57745–57760 di 67351 risultati

Tre Uomini in Barca

Tre uomini in barca by Jerome K. Jerome
Il romanzo, uscito nel 1889, nacque originariamente come opera contenente notizie storico-letterarie, utili per una guida turistica, e avrebbe dovuto intitolarsi La storia del Tamigi. L’editore fece tagliare le divagazioni storico culturali, creando i presupposti per l’enorme successo del libro, snellito rispetto al racconto originale, ma pieno di gag umoristiche. L’opera vendette un milione e mezzo di copie nella sola Gran Bretagna.

Tre pallottole per l’assassino

Quando Casey, fotoreporter del Daily Express va a bere qualcosa al Melody Lounge, non è certo in cerca di guai o di avventure. Ma il caso gli fa incontrare alcune persone che sono già nei guai, e che, per così dire, gliene regalano una buona parte: c’è Shirley Farrington, che gli chiede di accompagnarla a casa, mentre Donald suo marito si sta ubriacando. Poi c’è lo stesso Donald Farrington in persona. Casey conosce Farrington, un ricco agente di cambio, la cui vita privata risulta irreprensibile. Ma c’è qualcuno che cerca di ricattarlo e per questo Farrington ha bisogno del suo aiuto. Quando Casey lo interroga, le risposte non hanno senso logico. E poi chi è andato a cercare, Shirley, al Melody Lounge? Perché la sorella di Farrington ha pagato mille dollari a un losco investigatore? Nei pochi giorni che seguono, Casey va dai quartieri alti della buona società ai sordidi alberghi dove vivono le frequentatrici di equivoci locali notturni e i fotografi a caccia di scandali. Un uomo viene trovato morto, ed ecco Jack Casey preso in mezzo, fra la polizia e l’assassino. Il fotoreporter dell’Express avrebbe una lunga storia da raccontare, ma sarà costretto a tener la bocca chiusa fino a quando non riuscirà, coi suoi mezzi e coi suoi metodi, a mettere in chiaro tutta la verità.

Tre nipoti e un gentiluomo

Per convincere Blair McAllister, scrittore ed esploratore famoso, a vendere il suo castello alla società immobiliare nella quale lei lavora, Amanda è disposta a tutto. Persino a sostituirsi all’amica Susan nell’accudire i nipoti dello scrittore durante il periodo delle feste. Risultato? Disastroso. Blair la rimprovera in continuazione, i bambini sono autentiche pesti… Ma per fortuna arriva il Natale e, com’è tradizione, i due si ritrovano a baciarsi sotto il vischio…

Tre donne in abito da sera

Tre donne in abito da sera si accingo ad assistere ad uno spettacolo d’illusionismo nel teatro allestito nel solarium di casa Bonnard, una delle famiglie più in vista di New York. Una è Irene Bonnard, la padrona di casa, austera e ancora affascinante a dispetto dell’età; la seconda è Pamela Crewe, la graziosa fidanzata del figlio di Irene, bionda dagli occhi azzurri, con quello strano carattere che alterna improvvise timidezze a grandi slanci di affetto; la terza è Naomi Shane, che a soli 26 anni ha già un infelice matrimonio alle spalle dal quale sta faticosamente cercando di riprendersi. Molti sono gli ospiti che si cimenteranno in qualche gioco di prestigio, e tra questi, inaspettato, c’è anche il dottor Gilbert Shane, l’ex marito di Naomi. Tutti sanno che Gilbert e Naomi preferiscono evitarsi, eppure eccoli lì, insieme, prima e dopo la cena, impegnati in animate discussioni. Quando lo spettacolo comincia, uno dei primi a presentarsi sulla scena è proprio Gilbert, che sfoggia una grande abilità. Almeno fino a quando qualcuno, davanti agli occhi di tutti, riesce a conficcargli un coltello nella schiena, uccidendolo. Soffuso di una continua sensazione di pericolo e ingentilito da una vena di romanticismo, Tre donne in abito da sera (1941), finora inedito in Italia, è il tredicesimo romanzo dell’autrice nel quale compare il suo personaggio per eccellenza: l’ispettore McKee.

