57953–57968 di 74503 risultati

Un giorno, cose terribili

Un’occhiata al computer prima di andare a scuola e il piccolo Bastien vede qualcosa che lo sconvolge. È un messaggio raggelante, che gli arriva dal fratellino Jules, morto due anni prima. Da quando si è trasferito in quella cittadina, le sue giornate sono un crescendo di episodi strani e di sinistre sensazioni. E non accade soltanto a lui. Sarà l’atmosfera del luogo, la misteriosa Laville-Saint-Jour, con le sue lugubri architetture gotiche, sarà la presenza di quella nebbia persistente che, quando cala, sembra avvolgere tutto in un oscuro maleficio. “Succedono cose terribili il primo giorno di nebbia”, gli hanno detto. Ma ci sono anche altre voci che corrono: storie di morti violente e di roghi inspiegabili, di bambini uccisi per riti demoniaci, di una segreta e potente setta satanica. Perseguitato da incubi notturni e dalla sensazione di inquietanti presenze, Bastien si sente tuttavia investito di una forza particolare per combattere contro il Male che da secoli soffoca quel luogo. Un thriller che spalanca una porta sul mondo delle tenebre.
**

Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra

Trent’anni di storia americana, trent’anni di sogni e aspirazioni. Di amori, di voli e di cadute. Un giorno verrò a lanciare sassi alla tua finestra è l’epopea cruda, fantastica, umanissima di sei diverse giovinezze, sei modi d’intendere la vita coi suoi dolorosi passaggi epocali. Michael e Jane, Francis e Zelda, Edward e Ginger: storie di incontri e di distacchi, di solitudini forzate che, dal New Jersey degli anni settanta, arrivano a sfiorare la purezza sporca della Manhattan anni novanta. La pop art, la contestazione, la scena punk e il sogno illusorio di una ribellione possibile. Con uno stile appassionato e una straordinaria capacità di montaggio, Claudia Durastanti racconta e reinventa l’America nella quale è cresciuta, toccando nervi scoperti del nostro passato e rivelandosi come una delle voci più mature della nuova narrativa italiana.
(source: Bol.com)

Un giorno ti vedrò

Durante un servizio in un ospedale di New York, la giovane reporter Meghan Collins assiste al ricovero di una ragazza selvaggiamente pugnalata e in condizioni disperate. Più tardi scopre con sconcerto che costei le somiglia come una goccia d’acqua.
**

Un giorno solo, tutta la vita

Questa storia inizia a New York nel 2000, quando, alle nozze del nipote, Josef Kohn scorge tra gli invitati una donna dall’aria familiare: gli occhi azzurro ghiaccio, l’ombra di un tatuaggio sotto la manica dell’abito. Rischiando di essere scortese, le chiede di mostrargli il braccio. La certezza è lì, sulla pelle: sei numeri blu, accanto a un piccolo neo che lui non ha mai dimenticato. E allora le dice: ‘Lenka, sono io. Josef. Tuo marito’.
Perché questa storia, in realtà, inizia a Praga nel 1938, quando Lenka e Josef sono due studenti. Ebrei, si conoscono poco prima dell’occupazione nazista, si innamorano, diventano marito e moglie per lo spazio di una notte. Il giorno dopo, al momento di fuggire negli Stati Uniti, Lenka decide di restare, perché non ci sono i visti per la sua famiglia. Si separano con la promessa di ricongiungersi al più presto, ma Lenka finisce in un campo di concentramento.
In mezzo all’orrore, dipinge: l’unico modo per dare colore a ciò che è privato di luce, per dare forma a ciò che non si può descrivere. Mentre Josef, in America, si specializza in ostetricia; solo aiutare a dare la vita gli impedisce di essere trascinato a fondo dalle voci di chi non c’è più.
Quando ormai si crederanno perduti per sempre, ci sarà un nuovo inizio per entrambi. Ed entrambi impareranno che l’amore può anche essere gratitudine per chi ti ha salvato la vita, affinità tra anime alla deriva, rispetto di silenzi carichi di dolore. E di confini da non valicare, perché al di là si celano – intatti e ostinati – i ricordi di una passione assoluta, di quelle che basta un istante per accendere, ma non è sufficiente una vita per cancellare.
Questa storia inizia e non ha mai fine. Come i grandi amori.

