59521–59536 di 74503 risultati

Abbiamo trasmesso

L’ospite di uno spettacolo radiofonico è avvelenato in diretta durante la reclame di una bevanda. La pubblicità negativa, e l’esiguo conto in banca, portano Nero Wolfe ad accettare il caso – e ad incontrare per la prima volta un misterioso criminale.

Abarat: giorni di magia, notti di guerra

###
Il viaggio oltre ogni immaginazione non è ancora terminato. Sono trascorsesolo otto settimane da quel giorno in cui una tempesta ha scagliato CandyQuackenbush da Pollipoli, la cittadina del Minnesota in cui vive, su Abarat,il magico arcipelago in cui ogni isola è una diversa Ora del giorno, e le Oresono venticinque. Otto settimane che l’hanno cambiata: Candy avverte dentro disé una forza che non avrebbe mai pensato di possedere, ha pronunciato paroledi potere che una qualunque ragazza dell’Altromondo non dovrebbe conoscere. Manel tempo in cui ha viaggiato tra le Ore Candy ha cominciato a capire: èAbarat, al quale per una ragione che ancora non riesce a comprendere si senteindissolubilmente legata, che la sta cambiando.

A. I – Era spaziale

Charles Henneberg, russo d’origine, parigino d’adozione, autore anche di “La nascita degli Dei” che i nostri lettori conoscono per essere stato pubblicato in questa collezione, è scomparso improvvisamente l’anno scorso, giovane ancora. Questa sua opera postuma, è senz’altro fra i migliori romanzi di fantascienza che siano stati scritti fino ad oggi su quegli esseri dell’avvenire che non appartengono del tutto al regno della fantascienza: i mutanti. La poesia, la chiaroveggenza, l’impeto quasi delirante che accompagna le parole dell’autore, si fonde mirabilmente con la penetrazione psicologica di questi esseri ancora umani e nello stesso tempo non più umani, dotati di straordinarie facoltà percettive, di genio, di precocità, e anche di un metabolismo differente dal nostro. Attraverso la mente di Nan de Nasis, una mutante di diciotto anni che possiede la facoltà di “ricordare” passato e avvenire, il romanzo fa rivivere il mito favoloso dell’Atlantide, il mondo scomparso del quale Nan fu l’ultima Profetessa, e fa seguire “in anticipo” l’avventura del Temerario, un’astronave che vola verso Andromeda, il satellite artificiale distrutto da misteriose scosse orbitali, che un gruppo di pionieri va a ricostruire. Attorno alla figura di Nan si muovono altri personaggi, umani, con le loro passioni, e creature mitiche a mezzo fra l’angelo e il demonio. E a tutti Henneberg ha dato vita, fascino e vigore di creature vere.
Copertina di: Carlo Jacono

A pesca nelle pozze più profonde. Meditazioni sull’arte di scrivere racconti

“A un certo punto del mio apprendistato mi misi in testa che, se volevo diventare un bravo scrittore di racconti, dovevo imparare a pescare”. Un’educazione letteraria e sentimentale. Paolo Cognetti, apprezzato scrittore italiano di racconti, si confronta con i grandi maestri di questo genere. Come si fa a scrivere un grande racconto? Cosa c’è dietro il lavoro quotidiano sulla pagina? Qual è il prezzo da pagare per riuscire a racchiudere il mondo in venti cartelle? Da Raymond Carver a Ernest Hemingway, da J.D. Salinger a Alice Munro, da John Cheever a Flannery O’Connor, Cognetti ci prende per mano trascinandoci nelle vite interiori e nelle botteghe di questi autori. A un certo punto ci sembrerà di sentire di cosa è fatto il lungo e duro tirocinio che può portare a capolavori come “I quarantanove racconti” di Hemingway o “Nemico, amico, amante…” della Munro. Non solo la tecnica, ma la disposizione d’animo, l’ostinazione, lo stare al mondo cercando di non esserne schiacciati. Il tutto per riuscire a “pescare”, dalle pozze più profonde, almeno una gemma piena di luce. Un libro sull’arte di raccontare storie…
**

A futura memoria

Parigi, ottobre 1961: per la Francia è un’epoca di grandi capovolgimenti e di grandi scelte. Che lo vogliano o no, i francesi sono costretti a schierarsi. Ma non Thiraud, un modesto professore di storia, che ha l’unico torto di passare vicino a una manifestazione di algerini in rivolta. Lo scontro tra polizia e dimostranti ha lasciato a terra centinaia di vittime. A queste, si aggiunge Thiraud.

