61041–61056 di 66541 risultati

Cercatemi domani, sarò morto

Una ricca signora di mezza età, mentre veglia il secondo marito, più morto che vivo, manda un legale di origine messicana, nel Sud-America, in cerca del primo marito che l’ha piantata, anni addietro, fuggendo con una messicana. Perché voglia ritrovarlo non è ben chiaro. Per aiutarlo, come dice? L’avvocato lo cerca. L’uomo pare davvero irreperibile. Ma la sua storia vien fuori subito: finito in carcere per loschi traffici, si è ammalato e poi è sparito. Morto? Evaso? I documenti ufficiali non dicono nulla. Penosamente, quasi facendosi strada a fatica nella sporcizia concreta e morale, l’avvocato svolge le sue indagini, ma ogniqualvolta sta per apprendere qualcosa, chi deve dirglielo muore malamente. Chi è che arriva sempre prima dell’investigatore? È il fuggitivo che cancella le proprie tracce?

Cercando te

Cercando te (Searching for Someday) by Jennifer Probst
**Cuori Solitari #1
**
Kate ha deciso di rinunciare per sempre all’amore, almeno per quanto riguarda lei personalmente. Ha un dono: è in grado di percepire se tra due persone si può stabilire una relazione sentimentale, un dono che si tramanda in famiglia da generazioni e che non sembra applicarsi a lei stessa. Per questo, Kate ha deciso almeno di sfruttarlo professionalmente e, insieme a due amiche, ha aperto a New York un’agenzia matrimoniale, Kinnection. Ma quando un uomo furibondo fa irruzione nel suo ufficio accusandola di essere una truffatrice, le cose assumono una piega del tutto imprevista: per dimostrare di aver ragione Slade la sfida a trovare un’anima gemella per lui. Irritata dall’atteggiamento, ma decisa ad accogliere la sfida, Kate si butta nella ricerca solo per scoprirsi perdutamente innamorata di questo giovane e avvenente avvocato che minaccia di trascinarla in tribunale.
**Jennifer Probst **è autrice della serie ***Cuori solitari***, di cui fanno parte:
**
*Cercando te***
***Trovando te***
***Sognando te***
***Aspettando te***
***Desiderando te***
***Volendo te***

Cento ore di paura

Alla facoltà di biologia, non insegnano gastronomia. E non è una materia in cui uno possa cavarsela improvvisando. Se ne accorge, a proprie spese, Alison Goodrich quando tenta di spacciarsi per cuoca finita, allo scopo d’intrufolarsi in una casa dove vuole svolgere certe sue indagini. Del resto, nell’ambiente in cui riesce a introdursi, sembra che tutti, più o meno, siano sotto mentite spoglie… i padroni di casa, gli Eckersall, hanno certamente qualcosa da nascondere, e così il loro giardiniere, e così la segretaria… e persino i vicini di casa. Alison è sull’orlo della disperazione: sua sorella, Sally, era a servizio in casa Eckersall, e di lì è scomparsa misteriosamente. I « padroni » affermano che è scappata con il boy friend, e la polizia si è accontentata di questa spiegazione. Ecco perché Alison si improvvisa investigatrice… ma anche questo è un mestiere che non ti insegnano a Biologia. Eppure, è proprio vero che il bisogno aguzza l’ingegno. E così, fra una cantonata e l’altra,Alison riuscirà a scoprire che fine ha fatto sua sorella Sally.

