60977–60992 di 63547 risultati

La casa del tempo perduto

Inghilterra, 18° secolo. La nobildonna Elizabeth Lancaster inizia un viaggio nei ricordi di un’estate che, 17 anni prima, cambiò per sempre lei e il destino della sua famiglia.
«Era fuggito presto il tempo della felicità, effimero ed ingannevole come l’ardore della giovinezza, di cui non resta che un ricordo falsato dai rimorsi e dalla nostalgia per giorni che non possono tornare. Eppure quel tempo era così vivido nella mia memoria, che mi sembrava di sentire ancora l’allegra musica del clavicembalo di Geoffrey riecheggiare nelle grandi stanze dagli alti soffitti affrescati; stanze ormai vuote, che raccontavano di coloro che le avevano abitate, soltanto a chi li aveva conosciuti. Avrei potuto allora, forse, mutare il corso degli eventi che ci avrebbero travolti di lì a poco, sorprendendoci, quando nel mezzo della più verde età, ancora troppo giovani e incoscienti, saremo diventati tutti, ognuno vittima delle proprie scelte, artefici di un inesorabile destino».
Editato in corso d’opera da Alessandra Giuliana Granata.
**
### Sinossi
Inghilterra, 18° secolo. La nobildonna Elizabeth Lancaster inizia un viaggio nei ricordi di un’estate che, 17 anni prima, cambiò per sempre lei e il destino della sua famiglia.
«Era fuggito presto il tempo della felicità, effimero ed ingannevole come l’ardore della giovinezza, di cui non resta che un ricordo falsato dai rimorsi e dalla nostalgia per giorni che non possono tornare. Eppure quel tempo era così vivido nella mia memoria, che mi sembrava di sentire ancora l’allegra musica del clavicembalo di Geoffrey riecheggiare nelle grandi stanze dagli alti soffitti affrescati; stanze ormai vuote, che raccontavano di coloro che le avevano abitate, soltanto a chi li aveva conosciuti. Avrei potuto allora, forse, mutare il corso degli eventi che ci avrebbero travolti di lì a poco, sorprendendoci, quando nel mezzo della più verde età, ancora troppo giovani e incoscienti, saremo diventati tutti, ognuno vittima delle proprie scelte, artefici di un inesorabile destino».
Editato in corso d’opera da Alessandra Giuliana Granata.