(source: Bol.com)

Un giorno questo dolore ti sarà utile

James ha 18 anni e vive a New York. Finita la scuola, lavoricchia nella galleria d’arte della madre, dove non entra mai nessuno: sarebbe arduo, d’altra parte, suscitare clamore intorno a opere di tendenza come le pattumiere dell’artista giapponese che vuole restare Senza Nome. Per ingannare il tempo, e nella speranza di trovare un’alternativa all’università («Ho passato tutta la vita con i miei coetanei e non mi piacciono granché»), James cerca in rete una casa nel Midwest dove coltivare in pace le sue attività preferite – la lettura e la solitudine –, ma per sua fortuna gli incauti agenti immobiliari gli riveleranno alcuni allarmanti inconvenienti della vita di provincia. Finché un giorno James entra in una chat di cuori solitari e, sotto falso nome, propone a John, il gestore della galleria che ne è un utente compulsivo, un appuntamento al buio… I puntini di sospensione sono un espediente abusato, ma in questo caso procedere oltre farebbe torto a uno dei pochi scrittori sulla scena che, come sa bene chi ha amato *Quella sera dorata*, chiedono solo di essere letti. Anticipare le avventure e i pensieri di James rischierebbe di mettere in ombra la singolare grazia che pervade questo libro, e da cui ci si lascia avvolgere molto prima di riconoscere, nella sua ironia inquieta e malinconica, qualcosa che pochi sanno raccontare: l’aria del tempo.

Il giorno dopo domani

###
A Parigi un chirurgo americano individua l’uomo che ha assassinato suo padre e vuole vendicarsi. A Londra un detective dell’Interpol investiga su una serie di delitti: a tutte le vittime è stata tagliata la testa. A Ginevra un’affascinante dottoressa incomincia una storia d’amore che cambierà la sua vita. E in Germania un piccolo gruppo di industriali si prepara a festeggiare un evento memorabile. Ma che cosa succederà il “giorno dopo domani”?

Un giorno di dicembre

“Chi ha vissuto in prima persona la vicenda umana di Gianluca Sciortino e della sua famiglia trae dalla lettura di questo lungo racconto sensazioni intense e dolorose. Così è capitato a me. Ho rivissuto nella mia mente un lungo flashback che mi ha ricondotto ad una lunga e dolorosa vicenda personale. Nella vita di Nino Manfredi e nella mia è arrivato un giorno in cui, all’improvviso, tutto è cambiato: un malore, la corsa in ospedale verso un destino sconosciuto, la porta della rianimazione che si chiude. Una porta al di qua di una soglia invalicabile, come il limite che divide la vita dalla morte. C’era un gioco nella nostra vita coniugale che Nino faceva con me ogni sera quando lasciava la mia camera da letto. Nel darci la buona notte rimaneva in uno stato di sospensione e, con la sua area fanciullesca, diceva “chiudo?”. Ma l’idea di chiudere quella porta tra noi gli procurava angoscia come se avesse terrore di non riuscire a vincere il buio della notte”.

IL GIORNO DELLA VENDETTA

La serie di romanzi scritti da David Gerrold intorno all’incubo degli Chtorr, i terribili extraterrestri calati dal pianeta omonimo, ha rinverdito in modo brillante il tema dell’invasione dallo spazio, di cui la fantascienza sembrava essersi un po’ dimenticata negli ultimi anni. Nel *Giorno della vendetta* , spettacolare romanzo che per ragioni di mole abbiamo dovuto suddividere in due fascicoli – questo e il prossimo – l’eroe terrestre dell’avventura, il tenente Jim McCarthy, deve vedersela non solo con l’insidia dei giganteschi vermi alieni, ma anche con il pericolo del tradimento e del collaborazionismo umano. E quando viene fatto prigioniero dagli avversari ha la sensazione, per la prima volta, che tutto sia perduto per la Terra…
**INDICE**

**DAL FUMETTO NERO AL FANTASTICO – Documenti**
|
GIUSEPPE LIPPI

Il giorno della vendetta (parte seconda) – Urania1245

Il tenente Jim McCarthy è un uomo nato e cresciuto in un mondo d’incubo: da anni l’umanità è in lotta con gli Chtorr, una razza repellente di giganteschi vermi calati da un altro pianeta per i loro scopi di conquista. Decimata da pestilenze e malattie, la specie umana combatte tuttavia con le unghie e coi denti: e adesso è venuto il momento, per Jim McCarthy (già membro delle Forze Speciali), di svolgere un corso speciale al Mode per prepararsi all’ultima sfida. McCarthy è un soldato incallito da anni di esperienze allucinanti, ma anche per lui il Mode è una prova delle più ardue; e proprio quando sta per prepararsi, ancora una volta, a entrare in azione, viene catturato da un gruppo di terroristi che collaborano con gli Chtorr. Per il tenente Jim McCarthy si profila una missione doppiamente pericolosa: resistere al lavaggio del cervello dei collaborazionisti e raccogliere, dall’interno, informazioni vitali su questo nucleo armato di potenziali nemici della Terra. Si conclude con questo numero spettacolare *Il giorno della vendetta* , una nuova e appassionante vicenda dell’umanità contro i suoi nemici di sempre, gli Chtorr.
**INDICE**

