58033–58048 di 63547 risultati

Che Fine Ha Fatto Mr Y.

Che fine ha fatto Mr Y. by Scarlett Thomas
Strani eventi accadono intorno ad Ariel Manto, studentessa della British University. Prima scompare il suo professore, poi l’università crolla davanti ai suoi occhi, infine in un negozio di libri usati si imbatte in una copia di un libro rarissimo e maledetto, Che fine ha fatto Mr Y. Scritto da Thomas Lumas, uno scienziato del XIX secolo che compiva esperimenti sui poteri della mente umana, il libro è in grado di trasportare chi lo legge nella “Troposfera”, dove è possibile viaggiare nel tempo e nello spazio entrando nella mente di altri uomini. È una porta dimensionale che schiude un mondo di conoscenze, ma anche molti pericoli da cui Ariel dovrà fuggire… o è soltanto un’affascinante allucinazione?Che fine ha fatto Mr. Y. è un romanzo che intreccia con risultati avvincenti la suspense di un thriller con le visioni della fantascienza, ma che realizza anche un appassionante cocktail di filosofia, fisica, scienza e letteratura: un nuovo e sorprendente Alice nel paese delle meraviglie.«l viaggio della giovane Ariel Manto nelle possibilità della mente umana non è semplicemente un divertimento erudito: è uno slalom letterario che non vuole destare stupore in chi legge, ma puro piacere. Imperdibile.»Loredana Lipperini, Il Venerdì di Repubblica«Sono romanzi così che rendono un piacere (e un onore) tenere una rubrica di libri. Leggetelo. Vi piacerà da morire.»Antonio D’Orrico, Corriere della Sera Magazine«Un capolavoro.»Douglas Coupland«Geniale e originale.»Philip PullmanScarlett Thomas insegna scrittura creativa presso la University of Kent e collabora con diverse testate giornalistiche. Nel 2001 l’«Independent on Sunday» l’ha segnalata tra i venti migliori giovani scrittori inglesi. Vive a Canterbury. La Newton Compton ha pubblicato i romanzi Che fine ha fatto Mr Y. e PopCo, accolti con grande favore dal pubblico e dalla critica.

Che fine ha fatto Baby Jane

« Baby Jane, il prodigio di Duluth, la piccola Duse della danza! Baby Jane, la bambina prodigio, l’idolo di milioni di spettatori! » Così dicevano i manifesti da un capo all’altro dell’America, e il pubblico accorreva entusiasta… Anni e anni sono passati. Ma che fine ha fatto Baby Jane? Una vicenda che è come una galleria di specchi, dove luce e ombra si confondono, dove la realtà confina con la follia, dove paura e morte si alternano in una danza macabra. In una stanza al primo piano, un’inferma lotta con il terrore che l’attanaglia alla gola, immobilizzata su una poltrona a rotelle. Dal pianterreno le giunge un canto infantile, ma l’inferma sa che non è un canto di bambina. È il canto di sua sorella Jane… Che cosa passa in quella testa squilibrata, dietro quegli occhi bistrati, in quel corpo tozzo vestito di abiti infantili? L’inferma, chiusa nella sua stanza, trema di paura. Sa che le accadrà qualcosa di terribile, se qualcuno non interverrà in tempo. Con questo romanzo tipicamente « suspense », Henry Farrell si presenta a sostenere il giudizio dei nostri lettori dopo l’enorme successo ottenuto negli Stati Uniti.

Che cosa sei…

Qualcuno vuole che l’avvocato Nate Montgomery se ne vada da Chicago e, per ottenere il suo scopo, non esita a ricorrere al ricatto. A Nate non rimane che rivolgersi all’unica persona di cui si fida, una misteriosa e affascinante investigatrice privata, Rennie Paris. E se Rennie ha il suo bel daffare a scoprire chi sia il ricattatore, Nate da parte sua è impegnato a scoprire che tipo di donna si nasconde dietro quella facciata da dura che lo fa impazzire d’amore e di desiderio…

Che cosa è successo a Mr Dixon?

