59937–59952 di 68366 risultati

Lo Hobbit

La prima avventura di Bilbo Baggins, il giovane hobbit (creatura di bassa statura con piedi molto grandi) che assieme a un gruppo di nani esuli guidati dal re Thorin Scudodiquercia e dallo stregone Gandalf il Grigio affronta una spedizione il cui scopo è recuperare un grandioso tesoro. Da questa magica avventura Bilbo tornerà a casa con un anello magico dagli ignoti poteri, il cui valore e mistero verranno svelati nella saga fantasy più famosa di tutti i tempi: “Il Signore degli anelli”.

Live – Il coraggio di amare

I miracoli esistono e alle volte ci appaiono sotto forma di persone.
Un volo che porta da New York a Roma, lottare per quello che più si desidera, affrontare le proprie debolezze. Crescere. Ricominciare.
Elly, Ricky, Tommaso e Sara non si conoscono, non si sono mai incontrati, eppure il destino sta per bussare alla porta e unire per sempre le loro vite.
Lacrime.
Dolore.
Sogni infranti e cuori spezzati.
Troveranno il coraggio di amare ancora?
“Ti amo perché rappresenti la mia fine e dopo di te nulla sarà più così importante.”
** AVVERTENZE **
Live – Il coraggio di amare raccoglie quelli che sono stati i miei primi romanzi, la Serie Live: Ricomincio da me, Aspettavo noi, Il mio inizio e la mia fine, Stai con me. Le modifiche che troverete all’interno sono state apportate ai fini di avere una storia più fluida e con meno errori
**
### Sinossi
I miracoli esistono e alle volte ci appaiono sotto forma di persone.
Un volo che porta da New York a Roma, lottare per quello che più si desidera, affrontare le proprie debolezze. Crescere. Ricominciare.
Elly, Ricky, Tommaso e Sara non si conoscono, non si sono mai incontrati, eppure il destino sta per bussare alla porta e unire per sempre le loro vite.
Lacrime.
Dolore.
Sogni infranti e cuori spezzati.
Troveranno il coraggio di amare ancora?
“Ti amo perché rappresenti la mia fine e dopo di te nulla sarà più così importante.”
** AVVERTENZE **
Live – Il coraggio di amare raccoglie quelli che sono stati i miei primi romanzi, la Serie Live: Ricomincio da me, Aspettavo noi, Il mio inizio e la mia fine, Stai con me. Le modifiche che troverete all’interno sono state apportate ai fini di avere una storia più fluida e con meno errori

Lisistrata

L’ateniese Lisistrata ha convinto le donne di Atene, Sparta, Corinto e Beozia, stanche delle continue guerre, a rifiutarsi ai mariti, finché questi non concludano la pace. Le ateniesi, guidate da Lisistrata, hanno bloccato l’entrata all’Acropoli e l’accesso al tesoro ivi custodito. Vengono respinti gli attacchi di un gruppo di vecchi e di un minaccioso commissario, ma l’abilità e la fermezza di Lisistrata rischiano di essere rese vane dalla sensibilità delle altre donne alle lusinghe dei mariti. Ma alla fine sono gli uomini a cedere. Conclusa la pace, la riconciliazione degli elleni viene celebrata con un festino.
**

Lirael

Sono passati quattordici anni da quando re Petrus e Sabriel – la regina Abhorsen, custode del labile confine tra la Vita e la Morte – hanno sconfitto il malvagio Kerrigor. Sono stati anni di pace e di prosperità per l’Antico Reame, ma adesso una nuova, grande minaccia sembra levarsi dal Regno dei Morti. Messaggeri dalla vicina Ancelterra segnalano infatti l’avvistamento di gruppi di cadaveri misteriosamente tornati in vita, e strani fenomeni magici si stanno verificando nei pressi del Lago Rosso, fenomeni forse legati all’oscura opera di negromanti. Anche tra le Clayr – le veggenti che vivono nel ghiacciaio del Nord – c’è grande preoccupazione, perché qualcosa sta offuscando la loro capacità di osservare il futuro. I cinque baluardi che, da sempre, proteggono l’Antico Reame dagli attacchi delle forze del Male – il Muro, le Pietre, le Clayr, il Re, l’Abhorsen – stavolta appaiono impotenti e l’unica speranza sembra essere una ragazzina, Lirael, nelle cui vene scorre un antico retaggio. Lirael ha quattordici anni e vive nelle caverne ghiacciate delle Clayr; a differenza delle sue compagne, però, non ha il dono della Vista, e per questo conduce un’esistenza isolata e carica di amarezza. Abbandonata in tenera età dalla madre e senza aver mai conosciuto il padre, non può fare a meno di chiedersi chi sia veramente e quale sia il suo posto nel mondo.