**TUTTI I COLORI, O QUASI, DEL CYBERPUNK – Uno sguardo al fumetto ultramoderno, figlio della tecnologia e del computer, che viene da lontano per andare chissà dove – Documenti**
|
FABIO GARIANI
**In libreria**
|
MARZIO TOSELLO

Il giorno dell’amore

3 ROMANZI IN 1 –
SCHERZI DEL DESTINO
La vita da single incallito di Greg è cambiata completamente, da quando una sua ex fiamma ha bussato alla porta con una bimba tra la braccia, sostenendo che è sua figlia. Lui non potrà mai occuparsi di una bambina di dieci mesi da solo, quindi chiede aiuto a Jane. Non l’ha mai vista prima, ma istintivamente si fida di lei. Non è troppo presto per sperare anche di… sposarla?
MALIA D’AMORE
Dopo aver instaurato con loro un profondo legame, Travis decide di adottare due gemelli orfani. I bambini, però, sono originari di una tribù indiana e, per prendersi cura di loro, Travis deve ottenere l’approvazione del consiglio e soprattutto seguire una sorta di “tirocinio” con Diana. Diana è bellissima e dolcissima, tanto da suscitargli un desiderio nuovo e imprevisto: riportarla a casa con sé e condurla all’altare.
UN PIACEVOLE DIVERSIVO
Sloan si è concentrato esclusivamente sulla sua professione e sulle sue figlie, e da padre single premuroso si è trasformato in apprensivo. Le ragazze, tre gemelle di dodici anni, vorrebbero evadesse un po’ dalla routine e considerano la bellissima Rachel, l’insostituibile segretaria di Sloan, perfetta per il compito. Passando sempre più tempo insieme, lui e Rachel scoprono un feeling inatteso, e una domanda sottesa: come sarebbe stare insieme tutta la vita?
**
### Sinossi
3 ROMANZI IN 1 –
SCHERZI DEL DESTINO
La vita da single incallito di Greg è cambiata completamente, da quando una sua ex fiamma ha bussato alla porta con una bimba tra la braccia, sostenendo che è sua figlia. Lui non potrà mai occuparsi di una bambina di dieci mesi da solo, quindi chiede aiuto a Jane. Non l’ha mai vista prima, ma istintivamente si fida di lei. Non è troppo presto per sperare anche di… sposarla?
MALIA D’AMORE
Dopo aver instaurato con loro un profondo legame, Travis decide di adottare due gemelli orfani. I bambini, però, sono originari di una tribù indiana e, per prendersi cura di loro, Travis deve ottenere l’approvazione del consiglio e soprattutto seguire una sorta di “tirocinio” con Diana. Diana è bellissima e dolcissima, tanto da suscitargli un desiderio nuovo e imprevisto: riportarla a casa con sé e condurla all’altare.
UN PIACEVOLE DIVERSIVO
Sloan si è concentrato esclusivamente sulla sua professione e sulle sue figlie, e da padre single premuroso si è trasformato in apprensivo. Le ragazze, tre gemelle di dodici anni, vorrebbero evadesse un po’ dalla routine e considerano la bellissima Rachel, l’insostituibile segretaria di Sloan, perfetta per il compito. Passando sempre più tempo insieme, lui e Rachel scoprono un feeling inatteso, e una domanda sottesa: come sarebbe stare insieme tutta la vita?