La casa del diavolo

Entrò in casa e si chiuse la porta alle spalle.
Fu aggredito da un ricordo. Il viso cinereo di Sofia, l’ultima volta che l’aveva vista. Prima di murarne il cadavere.
L’uomo sentì la rabbia montargli dentro, come un vortice impazzito.
“Eccomi, lurido bastardo!” gridò. “Sono tornato!”
L’eco delle parole rimbombò nel soggiorno.
“Tutti i nodi vengono al pettine. È solo questione di tempo.”
L’uomo si guardò attorno, studiando la prossima mossa.
“E ora quel tempo è arrivato.”
Ancora un passo, in quella casa sconosciuta. Sotto la pelle l’onnipotenza di chi non ha più niente da perdere.
“Sono tornato” ripeté. “E sono qui per ucciderti!”
C’è qualcosa di strano nella casa del vecchio Ardemagni.
Quella villetta è la tana del demonio?
Ardemagni se la dà a gambe, facendosi ricoverare in una clinica psichiatrica.
Meglio pazzo che posseduto!
L’abitazione viene acquistata da una coppia di coniugi.
Tutto tranquillo, per qualche tempo.
Quando la donna viene ritrovata morta, però, le parole del vecchio tornano a galla, risuonando nella testa dell’unico indagato: il marito della vittima.
LA CASA DEL DIAVOLO è un thriller a tratti psicologico e a tratti d’indagine, dove la vicenda rasenta il paranormale, senza mai oltrepassare il confine della realtà.
Elemento fondamentale di questo romanzo, oltre alla morte, è l’amore.
Dove c’è l’una, c’è anche l’altro. Fin dai tempi più remoti.
Ed ora, a distanza di secoli, morte e amore sono ancora lì, mano nella mano, a seminare vittime.
**
### Sinossi
Entrò in casa e si chiuse la porta alle spalle.
Fu aggredito da un ricordo. Il viso cinereo di Sofia, l’ultima volta che l’aveva vista. Prima di murarne il cadavere.
L’uomo sentì la rabbia montargli dentro, come un vortice impazzito.
“Eccomi, lurido bastardo!” gridò. “Sono tornato!”
L’eco delle parole rimbombò nel soggiorno.
“Tutti i nodi vengono al pettine. È solo questione di tempo.”
L’uomo si guardò attorno, studiando la prossima mossa.
“E ora quel tempo è arrivato.”
Ancora un passo, in quella casa sconosciuta. Sotto la pelle l’onnipotenza di chi non ha più niente da perdere.
“Sono tornato” ripeté. “E sono qui per ucciderti!”
C’è qualcosa di strano nella casa del vecchio Ardemagni.
Quella villetta è la tana del demonio?
Ardemagni se la dà a gambe, facendosi ricoverare in una clinica psichiatrica.
Meglio pazzo che posseduto!
L’abitazione viene acquistata da una coppia di coniugi.
Tutto tranquillo, per qualche tempo.
Quando la donna viene ritrovata morta, però, le parole del vecchio tornano a galla, risuonando nella testa dell’unico indagato: il marito della vittima.
LA CASA DEL DIAVOLO è un thriller a tratti psicologico e a tratti d’indagine, dove la vicenda rasenta il paranormale, senza mai oltrepassare il confine della realtà.
Elemento fondamentale di questo romanzo, oltre alla morte, è l’amore.
Dove c’è l’una, c’è anche l’altro. Fin dai tempi più remoti.
Ed ora, a distanza di secoli, morte e amore sono ancora lì, mano nella mano, a seminare vittime.

La casa del delitto

Il ministro di giustizia, Federico Duncan, chiacchiera con moglie e amici. L’argomento è Diabolik che sembra sparito dalla circolazione. “Non illudetevi”, afferma il ministro, “Quell’assassino lascia passare del tempo tra un colpo e l’altro, ma poi riappare più sanguinario di prima!”.

La Casa Dei Ricordi

LAGO MAGGIORE 1922 – Rossella è ferma davanti alla casa in cui ha trascorso l’infanzia. È una donna che sembra possedere tutto: un marito che la ama, un lavoro che la realizza e un bambino di pochi mesi.Ma le manca qualcuno: suo padre.Con un’infanzia difficile alle spalle e orfana di madre, Rossella è tornata per fare i conti con il suo passato e tentare di scoprire la verità sul padre assente e mai dimenticato.È ancora vivo? Amò davvero sua madre? E, se la amò, perché non tornò mai dalla sua famiglia?Domande senza risposta, queste, che l’hanno sempre tormentata. È tempo per lei di passeggiare nel viale dei ricordi, è tempo di riaprire quella casa e affrontare la realtà.

