57265–57280 di 72034 risultati

La vendetta di Isabelle

Francia, 1691
Isabelle Morens lascia per sempre la sua città natale per raggiungere Versailles con il preciso intento di vendicare la morte dei suoi familiari e del suo promesso sposo, voluta e ordinata da Luigi XIV, il Re Sole. Lungo la strada incontra Jacques, che la salva da un’aggressione e la accompagna fino a Parigi, meta comune. I due giovani si innamorano e Isabelle confessa a Jacques i suoi propositi di vendetta senza però sapere che l’uomo altri non è se non il figlio illegittimo proprio del sovrano. L’uomo nasconde la vera identità non rivelandole i propri natali, né di essere il Conte di Portchartain. Una volta giunti a Parigi le loro strade si dividono. Qui Isabelle trova ospitalità presso la famiglia Arnaud, lavora come cameriera presso la locanda di loro proprietà e stringe amicizia con la figlia della coppia, Jeanne. Tra le due nasce un legame fraterno e la giovane locandiera decide di aiutare l’amica a portare a termine il suo piano. Intanto Jacques è rientrato a Corte dove lo attende il padre, il re, che ha intenzione di coinvolgerlo nel suo prossimo progetto politico, trascinando anche il Maresciallo Nicolas de Catinat.
Le vite di Isabelle, Jacques, Nicolas e Jeanne, uomini e donne di ceti sociali tanto differenti ma più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare, si ritrovano incrociate contro ogni aspettativa e riusciranno a cambiare un destino che per loro sembrava già scritto.
Due storie d’amore si intrecciano in questo romanzo storico ricco di suspance e colpi di scena. Ogni tassello andrà a posto e vivrete un’avventura coinvolgente, capace di trascinarvi indietro nel tempo.
**
### Sinossi
Francia, 1691
Isabelle Morens lascia per sempre la sua città natale per raggiungere Versailles con il preciso intento di vendicare la morte dei suoi familiari e del suo promesso sposo, voluta e ordinata da Luigi XIV, il Re Sole. Lungo la strada incontra Jacques, che la salva da un’aggressione e la accompagna fino a Parigi, meta comune. I due giovani si innamorano e Isabelle confessa a Jacques i suoi propositi di vendetta senza però sapere che l’uomo altri non è se non il figlio illegittimo proprio del sovrano. L’uomo nasconde la vera identità non rivelandole i propri natali, né di essere il Conte di Portchartain. Una volta giunti a Parigi le loro strade si dividono. Qui Isabelle trova ospitalità presso la famiglia Arnaud, lavora come cameriera presso la locanda di loro proprietà e stringe amicizia con la figlia della coppia, Jeanne. Tra le due nasce un legame fraterno e la giovane locandiera decide di aiutare l’amica a portare a termine il suo piano. Intanto Jacques è rientrato a Corte dove lo attende il padre, il re, che ha intenzione di coinvolgerlo nel suo prossimo progetto politico, trascinando anche il Maresciallo Nicolas de Catinat.
Le vite di Isabelle, Jacques, Nicolas e Jeanne, uomini e donne di ceti sociali tanto differenti ma più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare, si ritrovano incrociate contro ogni aspettativa e riusciranno a cambiare un destino che per loro sembrava già scritto.
Due storie d’amore si intrecciano in questo romanzo storico ricco di suspance e colpi di scena. Ogni tassello andrà a posto e vivrete un’avventura coinvolgente, capace di trascinarvi indietro nel tempo.