Cella 2455 braccio della morte

Il primo romanzo di Caryl Chessman, scritto clandestinamente dalla cella con l'aiuto del suo legale e la compiacenza di alcuni secondini, è un'opera cruda e sconvolgente, un vero classico riscoperto. La lunga ballata di un condannato a morte diventa lo spunto per una riflessione lucida sulla pena capitale e la sua follia. La storia di Chessman è un caso esemplare, ma quello che la rende straordinaria è la qualità dell'uomo, la sua forza morale e l'assoluta determinazione. Un esempio per altri detenuti in cerca di vera redenzione. Edward Bunker lo citò più volte come suo maestro e indicò nel loro incontro a San Quintino la vera ispirazione della sua futura carriera di scrittore. Ma chi era Caryl Chessman? Alla fine degli anni Quaranta un misterioso criminale gettò nello sgomento e nel terrore la città di Los Angeles; l'uomo agiva di notte, aggrediva le giovani coppie che si appartavano in auto nelle zone periferiche, rapinava i ragazzi e poi costringeva le ragazze a seguirlo. Spesso usava loro violenza. Il suo marchio di fabbrica era l'uso di un'uniforme della polizia e di una torcia con la quale, dopo avere raggiunto l'auto delle coppie, proiettava una forte luce rossa, rassicurante perché associata a quella delle forze dell'ordine. Da qui nacque la leggenda del "bandito della luce rossa", che commise una trentina di delitti prima che la polizia di Los Angeles riuscisse a catturarlo. O meglio, a catturare un giovane sbandato che sulla base di alcune incerte testimonianze la polizia assicurò essere il colpevole. Il suo nome era Caryl Chessman. Processato sotto gli occhi dell'intero Paese, venne condannato a morte e trasferito nello speciale braccio del carcere di San Quintino. Chessman riuscì a ottenere una lunga serie di rinvii dell'esecuzione, con ricorsi al governatore e alla Corte Suprema in cui dimostrava la propria innocenza. "Cella 2455" è il più importante dei quattro romanzi autobiografici che Chessman scrisse in carcere, nonostante il veto posto dall'autorità giudiziaria, un romanzo sulle spaventose e angosciose condizioni di un condannato a morte, il primo testo di genere. Un libro che, negli anni Sessanta, ebbe una diffusione mondiale e un notevole successo di critica e di pubblico (più di dieci edizioni in Italia, milioni di copie in tutto il pianeta). E divenne un'arma nelle mani degli "abolizionisti" della pena capitale, per dimostrare che, se anche fosse stato lui il "bandito della luce rossa", il Chessman di dieci anni dopo era "un altro uomo, al di là di ogni ragionevole dubbio".
Quando nel gennaio 1948 fu catturato dalla polizia di Los Angeles, Caryl Chessman era un ventisettenne spiantato che aveva trascorso metà della sua vita in carcere. La sua battaglia contro la sentenza capitale, durata dodici anni, suscitò una fortissima ondata emotiva e sensibilizzò l'opinione pubblica sul problema. Chessman proclamò fino all'ultimo la sua innocenza e disse di conoscere il nome del vero colpevole, che non avrebbe svelato per tutelare i suoi cari. Nel 2007 il nome potrebbe essere svelato.

Cavanna, l’uomo che inventò Coppi

Riconosceva i campioni dai fianchi, poi ne studiava il collo e il torace, infine ne ascoltava il cuore. Parlava in dialetto, odiava il bastone bianco, si toglieva il basco solo quando cominciava a massaggiare. Le sue mani erano come occhi: vedevano, anzi di più, prevedevano. Biagio Cavanna era Il mago di Novi, l’orbo di Novi, l’omon di Novi. Gareggiò con Girardengo, massaggiò Guerra, scoprì Coppi, lanciò Milano e Carrea, Gismondi e Filippi. E fondò una scuola di ciclismo che era un incrocio tra un collegio universitario e un monastero benedettino. Vita, morte e miracoli di Cavanna:testi di Candido Cannavò, Giuseppe Castelnovi, Carlo Delfino, Nazareno Fermi, Mario Fossati, Claudio Gregori, Rino Negri, Marco Pastonesi e Franco Rota, poesia di Francesca Grazzini, testimonianza di Ada Cavanna.

Cavalli selvaggi

Texas, 1949. Lacerato ogni legame che lo stringeva alla terra e alla famiglia, John Grady Cole sella il cavallo e insieme all’amico Rawlins si mette sull’antica pista che conduce alla frontiera e più in là al Messico, inseguendo un passato nobile e, forse, mai esistito. Attraverso la vastità di un territorio maestoso e senza tempo, i due cowboy, cui si aggiunge il tragico e selvaggio Blevins, intraprendono un viaggio mitico che li porterà fin nel cuore aspro e desolato dei monti messicani. Qui la vita sembra palpitare allo stesso ritmo dei cavalli bradi e gli occhi di Alejandra possono “in un batter di cuore sconvolgere il mondo”.

Cavalieri cosmici

GIOCO IMMORTALE di Poul Anderson. Ripetutamente i due eserciti si erano scontrati sul campo dell’onore. Certamente questa volta le cose sarebbero andate diversamente. Questa volta egli avrebbe scoperto il modo di avere la meglio sulla forza segreta che rendeva un Cavaliere in grado di rimanere senza aiuto, mentre un compagno dopo l’altro affrontava la sfida mortale da solo… IL CAVALIERE D’ACCIAIO INOSSIDABILE di J.T. Phillipent. Una lancia era un’arma perfetta per giostrare con i Cavalieri del luogo, ma quando si aveva a che fare con i Dragoni, una piccola stregoneria arrivava da molto lontano… DIPLOMATICO IN ASSETTO DI GUERRA di Keith Laumer. L’Impero sarebbe risorto nuovamente, seminando la ribellione tra le stelle, a meno che Retief non fosse risultato il migliore come nuovo Campione della Corona, e avesse vinto la più importante partita della sua vita… VIVERE E GOVERNARE di L. Sprague de Camp. Le cavallette avevano trasformato l’America in un luogo di meschini Signori sempre in lotta tra loro. Ma tutta l’umanità aveva bisogno – per sconfiggere questi padroni – di un poco di fortuna, e di un alleato assolutamente particolare… Draghi maldisposti, prodi guerrieri, belle damigelle in pericolo, maghi traditori e molti altri affascinanti personaggi, incontrerete ne i CAVALIERI COSMICI, un nuovo, avvincente volume della serie de I MAGICI MONDI DI ASIMOV.

