57185–57200 di 75864 risultati

Il ritorno del ninja

Nicholas Linnear, eroe di cultura occidentale e giapponese, è un Ninja dotato di eccezionali poteri che gli consentono di fronteggiare con successo situazioni disperate. Presto si accorge di essere diventato un Ninja Bianco, ossia un Ninja senza alcun potere: un nemico mortale è penetrato nella sua anima. In un susseguirsi di colpi di scena il Ninja Bianco riuscirà a vincere l’eterna lotta contro le forze del Male.
**

Il ritorno del greco

Calda come il sole di Corfù, antica come le rovine di Creta, dolce come il nettare degli antichi dei. La passione, nel sangue di ogni uomo greco, scorre veloce fin dalla notte dei tempi…
Una scintillante Ferrari che sfreccia nel centro del tranquillo paese di Little Molting non può che suscitare curiosità, ma per Kelly Jenkins può voler dire una sola cosa: che Alekos Zagorakis, il suo affascinante ex, è tornato nella sua vita esattamente come ne era uscito. All’improvviso, e in maniera teatrale. Sono passati quattro anni dal giorno in cui Kelly, il bouquet in mano, ha atteso invano che lui arrivasse all’altare per coronare il loro sogno d’amore. Adesso però sembra proprio che Alekos sia tornato a pretendere ciò che gli spetta.
**
### Sinossi
Calda come il sole di Corfù, antica come le rovine di Creta, dolce come il nettare degli antichi dei. La passione, nel sangue di ogni uomo greco, scorre veloce fin dalla notte dei tempi…
Una scintillante Ferrari che sfreccia nel centro del tranquillo paese di Little Molting non può che suscitare curiosità, ma per Kelly Jenkins può voler dire una sola cosa: che Alekos Zagorakis, il suo affascinante ex, è tornato nella sua vita esattamente come ne era uscito. All’improvviso, e in maniera teatrale. Sono passati quattro anni dal giorno in cui Kelly, il bouquet in mano, ha atteso invano che lui arrivasse all’altare per coronare il loro sogno d’amore. Adesso però sembra proprio che Alekos sia tornato a pretendere ciò che gli spetta.

Il ritorno del dio coyote

Di solito gli dèi se ne stanno lassù, nei loro Cieli irraggiungibili, e non si lmmischlano troppo della vita degli uomini che magari finiscono per dimenticarli. Ma voi cosa fareste se, di punto in bianco, il vostro dio, tanto per ricordarvi che esiste, vi entrasse a forza nella vita e ve la sconvolgesse completamente? È quello che accade a Samuel Cacciatore, giovane e rampante agente assicurativo di Santa Barbara. Il dio che irrompe con tanta energia nella sua vita tranquilla è Vecchio Coyote, il grande Creatore degli indiani della tribù dei Corvi, nel Montana; un dio dalle nobili origini, imparentato con dèi egizi e amico di Gesù, ma anche giocatore d’azzardo, imbroglione, grande amatore e grande trasformista. Un dio che ama molto che si parli di lui, ha strane abitudini (teme moltissimo l’olio) ed è disposto a tutto purché la gente conosca e diffonda le sue storie. Anche a far innamorare Samuel di Calliope, la ragazza più attraente e buffa di tutta la California, aizzando poi contro il malcapitato l’ex marito di lei, un irascibile mototeppista. Così il povero Sam verrà trascinato suo malgrado in mille avventure mozzafiato, in cui rischierà di perdere tutto – veramente tutto – ma anche di guadagnare qualcosa di assolutamente unico: se stesso.

Il ritorno del cantore

Un popolo misterioso costruisce nel villaggio primitivo dei Manth una torre fatta di tronchi e canne (il “Cantore”); il vento che si incanala nelle canne fa uscire una musica celestiale che incanta l’intero villaggio e quel villaggio diventerà, secoli dopo, la città di Aramanth. Qui l’appartenenza dei singoli cittadini e delle famiglie ai ranghi sociali dipende dai punteggi assegnati loro in una serie infinita di esami che iniziano fin dalla prima infanzia; in base al punteggio avvengono brutali trasferimenti nei quartieri inferiori e ambite promozioni in quelli più ricchi ed eleganti. Solo la famiglia Hath contesta questa opprimente forma di “democrazia”. Età di lettura: da 10 anni.
**

Il ritorno degli chtorr

Chtorr (pr. ktor), s 1. Il pianeta Chtorr, che si ritiene disti 30 anni-luce dalla Terra. 2. Il sistema di cui tale pianeta fa parte, probabilmente costituito da una gigante rossa tuttora non identificata. 3. La razza dominante del pianeta Chtorr, in genere. 4. Nell’uso formale, uno o più membri della specie dominante di Chtorr: uno Chtorr, Chtorr. 5. L’urlo gutturale e agghiacciante di uno Chtorr. (Dizionario Random House della lingua inglese, edizione del XXI secolo).

