60417–60432 di 63547 risultati

Lapidarium

Le meditazioni ispirate ai viaggi, alle letture, agli incontri di uno dei maggiori reporter. Lapidi di pensiero, brani variegati che spaziano dalla pagina di diario alla critica di libri, cinema e musica, dalle interviste ad artisti all’incontro con la vicina di casa. Un collage che comprende valutazioni e opinioni proprie e altrui, suggerimenti per valutare i cambiamenti repentini del nostro tempo e trasmettere la memoria.

Lampi sulla storia

È nell’intreccio serrato dei rami che compongono l’albero della storia che possono esplodere le scintille tra passato e presente. Scintille che nascono dall’uso troppo rigido di categorie attuali applicate a fatti, eventi e personaggi di ieri; fiamme che rischiano di divampare quando il nostro sguardo non è scevro da pregiudizi e libero da tesi già confezionate; incendi che si propagano tra le sterpaglie del campo storico se l’analisi non supera il limite delle eccessive semplificazioni. La comprensione del presente passa da qui, dalla capacità di andare a ricercare cosa si nasconde dietro le apparenze, dalla volontà di andare oltre, e correggere, le forzature e le deformazioni del racconto storico, dall’essere in grado di riconoscere i capovolgimenti con cui il passato ci viene spesso presentato. Soffermandosi su figure centrali come Robespierre, Gramsci, De Gaulle, passando dai drammatici giorni del luglio ’43 che videro la caduta del Duce alla nascita dello Stato di Israele, dal processo a Socrate fino ai rapporti tra il papato e Lutero, Paolo Mieli ci propone in queste pagine un viaggio avvincente e rigoroso nella storia antica e recente, italiana e internazionale. Per sfatare falsi miti e incongruenze di giudizio alla luce di documenti inediti e proporre visioni spesso alternative a quelle ufficiali. Con la forte consapevolezza che le fiamme che ogni giorno divampano tra le fitte stoppie della storia devono essere domate, che i focolai accesi, spesso colpevolmente, non si estingueranno se non mettendo in campo tutto il rispetto per il passato e per la sua complessità.

(source: Bol.com)

Lady Moon (Fanucci Narrativa)

Vivian Gandillion ha sedici anni e vive in una famiglia non del tutto ‘normale’. E di sicuro non è semplice comportarsi come se niente fosse quando sei un licantropo. A Vivian piace il brivido della trasformazione, il dolore dolce e crudele che l’accompagna. Lei è talmente bella che tutti i suoi coetanei pendono dalle sue labbra. Ma il suo problema è che nulla riesce a farle superare la perdita del padre: ora che lui è scomparso, il branco è rimasto senza un capo. Vivian vorrebbe una vita normale. Ma un licantropo può davvero conoscere la normalità? Poi Vivian si innamora di un umano, Aiden, ‘un ragazzo in carne e ossa‘ come lo chiamano i suoi. È gentile e premuroso, niente a che vedere con i giovani del suo branco. Vivian sente di aver trovato quello giusto, crede di potergli rivelare la propria natura senza paura di vederlo fuggire a gambe levate. Ma quando un omicidio efferato sconvolge ancora una volta gli equilibri del branco, Vivian si ritrova di fronte a un bivio. In bilico fra due mondi, si sente estranea a entrambi. Chi o cos’è veramente? Qual è la sua vera natura? Sceglierà il sapore dei baci di Aiden o quello ancora più dolce del sangue?
**
### Sinossi
Vivian Gandillion ha sedici anni e vive in una famiglia non del tutto ‘normale’. E di sicuro non è semplice comportarsi come se niente fosse quando sei un licantropo. A Vivian piace il brivido della trasformazione, il dolore dolce e crudele che l’accompagna. Lei è talmente bella che tutti i suoi coetanei pendono dalle sue labbra. Ma il suo problema è che nulla riesce a farle superare la perdita del padre: ora che lui è scomparso, il branco è rimasto senza un capo. Vivian vorrebbe una vita normale. Ma un licantropo può davvero conoscere la normalità? Poi Vivian si innamora di un umano, Aiden, ‘un ragazzo in carne e ossa‘ come lo chiamano i suoi. È gentile e premuroso, niente a che vedere con i giovani del suo branco. Vivian sente di aver trovato quello giusto, crede di potergli rivelare la propria natura senza paura di vederlo fuggire a gambe levate. Ma quando un omicidio efferato sconvolge ancora una volta gli equilibri del branco, Vivian si ritrova di fronte a un bivio. In bilico fra due mondi, si sente estranea a entrambi. Chi o cos’è veramente? Qual è la sua vera natura? Sceglierà il sapore dei baci di Aiden o quello ancora più dolce del sangue?