Cause naturali

Un’inarrestabile emorragia e atroci dolori alle mani e alle gambe trasformano il normale travaglio di due partorienti in una fatale agonia mentre riducono una terza in fin di vita. Tutto ciò che sembra accomunare le tre donne è un preparato di erbe e la ginecologa che l’ha loro prescritto: Sarah Baldwin. Sarah è una dottoressa del Medical Center di Boston che ai tradizionali studi in medicina unisce una vasta conoscenza di terapie alternative. Al Medical Center c’è chi coltiva ben altre ambizioni, a cominciare dallo stesso risoluto presidente. Ignara delle lotte di potere e delle trame sotterranee che percorrono l’istituto in cui opera, Sarah continua a dedicarsi alla propria professione. Ma ora, il caso delle tre pazienti la trascina in un incubo.

Catturata Da Lui

*Che devo fare? E se non mi volesse? E se fosse stata solo l’avventura di una notte? E se fossi diventata solo un’altra tacca da aggiungere al suo letto?*
“Sai una cosa, Angelo? Vaffanculo. Pensavo avessimo qualcosa… non qualcosa di romantico, ma un’amicizia. Credevo davvero che fossi un bravo ragazzo, ma ora capisco che sei gentile solo finché non te le porti a letto.”
* * *
Sembrava che volesse assaporarmi tutta, e dannazione se ne avevo bisogno.
Lo volevo ovunque.
Raddrizzai la schiena mentre una scarica elettrica mi raggiungeva nel profondo.
Mi sentivo pulsare nelle mutandine, sempre più intensamente.
Volevo che mi prendesse, mi buttasse sul letto e mi divorasse…
Ma, allo stesso tempo, non volevo andare troppo veloce. Era la cosa più divertente di sempre.
Alla fine rinunciai a provare a restare in piedi e collassai all’indietro sul letto, dandogli un’occhiata intensa.
“Togliti la maglietta,” gli ordinai. “Forza, indosso solo il reggiseno, è per correttezza.”
* * *
Quando Faye, studentessa al secondo anno di cinematografia, viene assunta per produrre video per il canale YouTube della squadra di calcio, pensa che sarebbe stato un lavoro semplice.
*Quanto può essere difficile riprendere una giornata della vita di un mucchio di ragazzi sexy e muscolosi?*
Soprattutto perché ha da sempre una cotta per uno di loro, Kevin. Sarebbe stata l’occasione perfetta per passare più… tempo *intimo* insieme a lui.
Ben presto, però, realizza che il lavoro sarebbe stato più difficile del previsto. Inoltre, è bloccata con un altro ragazzo, Angelo, e avrebbe dovuto seguirlo per un mese intero.
**Nonostante Angelo sia sexy, divertente e molto gentile con lei, è anche famoso per la sua reputazione da playboy, dato che è andato a letto con più della metà delle ragazze del campus…**
Alla fine, Faye si accorge ad avere una cotta anche per lui… e il suo cuore si ritrova dilaniato tra Angelo e Kevin.
**Ma può fidarsi dei suoi sentimenti? E se fosse tutto falso?**
**E se lei fosse stata solo un’altra tacca da aggiungere al letto?**
* * *
ATTENZIONE: Questo eBook contiene tematiche e linguaggio adatti a un pubblico di soli maggiorenni.

