60145–60160 di 65579 risultati

Buona notte, amore

«Spogliami», le sussurrò Greyson. Le mani di Abby, impazienti, trafficarono con i bottoni della camicia, febbrilmente.
«Più in fretta», mormorò lui, mentre le sue mani percorrevano tutto il corpo di lei, facendola fremere di piacere.
Abby gli tolse i pantaloni e poi si chinò per aiutarlo a sfilare le scarpe e le calze. Oramai restava un solo indumento, e le mani di lei esitarono un istante, prima di decidersi a togliere anche quello.
Seguendo il suo impulso, Abby percorse con le labbra tutto il corpo di Greyson, dal torace fino all’addome, e poi più giù, fino alle gambe. La reazione dell’uomo fu assolutamente inaspettata: afferrò Abby alla vita e la fece distendere in terra, sul folto tappeto. Le tolse l’unico, minuscolo indumento che ancora indossava e la ricoprì, a sua volta, di baci, brevi baci brucianti, per tutto il corpo.
«Guardami», le disse piano, mentre si sdraiava su di lei. Gemendo, Abby lo guardò negli occhi…

Buona Apocalisse a tutti!

Presi separatamente Terry Pratchett e Neil Gaiman sono due semidivinità letterarie. Ma basta metterli insieme perché scoppi l’inferno! Sulla base delle profezie di Agnes Nutter, Strega, messe per iscritto nel 1655, il mondo finirà sabato prossimo. È per questo motivo che le temibili armate del Bene e del Male si stanno ammassando, che i Quattro Motociclisti dell’Apocalisse stanno scaldando i loro poderosissimi motori e sono pronti a lanciarsi per strada, e che gli ultimi due scopritori di streghe si preparano a combattere la battaglia finale. Tutto sembra proprio andare secondo il Piano Divino. Non fosse che un angelo un filo pignolo (ma giusto un filo, per carità) e un demone che apprezza la bella vita non fanno esattamente salti di gioia davanti alla prospettiva dell’incombente catastrofe cosmica¿
*Buona Apocalisse a tutti!* è una favola surreale e dark, eccessiva e divertentissima, che ricorda molto il miglior Douglas Adams e i Monty Python al culmine della loro follia creativa, e le cui lodi saranno cantate sino alla Fine dei Tempi da tutti: devoti e dannati.
**
### Sinossi
Presi separatamente Terry Pratchett e Neil Gaiman sono due semidivinità letterarie. Ma basta metterli insieme perché scoppi l’inferno! Sulla base delle profezie di Agnes Nutter, Strega, messe per iscritto nel 1655, il mondo finirà sabato prossimo. È per questo motivo che le temibili armate del Bene e del Male si stanno ammassando, che i Quattro Motociclisti dell’Apocalisse stanno scaldando i loro poderosissimi motori e sono pronti a lanciarsi per strada, e che gli ultimi due scopritori di streghe si preparano a combattere la battaglia finale. Tutto sembra proprio andare secondo il Piano Divino. Non fosse che un angelo un filo pignolo (ma giusto un filo, per carità) e un demone che apprezza la bella vita non fanno esattamente salti di gioia davanti alla prospettiva dell’incombente catastrofe cosmica¿
*Buona Apocalisse a tutti!* è una favola surreale e dark, eccessiva e divertentissima, che ricorda molto il miglior Douglas Adams e i Monty Python al culmine della loro follia creativa, e le cui lodi saranno cantate sino alla Fine dei Tempi da tutti: devoti e dannati.

