57297–57312 di 72034 risultati

Va’, metti una sentinella

Uno storico evento letterario: la pubblicazione del primo romanzo di Harper Lee, l’amata autrice del romanzo premio Pulitzer, ”Il buio oltre la siepe”. ”Va’, metti una sentinella” è ambientato a metà degli anni cinquanta e presenta molti personaggi de ”Il buio oltre la siepe” vent’anni dopo. Scout (Jean Louise Finch) torna a Maycomb da New York per andare a trovare Atticus. Cercando di comprendere l’atteggiamento del padre nei confronti della società e i suoi stessi sentimenti verso il posto dove è nata e dove ha passato l’infanzia, Scout è costretta ad affrontare difficili questioni personali e politiche. Esaminando come i personaggi de ”Il buio oltre la siepe” cambiano di fronte agli eventi turbolenti che caratterizzano l’America in trasformazione della metà degli anni cinquanta, ”Va’, metti una sentinella” getta una nuova affascinante luce sul classico di Harper Lee. Commovente, divertente e appassionante, ”Va’, metti una sentinella” è sì sequel del precedente, ma soprattutto è un magnifico romanzo a se stante.
(source: Bol.com)

Utilità del credere

Utilità del credere by Sant’Agostino d’Ippona
Sant’Agostino come sempre ci regala grandi emozioni con i suoi scritti. Questa grande opera intitolata “Utilità del Credere” entra nella nostra catena “Gold” perché per noi è uno degli scritti di teologia cristiana più belli che siano mai stati scritti. Sant’Agostino ci insegna tantissime cose con i suoi libri, come l’Utilità nel Credere al Padre Celeste. Leggere i libri di Sant’Agostino può favorire la crescita spirituale.

Uscita per l’inferno

###
Un uomo come tanti. Una vita regolare, un buon impiego, una moglie affettuosa e una tragedia con cui convivere, da quando l’unico figlio non c’è più. Da allora George e Mary hanno cercato di riprendere un’esistenza normale, ma in realtà niente è più come prima: qualcosa in George si è spezzato per sempre. Così, quando viene informato che la sua villetta, la sua ditta, l’intero quartiere in cui abita saranno spazzati via da un inutile prolungamento autostradale non ha dubbi e si schiera a fianco dei condannati a morte. Ambientato ai tempi di un’indimenticabile crisi energetica, nell’America angosciata e impaurita dal futuro, un romanzo duro e incalzante di Stephen King firmato con lo pseudonimo di Richard Bachman.
**

Uscirne vivi

*Dear life*, cara vita… Il titolo originale della tredicesima raccolta di storie di Alice Munro sembra la consueta formula epistolare di un pacificato congedo. Ma ha anche, nel contesto narrativo e nell’espressione idiomatica da cui proviene, il senso di un pericolo appena scampato. Scrivere alla vita, dunque, per uscirne vivi. Con l’urgenza di ogni fuga, un’impazienza nuova che si manifesta in un inedito nitore. Quello della narratrice di *Ghiaia*, il cui disincanto e tormento esistenziale sembrano raccontati dalla prospettiva raggiunta di una lucidità imperturbabile. O del protagonista fuggiasco di *Treno*, che attraversa le stazioni della propria esperienza e di quella altrui con lo sguardo di un semplice passeggero a bordo della vita. Quello che segue i percorsi mentali della vecchia di *In vista del lago* e del suo sconclusionato viaggio verso un passato irrecuperabile. Un nitore che connota anche la lingua di pagine nelle quali Munro concede alla sua prosa un’ulteriore, estrema libertà, asciugando le proprie frasi come pietre, spolpandole fino all’osso. Ossa di storie, voci lontane e ancora vive, sguardi, una parsimonia di parole, ellittica e più che mai essenziale. Ecco che cosa resta da dire, ecco che cosa trova il lettore in Uscirne vivi: tracce di materiale radioattivo, lo stesso, pericoloso e potente, che ha attraversato, illuminandole, tutte le storie. Il residuo secco. Le prime e le ultime cose, rivela Munro, il bandolo di un mondo realizzato in sessant’anni di imperterrito lavoro e l’ago puntato nella stoffa, in quiete.
(Susanna Basso)