Piombati sulla Terra già provata da una devastante serie di epidemie, i ferocissimi e carnivori Chtorr sono il nemico più insidioso che la razza umana abbia affrontato, e questa volta si preparano a sferrare il colpo finale. Un giovane studente di biologia, James Edward McCarthy, viene inviato in prima linea per combattere l’invasore come ufficiale di un corpo governativo segreto. Sorvolando la regione in ricognizione, McCarthy tuttavia precipita col suo elicottero e si trova in una situazione disperata, forse senza via d’uscita. Ma il problema che si pone non è solo bellico: bisogna sterminare gli extraterrestri o cercare, in qualche modo, di comunicare con loro? Un grande romanzo d’azione del futuro, vero e realistico come un reportage dal fronte, già pubblicato con successo nella collana Altri mondi.

Ritorno dall’universo

Stanislaw Lem arriva oggi ai lettori italiani, ma è già una leggenda: il più grande scrittore polacco moderno, l'autore del fascinosissimo intreccio del film Solaris, il Borges della fantascienza, che in lui arriva al risultato più atteso. Lem ha dato vita e verità ai viaggiatori dello spazio-tempo, ha favoleggiato con impeccabile ironia delle prossime stirpi di robot, ha reso palpabile l'angoscia della conoscenza, la solitudine degli sperimentatori e dei chiaroveggenti. In Ritorno dall'universo questo è rappresentato con grande potenza immaginativa, con amarezza, finezza e livello stilistico eccezionali.
Che rimane al reduce dalla costellazione di Fomalhaut — quarant'anni di età nello spazio, centocinquantasette per il tempo terrestre — che rimane a questa sorta di brontosauro vivente, se non contemplare scritte luminose incomprensibili, o la folla dei suoi simili, infinitamente più fragili di lui, variopinti, sorridenti zingari di città dove regna l'illusione e l'illusionismo al più alto grado di perfezione? Estraneo gli fu l'universo, estranea è ora la Terra. Chi lo ricorda, il pioniere? «Erano loro che mi avevano sepolto nelle stelle, non ero io che avevo sepolto loro sulla Terra» Si torna dalle stelle, dopo aver sperimentato il meglio e il peggio di sé, per trovare il lattemiele senza domani di un'umanità senza curiosità o gravi dolori, che non sarà mai più né aggressiva né memore: per lottare contro i ricordi degli immensi labirinti di altri mondi, prima di constatare che tutto quel lattemiele non sarà eterno.
Cosi in Ritorno dall'universo si dimostra la verità dell'ipotesi che non il romanzo è morto, ma i temi di cui si usa e abusa da due secoli; e che nella preziosa congerie dei plot fantascientifici va parte della vitalità tanto cercata. Perché «quando ci trovammo sospesi cosi, apparentemente immobili di fronte alle stelle, allora, lei mi capisce, stare a leggere di Pietro che fumava nervosamente ed era oppresso dal pensiero che Lucia non venisse ma che poi entrò sgualcendo i guanti con fare eccitato» da principio uno ci rideva come un idiota, ma poi veniva la rabbia. Per dirla in breve, da allora nessuno toccò più quel genere di letteratura».

Ritorno dall’India

Un amore impossibile è il dono che il giovane medico israeliano Benij Rubin porta con sé al ritorno dall’India. Eppure quel viaggio non doveva essere nient’altro che un’occasione di carriera. Ma dall’India Benij torna innamorato della persona sbagliata, una donna appena più giovane di sua madre, sposata e nemmeno troppo avvenente, la cui unica virtù sembra essere un enigmatico sorriso. Solo al momento in cui tutti gli ostacoli alla realizzazione del suo amore sembrano superati Benij potrà capire le ragioni dell’innamoramento che gli ha sconvolto la vita.
**

Ritorno da Giove

In Giove chiama Terra (Urania 924), il mistero del corpo alieno in orbita attorno a Giove veniva tragicamente affrontato da Keith Stoner con la decisione di affidarsi al gelo dello spazio all’interno della gigantesca astronave extraterrestre, con la disperata speranza che i suoi compagni di viaggio tornassero a prenderlo. Sono passati diciotto anni da quel giorno, e Keith Stoner si sveglia dal suo lungo sonno così simile alla morte su una Terra che stenta a riconoscere. La donna che lo amava non ha esitato dinanzi a nulla pur di organizzare una nuova spedizione. Anche l’astronave aliena è stata recuperata, e lo sfruttamento delle sue meraviglie scientifiche è appena iniziato. Stoner potrebbe dunque iniziare una nuova vita sul suo mondo, ma c’è un problema: nella sua mente, adesso, Keith Stoner non è più solo. Durante i lunghi anni d’animazione sospesa nel vuoto, qualcuno è venuto a fargli compagnia.
Copertina di Karel Thole

Ritorno al futuro

Hill Valley, California. La storia ha inizio il 25 ottobre 1985. Marty McFly è uno studente di liceo diciassettenne, che è solito frequentare un amico scienziato di nome “Doc” Emmett Brown. Studente poco disciplinato, spesso ritardatario, è fidanzato con una sua compagna di scuola e coetanea di nome Jennifer Parker. Si ritroverà a viaggiare nel tempo con l’aiuto di Doc.

