59217–59232 di 65579 risultati

I Pitard

I guai per il capitano Lannec cominciano quando sua moglie, Mathilde Lannec nata Pitard, insiste per accompagnarlo da Rouen ad Amburgo, e di là in Islanda, sul piccolo mercantile ch’egli ha acquistato con l’aiuto dei suoceri. Con lei salgono a bordo la grettezza, la presunzione, l’avidità dei Pitard. E un’aria di sospetto, sempre più tesa e ossessiva, dosata con quella maestria che soltanto Simenon possiede. Parallelamente, cornice e insieme sostanza del dramma, le gelide onde dell’Atlantico del Nord minacciano dapprima, poi esplodono nella loro furia divoratrice d’uomini. I più autorevoli giornali francesi hanno salutato I Pitard come un capolavoro.

I Pilastri Della Cattedrale

**«Superbo, leggendario, geniale, imperdibile!»
Un grande romanzo storico
Era un luogo sacro
Nessuno doveva conoscerne il segreto
Roma, XIII secolo.**
L’abbazia di Farfa, seconda per potenza solo a San Pietro, è guidata da Gregorio da Urbino, uno spregiudicato protagonista degli intrighi politici di Roma, inviso sia al papa che all’imperatore Federico II. L’abate, noto per essere tanto spietato quanto scaltro, tiene legato a sé un giovane di umili origini, Dante, che usa come pedina per i suoi raffinati complotti. Dante è così costretto a partecipare alle sue losche trame ma, grazie alle sue abilità, riesce ad avvicinare il potente Luca Savelli, fedele al papa e avversario di Gregorio, fino a conquistarne la fiducia. Man mano che Gregorio acquista potere, minacciando persino di rovesciare il Vaticano con un esercito abilmente radunato, il giovane si troverà a dover compiere delle scelte sempre più difficili tra la fedeltà al suo mentore e la gratitudine per l’amicizia di Savelli. Ma Dante non sa che il destino ha qualcosa di molto, molto grande in serbo per lui.
**Un abate scaltro e spietato 
Una nobile famiglia fedele al papa
Tra intrighi e vendette, la difficile ascesa di un giovane nella lotta per il potere 
Le atmosfere di *I pilastri della terra* incontrano quelle di *Il nome della rosa* per un grande esordio letterario**
**Massimo Aureli**
È appassionato di archeologia e di storia antica fin da ragazzo, ama fare ricerche su personaggi e luoghi storici meno conosciuti. L’interesse per la scrittura è cresciuto dopo aver lavorato nella biblioteca comunale del paese in cui vive. Mentre approfondiva lo studio di alcune famiglie romane del Medioevo, ha riscoperto la voglia di scrivere e, dopo un anno di lavoro, ha terminato il suo primo romanzo: *I pilastri della cattedrale*.
**
### Sinossi
**«Superbo, leggendario, geniale, imperdibile!»
Un grande romanzo storico
Era un luogo sacro
Nessuno doveva conoscerne il segreto
Roma, XIII secolo.**
L’abbazia di Farfa, seconda per potenza solo a San Pietro, è guidata da Gregorio da Urbino, uno spregiudicato protagonista degli intrighi politici di Roma, inviso sia al papa che all’imperatore Federico II. L’abate, noto per essere tanto spietato quanto scaltro, tiene legato a sé un giovane di umili origini, Dante, che usa come pedina per i suoi raffinati complotti. Dante è così costretto a partecipare alle sue losche trame ma, grazie alle sue abilità, riesce ad avvicinare il potente Luca Savelli, fedele al papa e avversario di Gregorio, fino a conquistarne la fiducia. Man mano che Gregorio acquista potere, minacciando persino di rovesciare il Vaticano con un esercito abilmente radunato, il giovane si troverà a dover compiere delle scelte sempre più difficili tra la fedeltà al suo mentore e la gratitudine per l’amicizia di Savelli. Ma Dante non sa che il destino ha qualcosa di molto, molto grande in serbo per lui.
**Un abate scaltro e spietato 
Una nobile famiglia fedele al papa
Tra intrighi e vendette, la difficile ascesa di un giovane nella lotta per il potere 
Le atmosfere di *I pilastri della terra* incontrano quelle di *Il nome della rosa* per un grande esordio letterario**
**Massimo Aureli**
È appassionato di archeologia e di storia antica fin da ragazzo, ama fare ricerche su personaggi e luoghi storici meno conosciuti. L’interesse per la scrittura è cresciuto dopo aver lavorato nella biblioteca comunale del paese in cui vive. Mentre approfondiva lo studio di alcune famiglie romane del Medioevo, ha riscoperto la voglia di scrivere e, dopo un anno di lavoro, ha terminato il suo primo romanzo: *I pilastri della cattedrale*.