La casa dei meravigliosi tramonti

**«Una storia adorabile e dolcissima che vi farà innamorare.»
Milly Johnson, autrice di *Un’indimenticabile storia d’amore*
Autrice bestseller in Inghilterra**
La notizia della morte di Gwen, per Lottie Foster, è davvero un fulmine a ciel sereno. Non solo perché era la più cara amica della sua adorata nonna, ma anche perché ha deciso di lasciarle un’eredità impegnativa: lo splendido Cuckoo Cottage. Lottie ha sempre adorato quella villetta, ma Matt, un affascinante costruttore del posto, la mette in guardia: sta cadendo a pezzi. Fortunatamente, però, lui è disposto a darle una mano con tutti i problemi che continuano a saltare fuori. La disponibilità di Matt verso Lottie, agli occhi del suo vicino di casa Will, è decisamente sospetta. Il fatto che sia geloso, è ovvio, non c’entra niente… Ma Will è anche il veterinario di Minnie, la pestifera cagnolina che lei ha ereditato insieme al cottage e alle quattro roulotte d’epoca, che intende rimettere in sesto. Il sogno segreto di Lottie, infatti, è di dar vita a un campeggio vintage anni Cinquanta. Ma non potrà davvero realizzare il suo desiderio prima di aver capito di chi fidarsi, specie adesso che ci sono due uomini a contendersi il suo cuore…
**Un’autrice bestseller del Sunday Times
Una lettura perfetta per l’estate: la vera formula per la felicità
Un’eredità inaspettata, quattro roulotte, una casa da ristrutturare e due corteggiatori… la vita di Lottie non sarà più la stessa!**
«Una storia adorabile e dolcissima. Posso garantire che il mondo di Heidi Swain vi conquisterà.»
**Milly Johnson, autrice di *Un’indimenticabile storia d’amore***
«Questa lettura è come un abbraccio avvolgente… Scalda il cuore.»
**Mandy Baggot, autrice di *Natale a Parigi***
«Personaggi autentici, trama appassionante e ambientazione bellissima: una lettura estiva che vi scalderà il cuore.»
**Heidi Swain**
È un’autrice bestseller del «Sunday Times». Vive a Norfolk, in Inghilterra, con il marito e i due figli. Appassionata di scrittura fin dalla tenera età, si è dedicata al giornalismo prima di trovare il coraggio di seguire un corso di scrittura creativa e prendere sul serio le sue ambizioni letterarie.* La casa dei meravigliosi tramonti* è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.
**
### Sinossi
**«Una storia adorabile e dolcissima che vi farà innamorare.»
Milly Johnson, autrice di *Un’indimenticabile storia d’amore*
Autrice bestseller in Inghilterra**
La notizia della morte di Gwen, per Lottie Foster, è davvero un fulmine a ciel sereno. Non solo perché era la più cara amica della sua adorata nonna, ma anche perché ha deciso di lasciarle un’eredità impegnativa: lo splendido Cuckoo Cottage. Lottie ha sempre adorato quella villetta, ma Matt, un affascinante costruttore del posto, la mette in guardia: sta cadendo a pezzi. Fortunatamente, però, lui è disposto a darle una mano con tutti i problemi che continuano a saltare fuori. La disponibilità di Matt verso Lottie, agli occhi del suo vicino di casa Will, è decisamente sospetta. Il fatto che sia geloso, è ovvio, non c’entra niente… Ma Will è anche il veterinario di Minnie, la pestifera cagnolina che lei ha ereditato insieme al cottage e alle quattro roulotte d’epoca, che intende rimettere in sesto. Il sogno segreto di Lottie, infatti, è di dar vita a un campeggio vintage anni Cinquanta. Ma non potrà davvero realizzare il suo desiderio prima di aver capito di chi fidarsi, specie adesso che ci sono due uomini a contendersi il suo cuore…
**Un’autrice bestseller del Sunday Times
Una lettura perfetta per l’estate: la vera formula per la felicità
Un’eredità inaspettata, quattro roulotte, una casa da ristrutturare e due corteggiatori… la vita di Lottie non sarà più la stessa!**
«Una storia adorabile e dolcissima. Posso garantire che il mondo di Heidi Swain vi conquisterà.»
**Milly Johnson, autrice di *Un’indimenticabile storia d’amore***
«Questa lettura è come un abbraccio avvolgente… Scalda il cuore.»
**Mandy Baggot, autrice di *Natale a Parigi***
«Personaggi autentici, trama appassionante e ambientazione bellissima: una lettura estiva che vi scalderà il cuore.»
**Heidi Swain**
È un’autrice bestseller del «Sunday Times». Vive a Norfolk, in Inghilterra, con il marito e i due figli. Appassionata di scrittura fin dalla tenera età, si è dedicata al giornalismo prima di trovare il coraggio di seguire un corso di scrittura creativa e prendere sul serio le sue ambizioni letterarie.* La casa dei meravigliosi tramonti* è il suo primo romanzo pubblicato in Italia.

