56913–56928 di 65579 risultati

Napoli magica

Attraversare una città significa muoversi nello spazio, ma anche camminare a ritroso nel tempo. Napoli magica è un viaggio nel cuore esoterico e misterioso di una delle città più antiche e affascinanti del mondo. Un viaggio nel mito, nella leggenda, nei labirinti della città e nelle infinite storie che vi sono annidate. Da Virgilio Mago al fiume «fantasma», dalla leggenda nera di Raimondo di Sangro alla maledizione della Gaiola, dalla Sirena Partenope, demone marino o uccello antropomorfo, umanizzata al punto da morire per amore, ai misteri della città sotterranea, dal mito di Iside all’enigmatica Y di Forcella, dai filosofi-maghi al diavolo della Pietrasanta, dalle Compagnie della Morte ai cori perduti delle fate, dai misteri archeologici ancora da svelare alle incredibili storie ambientate nei Castelli della città, si dipanano in queste pagine storie di sangue, di delitti e morte, di sesso e amanti insaziabili. Storie romantiche, cupe, feroci. Storie napoletane.
**
### Sinossi
Attraversare una città significa muoversi nello spazio, ma anche camminare a ritroso nel tempo. Napoli magica è un viaggio nel cuore esoterico e misterioso di una delle città più antiche e affascinanti del mondo. Un viaggio nel mito, nella leggenda, nei labirinti della città e nelle infinite storie che vi sono annidate. Da Virgilio Mago al fiume «fantasma», dalla leggenda nera di Raimondo di Sangro alla maledizione della Gaiola, dalla Sirena Partenope, demone marino o uccello antropomorfo, umanizzata al punto da morire per amore, ai misteri della città sotterranea, dal mito di Iside all’enigmatica Y di Forcella, dai filosofi-maghi al diavolo della Pietrasanta, dalle Compagnie della Morte ai cori perduti delle fate, dai misteri archeologici ancora da svelare alle incredibili storie ambientate nei Castelli della città, si dipanano in queste pagine storie di sangue, di delitti e morte, di sesso e amanti insaziabili. Storie romantiche, cupe, feroci. Storie napoletane.

Napoleone Bonaparte

La Vita Di Napoleone Bonaparte,l’uomo che cambiò il volto dell’Europa

Nanny

Phil e Julie, all’arrivo del primo figlio, sono costretti ad assumere una nanny, ossia una tata, per conciliare impegni professionali e familiari. Ed ecco comparire Luci: esperta ed efficiente, riorganizza la loro vita con un’energia che rasenta l’invadenza. Phil cerca allora di arginarla, ma scopre con orrore che Luci è una creatura malvagia, ambigua e dotata di terrificanti poteri soprannaturali con cui ben presto minaccia l’intera famiglia… In bilico tra horror e magia, una storia sorprendente e originale, ricca di suspense.

Nana

Alba, tredici anni e una bellezza angelica: cleptomane, taccheggiatrice, sogna di rubare la Tour Eiffel. E Gorodish, asceta e sensuale, quarantenne un po’ inquietante dai capelli rasati. Torna la coppia piú anticanonica e affascinante del noir francese, protagonista di una serie di culto che ha rinnovato e reinventato profondamente il genere. E che ha ispirato Leon e Nikita, i due capolavori di Luc Besson.
Serge Gorodish, fotografo scandaloso e incompreso, già enfant prodige del pianoforte, pittore e autista di gangster, sbarca in una sonnacchiosa cittadina francese. Sembra voglia soltanto prendersi una breve vacanza.
In realtà, infaticabile, metodico, sta preparando un colpo clamoroso.
E per farlo studia ciascuno degli abitanti, i loro vizi e le loro scarse virtú, e ben presto li mette uno contro l’altro, creando un favorevole clima di sospetto. Ad aiutarlo, nientemeno che un’adolescente cleptomane, attratta dal vandalismo, bella come la Venere di Botticelli.
Gorodish, l’inguaribile esteta per il quale tutto deve essere costruito come un’opera d’arte, anche il crimine, e la sua Lolita innocente e perversa sono la coppia di banditi piú eccezionale del polar francese.
Con una scrittura perfetta, capace di raccontare sottilmente potere e sensualità, e ribaltando le regole classiche del poliziesco, Delacorta ci ha consegnato l’idillio impossibile tra un uomo e una ragazzina, due personaggi assoluti che hanno bucato con forza il nostro immaginario.

