è il libro più personale scritto da Jared Diamond, che attinge a piene mani a decenni di lavoro sul campo nelle isole del Pacifico e da testimonianze sugli inuit, gli indios dell’Amazzonia, i san del Kalahari e molti altri popoli. Diamond non idealizza romanticamente le società tradizionali: alcune fra le loro pratiche restano per noi inaccettabili, ma è importante riconoscere dove e quando le loro esperienze hanno fruttato dei passi avanti nella società e nel comportamento umani.
**

Il Mondo Fino a Ieri

Dai viaggi in aereo ai telefoni cellulari, dall’alfabetizzazione all’obesità, la maggior parte di noi dà per scontate alcune caratteristiche della modernità, ma per la quasi interezza dei suoi sei milioni di anni di vita la società umana non ha conosciuto nulla di tutto ciò. E se il baratro che ci divide dai nostri antenati primitivi può apparirci incolmabile, osservando le società tradizionali ancora esistenti, o esistenti fino a poco tempo fa, possiamo farci un’idea di com’era il nostro antico stile di vita. Società come quella degli abitanti degli altipiani guineani ci ricordano che, in termini evoluzionistici, le cose sono cambiate soltanto di recente, e questo libro ci offre un affascinante ritratto di prima mano di ciò che per decine di migliaia di anni è stata la vita dell’umanità, soffermandosi sul significato che le differenze fra quel passato ormai quasi scomparso e il nostro presente hanno per l’uomo di oggi.
*Il mondo fino a ieri* è il libro piú personale scritto da Jared Diamond, che attinge a piene mani a decenni di lavoro sul campo nelle isole del Pacifico e da testimonianze sugli inuit, gli indios dell’Amazzonia, i san del Kalahari e molti altri popoli. Diamond non idealizza romanticamente le società tradizionali: alcune fra le loro pratiche restano per noi inaccettabili, ma è importante riconoscere dove e quando le loro esperienze hanno fruttato dei passi avanti nella società e nel comportamento umani. Egli ci indica quindi motivi di ammirazione e lezioni degne di essere imparate, a partire dall’approccio tradizionale a questioni universali come il trattamento degli anziani, l’allevamento dei figli, la risoluzione delle controversie, la valutazione del rischio e la salvaguardia del benessere fisico e della salute.
* * *
«Le società tradizionali rappresentano migliaia di esperimenti millenari nel campo dell’organizzazione umana, esperimenti che non possiamo ripetere riprogettando di sana pianta intere società, per poi osservarne i risultati dopo decenni; se vogliamo imparare qualcosa, dobbiamo farlo là dove gli esperimenti sono già stati compiuti. Quando scopriamo che cosa significa vivere in modo tradizionale scopriamo anche aspetti di cui siamo felici di esserci liberati, e questo ci aiuta ad apprezzare meglio le società moderne; di fronte ad altri aspetti proviamo invece un senso di invidia e di perdita tout court, o magari ci chiediamo se non sarebbe il caso di riadattarli e riadottarli anche noi in maniera selettiva. Di sicuro invidiamo per esempio l’assenza di malattie non contagiose legate allo stile di vita occidentale, mentre possiamo desiderare di reintegrare solo alcuni aspetti dei metodi di risoluzione pacifica dei conflitti, di educazione dei figli, di trattamento degli anziani, di vigilanza nei confronti dei pericoli e del multilinguismo.
Con questo libro mi auguro quindi di riuscire almeno a comunicare ai miei lettori il fascino che provo davanti alle tante e variegate forme di organizzazione della vita escogitate da altri popoli del mondo. Al di là di questo fascino, ciascuno sarà libero di provare a capire se qualcosa di ciò che cosí bene funziona per loro non potrebbe forse funzionare altrettanto bene per lui e per noi tutti come società».