La casa dei Desideri

In molti dei suoi racconti Kipling abbordò il soprannaturale, che sempre si rivela gradualmente, a differenza dei racconti di Poe. In La Casa dei Desideri una donna narra a un’altra donna una storia magica e dolorosa; sono entrambe troppo umili per la meraviglia; accettano l’incredibile con la stessa rassegnazione con cui accettano i fatti quotidiani. In Una guerra di sahib, la febbre e la presenza dell’oppio fanno si che il soprannaturale sia più verosimile. Su Una Madonna delle trincee, il cui scenario è la guerra del 1914, cade l’alta ombra del canto V dell’Inferno. L’occhio di Allah non è un racconto fantastico, bensì un racconto possibile. Dei racconti che ho scelto per questo volume, forse quello che più mi commuove è Il giardiniere. Una delle sue peculiarità è che in esso avviene un miracolo; la protagonista lo ignora ma il lettore lo sa. Tutte le circostanze sono realistiche, ma la storia riferita non lo è.

La casa dei brocchi

Li chiamano “i Brocchi”. Sono gli uomini di Jackson Lamb, un branco di perdenti, di cavalli azzoppati. Una manica di bastardi alcolizzati, drogati, disadattati, gente che, a un certo punto della vita, ha imboccato lo svincolo sbagliato e ha deragliato, incasinando tutto. Sono gli agenti segreti di serie b, quelli di cui l’Intelligence si vergogna, masticati e rigettati dal sistema per via di qualche incancellabile colpa e ora parcheggiati lontano da Regent’s Park in una specie di prigione per falliti, a svolgere compiti infami e a smistare scartoffie in attesa che si sfiniscano da soli e mollino il colpo. Solo che nessuno di loro ha smesso di sognare di tornare al servizio attivo. Quando un ragazzo musulmano viene rapito, con la minaccia di decapitarlo in diretta sul web, i Brocchi fiutano l’occasione per riscattarsi. Il rapimento fa parte di un piano molto più articolato e sventarlo non sarà facile, né privo di rischi e di vittime. Tuttavia, Jackson Lamb sa fin troppo bene che c’è sempre un costo da pagare, e che comunque di perdenti bastardi è pieno il mondo. Di certo ne arriveranno altri a rinfoltire le fila della sua squadra. Definito dal Daily Telegraph “una delle venti migliori spy story di tutti i tempi”, insieme a bestseller come La spia che venne dal freddo di John le Carré o Un nome senza volto (The Bourne Identity) di Robert Ludlum, un giallo cinico e teso, dal ritmo mozzafiato. Mai sottovalutare chi non ha più niente da perdere. “Questo è intrattenimento di prima classe. In confronto, la maggior parte degli altri gialli è insulsa e noiosa.” Publishers Weekly “Fulminanti scambi di battute e colpi di scena permeati dell’ironia e dell’irresistibile sense of humour britannico di Mick Herron.” The Sunday Times

La Casa Dalle Finestre Che Spifferano

Trovare una casa è uno degli avvenimenti che di sicuro segna la vita di tutti, a volte diventando fucina di aneddoti per più generazioni di nipoti. Tanti la sognano, molti l’affittano, alcuni la comprano e questi ultimi, moltissimi, s’indebitano per avere il piacere del focolare domestico. Come molti altri italiani, l’Autore è passato attraverso questa specie di girone dantesco costellato di figure magiche come gli artigiani che spariscono da un giorno all’altro senza nemmeno pronunciare «abracadabra», figuri ambigui come certi improvvisati mediatori che non sono iscritti ad alcun albo, e figuracce che saltano fuori quando la differenza tra un preventivo e un consuntivo è molto di più di quanto – esagerando ragionevolmente – si potesse immaginare.

