58209–58224 di 65289 risultati

Il sosia

Il mite e umile consigliere Jakòv Petrovic’ Goljadkin non è quelloche sembra: vive in lui un doppio, un “sosia”. Il suo io non è un tutto compatto e unico, bensì un mobile e disintegrabile complesso di impulsi che possono scindersi in altri io, tra loro in alternanzae in conflitto. Il suo sosia non è semplicemente una persona tanto somigliante a lui da poter essere per lui scambiata, ma, come dice la parola russa dvojnik, È la proiezione di un io in un altro io autonomo rispetto al primo. Esistono nel romanzo due Goljadkin che si completanoin quanto totalmente opposti: uno timido e sottomesso, l’altrofurbo e arrivista. E Goljadkin, come spiega Vittorio Strada nell’introduzione, è la patologia dell’uomo qualunque, il primo gradino di quello ‘sdoppiamento’ che costituisce la malattia dell’uomo moderno”.

Il sorriso di Jackrabbit

Il sorriso di Jackrabbit by Joe R. Lansdale
Nel giorno delle nozze con la sua amata Brett, mentre arrostisce hot dog per gli ospiti, Hap si vede piombare nel giardino di casa due pentecostali da manuale. Il ragazzo, tatuato, indossa un paio di jeans neri e una maglietta con lo slogan: «Bianco è giusto». La donna porta i capelli raccolti in una crocchia cosí alta da poterci nascondere dentro un frullatore. Sono la madre e il fratello della giovane Jackie Mulhaney, detta Jackrabbit, che da qualche mese sembra scomparsa nel nulla. Nessuno, tantomeno la polizia, vuole cercarla. Gli unici a raccogliere la sfida sono Hap e Leonard, senza immaginare che l’indagine arriverà a condurli nelle stanze segrete di una setta capace di adorare fantomatici uomini lucertola. E di infrangere senza rimorsi il quinto comandamento. Con il sarcasmo folgorante che ha conquistato generazioni di lettori, Lansdale firma una nuova parabola di ordinaria violenza americana.
«Leggero e a tratti irresistibilmente comico, Lansdale porta il lettore dentro un mondo avvincente, reale e fantastico. Per arrivare a essere nient’altro che un grande scrittore».
**la Repubblica**

Il Solito Albert E La Piccola Dolly

Dopo centinaia d’anni la scienza è uscita dalla torre d’avorio ed è entrata nella società. Oggi non si fa scienza con la sola ricerca di laboratorio ma coinvolgendo diversi attori sociali. Ci sono gli scienziati, ma anche i politici, gli amministratori, gli imprenditori e la gente comune, giovani e adulti. Le loro paure, reali o percepite, possono porre un freno ai suoi sviluppi. La loro fiducia e le loro speranze la alimentano e creano un clima di aspettative che non sempre vengono soddisfatte. Nella grande narrazione della scienza, i primi attori, gli scienziati, sono di volta in volta distruttori e benefattori, santi o mostri, padri del Golem dai piedi d’argilla o di Frankestein che si rivolta e distrugge. Non di rado poi sono tanti Sisifo che ricominciano continuamente la loro impresa – e non è escluso che agli occhi di alcuni condividano con Penelope l’abitudine di disfare di notte ciò che fanno di giorno. L’immagine di chi fa la scienza, scienziati e scienziate, è plasmata dagli atteggiamenti, dalle convinzioni e dalle credenze individuali e collettive che si muovono nella società. Tutto ha inizio dai più giovani: bambini e adolescenti.
(source: Bol.com)

