60753–60768 di 72034 risultati

Dolore e ragione

*Dolore e ragione* apparve a New York nel 1995, poche settimane prima della scomparsa dell’autore – e così offrendosi inevitabilmente come opera testamentaria. Di fatto, leggendo i tre grandi saggi su Frost, Hardy e Rilke che fanno da perno al libro, risulta difficile immaginare un grado ulteriore di comprensione: sono prove stupefacenti di come si possa leggere e illuminare un testo passo per passo, sillaba per sillaba, quasi aderendo alla tensione muscolare della mano del poeta che scrive. Accostando i saggi qui presentati a quelli su W.H. Auden, Marina Cvetaeva e Konstantinos Kavafis pubblicati in precedenza, vedremo delinearsi un paesaggio della poesia moderna nuovo e idiosincratico, ben più convincente di quelli offerti dalle varie scuole accademiche. Ma parlare di questi autori, per Brodskij, ha sempre significato parlare di tutto e del tutto, poiché per lui la poesia era «l’unica assicurazione disponibile contro la volgarità del cuore umano». Per questo non volle mai pubblicare un volume di saggi strettamente letterari e preferì vagare nel tempo, che è il vero *medium* del pensiero, unendo l’accidentalità autobiografica e l’evocazione delle ombre, che qui convergono nella memorabile *Lettera a Orazio*.

Dollari, maledetti dollari

Nora, ti voglio ancora bene. Sam Cameron non avrebbe mai dovuto lasciarsi sfuggire una confessione simile. Nora, ormai, è la moglie di suo fratello Lyman, e Sam è ritornato, dopo una lunga assenza, soltanto per parlare d’affari con il fratello. Ma di fronte a quella donna che si mostra delusa e pentita, non resiste. Allora lei lo supplica. Allora non andare alla polizia! Sam, arrivando a Haddamsport con il suo sloop, ha trovato su una barchetta alla deriva un vecchio moribondo che, palesemente, è stato torturato. Lo ha portato a terra, ma è stato aggredito e tramortito. E il giorno dopo, il vecchio è scomparso. Quando lo sconsigliano d’insistere nel suo interessamento e, soprattutto, quando gli fanno capire che suo fratello ha commesso un omicidio, Sam non pensa altro che a proteggerlo. Ma perchè qualcuno vuole morto Sam? E di chi è il mucchio di dollari che Lyman vuol far consegnare a Sam? Un groviglio di odii, amori, interessi, avventure nella migliore tradizione di Edward S. Aarons.

Dolci Passioni a Parigi (Scrivere D’amore)

