577–592 di 74503 risultati

Il gioco dei potenti

Quando la CIA gli chiede di prendere in custodia un corriere nel suo castello, Malko Linge non apprezza che una coppia di killer venga a torturare e uccidere l’ospite sotto il suo tetto, addirittura sotto il suo naso. Se poi gli assassini spingono la loro indelicatezza al punto di portarsi via il dossier che lui è stato incaricato di recuperare, allora è troppo. Così, eccolo lanciarsi in un inseguimento che, da Vienna a Bratislava, lo vedrà a caccia del riservatissimo fascicolo. Ma entrare in Cecoslovacchia è una cosa, mentre uscirne è quel genere di missione per la quale di solito si viene decorati con un’onorificenza postuma. Come se non bastasse, il semplice fatto di leggere alcune delle pagine che svelano la sconvolgente verità sul complotto del secolo lo renderà una minaccia potenziale per i suoi stessi datori di lavoro. I servizi segreti americani saranno disposti a tutto, pur di eliminare un testimone scomodo, e conoscono bene SAS e le sue abitudini. Questa volta, per il Principe delle Spie, il pericolo è davvero incombente e la morte vicina, molto vicina…
L’autore incoronato dal “New York Times” come il più grande scrittore di spy story del mondo, con oltre 100 milioni di copie vendute!

Il fuoco di Sant’Antonio: Storia, tradizioni e medicina

Il libro descrive la storia di Sant’Antonio Abate, il grande taumaturgo ed il fondatore del monachesimo cristiano. Molto prima che ciò fosse una pratica comune tra i fedeli, egli praticò l’ascetismo nel deserto ad imitazione di Cristo e le sue tentazioni demoniache descritte nella biografia scritta da Sant’Atanasio hanno costituito il tema favorito di molti pittori ed ispirato ‘La Tentation de Saint Antoine’ di Gustave Flaubert. Padrone del fuoco e protettore degli animali, viene spesso raffigurato con accanto una fiamma ed un maialino, ragione per cui è anche chiamato ‘Sant’Antonio del porcello’. Egli era il santo prediletto dai contadini ed inoltre patrono dei cestai, dei porcai, dei ceramisti e di molte altre professioni, ma era famoso soprattutto per le sue capacità curative sì da divenire il santo taumaturgo per eccellenza. Pertanto, dal Medio Evo al XIX era invocato per curare le più dolorose piaghe che affliggevano l’umanità, soprattutto quelle più devastanti che furono chiamate ‘Fuoco di Sant’Antonio’. Questo termine includeva molte malattie completamente diverse tra loro, ma che avevano in comune solo un dolore intollerabile. Tra queste, l’ergotismo, l’eresipela e l’herpes zoster sono i tre disturbi più importanti riconosciuti nei secoli. Ancora oggi, in Italia, l’herpes zoster è comunemente chiamato ‘Fuoco di Sant’Antonio’. Di questa affascinante mistura di religione e medicina, di arte e tradizioni si legge in queste righe. **
### Sinossi
Il libro descrive la storia di Sant’Antonio Abate, il grande taumaturgo ed il fondatore del monachesimo cristiano. Molto prima che ciò fosse una pratica comune tra i fedeli, egli praticò l’ascetismo nel deserto ad imitazione di Cristo e le sue tentazioni demoniache descritte nella biografia scritta da Sant’Atanasio hanno costituito il tema favorito di molti pittori ed ispirato ‘La Tentation de Saint Antoine’ di Gustave Flaubert. Padrone del fuoco e protettore degli animali, viene spesso raffigurato con accanto una fiamma ed un maialino, ragione per cui è anche chiamato ‘Sant’Antonio del porcello’. Egli era il santo prediletto dai contadini ed inoltre patrono dei cestai, dei porcai, dei ceramisti e di molte altre professioni, ma era famoso soprattutto per le sue capacità curative sì da divenire il santo taumaturgo per eccellenza. Pertanto, dal Medio Evo al XIX era invocato per curare le più dolorose piaghe che affliggevano l’umanità, soprattutto quelle più devastanti che furono chiamate ‘Fuoco di Sant’Antonio’. Questo termine includeva molte malattie completamente diverse tra loro, ma che avevano in comune solo un dolore intollerabile. Tra queste, l’ergotismo, l’eresipela e l’herpes zoster sono i tre disturbi più importanti riconosciuti nei secoli. Ancora oggi, in Italia, l’herpes zoster è comunemente chiamato ‘Fuoco di Sant’Antonio’. Di questa affascinante mistura di religione e medicina, di arte e tradizioni si legge in queste righe.
### Dalla quarta di copertina
Il libro descrive la storia di Sant’Antonio Abate, il grande taumaturgo ed il fondatore del monachesimo cristiano. Molto prima che ciò fosse una pratica comune tra i fedeli, egli praticò l’ascetismo nel deserto ad imitazione di Cristo e le sue tentazioni demoniache descritte nella biografia scritta da Sant’Atanasio hanno costituito il tema favorito di molti pittori ed ispirato “La Tentation de Saint Antoine” di Gustave Flaubert. Padrone del fuoco e protettore degli animali, viene spesso raffigurato con accanto una fiamma ed un maialino, ragione per cui è anche chiamato “Sant’Antonio del porcello”. Egli era il santo prediletto dai contadini ed inoltre patrono dei cestai, dei porcai, dei ceramisti e di molte altre professioni, ma era famoso soprattutto per le sue capacità curative sì da divenire il santo taumaturgo per eccellenza. Pertanto, dal Medio Evo al XIX era invocato per curare le più dolorose piaghe che affliggevano l’umanità, soprattutto quelle più devastanti che furono chiamate “Fuoco di Sant’Antonio”. Questo termine includeva molte malattie completamente diverse tra loro, ma che avevano in comune solo un dolore intollerabile. Tra queste, l’ergotismo, l’eresipela e l’herpes zoster sono i tre disturbi più importanti riconosciuti nei secoli. Ancora oggi, in Italia, l’herpes zoster è comunemente chiamato “Fuoco di Sant’Antonio”. Di questa affascinante mistura di religione e medicina, di arte e tradizioni si legge in queste righe.

