59073–59088 di 74503 risultati

Il burattinaio

Michael Turner è un giovane e promettente avvocato: lavora in uno dei più prestigiosi studi legali di Londra e ha una fidanzata che lo adora. Non è poco per chi, come lui, è orfano, cresciuto solo e senza affetto. Gli incubi del passato sembrano definitivamente sopiti. Quando Mike e Becky traslocano nell’appartamento di Max Somerton, un affascinante uomo di mondo, non sanno però, che qualcosa sta per sconvolgere irreparabilmente le loro esistenze, che da questo momento qualcuno si insinuerà subdolo e sottile fra loro. Il burattinaio è un thriller psicologico in cui i dettagli ambientali fanno da sfondo alla caratterizzazione e all’introspezione dei personaggi, fondendosi in un’atmosfera inquietante e ambigua.
**

Buone notizie dal Vaticano

RACCONTO (14 pagine) – FANTASCIENZA – Un classico ironico, dissacrante e satirico che propone una soluzione originale per l’elezione del prossimo papa – PREMIO NEBULA 1971

Un racconto breve, ma un grande classico della fantascienza. Robert Silverberg nella sua vena più brillante affronta con satira tagliente il tema dell’elezione di un nuovo papa, in un futuro in cui forse occorrerà andare oltre l’essere umano per trovare il vero successore di Pietro.

Robert Silverberg è unanimemente riconosciuto come uno dei massimi autori della fantascienza contemporanea. Nato a Brooklyn (New York) il 15 gennaio del 1935, iniziò a scrivere SF d’avventura negli anni ’50, diventando ben presto uno degli autori più famosi e prolifici e ottenendo il premio Hugo come autore più promettente del 1956. Durante la metà degli anni sessanta però, spinto dal desiderio di dimostrare a se stesso e agli altri le sue capacità di vero scrittore, e di essere in grado di realizzare anche opere di qualità, Silverberg impresse una svolta decisiva allo stile dei suoi romanzi, iniziando a produrre opere di maggiore impegno umano e letterario. Tra gli scritti più importanti di questo secondo periodo ricordiamo ”Ali della notte” (con cui vinse anche un premio Hugo), ”Brivido crudele”, ”Torre di cristallo”, forse la sua opera più completa e riuscita, ”Vertice di immortali”, ”Paradosso dei passato”, e ”Mutazione”, che si inserisce in quel gruppo di romanzi dedicati da Silverberg alla descrizione e all’esplorazione dell’esperienza mistica della trascendenza.

(source: Bol.com)

Buon viaggio bastardo

Humanitron è il nome della macchina che regala la morte a chi la cerca. Ma chiviene ritrovato senza vita nel congegno, questa volta, non è uno dei tantimalati terminali cui l’apparecchio è destinato: è invece il dottor Mate, aliasDottor Morte, l’inventore del fatale strumento nonché strenuo difensoredell’eutanasia. Troppe persone volevano eliminarlo e ognuna di queste portacon sé un pesante bagaglio di psicosi e ossessioni. Il detective Sturgis,chiamato a risolvere il caso, cerca la consulenza dello psicologo infantileDelaware; ma questi cade in un ambiguo conflitto di interessi che metterà inserio pericolo le indagini.

Il buio

Vigilia di Natale a Newcastle. Fervono i preparativi per la santa ricorrenza.Frenetico andirivieni nei negozi del centro: regali, tacchini, brindisi,cori, scambio d’auguri, generosità, altruismo d’obbligo… È lo Spirito del Natale – emanazione di santità a scadenza annuale. Il rituale celebrativo è al suo culmine quando tuoni e fulmini bombardano la città. La Tempesta si abbatte su Newcastle… e cala il Buio. Per l’ispettore Cardiff, un “perdente” al bivio tra la rassegnazione a una squallida solitudine e un risolutivo suicidio, il Natale si prospetta assai bizzarro: gli occupanti di un intero palazzo di uffici scompaiono in massa nel bel mezzo di allegri festini natalizi. A segnalarlo è un altro “perdente”, Alec Beaton, addetto alla manutenzione dell’edificio, ubriaco full-time. Sembra che ci sia rimasto soltanto lui li dentro… oltre a una mano segata via dal corpo di chissà chi. Non è lo scherzo di un mentecatto, né il delirio di un ubriacone. La polizia avvia le indagini di routine. Intanto,in altri punti della città,e persino a Londra, i festanti desaparesidos cominciano a riapparire sulla scena del reale. Ma sono cambiati… Il caso passa a una squadra speciale comandata dal misterioso Rohmer, un inquietante personaggio scortato da un’accolita di scienziati. L’Operazione Darkfall ha cosi inizio. Per Cardiff tutto ciò ha il sapore di una sfida. Con l’aiuto del balordo Jimmy Delvin, suo amico-nemico, tenterà di capire chi si celi dietro l’algida purezza ariana del biondo Rohmer. Insieme affronteranno la Tempesta e tenteranno di squarciare la nera cortina del Buio. Il Buio che oscura le menti, che stravolge le stesse cognizioni del Tempo e dello Spazio, il Buio che dissacra e distrugge…