La vendetta delle single

La vendetta delle single by Tracy Bloom
«Dolce e divertente. Questo libro sa essere ironico e d’ispirazione in egual misura.»
The Daily Mail
Bestseller negli Stati Uniti
Suzie Miller cura la rubrica della posta del cuore per una rivista di successo. Ogni giorno dà consigli a decine di lettori che chiedono il suo aiuto per risolvere i problemi amorosi. Ma quando viene mollata nel modo peggiore possibile – che razza di uomo lascia una donna con un sms dopo esserci andato a letto? – decide che è arrivato il momento di fare qualcosa. Suzie vuole vendicarsi per tutte le volte in cui le hanno spezzato il cuore, mettendola da parte, e ha intenzione di dimostrare che è perfettamente in grado di rendere pan per focaccia. I suoi metodi sono imprevedibili, ma l’umiliazione è garantita… ed è su larga scala. Determinata a portare avanti il piano, comincia a suggerire anche a chi scrive alla sua posta del cuore modi stravaganti per reagire. E le lettere si moltiplicano: tutti vogliono i consigli della Cara Suzie. Al culmine del successo, felicemente single, ha raggiunto il suo obiettivo. O così le sembra, almeno finché un uomo le fa mettere di nuovo tutto in discussione… 
La vendetta può curare davvero un cuore infranto? 
«Ho pianto dalle risate! Impossibile non immedesimarsi subito nella protagonista, è un libro che si divora.»
«Sicuramente tutti quelli che sono stati lasciati proveranno un certo gusto nel leggere La vendetta delle single. L’autrice è geniale, uno spasso assicurato!»
**Tracy Bloom**
Ha cominciato a scrivere quando ha lasciato l’Inghilterra per trasferirsi con suo marito in America. Pur di non dedicarsi alle faccende domestiche, ha scoperto la sua propensione per le commedie romantiche con uno spiccato humour inglese. Dopo il successo inaspettato del suo esordio che ha scalato le classifiche britanniche, ha deciso di dedicarsi anima e corpo alla scrittura. La vendetta delle single è il suo primo libro pubblicato con la Newton Compton.

La vendetta dell’imperatore: Le avventure del capitano Juan Cabrillo

Juan Cabrillo e l’equipaggio della *Oregon *devono affrontare la loro impresa più rischiosa quando, a seguito di un violento colpo in banca durante il Gran Premio di Monaco, i conti della Corporation vengono prosciugati.
Per recuperare i suoi soldi, Juan dovrà unire le forze a quelle di un amico di vecchia data conosciuto durante i giorni alla CIA e scovare un hacker e uno spietato ex ufficiale della Marina militare ucraina.
Ben presto Cabrillo e compagni scopriranno che la rapina era solo il primo passo di un piano che mira alla morte di milioni di persone e al crollo delle maggiori economie del mondo. L’elemento chiave? Un documento dal valore inestimabile creduto perso sin dal disastroso tentativo di invasione della Russia da parte di Napoleone. Duecento anni dopo, il segreto in esso contenuto potrebbe diventare l’arma che metterà in ginocchio l’intera Europa.
**
### Sinossi
Juan Cabrillo e l’equipaggio della *Oregon *devono affrontare la loro impresa più rischiosa quando, a seguito di un violento colpo in banca durante il Gran Premio di Monaco, i conti della Corporation vengono prosciugati.
Per recuperare i suoi soldi, Juan dovrà unire le forze a quelle di un amico di vecchia data conosciuto durante i giorni alla CIA e scovare un hacker e uno spietato ex ufficiale della Marina militare ucraina.
Ben presto Cabrillo e compagni scopriranno che la rapina era solo il primo passo di un piano che mira alla morte di milioni di persone e al crollo delle maggiori economie del mondo. L’elemento chiave? Un documento dal valore inestimabile creduto perso sin dal disastroso tentativo di invasione della Russia da parte di Napoleone. Duecento anni dopo, il segreto in esso contenuto potrebbe diventare l’arma che metterà in ginocchio l’intera Europa.