Usa la tua mente per cambiare la tua vita

Come il potere del pensiero trasforma la realtà
Decenni prima delle ricerche delle neuroscienze sulle reti neurali e sulla plasticità del cervello, Wallace D. Wattles, scrittore, esponente del Nuovo Pensiero e fervente ricercatore nell’ambito della Scienza della Mente, pubblica “Mind: What is It?”: le tesi così innovative esposte in questo saggio che presentiamo per la prima volta in edizione italiana non possono che abbagliare il lettore moderno.
I risultati dimostrati da settant’anni di ricerca scientifica sottoscrivono e ratificano le tesi avanzate da Wattles: che la mente viene prima del cervello, che la mente è una forza, una energia che he plasma il cervello e lo utilizza per esprimere se stessa. Come lo plasma? Attraverso l’esperienza. Qual è l’essenza dell’esperienza? La libertà. La libertà di attivare nuove interconnessioni neuronali e di riscrivere il programma dei nostri comportamenti. La libertà di essere, come dice Wattles, “ciò che scegliamo di essere”.
Il messaggio del cervello plastico, il messaggio di questo straordinario libro di Wattles, è un messaggio di incondizionata fede planetaria nelle nostre capacità evolutive.
“Così come è certo che si può scrivere quello che si vuole su una lavagna, è certo che possiamo scrivere quello che vogliamo nel nostro cervello, e che ciò che scriviamo è ciò che saremo.” (l’Autore)
CONTENUTI DEL LIBRO
. Vita e organismi
. Iniziare a pensare
. La funzione degli emisferi cerebrali
. Curare le cattive abitudini
. Desiderio, volontà e autorealizzazione
“Ora che abbiamo spiegato nel dettaglio il meccanismo fisiologico con cui la mente esprime se stessa; ora che abbiamo descritto il processo di realizzazione in termini così semplici che anche chi va di fretta può leggerli e comprenderli; ora che abbiamo dato dimostrazione matematica del fatto che è possibile per ognuno di noi fare ed essere tutto ciò che vogliamo fare ed essere; ora che abbiamo dimostrato che anche la fede ha basi scientifiche, non abbiamo contribuito a dare qualcosa di valore alla vita del mondo?
Penso proprio di sì.” (L’Autore)
NOTA BIOGRAFICA
Wallace Delois Wattles (1860-1911) è uno dei più noti e importanti esponenti del New Thought (Nuovo Pensiero), movimento filosofico e spirituale nato nella seconda metà dell’Ottocento negli Stati Uniti e attivo ancora oggi. I suoi libri di maggiore successo (“La Scienza del diventare ricchi”, “La Scienza del Benessere”, “La Scienza della Grandezza”, “Il tuo potere interiore”, “Il vero Gesù”) – che Area51 Publishing ha pubblicato in edizione digitale, in ebook e audiolibro – hanno cambiato la vita materiale e spirituale di milioni di persone e hanno ispirato il film e il libro “The Secret” dell’australiana Rhonda Byrne, che ha rilanciato nel mondo la grandezza e qualità dell’insegnamento del Nuovo Pensiero e della Scienza della Mente. Area51 Publishing sta pubblicando l’opera di Wallace D. Wattles in edizione integrale in ebook, audiolibro e libro cartaceo.