Tre cuori e tre leoni

Holger Carlen, giovane ingegnere danese è all’apparenza una persona del tutto ordinaria. Nulla lascerebbe presupporre che egli sia il depositario del fato del cosmo e che lo attenda un destino eroico. Nel corso di una sua azione come partigiano contro i tedeschi nella seconda guerra mondiale, Holger si ritrova sbalzato all’improvviso in un universo parallelo, in una terra fiabesca dove vigono le leggi della magia al posto di quelle della scienza. E qui dovrà affrontare nemici ed ostacoli di tutti i generi.
**

Tre cadaveri

**Una lettura scorrevole e appassionante 
Il nuovo talento del thriller italiano
Tre donne assassinate.
Tre corpi orribilmente profanati.
Chi è il serial killer di Genova?**
Una serie di omicidi sconvolge la città di Genova. Tre donne sono ritrovate morte, e ogni scena del delitto è un’efferata rappresentazione. Si tratta di un serial killer o di una setta di invasati? L’ispettore capo Manzi viene incaricato di condurre le indagini insieme alla sua squadra, e decide di chiedere aiuto a Goffredo Spada, un ex poliziotto, a suo dire l’unico ad avere le competenze per trovare l’assassino. Spada, però, non è per niente collaborativo e dimostra cinismo e totale sfiducia nelle istituzioni. C’è qualcosa nel suo passato che lo tormenta. Ma la polizia non è l’unica a muoversi sulle tracce dell’assassino. Orietta Costa, una giornalista di cronaca del «Secolo XIX», intende venire a capo del mistero, e firmare lo scoop dell’anno. Man mano che il tempo passa, però, gli omicidi sono sempre più brutali e chiunque abbia intenzione di fermare quelle morti violente dovrà addentrarsi nell’abisso della perversione umana, in una lenta discesa agli inferi.
**Tre efferati omicidi sconvolgono Genova
Tre investigatori dovranno calarsi nell’inferno della mente di un serial killer per risolvere il caso**
«Una lettura scorrevole e appassionante. Sono arrivato di corsa al finale del tutto inaspettato.»
«Personaggi complessi e molto ben caratterizzati, un thriller che ha saputo coinvolgermi fino alla fine.»
**Raffaele Malavasi**
È nato a Genova ed esercita la libera professione. Da sempre accanito lettore, ha una passione per i gialli. Ha deciso di dedicarsi alla scrittura autopubblicando, da esordiente, il suo primo romanzo. *Tre cadaveri *è il primo libro pubblicato con la Newton Compton.
**
### Sinossi
**Una lettura scorrevole e appassionante 
Il nuovo talento del thriller italiano
Tre donne assassinate.
Tre corpi orribilmente profanati.
Chi è il serial killer di Genova?**
Una serie di omicidi sconvolge la città di Genova. Tre donne sono ritrovate morte, e ogni scena del delitto è un’efferata rappresentazione. Si tratta di un serial killer o di una setta di invasati? L’ispettore capo Manzi viene incaricato di condurre le indagini insieme alla sua squadra, e decide di chiedere aiuto a Goffredo Spada, un ex poliziotto, a suo dire l’unico ad avere le competenze per trovare l’assassino. Spada, però, non è per niente collaborativo e dimostra cinismo e totale sfiducia nelle istituzioni. C’è qualcosa nel suo passato che lo tormenta. Ma la polizia non è l’unica a muoversi sulle tracce dell’assassino. Orietta Costa, una giornalista di cronaca del «Secolo XIX», intende venire a capo del mistero, e firmare lo scoop dell’anno. Man mano che il tempo passa, però, gli omicidi sono sempre più brutali e chiunque abbia intenzione di fermare quelle morti violente dovrà addentrarsi nell’abisso della perversione umana, in una lenta discesa agli inferi.
**Tre efferati omicidi sconvolgono Genova
Tre investigatori dovranno calarsi nell’inferno della mente di un serial killer per risolvere il caso**
«Una lettura scorrevole e appassionante. Sono arrivato di corsa al finale del tutto inaspettato.»
«Personaggi complessi e molto ben caratterizzati, un thriller che ha saputo coinvolgermi fino alla fine.»
**Raffaele Malavasi**
È nato a Genova ed esercita la libera professione. Da sempre accanito lettore, ha una passione per i gialli. Ha deciso di dedicarsi alla scrittura autopubblicando, da esordiente, il suo primo romanzo. *Tre cadaveri *è il primo libro pubblicato con la Newton Compton.