LA VENDETTA DEL TEMPO

17 Dicembre 2010.
L’ispettore Andrea Pantaleo dorme profondamente nel suo letto.
Una telefonata squarcia il cuore dell’alba che sta sorgendo. E’ il suo amico americano Henry Domonte, consulente dell’FBI in materia di serial killer con cui l’ispettore ha già più volte collaborato in passato, a chiedergli aiuto.
L’uomo è sconvolto, fuori di sé. La moglie, Elisabeth Darrell, valente psichiatria e direttrice della Teamsters Care Hospital di Boston, una delle strutture psichiatriche più conosciute della capitale del Massachusetts dove i due vivono, è stata da pochi minuti decapitata nel loro appartamento.
E’ chiaramente l’opera di un professionista. Un killer che presto tornerà a colpire. E colpire ancora, sino a quando non sarà fermato. Domonte chiede a Pantaleo di raggiungerlo negli States così da collaborare con l’FBI alle indagini sul caso, che si prospetta essere un diabolico piano omicida. Quando l’ispettore barese giunge a Boston intuisce subito che le cose non stanno proprio come Domonte gli aveva prospettato. All’omicidio della moglie dell’esperto nel frattempo, ne seguono altri, uno più spietato dell’altro. Tutti opera dello stesso feroce serial killer.
Sembrerebbe una vendetta, ma orchestrata da chi?
E per quale motivo?
Chi può nutrire un simile odio verso Domonte?
Il pluriomicida è un emulo dei tanti criminali che l’americano ha contribuito a far arrestare nel corso della sua lunga carriera, o invece c’è qualcosa di più profondo e perverso dietro un piano criminale tanto allucinante?
Difficile da stabilire. Solo la sinergia tra la personalità del capo dell’FBI di Boston, Robert Larisi, e l’intuito infallibile dell’ispettore italiano, riuscirà a stanare l’assassino alla fine di una partita a scacchi ricca sino all’ultimo di colpi di scena. Perché se è vero che la moglie di Domonte è stata barbaramente assassinata, è altrettanto vero che non tutto è come sembra…
QUALCHE NOTIZIA SULL’AUTORE
Claudio Calabrese nasce a Bari il 14 luglio del 1971.
14 luglio, una data un programma.
Si laurea in ingegneria, mentre scrive il suo primo romanzo, ma dopo 10 anni trascorsi in giro per l’Italia al servizio di grandi aziende in materia di qualità, ambiente e sicurezza, decide di divenire Consulente della Procura di Bari in incidentistica stradale mortale.
Scrive da sempre per passione, e mai un unico romanzo per volta. I generi differiscono di solito tra di loro, ma Calabrese non ama scrivere d’avventura nè di storia.
Sino a oggi ha scritto 11 romanzi:
1.“La logica della follia” (1° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
2.“Il filo incrociato” (2° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
3. “La vendetta del tempo” (3° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
4. “Le radici della paura” (4° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
5. “Un futuro sospeso – La vera storia dell’ispettore Pantaleo” (Prequel delle prime 4 indagini dell’ispettore Pantaleo)
6.“Aspettami il resto della vita” (romanzo tra realtà e favola, ispirato a un drammatico fatto di cronaca accaduto il 2 novembre del 2013 in una grande città del sud Italia)
7.“A ruota libera” (commedia sentimentale tratto da una storia vera)
8.“Il tempo non ha ombra” (di genere thriller surreale-fantascientifico)
9. “A cena con la Morte” (di genere fantasy-fantascientifico)
10. “Una voce dal buio” (thriller-noir)
11. “Il 7° giorno” (di genere thriller fantasy-fantascientifico)
Attualmente, è impegnato nella stesura dei seguenti romanzi:
* Il faro dell’isola maledetta (romanzo fantasy-horror);
* Uno scherzo del tempo (romanzo fantascienza)
* Indietro non si torna (sequel del romanzo “A RUOTA LIBERA”)
* Sotto Shock (romanzo thriller)
Visita i siti:
www.claudio-calabrese.com
https://www.wattpad.com/user/ClaudioCalabrese
e la pagina Fb dell’autore:
https://www.facebook.com/lalogicadellafollia.claudiocalab