Il fiuto del cane tra gioco e lavoro

Carrello (nessun prodotto)
Sei in: Home > Vita naturale e Ambiente > Addestramento del Cane > Il Fiuto del Cane tra Gioco e Lavoro
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
Acquista Il Fiuto del Cane tra Gioco e Lavoro

Guadagna 17 punti Gratitudine!

Il Fiuto del Cane tra Gioco e Lavoro

Anne Lill Kvam
-15%

Il Fiuto del Cane tra Gioco e Lavoro

Prezzo € 16,58 invece di 19,50 sconto 15%
Haqihana Edizioni
Libro – Pagine 137
Formato: 15×21
Con foto a colori
Anno: 2007
Media voti
(1 recensione)

Sconto

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il lavoro di naso è l'unico che permette al cane di vivere i suoi istinti e utilizzare le sue capacità naturali in modo tanto piacevole per sé e per il suo compagno umano; e così aiuta il cane a trovare equilibrio e sicurezza e a stringere un rapporto di serena collaborazione con il proprietario che scopre un nuovo modo di vedere il proprio cane e le sue singolari capacità.

Il Fiume Delle Stelle

Ambientato nello stesso universo che ha già ospitato E sarà la luce, sullo sfondo dell’espansione umana nel cosmo, Il fiume delle stelle è un altro tassello nella grandiosa opera di ricostruzione del nostro più lontano futuro che James Tiptree è andato componendo per alcuni anni. Questa volta il punto di partenza è l’Università di Deneb, e per la precisione la sua formidabile biblioteca, dove due giovani studenti alieni cercano materiale utile alle loro ricerche sulla passata colonizzazione umana dello spazio. Qui vengono alla luce gli antichi documenti che narrano alcune affascinanti fasi della conquista, storie che gravitano intorno alla grande Frattura che con il suo vuoto separa interi bracci galattici. Sono le storie del Fiume Buio, dove lo spazio echeggia di voci e visioni che richiamano antichi terrori e fulgidi eroismi, dove si narra ancora dell’adolescente caparbia che fuggendo dal suo pianeta scoprì una razza sconosciuta e la sorte della Colonia Perduta, degli incontri con gli spietati pirati dei Mondi Oscuri sempre in agguato intorno alle rotte commerciali, delle missioni esplorative verso i pianeti ignoti oltre la Frattura, verso i confini stessi di un’altra possente federazione galattica, l’Armonia di Ziello, che ha già conosciuto le atrocità firmate dai Mondi Oscuri e ora ritiene tutti gli esseri umani degni solamente di distruzione.