È la vigilia di Pasqua. Oggi è il grande giorno: il primo giorno della mostra itinerante sulla storia del più importante emporio della città, il leggendario Dixon & Pickering’s, che compie ben cento anni. E Israel Armstrong, bibliotecario itinerante di Tundrum e curatore dell’esposizione, è di ottimo umore. Anche se piove – a Tundrum piove sempre ¬–, lui non ha bevuto il suo caffè – ormai è un lontano ricordo – e la gente del luogo sembra fare di tutto per rendergli la vita impossibile. Insomma, ogni cosa va per il verso giusto. Almeno fino a quando si scopre che il proprietario dell’emporio è sparito. Dov’è finito Mr. Dixon? E cosa ne è stato delle centomila sterline che custodiva nella sua cassaforte? Inutile dire che il sospettato numero uno è proprio Israel, che nel giro di poche ore si ritrova ammanettato, accusato di rapimento e furto e per giunta senza lavoro – la biblioteca di Tundrum e Distretto non intende affatto infangare il suo buon nome annoverando tra le sue fila un pregiudicato. Riuscirà Israel a trovare la chiave di quella sparizione, salvare il posto e non trascorrere i prossimi anni in una cella dell’Irlanda del Nord? Perché Gloria non risponde mai alle sue telefonate? E si può sapere perché a Tundrum sembrano avercela tutti con lui? Ma, soprattutto, c’è nessuno qui che ha sentito parlare di Franz Kafka?

(source: Bol.com)

Che ci faccio qui?

In questo libro Bruce Chatwin raccolse, negli ultimi mesi prima della morte, quei pezzi dispersi della sua opera che avevano segnato altrettante tappe di una sola avventura, di tutta una vita intensa come «un viaggio da fare a piedi». Qui lo vedremo spuntare nei luoghi più disparati e fra le persone più opposte: al seguito di Indira Gandhi mentre annota un diario esilarante o in visita da Ernst Jünger, alla ricerca dello yeti o in quartieri malfamati di Marsiglia, o in Africa mentre si scatena un colpo di Stato, a cena con Diana Vreeland o con Werner Herzog nel Ghana o con un geomante cinese a Hong Kong. I numerosi lettori di Chatwin sanno che egli fu, prima ancora che un romanziere e un saggista, qualcuno che è *sempre in viaggio* e osserva ogni esperienza con lo sguardo penetrante di chi, a partire da qualsiasi cosa, vuole andare il più lontano possibile. Con lui riscopriamo che il tono di fondo del narratore in genere è quello del viaggiatore che si ferma a ricordare ciò che ha visto. Il timbro, l’asciuttezza, l’icasticità della prosa di Chatwin sono stati uno dei grandi e preziosi doni letterari degli ultimi decenni. E proprio alla fine di queste pagine Chatwin ci svela, con un guizzo finale di mirabile teatralità, che dietro l’arte della sua prosa ha sempre operato un consiglio che una volta gli diede Noel Coward, «il Maestro»: «Non si lasci mai intralciare da preoccupazioni artistiche».

Chapagne per uno

Povero Archie Goodwin! Potevano capitargliene, di guai, ma come quello di lasciar commettere un assassinio sotto il suo naso!… Secondo ogni pronostico la bella Fay Usher dovrebbe essersi uccisa. Ha minacciato più volte di avvelenarsi e portava sempre con sé una fialetta di cianuro.

Changeless

È metà pomeriggio, per ogni lupo mannaro che si rispetti dovrebbe essere il momento della giornata dedicato al sonno più profondo, eppure a casa di Alexia Tarabotti oggi qualcosa non va: svegliata di soprassalto da un grido, la nostra eroina si accorge che suo marito, Lord Maccon, non è tranquillamente a letto addormentato, ma sta ululando alla finestra. Neanche il tempo di capire che cosa succede che questi fugge. Scompare. Lasciandola sola ad affrontare un esercito di soldati dai poteri soprannaturali, una pletora di fantasmi e, soprattutto, la regina Vittoria. Infuriata come non mai. Ma Alexia è in possesso di due armi di difesa micidiali che la proteggono da ogni insidia: il suo parasole all’ultima moda e un’ammaliante cortesia. Le indagini la condurranno fin nella remota e selvaggia Scozia, in mezzo a clan di licantropi di cui riuscirà – con incredibile abilità, e grazie ai suoi poteri di «senz’anima» – a rovesciare le dinamiche interne volgendole a proprio favore.