[email protected]
**
### Sinossi
17 Dicembre 2010.
L’ispettore Andrea Pantaleo dorme profondamente nel suo letto.
Una telefonata squarcia il cuore dell’alba che sta sorgendo. E’ il suo amico americano Henry Domonte, consulente dell’FBI in materia di serial killer con cui l’ispettore ha già più volte collaborato in passato, a chiedergli aiuto.
L’uomo è sconvolto, fuori di sé. La moglie, Elisabeth Darrell, valente psichiatria e direttrice della Teamsters Care Hospital di Boston, una delle strutture psichiatriche più conosciute della capitale del Massachusetts dove i due vivono, è stata da pochi minuti decapitata nel loro appartamento.
E’ chiaramente l’opera di un professionista. Un killer che presto tornerà a colpire. E colpire ancora, sino a quando non sarà fermato. Domonte chiede a Pantaleo di raggiungerlo negli States così da collaborare con l’FBI alle indagini sul caso, che si prospetta essere un diabolico piano omicida. Quando l’ispettore barese giunge a Boston intuisce subito che le cose non stanno proprio come Domonte gli aveva prospettato. All’omicidio della moglie dell’esperto nel frattempo, ne seguono altri, uno più spietato dell’altro. Tutti opera dello stesso feroce serial killer.
Sembrerebbe una vendetta, ma orchestrata da chi?
E per quale motivo?
Chi può nutrire un simile odio verso Domonte?
Il pluriomicida è un emulo dei tanti criminali che l’americano ha contribuito a far arrestare nel corso della sua lunga carriera, o invece c’è qualcosa di più profondo e perverso dietro un piano criminale tanto allucinante?
Difficile da stabilire. Solo la sinergia tra la personalità del capo dell’FBI di Boston, Robert Larisi, e l’intuito infallibile dell’ispettore italiano, riuscirà a stanare l’assassino alla fine di una partita a scacchi ricca sino all’ultimo di colpi di scena. Perché se è vero che la moglie di Domonte è stata barbaramente assassinata, è altrettanto vero che non tutto è come sembra…
QUALCHE NOTIZIA SULL’AUTORE
Claudio Calabrese nasce a Bari il 14 luglio del 1971.
14 luglio, una data un programma.
Si laurea in ingegneria, mentre scrive il suo primo romanzo, ma dopo 10 anni trascorsi in giro per l’Italia al servizio di grandi aziende in materia di qualità, ambiente e sicurezza, decide di divenire Consulente della Procura di Bari in incidentistica stradale mortale.
Scrive da sempre per passione, e mai un unico romanzo per volta. I generi differiscono di solito tra di loro, ma Calabrese non ama scrivere d’avventura nè di storia.
Sino a oggi ha scritto 11 romanzi:
1.“La logica della follia” (1° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
2.“Il filo incrociato” (2° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
3. “La vendetta del tempo” (3° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
4. “Le radici della paura” (4° indagine dell’ispettore Andrea Pantaleo)
5. “Un futuro sospeso – La vera storia dell’ispettore Pantaleo” (Prequel delle prime 4 indagini dell’ispettore Pantaleo)
6.“Aspettami il resto della vita” (romanzo tra realtà e favola, ispirato a un drammatico fatto di cronaca accaduto il 2 novembre del 2013 in una grande città del sud Italia)
7.“A ruota libera” (commedia sentimentale tratto da una storia vera)
8.“Il tempo non ha ombra” (di genere thriller surreale-fantascientifico)
9. “A cena con la Morte” (di genere fantasy-fantascientifico)
10. “Una voce dal buio” (thriller-noir)
11. “Il 7° giorno” (di genere thriller fantasy-fantascientifico)
Attualmente, è impegnato nella stesura dei seguenti romanzi:
* Il faro dell’isola maledetta (romanzo fantasy-horror);
* Uno scherzo del tempo (romanzo fantascienza)
* Indietro non si torna (sequel del romanzo “A RUOTA LIBERA”)
* Sotto Shock (romanzo thriller)
Visita i siti:
www.claudio-calabrese.com
https://www.wattpad.com/user/ClaudioCalabrese
e la pagina Fb dell’autore:
https://www.facebook.com/lalogicadellafollia.claudiocalab
[email protected]