Il sole sorge dietro il Louvre. L’investigatore Nestor Burma

Nestor Burma torna a indagare i misteri della sua città, Parigi. Questa volta protagonista è il I arrondissement, quello del Louvre, il vero cuore della metropoli. Un cuore dove, tra trafficanti e falsari di opere d’arte, circolano misteriose copie di un dipinto di Raffaello rubato dal museo più famoso del mondo (ma non certo il più sicuro, come ci fa notare il nostro eroe, sollevando addirittura il dubbio cbe la Gioconda tanto ammirata non sia proprio quella dipinta da Leonardo). Modelle e ambigui personaggi animano e complicano una storia che pure era iniziata nel modo più semplice, con Burma a caccia di un marito un po’ irrequieto che di tanto in tanto ama lasciare la provincia per qualcbe scappatella nella capitale suscitando l’irritazione della moglie. Peccato che il brav’uomo assomigli incredibilmente al primo dei cadaveri di cui è costellato il racconto, quello rinvenuto dalla Polizia Giudiziaria del commissario Faroux. E che Nestor Burma si trovi a passare di lì per caso. Ma, si sa, nei nuovi misteri di Parigi nessuno è mai chi dice di essere e tutti nascondono un passato più o meno torbido. A svelarlo sarà l’indisciplinato e ironico Burma, nel solito susseguirsi di colpi di scena e con l’irrinunciabile aiuto della segretaria Hélène Chatelain, del giornalista Marc Covet e dell’assistente Roger Zavatrer.
**

Il sole di mezzanotte

Cacciatrice di fantasmi in un paese sperduto tra i monti della Pennsylvania, Allison Parker si ritrova nell’arcano universo notturno dei vampiri Templari. Dannato da Dio, Sebastian di Rydon non ha conosciuto altro che sangue e morte, e dopo ottocento anni di gelida esistenza da vampiro intravede di nuovo la fiamma della vita nella focosa Allison. Lei, temeraria per natura, dovrà sposare la notte per trovare finalmente il posto che le spetta. Lui, per uscire dalle tenebre, dovrà seguire il sole di mezzanotte che splende vivido in lei. Ma una rete di odio e di vendette irretisce Allison e Sebastian mentre scoprono insieme l’amore, circondati da un mondo dilaniato da un antico conflitto.

Il sole d’argento

Le cronache narrano di due fratelli, Hal e Alan, legati fra di loro da uno strano legame, che un giorno dovettero partire per una lunga e pericolosa ricerca seguendo, con indomito coraggio e forte cuore, un sentiero lastricato di terribili pericoli. Le loro armi sono nulla rispetto ai pericoli che li attendono, perché per affrontare la malvagità che si sta abbattendo come un’onda di piena sul loro mondo incantato occorre soprattutto avere saggezza, bontà d’animo, saldezza nei propri convincimenti. Folletti e altre strane creature che popolano il loro mondo, accorrono al loro passaggio, e sono, di volta in volta, amici o nemici, mai indifferenti. Una storia di sangue, amore e sudore, che si dipana fra urla di gioia e gemiti di dolore, alla luce spettrale di un sole che brilla come argento.
Copertina di Maren

Il sogno di Scipione

Nella Provenza del V secolo dopo Cristo, quando l’impero romano è ormai prossimo alla fine, Manlio Ippomane, aristocratico filosofo gallo-romano, raccoglie gli insegnamenti della donna di cui è innamorato in un manoscritto che reca lo stesso titolo di una delle opere più celebri di Cicerone, “Il sogno di Scipione”. Una copia di quel testo, nel Trecento, finisce nelle mani di Olivier de Noyen, un giovane poeta che rimane vittima della terribile epidemia di peste nera. Dall’oblio si salvano poche poesie d’amore che Olivier aveva scritto per una bellissima dama. Sei secoli dopo quei versi vengono letti da Julien Barneuve, un intellettuale al servizio del governo di Vichy, che vi trova un accenno al Sogno di Manlio e ne rimane affascinato…
**

Il sogno di Ginevra

Quando Artù lo aveva inviato in Bretagna, qualche mese prima, Lancillotto pensava che il suo destino fosse già stato scritto: era un Cavaliere della Tavola Rotonda e il suo compito sarebbe sempre stato quello di combattere al fianco del suo re. Questa volta però la missione è molto più delicata: creare un esercito di cavalieri che unisca il potere di tutti i sovrani di quelle terre lacerate da anni di lotte e che combatta in nome dei valori di Camelot. Ma la rivalità tra quei popoli non è il solo ostacolo che gli sbarra la strada. Perché la minaccia più grande per i suoi sogni di pace arriva da un esercito di guerrieri provenienti dall’Est che pare inarrestabile: gli Unni, guidati da Attila, stanno radendo al suolo tutto quello che trovano sul loro cammino e hanno preso d’assedio la regione di Benwick.