Lipstick traces: Storia segreta del XX secolo

Un fantasma si aggira per il xx secolo: ha i capelli rossi e sparatidi Johnny Rotten, il monocolo di Tristan Tzara e lo sguardo visionario di Guy Debord. Chiamatelo Cabaret Voltaire. Chiamatelo potlatch. Chiamatelo punk. È la critica radicale e corrosiva alla società contemporanea, è il sovvertimento di ogni cultura ufficiale, è la palingenesi al vetriolo della musica rock. Tra il 1957, l’anno di nascita dell’Internazionale Situazionista nella piccola Cosio d’Arroscia, e il 1976, quando una scalcagnata band messa insieme dall’astuto proprietario di un negozio di abbigliamento sadomaso incide «Anarchy in the UK», non passano nemmeno vent’anni. Eppure tanto basta perché i semi gettati da surrealisti e dadaisti, e poi annaffiati dal situazionismo nel Maggio francese, germoglino nell’inno ufficiale della controcultura e della ribellione giovanile grazie a Malcolm McLaren e ai Sex Pistols. Greil Marcus ci riporta là, tra le provocazioni dei lettristi e le prime creste del punk, a cercare di ricostruire cosa spinse le nuove generazioni di quegli anni a dare vita a linguaggi rivoluzionari, estetiche provocatorie e stili di vita controcorrente. Quella di Marcus è una storia alternativa del secolo breve narrata attraverso le sue avanguardie: un racconto eccentrico e appassionante in cui si mescolano musica e immagini, Never Mind the Bollocks e Manifesto dadaista, Saint-Just e Michael Jackson, l’Inghilterra del Dopoguerra e la Parigi del Sessantotto.Con Lipstick traces il Saggiatore ripropone un classico della critica musicale contemporanea. Un errabondo viaggio attraverso il milieu elettrico del punk. Un’opera che indaga le connessioni underground tra le decadi, i movimenti e le forme artistiche del Novecento. Il tentativo di rendere il giusto tributo a quei quattro sfrontati ventenni che osarono gridare che Dio non può salvare la Regina, tantomeno noi. Ma che forse l’anarchia, almeno per un po’, può provare ad aiutarci.

Linea di sangue

Sam Roffe, il grande “patron”, muore improvvisamente durante una escursione alpina sopra Chamonix. L’inattesa notizia viene diffusa ai quattro angoli del mondo, ovunque ci sia un parente azionista o un dirigente della Roffe & Figli.
Che succederà ora della Società e di tutte le famiglie che le gravitano intorno?
La disgrazia è l’occasione per una spietata carrellata d’ambiente. Ecco Anna Roffe; a 35 anni, ancora vergine, ha voluto sposare Walther Gassner, di 13 anni più giovane, uno psicopatico che la tiene segregata in una stanza e infierisce crudelmente sui figli.
Ecco Sir Alee Nichols, Roffe per parte di madre, un aristocratico la cui moglie Vivian, ex ballerina, lo inizia ai pericolosi giochi di un forsennato erotismo.
Ecco Hélène, gelida bellezza, che brutalizza il marito in tutti i modi.
E Simonetta, moglie trascurata e umiliata di Filippo De Piani, uomo dalla doppia vita, l’amante di Donatella Spolini.
Ecco Elizabeth, unica figlia di Sam, l’unica che soffre la sua scomparsa, la sola che vuol difendere la società del padre contro tutti gli altri che vogliono cederla allo Stato.
Così impostati i giochi, sul grande palcoscenico del romanzo qualcuno bussa alla porta. È Hornung, il commissario. Dice che Sam non era solo, quel giorno, a Chamonix.
Qualcuno era andato con lui nell’ascensione. E intanto accadono fatti strani e terribili. Anche Elizabeth si sente minacciata…
Suspense, intreccio, passione, perversità, miseria e grandezza di un mondo sull’orlo della perdizione.