Buio profondo

Nick Stone, ex operatore del SAS britannico, ora agente K incaricato delle missioni più pericolose, sembra un uomo distrutto. Dopo la morte della figlia adottiva Kerry e di una collega con la quale aveva sperato di iniziare una nuova vita, è rimasto solo. Lo tormentano i ricordi di vecchie missioni in cui non ha potuto salvare vittime innocenti. Ma un’esistenza trascorsa a sfidare la morte gli ha insegnato a sopravvivere. Sempre. Per la nuova missione deve rintracciare un uomo nella Baghdad di oggi. Una figura enigmatica che Nick ha incontrato in Bosnia e che, ora, potrebbe rappresentare una svolta nei rapporti tra islamici moderati e occidentali. Una speranza di pace.
**

Buio

Dall’autore di “Attraverso la notte” una nuova raccolta di cinquantacinque brevi composizioni, a metà tra il racconto e la riflessione blog-like. Tantissimi i temi sociali e personali trattati – con uno stile diretto e pungente, che non disdegna l’uso di un linguaggio forte, e le tematiche del sesso e della violenza. Dice lo stesso autore: “un quadro di questi nostri miseri giorni.”

Buick 8

Fa la sua comparsa nel lontano 1979 e continua la sua presenza sorniona in un capannone dietro la stazione di polizia della squadra D. E’ una macchina, una Buick blu notte, dentro sembra un giocattolo, ma un fatto è certo: dai copertoni sui quali non si posa mai un grammo di polvere, alla carrozzeria che si guarisce da sola, è viva come un animale… uno strano essere animato che a lunghi periodi di letargo alterna brevi, violenti attimi di attività.
**

Bugs

Tempi duri per Fred Jones, tecnico inglese approdato negli Stati Uniti in cerca di fortuna. Rapinato, abbandonato dalla moglie, viene assunto per errore come ingegnere per lavorare al progetto di un super-robot. Ma la ditta che lo assume, specializzata in ciberbetica e idraulica d'avanguardia, è guidata da uno scienziato folle. Così come folle è il mondo in cui Fred si ritrova: ristoranti che vengono smantellati mentre si mangia, spie russe e serial killer in libertà, gente che vuole ucciderlo o pagarlo per ragioni egualmente oscure. Un mondo insensato in cui tutto, e tutti, sono in vendita. Ambientato in un'America del futuro fin troppo simile alla presente, questo irresistibile romanzo è insieme una serrata avventura tecnologica e un folle divertissement come solo l'autore del Sistema riproduttivo (Classici Urania) ci poteva offrire.

Bugie, fossili e farfalle

Sacerdoti della verità, gli scienziati? Gli annali della scienza sono pieni di falsi d'autore: topi colorati a mano, farfalle dalle ali corrette con l'inchiostro, crani comuni gabellati per antichissimi, fossili finti, tabelle dai numeri inventati, percentuali con il maquillage. In pensieri, parole, opere e omissioni lo scienziato non ha nulla da invidiare al peccatore comune. Sia troppo amore per le proprie ipotesi, che i fatti si ostinano a non confermare, o ricerca di una scorciatoia per la gloria, o gusto puro per la truffa, come di chi bara al solitario, sia insomma ingenuità o furbizia, la frottola è un genere che nella scienza annovera esempi preclari e numerosi: tutti qui messi alla berlina dalla penna irriverente di Celli. Se il sonno della ragione genera mostri, occorre concludere, anche la veglia non scherza.

Budda e Cristo

Gesù di Nazareth è il portatore del Cristo. Chi saprà ascoltare e partecipare a queste verità con profondità interiore imparerà a raffrozare il suo spirito ed acquisterà il dominio sulle sue parti istintive.