I piedi di Fumiko. Ave Maria

“Ave Maria” e “I piedi di Fumko”, la Madonna della tradizione cristiana, ovvero il simbolo della purezza e del divino, e una concubina giapponese, Fumiko, o meglio una sola parte di lei, i suoi piedi: due titoli in un accostamento, in apparenza, azzardato. Ma è una contrarietà solo apparente. La “filosofia del bello” di Tanizachi non ha carattere religioso e morale, ma puramente estetico. Un uomo e l’oggetto del suo desiderio: una donna, una parte di viso, o un’astrazione, che tende all’immaterialità di un fantasma. Così la pelle bianca del viso della Madonna di un’icona non è sinonimo di verginale purezza, ma sublimazione del bello. Così il candido nudo piede di una donna è sublimazione dell’erotismo.

I Piaceri Di Peyton Place

Ormai Peyton Place, la cittadina di provincia americana nata dalla fantasia di Grace Meta-lious, è diventata una realtà per milioni di lettori in tutto il mondo, tanto che un altro scrittore, Roger Fuller, se ne serve per ambientare altri peccatori e altre vicende, sempre più appassionanti. Questa è la storia di Joe Fiske, un pittore di grande talento, ricco e onorato. Dominato dalle inquietudini scatenate dal suo genio, non obbedisce che alle regole del proprio egotismo, senza dubitare che la famiglia vi si sottoporrà. Pur di non perderlo, sua moglie Scotty gli perdona tutto, e, in nome dell’arte, sacrifica le ambizioni dei figli. Così, pieni di rancore per essere costretti a vivere nell’ombra del grand’uomo, i due gemelli Gus e Berte non fanno altro che inseguire i propri piaceri. Ma il figlio maggiore, Tom, viene spinto dalla stessa molla in un mondo di hippies e di malviventi…

I peccati di lord Lockwood (I Romanzi Passione)

I peccati di lord Lockwood (I Romanzi Passione) by Meredith Duran
Dopo aver vissuto quattro anni nel ricordo del marito che l’ha abbandonata a Edimburgo la sera stessa delle nozze, Anna scopre dai giornali che questi è ritornato a Londra e decide di presentarsi nella sua ricca dimora, desiderosa di rivendicare il diritto di avere un figlio. L’incontro tra Anna e Liam, lord Lockwood, scatena ricordi di vecchie promesse non mantenute e un’incontenibile passione, che finalmente fa esplodere l’amore. Ma un segreto inconfessabile incombe sulla vita di Liam. Riusciranno la pazienza e la perseveranza di Anna a liberarlo per sempre dalle sue paure?