Usa e getta

NUOVA EDIZIONE 2015 ******** Secondo le aziende costruttrici, quella della vita a termine degli oggetti di consumo, soprattutto elettrici ed elettronici, sarebbe soltanto una ‘triste leggenda’, un sospetto infondato perché privo di riscontri fattuali. Sfidano a dimostrare l’esistenza di una difettosità deliberata, l’introduzione di qualcosa di simile a geni di mortalità in grado di far inceppare, a tempo debito, stampanti e lavatrici, televisori e computer, accorciandone la durata e costringendo gli acquirenti a sostituirli in modo sempre più compulsivo. Arrivano a negare ogni plausibilità all’idea stessa di ‘obsolescenza programmata’, fenomeno – consustanziale alla nostra società della crescita illimitata – che invece è accertato e quantificato da ricerche indipendenti, testimoniato da progettisti che iniziano a parlare, combattuto da associazioni di consumatori, e sulla cui realtà tutt’altro che leggendaria Serge Latouche ci ha aperto gli occhi. Anche grazie al suo saggio, nei pochissimi anni trascorsi dalla prima edizione si sono smosse le acque in un ambito che coinvolge interessi colossali, e hanno preso consistenza iniziative a diversi livelli: rapporti conoscitivi, commissioni comunitarie, progetti di legge europei per proibire o scoraggiare la commercializzazione di prodotti tecnologici a scadenza occulta, e insieme azioni dal basso, siti dedicati e forme di resistenza conviviale per imparare a riparare ciò che altrimenti finirebbe nelle discariche. Latouche ce ne informa ampiamente in questa nuova edizione, senza appiattirsi sulla logica del complotto e del sabotaggio industriali, ma senza cadere neppure nel tranello delle pseudosoluzioni di ecoefficienza, che riversano sul mercato apparecchi meno energivori il cui risparmio tuttavia non compenserà mai i costi ambientali della rottamazione del vecchio. Simbolica, ossia effetto del declassamento indotto dalle mode, pianificata, diretta o indiretta, come nel caso dei software ormai incompatibili con i nuovi sistemi operativi, l’obsolescenza ha molti aspetti e una sola finalità: perpetuare l’economia di iperconsumo e spreco. Una sciagurata follia, per Latouche, che le contrappone la via virtuosa della decrescita, dove agli oggetti, e a noi tutti, sia data ancora una possibilità.
(source: Bol.com)

URANIA FANTASY 02 C.J. Cherryh L’ALBERO DELLE SPADE

Sul conto di Ciaran Cuilean, signore di Caer Wiell, circolano strane storie. C’è chi dice che nelle sue vene scorra il sangue del Popolo Magico, che lui intrattenga misteriosi rapporti con la terra elfica di Eald, il mondo in cui vive tutto ciò che è fatato, attraverso le visite di Arafel, la Signora degli Alberi, e c’è perfino chi dice che gli anni sembrano incapaci di segnare il suo viso o il suo corpo. Ciaran è un signore giusto e generoso, il suo dominio, è una terra ricca e fortunata, ma gli altri baroni e lo stesso re lo guardano con sospetto misto a timore, e questa situazione è destinata a peggiorare quando dal mondo di Eald il Signore della Morte decide di riprendere una partita interrotta molti anni prima: una partita in cui il destino di Caer Wiell può essere segnato da una mossa di minore importanza, ma che per Ciaran Cuilean significherà in ogni modo il ritorno sulle Vie d’Ombra della terra di Eald.

Urania 0467 – Le Guide Del Tramonto

Per sei giorni le immense astronavi, silenziose e immobili, restarono sospese sulle metropoli della Terra. Poi vennero gli ordini, e ai terrestri non restò che obbedire. Ma per ani e anni nessuno potè vederli, gli Esseri venuti con le astronavi. Nessuno poté sapere chi erano. Per quale misteriosa ragione “Essi” non volevano essere conosciuti? Forse perchè (ma nessuno lo sospettò) non volevano essere “ri-conosciuti”? Un classico della fantascienza che è anche un classico del suspense.

L’uomo sotterraneo

Il diciottesimo caso di Lew Archer inizia una dolce mattina di settembre. L’investigatore si alza, esce nel cortile per dare le noccioline alle ghiandaie. Qualcuno si unisce a lui. E’ un bambino di cinque anni che poco dopo scompare. Attorno alla scomparsa di questo bambino e al suo presunto rapimento, sotto l’incubo di un furioso incendio che devasta i boschi e le ville di un’elegante zona residenziale di Los Angeles, ruota tutta la vicenda. I cui nodi saranno sciolti con certosina pazienza da un Lew Archer sempre più abile nel tessere attorno a testimoni e colpevoli una fitta ragnatela di domande. Perchè lui sa per certo che i veri enigmi restano quelli del cuore umano e per risolverli non occorre la pistola ma l’esperienza e la psicologia.