Il giorno del giudizio

In Sardegna, in quest’isola di «demoniaca tristezza», una città che è un «nido di corvi», Nuoro, abitata da gente che «sembra il corpo di guardia di un castello malfamato». E in questo paese «che non ha motivo di esistere», una vecchia famiglia, i Sanna Carboni, di notai agiati, rappresentanti di un’autorità che appartiene, in tutti i sensi, a un altro mondo. “Il giorno del giudizio” segue la storia di questa famiglia tra la fine del secolo scorso e i primi decenni del nostro: e, insieme a essa, di tutto il paese di Nuoro, dai notabili alle «donne ricche e pallide che sognavano e intristivano nella clausura», dai pastori ai banditi, agli oziosi del Corso, ai preti, ai vagabondi, alle prostitute. E, se pure le vicende dei Sanna formano la spina dorsale del libro, i personaggi si mescolano tutti in un groviglio inestricabile. Il loro vero ‘luogo comune’ è in realtà la morte, il camposanto di Nuoro «dominato dalla rupe, che sembrava una parca». Più che una nuova saga familiare, con quel certo andamento pletorico e in fondo prevedibile che appartiene al genere, questo libro potrebbe essere definito un romanzo metafisico. Qui i vivi e i morti, la Legge e le donne, gli innocenti e i criminali sono come spinti da un turbine rapinoso a presentarsi alla memoria di chi li racconta, sono fantasmi che perseguitano lo scrittore, che poi è uno dei loro e inavvertitamente racconta se stesso come fantasma. Tutti gli si avvicinano «scongiurandolo di liberarli dalla loro vita». Ma, perché ciò avvenga, bisogna che il grande fiume del vivere si arresti in quell’«atto antiumano, inumano» che è il giudizio, come Satta lo definiva in un suo saggio giuridico: «un atto veramente – se lo si considera, bene inteso, nella sua essenza – che non ha scopo». Ma «di quest’atto senza scopo gli uomini hanno intuito la natura divina, e gli hanno dato in balìa tutta la loro esistenza». Per la Nuoro di Satta, che ignora la Storia, «la vera e la sola storia è il giorno del giudizio», così come l’unico peccato, per il codice oscuro e implacabile del luogo, è «il peccato di essere vivi». Dietro la prosa scarna, dietro le storie asciutte e feroci, dietro la concretezza durissima dei fatti, sentiamo in queste pagine una continua febbre visionaria. Sospeso nel momento innaturale e veggente del giudizio, un intero mondo parla qui per la prima volta e si inabissa: ogni sua traccia ha in queste pagine un’intensità violenta, dolorosa e, a tratti, di disperata dolcezza. Alla fine sentiamo che davvero «il sogno galoppava in quelle brulle lande».

Il giorno del cane blu. Peggy Sue e gli invisibili

Da quando nel cielo della città è apparso un sole blu le cose vanno a rotoli. Gli studenti mediocri ne sanno più dei professori, i cani giocano a scacchi, i gatti leggono nel pensiero. Peggy Sue, la studentessa con gli occhiali magici, sente che la catastrofe e imminente. Solo lei conosce gli esseri invisibili che attraversano le pareti per bersagliare i poveri uomini con “scherzi” spesso mortali. A causa di questi fantasmi, si scatena il caos: la città è ormai comandata da un cane randagio, e gli animali hanno deciso di vendicarsi degli umani. La trappola si sta chiudendo, riuscirà Peggy Sue a far tornare tutto alla normalità? Età di lettura: da 11 anni.

Il giorno dei dinosauri

Una folla di innocenti spettatori si accalca, invano, all’uscita del *drive-in* , il grande cinema all’aperto dove, nel cuore della notte, si proiettano solo film dell’orrore e di fantascienza. Ma perchè invano? Perchè c’è qualcuno che vuole tenerli prigionieri, e questo *qualcuno* non appartiene al nostro pianeta. Così, in un primo momento, chiunque tentasse di uscire dai confini dell’arena andava incontro a un’orribile fine. Ora, però, sembra che le cose stiano cambiando, che qualche temerario possa varcare la soglia impenetrabile oltre la quale si vede solo il buio assoluto. Ma voi, che cosa preferireste? Rimanere assediati nei confini allucinanti del cinematografo, o trovarvi sbalzati in un mondo di giungle preistoriche dove i grandi rettili vanno instancabilmente a caccia, cibandosi di tutto ciò che trovano? Questo è il dilemma degli eroi di Lansdale, costretti ora ad affrontare il Giorno dei Dinosauri.

Un giorno da ricordare

E questa che cos’è? Bastava prenderla in mano, quella busta, per intuirne il mittente e il relativo, gelido invito a “mettersi urgentemente in contatto con il nostro studio legale per un appuntamento”. A Brianna Gibson stanno ancora tremando le dita, ma i brividi non sono finiti: appena incrocia gli occhi azzurro ghiaccio dell’avvocato Nathan Landris, infatti, attrazione e ribellione si alternano a ritmo imprevedibile. Nathan è super bello, super antipatico e super misterioso, soprattutto nel delinearle il motivo della convocazione: “Ho una notizia importante per lei, ma non posso comunicargliela ora. Dobbiamo rivederci al più presto.”