Vendetta a Manhattan

**Stephen King: Consideratemi un fan entusiasta di Christopher Smith. Smith è un genio culturale.

”Una lettura davvero piacevole!” Kirkus**

Carmen Gragera è un’esperta assassina internazionale.

Come il suo amante Alex Williams, prima che questo fosse brutalmente ucciso da una potente organizzazione criminale che considerava entrambi a fine ciclo.

Carmen sfugge alla loro collera, ma dopo la morte di Alex, dentro di lei cresce la rabbia.

Ora, anche se con mezzi non convenzionali, cercherà di ottenere la sua vendetta contro l’organizzazione per vendicare l’uccisione di Alex.

Ad aiutarla ci saranno l’eccentrica ereditiera di una compagnia di spezie, che vive a Park Avenue, e un ex psichiatra di 103 con un ricca sfilza di conoscenze. Collaborerà con lei anche il suo collega Vincent Spocatti, killer con cui Carmen aveva lavorato in precedenza e per cui nutre un profondo rispetto.

C’è da chiedersi se questa stima sia reciproca.

”Vendetta a Manhattan” è un succedersi di colpi di scena in cui alla fine tutte queste persone formeranno un cappio che si stringerà attorno alla testa di Carmen, la cui sete di vendetta sarà soddisfatta a un prezzo molto più alto di quanto lei avesse mai immaginato.

(source: Bol.com)

Vendetta

Washington D.C. In una calda giornata di luglio due uomini entrano in una pizzeria con le armi spianate. Non è l’incasso della giornata che li interessa, ma il malloppo delle scommesse clandestine. In pochi istanti la rapina si trasforma in una strage. Tra le vittime di quel sanguinoso episodio c’è anche un bambino, Jimmy, travolto dall’auto in fuga dei rapinatori. Tre anni dopo, mentre la polizia non è ancora riuscita a individuare i responsabili di quell’orrendo crimine, due uomini sono ossessionati dalla ricerca di una giustizia che ha tutto il sapore della vendetta.

Vendetta

###
Ai nostri giorni una creatura demoniaca fa scempio di quanti le capitano a tiro, in una storia che vede coinvolti un premio Nobel, la sua eredità, e un ragazzo che dovrebbe affrontare quanto nessun altro si sentirebbe di fare. e la vendetta del ranger che tutti gli indiani chiamano Aquila della notte. Un’avventura drammatica che anticipa i temi ecologici di Balla coi lupi e ci mostra un Tex irriducibile vendicatore ma anche profondamente umano.
**

Il Velo della Notte

Lady Victoria Wakefield è decisa a preservare il buon nome e la reputazione della famiglia. Battaglia persa contro lo scapestrato fratello Jack, il quale ha contratto debiti enormi con lord Byron Stratford, misterioso duca di Raeburn. Un’unica possibilità per Victoria: andare di persona da lord Byron e convincerlo a concedere una proroga dei pagamenti. Ma da un’accoglienza fredda scaturisce una controproposta tanto oltraggiosa quanto irresistibile: che Victoria passi un’intera settimana insieme a lui.

La veggente

###
Le rapisce e poi le ammazza come cani – una dozzina in un anno e mezzo -, ma prima le porta al limite estremo del terrore, incassa il riscatto e lascia le sue vittime in una solitudine assoluta e senza speranza.
È un’impressionante serie di delitti, sempre con le stesse spietate modalità, quella che sta insanguinando diverse contee del North Carolina, e forse per avventurarsi nei contorti e perversi meandri mentali di chi concepisce simili ed elaborate atrocità ci vogliono i poliziotti *particolari*. I componenti della squadra speciale Anticrimine hanno caratteristiche particolari: sono esperti dell’investigazione paranormale e le loro capacità sensitive possono essere in grado di squarciare il buio in cui spesso viene a trovarsi la polizia e aprire uno spiraglio nelle indagini. Il loro capo è Lucas Jordan, e questa volta l’assassino sembra aver stabilito i termini di una vera e propria sfida nei suoi confronti.
La partita decisiva si gioca nella cittadina di Golden, dove si è fermato il circo in cui lavora Samantha Burke, una veggente il cui talento consiste nel vedere attraverso gli occhi della vittima degli ultimi, agghiaccianti momenti, gli ultimi secondi prima della fine. È a questo punto che la partita si fa durissima e il “contatto” con il mostro insostenibile. L’assassino sta preparando l’architettura finale, ingegnosa, complicata, letale…

Vedremo domani

Il possesso di piccole bombe atomiche da parte di privati cittadini è una minaccia che già preoccupa il governo Nixon. La bomba ai giovani! è la trovata che in uno di questi racconti elimina il pericolo e risolve al tempo stesso il problema dei giovani. Ma tutte le storie della presente antologia rispecchiano una problematica di attualità escogitando estrose soluzioni per un domani più o meno vicino. Ci saranno dei bruchi intercontinentali da trasporto e le città-che-ci-vogliono-bene? Ci saranno le scuole integralmente robotizzate e gli esami in cui il nozionismo consisterà nel salvarsi la pelle? Vedremo… Vedremo domani.
Indice:
Problema ospedaliero (Reduction in Arms, 1967) di Tom Purdom; traduzione di Mario Galli
Problema d’esame (Black Corridor, 1970) di Fritz Leiber; traduzione di Mario Galli
La bomba ai giovani! (Judas Bomb, 1961) di Kit Reed; traduzione di Bianca Russo
Roboscuola (Hemeac, 1968) di E.G. Von Wald; traduzione di Beata Della Frattina
Città-madre (The City That Loves You, 1969) di Raymond E. Banks; traduzione di Bianca Russo
Bruco-Express (Caterpillar-Express, 1968) di Robert E. Margroff; traduzione di Mario Galli
Le formiche elettriche (The Electric Ant, 1969) di Philip K. Dick; traduzione di Angela Campana
-Varietà (Saggistica)
B. C. [6/ 1166] (Fumetto)
Il mago Wiz [6/ 408] (Fumetto)
Morte per progressione geometrica (Articolo, The Power of Progression, 1969) di Isaac Asimov
Copertina di Karel Thole