Il mondo ellenico

Uno dei grandi storici del nostro tempo, Arnold J. Toynbee, ci ha dato con questo libro, maturato a lungo (il primo disegno risale al 1914), un’opera affascinante per ampiezza di visione storica ed eleganza di stile, che fa tesoro di tutti gli studi condotti dall’autore sul mondo ellenico.
Toynbee sottolinea l’essenza sociale e culturale della civiltà che, prima nel mondo antico, ha posto l’uomo a misura di tutte le cose, e ne traccia l’evoluzione, muovendo il suo racconto dalla fine dell’età minoico-micenea per affrontare i capitoli della concorrenza fenicia ed etrusca, l’aggressione persiana dall’Est, il fallimento dell’intesa Sparta-Atene, l’ellenizzazione della Macedonia, l’emancipazione dell’individuo dalla città-stato, e infine la pace di Augusto e la decadenza. In queste pagine, la parabola del mondo ellenico ci viene offerta nelle sue esperienze più vive ed attuali, nella sua perenne incidenza sul divenire della civiltà moderna.

Il mondo è giovane ancora

«In quest’epoca di disorientamento, abbiamo due certezze inconfutabili. La prima è che il mondo in cui oggi viviamo non è il migliore dei mondi possibili, ma è di sicuro il migliore dei mondi esistiti fino a oggi. La seconda è che l’opera creatrice dell’uomo è solo all’inizio del suo cammino e, per la prima volta nella storia dell’umanità, sta a noi proseguirla o interromperla per sempre.» È un viaggio quello che Domenico De Masi intraprende in queste pagine. Un percorso segnato da dieci svolte decisive, dieci diadi terminologiche e concettuali che puntano a individuare una meta e tracciare una rotta, capaci di trasformare la nostra timorosa navigazione a vista in progetto consapevole verso una ragionevole felicità. Punto di partenza è la certificazione sociologica del senso di smarrimento che caratterizza la nostra società, la prima in assoluto nata senza un preventivo modello di riferimento, sorta quasi per germinazione spontanea da quella che l’ha preceduta. Temi centrali per tutti quali la Longevità, il Lavoro, l’Impegno; concetti di natura sociologica come quelli di Classe e Genere, o più propri della psicologia come Paura e Felicità: un vocabolario indispensabile per orientarsi anche politicamente nel mondo che è già qui e che verrà, quel «mondo giovane ancora», per dirla con Giambattista Vico, che mai come oggi necessita di essere compreso, tradotto, e necessariamente riscritto. A oltre vent’anni da L’ozio creativo, De Masi, come allora in conversazione con Maria Serena Palieri, offre un’accurata e convincente istantanea del tempo che stiamo vivendo, un’inquadratura realistica e carica di speranza che descrive chi siamo e come saremo.
**
### Sinossi
«In quest’epoca di disorientamento, abbiamo due certezze inconfutabili. La prima è che il mondo in cui oggi viviamo non è il migliore dei mondi possibili, ma è di sicuro il migliore dei mondi esistiti fino a oggi. La seconda è che l’opera creatrice dell’uomo è solo all’inizio del suo cammino e, per la prima volta nella storia dell’umanità, sta a noi proseguirla o interromperla per sempre.» È un viaggio quello che Domenico De Masi intraprende in queste pagine. Un percorso segnato da dieci svolte decisive, dieci diadi terminologiche e concettuali che puntano a individuare una meta e tracciare una rotta, capaci di trasformare la nostra timorosa navigazione a vista in progetto consapevole verso una ragionevole felicità. Punto di partenza è la certificazione sociologica del senso di smarrimento che caratterizza la nostra società, la prima in assoluto nata senza un preventivo modello di riferimento, sorta quasi per germinazione spontanea da quella che l’ha preceduta. Temi centrali per tutti quali la Longevità, il Lavoro, l’Impegno; concetti di natura sociologica come quelli di Classe e Genere, o più propri della psicologia come Paura e Felicità: un vocabolario indispensabile per orientarsi anche politicamente nel mondo che è già qui e che verrà, quel «mondo giovane ancora», per dirla con Giambattista Vico, che mai come oggi necessita di essere compreso, tradotto, e necessariamente riscritto. A oltre vent’anni da L’ozio creativo, De Masi, come allora in conversazione con Maria Serena Palieri, offre un’accurata e convincente istantanea del tempo che stiamo vivendo, un’inquadratura realistica e carica di speranza che descrive chi siamo e come saremo.