I Peccati Di Lord Cameron

Scozia – Inghilterra, 1882. A Cameron Mackenzie non importa se Ainsley Douglas, dama di compagnia della Regina Vittoria, ha un ottimo motivo per trovarsi nelle sue stanze: tutto ciò che ha voglia di fare è baciare quelle labbra provocanti e maliziose, per rivivere la passione di un tempo. Passione che lui, nonostante le numerose amanti, non ha mai dimenticato. Ritrovandosi spesso a fantasticare sul suo corpo voluttuoso, decide che è arrivato il momento di sedurla. Così, durante una partita di croquet, si apparta con lei per un momento di intimità che li lascia con la voglia di altri incontri ardenti e carezze infuocate. Peccato che la passione sia l’unica cosa che Cameron può promettere ad Ainsley…

I pascoli dell’altipiano

Che fatica diventare uomo! Così pensa Miguel: lui non si sente più un ragazzo ma gli altri – suo padre per primo – non si decidono a considerarlo un uomo. E, intendiamoci, non è uno sciocco desiderio di emancipazione: Miguel vuole lavorare, vuole sentirsi, in quella specialissima famiglia di pastori che è la sua, un elemento importante: come suo fratello, ad esempio. Perciò si può far di tutto per ottenere lo scopo: anche costringere un santo a fare un miracolo. Miguel, però, si accorge che per diventare uomini i miracoli non servono

I Nuovi Cerchi Nel Grano

Da oltre dieci anni il giornalista scientifico Michael Hesemann è sulle tracce dell’enigmatico fenomeno dei cerchi nel grano. Recandosi sul posto, Hesemann ha studiato le formazioni più misteriose apparse in tre continenti. Nel presente libro lo studioso ripercorre l’intera storia del fenomeno, dagli inizi fino alle prime spettacolari ‘estati dei cerchi di grano’ del nuovo millennio. Hesemann descrive anche i risultati delle ricerche degli scienziati che hanno cercato di trovare risposte plausibili all’enigma ed infine ci svela nuovi e misteriosi fatti affascinanti.
**

I numeri uno

Nonostante le origini misteriose, quasi mistiche, dei suoi elementi fondamentali, la matematica non nasce nel vuoto: è creata dalle persone. Tra loro ce ne sono alcune di un’originalità e una chiarezza mentale sorprendenti, quelle che associamo alle piú grandi scoperte: i precursori e i pionieri. Ci sono genî riscoperti soltanto di recente, come Srinivasa Ramanujan e Emmy Noether, accanto a giganti quali Muhammad al-Khwarizmi (le cui opere ci hanno fornito le parole ‘algoritmo’ e ‘algebra’), Pierre de Fermat, Isaac Newton, Carl Friedrich Gauss, Bernhard Riemann (precursore di Einstein), Henri Poincaré, Ada Lovelace (probabilmente il primo programmatore di computer) e Alan Turing. Ian Stewart ci racconta le vicende della loro vita (a volte eccentrica, sempre dominata da un’ossessione per i numeri), offrendo nel contempo una limpida spiegazione delle loro folgoranti scoperte. Questi vividi racconti sono coinvolgenti di per se stessi ma, considerati nel complesso, compongono un’affascinante storia dei momenti fondamentali della matematica.

‘Fin dalla piú tenera infanzia la giovane Sofa, come la chiamava affettuosamente la famiglia, aveva un ardente desiderio di capire qualsiasi cosa la incuriosisse. Il suo interesse per la matematica si accese all’età di undici anni; curiosamente, la causa scatenante fu la carta da parati della sua cameretta. Suo padre Vasilij KorvinKrukovskij era un generale dell’artiglieria dell’esercito imperiale russo, e sua madre Elizaveta (nata Šubert) proveniva da una famiglia di alto rango nella nobiltà russa. La carta da parati entra nella storia perché la famiglia possedeva una tenuta di campagna a Palibino, vicino a San Pietroburgo. Quando vi ci si trasferirono, fecero ristrutturare tutta la casa, ma la carta da parati si rivelò insufficiente per la cameretta. Come sostituto, usarono le pagine di un vecchio libro di testo, le lezioni di calcolo differenziale e integrale di Ostrogradskij. Nelle sue Memorie d’infanzia, Sof’ja ricorda che passava ore a fissare le pareti, cercando di capire il significato dei simboli arcani che le coprivano. Memorizzò rapidamente le formule, ma in seguito ricordò che ”nel momento in cui le stavo studiando non le capivo per niente”. […] Non solo giunse a padroneggiare il calcolo, ma progredí fino alle frontiere della ricerca matematica, con scoperte che stupirono i principali matematici del suo tempo. Si occupò di equazioni alle derivate parziali, di meccanica e della diffrazione della luce da parte dei cristalli. Era penetrante, originale e tecnicamente abile. L’illustre matematico americano Mark Kac l’ha descritta come la ”prima grande signora della matematica”. Era probabilmente la piú grande scienziata del suo tempo, eclissata solo da Marie Curie qualche decennio dopo’.