La vedova incinta

Questa è la storia di un trauma sessuale. Non era più di primo pelo quando gli accadde, era un adulto fatto e finito; e consenziente – assolutamente consenziente. Ma non per questo non ne è stato segnato: Keith ha poco più di vent’anni durante quell’estate torrida, infinita ed eroticamente decisiva che trascorre in un castello italiano insieme alla sua ragazza, un’amica e un variegato manipolo di altri personaggi degni di una commedia shakespeariana. Qualche escursione, un ozioso tuffo in piscina e non resta molto con cui occupare il tempo se non flirtare con gli altri giovani della compagnia e abbandonarsi alle proprie ossessioni. Due, nel caso di Keith: il sesso e la letteratura. Sono anni in cui l’educazione sentimentale inizia a esser declinata come un bollettino di guerra: quella tra i sessi naturalmente, di cui Keith si trova a essere volenteroso ma smarrito fantaccino spedito a un fronte mai come allora in movimento. Un eccitante (o angosciante) interregno sospeso tra il ritiro dell’ancien regime sessuale cacciato dalla rivoluzione dei costumi e l’instaurarsi di un nuovo governo: del resto, come dice il poeta, “il mondo uscente non lascia eredi, bensì una vedova incinta”. E poi c’è la letteratura: la conquista faticosa, perennemente inconclusa, di un proprio stile, di una propria voce che riecheggi quella dei padri (ripercorsi uno dopo l’altro come in un particolareggiato compendio della materia) ma che da loro non si faccia sopraffare…

La vedova francese

Cosa potrebbe mai fare una povera cameriera come Cecile, vergine e inesperta, per conquistare lord Nathaniel Covington di cui è innamorata? Reinventarsi, naturalmente, magari facendosi passare per una vedova francese e con l’aiuto della propria padrona, la contessa de Chevalier, cercare di sedurlo. Quando Cecile e Nathaniel si incontrano, è il classico colpo di fulmine, ma sul loro idillio pesano tutte le menzogne che lei è costretta a raccontargli. Dopo aver trascorso insieme un lungo periodo di passione, durante il quale Cecile scopre le gioie del sesso, viene smascherata dal perfido fratello di Nathaniel. Così, sconvolta e convinta che ormai tutto sia perduto, si dà alla fuga…

Vede rosso

Un triangolo, niente di insolito: William Lobell, ingegnere elettronico, Mabel Grove direttrice della “Grove Advertising Agency” e la moglie di lui, Gladys. Di strano c’è Samy. un gatto geloso di Mabel. Ma chi ha un segreto da nascondere è suscettibile a un ricatto, specie se è in possesso di altri segreti più scottanti. Ed ecco che per sistemare deve intervenire il nostro OS 117, col suo mix di violenza e fascino.

Vector. Minaccia mortale

All’ospedale di Manhattan, il dottor Jack Stapleton e la dottoressa Laurie Montgomery si trovano a indagare su un caso inquietante: un terribile batterio, un pericoloso vettore infettivo destinato a terrorizzare l’intero Paese, sta mietendo vittime. Ma chi è stato a provocare il contagio? E a quale scopo? Mentre si cerca di individuare il colpevole, bisogna però affrontare l’emergenza ed evitare una strage annunciata.