Il soccombente

A un corso di Horowitz, a Salisburgo, si incontrano tre giovani pianisti. Due sono brillanti, promettenti. Ma il terzo è Glenn Gould: qualcuno che non brilla, non promette, perché è. Una magistrale variazione romanzesca sul tema della grazia e dell’invidia, di Mozart e Salieri, ma ancor più sul tema terribile del ”non riuscire a essere”.

(source: Bol.com)

Il Silmarillion

Il Silmarillion è un libro molto particolare , dunque è necessaria avere già letto Il Signore degli Anelli.Quest’opera ha subito un processo di evoluzione durato quasi 30 anni, durante i quali l’autore aggiunse o eliminò intere parti. Alla morte di Tolkien il libro era ancora sotto forma di appunti e fu pubblicato solo grazie al lavoro di raccolta svolto dal figlio di J.R.R. Cristopher. Il Silmarillion racconta della creazione del mondo della Terra di Mezzo, della nascita del male e dell’avvento della razza degli Elfi che, guidati dalla stirpe dei Noldor, combatteranno contro l’oscurità per riprendersi i Silmaril, gioielli unici e nei quali era conservata la luce delle terre imperiture nelle quali vivevano. Questo libro è permeato da un atmosferadi solennità e di epicità, riscontrabili nelle descrizione delle terribili battaglie tra le oscure e infinite schiere di orchi contro le piccole e coraggiose forze del bene. L’epicità è resa ancora più evidente dal forte senso di fatalità contro la quale i personaggi cercano coraggiosamente di opporsi. La lotta tra il Bene è il Male ha i suoi eroi e i suoi nemici, ma tutti i vari componenti sono simboli, aspetti di queste due realtà.