Ritorno al domani

Viaggiando nelle profondità dello spazio, l’uomo ha scoperto che il suo nemico implacabile è il tempo. Anzi, un’equazione che è diventata una barriera invalicabile: “A misura che la massa si avvicina a un valore infinito, il tempo si avvicina a zero”. Era stata l’equazione che aveva consentito il progresso, ma gli stessi termini che avevano aperto all’uomo nuovi orizzonti sono anche i limiti della sua prigione. Già, perché un anno su un’astronave che viaggia alla velocità della luce equivale, sulla Terra, a un periodo di parecchi decenni. E chi parte accetta un’avventura senza ritorno…Eppure ci sono sempre dei fuorilegge e degli avventurieri che non si curano delle equazioni, pronti a intraprendere il Lungo Viaggio. Ma chi è rimasto assente per un secolo, non sa cosa trova al suo ritorno. Non conoscere più nulla ormai del suo pianeta. Familiari, amici e conoscenti hanno i capelli bianchi o sono morti. Forse la sua casa non esiste più, le città sono irriconoscibili e persino la Terra è diventata un pianeta alieno. E quella che era iniziata come un’avventura si conclude invariabilmente nello stesso modo, in un altro viaggio fra le stelle, perché il vero mondo ormai è a bordo dell’astronave. L’unica speranza è che qualcuno possa scoprire una soluzione alla barriera del tempo…
Un indimenticabile classico della fantascienza dell’Età d’oro.

Ritorno a Cold Mountain

Ferito dagli orrori della guerra civile, un soldato sudista, Imman, fugge dall’ospedale in cui è stato ricoverato e si mette in viaggio, a piedi, verso casa. Verso Cold Mountain, nel North Carolina, dove Ada, la donna che amava prima di partire, lo aspetta, mandando avanti con grandi sacrifici la fattoria lasciatale in eredità dal padre. Molto tempo è passato ed entrambi ignorano se l’altro sia ancora vivo, ma la speranza di rivedersi, pur tra i disastri e le quotidiane incertezze, alimenta la loro trepida attesa…
**

Ritorno a casa

Noah Forman si sveglia in un ospedale e non ricorda come ci è arrivato. Tiene duro, traendo conforto dal fatto che l’uomo che ha amato sin dall’adolescenza, il suo compagno Clark Lehman, lo stia per raggiungere. Ma quando Clark finalmente arriva, Noah è sconvolto perché scopre di non ricordare nulla degli ultimi tre anni e non riesce a capirne il motivo. Confronti dolorosi saranno necessari perché Noah possa capire la ragione della perdita dei suoi ricordi più recenti… e assicurarsi così di avere con Clark il futuro che aveva sempre sognato.

Ritorno a casa

Ritorno a casa by Rosamunde Pilcher
Judith Dumbar è solo una ragazza sensibile e innocente uscita da poco dalla scuola. Le angosce e le sofferenze della Seconda guerra mondiale e un drammatico destino che sconvolgerà la sua famiglia la costringeranno a divenire rapidamente una donna, rivelandole però tutta la forza nascosta nella sua personalità e la pienezza di una grande passione.

Ritornano le tigri della Malesia

Il portoghese Yanez de Gomera e il principe malese Sandokan vedono minacciati i loro beni, le loro stesse vite e quelle dei loro amici quando subiscono l’attacco di una misteriosa forza maligna che si manifesta attraverso una nebbia verde e lascia dietro di sé una scia di cadaveri. I due vecchi pirati libertari sono allora costretti a richiamare a raccolta le Tigri della Malesia per intraprendere quella che si presenta come la più pericolosa delle loro avventure. Una vera e propria discesa agli inferi su un’imbarcazione che porta il nome di La Mentirosa. Ben presto incontreranno Friedrich Engels, il professor Moriarty, sottomarini minacciosi, società segrete cinesi, Rudyard Kipling, i postriboli della Cambogia, gli orangutan del Borneo, trafficanti di schiavi, una sopravvissuta della Comune di Parigi, fondamentalisti islamici, filologi greci, la flotta militare britannica, filosofi stoici, piante carnivore, messaggi cifrati, banchieri filippini alleati di José Marti, spie antimperialiste… Paco Ignacio Taibo II sceglie di scrivere, sotto forma di pastiche, un nuovo capitolo della saga salgariana. Un intreccio di avventura, sesso e politica, dove coesistono lo spirito ribelle e antimperialista del narratore, l’attenzione alla Storia e i grandi modelli del feuilleton ottocentesco.
**