61121–61136 di 65579 risultati

Storia di un ragazzino elementale

 L’avvincente percorso di una creatura degli elementi, la sua fuga dalla strega, la sua ricerca di ciò che lo renderà potente, la sua missione.

Storia Di Un Pitbull Pantofolaio

Ciao,il mio nome è Bulla e sono un Pitbull Black Nose. Questo racconto è la storia della mia (giovane) vita, assolutamente veritiera e narrata con un pizzico di ironia ed autocritica. All’interno troverete macabri racconti sulla morte del mio amato pollo di gomma, smembramenti di peluche, bottiglie di plastica salvate dalla spazzatura e tanto altro…
Venite a scoprire come sono diventata una pantofolaia!
**
### Sinossi
Ciao,il mio nome è Bulla e sono un Pitbull Black Nose. Questo racconto è la storia della mia (giovane) vita, assolutamente veritiera e narrata con un pizzico di ironia ed autocritica. All’interno troverete macabri racconti sulla morte del mio amato pollo di gomma, smembramenti di peluche, bottiglie di plastica salvate dalla spazzatura e tanto altro…
Venite a scoprire come sono diventata una pantofolaia!

Storia Di Milo, Il Gatto Che Non Sapeva Saltare

**Milo **è un **gattino nero**, nato per strada in circostanze travagliate. La solitudine lo costringe a crescere in fretta, anche se appare tanto fragile e minuto. E con quel difetto, per di più, di camminare a zig-zag, tutto traballante. Ma lui non si sente diverso dagli altri e, in una notte di temporale, decide di provarci: di darsi lo slancio verso la grande avventura della vita. L’incontro con una ragazza – che forse aspettava proprio lui – gli rivelerà il significato della parola casa. Con affetto e pazienza, la mamma umana lo sosterrà nei suoi goffi tentativi di imparare a saltare. Intorno a loro, tanti nuovi amici: il **gabbiano Virgilio**, lo **scorpioncino G-Attila**, il **riccio Giulia**, l’**astice senza una chela**… Grazie a tutti loro, Milo scoprirà che si può trasformare la fragilità in forza e che non c’è molta differenza tra essere diverso e essere speciale.
**
### Sinossi
**Milo **è un **gattino nero**, nato per strada in circostanze travagliate. La solitudine lo costringe a crescere in fretta, anche se appare tanto fragile e minuto. E con quel difetto, per di più, di camminare a zig-zag, tutto traballante. Ma lui non si sente diverso dagli altri e, in una notte di temporale, decide di provarci: di darsi lo slancio verso la grande avventura della vita. L’incontro con una ragazza – che forse aspettava proprio lui – gli rivelerà il significato della parola casa. Con affetto e pazienza, la mamma umana lo sosterrà nei suoi goffi tentativi di imparare a saltare. Intorno a loro, tanti nuovi amici: il **gabbiano Virgilio**, lo **scorpioncino G-Attila**, il **riccio Giulia**, l’**astice senza una chela**… Grazie a tutti loro, Milo scoprirà che si può trasformare la fragilità in forza e che non c’è molta differenza tra essere diverso e essere speciale.

Storia di Mayta

Mayta è il nome del presunto eroe di un velleitario golpe trockijsta che Vargas Llosa immagina essersi svolto nel 1958 in America Latina. A metà del Novecento, in quei paesi, fra avventurieri e idealisti, la libertà stava sempre a un tiro di schioppo. E per conquistarla la via rivoluzionaria sembrava la migliore. In questa ricostruzione, Vargas Llosa ci fa ripercorrere la vita dei diversi personaggi attraverso le testimonianze dei loro conoscenti e il confronto, a posteriori, di questi racconti con la realtà.

Storia di Geshwa Olers. Il viaggio nel Masso Verde

Il regno di Grodestà è in pericolo. La Palude è sotto il malefico incantesimo dei Maghi. La salvezza è oltre il bosco, al di là del Masso Verde. Insieme a suo padre, Geshwa si mette in cammino. Incontrerà orchi e streghe, donne-serpente e uomini di argilla, gnomi, maghi e saltimbanchi. Avrà visioni, correrà pericoli indicibili, riceverà minacce e subirà maledizioni, farà scoperte a cui nessuno sembra disposto a credere. Capirà il valore dell’amicizia e il significato del dolore. Avventura e magia si incontrano nel primo capitolo di una saga interamente ispirata a leggende mediterranee.
**