Si dice spesso che gli opposti si attraggono, che due persone completamente diverse siano perfette insieme perché c’è sempre un confronto continuo… Ma se invece due persone si incontrano e capiscono di essere simili, di avere la stessa passione, cosa potrà mai accadere? Grayson, un giovane imprenditore a capo di un importante biscottificio a Parigi, è finalmente riuscito a realizzare il proprio sogno. Anche Evelin ha realizzato il proprio, grazie a un regalo del tutto inaspettato: ha aperto una piccola pasticceria, guardacaso proprio a Parigi. Galeotta sarà rue Violet: una stradina popolata da abitanti bizzarri ma gentili, che sarà teatro di momenti romantici, commoventi e divertenti e che porterà i due protagonisti a capire quanto può essere bello e speciale avere così tanti sogni e desideri in comune.
*Il romanzo è stato precedentemente pubblicato da Rizzoli nella collana Youfeel*
Copertina: Le muse grafica.
Daniela Perelli. Nata a Genova il 6 giugno 1980, si è diplomata come Tecnico dei Servizi Ristorativi e specializzata in pasticceria. Ha lavorato per due anni a contatto con i bambini come educatrice e animatrice turistica, coltivando la passione per la danza, il canto e la lettura. Vive a Genova con il marito Alessandro, i figli Giulia e Luca e la loro barboncina Lili. Direttrice editoriale della collana rosa “Un cuore per capello”, autrice di romance contemporanei, racconti e novelle con ambientazione storica, ha pubblicato tramite il self publishing ed è autrice per la Collana Floreale, ed ex autrice Rizzoli per la collana You Feel. Amministratrice del gruppo facebook dedicato al romance “Harmonyne”, gestisce il suo sito “Scrivere con amore”, dove pubblica articoli e consigli di lettura e la rivista amatoriale femminile “Semplicemente amiche”.
**
### Sinossi
Si dice spesso che gli opposti si attraggono, che due persone completamente diverse siano perfette insieme perché c’è sempre un confronto continuo… Ma se invece due persone si incontrano e capiscono di essere simili, di avere la stessa passione, cosa potrà mai accadere? Grayson, un giovane imprenditore a capo di un importante biscottificio a Parigi, è finalmente riuscito a realizzare il proprio sogno. Anche Evelin ha realizzato il proprio, grazie a un regalo del tutto inaspettato: ha aperto una piccola pasticceria, guardacaso proprio a Parigi. Galeotta sarà rue Violet: una stradina popolata da abitanti bizzarri ma gentili, che sarà teatro di momenti romantici, commoventi e divertenti e che porterà i due protagonisti a capire quanto può essere bello e speciale avere così tanti sogni e desideri in comune.
*Il romanzo è stato precedentemente pubblicato da Rizzoli nella collana Youfeel*
Copertina: Le muse grafica.
Daniela Perelli. Nata a Genova il 6 giugno 1980, si è diplomata come Tecnico dei Servizi Ristorativi e specializzata in pasticceria. Ha lavorato per due anni a contatto con i bambini come educatrice e animatrice turistica, coltivando la passione per la danza, il canto e la lettura. Vive a Genova con il marito Alessandro, i figli Giulia e Luca e la loro barboncina Lili. Direttrice editoriale della collana rosa “Un cuore per capello”, autrice di romance contemporanei, racconti e novelle con ambientazione storica, ha pubblicato tramite il self publishing ed è autrice per la Collana Floreale, ed ex autrice Rizzoli per la collana You Feel. Amministratrice del gruppo facebook dedicato al romance “Harmonyne”, gestisce il suo sito “Scrivere con amore”, dove pubblica articoli e consigli di lettura e la rivista amatoriale femminile “Semplicemente amiche”.

Una dolce scoperta (Leggereditore Narrativa)

Ryder è il meno socievole dei fratelli Montgomery. In molti hanno dubbi sul fatto che sotto la sua corazza possa battere un cuore. Eppure, quando indossa la sua cintura da carpentiere, nessuna donna può resistere alla sua sensuale spavalderia. Eccetto Hope Beaumont, la direttrice dell’Inn BoonsBoro, con cui non fa altro che litigare. Ex manager di un hotel a Washington, Hope è abituata alla mondanità e al glamour, ma sa come apprezzare le gioie di una piccola città. Gli unici piaceri a cui sembra voler rinunciare sono quelli dell’amore, anche se è consapevole che non si possono ignorare troppo a lungo. Grazie alla sua esperienza e al suo intuito infallibile, l’attività dell’albergo procede senza intoppi, ma non le risparmierà qualche imprevisto sentimentale che le darà altrettante, inaspettate soddisfazioni… e si rivelerà una salvezza quando il passato farà un indesiderato e imbarazzante ritorno.
La trilogia BoonsBoro Hotel arriva alla sua trionfale conclusione, più romantica e stuzzicante che mai.
**
### Sinossi
Ryder è il meno socievole dei fratelli Montgomery. In molti hanno dubbi sul fatto che sotto la sua corazza possa battere un cuore. Eppure, quando indossa la sua cintura da carpentiere, nessuna donna può resistere alla sua sensuale spavalderia. Eccetto Hope Beaumont, la direttrice dell’Inn BoonsBoro, con cui non fa altro che litigare. Ex manager di un hotel a Washington, Hope è abituata alla mondanità e al glamour, ma sa come apprezzare le gioie di una piccola città. Gli unici piaceri a cui sembra voler rinunciare sono quelli dell’amore, anche se è consapevole che non si possono ignorare troppo a lungo. Grazie alla sua esperienza e al suo intuito infallibile, l’attività dell’albergo procede senza intoppi, ma non le risparmierà qualche imprevisto sentimentale che le darà altrettante, inaspettate soddisfazioni… e si rivelerà una salvezza quando il passato farà un indesiderato e imbarazzante ritorno.
La trilogia BoonsBoro Hotel arriva alla sua trionfale conclusione, più romantica e stuzzicante che mai.