Il vaso di Pandora

RACCONTO. Il vaso di Pandora è rimasto sepolto per millenni, ma adesso i demoni più spietati che il mondo abbia mai conosciuto sono liberi di vagare sulla terra, seminando morte e distruzione. Kyriakos ha appena diciassette anni e sa poco e nulla di déi e di demoni, ma da un momento all’altro si ritrova catapultato in un mondo abitato da eroi e da creature leggendarie. L’oracolo di Delfi, la Pizia, l’ha indicato come l’unico in grado di salvare il mondo, ma sarà davvero all’altezza di quel compito? Molti sono i dubbi che dilaniano l’anima di Krys, ma una cosa è certa: non può sottrarsi al suo destino…
Kyriakos fece scorrere lo sguardo verso il basso e restò allibito.
Sotto i pantaloni dell’abito scuro del tipo, spuntavano dei calzari alati. Solo allora capì perché gli era sembrato altissimo: quell’uomo fluttuava ad almeno trenta centimetri dal suolo.
Ma è impossibile!, si disse.
Lo guardò in viso e tornò a guardare verso il basso, infine si stropicciò gli occhi e tornò a mettere a fuoco.
Nulla era cambiato.
«Ti consiglio di chiudere la bocca, prima che quella mosca che svolazza nella stanza decida di mettersi al calduccio…» lo canzonò Ermes, poi lo fissò con fermezza. «Sono qui per ordine di Zeus. Hai combinato un bel guaio al museo oggi, lo sai?»
Krys sbiancò. Pensava non lo avesse visto nessuno in quella sala, ma ovviamente era troppo bello per essere vero. Le telecamere di sorveglianza dovevano aver registrato tutto ciò che era accaduto. Come aveva fatto a non pensarci? «Questo Zeus è il direttore del museo? Ha intenzione di denunciarmi alla polizia?» domandò fingendo di non essere preoccupato, ma il cuore, che pareva volergli scoppiare, nel petto, raccontava tutt’altra storia.
Ermes scoppiò in una risata talmente dirompente, a quelle parole, che gli salirono le lacrime agli occhi.
Il ragazzo lo osservò, stupito, chiedendosi cosa ci fosse di tanto divertente.
«Beh, suppongo che si possa definire anche direttore, visto che sull’Olimpo è lui il pezzo grosso» sghignazzò Ermes.
«Olimpo? Che cos’è? Una nuova ala annessa di recente al museo? Non mi pare di averne mai sentito parlare» tornò a dire Kyriakos grattandosi la testa.
«Per la barba di mio padre, ma non hai mai sentito parlare di divinità e delle leggende dei grandi Eroi della Grecia?» si meravigliò Ermes.
«A parte il mio nome, della Grecia conosco ben poco» rispose il giovane, che cominciava a perdere la pazienza. «Vuoi spiegarmi chi cavolo sei e cosa vuoi da me?» sbottò.
«Io sono Ermes, come ti ho già spiegato…» disse il tipo poggiandosi una mano sul petto, con fare pomposo. «Sono uno dei dodici déi olimpi, uno dei figli di Zeus. Il mio compito è quello di recapitare messaggi: sono una specie di quello che voi umani chiamate postino, per così dire.»
A Kyriakos quasi cadde la mascella. Sapeva che avrebbe dovuto reagire, in qualche modo: gridare, fuggire, chiamare aiuto, soprattutto!, invece tutto quello che gli riuscì di fare, fu fissare quello sconosciuto che affermava di essere un dio a bocca spalancata.
Ermes ne approfittò per avvicinarsi e gli posò le mani sulle spalle. «Tu sei più di un semplice umano, Kyriakos…» dichiarò, «sei un eroe, anche se ancora inconsapevole. Io sono qui proprio per questo: aiutarti ad adempiere al tuo destino!»
**
### Sinossi
RACCONTO. Il vaso di Pandora è rimasto sepolto per millenni, ma adesso i demoni più spietati che il mondo abbia mai conosciuto sono liberi di vagare sulla terra, seminando morte e distruzione. Kyriakos ha appena diciassette anni e sa poco e nulla di déi e di demoni, ma da un momento all’altro si ritrova catapultato in un mondo abitato da eroi e da creature leggendarie. L’oracolo di Delfi, la Pizia, l’ha indicato come l’unico in grado di salvare il mondo, ma sarà davvero all’altezza di quel compito? Molti sono i dubbi che dilaniano l’anima di Krys, ma una cosa è certa: non può sottrarsi al suo destino…