Line of Fire

Cosa si è disposti a fare per essere il migliore? Nathan Steevens non ha mai dovuto lavorare troppo per raggiungere i suoi obiettivi. Fin da bambino è stato “progettato” per essere un chirurgo. Nate non può permettersi di sbagliare e, quando il suo biglietto di sola andata verso l’olimpo delle leggende della medicina si presenta al suo ospedale, non può fare a meno di provare a convincerlo a farsi operare. Il suo paziente, però, non ha nessuna intenzione di accontentarlo.
Trevor O’Brian non credeva di tornare a casa così presto. La guerra lo ha piegato e nemmeno tutte le incitazioni, che ha ascoltato nel tempo dai suoi superiori, sono riuscite a farlo stare di nuovo in piedi. Ormai ex Navy Seal, è costretto su una sedia a rotelle e tale condizione lo mette sul cammino del dottor Steeven. Ma Trevor non vuole essere un mezzo, il caso clinico per aumentare l’ego smisurato di Nate.
Entrambi iniziano un gioco di attacco e resistenza, uno scambio sempre più aspro in cui nessuno dei due è disposto a far vincere l’altro. Solo che, a un certo punto, non è più un gioco e qualcosa di diverso inizia ad affiorare in superficie. Gli occhi di Trevor nascondono milioni di segreti e Nate è intenzionato a svelarli tutti. L’animo di Nathan è come una roccaforte e il soldato è intenzionato a espugnarla.
Nathan riuscirà a essere il migliore per Trevor? E il marine riuscirà a far scendere quel velo di accettazione che sembra ormai far parte della sua nuova condizione?

(source: Bol.com)

Lily e la Maledizione Del Rogo D’Autunno

Una bambina molto speciale si deve confrontare con una terribile maledizione che impone un tributo di sangue innocente.Questo racconto inaugura la serie “Frammenti di Luce”, una serie di spin off delle “Cronache delle Guerre Celesti” dove verranno esplorati gli angoli più luminosi di questo universo narrativo.Progetto e realizzazione grafica di copertina di Gabriel Wolf

Libro di candele

Fulminanti ritratti di uomini noti e meno noti, poeti, musicisti, scrittori, comandanti, filosofi, profeti e re, astronomi e imperatori, storici e santi, eroi. Baroncelli riesce a cogliere il tratto essenziale delle loro esistenze, e in brevi schizzi ci restituisce vite vere e palpitanti.

(source: Bol.com)