(source: Bol.com)

I numeri di Satana

Un monastero isolato, un’improvvisa scomparsa, un furto sacrilego e una macabra mutilazione: questi sono i frammenti dell’enigma che l’ispettore Juan Iturri viene chiamato a ricomporre dall’arcivescovo di Pamplona. Il monastero è quello di Leyra, in Navarra, uno dei più antichi e importanti della Spagna. Da lì è scomparso Pello Urrutia, integerrimo abate da oltre dieci anni. Ma a Leyra è stato anche profanato il tabernacolo e sono state rubate le ostie consacrate. E proprio un’ostia è stata recapitata all’arcivescovo, insieme con un dito dell’abate, una pergamena vergata in aramaico e una richiesta: la vita di Urrutia in cambio del reliquiario che custodisce una scheggia della croce di Cristo e che si trova appunto nella cattedrale di Pamplona. Mentre Iturri viene affiancato nelle indagini dal giudice Lola MacHor, il caso si complica ulteriormente fino a diventare un vero rompicapo: infatti, in una piccola e sperduta chiesa di campagna, vengono ritrovati i cadaveri di due religiosi cui è stato tagliato il dito indice della mano destra. Risucchiati in un’ambigua spirale di reticenze e segreti inconfessabili, Juan e Lola intuiscono che la soluzione del mistero è rappresentata da un numero: un numero primo che ha un terribile significato per la Chiesa…
**

I nove custodi del sepolcro

Un bestseller tutto italiano

Parthenope Trilogy

Un grande thriller
Le indagini del mercante d’arte Lorenzo Aragona

L’archeologo Nico Valenti Albani ha appena fatto una scoperta stupefacente nel ventre della città partenopea, risalente addirittura al primo secolo avanti Cristo.
Nel frattempo nell’isola di Malta un uomo sta fuggendo attraverso le stradine del centro storico della capitale. Ha commesso un grave errore: ha rivelato alla persona sbagliata di essere in possesso di un prezioso reperto… Dopo qualche tempo il mercante d’arte Lorenzo Aragona e sua moglie Àrtemis si trovano a un ricevimento sul faraonico yacht di un miliardario russo, ancorato al largo di Santorini, in Grecia. Viktor Babikov, famoso collezionista di opere d’arte, vuole la loro consulenza su un antico manufatto dalla forma singolare, con una misteriosa iscrizione in greco. Babikov l’ha acquistato da un mercante maltese, poi stranamente scomparso. Ma Lorenzo conosce bene il venditore: è Sante Spiteri. Che fine ha fatto il suo vecchio amico?
Inizia così una pericolosa caccia al tesoro che porterà ancora una volta Lorenzo a indagare sulle leggendarie radici della sua città, Napoli, fino a calarsi negli abissi del mare per risolvere uno dei suoi più antichi e oscuri enigmi.

**Dall’autore di Le nove chiavi dell’antiquario

Un segreto nascosto negli abissi marini sta per essere rivelato

Hanno scritto dei suoi libri:**

‘L’enigma dei Templari nel romanzo di Rua. Un incastro letterario da cui ha origine una ragnatela di misteri.’
La Repubblica

‘Martin Rua costruisce un intreccio tra Medioevo, Germania nazista e la Napoli di oggi.’
Il Mattino

‘Uno dei casi letterari dell’anno.’
La Gazzetta del Mezzogiorno

Martin Rua

È nato a Napoli dove si è laureato in Scienze Politiche con una tesi in Storia delle Religioni. I suoi studi si sono concentrati particolarmente su Massoneria e alchimia. Dopo un viaggio a Praga e poi a Chartres ha dato vita a Lorenzo Aragona, il personaggio dei suoi romanzi, in bilico tra avventura ed esoterismo. Ha iniziato come scrittore auto pubblicato arrivando a vendere migliaia di copie del suo ebook in poche settimane. Le nove chiavi dell’antiquario e La cattedrale dei nove specchi sono i primi romanzi della Parthenope Trilogy.