Il Falco Immortale

I Clan delle Highlands sono minacciati dall’ennesima invasione di barbari lanciati alla conquista delle loro verdi montagne. Tra i Clan regnano però disarmonia, rivalità e diffidenza, ossia quanto di più nefasto si possa immaginare, proprio mentre lo scontro più terribile che la storia ricordi incombe su di loro. Solo l’arrivo di una leggendaria guerriera venuta dal passato, Sigarni, potrebbe cambiare le cose ed evitare la disfatta, ma basteranno il suo coraggio e il suo esercito a cambiare per sempre il flusso della storia delle Highlands?

Il Falco degli spazi

Carse, detto il Falco degli Spazi cosmici, arrivò nelle regioni di frontiera del Sistema Solare quando Saturno rappresentava l’estremo limite dei mondi planetari del Sistema colonizzati dall’uomo e, tra il 2100 e il 2120, si svolse il complesso delle sue lotte incredibili col suo mortale nemico, il dottor Ku Sui, vero e proprio genio del male. Questo avventurosissimo romanzo ha inizio su Giapeto, ottavo satellite di Saturno – la luna su cui il Falco aveva iniziato la sua vita da pioniere interplanetario – e si conclude con la comparsa di un curioso asteroide – corazzato e pilotato come un’astronave – nell’atmosfera terrestre e con la sua caduta nell’oceano. Strane, paurose creature popolano le inospiti distese di Giapeto, dalle carni opalescenti e il prezioso corno, dette “fanti” dal nome dello strano uccello-mammifero di Venere, oggi estinto. Ma ci sono i terribili pirati al comando di Ku Sui, che infestano gli spazi fra la Terra e i satelliti dei pianeti giganti; e il cosiddetto “Affare dei Cervelli”, come fu definito dai pionieri delle desolate regioni di frontiera del Sistema Solare il grande duello fra Carse e il sinistro eurasico Ku Sui… E’ impossibile dare una idea precisa delle vicende e delle situazioni fantastiche che fanno di questo romanzo un poema di avventure interplanetarie. E’ un libro che non ci si stanca di rileggere!
Copertina di Curt Caesar

Il Divoratore Di Mondi

Gli astronomi sono atterriti: un buco nero con massa paragonabile a quella della Luna e un diametro di appena pochi metri punta dritto sulla Terra, “consumando” tutto quello che trova sul suo cammino. Ma il Divoratore, per quanto terrificante, non è un’anomalia del cosmo: è un essere intelligente capace di assorbire una civiltà nel giro di poche ore. Inutile il tentativo di bombardarlo con testate nucleari: gli Stati Uniti saranno quasi rasi al suolo per il semplice fatto di averci provato. Quello che il Divoratore vuole è la “copia” elettronica delle migliori menti terrestri, e i due scienziati che lo hanno scoperto sono tra i prescelti. Ma perchè? Dove vuole arrivare questo alien potentissimo, la cui volontà è misteriosa e impenetrabile?

Il disco di fiamma

Per questo suo romanzo, Philip Dick si è ispirato alla teoria del Minimax, e la stessa teoria alla quale sono ricorsi gli strateghi dei due fronti avversari durante la Seconda Grande Guerra, e cioè il gioco delle probabilità. È un gioco su scala cosmica, quello di Philip Dick, un gioco che coinvolge interessi di sei miliardi di terrestri in gara per il potere. Quale sarà l’uomo che la teoria del Minímax porterà a governare il mondo nel periodico girare dell’urna? Quando la fortuna volta le spalle a Verrick, l’uomo è riuscito a mantenersi al comando piú a lungo di ogni altro, l’urna riserva al mondo la più inattesa delle sorprese: l’elezione di Cartwright, il vecchio e spaventato Leon Cartwright del quale si sa poco o niente, viaggia su una macchina antiquata, e usa una rivoltella a pallottole più antiquata ancora della sua macchina. Eppure sarà proprio Cartwright, nonostante la sua età e la sua grande paura, a giocare l’irríducibile Verrick che non si rassegna alla sconfitta, e quel che piú conta, ad averla vinta sulla stessa teoria Minimax e sull’abuso che la Società ne sta facendo.