Libri, Amori E Segreti. Gennaio

**Unisciti al gruppo di lettura: sei donne che si incontrano regolarmente per parlare di libri**
Le sei donne del villaggio in riva al mare di Little Sanderton aspettano con ansia il loro appuntamento con il gruppo di lettura per parlare del loro amore per i libri.
Anne-Marie è sempre stata fiera delle sue abilità di Cupido, anche se ad essere sinceri ha avuto solo un successo vero e proprio come creatrice di coppie. Quest’anno è determinata a fare di meglio: ogni single di Little Sanderton dovrà essere aiutato a trovare l’anima gemella. Ma nonostante la sua insistenza per dare consigli agli altri, la vita di Anne-Marie non potrebbe essere più lontana da una fiaba. Schiacciata dalle preoccupazioni per il suo burbero padre e le difficoltà della sua attività economica, non ha proprio tempo per l’amore. Le sue amiche del gruppo di lettura sapranno sicuramente aiutarla: dopotutto, l’amore può essere trovato nei posti più impensabili…
**Questo gennaio il bookclub commenterà *Emma* di Jane Austen… Ma chi ha tempo per la fantasia quando l’amore è nell’aria?**
**Della Parker**
vive in un villaggio del Dorset con i suoi due cani. Prima di diventare scrittrice ha lavorato come manager del servizio clienti per una compagnia idrica. Quando non è impegnata a scrivere ama correre maratone e andare in palestra. Sfortunatamente, non ha tempo di dedicarsi a questi hobby quanto vorrebbe, perché preferisce di gran lunga scrivere.
**
### Sinossi
**Unisciti al gruppo di lettura: sei donne che si incontrano regolarmente per parlare di libri**
Le sei donne del villaggio in riva al mare di Little Sanderton aspettano con ansia il loro appuntamento con il gruppo di lettura per parlare del loro amore per i libri.
Anne-Marie è sempre stata fiera delle sue abilità di Cupido, anche se ad essere sinceri ha avuto solo un successo vero e proprio come creatrice di coppie. Quest’anno è determinata a fare di meglio: ogni single di Little Sanderton dovrà essere aiutato a trovare l’anima gemella. Ma nonostante la sua insistenza per dare consigli agli altri, la vita di Anne-Marie non potrebbe essere più lontana da una fiaba. Schiacciata dalle preoccupazioni per il suo burbero padre e le difficoltà della sua attività economica, non ha proprio tempo per l’amore. Le sue amiche del gruppo di lettura sapranno sicuramente aiutarla: dopotutto, l’amore può essere trovato nei posti più impensabili…
**Questo gennaio il bookclub commenterà *Emma* di Jane Austen… Ma chi ha tempo per la fantasia quando l’amore è nell’aria?**
**Della Parker**
vive in un villaggio del Dorset con i suoi due cani. Prima di diventare scrittrice ha lavorato come manager del servizio clienti per una compagnia idrica. Quando non è impegnata a scrivere ama correre maratone e andare in palestra. Sfortunatamente, non ha tempo di dedicarsi a questi hobby quanto vorrebbe, perché preferisce di gran lunga scrivere.

Libertà

«Libertà, come il precedente Le correzioni, è un capolavoro del romanzo americano. Non si limita a raccontarci una storia avvincente: la profonda intelligenza morale del suo autore inonda di luce nuova il mondo che crediamo di conoscere». The New York Times Book Review «Se Libertà non è il Grande Romanzo Americano, onestamente non so cosa possa esserlo. La ragione per celebrarlo non è che fa qualcosa di nuovo, ma che fa qualcosa di antico, qualcosa che si credeva morto, e lo fa alla grande». The Telegraph Walter e Patty erano arrivati a Ramsey Hill come i giovani pionieri di una nuova borghesia urbana: colti, educati, progressisti, benestanti e adeguatamente simpatici. Fuggivano dalla generazione dei padri e dai loro quartieri residenziali, dalle nevrosi e dalle scelte sbagliate in mezzo a cui erano cresciuti: Ramsey Hill (pur con certe residue sacche di resistenza rappresentate, ai loro occhi, dai vicini poveri, volgari e conservatori) era per i Berglund una frontiera da colonizzare, la possibilità di rinnovare quel mito dell’America come terra di libertà «dove un figlio poteva ancora sentirsi speciale». Avevano dimenticato però che «niente disturba questa sensazione quanto la presenza di altri esseri umani che si sentono speciali». E infatti qualcosa dev’essere andato storto se, dopo qualche anno, scopriamo che Joey, il figlio sedicenne, è andato a vivere con la sua ragazza a casa degli odiati vicini, Patty è un po’ troppo spesso in compagnia di Richard Katz, amico di infanzia del marito e musicista rock, mentre Walter, il timido e gentile devoto della raccolta differenziata e del cibo a impatto zero, viene bollato dai giornali come «arrogante, tirannico ed eticamente compromesso». Siamo negli anni Duemila, quelli della presidenza Bush e dell’operazione Enduring Freedom, anni in cui negli Stati Uniti (e non solo…) la libertà è stata come non mai il campo di battaglia e la posta in gioco di uno scontro il cui fronte attraversa tanto il dibattito pubblico quanto le vite delle famiglie. Che si combattano guerre imperiali o guerre domestiche, in gioco c’è sempre la libertà e il senso da dare a questa parola. Nove anni dopo Le correzioni, Jonathan Franzen torna con un romanzo spietato e divertente, un vasto affresco storico capace di un’umanissima, malinconica attenzione per il dettaglio: una riflessione sulla libertà e sulle cose cui siamo disposti a rinunciare per essa, sull’ambiguità di un diritto che a volte si fonda sulla sopraffazione dell’altro, sulle catene che ci imprigionano e su quelle che in realtà ci rendono più liberi. Ma questo è anche un romanzo sul matrimonio, su ciò che ci lega a un’altra persona, e sulla politica, che è ciò che ci lega a tutti gli uomini. Sul desiderio e il risentimento, sull’invidia che fonda le amicizie, sul conformismo della società di massa e sulle aspettative deluse: tutte cose che, a ben vedere, sono modi diversi di pensare la libertà.