Cattivi segni

Gli agenti speciali Mulder e Scully sono alle prese questa volta con misteriosi culti satanici. Una piccola e tranquilla cittadina di provincia, Comity, è sconvolta da una serie interminabile di morti di giovani adolescenti che frequentano tutti la Grover Cleveland Alexander High School. Strani eventi ai funerali di uno dei ragazzi, come la bara che prende fuoco improvvisamente, o la foto del defunto che schizza in mille pezzi, diffondono il panico tra la gente. Tutti gli abitanti della cittadina sono convinti che ci sia il diavolo tra loro, e che una maledizione satanica stia ricadendo sui più giovani. Anche tra gli agenti Mulder e Scully le cose non vanno troppo bene; il Detective White, funzionario della polizia locale, interviene nelle loro indagini e diffonde tra i due colleghi un clima di mutua diffidenza, sostenendo in modo convinto l’ipotesi dei culti satanici, più volte smentita da Scully, in mancanza di prove tangibili. Ma e davvero opera del diavolo? Neanche Mulder ci crede veramente. Per saperne di più si affiderà, infatti, a un’avida chiromante, Zirinka, che gli rivelerà particolari interessanti… Da questo libro il telefilm dal titolo “La congiunzione astrale” (stagione 3, episodio 13). Easton Royce è lo pseudonimo dello scrittore newyorkese Neal Shüsterman (1962), prolifico scrittore ma anche atleta. Gli unici suoi due titoli apparsi in Italia sono due novellizzazioni di episodi del telefilm “X-Files”: il presente e “Alta tensione” (Mondadori).

Cattedrale

New York: un gruppo di guerriglieri dell’Ira occupa la cattedrale di sanPatrizio e prende in ostaggio quattro personaggi di rilievo, minacciando diucciderli se i compagni rinchiusi nel carcere di Long Kesh non verrannorilasciati. Polizia, Fbi, servizi segreti inglesi si mobilitano per trovareuna soluzione incruenta, ma le ore scorrono inesorabilmente e si avvicinasempre più il termine fissato nell’ultimatum dei guerriglieri.

Catilina: Ritratto di un uomo in rivolta

Chi è stato davvero Catilina? Quali gli scopi della sua famosa congiura? In questo volume Massimo Fini ci offre una delle sue originali biografie, autentiche rivisitazioni critiche di personaggi troppo facilmente liquidati dalla storiografia tradizionale. La figura di Catilina che qui viene tratteggiata è ben lontana dal personaggio tramandatoci da Cicerone e Sallustio. Patrizio di nobilissima origine, bello e inquieto, Catilina si oppose alle corrotte oligarchie dominanti e abbracciò la causa della plebe. Guardava alla Roma delle origini, dove i valori erano l’onore, la dignità, il coraggio fisico e morale, la protezione dei deboli, un tempo in cui la classe dirigente non mascherava ancora dietro nobili parole la difesa dei propri privilegi. Più volte Catilina tentò la via legale del consolato: ne fu sempre respinto con brogli. Allora decise che ne aveva abbastanza e prese le armi. Impavido, affrontò lo scontro con forze enormemente superiori. E morì, pagando con la vita la fedeltà a se stesso.
**
### Sinossi
Chi è stato davvero Catilina? Quali gli scopi della sua famosa congiura? In questo volume Massimo Fini ci offre una delle sue originali biografie, autentiche rivisitazioni critiche di personaggi troppo facilmente liquidati dalla storiografia tradizionale. La figura di Catilina che qui viene tratteggiata è ben lontana dal personaggio tramandatoci da Cicerone e Sallustio. Patrizio di nobilissima origine, bello e inquieto, Catilina si oppose alle corrotte oligarchie dominanti e abbracciò la causa della plebe. Guardava alla Roma delle origini, dove i valori erano l’onore, la dignità, il coraggio fisico e morale, la protezione dei deboli, un tempo in cui la classe dirigente non mascherava ancora dietro nobili parole la difesa dei propri privilegi. Più volte Catilina tentò la via legale del consolato: ne fu sempre respinto con brogli. Allora decise che ne aveva abbastanza e prese le armi. Impavido, affrontò lo scontro con forze enormemente superiori. E morì, pagando con la vita la fedeltà a se stesso.

Catene

Basta così! Ferma, immobile. Tieni addosso le calze e la biancheria. – la voce autoritaria dell’uomo bloccò Sara nel preciso istante in cui stava iniziando a sfilare, con malizia,
le autoreggienti. Lei lo guardò interrogativa nel tentativo di anticipare cosa volesse da lei.