Storia di Garabombo l’invisibile

Garabombo ha qualcosa in comune con Hector Chacón, il favoloso personaggio del primo romanzo: anch’egli è un comunero realmente esistito e dotato di un potere eccezionale. Ma la curiosa “malattia” di cui soffre Garabombo è davvero unica: egli diventa invisibile quando presenta dei reclami alle autorità. Protetto dall’invisibilità, Garabombo compie prodezze destinate a diventare leggendarie e le sue mosse, paradossalmente, vengono seguite ovunque “con spavento, con ammirazione, con raccapriccio”, finche il carcere gli insegna i limiti della sua eccezionalità. Non è solo la vita di Garabombo a cambiare quando egli impara a utilizzare il proprio potere diffondendo la notizia che chiunque si fosse ribellato allatifondismo sarebbe diventato, come lui, invisibile: la presa di coscienza di Garabombo dà inizio alla più grandiosa invasione di terre che il Perù abbia mai visto. E accanto a questa singolare storia altre si svolgono parallele, come quella del deforme Remigio, che subisce una metamorfosi non meno radicale dal momento che si scopre bellissimo.

Storia delle merende infami

Il titolo può far pensare a una parodia della celebre opera di Alessandro Manzoni Storia della Colonna Infame. Dal significato gradevole e familiare che aveva, la parola “merenda” ha assunto, con la diffusione dell’espressione “compagni di merende”, un’accezione sinistra. Ma il libro non è un pamphlet polemico contro qualche personaggio o contro uno o più processi sul Mostro di Firenze. Piuttosto un racconto dettagliato e documentato per tentare di ricostruire, con un approccio originale, una vicenda tra le più oscure e intricate della storia processuale italiana. Dopo Pacciani innocente del 1994, con Storia delle merende infami l’autore torna ad affrontare il tema del Mostro di Firenze, per gettare uno sguardo più in profondità nella pratica penale italiana del nostro tempo. Da un punto di vista storico, innanzitutto: leggendo il volume si scoprirà che, nonostante le dichiarazioni di legislatori, politici e studiosi, i processi penali del Belpaese si nutrono ancora di una linfa che nasce dalle radici cattoliche ed ecclesiastiche della Santa Inquisizione. I processi che dal 1968 si sono sviluppati intorno alla vicenda dei delitti del Mostro di Firenze rivelano una realtà giudiziaria contemporanea che utilizza con disinvoltura un armamentario antico. Una macchina difficile da rimodernare, perché costruita a suo tempo con i ‘pezzi’ forniti dal solo Stato che abbia mai funzionato, nell’epoca moderna, nella nostra Penisola: lo Stato della Chiesa. Così l’ipotesi delle sette sataniche nasconde la “banalità del male”; le condanne, che secondo l’autore sono altrettanti errori giudiziari, rappresentano un’applicazione del principio religioso del capro espiatorio. Uscito nel 2005, il libro viene ripubblicato in una nuova edizione aggiornata e ampliata dall’autore, con una nuova introduzione e un’appendice che danno conto degli ultimi sviluppi giudiziari e sociali della vicenda del Mostro di Firenze, portando ancora avanti la riflessione sulla necessità di una seria riforma della giustizia in Italia.

Storia della scuola in Italia

Una ricostruzione della storia della scuola (e dell’università) italiana: dalla legge Casati alla riforma Gentile, dalla Carta della Scuola fascista al dibattito nella Costituente, dalla stagione del centro-sinistra ai Decreti delegati, dalla scuola dell’autonomia alle speranze (e alle incognite) della “buona scuola”. Una riflessione sul cammino di una istituzione caratterizzata dalla prolungata assenza di un progetto riformatore che consideri, come è avvenuto solo in qualche tratto della vicenda politica nazionale, il diritto allo studio come un atto costituzionale che si compie ogni giorno, una costruzione della cittadinanza come cultura, una parte essenziale di una sfera pubblica comune. ‘Forse scuola, università e ricerca sono anche l’anima di appartenenza non solo mia, ma anche di quanti ho formato e, soprattutto, di quanti ho visto, ogni giorno, salvare la scuola come atto costituzionale colto e competente, fieri di farlo senza essere del tutto riconosciuti’.

(source: Bol.com)

Storia della rivoluzione russa

Composta tra il 1929 e il 1932, durante l’esilio di Trotsky, la Storia della rivoluzione russa è il resoconto di prima mano dei convulsi giorni del febbraio e dell’autunno 1917, quei giorni che, per usare l’ormai classica definizione di John Reed, ‘sconvolsero il mondo’ cambiandone per sempre il volto.