Dolce sacrificio

Inghilterra, medioevo
Il perfido lord Richard ha deciso che una delle sue sorellastre, la dolce Alys o la bellissima Claire, vada in sposa all’enigmatico consigliere e mago Simon de Navarre. E Alys non ha dubbi: sarà lei a sacrificarsi. Ex crociato, Simon ha appreso in Oriente l’uso delle arti magiche, a cui fa ricorso per convincere Richard di essergli indispensabile nella scalata al potere. Uomo ferito nel corpo e nell’anima, a sua volta cinico e ambizioso, Simon non crede nella speranza né nei sentimenti finché non si scopre intrigato dall’intelligenza e dalla passione di Alys. Che, seppur inizialmente spaventata, percepisce dietro un’apparenza poco invitante un uomo straordinario, e a poco a poco se ne innamora. Ma entrambi sono solo pedine nell’ignobile complotto di Richard…

Dolce come la morte

Emozionante come Jo NesbøAvvincente come Stieg LarssonLe indagini degli ispettori Isaksen e DahleDue omicidi inspiegabili. Un rituale perversoRitornano le indagini cult della regina del thriller norvegese con oltre 3 milioni di copie nel mondoMartin Egge è un capo integerrimo per Cato Isaksen, ma per la sua collega Marian Dahle è soprattutto un caro amico che le è stato di conforto nei momenti di difficoltà e l’ha aiutata a rifarsi una vita.Ecco perché la notizia della sua strana morte – soffocato con un cuscino mentre era in ospedale, dove si trovava in coma dopo essere stato investito da un’auto – solleva più di un dubbio nei due investigatori. Ma quella di Egge non è l’unica morte inspiegabile. Sedici anni prima, la giovane Kari Helene Bieler, figlia di un caro amico di Egge, aveva perso un fratello appena nato e il caso era stato classificato come “morte in culla”. In realtà, l’assassinio di Egge e la morte del piccolo hanno molti e oscuri elementi in comune… Ma chi ha interesse a uccidere prima un neonato e, molto tempo dopo, un uomo adulto? E quali ragioni spingono il killer a infliggere questa “dolce morte” alle sue vittime? Dopo il grande successo di La trappola e L’ultima casa a sinistra, Unni Lindell ci riporta nella Norvegia più cupa e violentaUn’autrice da 3 milioni di copie’Unni Lindell è una delle voci più intense e raffinate del parterre scandinavo.’Il Sole 24 Ore’Una rete criminale internazionale e un delitto misterioso sono i protagonisti di un romanzo perfettamente architettato.’Turid Larsen, Dagsavisen’Unni Lindell ha scritto un gran romanzo.’Kurt Hanssen, DagbladetUnni LindellNata nel 1957, è tra le più celebri scrittrici norvegesi. Ha riscosso un grande successo internazionale soprattutto con i suoi thriller, da cui è stata tratta anche una serie televisiva. La Newton Compton ha pubblicato La trappola, il primo libro che vede protagonisti l’ispettore Cato Isaksen e la sua giovane collega Marian Dahle, e L’ultima casa a sinistra, il secondo romanzo della serie, che prosegue con Dolce come la morte.