L’Uomo Sbagliato

**«Una Palermo disincantata ritratta con ironia anche nei suoi lati più sinistri.»
Corriere della Sera
*Le indagini dei fratelli Corsaro*
Dall’autore del bestseller* Insoliti sospetti*
Palermo.** Cosimo Pandolfo è in galera da anni, accusato dell’omicidio di Giovanni Cannizzaro per banali questioni di vicinato. Ma l’uomo, seppure violento e dedito all’alcol, si è sempre dichiarato innocente. Solo il figlio Filippo gli crede. E quando una testimone in punto di morte gli racconta una verità rimasta nascosta che potrebbe scagionare il padre, il ragazzo si rivolge ai fratelli Corsaro, noti per la loro abilità nel risolvere i casi più difficili. L’avvocato e il giornalista indagheranno entrambi, seppur seguendo piste diverse, e arriveranno a scoperchiare un calderone di segreti, inganni e brutali violenze, che portano fino all’Iraq, ai contractors e agli orrori della guerra. Roberto e Fabrizio sfideranno un avversario pericoloso e senza scrupoli. Mettendo a rischio la loro stessa vita. 
**Un autore ai primi posti nelle classifiche
La nuova voce del giallo italiano parla siciliano
Hanno scritto dei suoi libri:**
«Una Palermo disincantata ritratta con ironia anche nei suoi lati più sinistri.»
**La Lettura**
«Toscano coniuga la capacità di delineare i personaggi di quel palcoscenico a cielo aperto che è la vita di paese con un umorismo elegante, capace di comicità anche quando la tragedia incombe.»
**Il Foglio**
«Un legal thriller ben congegnato nel quale Toscano offre una più che riuscita prova della sua capacità di controllo dei personaggi e della storia.»
**la Repubblica**
**Salvo Toscano**
È giornalista e autore dei romanzi *Ultimo appello*, *L’enigma Barabba* e *Sangue del mio sangue*. È stato semifinalista al Premio Scerbanenco e finalista al Premio Zocca Giovani. Con la Newton Compton ha pubblicato *Insoliti sospetti*, *Falsa testimonianza *e *Una famiglia diabolica*. È stato tradotto nei Paesi di lingua inglese.
**
### Sinossi
**«Una Palermo disincantata ritratta con ironia anche nei suoi lati più sinistri.»
Corriere della Sera
*Le indagini dei fratelli Corsaro*
Dall’autore del bestseller* Insoliti sospetti*
Palermo.** Cosimo Pandolfo è in galera da anni, accusato dell’omicidio di Giovanni Cannizzaro per banali questioni di vicinato. Ma l’uomo, seppure violento e dedito all’alcol, si è sempre dichiarato innocente. Solo il figlio Filippo gli crede. E quando una testimone in punto di morte gli racconta una verità rimasta nascosta che potrebbe scagionare il padre, il ragazzo si rivolge ai fratelli Corsaro, noti per la loro abilità nel risolvere i casi più difficili. L’avvocato e il giornalista indagheranno entrambi, seppur seguendo piste diverse, e arriveranno a scoperchiare un calderone di segreti, inganni e brutali violenze, che portano fino all’Iraq, ai contractors e agli orrori della guerra. Roberto e Fabrizio sfideranno un avversario pericoloso e senza scrupoli. Mettendo a rischio la loro stessa vita. 
**Un autore ai primi posti nelle classifiche
La nuova voce del giallo italiano parla siciliano
Hanno scritto dei suoi libri:**
«Una Palermo disincantata ritratta con ironia anche nei suoi lati più sinistri.»
**La Lettura**
«Toscano coniuga la capacità di delineare i personaggi di quel palcoscenico a cielo aperto che è la vita di paese con un umorismo elegante, capace di comicità anche quando la tragedia incombe.»
**Il Foglio**
«Un legal thriller ben congegnato nel quale Toscano offre una più che riuscita prova della sua capacità di controllo dei personaggi e della storia.»
**la Repubblica**
**Salvo Toscano**
È giornalista e autore dei romanzi *Ultimo appello*, *L’enigma Barabba* e *Sangue del mio sangue*. È stato semifinalista al Premio Scerbanenco e finalista al Premio Zocca Giovani. Con la Newton Compton ha pubblicato *Insoliti sospetti*, *Falsa testimonianza *e *Una famiglia diabolica*. È stato tradotto nei Paesi di lingua inglese.