Il Silenzio Di Un Cuore Graffiato

Ilaria ha 24 anni, è una ragazza semplice, solare, altruista e sognatrice ma c’è sempre un velo di tristezza nascosto dietro ai suoi occhi. Toccata da un male che ha cambiato il suo modo di vedere le cose, è diventata così sensibile da mettere la felicità altrui al di sopra di tutto. Fabio, 26 anni, ha un animo gentile e tormentato, un’aria tenera e un broncio perenne. Quando in una giornata di pioggia si imbatte nella dolcissima Ilaria, capisce che non potrà starle più lontano. Ma lei non è pronta per aprirsi all’amore, teme di non essere compresa, vuole vivere da sola il suo inferno e non vuole raccontare a nessuno della sua malattia rara. L’unico modo per sentirsi normale è ignorare il suo problema e tenere a distanza le persone. Ha imparato a non abbassare mai la guardia, erigendo tante difese, ma Fabio non è disposto a rinunciare a lei tanto facilmente e combatterà per ottenere la sua fiducia e abbattere tutti i suoi muri. Perché tutti ci meritiamo un amore grande capace di farci sentire accettati per quello che siamo.
* * *
Scopri gli altri ebook della Butterfly Edizioni, ecco gli ultimi pubblicati:
* “Desiderami” di Argeta Brozi
* “Inavvicinabile” di Angela Castiello
* “A distanza di (in)sicurezza” di Jessica Black
* “Ti amo più di prima” di Antonella Maggio e Giovanni Novara
* “Meglio sola che male innamorata” di Alexandra Maio
* “L’altra parte di te” di Daniela Mastromatteo
* “Il mio angolo perfetto” di Melissa Spadoni
* “Love is… on air” di Valeria Leone
* “L’ultimo bacio” di Alessia D’Oria
* “Ti amo, stupido!” di Cristina Migliaccio
* “Regalami un sorriso” di Antonella Maggio
* “Sei il mio bastardo” di Glory C.
* “Dimmi che resterai” di Deborah Fedele
* “Il desiderio nascosto di te” di Sara Purpura
* “Tutta la neve del cuore” di Giovanni Novara
* “I love my girl” di Sadie Jane Baldwin
* “Attraction – io sono tua” di Rujada Atzori
* “Tentazione e tormento” di Emme X
* “Esprimi un desiderio” di Valentina Italo
* “L’estate dentro me” di Giovanna Mazzilli
* “Una settimana per (non) innamorarmi”
* “Lacrime di farfalla” di Francesca Rossini
* “Per te questo e altro” di Erika Cotza
**
### Sinossi
Ilaria ha 24 anni, è una ragazza semplice, solare, altruista e sognatrice ma c’è sempre un velo di tristezza nascosto dietro ai suoi occhi. Toccata da un male che ha cambiato il suo modo di vedere le cose, è diventata così sensibile da mettere la felicità altrui al di sopra di tutto. Fabio, 26 anni, ha un animo gentile e tormentato, un’aria tenera e un broncio perenne. Quando in una giornata di pioggia si imbatte nella dolcissima Ilaria, capisce che non potrà starle più lontano. Ma lei non è pronta per aprirsi all’amore, teme di non essere compresa, vuole vivere da sola il suo inferno e non vuole raccontare a nessuno della sua malattia rara. L’unico modo per sentirsi normale è ignorare il suo problema e tenere a distanza le persone. Ha imparato a non abbassare mai la guardia, erigendo tante difese, ma Fabio non è disposto a rinunciare a lei tanto facilmente e combatterà per ottenere la sua fiducia e abbattere tutti i suoi muri. Perché tutti ci meritiamo un amore grande capace di farci sentire accettati per quello che siamo.
* * *
Scopri gli altri ebook della Butterfly Edizioni, ecco gli ultimi pubblicati:
* “Desiderami” di Argeta Brozi
* “Inavvicinabile” di Angela Castiello
* “A distanza di (in)sicurezza” di Jessica Black
* “Ti amo più di prima” di Antonella Maggio e Giovanni Novara
* “Meglio sola che male innamorata” di Alexandra Maio
* “L’altra parte di te” di Daniela Mastromatteo
* “Il mio angolo perfetto” di Melissa Spadoni
* “Love is… on air” di Valeria Leone
* “L’ultimo bacio” di Alessia D’Oria
* “Ti amo, stupido!” di Cristina Migliaccio
* “Regalami un sorriso” di Antonella Maggio
* “Sei il mio bastardo” di Glory C.
* “Dimmi che resterai” di Deborah Fedele
* “Il desiderio nascosto di te” di Sara Purpura
* “Tutta la neve del cuore” di Giovanni Novara
* “I love my girl” di Sadie Jane Baldwin
* “Attraction – io sono tua” di Rujada Atzori
* “Tentazione e tormento” di Emme X
* “Esprimi un desiderio” di Valentina Italo
* “L’estate dentro me” di Giovanna Mazzilli
* “Una settimana per (non) innamorarmi”
* “Lacrime di farfalla” di Francesca Rossini
* “Per te questo e altro” di Erika Cotza