Buon vento dell’ovest

Al tempo in cui gli inglesi erano l’unico baluardo in grado di fronteggiare lo strapotere napoleonico, Jack Aubrey, abilissimo ufficiale della Royal Navy, assume il comando di una piccola fregata, la Surprise, con l’incarico di far giungere in Indonesia un inviato di Sua Maestà britannica. Ma il viaggio, compiuto insieme all’inseparabile amico (nonché agente segreto ed erudito medico di bordo) Stephen Maturin, si rivelerà ben presto una delle traversate più difficili della sua carriera. Infatti, poiché il capo di Buona Speranza non è più in mano inglese, la Surprise dovrà scendere fino a incontrare il buon vento dell’ovest delle basse latitudini per compiere il periplo dell’Africa e affrontare poi l’oceano Indiano…

Buon Natale Gesù Bambino

Sette racconti e sette poesie per rievocare i Natali di un’infanzia lontana, quella di una grande scrittrice nell’Austria povera del dopoguerra. Piccole liti di vicinato, desideri modesti e desideri impossibili, convinzioni scosse da nuove certezze: i bambini di Christine Nöstlinger, raccontati con ironia e partecipazione, vivono un Natale molto diverso dai nostri, in cui l’immaginazione conta molto di più del numero di pacchetti accatastati sotto l’albero.

Bunny Lake è scomparsa

Blanche è un’ingenua ragazza madre che, lasciatasi alle spalle la provincia con le sue maldicenze, è venuta a New York convinta che il luccicante mondo dell’America urbana del secondo dopoguerra possa offrire a lei e a Bunny, la sua bambina, un futuro migliore. Per poter lavorare, ha affidato a malincuore la figlia a un asilo, ma quando il primo giorno va a riprenderla, Bunny non c’è, è scomparsa. E nessuno sa nulla di lei. Davanti all’ansia crescente di Blanche, la direttrice della scuola e la polizia reagiscono con compassione e al tempo stesso con diffidenza mentre si insinua il sospetto che Bunny non sia altro che il parto di una fantasia malata. Per la giovane donna è una discesa negli inferi di una metropoli che si rivela dura e scostante e scambia la sua disperazione per il linguaggio della follia. Ma sotto la sua apparente fragilità ed emotività si nasconde, senza che lei stessa ne sia cosciente, il temperamento di una leonessa pronta a tutto pur di ritrovare la sua creatura. E almeno il lettore starà dalla sua parte? Pubblicato nel 1957, questo classico thriller psicologico ha ispirato l’omonimo cult movie diretto nel 1965 da Otto Preminger con Carol Linley nel ruolo di Blanche, Laurence Olivier e il commediografo Noël Coward.

Bullfighting

«Roddy Doyle è un genio.»J.K. Rowling«Roddy Doyle ha ridefinito da solo, almeno su questa sponda dell’Atlantico, cosa debba intendersi per narrativa letteraria.»Nick Hornby«Roddy Doyle è un indagatore delle profondità più nascoste del cuore: dell’amore, della sofferenza e della sconfitta.»Joseph O’ConnorTredici affreschi dell’Irlanda di oggi. Tredici racconti che compongono una sorta di «romanzo corale», variazioni sul tema dell’inesorabile passare del tempo e della precarietà degli equilibri famigliari. Sullo sfondo, la crisi mondiale, la disoccupazione, l’incertezza per il futuro. Sono storie comuni, di persone comuni, nelle quali ciascuno si può rispecchiare. Roddy Doyle racconta le piccole delusioni quotidiane, il logorio della vita condivisa, uno scenario a tratti desolante, dove però c’è ancora spazio per ridere delle proprie debolezze, per sentirsi parte di qualcosa di speciale. C’è la storia di una coppia sposata da tempo, che sembra trovare in un cane l’ultimo motivo per stare insieme, finché anche quello non sparisce improvvisamente rimettendo tutto in discussione. E c’è un gruppo di amici dublinesi che durante una vacanza in Spagna continua a vivere come se fosse a casa, a parlare, ubriacarsi, fino al momento di epifania nell’arena, durante una corrida… Lo sguardo del narratore è pacato, disincantato ma compassionevole, nel comporre ritratti teneri e sconsolati, in cui la quotidianità e i sentimenti che appassiscono sono filtrati dall’inconfondibile senso dell’umorismo di Doyle, quel sorriso amaro ma autentico che è forse l’unico rimedio allo smarrimento.«Roddy Doyle lascia ogni volta i suoi lettori senza fiato.»The Sunday Times«Uno dei maggiori scrittori irlandesi viventi.»la Repubblica«Roddy Doyle è una specie di eroe nazionale. È colui che ha fatto conoscere al mondo la realtà dell’Irlanda d’oggi.»Irish Independent