Il mondo di Odisseo

“Omero – sostiene Finley – non era soltanto un poeta; era un narratore di miti e leggende […]. Il tema essenziale del mito era l’azione, non le idee, i credi, o le rappresentazioni simboliche, ma gli avvenimenti, i casi, le guerre, le inondazioni, le avventure in terra, in mare, per aria, le liti di famiglia, le nascite, i matrimoni e le morti. Qual è dunque il mondo di Odisseo?”. Con “// mondo di Odisseo”, Moses Finley ha inaugurato una nuova metodologia per lo studio dei poemi omerici. Utilizzandoli come vera e propria fonte storica e mettendoli a confronto sia con l’evidenza archeologica sia con gli allora recenti studi antropologici sui popoli “primitivi”, per primo, ha aperto una breccia in un campo fino ad allora considerato appannaggio di filologi e archeologi tout court. Se, infatti, al giorno d’oggi si possono fare rientrare gli studi antropologici tra le scienze storiche e archeologiche (basti pensare ai corsi universitari di antropologia storica del mondo antico), ciò lo si deve ad un coraggioso pioniere come Moses Finley che più di ogni altro ha saputo porre su nuove basi la quaestio homerica che prima di lui aveva appassionato eminenti studiosi, intellettuali e cultori della Grecia arcaica. Per questi motivi, “Il mondo di Odisseo” può essere considerato a buon diritto un testo fondamentale tanto per gli specialisti quanto per gli studiosi amanti dell’antichità.
**

Il mondo di ieri

“Non narrerò tanto il destino di me solo, quanto quello di tutta una generazione, della nostra inconfondibile generazione, la quale forse più di ogni altra nel corso della storia é stata gravata di eventi.” * Il mondo di ieri * é il ritratto incantato di un’epoca definitivamente scomparsa, l’epopea di quella “Felix Austria” che tanto condizionò l’intera cultura europea, un mondo nel quale “ognuno sapeva quanto possedeva e quanto gli era dovuto, quel che era permesso e quel che era proibito: in cui tutto aveva una sua norma, un peso e una misura precisi”. E al centro di tutto sta la Vienna imperiale, simbolo di un’epoca indimenticabile che Zweig descrive in tutto il suo splendore e in tutte le sue contraddizioni. Pubblicato postumo, * Il mondo di ieri * é segnato dalla consapevolezza della definitiva scomparsa degli antichi valori e dalla rassegnazione di fronte all’irreversibilità degli eventi, un’atmosfera autunnale che imprime all’intera opera il severo suggello della modernità.
**

Il mondo del drago

Protagonista del libro è ancora una volta Menolly, la giovane Arpista che cerca un proprio ruolo nella complessa e multiforme civiltà dei Dragonieri di Pern, destreggiandosi tra le coloriture di un sistema sociale di un’originalità quale non si è mai riscontrata in alcun altro volume di fantascienza.

Il mondo degli showboat

Jack Vance ci riporta sull’immenso Pianeta Gigante, nella regione del grande fiume Vissel dove prospera l’arte degli showboat: grandi navi che danno spettacolo alle genti feroci e bizzarre della Lunula XXIII. Apollon Zamp e Garth Ashgale sono i più famosi capitani di tutto il Vissel: perciò, quando dalla lontana Mornune arriva la notizia che re Waldemar ha bandito una gara per il miglior spettacolo e il migliore showboat, la lotta tra i due si accende senza quartiere. Ma un giorno a bordo della Miraldra Incantata, il vascello di Zamp, si presenta una bellissima ragazza decisa ad andare a tutti i costi a Mornune. Il suo nome è Damigella Blanche-Aster, e dal suo arrivo le avventure sembrano non avere più fine…