Trotsky è stato, assieme a Lenin, uno dei protagonisti assoluti di quegli eventi e ne offre in queste pagine una ricostruzione minuziosa, basata sulla propria esperienza diretta come su tantissime testimonianze di prima mano: racconti (Trotsky è uno dei primi a rivalutare l’uso delle fonti orali anticipando anche gli annalisti francesi), pubblicazioni periodiche, articoli, memoriali di burocrati, documenti amministrativi, testi di discorsi, trascrizioni di interviste a operai, contadini, soldati, tanto che la narrazione prende spesso il tono di una variopinta polifonia. Trotsky è dichiaratamente coinvolto nella materia che racconta, anzi intende la scrittura come una vera e propria continuazione dell’azione politica, ma questa sua adesione non gli impedisce di analizzare i fatti e le condizioni storiche in cui avvennero con sguardo acuto e lucido. Alla chiarezza del pensiero Trotsky unisce le sue doti comunicative e letterarie, utilizza le tecniche narrative popolari insieme a quelle più raffinate, mimando spesso con la penna i movimenti della macchina da presa.

Il risultato è un testo monumentale, che a cent’anni dai fatti narrati risulta ancora fondamentale per conoscerli e comprenderli, una lettura avvincente e stimolante.

(source: Bol.com)

Storia Della Pirateria

La storia dei pirati, dai Vichinghi del Nord Europa ai corsari inglesi, dai bucanieri ai predoni del nord America, una lunga carrellata di eventi e protagonisti che ci porta dalle coste africane all’arcipelago malese; una lettura avventurosa che si lancia all’inseguimento e alla scoperta di questi criminali ed esploratori dallo spirito libero. Un libro che racconta la nascita della pirateria, ne traccia le fasi di sviluppo e di declino, le sue forme e le sue alterne fortune; descrive i suoi suggestivi e crudeli protagonisti, racconta come le nazioni abbiano cercato ripetutamente di debellare questa piaga dei mari. Introduzione di Valerio Evangelisti.

Storia della mia vita: 2

Il secondo volume di un romanzo autobiografico, *Storia della mia vita* di Giacomo Casanova, che non è solo un giardino di delizie proibite, ma la franca e aperta confessione di un grande italiano del Settecento. La traduzione di Chiara e Roncoroni, condotta sull’edizione francese Brockhaus-Plon, è ampiamente annotata.
**

Storia della mia ansia

Un pomeriggio di tre anni fa, mentre stavo sul divano a leggere, un’idea mi ha trapassata come un raggio dall’astronave dei marziani. Vorrei raccontare così l’ispirazione di questo romanzo, ma penso fosse un’idea che avevo da tutta la vita. “Sappiamo già tutto di noi, fin da bambini, anche se facciamo finta di niente” dice Lea, la protagonista della storia.
Ho immaginato una donna che capisce di non doversi più vergognare del suo lato buio, l’ansia. Lea odia l’ansia perché sua madre ne era devastata, ma crescendo si rende conto di non poter sfuggire allo stesso destino: è preda di pensieri ossessivi su tutto quello che non va nella sua vita, che, a dire il vero, funzionerebbe abbastanza. Ha tre figli, un lavoro stimolante e Shlomo, il marito israeliano di cui è innamorata. Ma la loro relazione è conflittuale, infelice.
“Shlomo sostiene che innamorarci sia stata una disgrazia. Credo di soffrire più di lui per quest’amore disgraziato, ma Shlomo non parla delle sue sofferenze. Shlomo non parla di sentimenti, sesso, salute. La sua freddezza mi fa male in un punto preciso del corpo.” Perché certe persone si innamorano proprio di chi le fa soffrire? E fino a che punto il corpo può sopportare l’infelicità in amore?
Nella vita di Lea improvvisamente irrompono una malattia e nuovi incontri, che lei accoglie con curiosità, quasi con allegria: nessuno è più di buon umore di un ansioso, di un depresso o di uno scrittore, quando gli succede qualcosa di grosso.
*Daria Bignardi*

Storia della filosofia. Volume 3: Patristica e Scolastica

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo.
Storia della filosofia, la patristica e la scolastica, in questo volume:
Gregorio di Nissa
Massimo Il confessore
Boezio
Scoto Eriugena
Anselmo d’Aosta
Avicenna
Averroè
Alberto Magno
Tommaso d’Aquino
Bonaventura da Bagnoregio
Duns Scoto
Guglielmo di Ockham

Storia della filosofia. Volume 2: Dal cinismo al neoplatonismo

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo.
La storia della filosofia dal cinismo al neoplatonismo, in questo volume:
Diogene
Epicuro
Lucrezio
Zenone
Cleante
Crisippo
Seneca
Epitteto
Pirrone
Plotino
Porfirio
Proclo

Storia della filosofia. Volume 1: Dai presocratici ad Aristotele

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo.
La storia della filosofia dai presocratici ad Aristotele, ecco gli autori trattati:
Talete
Anassimandro
Anassimene
Eraclito
Pitagora
Parmenide
Empedocle
Anassagora
Democrito
Socrate
Platone
Aristotele