Trappola mortale

Frank e Joe sulla loro coupè stanno inseguendo una macchina straniera che trasporta ceffi sospettati quando ad un tratto vengono investiti da una nube di fumo artificiale che li costringe a volare fuori di strada. I danni sono pochi, per fortuna, ma i delinquenti hanno già dato avviso di non gradire affatto i ficcanaso e di esser ronti a usar qualsiasi mezzo per toglierli d’attorno anche per sempre. Gli HArdy tuttavia sono cocciuti e nemici dei ladri di gioielli: e quando il padre chiede loro aiuto non esitano a riprendere la pista dei malviventi dalle armi pronte. Ignorano però che su di loro una trappola attende di scattare…

Tramonto Nei Balcani

Tramonto nei Balcani by Gordana Kuic
«*L’amour fou scatta subito; incontriamo i Salom, ebrei di Sarajevo, e veniamo risucchiati nelle loro vicende, ammaliati dalle figlie. Un libro che è tante cose: un caso editoriale, un viaggio nel secolo breve, la storia della famiglia dell’autrice. E ha la potenza e il sapore che solo i ricordi sanno dare. *»
**Marie Claire – Marta Cervino**
«*Amori, delusioni brucianti, sconfitte, e sullo sfondo Sarajevo e le terre agitate della ormai ex Jugoslavia. Un romanzo indimenticabile. *»
**Diva e donna – Manuela Sasso**
«*Anni cruciali per l’Europa e per i Balcani che la Kuić fa emergere attraverso le vicende delle cinque sorelle Salom, donne anticonformiste di grande personalità. *»
**Il Gazzettino – Nico Nanni**
*Tramonto nei Balcani* ripercorre l’esistenza di una donna belgradese a cominciare dalla sua professione – organizzatrice di seminari per insegnanti di lingua inglese – alle frequentazioni con gli esponenti della cultura del periodo.
In particolare, Gordana Kuić ci racconta la grande storia d’amore della protagonista per il direttore d’orchestra Ivan Domazet, un uomo egocentrico diviso tra il ménage noioso e conflittuale con la moglie Slavka e l’amante «ufficiale», Vera. La storia dei due protagonisti pian piano si intreccia con la storia del loro paese, la Jugoslavia. Ivan sospetta e intravede l’ineluttabile «tramonto» del mondo a cui apparteneva. Vera si illude ancora che la catarsi finale passerà senza mietere vittime e sangue. Lentamente invece cominciano a sentirsi i primi dissidi, gli incontri al vertice jugoslavo creano disaccordi tra le parti provocando conflitti e divisioni, e gli animi si infiammano.
La grande festa che si tiene a Sarajevo per la prima del balletto composto da Domazet sul testo del romanzo d’esordio della scrittrice, *Il profumo della pioggia nei Balcani* si trasforma in una feroce resa dei conti, un grande scontro nella Sarajevo del 1991, alla vigilia della guerra. Anche il lussuoso ristorante dove si festeggia l’avvenimento finisce per assomigliare più a una bettola rissosa. Di lì a poco un intero paese andrà in frantumi e sarà cancellato dalla carta geografica insieme ai suoi protagonisti.