Kyriakos fece scorrere lo sguardo verso il basso e restò allibito.
Sotto i pantaloni dell’abito scuro del tipo, spuntavano dei calzari alati. Solo allora capì perché gli era sembrato altissimo: quell’uomo fluttuava ad almeno trenta centimetri dal suolo.
Ma è impossibile!, si disse.
Lo guardò in viso e tornò a guardare verso il basso, infine si stropicciò gli occhi e tornò a mettere a fuoco.
Nulla era cambiato.
«Ti consiglio di chiudere la bocca, prima che quella mosca che svolazza nella stanza decida di mettersi al calduccio…» lo canzonò Ermes, poi lo fissò con fermezza. «Sono qui per ordine di Zeus. Hai combinato un bel guaio al museo oggi, lo sai?»
Krys sbiancò. Pensava non lo avesse visto nessuno in quella sala, ma ovviamente era troppo bello per essere vero. Le telecamere di sorveglianza dovevano aver registrato tutto ciò che era accaduto. Come aveva fatto a non pensarci? «Questo Zeus è il direttore del museo? Ha intenzione di denunciarmi alla polizia?» domandò fingendo di non essere preoccupato, ma il cuore, che pareva volergli scoppiare, nel petto, raccontava tutt’altra storia.
Ermes scoppiò in una risata talmente dirompente, a quelle parole, che gli salirono le lacrime agli occhi.
Il ragazzo lo osservò, stupito, chiedendosi cosa ci fosse di tanto divertente.
«Beh, suppongo che si possa definire anche direttore, visto che sull’Olimpo è lui il pezzo grosso» sghignazzò Ermes.
«Olimpo? Che cos’è? Una nuova ala annessa di recente al museo? Non mi pare di averne mai sentito parlare» tornò a dire Kyriakos grattandosi la testa.
«Per la barba di mio padre, ma non hai mai sentito parlare di divinità e delle leggende dei grandi Eroi della Grecia?» si meravigliò Ermes.
«A parte il mio nome, della Grecia conosco ben poco» rispose il giovane, che cominciava a perdere la pazienza. «Vuoi spiegarmi chi cavolo sei e cosa vuoi da me?» sbottò.
«Io sono Ermes, come ti ho già spiegato…» disse il tipo poggiandosi una mano sul petto, con fare pomposo. «Sono uno dei dodici déi olimpi, uno dei figli di Zeus. Il mio compito è quello di recapitare messaggi: sono una specie di quello che voi umani chiamate postino, per così dire.»
A Kyriakos quasi cadde la mascella. Sapeva che avrebbe dovuto reagire, in qualche modo: gridare, fuggire, chiamare aiuto, soprattutto!, invece tutto quello che gli riuscì di fare, fu fissare quello sconosciuto che affermava di essere un dio a bocca spalancata.
Ermes ne approfittò per avvicinarsi e gli posò le mani sulle spalle. «Tu sei più di un semplice umano, Kyriakos…» dichiarò, «sei un eroe, anche se ancora inconsapevole. Io sono qui proprio per questo: aiutarti ad adempiere al tuo destino!»

Il Vangelo Secondo Gesu Cristo

Il Gesù Cristo di Saramago, da alcuni cristiani ortodossi ritenuto blasfemo, è un carattere fortemente spirituale, ma in tutto e per tutto umano, che incarna i dubbi e le sofferenze propri della condizione universale di uomo. Il figlio di Dio, dalla nascita a Betlemme alla morte sul Golgota, affronta le medesime esperienze descritte nel Vangelo, qui però narrate secondo una prospettiva terrena, con spirito critico e senso logico. In questa storia non c’è fede nei miracoli, bensì coscienza di trovarsi in balìa della volontà di potenza di un Dio padre distante e indifferente al dolore che provoca. La serie di disgrazie, stragi e morti che costellano l’esistenza di Gesù, fino al non cercato e non accettato compimento del destino di vittima sacrificale, diventa così un’occasione per riflettere sulla contrapposizione tra bene e male, sulla problematicità di fare il giusto tramite l’ingiusto, sull’imperscrutabilità del senso della vita umana e sulla sconcertante ambiguità della natura divina.