Liberi Nel Vento

Un’amicizia speciale tra una ragazza e il suo cavallo Mika è stata rimandata a settembre e invece di andare in campeggio con l’amica del cuore, le toccherà trascorrere l’estate con la nonna, che vive in una fattoria.
In compagnia di Sam, il garzone di scuderia, Mika passa le giornate a spalare letame finché un giorno incontra Windstorm, uno stallone scontroso e imprevedibile come il Vento dell’Est. Un caso irrecuperabile… proprio come Mika.
Tra i due nasce un’intesa profonda: Mika pensa qualcosa, lui lo esegue. In sella al suo cavallo, Mika non deve fare altro che immaginare di superare un ostacolo perché Windstorm spicchi il volo.
Ma per volare davvero, liberi nel vento, Mika e Windstorm dovranno imparare a credere l’una nell’altro e riscrivere insieme il loro destino.

Liberi di crederci

Liberi di crederci: Informazione, internet e post-verità by Quattrociocchi Walter, Vicini Antonella
La verità è un concetto labile e sfuggente che coesiste con un essere umano emotivo e imperfetto, limitato nelle sue capacità conoscitive. L’avvento di internet, e soprattutto dei social network, ha facilitato l’accesso a una grande massa di informazioni senza mediazioni, e ha generato l’illusione che questa porta d’ingressoconducesse alla conoscenza, fino ad allora prerogativa delle élite. La rete però sta tradendo le aspettative di molti, producendo, più che un’intelligenza, una disinformazione pericolosa (e spesso strumentalizzata) e una grave radicalizzazione nell’opinione pubblica. Così, a colpi di paradossi e cortocircuiti, il World EconomicForum nel 2013 ha inserito la disinformazione nella lista delle minacce globali, molte delle quali (da Trump alla Brexit, fino ai movimenti antivaccinisti) sembrano oggiaver preso forma; e secondo l’autorevole Oxford Dictionary, “post-truth” è diventata la parola del 2016.

Liberazione

Dicembre 1944. L’armata rossa sta per completare l’accerchiamento di Budapest. L’antivigilia di Natale una ragazza di venticinque anni, Erzsébet, che già da mesi vive braccata, sotto falsa identità, riesce a trovare un nascondiglio per il padre: il vecchio, un celebre scienziato a cui gli squadroni fascisti delle croci frecciate danno la caccia, verrà murato, insieme ad altre cinque persone, in una cantina grande quanto una dispensa. Erzsébet, invece, scenderà nello scantinato del palazzo dove vive, insieme a tutti gli abitanti di quello e di altri palazzi dei dintorni. Ci rimarranno per quattro settimane, quanto durerà il terribile assedio, mentre sopra le loro teste infuriano i combattimenti. In quel mondo sotterraneo maleodorante e caotico, in una “promiscuità da porcile”, mentre fra la gente ammassata sui materassi si scatenano tensioni sempre più acute, Erzsébet aspetta “qualcosa”. Qualcosa che si riassume in una parola: liberazione. Tra poco i russi saranno qui, pensa, e tutto cambierà. Finalmente, nella notte fra il 18 e il 19 gennaio, vedrà la sagoma del primo russo stagliarsi sotto la porta: ma quell’incontro sarà ben diverso da come se l’era immaginato. Scritto in meno di tre mesi nell’estate del 1945 e rimasto inedito fino al 2001, il romanzo è una testimonianza bruciante dell’orrore che un’intera città ha vissuto nei mesi dell’assedio dei sovietici, dei bombardamenti degli Alleati, sottoposta ai rabbiosi rastrellamenti degli sconfitti.