(source: Bol.com)

Dolce come il miele

THE DARK ELEMENTS – PREQUEL

Per Jasmine, Dez era stato molto più di una cotta adolescenziale. Per otto anni era stato il suo migliore amico, la persona con cui si confidava, tutto il suo mondo. Le aveva promesso che sarebbero stati insieme per sempre… e poi l’aveva abbandonata senza una parola di spiegazione proprio quando suo padre aveva dato il consenso alla loro unione. Tre anni dopo, si ripresenta da lei come se niente fosse, pronto a riprendere la loro storia da dove si era interrotta. Ma Jas non ci sta. Non vuole soffrire ancora. E così pone delle condizioni. Dez avrà sette giorni per guadagnarsi la sua fiducia e convincerla che sono fatti l’uno per l’altra. Sette giorni all’insegna di eccitanti pericoli e dolcissime tentazioni, per conquistare il suo cuore… o spezzarglielo di nuovo.

(source: Bol.com)

Il Dogma Dell’Inferno (I Doni Della Chiesa)

Il Libro sul dogma dell’Inferno ebbe l’approvazione Ecclesiastica nella Città di Modena nel 1883. Molti s’interrogano ancora tutt’oggi su questo scritto davvero particolare. Una lettura che lascerà tutti sorpresi nel sapere cose davvero importanti per la nostra vita spirituale.

Il dogma del Purgatorio

IL DOGMA DEL PURGATORIO ILLUSTRATO CON FATTI E RIVELAZIONI PARTICOLARI DAL Padre F. S. SCHOUPPE d. C. d. G.
Il dogma del Purgatorio dalla maggior parte dei fedeli è troppo dimenticato: la Chiesa purgante, in cui vivono tanti fratelli da soccorrere o nella quale ben presto passeranno essi medesimi, sembra essere loro affatto estranea.Una tale dimenticanza, veramente deplorevole, faceva gemere S. Francesco di Sales: ‘Ohimè! diceva questo pio dottore della Chiesa, noi non ci ricordiamo abbastanza dei cari nostri trapassati, e col suono delle campane sembra pure svanire la loro memoria’.Ecco lo scopo di quest’opera. Si propone non di provare l’esistenza del Purgatorio a menti scettiche, bensì di farlo meglio conoscere ai pii fedeli, che con una fede divina credono al dogma rivelato da Dio. Ad essi in modo speciale s’indirizza questo libro, per dar loro del Purgatorio un’idea meno confusa, dirò meglio, un’idea più attuale di quella che comunemente se ne ha, lumeggiando il più che sia possibile questa grande verità della fede.A questo scopo abbiamo tre ben distinte fonti di luce. In primo luogo l’insegnamento dogmatico della Chiesa; quindi la dottrina esplicativa dei santi Dottori: per ultimo le rivelazioni dei Santi e le apparizioni, che confermano l’insegnamento dei Dottori.

(source: Bol.com)

La Dogana Del Vento

La dogana del vento by Folco Quilici
Una valle prealpina, aprile 1945: Guido, quindicenne, e sua madre sono rifugiati a Villa Alta, sotto l’imponente maniero della Dogana del Vento. Lì vivono i giorni dell’avanzare degli Alleati dal Sud, in un drammatico clima di speranza e tensione, e lì, al rugginoso cancello di Villa Alta, si presenta un soldato delle forze occupanti, diverso da quelli visti e temuti sino a quel momento: Pjotr, di poco più vecchio di lui, gli sorride. È un cosacco. Tra le tante vicende drammatiche che si incrociarono negli anni del Secondo conflitto mondiale, poco nota ancora oggi è quella dei circa ventimila cosacchi – soldati con le loro donne, vecchi e bambini, e con maestosi cavalli – che, fieramente antibolscevichi, combatterono volontari accanto ai tedeschi e agli italiani. All’approssimarsi della fine del conflitto, i cosacchi cercarono un accordo con i vincitori ma – a seguito della conferenza di Jalta – furono rimpatriati con la forza o con l’inganno e, condannati per tradimento, finirono davanti ai plotoni d’esecuzione o nei gulag siberiani. Guido, il protagonista di questo romanzo, conosce del popolo cosacco un volto diverso: quello orgoglioso e affascinante di una indomita comunità guerriera, quello dolce e leale di un ragazzo come lui, giovane e pieno di speranze. Con la fine delle ostilità Guido perde le tracce di Pjotr, ed è tormentato dal sospetto che, insieme ai suoi, abbia fatto una fine crudele… Passano gli anni, quei mesi trepidanti e terribili sbiadiscono nel ricordo, quando d’improvviso una strana coincidenza riaccende in Guido il desiderio di conoscere la vera sorte dell’amico perduto: di una giovane promessa del calcio italiano i giornali scrivono che è figlio di un cosacco fuggiasco. Guido si mette sulle tracce di Erminia, la donna che anni prima ha amato un cosacco al punto da concepire un figlio con lui e che forse potrà rivelargli qualcosa sul destino di Pjotr. Il rapporto che stabilisce con lei è alimentato dal legame di entrambi con quel cosacco di cui si sono perse le tracce. E proprio facendo i conti con il passato Guido ed Erminia potranno aprirsi a un futuro carico di sorprese… Capace di trasformare in immagini e parole grandi avventure e vicende umane diverse da ogni altra, Folco Quilici ci regala questo racconto insieme emozionante e delicatissimo. Attingendo a memorie autobiografiche che rendono queste pagine intensamente vibranti, punta un fascio di luce su un episodio della Seconda guerra mondiale rimasto finora nell’ombra, illuminandone anche gli aspetti più oscuri. Nell’intreccio dei grandi sentimenti d’amicizia e d’amore.