Catastrofe

Il 26 aprile 1986 un’esplosione nella centrale di Chernobyl causò il più grande disastro nucleare della storia, le cui conseguenze, ben lungi dall’essere accertate pienamente, possono, con il passare del tempo, causare più vittime di quante ne fece la seconda guerra mondiale. I dati per ora raccolti confermano che delle seicentomila persone coinvolte nelle operazioni di decontaminazione, buona parte ha riportato seri disturbi al sistema immunitario e che vaste zone di Russia, Bielorussia e Ucraina sono state rese inabitabili per migliaia di anni a venire. Spinto dalla volontà di far luce sull’intera, tragica vicenda, e avvalendosi anche di una nuova disponibilità dei testimoni e di un più libero accesso a documenti tenuti segreti fino al 1991, l’autore, Piers Paul Read, è rimasto diversi mesi nell’ex Unione Sovietica per radunare tutto il materiale necessario. Intervistando scienziati, esperti, sopravvissuti, Read ha potuto compilare questo resoconto agghiacciante e circostanziato, focalizzando la sua attenzione soprattutto sui costi umani di tale immane catastrofe. Una cronaca che rivela numerosi atti di coraggio, ma anche le menzogne, i sotterfugi e i tentativi delle autorità sovietiche di scaricare le responsabilità e coprire la gravità dell’accaduto. Un accurato lavoro di ricostruzione, che ripercorre le tappe del nucleare in Russia e le ripercussioni politiche dell’incidente – non ultima la caduta di Gorbaciov – in una narrazione epica e accurata, di straordinario impatto.

Catania non guarda il mare

Catania è l’odore del mercato del pesce, le luci frastornanti della festa di sant’Agata, lo sciabordio del mare, il rollio del ventre del vulcano, e quello strano borbottio che sentiamo nello stomaco quando siamo troppo vicini a qualcosa che ci fa innamorare…
«Capisci di esserne innamorato quando oramai è troppo tardi e non puoi più fare a meno di lei. A partire da quel momento, per quel che vale, puoi allontanarti quanto e come vuoi, puoi concederti il lusso di far passare mesi, anni, prima di rivederla nuovamente, puoi persino essere tanto stupido da credere di averla dimenticata. Le basterà appena un cenno col capo per costringerti a prendere il primo volo e ritornare. Il cielo ti inghiottirà ancora una volta, fregandosene dei tuoi progetti, delle tue aspirazioni.» Daniele Zito, come uno di quegli scrivani che si sedevano ai lati della strada per ascoltare le storie, ci lascia il resoconto di questa piccola epica romantica e senza scampo di una città schiacciata da un lato dalla bellezza inquieta del mare, che già è Africa, e dall’altro dall’Etna.
**
### Sinossi
Catania è l’odore del mercato del pesce, le luci frastornanti della festa di sant’Agata, lo sciabordio del mare, il rollio del ventre del vulcano, e quello strano borbottio che sentiamo nello stomaco quando siamo troppo vicini a qualcosa che ci fa innamorare…
«Capisci di esserne innamorato quando oramai è troppo tardi e non puoi più fare a meno di lei. A partire da quel momento, per quel che vale, puoi allontanarti quanto e come vuoi, puoi concederti il lusso di far passare mesi, anni, prima di rivederla nuovamente, puoi persino essere tanto stupido da credere di averla dimenticata. Le basterà appena un cenno col capo per costringerti a prendere il primo volo e ritornare. Il cielo ti inghiottirà ancora una volta, fregandosene dei tuoi progetti, delle tue aspirazioni.» Daniele Zito, come uno di quegli scrivani che si sedevano ai lati della strada per ascoltare le storie, ci lascia il resoconto di questa piccola epica romantica e senza scampo di una città schiacciata da un lato dalla bellezza inquieta del mare, che già è Africa, e dall’altro dall’Etna.

Castigo

Con “Castigo” Matilde Serao si distacca dallo spaccato di una Napoli popolare dei precedenti, ma entra alll’ interno dei salotti dell’ aristocrazia con una folla di personaggi mondani ed annoiati, uomini dai nomi storici, dai blasoni illustri, donne raffinatissime e bellissime.
La storia è ambientata tra Napoli e Firenze, protagonista Cesare Dias, duro, snob, freddo e distaccato e la moglie Anna, giovane, bella, tanto innamorata e triste. che soffre perché il marito ride e si prende gioco del suo amore e del suo soffrire.
La giovane dama, da poco sposa dell’aristocratico quarantenne, scopre di essere tradita dal marito, che lei ama profondamente, e con la propria sorella e va a suicidarsi in casa di un suo adoratore, il principe Caracciolo con il quale in realtà non ha mai avuto una relazione.

Matilde Serao è stata una scrittrice e giornalista italiana, protagonista del rinnovamento della letteratura e del giornalismo italiano negli anni cruciali tra Ottocento e Novecento. Oltre ad aver lavorato intensamente come giornalista, fu autrice di settanta fra romanzi e raccolte di racconti, la maggior parte di impronta verista. È stata la prima donna italiana ad aver fondato e diretto un quotidiano, Il Mattino di Napoli.
(source: Bol.com)