Traditi dal desiderio

Fino a quando gli affari erano il suo unico pensiero e la Maddox Communications tutta la sua vita, le cose filavano lisce per Brock Maddox. Faticose e monotone, ma lisce. Dal momento in cui però ha commesso l’errore di far entrare una donna nella sua vita e nel suo letto, sono cominciati i guai. Lui si fidava di Elle Linton, sua segretaria e amante. Lei come ha potuto tradirlo e passare informazioni all’odiata concorrenza? Brock sa che c’è un unico modo per non impazzire: scoprire le oscure ragioni e i segreti scottanti che l’hanno spinta ad agire contro di lui. E quando la verità viene a galla, il potente presidente della Maddox capisce di avere solo una scelta.
**
### Sinossi
Fino a quando gli affari erano il suo unico pensiero e la Maddox Communications tutta la sua vita, le cose filavano lisce per Brock Maddox. Faticose e monotone, ma lisce. Dal momento in cui però ha commesso l’errore di far entrare una donna nella sua vita e nel suo letto, sono cominciati i guai. Lui si fidava di Elle Linton, sua segretaria e amante. Lei come ha potuto tradirlo e passare informazioni all’odiata concorrenza? Brock sa che c’è un unico modo per non impazzire: scoprire le oscure ragioni e i segreti scottanti che l’hanno spinta ad agire contro di lui. E quando la verità viene a galla, il potente presidente della Maddox capisce di avere solo una scelta.

TRADIMENTO DEL VAMPIRO

Da secoli l’aristocratico William Cuyler Thorne, il più potente vampiro di Savannah, protegge con determinazione gli abitanti della sua città, saziando nel frattempo i propri desideri carnali e la sete di sangue. William gode di grande prestigio agli occhi della società, possiede poteri magici legati al vudù e l’invidiabile buonsenso dato dalla sua lunga esistenza di non-morto… Ma adesso perfino lui trema a causa di un’antica profezia Maya. E prima che accada ciò che teme deve aprire un portale con l’adilà per salvare l’amata Connie, che nel regno dei morti sta per diventare la leggendaria cacciatrice di vampiri. Se Connie morirà prima di diventare cacciatrice conquisterà la pace eterna, mentre se si trasformerà nella cacciatrice diventerà immortale e sarà condannata a essere uno spietato killer. Ma come può Jack uccidere la donna che ama?
**

Tradimenti virtuali

Sono disperata! Le ho provate veramente tutte, ormai.
> Secondo me…ha un’altra!
> E’ chiaro! Non s’interessa più a me, almeno non come una volta.
> All’inizio della nostra storia, lui era sempre alla ricerca di un posto tranquillo dove fare l’amore con me.
> Durante i primi anni di matrimonio, non sostengo che mi cercava ogni sera, ma lo facevamo almeno quattro volte a settimana.

Tradimenti

Kelsey Byden è una donna di ventisei anni, appena uscita da un divorzio e con molta voglia di ricominciare. Ma qualcosa, d’un tratto, sconvolge la sua vita: la comparsa di Naomi Chadwick, sua madre, che lei credeva morta da tempo. La verità è che Naomi per tutti quegli anni ha scontato una pena in carcere per aver ucciso il suo amante. Madre e figlia, nuovamente insieme, decidono di partire per l’allevamento di cavalli di Naomi, dove Kelsey spera di ritrovare la serenità perduta. Ma il mondo dei cavalli le riserva molte sorprese… e nuovi e pericolosi segreti sono in agguato.

Tra orgoglio e passione

Negli otto anni trascorsi da quando Tate Winthrop l’ha salvata dalle morbose attenzioni del patrigno diventando per lei una specie di angelo custode, l’infatuazione da adolescente di Cecily per lui si è trasformata in un vero, grande amore. Ma è un amore senza speranza, poiché Tate, fiero del proprio sangue Sioux, se dovesse sposarsi, sceglierebbe una donna della sua stessa razza. Poi, un giorno, Cecily viene a conoscenza di un segreto in grado di far crollare la determinazione di Tate a resistere all’attrazione che prova per lei… ma in grado anche di distruggere tutte le certezze su cui ha basato la propria esistenza. E Cecily ha giurato di mantenere quel segreto.