La casa che mi porta via

Marinka ha dodici anni e la cosa che vuole di più al mondo è trovare un amico. Un amico vero, in carne e ossa, umano. Ma non è facile farsi degli amici se si è nipoti di Baba Yaga e si vive con lei in una casa con zampe di gallina che si sposta in continuazione. La nonna di Marinka, infatti, è una Guardiana dei Cancelli che accompagna le persone nell’aldilà e anche lei è destinata a seguire le sue orme. Ma si deve per forza obbedire al destino che qualcun altro ci ha assegnato? Marinka non sopporta più la solitudine in cui è costretta a vivere e quando conosce una ragazza della sua età, forse l’amica che cercava, rompe tutte le regole. Non immagina certo le conseguenze! Una storia intensa tra Anna dai capelli rossi e La sposa cadavere, con una protagonista coraggiosa che, a forza di scavalcare gli “steccati” imposti dalle circostanze, riesce a costruirsi una vita tutta sua.
**
### Sinossi
Marinka ha dodici anni e la cosa che vuole di più al mondo è trovare un amico. Un amico vero, in carne e ossa, umano. Ma non è facile farsi degli amici se si è nipoti di Baba Yaga e si vive con lei in una casa con zampe di gallina che si sposta in continuazione. La nonna di Marinka, infatti, è una Guardiana dei Cancelli che accompagna le persone nell’aldilà e anche lei è destinata a seguire le sue orme. Ma si deve per forza obbedire al destino che qualcun altro ci ha assegnato? Marinka non sopporta più la solitudine in cui è costretta a vivere e quando conosce una ragazza della sua età, forse l’amica che cercava, rompe tutte le regole. Non immagina certo le conseguenze! Una storia intensa tra Anna dai capelli rossi e La sposa cadavere, con una protagonista coraggiosa che, a forza di scavalcare gli “steccati” imposti dalle circostanze, riesce a costruirsi una vita tutta sua.

La Carovana

Sparute comunità di superstiti, arroccate in qualche edificio urbano o in isolate fattorie… Gruppi vaganti di fuggiaschi… Branchi di cani affamati e di belve umane… Un mondo distrutto, e la specie Homo Sapiens sull’orlo dell’estinzione… Innumerevoli romanzi di fantascienza apocalittica ci erano venuti abituando a questo spiacevole quadro di un futuro più o meno prossimo. Ma finora si era sempre immaginato che il crollo della civiltà, la morte della specie, dovessero essere la conseguenza di eventi improvvisi e violenti: una guerra atomica, un morbo orrendo, una collisione planetaria, un’invasione di mostri e altre simili catastrofi. In questo romanzo – che descrive la marcia di una carovana verso una problematica salvezza – non è invece successo “niente di particolare”: il crollo, il collasso generale sono stati la semplice e normale conseguenza di ciò che già oggi vediamo accadere ogni giorno intorno a noi.

La carezza del destino – Touched: Touched Saga 1

COSA SEI DISPOSTO A SACRIFICARE IN NOME DEL VERO AMORE?Uno sguardo, e Gemma Bloom capisce di essere perduta. Non ha idea di chi sia quel ragazzo, ma da quando l’ha incontrato non fa che pensare a lui, al suo sorriso enigmatico e ai suoi occhi impetuosi come il mare in tempesta. E anche Evan è rimasto stregato da lei e dalla forza del legame che si è subito creato tra loro. Potrebbe essere l’inizio di una storia d’amore perfetta, eppure Gemma è divorata dai dubbi.C’è qualcosa di oscuro in Evan, qualcosa che la spaventa. Forse perché, a volte, Gemma è l’unica a notare la presenza di Evan, mentre per tutti gli altri sembra invisibile? O perché alcune persone sono state trovate morte poco dopo essere state viste con lui?Una sola cosa è certa: in fondo al cuore, Gemma sa che la sua vita dipende da Evan. E in effetti è così… anche se non nel modo in cui lei s’immagina. Il destino di Gemma, infatti, è segnato: il suo tempo sta per scadere. E la missione di Evan è accompagnarla nel regno dei morti.Questa volta però è diverso. Questa volta Evan si trova di fronte a una scelta dolorosa: obbedire agli ordini e uccidere la donna di cui è perdutamente innamorato, o sfidare le leggi del cielo e degli inferi per salvarla? Diventato un fenomeno editoriale prima ancora della sua pubblicazione, La carezza del destino unisce passioni dirompenti e segreti inconfessabili, decisioni impossibili ed emozioni profonde, dando vita a una storia d’amore intensa come i sentimenti che legano Evan e Gemma e ineluttabile come il destino che incombe su di loro…