Labirynth

Che cosa succede quando desideri qualcosa di tremendo e il tuo desiderio viene magicamente esaudito? E’ proprio questo che accade alla quindicenne Sarah. Il padre e la matrigna sono usciti e l’hanno lasciata in casa a badare al fratellino Toby, mentre fuori, nella notte, si scatena il temporale. Il bambino strilla, i tuoni e i fulmini si susseguono, e in un impeto di rabbia Sarah chiede ai folletti di toglierle di torno Toby urlante. E purtroppo i folletti l’ascoltano. Sarah piomba così in un turbine d’avventura. Se non raggiungerà entro tredici ore il centro del misterioso Labirinto, Jareth – l’affascinante e perverso Re dei Folletti – si terrà il piccolo Toby per sempre. Nel corso dell’imprevedibile e pericoloso viaggio alla ricerca del castello di Jareth, Sarah incontra personaggi fantastici, bizzarri, incredibili, alcuni dei quali le saranno amici, altri meno. Ma nessuno – gnomi, folletti, mostri, animali parlanti, oggetti animati – potrà aiutarla davvero, finché non raccoglierà dentro di sé il coraggio per sfidare l’imprevedibile e potente Re dei Folletti fin nel cuore del suo regno bizzarro.

La Volonta’ Dello Sceicco

La loro relazione non poteva finire in maniera peggiore. Per questo Lujayn Morgan non aveva mai immaginato che lo sceicco Jalal Aal Shalaan potesse ritornare nella sua vita, non dopo che lo aveva lasciato in quel modo. Sono trascorsi due anni, ma la passione che ancora li anima li porta a condividere una notte indimenticabile, che presto viene oscurata dall’ombra di uno scandalo che potrebbe far perdere a Jalal il diritto di successione al trono. Per un principe del deserto anche l’amore è una questione d’onore, e il matrimonio, in questo caso, sembra l’unica soluzione.

La volontà di sapere

“Questo volume apre una serie di studi che non pretendono di essere continui, né esaustivi; si tratterà di qualche sondaggio in un territorio complesso. Il sogno sarebbe un lavoro di lungo respiro, capace di correggersi a mano a mano che si sviluppa, aperto alle reazioni che suscita, alle congiunture che gli toccherà d’incontrare, e forse ad ipotesi nuove. I lettori che si aspettassero di apprendere in che modo per secoli la gente ha fatto l’amore, o come è stato vietato di farlo – problema serio, importante, difficile -, rischiano di restare delusi. Non ho voluto fare una storia dei comportamenti sessuali nelle società occidentali, ma trattare un problema molto più austero e circoscritto: in che modo questi comportamenti sono diventati oggetti di sapere? Come, cioè per quali vie e per quali ragioni, si è organizzato questo campo di conoscenza che, con una parola recente, chiamiamo la sessualità? Quel che i lettori troveranno qui è la genesi di un sapere – un sapere che vorrei riafferrare alla radice, nelle istituzioni religiose, nelle forme pedagogiche, nelle pratiche mediche, nelle strutture familiari, là dove si è formato, ma anche negli effetti di coercizione che ha potuto avere sugli individui, una volta che li aveva persuasi del compito di scoprire in se stessi la forza segreta e pericolosa di una sessualità”.
(dalla Prefazione dell’Autore all’edizione italiana)