Tortura

La condanna non è più unanime. Dopo l’11 settembre i nuovi apologeti della tortura hanno trovato nella “guerra al terrore” il motivo per giustificare una pratica mai dismessa che, negli ultimi anni, sembra dilagare ovunque, nelle democrazie non meno che nei regimi dittatoriali. Ma il “no” opposto dall’indignazione non basta più a difendere la dignità umana offesa. In pagine intense, scritte con il suo stile chiaro e incisivo, Di Cesare offre un quadro critico complessivo della tortura. Ne indica il nesso stretto con il potere, ne mostra la presenza anche nella democrazia.
Come lottare contro la tortura, se a delinquere è lo Stato? Filosofi, scrittori, drammaturghi, registi, poeti vengono interpellati per delineare un’inedita «fenomenologia della tortura» che mira a cogliere la peculiarità di una violenza estrema, sistematica e metodica, dove il carnefice calcola e misura il dolore per scongiurare che la vittima muoia e per esercitare ancora il suo potere sovrano.
La tortura è, per la vittima, la propria morte esperita in vita.
Da Guantánamo ad Abu Ghraib, dal G8 di Genova agli anni di piombo, da Giulio Regeni a tutti quei casi che hanno recentemente allarmato l’opinione pubblica, la tortura viene esercitata in modo sempre più sofisticato per poter essere negata; incombe ovunque un inerme si trovi nelle mani del più forte: nelle carceri, nei reparti psichiatrici, nei campi per gli stranieri, negli ospizi, nei centri per disabili, negli istituti per minori. E l’assenza di un reato la favorisce.
Praticata ancora, dietro le quinte, la tortura rende illegittimo lo Stato e mina dall’interno la democrazia.
Un libro indispensabile per comprendere la questione della tortura in tutta la sua drammatica attualità politica.
**
### Sinossi
La condanna non è più unanime. Dopo l’11 settembre i nuovi apologeti della tortura hanno trovato nella “guerra al terrore” il motivo per giustificare una pratica mai dismessa che, negli ultimi anni, sembra dilagare ovunque, nelle democrazie non meno che nei regimi dittatoriali. Ma il “no” opposto dall’indignazione non basta più a difendere la dignità umana offesa. In pagine intense, scritte con il suo stile chiaro e incisivo, Di Cesare offre un quadro critico complessivo della tortura. Ne indica il nesso stretto con il potere, ne mostra la presenza anche nella democrazia.
Come lottare contro la tortura, se a delinquere è lo Stato? Filosofi, scrittori, drammaturghi, registi, poeti vengono interpellati per delineare un’inedita «fenomenologia della tortura» che mira a cogliere la peculiarità di una violenza estrema, sistematica e metodica, dove il carnefice calcola e misura il dolore per scongiurare che la vittima muoia e per esercitare ancora il suo potere sovrano.
La tortura è, per la vittima, la propria morte esperita in vita.
Da Guantánamo ad Abu Ghraib, dal G8 di Genova agli anni di piombo, da Giulio Regeni a tutti quei casi che hanno recentemente allarmato l’opinione pubblica, la tortura viene esercitata in modo sempre più sofisticato per poter essere negata; incombe ovunque un inerme si trovi nelle mani del più forte: nelle carceri, nei reparti psichiatrici, nei campi per gli stranieri, negli ospizi, nei centri per disabili, negli istituti per minori. E l’assenza di un reato la favorisce.
Praticata ancora, dietro le quinte, la tortura rende illegittimo lo Stato e mina dall’interno la democrazia.
Un libro indispensabile per comprendere la questione della tortura in tutta la sua drammatica attualità politica.
### Dalla seconda/terza di copertina
Donatella Di Cesare è professore ordinario di Filosofi a teoretica alla Sapienza di Roma. È tra le voci filosofi che più impegnate nel dibattito pubblico contemporaneo. Tra i suoi ultimi libri: Grammatica dei tempi messianici (2011), La giustizia deve essere di questo mondo (2012), Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo (2012), Crimini contro l’ospitalità (2014). Per Bollati Boringhieri ha pubblicato Israele. Terra, ritorno, anarchia (2014), Heidegger & Sons. Eredità e futuro di un filosofo (2015), Heidegger e gli ebrei. I “Quaderni neri” (2014), nuova edizione ampliata (2016).