Il silenzio di Laura

Alla vigilia del loro ennesimo viaggio, questa volta per l’Africa, Laura Maldonada Clapper e suo marito Desmond si trovano in una stanza d’albergo a New York. Sorseggiano scotch e soda in attesa dei loro tre ospiti, che non incontrano da molto tempo: Clara Hansen, la timida e ombrosa figlia avuta da Laura durante il primo, burrascoso e romantico matrimonio, Carlos Maldonada, l’inquieto ed eccentrico fratello, e il malinconico editor Peter Rice, l’amico di sempre. Ma quello che dovrebbe essere un festoso saluto prima della partenza si trasforma rapidamente in una cinica e claustrofobica esplosione di risentimento familiare. Così, in sette meravigliosi atti, dalla stanza d’albergo all’elegante ristorante in cui i personaggi si trasferiscono per la cena, ognuno si scopre affascinato e terrorizzato da un legame di odio che lo tiene morbosamente avvinto agli altri più dell’affetto e dell’amore. Fino a quando ciò che aleggia su di loro come un’indefinita premonizione si materializzerà nella rivelazione del drammatico segreto che Laura nasconde, costringendo i protagonisti a una crudele e definitiva resa dei conti. Dopo il grande successo di Quello che rimane, torna nelle librerie italiane un altro imperdibile romanzo di Paula Fox. Riscoperta grazie a Jonathan Franzen, Fox è oggi considerata una delle grandi voci del Novecento americano. Oltre allo stesso Franzen, fra i suoi seguaci figurano scrittori come David Foster Wallace e Jonathan Lethem.

(source: Bol.com)

Il silenzio delle vittime

Un mattino di una torrida estate sivigliana i coniugi Vega vengono trovati morti nella loro casa di Santa Clara, la città-giardino costruita nei primi anni Cinquanta dagli americani nella città andalusa. Malgrado ogni indizio sembri indicare un patto suicida, l’ispettore Javier Falcón è tutt’altro che convinto. Dalle indagini sull’attività di Rafael Vega, un costruttore di successo, emergono ambigui legami con la mafia russa. E i primi interrogatori rivelano che la comunità dell’esclusiva Santa Clara nasconde disperazione, fallimenti ed enigmi inconfessati. Fra i primi a parlare vi sono Marty Krugman, architetto americano che lavorava con Vega, e la bellissima moglie Madeleine. Si sono trasferiti lì, stando alle loro dichiarazioni, per sfuggire all’America del dopo 11 settembre, ma il loro passato sembra nascondere ben altre motivazioni. Un altro vicino chiamato in causa è l’attore Fabio Ortega, la cui stella si è offuscata dopo che il figlio è finito in galera per un delitto infamante. Sotto il caldo impietoso dell’Andalusia l’elenco delle morti misteriose si allunga. E dopo che una nuova pista sembra portare Falcón a un giro di pedofili che si credeva debellato, seguiamo col fiato sospeso l’ispettore mentre collega indizi e fili in apparenza irrilevanti e ricostruisce un complicato intrigo che lo costringe a confrontarsi con le atrocità della psiche umana.
**

Il silenzio delle ossa

Il loro primo incontro avviene in una sala autopsie. Lei è una giovane avvocatessa che intraprende crociate in difesa dei poveri e dei diseredati. Philomena Manfreda detta Manny, di origini italiane, maniaca dello shopping, una passione per la cucina mediterranea, vive in un monolocale poco più grande della scatola delle sue amate scarpe Prada. Laureata da appena cinque anni nelle aule giudiziarie si è già guadagnata la fama di irriducibile. Lui è l’anatomopatologo Jacob Rosen detto Jake, vicedirettore dell’istituto di medicina legale di New York: origini irlandesi, trasandato, lavora più ore di quante ne abbia l’orologio, abita solo in una grande casa piena di stanze e di ossa. È una celebrità nel suo campo: per lui i resti umani non hanno segreti. Quando, durante gli scavi per la costruzione di un centro commerciale, affiora un cadavere, Jake viene chiamato in causa per esaminarne le ossa. Altri resti vengono alla luce: appartengono a corpi diversi e presentano tutti inquietanti anomalie. Si tratta di scheletri umani, forse di ex degenti dell’ospedale psichiatrico chiuso da decenni. Si arriva ad una prima identificazione: un veterano della guerra di Corea, scomparso da quarant’anni. La famiglia della vittima per far luce sull’accaduto affida il caso a Manny che accetta di collaborare con Jake. Il numero dei cadaveri non fa che aumentare e ben presto Jake e Manny si trovano coinvolti in un gioco pericoloso. Qualcuno infatti sta facendo di tutto perchè quelle ossa smettano di parlare.
**