La Voce Segreta

Cora deve aspettare ancora un anno per andare a scuola. Però è abbastanza grande per fare da sorella maggiore a due gemellini appena nati e anche per giocare con le bambine del vicinato, che le insegnano filastrocche e incantesimi. Grazie a una di queste magiche ricette riesce a far spuntare un paio di ali sulla schiena del suo gemello preferito: ali segrete, che i grandi non possono vedere e che le procurano ansie terribili, perché il fratellino non si comporta affatto come un angioletto. Ma quando Cora finalmente andrà a scuola e capiterà fra le grinfie della maestra Argia Sforza (detta Arpia Sferza), sarà proprio il monello alato a vendicare la sorella… Prefazione di Simona Vinci. Età di lettura: da 9 anni.

La voce di Bob Dylan

“Non mi aspetto di essere veramente capito, se non forse tra cent’anni” Bob Dylan L’opera di Bob Dylan nel contesto della sua cultura di provenienza: una biografia intellettuale e una esplorazione dei temi poetici, musicali, religiosi, politici e morali che animano la sua complessa produzione artistica. Bob Dylan è un nome in cui si incarna un’intera nazione di artisti: il moralista misantropo, il rivoluzionario conservatore, lo gnostico innamorato della creazione, il profeta di mutamenti e il talmudista di sventure. Negli ultimi anni Dylan non ha perso nulla della sua autorevolezza, anzi con i suoi ultimi album si è trovato più di una volta al primo posto nelle classifiche mondiali. La nuova edizione di questo libro, aggiornata e ampliata con una nuova introduzione e due nuovi capitoli, conferma l’importanza di Bob Dylan nel panorama culturale, e insieme testimonia una fedeltà critica e di pensiero, una costante riflessione su ciò che lega Dylan alla sua terra e alla sua cultura. Soprattutto, questo libro è il ritratto di Dylan come servitore della sua inimitabile voce, magnetica e incandescente, mitica e metamorfica, che per tanti e in tutto il mondo è stata una porta aperta sull’America, le sue strade e i suoi popoli, i suoi delitti e i suoi amori, cantati e attraversati in tutte le forme e tutti gli stili.

(source: Bol.com)

La voce del Monte Marzo

Cecilia Ferraris, investigatrice privata astemia e diplofonica, sa bene che Torino è la città più misteriosa d’Italia. Ma, quando viene chiamata a far luce sull’enigma del reparto montaggio di Mirafiori, non immagina certo che avrà a che fare con preti rossi e manager vampire, compositori prestati alla catena di montaggio e fantasmi con la erre moscia.
Uniche armi a sua disposizione, i gianduiotti… e l’amore!
Un racconto lungo, umoristico e romantico, ritmato dalla musica dei torrenti del Canavese.
**
### Sinossi
Cecilia Ferraris, investigatrice privata astemia e diplofonica, sa bene che Torino è la città più misteriosa d’Italia. Ma, quando viene chiamata a far luce sull’enigma del reparto montaggio di Mirafiori, non immagina certo che avrà a che fare con preti rossi e manager vampire, compositori prestati alla catena di montaggio e fantasmi con la erre moscia.
Uniche armi a sua disposizione, i gianduiotti… e l’amore!
Un racconto lungo, umoristico e romantico, ritmato dalla musica dei torrenti del Canavese.

La Voce Del Mare (eLit)

**ROMANZO INEDITO**
Non è facile rivivere il passato. Quando i fantasmi ritornano, i dolori e le delusioni rinascono più forti e crudeli. Samantha ha amato Adam, Adam ha amato Samantha, ma la vita li ha divisi. Sam è sopravvissuta, è rimasta sulla sua isola al largo della Florida, ha continuato il suo lavoro aiutata da pochi amici. Ma Adam ora è tornato. Perché? Per ferirla o per proteggerla? La vita di Samantha si trasforma in un incubo. Tutti nascondono qualcosa, perfino il mare che lei tanto ama.