A ciascuno il suo capestro

Steve Harmas, giornalista americano, non riesce a dimenticare Netta, una cabarettista conosciuta durante un soggiorno a Londra. Passano gli anni e un giorno Steve legge su un giornale che una cavalla di nome Netta è iscritta a una corsa. Il sentimentale giornalista decide di puntarla. Vince e si trova tra le mani una bella somma. Agendo d’impulso sale sul primo aereo per Londra, deciso a ritrovare la donna. Ma nella capitale inglese ad attenderlo c’è una brutta sorpresa. Netta, poche ore prima del suo arrivo, si è tolta la vita. Il giornalista si trasforma subito in detective e più indaga, più scopre ombre nella tragica vicenda. Il percorso di Steve per arrivare alla verità è difficile… disseminato di cadaveri e lui stesso rischia la vita. Ma, nello stile di Chase, arriverà il gran finale a sorpresa. Un Chase d’annata e al meglio.

A CAVALLO DEL DESTINO

SERIE TRAVOLGENTII ATTIMI A CAVALLO DEL DESTINO Dana Landry ha una vita dai ritmi frenetici. Divorziata da due anni, ha un lavoro molto impegnativo e una figlia a cui dovrebbe dedicare piu’ attenzioni. Forse anche per questo rimane stupita quando la bambina, di solito molto introversa, fa amicizia con l’affascinante Will, durante una lezione di equitazione. La piccola sembra legarsi molto a lui e, a dire tutta la verita’, anche a Dana l’uomo non e’ del tutto indifferente.

A Caccia Di Un Miliardario

L’uomo a lungo cercato sta per atterrare al locale campo di aviazione e ha finalmente un nome. E’ Tobias: miliardario, erede dell’eccentrica dimora di Woodlands e nuovo padrone di casa di Felice…Lei deve convincerlo a rinnovarle il contratto d’affitto. Il sistema? Semplice….

51 poesie

Emily Dickinson è considerata la più grande poetessa americana del suo secolo. Le sue 1775 liriche, quasi tutte pubblicate postume, sono il diario intenso di una sensibilità nuda che vede sempre l’universale nel quotidiano, che considera la vita alla presenza dell’infinito, si interroga sui paradossi della fede dei padri e annuncia la propria indipendenza da ogni condizionamento. Si scopre così un’autrice che, nel sentire tutto con inaudita intensità, inventerà una forma poetica irripetibile per comunicare la sua percezione del mondo.

44 microstorie di fantascienza

Nota: prima parte di “100 Great Science Fiction Short Short Stories”, la seconda è in “[Microfantascienza – altre 44 storie](https://www.goodreads.com/book/show/15826867.Microfantascienza___altre_44_storie “Microfantascienza – altre 44 storie”)”
“In ogni buon racconto, lungo o breve che sia, c’è sempre un nocciolo, un punto essenziale. Il lettore può non cercarlo consapevolmente, ma se non c’è ne sentirà la mancanza. Nei racconti lunghi e complessi, il nocciolo per essere occultato sotto strati di accessori: intrecci complicati, sottotrame, descrizioni, dissertazioni. Ma nel racconto breve tutto viene eliminato tranne il nocciolo, che si presenta al lettore senza orpelli, e come un ago soffiato da una cerbottana resterà conficcato in lui a lungo. Ecco qui una cinquantina di aghi, ciascuno lanciato dalla cerbottana di un maestro in questo campo” (dall’introduzione di Isaac Asimov)
Indice:
Isaac Asimov – Un colpo di mano (A Loint of Paw, 1957)
Larry Niven – Il giocattolo (Plaything, 1974)
Charles E. Fritch – Il biscotto della sfortuna (The Misfortune Cookie, 1970)
Bill Pronzini – Posso volere, voglio potere (I Wish I May, I Wish I Might, 1973)
George R.R. Martin – FTL (FTL, 1974)
Jerome Bixby – Infinitesima traccia (Trace, 1964)
Ambrose Bierce – L’ingegnoso patriota (The Ingenious Patriot, 1924)
Edward D. Hoch – Zoo (Zoo, 1958)
Alexei Panshin – Il destino di Milton Gomrath (The Destiny of Milton Gomrath, 1967)
Martin Gardner – Il diavolo e il trombone (The Devil and the Trombone, 1948, 1975)
Steven Utley – Il parvenu (Upstart, 1977)
Gregory Benford – Come tutto finì (How It All Went, 1976)
Richard Wilson – Harry Protagonist, drenatore di cervelli (Harry Protagonist, Brain Drainer, 1965)
Robert F. Young – Tom l’indiscreto (Peeping Tommy, 1965)
Robert Sheckley – Partendo da zero (Starting from Scratch, 1970)
Roger Zelazny – Corrida (Corrida, 1968)
Frederik Pohl – La micidiale missione di Phineas Snodgrass (The Deadly Mission of Phineas Snodgrass, 1962)
Laurence Mark Janifer – Un’offerta migliore (Fire Sale, 1964, 1968)
Larry Niven – Garantita contro ogni rischio (Safe at Any Speed, 1967)
James Blish – Le maschere (The Masks, 1959)
Joanna Russ – Ingenuità (Innocence, 1975)
Richard Wilson – Parentele (Kin, 1962)
Ray Russell – La lunga notte (The Long Night)
Edward Wellen – Babbo Natale (Sanity Clause, 1975)
Charles E. Fritch – Se non funziona subito, che vada all’inferno! (If at the First You Don’t Succeed [, To Hell With It!], 1972)
Laurence Mark Janifer – La domanda (The Question, 1963, 1968)
Robert Sheckley – La donna perfetta (The Perfect Woman, 1953)
Ben Bova – Il sistema (The System, 1968)
Isaac Asimov – Esilio all’inferno (Exile to Hell, 1968)
Fred Saberhagen – Marta (Martha, 1976)
Fritz Leiber – Kindergarten (Kindergarten, 1963)
Karen Anderson – Paesaggio con sfingi (Landscape with Sphinxes, 1962)
Bob Shaw – Primo e unico giorno di scuola (The Happiest Day of Your Life, 1970)
William F. Nolan – I mondi di Monty Willson (The Worlds of Monty Willson, 1971)
Frederik Pohl – Pulcinella (Punch, 1962)
Henry Slesar – Il professore (Doctor, 1960)
Dannie Plachta – L’uomo del futuro (The Man from When, 1966)
Edward Rager – Il salice piangente (Crying Willow, 1973)
Hayford Peirce – Supremazia postale (Mail Supremacy, 1975)
Larry Niven – L’errore (Mistake, 1976)
Walter Tevis – Lontano da casa (Far from Home, 1958)
James Edward Sutherland – Spade di Ifthan (Swords of Ifthan, 1973)
Joe L. Hensley – Sangue d’argento (Argent Blood, 1967)
Roger Zelazny – Manie di collezionisti (Collector’s Fever, 1964)
Copertina di Karel Thole