Buio d’estate

Non ricorda nulla, Josefin. Camminava nel parco, poi è stata aggredita. Infine il buio. Quando guarda gli occhi di quella fragile quindicenne, violata nel corpo e nell’anima, Malin Fors vede gli occhi di sua figlia e sa di dover fare giustizia. Nel giro di pochi giorni, però, la situazione precipita: altre due adolescenti vengono aggredite e violentate. E, questa volta, Malin non può neppure guardarle negli occhi. Perché sono state uccise, i cadaveri abbandonati in riva al lago che costeggia Linköping, coperti soltanto di sabbia. Ma il caldo asfissiante che opprime la città sembra rallentare anche il corso delle indagini: prima i sospetti si appuntano su un gruppo di extracomunitari; poi, quando le analisi scientifiche certificano che il colpevole non può essere un uomo, gli investigatori si concentrano sulla comunità lesbica di Linköping. Scatenando così l’ira e l’indignazione dell’opinione pubblica, che non esita ad accusare la polizia di razzismo e d’intolleranza. Tuttavia Malin è l’unica a capire che, per fermare l’assassino, è necessario scavare in un passato oscuro e tormentato, lasciandosi guidare da quegli occhi: gli occhi delle vittime, ma anche dei colpevoli. Per ascoltare le loro storie, per vivere le loro paure, per conoscere le loro verità.

Bugie e tentazioni

Un affascinante libertino, una ragazza scozzese, un matrimonio obbligato con una svolta… imprevedibile.
Christy ha solo sette anni quando viene obbligata a sposare St. John Thornton – Sinjun per gli amici – un quattordicenne inglese. Per quindici anni, però, i due continuano la propria vita come se niente fosse fin quando Christy, ormai diventata una bellissima giovane, si trova costretta a consumare il matrimonio per evitare che un avido vicino la obblighi a chiedere l’annullamento e a sposare lui. Dovrà solo ritrovare St. John, sedurlo e tornare a casa incinta. Il tutto sotto falso nome, per non creare situazioni imbarazzanti a nessuno… Ma le basterà un ballo con l’affascinante libertino che è ora suo marito per capire cosa significa desiderare qualcuno. Quell’uomo sa dove baciarla, dove toccarla e come accenderle dentro un fuoco che solo lui può placare. Anche St. John è ammaliato dalla ragazza. Ignaro che sia sua moglie, si stupisce di avere ancora voglia di lei dopo ogni incontro, dopo ogni carezza, dopo ogni attimo di passione. E quando lei riparte senza salutarlo, ne è ferito e indignato. Poco dopo, alla notizia che la lontana consorte è incinta, Sinjun pensa di avere altri problemi e parte per la Scozia deciso ad annullare il matrimonio con un’adultera. Ma non sa ancora chi si ritroverà davanti…

Bugie

Per Julia Summers, essere prescelta da Eve Benedict, una delle ultime leggende di Hollywood, per scrivere la sua biografia autorizzata, rappresenta certamente l’apice della carriera, ma anche una sfida impegnativa, logorante, elettrizzante. Cinquant’anni della vita di Eve come donna e attrice le vengono offerti per la prima volta senza veli, senza menzogne, in tutta la loro stupefacente, esaltante, a volte crudele, realtà. La sua storia è come un copione gremito di personaggi, ognuno dei quali ha recitato un ruolo insostituibile, lasciando un segno, più o meno profondo, nella sua tormentata esistenza. Ma dopo tanti compromessi, dopo tante bugie, la verità può essere dolorosa. E pericolosa. Per Eve e per la stessa Julia…