L’uomo perfetto

RACCONTO LUNGO (39 pagine) – ROMANCE – Il fidanzato di Giulia è bello, atletico, affermato, insomma… perfetto. Ma è proprio così? Allora perché si sente insoddisfatta e inadeguata? Tra bignè al cioccolato, lezioni di yoga e i consigli della stralunata zia Betta, Giulia scoprirà come conquistare la propria felicità…

Giulia ha ipotecato il suo futuro per Enrico, ha abbandonato il sogno di aprire una pasticceria e cerca di adattarsi a un mondo che non le appartiene. Come non farlo? Lui è perfetto, non ha nulla che non va, tra molte spasimanti ha scelto proprio lei… allora perché Giulia non riesce a sentirsi felice? Quando è assalita dalla tristezza, l’unico rifugio è la casa di zia Betta, tra colonie di gatti, fiori e squisite torte. Sarà lei a trascinarla a una lezione di yoga dove, tra cadute e imbarazzi, Giulia scoprirà il suo mantra personale del ”ce la puoi fare” e un nuovo incredibile amore. Ma avrà la forza di troncare con il passato?

Finalista in vari concorsi con racconti pubblicati in diverse antologie, Manuela Chiarottino ha da poco pubblicato il suo primo romanzo ”Arriveranno le farfalle”, una storia che parla dell’amore in tutte le sue sfaccettature. Ne ha curato anche la cover, un suo quadro di sabbia, altra grande passione. Nella collana ”Chic & Chick” ha già pubblicato il racconto ”Non ditelo a Ella”.

(source: Bol.com)

L’uomo in fuga

In una cinica America futuribile, Ben Richards decide di partecipare alle selezioni per l’Uomo in fuga, un sadico, seguitissimo show dove il protagonista, braccato dai ”Cacciatori” della Rete e da chiunque lo riconosca, intasca cento dollari per ogni ora di sopravvivenza e, se allo scadere dei trenta giorni concessigli è ancora vivo, un miliardo di dollari. Ben, che ha disperatamente bisogno di soldi per curare la figlioletta malata, viene giudicato idoneo e per lui comincia un incubo che si dileguerà soltanto nel colpo di scena finale¿
(source: Bol.com)

L’uomo in bilico

Joseph, il protagonista de L’uomo in bilico, dopo aver dato le dimissioni dal suo impiego vive isolato ed estraneo agli amici di un tempo, ai parenti e alla stessa moglie. Il caso gli ha fatto dono dell’intelligenza e della libertà, ma a prezzo della solitudine e dell’insoddisfazione esistenziale. Un giorno, con una decisione sconcertante e radicale, decide di dare un definitivo addio alla vita borghese e si avvia tranquillo verso la costrizione fisica e morale del duro servizio militare. In quell’organizzazione dove tutto è predisposto dall’alto, dove il rapporto umano è necessariamente sostituito da quello gerarchico, Joseph infatti non avrà più problemi di comunicabilità e responsabilità sociale. A partire da questa svolta, quello che si apre di fronte agli occhi del lettore è un viaggio allucinato e tagliente nell’alienazione del mondo contemporaneo alla ricerca dei fondamenti di una nuova vita. Anche al prezzo della negazione di ogni principio di libertà.

(source: Bol.com)

L’uomo ha paura dell’uomo

L’uomo ha paura dell’uomo by Ryszard Kapusci
“La morte non fa più notizia. Pare che oggi la gente, più che della morte dei propri simili in altri paesi, si preoccupi del fatto che, nel suo stesso paese, i suoi simili diventino troppo numerosi e, quindi, di non trovare più lavoro, posti a scuola per i figli, letti negli ospedali, e di finire per morire soffocata nella calca cittadina.” il Sud America visto con gli occhi di un grande cronista alla ricerca del filo conduttore che inesorabilmente lega a triplo filo le dittature con le morti politiche dei rivoluzionari e dell’opposizione, mentre il mondo attorno a lui si alimenta di altre angosce, per dimenticare. Tratto da “Cristo con il fucile in spalla”, pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 108.977