4 3 2 1

A volte per raccontare una vita non basta una sola storia. Il 3 marzo 1947, a Newark, nasce il primo e unico figlio di Rose e Stanley: Archie Ferguson. Da questo punto si dipanano quattro sentieri, le quattro vite possibili, eppure reali, di Archie. Campione dello sport o inquieto giornalista, attivista o scrittore vagabondo, le sue traiettorie sono diverse ma tutte, misteriosamente, incrociano lei, Amy.

‘La scrittura di Auster è piena di gioia, anche nei passaggi piú drammatici’.
NPR

‘Un romanzo in cui perdersi’.
‘The New York Review of Books’

Cosa sarebbe stato della nostra vita se invece di quella scelta ne avessimo fatta un’altra? Che persone saremmo oggi se quel giorno non avessimo perso il treno, se avessimo risposto al saluto di quella ragazza, se ci fossimo iscritti a quell’altra scuola, se Ogni vita nasconde, e protegge, dentro di sé tutte le altre che non si sono realizzate, che sono rimaste solo potenziali. E cosí ogni individuo conserva al suo interno, come clandestini su una nave di notte, le ombre di tutte le altre persone che sarebbe potuto diventare. La letteratura, e il romanzo in particolare, ha da sempre esplorato la ‘vita virtuale ‘: non la vita dei computer, ma i destini alternativi a quelli che il caso o la storia hanno deciso, quasi che attraverso la lettura si riesca a fare esperienza di esistenze alternative. Paul Auster ha deciso di prendere alla lettera questo compito che la letteratura si è data: e ha scritto il suo capolavoro. 4 3 2 1 è il romanzo di tutte le vite di Archie Ferguson, quella che ha avuto e quelle che avrebbe potuto avere. Fin dalla nascita Archie imbocca quattro sentieri diversi che porteranno a vite diverse e singolarmente simili, con elementi che ritornano ogni volta in una veste diversa: tutti gli Archie, ad esempio, subiranno l’incantesimo della splendida Amy. Auster racconta le quattro vite possibili di Archie in parallelo, come fossero quattro libri in uno, costruendo un’opera monumentale, dal fascino vertiginoso e dal passo dickensiano, per il brulicare di vita e di personaggi. Ma c’è molto altro in 4 3 2 1: c’è la scoperta del sesso e della poesia, ci sono le proteste per i diritti civili e l’assassinio di Kennedy, c’è lo sport e il Sessantotto, c’è Parigi e c’è New York, c’è tutta l’opera di Auster, come un grande bilancio della maturità, e ci sono tutti i maestri che l’hanno ispirato, c’è il fato e la fatalità, c’è la morte e il desiderio.

‘Ricorda Le avventure di Augie March e Pastorale americana’.
‘San Francisco Chronicle’

‘4 3 2 1 è il risultato di un’ambizione vertiginosa e di una maestria artigianale unica. Una costruzione grandiosa di storie alternative e complementari’.
‘The New York Times Book Review’

(source: Bol.com)