La capanna dei piaceri

Judith Evans ha tutto ciò che si può desiderare: gioventù, fascino e ricchezza. A causa di quest’ultima però, è vittima di un rapimento. L’uomo che si occupa di lei durante la prigionia è scontroso e violento ma in grado di risvegliare Judith dal torpore di una vita perfetta. La ragazza resterà fedele alla ragione o diventerà schiava di istinti che neanche immaginava di avere?
[email protected]
**
### Sinossi
Judith Evans ha tutto ciò che si può desiderare: gioventù, fascino e ricchezza. A causa di quest’ultima però, è vittima di un rapimento. L’uomo che si occupa di lei durante la prigionia è scontroso e violento ma in grado di risvegliare Judith dal torpore di una vita perfetta. La ragazza resterà fedele alla ragione o diventerà schiava di istinti che neanche immaginava di avere?
[email protected]

La camera di sangue

Scrittrice fuori da ogni convenzione letteraria e sociale per la sua fantasia barocca e il suo malizioso sensualismo, senza dubbio la personalità femminile di maggior spicco nella narrativa inglese dell’ultimo decennio, Angela Carter ha riscritto a modo suo dieci favole celebri, sovvertendone le trame con irritante arguzia.
Alcune sono favole sediziosamente familiari, così comuni che osiamo perfino raccontarle ai più piccini, le storie nate dalle nostre fantasie di violenza e di oltraggio, di strage e di ludibrio, di incesto e di vendetta, e nelle quali le vite dell’uomo e delle fiera e del mostro si intrecciano e si consumano turpemente: *Barbablù* (a cui si ispira il racconto che da titolo alla raccolta), *Cappuccetto rosso*, *La bella e la bestia*, *Il gatto con gli stivali*, *La bella addormentata*. Altre sono le storie più atroci e orridamente inquietanti della tradizione nordica, con lupi e vampiri, nevi e foreste, porte misteriose e scricchiolii sinistri; con l’ingannevole sicurezza di una capanna, il desiderio di calore di una pelliccia o l’abbraccio di un animale peloso… In questi intrecci dissacranti e in queste atmosfere fra lo stralunato e lo scabroso vibra un conturbante umorismo che trasfigura gli echi, le reliquie e gli stilemi formali della narrativa gotica. Ma soprattutto s’impone, con immagini rapacemente licenziose, un erotismo sadico-sarcastico che svela e dileggia le simbologie sessuali sommerse nella tradizione favolistica. Una prosa coloristica, tutta giocata su sberleffi verbali e squisitezze ritmiche, ci offre una versione letteraria ironica e godibilissima della lezione che, con altri mezzi, Propp e Bettlheim hanno tratto dall’analisi degli archetipi delle fiabe.