La voce degli angeli

Joseph Calvin Vaughan ha dodici anni quando, nell’estate del 1939, sua madre lo prende da parte e gli dice che suo padre è morto di «reumatismo cardiaco». Come un vero figlio del Sud Joseph scaccia subito le lacrime, ma in cuor suo sa che non è stato il reumatismo a portarsi via suo padre, bensì la Morte, arrivata di soppiatto a High Road. Il 3 novembre 1939, perciò, quando in fondo a High Road viene ritrovato il corpo nudo di Alice Ruth Van Horne, Joseph sa subito che la Morte è venuta a prendere anche lei. Per Joseph, la Morte, gelida e spassionata, efficiente e metodica, ha deciso di riscuotere le imposte della vita ad Augusta Falls, ma per lo sceriffo Haynes Dearing la fine di Alice Van Horne è soltanto un orrendo crimine. Per nove mesi le raccomandazioni di Dearing sembrano funzionare, l’omicidio della ragazzina appare come un brutto sogno, un delitto consumato altrove e non nel seno della comunità. Il 9 agosto del 1940, però, a Silco, nella contea di Camden, Laverna Stowell, una bambina di nove anni, viene ritrovata proprio come Alice Ruth Van Horne, con indosso soltanto i calzini e una scarpa, al piede destro. L’anno dopo è il turno di Ellen May Levine, sette anni, denudata e percossa prima di essere uccisa. Spinto dalla paura e dalla necessità di reagire in qualche forma, Joseph Vaughan fonda coi suoi amici gli «Angeli Custodi», una specie di società segreta, volta a proteggere le bambine di Augusta Falls. Il confronto, però, è impari e i ragazzi assistono impotenti alla morte delle loro compagne, una dopo l’altra. La piccola comunità è devastata dai crimini e, anche quando gli omicidi cessano, il fantasma della Morte continua a perseguitare Joseph Vaughan. Occorreranno quindici lunghi anni prima che il capitolo finale della vicenda si dispieghi e Joseph affronti l’incubo che ha segnato la sua adolescenza e la sua vita.

La Vittima Silenziosa

**’Un thriller adrenalinico, pieno di colpi di scena.’
Robert Bryndza, autore di La donna di ghiaccio

I suoi più oscuri segreti sono sepolti nel passato.
Ma la verità non può essere nascosta a lungo.**

Emma è una moglie attenta, una madre amorevole e… un’assassina, seppure involontaria. Per anni ha tenuto nascosto il corpo senza vita del suo insegnante che, quando era solo una ragazzina, l’aveva sedotta. È un segreto che avrebbe dovuto rimanere sepolto per sempre, ma la promozione inaspettata di Alex, il marito di Emma, cambia tutto. Possono finalmente trasferirsi in una casa più grande con il loro bambino. Questo significa che Emma non può lasciare la vecchia casa senza essere sicura di aver distrutto ogni prova. Ed è così che raggiunge il giardino, con l’intenzione di disseppellire il cadavere e sbarazzarsene una volta per tutte. Quello che non può sapere è che, nel punto in cui avrebbe dovuto trovarsi il corpo, non c’è più nulla. Qualcuno deve averlo trovato. Sconvolta, Emma confessa tutto al marito. Ma è solo l’inizio dell’incubo. Perché Alex scopre cose di sua moglie che non avrebbe mai potuto immaginare. E che difficilmente riuscirà a dimenticare…

**N°1 in Inghilterra, Stati Uniti e Australia

A volte la verità può fare più male di qualunque bugia**

‘Un thriller adrenalinico, pieno di colpi di scena. Mi ha dato i brividi e ho adorato ogni minuto di questa lettura!’
Robert Bryndza, autore del bestseller La donna di ghiaccio

‘L’esempio perfetto di un thriller avvincente. Non riesci mai a capire quale sia la verità fino al finale sorprendente. Un romanzo fantastico.’
John Marrs, autore del bestseller La coppia quasi perfetta

‘Geniale e deliziosamente inquietante. Fate attenzione a iniziare la lettura solo quando sapete di potergli dedicare tutto il giorno, o non sarete in grado di posarlo.’
Sibel Hodge, autrice del bestseller Guarda dietro di te