Buchi neri evanescenti. Stephen Hawking e la scommessa perduta

Il 18 luglio 2004, astronomi e matematici si riunivano a Dublino per la conferenza internazionale di Relatività Generale e Gravitazione. Qualche giorno prima, il grande astrofisico Stephen Hawking, affetto da malattia gravissima che lo condanna a un’immobilità assoluta, aveva chiesto di partecipare. Disse di voler intervenire per aver perso la scommessa contro John Perskill, formulata negli anni Settanta, sull’evaporazione dei buchi neri. Che uno studioso della fama di Hawking si presentasse al mondo per ammettere di avere sbagliato, colpì tutti. Monica Colpi – docente di Fisica stellare e Astrofisica relativistica – spiega questo straordinario evento in una lingua semplice e metaforica. Con una nota di Margherita Hack.
**

Buchi neri e universi neonati

I saggi raccolti in questo volume costituiscono la “summa” delle più recenti posizioni di Hawking e introducono idee nuove e ipotesi ancora al vaglio della comunità della scienza (come il concetto di “tempo immaginario” e la sua funzione nella vita dell’universo), discutono la possibilità che proprio nei buchi neri stia racchiuso il segreto della nascita del cosmo, e offrono una panoramica degli sforzi della scienza contemporanea per raggiungere il suo obiettivo più ambito: l’elaborazione di un’unica teoria che dia ragione di tutti i fenomeni osservati nell’Universo, dalla vita delle galassie a quella delle particelle subatomiche.

Bubba Ho-Tep

Elvis Presley, invecchiato e moribondo, passa le sue giornate in un ospizio, dove tutti lo credono Sebastian Haff, un sosia di Elvis. In realtà il vero Elvis, stanco del successo e di tutto ciò ad esso legato, anni addietro aveva stretto un patto proprio con Haff: si sarebbero scambiati le vite, ma in ogni momento potevano riprendersele. Il patto, però, non venne mai rescisso, perché alla morte del falso Elvis, il vero venne ritenuto solo un mistificatore.
All’ospizio Elvis conosce Jack, un vecchio di colore che si crede il presidente John Fitzgerald Kennedy, scampato all’attentato subìto e chiuso in quella casa di degenza per nascondersi. I due legano subito perché, in un certo modo, sono sinceri l’un l’altro.
Ma strani avvenimenti turbano la pace dell’ospizio, troppi vecchi muoiono in circostanze misteriose. Nessuno però indaga, vista l’avanzata età delle vittime.
Ma Jack ha trovato sulla porta di un bagno dei geroglifici, rivelatesi ingiurie egizie, che dopo uno studio attento fanno pensare ad una mummia passata per la città proprio alcuni anni prima. Questa mummia, infatti, si è risvegliata dal lungo sonno maledetto dal Faraone, ed ora si aggira per l’ospizio “succhiando” le deboli anime dei degenti.
Elvis e Kennedy dovranno unire le loro ben misere forze per porre fine alle scorribande della mummia, che per l’occasione ribattezzano Bubba Ho-Tep.

Brutti

Tally è una ragazza normale. Ma essere normali, nel suo mondo, equivale a essere brutti. Brutti solo fino a sedici anni, fino a quando non si è sottoposti per legge a un’operazione di chirurgia estetica che rende bellissimi e uguali a tutti gli altri “perfetti”. Ecco perché Tally non vede l’ora di compiere sedici anni. Ma poco prima del giorno fatidico incontra Shay, che le fa scoprire il brivido dell’imprevisto e il fascino dell’imperfezione e la mette al corrente di un’inquietante versione dei fatti. Tally adesso non vede l’ora di conoscere la verità. E sarà più difficile e pericoloso di un’operazione… Età di lettura: da 14 anni.

Una brutta storia

Una saga che ha per protagonisti una banda di poliziotti che si muovono ai confini della legge; un romanzo che getta coraggiosamente luce su un argomento tabù come quello della corruzione nelle forze di polizia. “Una brutta storia” è un dramma poliziesco corale che trasuda passioni, richiamando il pathos delle tragedie unito all’epica narrativa delle serie tv americane. Quella dell’ispettore Biagio Mazzeo non è una famiglia normale. È una famiglia composta solo da poliziotti. Un clan molto unito. Un branco dove si combatte insieme contro il crimine. Ma Mazzeo e i suoi ragazzi non sono poliziotti comuni: sono una banda di sbirri corrotti in seno alla Narcotici, che hanno preso il controllo delle strade col pugno di ferro. Mazzeo guida i suoi come se fosse un patriarca mafioso e farebbe qualsiasi cosa pur di salvaguardare l’integrità della sua famiglia: anche andare contro i suoi superiori o uccidere. Quando si presenta loro il colpo della vita, quello che potrebbe renderli tutti dei milionari, Mazzeo e la sua squadra non si tirano indietro. Ma il caso vuole che sulla loro strada spunti il cadavere di un criminale ceceno, non un delinquente qualsiasi, bensì il fratello di Sergej Ivankov, un potente mafioso ex leader della guerriglia di liberazione della Cecenia. Ivankov e il suo clan si recano in Italia in cerca di vendetta: quella che scateneranno contro Mazzeo e i suoi uomini sarà una guerra senza pietà.
**