Il monastero delle nebbie

1. Burgos. Castiglia del nord. Il corpo straziato di una monaca viene trovato nel chiostro del monastero di Las Huelgas. Del delitto è accusata Fleur d’Annecy, una ragazza dall’oscuro passato, rifugiatasi lì con il figlio Ruggero. Il francescano Bonaventura da Iseo, noto alchimista, è chiamato dalla badessa a fare luce sull’accaduto. Se Fleur sostiene che l’assassino è un uomo misterioso, avvolto in un mantello rosso fuoco, Magnus, il terribile monaco inquisitore, è di tutt’altro avviso: è la ragazza, che ha evocato un demone nel monastero, la colpevole. Bonaventura inizia la sua lotta contro il tempo per salvare dal rogo Fleur e mettere al sicuro il figlio, mentre le mura di Las Huelgas cominciano a tingersi del sangue di chi conosce i suoi mille segreti… Riuscirà l’alchimista a scoprire chi si cela dietro la mano dell’assassino, prima che la vendetta dell’inquisitore si abbatta anche su di lui?
**

Il momento della verità

«Steve Berry è il re della suspense.
I suoi romanzi non si leggono, si vivono.»
**James Rollins**
**Memphis, 4 aprile 1968. **Martin Luther King è stato assassinato e l’America è una polveriera pronta a esplodere. Per sedare i tumulti e ripristinare l’ordine, è necessario trovare il colpevole al più presto. E così l’indiziato principale, James Earl Ray, viene condannato dopo un processo lampo. Ray griderà al mondo la propria innocenza fino al suo ultimo giorno di vita.
**Florida, 2000.** Cotton Malone non gode di una buona fama. È un ottimo avvocato della Marina, ma è cocciuto e imprevedibile, un cane sciolto. Proprio quando la sua carriera sta per naufragare per l’ennesimo colpo di testa, una donna gli offre una via d’uscita. Si chiama Stephanie Nelle e ha bisogno di un volto nuovo per una missione estremamente delicata: recuperare la Double Eagle, una moneta d’oro rubata alla zecca di Stato nel 1944 e che si ritiene sia nascosta in una nave affondata al largo di Key West. Per Malone, è un’occasione da cogliere al volo. Ben presto, però, si rende conto che in quel relitto si celano segreti ben più preziosi dell’oro…
**Memphis, oggi. **Cotton Malone ha aspettato e sperato. Ma le sue peggiori paure si sono ormai avverate. Durante la sua prima missione, Malone ha fatto una scelta che lo ha perseguitato per i successivi diciotto anni. E adesso è arrivato il momento di pagare il conto, è arrivato il momento della verità…
Dai bar del Messico alle acque limpide delle Dry Tortugas, dalle strade impolverate di Memphis ai corridoi immacolati di Washington, Cotton Malone rischierà il tutto per tutto per scongiurare una guerra civile…****

**
### Sinossi
«Steve Berry è il re della suspense.
I suoi romanzi non si leggono, si vivono.»
**James Rollins**
**Memphis, 4 aprile 1968. **Martin Luther King è stato assassinato e l’America è una polveriera pronta a esplodere. Per sedare i tumulti e ripristinare l’ordine, è necessario trovare il colpevole al più presto. E così l’indiziato principale, James Earl Ray, viene condannato dopo un processo lampo. Ray griderà al mondo la propria innocenza fino al suo ultimo giorno di vita.
**Florida, 2000.** Cotton Malone non gode di una buona fama. È un ottimo avvocato della Marina, ma è cocciuto e imprevedibile, un cane sciolto. Proprio quando la sua carriera sta per naufragare per l’ennesimo colpo di testa, una donna gli offre una via d’uscita. Si chiama Stephanie Nelle e ha bisogno di un volto nuovo per una missione estremamente delicata: recuperare la Double Eagle, una moneta d’oro rubata alla zecca di Stato nel 1944 e che si ritiene sia nascosta in una nave affondata al largo di Key West. Per Malone, è un’occasione da cogliere al volo. Ben presto, però, si rende conto che in quel relitto si celano segreti ben più preziosi dell’oro…
**Memphis, oggi. **Cotton Malone ha aspettato e sperato. Ma le sue peggiori paure si sono ormai avverate. Durante la sua prima missione, Malone ha fatto una scelta che lo ha perseguitato per i successivi diciotto anni. E adesso è arrivato il momento di pagare il conto, è arrivato il momento della verità…
Dai bar del Messico alle acque limpide delle Dry Tortugas, dalle strade impolverate di Memphis ai corridoi immacolati di Washington, Cotton Malone rischierà il tutto per tutto per scongiurare una guerra civile…****