‘Oscuro, scioccante e terribilmente intrigante.’
Mel Sherratt, autrice del bestseller La ragazza della porta accanto

Caroline Mitchell

è una detective della polizia che ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla scrittura, diventando in breve tempo un’autrice bestseller di ‘USA Today’. Lavorando a stretto contatto con le vittime di crimini violenti, ha sempre trovato di ispirazione la loro tenacia. Nata in Irlanda, vive nell’Essex con il marito e i tre figli. La vittima silenziosa è il suo primo libro pubblicato dalla Newton Compton.

(source: Bol.com)

La vittima

Nel sottobosco corrotto della Mala, capita che vicende apparentemente lontane finiscano tutte per convergere in un’unica storia a tinte fosche, di violenza e sangue. Nella Parigi dei primi anni Cinquanta, caratterizzata dallo stridente contrasto fra la riconquistata tranquillità borghese del dopoguerra e la frenetica attività dei traffici illeciti, gli scaltri Charlot ed Étienne controllano spietati il loro ricco commercio di droga; eppure qualcosa non sta andando per il verso giusto. Il carico di oppio in arrivo dall’Estremo Oriente è stato intercettato e Fredoli, il loro uomo a Marsiglia, deve rientrare in tutta fretta a Parigi. A peggiorare ulteriormente la situazione ci pensa lo squallido ispettore Bernard che ha scoperto tutto: per soddisfare le smanie avide della moglie che lo tiranneggia, ha deciso di vendersi, ricattando i malavitosi. Tuttavia niente andrà come previsto, e finirà per andarci di mezzo anche l’ignaro Edgar, ladruncolo da due soldi, vittima di una vita da perdente e perfetto capro espiatorio.

La Vita Vera

Tra i prefabbricati del Demo, c’è una casa che non è uguale a tutte le altre. Ha quattro stanze, una per i genitori, una per la sorella, una per il fratello e una per i cadaveri. È qui che lei, la sorella, una ragazzina di dieci anni, deve combattere con i mostri che la circondano: suo padre, violento e rivoltante, sua madre, inconsistente come un’ameba.
E poi ci sono gli animali impagliati che abitano nella «stanza dei cadaveri», frutto della forsennata passione paterna per la caccia, quasi animati da vita propria. Tutto nello squallore del Demo sembra trasformarsi in una feroce mattanza, persino l’abitudine di prendere un gelato dal carretto che suona il Valzer dei fiori.
E questa violenza penetra in Gilles, il fratellino adorato, e lo trasforma: la sua testa si riempie di «parassiti » e la dolcezza di sua sorella non riesce più a riscaldarlo. Ma lei non cede: con un’ostinazione incrollabile, fa appello a tutte le sue energie per salvarlo, non importa a che prezzo.
Un romanzo potente e delicato sulla forza e sulla resistenza di una donna, che è già tale anche se è poco più di una bambina. Rivelazione della Rentrée littéraire francese, oltre al Premio Fnac 2018 e al Renaudot des Lycéens, ha ricevuto grande attenzione dalla stampa, vendendo in pochi mesi 150 mila copie e raggiungendo il primo posto in classifica.
**
### Sinossi
Tra i prefabbricati del Demo, c’è una casa che non è uguale a tutte le altre. Ha quattro stanze, una per i genitori, una per la sorella, una per il fratello e una per i cadaveri. È qui che lei, la sorella, una ragazzina di dieci anni, deve combattere con i mostri che la circondano: suo padre, violento e rivoltante, sua madre, inconsistente come un’ameba.
E poi ci sono gli animali impagliati che abitano nella «stanza dei cadaveri», frutto della forsennata passione paterna per la caccia, quasi animati da vita propria. Tutto nello squallore del Demo sembra trasformarsi in una feroce mattanza, persino l’abitudine di prendere un gelato dal carretto che suona il Valzer dei fiori.
E questa violenza penetra in Gilles, il fratellino adorato, e lo trasforma: la sua testa si riempie di «parassiti » e la dolcezza di sua sorella non riesce più a riscaldarlo. Ma lei non cede: con un’ostinazione incrollabile, fa appello a tutte le sue energie per salvarlo, non importa a che prezzo.
Un romanzo potente e delicato sulla forza e sulla resistenza di una donna, che è già tale anche se è poco più di una bambina. Rivelazione della Rentrée littéraire francese, oltre al Premio Fnac 2018 e al Renaudot des Lycéens, ha ricevuto grande attenzione dalla stampa, vendendo in pochi mesi 150 mila copie e raggiungendo il primo posto in classifica.