Chanel non fa scarpette di cristallo

Cosa succederebbe se, anziché limitarsi a trasformare in storie la propria fantasia, gli autori delle fiabe più famose avessero stretto un patto con il diavolo condannando le proprie creature a uscire dalle pagine dei libri per affrontare i vizi e le virtù della quotidianità? Donne favolose si troverebbero a vivere in un mondo che non è decisamente un regno fatato né un posto per principesse, dove la realtà è fatta di lavori noiosi, problemi da risolvere e uomini davvero molto diversi dai principi azzurri. Una vita complicata, senza considerare che i termini del famoso patto stipulato alle loro spalle prevede una clausola fondamentale: la ragazza che nel corso della sua esistenza normale dovesse incontrare il vero amore perderebbe, insieme all’immortalità, anche il ricordo del tempo che fu, lasciando scivolare nell’oblio le antiche fiabe raccontate a tutte le bambine del mondo. Così, mentre alle porte del cuore di Beatrice, Maddalena e Penelope già bussano i rispettivi cavalieri, il divertente romanzo di Barbara Fiorio propone alle sue protagoniste l’eterno conflitto tra amore romantico e vita reale: chi vincerà?
**
### Sinossi
Cosa succederebbe se, anziché limitarsi a trasformare in storie la propria fantasia, gli autori delle fiabe più famose avessero stretto un patto con il diavolo condannando le proprie creature a uscire dalle pagine dei libri per affrontare i vizi e le virtù della quotidianità? Donne favolose si troverebbero a vivere in un mondo che non è decisamente un regno fatato né un posto per principesse, dove la realtà è fatta di lavori noiosi, problemi da risolvere e uomini davvero molto diversi dai principi azzurri. Una vita complicata, senza considerare che i termini del famoso patto stipulato alle loro spalle prevede una clausola fondamentale: la ragazza che nel corso della sua esistenza normale dovesse incontrare il vero amore perderebbe, insieme all’immortalità, anche il ricordo del tempo che fu, lasciando scivolare nell’oblio le antiche fiabe raccontate a tutte le bambine del mondo. Così, mentre alle porte del cuore di Beatrice, Maddalena e Penelope già bussano i rispettivi cavalieri, il divertente romanzo di Barbara Fiorio propone alle sue protagoniste l’eterno conflitto tra amore romantico e vita reale: chi vincerà?

Cetaganda

Miles Vorkosigan e il cugino Ivan, rampolli della nobiltà di Barrayar, sono in missione diplomatica: la destinazione è Cetaganda, una civiltà planetaria dove l’ingegneria genetica è un’arte. L’idea è quella di guadagnarsi una facile gloria con una tranquilla missione di routine, ma le cose si complicano: l’imperatrice di Cetanga muore per cause naturali, mentre la sua ancella incontra lo stesso destino, ma in modo assai meno “naturale”. Siccome c’è di mezzo Miles il mistero s’infittisce e i due finiscono nel cuore di un enigma, la cui chiave è un misterioso programma genetico…
**

Cesare: Il grande giocatore

Ognuno ha la propria immagine di Cesare. C’è chi lo vede come un conquistatore o il fondatore di un nuovo ordine, un condottiero temerario o un elegante scrittore, un capo di Stato clemente e generoso oppure il freddo e subdolo artefice di un piano sottile e tortuoso per abbattere la Repubblica. Tra tutti questi aspetti si nasconde il mistero di un uomo. In mezzo agli interrogativi che la figura di Cesare pone, quella che emerge viva e vitale in questo libro è l’immagine complessa di un uomo capace di affascinare amici e nemici e in grado di lasciare un’impronta duratura nella Storia, dando vita a una costruzione politica che ha travalicato i secoli.
**
### Sinossi
Ognuno ha la propria immagine di Cesare. C’è chi lo vede come un conquistatore o il fondatore di un nuovo ordine, un condottiero temerario o un elegante scrittore, un capo di Stato clemente e generoso oppure il freddo e subdolo artefice di un piano sottile e tortuoso per abbattere la Repubblica. Tra tutti questi aspetti si nasconde il mistero di un uomo. In mezzo agli interrogativi che la figura di Cesare pone, quella che emerge viva e vitale in questo libro è l’immagine complessa di un uomo capace di affascinare amici e nemici e in grado di lasciare un’impronta duratura nella Storia, dando vita a una costruzione politica che ha travalicato i secoli.