Bugiarda: Una mente per amore. L’altra per vendetta

La chiesa sconsacrata di St Jerome, in un quartiere alla periferia di Londra, è un approdo sicuro per chi, come Jody, per miracolo è scampata a un passato difficile e ancora stenta a camminare con le proprie gambe. Dietro le sue vetrate dai mille colori, negli alloggi popolari ricavati sotto le ampie volte, la vita scorre apparentemente tranquilla. Fino a quando il giovane Abe, al termine di una serata romantica in compagnia proprio di Jody, finisce in coma per una caduta sospetta giù dalle scale. Tocca alla sorella Mags – inscalfibile e cinica avvocatessa in carriera, che da anni ha preferito tagliare i ponti con lui e con il resto della famiglia – accorrere al capezzale di Abe per decidere della sua sorte. Non prima, però, di aver capito cosa è accaduto davvero quella tragica notte. Perché tutti, ma proprio tutti a St Jerome, a partire dalla stessa Mags, hanno almeno un segreto da nascondere. E validi motivi per mentire.
Accolto con entusiasmo dai media e dai colleghi scrittori, *Bugiarda* è un thriller sorprendente e carico di tensione. Con un intreccio complesso e ingannevole quanto il cuore delle sue due protagoniste.
“Un’intricata, astutissima storia di ossessione e vendetta” – *Grazia*
“Compulsivo… il debutto di un’autrice dal talento impressionante” – *Sunday Mirror*
**
### Sinossi
La chiesa sconsacrata di St Jerome, in un quartiere alla periferia di Londra, è un approdo sicuro per chi, come Jody, per miracolo è scampata a un passato difficile e ancora stenta a camminare con le proprie gambe. Dietro le sue vetrate dai mille colori, negli alloggi popolari ricavati sotto le ampie volte, la vita scorre apparentemente tranquilla. Fino a quando il giovane Abe, al termine di una serata romantica in compagnia proprio di Jody, finisce in coma per una caduta sospetta giù dalle scale. Tocca alla sorella Mags – inscalfibile e cinica avvocatessa in carriera, che da anni ha preferito tagliare i ponti con lui e con il resto della famiglia – accorrere al capezzale di Abe per decidere della sua sorte. Non prima, però, di aver capito cosa è accaduto davvero quella tragica notte. Perché tutti, ma proprio tutti a St Jerome, a partire dalla stessa Mags, hanno almeno un segreto da nascondere. E validi motivi per mentire.
Accolto con entusiasmo dai media e dai colleghi scrittori, *Bugiarda* è un thriller sorprendente e carico di tensione. Con un intreccio complesso e ingannevole quanto il cuore delle sue due protagoniste.
“Un’intricata, astutissima storia di ossessione e vendetta” – *Grazia*
“Compulsivo… il debutto di un’autrice dal talento impressionante” – *Sunday Mirror*

Bufera d’amore

Buio e bufera di neve accompagnano il ritorno di Elinor Gibson alla casa in cui è nata. Ma, invece della tanto sospirata pace, trova qualcuno che le punta un coltello alla gola… Quale il suo sbalordimento nel riconoscere il vicino di casa, Miles Carew, ufficiale esperto in assedi, pluridecorato, di cui si era innamorata tanto tempo prima e dal quale rimane sorvegliata a vista per ragioni di prudenza, con le conseguenze che si possono ben immaginare. Lei però non riesce a credere che Miles ricambi il suo amore e teme che voglia sposarla solo per…

Bryan & Jase

Jase Rafferty è cresciuto nascondendo le sue curiosità in ambito sessuale, almeno finché non incontra Bryan Keating. L’orientamento sessuale di Bryan non è affatto un segreto, ed essere mandati assieme in una missione oltremare, permette ai due uomini di instaurare una solida amicizia. L’attrazione tra loro è innegabile, ma dopo una settimana piena di tensione sessuale devono separarsi e andare ognuno per la propria strada.

Un anno dopo, un incontro casuale dà loro un altro weekend assieme, anche se sanno entrambi che Jase non può rischiare la sua carriera militare o di mancare ai doveri nei confronti della sua famiglia per stare con Bryan.