La vita segreta della mente

Da dove vengono i nostri pensieri? In che modo prendiamo le decisioni e come formuliamo i giudizi nella vita di tutti i giorni? Che ruolo ha l’inconscio, in questo? C’è una reale distinzione tra le scelte istintive e quelle ponderate? In che cosa differisce il ragionamento di un bambino da quello di un adulto? Quali sono i confini di ciò che definiamo “identità”? E di che cosa è fatta davvero quella che il nostro cervello processa come “realtà esterna”? Che cosa la distingue dalla sostanza dei sogni? In vent’anni di studio ed esperimenti sul campo, Mariano Sigman è rimasto legato alla semplice idea che la ricerca scientifica si nutra di quello stesso sincero stupore dei bambini, che chiedono Perché? all’infinito. È questa la curiosità che anima questo libro, una ricognizione libera sulle conquiste presenti e le prospettive future delle neuroscienze, senza limitazioni di campo e disciplina: in queste pagine si incontrano psicologi, biologi, fisici, matematici, antropologi, linguisti, ingegneri, filosofi, medici. E anche cuochi, maghi, musicisti, scacchisti, scrittori, artisti… “La vita segreta della mente” ci spiega per esempio perché le persone bilingui sono meno a rischio di demenza, ci racconta come fanno i bambini a riconoscere a prima vista oggetti che hanno soltanto toccato, ci rivela perché i neonati sembrano avere già un innato senso del bene e del male e ci mostra, con viva commozione, i labirinti meravigliosi dei pensieri che si possono “tracciare” anche nei pazienti in stato vegetativo. E se spesso la scienza si fa filosofia e quasi poesia, in queste pagine, è forse perché, come ci spiega Sigman, parlare di neuroscienze significa affrontare l’estremo desiderio dell’uomo di capire se stesso: ogni tentativo di svelare i meccanismi della mente sfida l’intera rete delle nostre conoscenze e ci mette di fronte al misterioso specchio di ciò che siamo. Con ebook scaricabile fino al 30/06/2018.
**

La Vita Quotidiana Delle Cortigiane Nell’Italia Del Rinascimento: Le Seduttrici Che Fecero La Storia

Tra gli sfarzi della curia romana e nella frizzante Venezia del XV secolo non sono più solo gli uomini a farla da padroni. C’è una figura nuova, fresca e intrigante, che in breve si fa spazio nei salotti, entra nelle corti e diventa il fulcro della vita sociale di principi e nobili: la cortigiana, donna “onesta” che riusciva a procurarsi vere e proprie fortune per una sola notte d’amore. Paul Larivaille, attraverso i documenti e le testimonianze letterarie, ci descrive la scalata della cortigiana di successo attraverso la storia di Nanna, una ragazza che riesce a ottenere in breve casa, mobilio, abiti e denaro sapendo fingersi timida con gli spasimanti giusti. Dai trucchi di base – schiarirsi i capelli con olio e vino, o sbiancare i denti con un tovagliolo – fino ai mezzi più complessi – studiare versi a memoria, imparare a suonare il liuto – scopriamo quali erano le strategie femminili per avvicinare gli uomini più ricchi, ma soprattutto quelli ingenui. Un mestiere per niente semplice, che non consentiva distrazioni, basato su intelligenza, abilità, e un pizzico di fortuna, e che fece di queste donne l’elemento motore di un’intera società.