Cesare, il genio e la passione

Il quinto volume della saga dedicato a Roma. Cesare, la guerra gallica, un crescendo di trionfi, l’ostilità della vecchia Roma senatoria e l’amore del popolo. La ribellione, il passaggio del Rubicone, la guerra civile, Pompeo, Catone Uticense, Cicerone… Le gesta, le passioni, le emozioni di un eroe geniale, affascinante, titanico, uno dei pochi uomini che hanno cambiato realmente il corso della Storia.

Cesare Padrone Di Roma

Dall’alto delle vette innevate delle Alpi, Cesare guarda la Gallia distendersi ai suoi piedi. Non pensa più ai lunghi anni passati in Spagna, alle insidie e alle congiure di Roma, ai giochi di potere di Pompeo, Crasso, Catilina. Il suo è il destino di un condottiero, di un conquistatore, e in Gallia, in questa terra fredda ma rigogliosa, tra popoli ostili e fieri, Cesare, come un nuovo Alessandro, realizzerà i suoi sogni: sconfiggerà le tribù celtiche una dopo l’altra, portando ovunque il nome, le leggi, le strade di Roma. Si spingerà fino alla misteriosa Britannia, dove mai si era posato piede romano, e infine affronterà, insieme ai suoi fidati generali Bruto e Marco Antonio, l’avversario più duro, Vercingetorige, che ha riunito tutte le tribù della Gallia, per l’ultima disperata battaglia contro Roma. E quando tutto questo sarà finito, altre sfide si profileranno all’orizzonte, altre conquiste. La più importante lo attende al di là del Rubicone, nella sua stessa Roma, la città in nome della quale ha combattuto senza tregua. Il dado è tratto, e non si può tornare indietro.
(source: Bol.com)

Cesare (Einaudi)

Cesare Garboli era un critico folgorante, che scriveva per capire. Rosetta Loy è una grande scrittrice che ci racconta il loro incontro; e l’affinità assoluta, piú lunga di una vita. I silenzi nella casa dell’entroterra toscano e le serate con la pioggia che riga i vetri, i gatti ad accompagnarli ovunque, a eccezione di quelli neri, presaghi di nefaste profezie. In questa memoria sentimentale Cesare appare sia tra le pagine dei suoi libri che nelle sue furie imprevedibili. Da adolescente con il ciuffo davanti agli «occhi stupefatti e sbarrati che fissano incantati il futuro che li aspetta», al trentenne inviato in Vietnam, che non riesce a scrivere nemmeno una riga, stravolto dall’orrore che gli si presenta davanti. O mentre dà battaglia sulla scacchiera a Carlo Caracciolo in interminabili partite che lo vedono impegnato con regine, re, alfieri e pedoni. Grande amico di Natalia Ginzburg, Elsa Morante e Fellini. Lettore dall’intelligenza inarrivabile e uomo di infuocate passioni. Questo libro non è una resa docile al ricordo, ma il suo contrario. Perché, come scrive Metastasio nel celebre sonetto molto amato da Cesare, «Siam navi all’onde algenti, | lasciate in abbandono. | Impetuosi venti | i nostri affetti sono, | ogni diletto è scoglio. | Tutta la vita è mar».
**
### Sinossi
Cesare Garboli era un critico folgorante, che scriveva per capire. Rosetta Loy è una grande scrittrice che ci racconta il loro incontro; e l’affinità assoluta, piú lunga di una vita. I silenzi nella casa dell’entroterra toscano e le serate con la pioggia che riga i vetri, i gatti ad accompagnarli ovunque, a eccezione di quelli neri, presaghi di nefaste profezie. In questa memoria sentimentale Cesare appare sia tra le pagine dei suoi libri che nelle sue furie imprevedibili. Da adolescente con il ciuffo davanti agli «occhi stupefatti e sbarrati che fissano incantati il futuro che li aspetta», al trentenne inviato in Vietnam, che non riesce a scrivere nemmeno una riga, stravolto dall’orrore che gli si presenta davanti. O mentre dà battaglia sulla scacchiera a Carlo Caracciolo in interminabili partite che lo vedono impegnato con regine, re, alfieri e pedoni. Grande amico di Natalia Ginzburg, Elsa Morante e Fellini. Lettore dall’intelligenza inarrivabile e uomo di infuocate passioni. Questo libro non è una resa docile al ricordo, ma il suo contrario. Perché, come scrive Metastasio nel celebre sonetto molto amato da Cesare, «Siam navi all’onde algenti, | lasciate in abbandono. | Impetuosi venti | i nostri affetti sono, | ogni diletto è scoglio. | Tutta la vita è mar».