La camera di Dante

Regno Unito, 1870. Un uomo muore in un parco malfamato di Londra sotto gli occhi di numerosi testimoni: un’enorme pietra, come un giogo, gli ha cinto il collo fino a spezzarglielo. Sulla pietra un misterioso verso biblico che rimanda alla Divina Commedia: Eccomi, sono la serva del Signore. Mentre in città altri omicidi suggeriscono la presenza di un nuovo assassino determinato a mettere in scena le punizioni del Purgatorio, il grande artista Dante Gabriel Rossetti pare svanito nel nulla. Non solo: molti dichiarano di averlo visto sulle scene del crimine. È lui il colpevole? La sorella di Gabriel – e celebre poetessa – Christina è convinta del contrario e teme che il fratello possa essere la prossima vittima. Per scagionarlo e ritrovarlo prima che sia troppo tardi, la donna riunisce un bizzarro manipolo di improbabili investigatori: Alfred Tennyson e Robert Browning, poe-ti di fama mondiale, oltre all’accademico e traduttore dantesco Oliver Wendell Holmes. Insieme a loro, Christina dà il via a una corsa contro il tempo per decifrare gli indizi letterari lasciati dall’assassino e fermare così il massacro. Tra le eleganti residenze dell’alta borghesia e i quartieri più equivoci della Londra vittoriana, tra l’austero misticismo della poesia dantesca e le dissolutezze degli artisti bohémien, Matthew Pearl conduce il lettore in un labirinto vertiginoso di finzione e realtà, e ritorna ai suoi temi più cari che lo hanno reso celebre con Il Circolo Dante.
**
### Sinossi
Regno Unito, 1870. Un uomo muore in un parco malfamato di Londra sotto gli occhi di numerosi testimoni: un’enorme pietra, come un giogo, gli ha cinto il collo fino a spezzarglielo. Sulla pietra un misterioso verso biblico che rimanda alla Divina Commedia: Eccomi, sono la serva del Signore. Mentre in città altri omicidi suggeriscono la presenza di un nuovo assassino determinato a mettere in scena le punizioni del Purgatorio, il grande artista Dante Gabriel Rossetti pare svanito nel nulla. Non solo: molti dichiarano di averlo visto sulle scene del crimine. È lui il colpevole? La sorella di Gabriel – e celebre poetessa – Christina è convinta del contrario e teme che il fratello possa essere la prossima vittima. Per scagionarlo e ritrovarlo prima che sia troppo tardi, la donna riunisce un bizzarro manipolo di improbabili investigatori: Alfred Tennyson e Robert Browning, poe-ti di fama mondiale, oltre all’accademico e traduttore dantesco Oliver Wendell Holmes. Insieme a loro, Christina dà il via a una corsa contro il tempo per decifrare gli indizi letterari lasciati dall’assassino e fermare così il massacro. Tra le eleganti residenze dell’alta borghesia e i quartieri più equivoci della Londra vittoriana, tra l’austero misticismo della poesia dantesca e le dissolutezze degli artisti bohémien, Matthew Pearl conduce il lettore in un labirinto vertiginoso di finzione e realtà, e ritorna ai suoi temi più cari che lo hanno reso celebre con Il Circolo Dante.

La caduta di un uomo: Indagine sulla morte di Alan Turing

Un mattino di giugno del 1954, in piena Guerra fredda, Alan Turing viene trovato morto nel letto di casa, nell’assonnata cittadina inglese di Wilmslow. Accanto al corpo, una mela morsicata a metà porta evidenti tracce di cianuro. Gli accertamenti su quello che per tutti è un caso di suicidio sono affi dati al giovane ispettore Leonard Corell, un uomo dall’apparenza mite che un tempo coltivava sogni di scienziato, e che molto presto viene assalito dai dubbi. Perché la documentazione del grande matematico relativa alla guerra è secretata? Forse Turing era ricattato da spie al servizio dell’Unione Sovietica? La sua recente condanna per omosessualità sembra aver messo in allarme i servizi segreti: potrebbe trattarsi di un complotto che coinvolge le cerchie più alte del potere? Affascinato dal genio visionario di Turing e dal suo lavoro brillante e rivoluzionario, Corell comincia a indagare con passione nella vita di uno spirito libero e anticonformista e cerca di ricostruire una vicenda che in qualche modo sembra riguardare lui stesso, spingendolo a fare cose che non avrebbe mai dovuto fare.

(source: Bol.com)