Passano diversi anni prima che Jase finalmente accetti il perché della nostalgia disperata che gli pervade il cuore e il corpo. Ma quando la paura e l’odio minacciano di separarli, Jase deve prendere una difficile decisione, una che non è sicuro che lui e Bryan possano sostenere. Assieme, devono scegliere se affrontare la tempesta o se dirsi addio per sempre.

(source: Bol.com)

Brutti scherzi per l’87 distretto

Per i poliziotti, Halloween, notte di maledizione, vuol dire solo maledetti guai. Tanto che all’87’ Distretto hanno rinforzato i turni di servizio. Ma non abbastanza. Quattro bambini mascherati entrano in un negozio di alcolici, lo rapinano e uccidono il proprietario. Secondo i testimoni, avrebbero undici, dodici anni. Ma sono davvero bambini? E poi c’è qualcuno che si diverte a disseminare la città di pezzi di cadavere. Sarà una lunga giornata per gli uomini dell’87° Distretto, soprattutto per Meyer Meyer e Steve Carella.

Brutti incontri al chiaro di luna

Creta, 26 aprile 1944. Due ufficiali inglesi travestiti da tedeschi e tre partigiani cretesi rapiscono il generale Kreipe nei pressi di Villa Ariadne, la sua residenza ufficiale, e a bordo della sua automobile, come in un sogno, riescono a superare ventidue posti di blocco e a raggiungere le pendici del Monte Ida. Là si scatenerà una delle più epiche e rocambolesche cacce all’uomo di tutta la seconda guerra mondiale: venti giorni in fuga, braccati da migliaia di soldati, al termine dei quali, grazie all’aiuto della resistenza cretese, il commando lascerà miracolosamente l’isola alla volta del Cairo. Quei due ufficiali inglesi erano il capitano William Stanley Moss, detto Billy, un ragazzone di ventidue anni dai modi non proprio cordiali e che non sapeva una parola di tedesco, e il maggiore Patrick Leigh Fermor, detto Paddy, solo di qualche anno più vecchio, ma che già aveva attraversato a piedi l’Europa come un cavaliere errante e presto sarebbe diventato uno dei grandi scrittori di viaggio del Novecento. Molte storie sono state raccontate su questa impresa leggendaria – e Fermor stesso scrisse sull’episodio alcune pagine memorabili -, ma soltanto il libro di Moss permette di ricostruire dall’interno come siano andate veramente le cose: un resoconto asciutto e dettagliato dei fatti, annotati in forma di diario mentre stavano accadendo, che ancora oggi non ha perso nulla della sua forza romanzesca.
**

Brutta!

L’infanzia di Constance è stata devastata da una madre che la maltrattava fisicamente e la tormentava psicologicamente. Picchiata e lasciata senza cibo, privata di un letto in cui dormire e continuamente insultata a causa della sua presunta bruttezza, la piccola Constance ha persino chiesto ai servizi sociali di mandarla in orfanotrofio e, al loro rifiuto, ha tentato di suicidarsi bevendo candeggina, perché «sapevo che eliminava ogni genere di microbi e mia madre mi aveva sempre detto che ero un microbo». A tredici anni è stata semplicemente abbandonata dalla madre, che si è trasferita in un’altra casa, lasciandola senza elettricità, senza gas, senza cibo. Ma Constance ha trovato la forza per reagire, per sopravvivere lavorando e studiando, per continuare una vita iniziata ferocemente. Questa è la sua storia: straziante, ma alla fine trionfante.

Brum brum. 254.000 chilometri in Vespa

Fra il 1994 e il 1995, Giorgio Bettinelli inizia il suo viaggio dall’Alaska alla Terra del Fuoco e fra il 1995 e il 1996 attraversa in Vespa i 52.000 chilometri che separano Melbourne da Città del Capo. Dopo le mille vicende e gli incontri della prima tappa, Bettinelli si avventura in un viaggio durato oltre tre anni che dal Cile lo porta alla Tasmania, attraverso Americhe, Siberia, Europa e Africa.
**