Cercatori d’oro

Una squadra di sbirri parigini è alle prese con una catena di efferati omicidi: le vittime, tutte di sesso femminile, vengono ritrovate con la mano destra mozzata. Indizi? Nessuno. Moventi? Nessuno. A poco a poco, però, negli inquirenti si insinua un sospetto: lungi dal colpire a caso, forse l’assassino sta eseguendo un piano minuziosamente predisposto; forse sta cercando qualcosa, o qualcuno; forse i suoi omicidi partono da lontano e portano altrettanto lontano. Alla fine, per svelare il mistero e fermare l’ecatombe, i flic del giudice Nadia Lintz dovranno lanciarsi in un doppio salto mortale, nello spazio e nel tempo, lungo una strada già percorsa da migliaia di vecchi, donne e bambini…

Cercatemi domani, sarò morto

Una ricca signora di mezza età, mentre veglia il secondo marito, più morto che vivo, manda un legale di origine messicana, nel Sud-America, in cerca del primo marito che l’ha piantata, anni addietro, fuggendo con una messicana. Perché voglia ritrovarlo non è ben chiaro. Per aiutarlo, come dice? L’avvocato lo cerca. L’uomo pare davvero irreperibile. Ma la sua storia vien fuori subito: finito in carcere per loschi traffici, si è ammalato e poi è sparito. Morto? Evaso? I documenti ufficiali non dicono nulla. Penosamente, quasi facendosi strada a fatica nella sporcizia concreta e morale, l’avvocato svolge le sue indagini, ma ogniqualvolta sta per apprendere qualcosa, chi deve dirglielo muore malamente. Chi è che arriva sempre prima dell’investigatore? È il fuggitivo che cancella le proprie tracce?

Cercando te

Cercando te (Searching for Someday) by Jennifer Probst
**Cuori Solitari #1
**
Kate ha deciso di rinunciare per sempre all’amore, almeno per quanto riguarda lei personalmente. Ha un dono: è in grado di percepire se tra due persone si può stabilire una relazione sentimentale, un dono che si tramanda in famiglia da generazioni e che non sembra applicarsi a lei stessa. Per questo, Kate ha deciso almeno di sfruttarlo professionalmente e, insieme a due amiche, ha aperto a New York un’agenzia matrimoniale, Kinnection. Ma quando un uomo furibondo fa irruzione nel suo ufficio accusandola di essere una truffatrice, le cose assumono una piega del tutto imprevista: per dimostrare di aver ragione Slade la sfida a trovare un’anima gemella per lui. Irritata dall’atteggiamento, ma decisa ad accogliere la sfida, Kate si butta nella ricerca solo per scoprirsi perdutamente innamorata di questo giovane e avvenente avvocato che minaccia di trascinarla in tribunale.
**Jennifer Probst **è autrice della serie ***Cuori solitari***, di cui fanno parte:
**
*Cercando te***
***Trovando te***
***Sognando te***
***Aspettando te***
***Desiderando te***
***Volendo te***