Dobbiamo disobbedire

La borghesia, il sesso, il divorzio, l’aborto, la pornografia, la politica – insomma: l’Italia com’è, e come potrebbe essere se solo lo volessimo – nelle risposte di Parise ai lettori del «Corriere della Sera». Risposte limpide, ribelli, bruscamente poetiche, come si addice a un grande scrittore.
(source: Bol.com)

Il do tragico

Milano, 22 dicembre 1928. La nebbia è impenetrabile. Sei persone ricevono un’identica busta azzurra che li fa precipitare nell’angoscia. Contemporaneamente, una cantante lirica cade svenuta al primo do maggiore durante un programma radiofonico. Chi l’ha barbaramente uccisa? E perché? In un crescendo musicale, fra personaggi equivoci, interrogatori meticolosi e un misterioso cofanetto, anche questa volta l’intuito del Commissario riuscirà a risolvere l’enigma. Una delle inchieste più intriganti del Capo della Mobile milanese.

Dizionario dei modi di dire

La nostra lingua è un mare magnum di modi di dire e di espressioni idiomatiche. Le loro origini sono varie e remote. Provengono dalla tradizione popolare, dalla mitologia, da fatti storici divenuti oramai leggendari, e ancora da testi letterari, opere liriche, film celebri e così via. Il Vangelo e la liturgia cristiana sono altrettante fonti inesauribili di modi di dire. Per non parlare della saggezza degli antichi Romani! I detti latini sono sempre attuali e ricorrono spesso nel linguaggio politico, giuridico e forense.
Il Dizionario dei modi di dire contiene circa 3000 voci, che riportano il significato e le curiosità storiche legate alla diffusione di espressioni entrate oramai a far parte del nostro vocabolario.
Le voci sono arricchite, inoltre, da più di 300 illustrazioni a colori.
**
### Sinossi
La nostra lingua è un mare magnum di modi di dire e di espressioni idiomatiche. Le loro origini sono varie e remote. Provengono dalla tradizione popolare, dalla mitologia, da fatti storici divenuti oramai leggendari, e ancora da testi letterari, opere liriche, film celebri e così via. Il Vangelo e la liturgia cristiana sono altrettante fonti inesauribili di modi di dire. Per non parlare della saggezza degli antichi Romani! I detti latini sono sempre attuali e ricorrono spesso nel linguaggio politico, giuridico e forense.
Il Dizionario dei modi di dire contiene circa 3000 voci, che riportano il significato e le curiosità storiche legate alla diffusione di espressioni entrate oramai a far parte del nostro vocabolario.
Le voci sono arricchite, inoltre, da più di 300 illustrazioni a colori.