(source: Bol.com)

I mulini a vento degli dei

Una giovane e brillante docente americana è nominata ambasciatrice in uno stato dell’Europa Orientale. Ma appena assunto l’incarico viene condannata a morte da misteriosi nemici. Sola in una terra straniera, la donna si trova accanto due uomini che, in modo diverso, l’attraggono irresistibilmente. Presto, però, si rende conto che uno di loro vuole ucciderla. Ma quale dei due? Una bellissima storia d’amore e, nello stesso tempo, un’avvincente spy story di rara maestria nello stile ineguagliabile di Sidney Sheldon.

I mostri in soffitta

“«Ritorniamo con piacere ad un filone che ha fatto molto per la nascita della fantascienza moderna: l’orrore. Questa antologia inaugura una nuova serie dedicata ai più grandi autori di horror/fantasy, e ci è sembrato più corretto iniziare la rassegna dedicando una breve panoramica agli autori solitamente ritenuti classici. Henry James, il nome di maggior spicco dell’intera antologia, ci dimostra come sia possibile parlare di spettri con insolito gusto grottesco, mentre Mary Shelley, madrina di Frankenstein, illustra un disperato ritratto di immortalità; Joseph Sheridan Le Fanu, da buon irlandese, ci riconduce ad un’aura di maledizioni famigliari e di presenze sataniche, lasciando a Francis Marion Crawford il compito di trapiantare una morbosa storia di vampiri sulle rocciose coste della Calabria, visitate anche dai Carabinieri. Nathaniel Hawthorne ritorna con un vero classico dell’Ottocento americano, ironizzando su un quartetto di centenari ben deciso a recuperare la perduta giovinezza. Rudyard Kipling replica con un racconto agghiacciante nell’India dell’impero britannico. Robert W. Chambers conclude con un tenero apologo appena venato di orrore. Questi erano i nostri incubi preferiti: reggono ancora a tanta distanza di tempo? Crediamo proprio di sì.» [Gianni Montanari] Bluebook fa notare che i racconti di quest’antologia, trattandosi di “”classici”” di autori famosi, sono già reperibili in digitale in varie altre antologie: quella che qui viene proposta, però, è una loro traduzione rara e diversa dalle altre.”

I morti di Jericho

Nel mistero della morte di Anne Scott si nasconde tutto l’orrore di uno dei più tenebrosi drammi dell’umanità.
L’ispettore Morse la conosceva bene. Anne Scott non aveva alcuna ragione per suicidarsi eppure le prove sono evidenti: la donna ha scelto di togliersi la vita. C’è un elemento che sfugge, un tassello che manca per chiarire il mistero, ma per trovarlo Morse dovrà affrontare tutta la perversità e il dolore di un tragico antichissimo mito destinato a ripetersi.

I morti contro i vivi

C’è davvero bisogno di un’arma di distruzione totale, nella galassia sconvolta dalla guerra? Molti pensano di no, ma l’ombra dell’Alchimista – la micidiale invenzione della dottoressa Alkad Mzu – si proietta minacciosa sulla Confederazione, stretta in una lotta senza precedenti. L’invasione del continuum da parte di una forza capace di resuscitare i morti e impossessarsi dei vivi minaccia centinaia di sistemi stellari: è un orrore antichissimo che i terrestri e le altre razze della galassia si troveranno ad affrontare in uno scontro epico, di proporzioni titaniche.