Multiculturalismo alla francese? Dalla colonizzazione all’immigrazione

L’ortodossia repubblicana non riconosce teoricamente dignità politica ad alcun corpo intermedio tra gli individui liberi, eguali e spogliati di ogni particolarismo, e la nazione sovrana. È per questo che sino al giorno d’oggi, la discussione pubblica francese è segnata da un radicato sospetto nei confronti di ogni “comunitarismo”, e dalla proscrizione del concetto stesso di politica multiculturale. Ma le politiche concretamente seguite dalla Francia repubblicana sono state coerenti con i principi proclamati? Ed è davvero possibile affermare che le identità culturali non siano mai state pubblicamente “riconosciute”? Attraverso un’indagine pluridisciplinare, ci si propone di indagare l’ambigua relazione esistente tra la teoria e la pratica nella gestione repubblicana della pluralità culturale.

Mulini neri

Guido, Angela e la figlia Ortensia: una famiglia apparentemente perfetta, da spot pubblicitario, pervasa d’amore e serenità cui fa da sfondo un gradevole benessere economico. Dietro i sorrisi patinati, tuttavia, si celano passioni inconfessabili e realtà scomode che finiranno, attraverso relazioni clandestine, per intrecciarsi con quelle di un’altra famiglia. Shamira: una ragazza dei nostri tempi, disinibita che sembra avere tutto. Eppure bellezza, sensualità, intelligenza e ascendente sugli uomini non basteranno a distrarre il destino. Si avvisa il lettore che questo romanzo erotico-noir contiene scene di sesso tra un adulto e una adolescente quasi maggiorenne, consenziente. ADATTO A UN PUBBLICO ADULTO
**
### Sinossi
Guido, Angela e la figlia Ortensia: una famiglia apparentemente perfetta, da spot pubblicitario, pervasa d’amore e serenità cui fa da sfondo un gradevole benessere economico. Dietro i sorrisi patinati, tuttavia, si celano passioni inconfessabili e realtà scomode che finiranno, attraverso relazioni clandestine, per intrecciarsi con quelle di un’altra famiglia. Shamira: una ragazza dei nostri tempi, disinibita che sembra avere tutto. Eppure bellezza, sensualità, intelligenza e ascendente sugli uomini non basteranno a distrarre il destino. Si avvisa il lettore che questo romanzo erotico-noir contiene scene di sesso tra un adulto e una adolescente quasi maggiorenne, consenziente. ADATTO A UN PUBBLICO ADULTO

Movente per un omicidio

«Ruth non può essere un’assassina!» Dave Tully ritorna da un viaggio, a ora tarda, e trova la sua casa tutta buia. Dov’è Ruth, sua moglie? Forse è andata dagli amici per un bridge, e si è attardata. Poi, Tully sente squillare il campanello della porta: è un amico… un amico, ma anche un funzionario della polizia locale. E la storia che viene a raccontare a Tully è agghiacciante. Un certo Cox è stato trovato ucciso, in un motel, la sera prima. Assassinato con una pistola che risulta di proprietà di Dave Tully. Cox, a quanto pare, era un ex–boyfriend di Ruth e c’è una testimone pronta a giurare che, dalla stanza contigua, ha udito la vittima pronunziare il nome di Ruth! Ma Ruth non può essersi macchiata di un efferato delitto. D’altra parte, se lei è innocente, perché è sparita? Dov’è? Come mai, Ruth non ha seguito Dave nel suo viaggio, questa volta, com’era solita fare? E chi, se non lei, sarebbe potuta essere in possesso dell’automatica di Dave? Domandatelo a Ellery Queen, maestro del mistero.

Mosca cieca

L’Egira è più leggero, più agile nelle manovre e i rischi di perforazione dello scafo sono minori rispetto ai sottomarini americani. Possiede tredici tubi lanciasiluri di grosso diametro e otto tubi di piccolo diametro. Anche senza la possibilità di ricaricare, il sottomarino del Fronte Islamico Unito può affondarvi ventun volte. Sei mesi dì guerra totale. Il generale Sihoud, soprannominato Khalib, la «Spada dell’Islam», ha scatenato il Fronte Islamico Unito in un’offensiva senza esclusione di colpi alla quale la Coalizione occidentale ha opposto una tenace resistenza. La guerra si è assestata in un conflitto combattuto soprattutto per terra e nei cieli, una situazione che costringe i migliori comandanti dei sottomarini occidentali ad azioni di pattugliamento, necessarie ma lontane dal fulcro dell’azione. Michael Pacino, pluridecorato capitano di vascello della marina americana, a pochi giorni dalla nomina che lo costringerà ad abbandonare per sempre il suo adorato sottomarino Seawolf, è insofferente di questa situazione. Il Seawolf, infatti, è fermo nel bacino di carenaggio, escluso da ogni missione. Eppure un’azione decisiva programmata dal comando occidentale per eliminare Sihoud si risolve in un fallimento e cambia il corso delle operazioni belliche. Braccato ma con un’arma di nuova generazione in grado di sferrare un colpo definitivo al cuore dell’America, Sihoud trova rifugio sull’Egira, potentissimo sottomarino a bordo del quale il leader islamico prepara una mossa disperata che potrebbe sovvertire le sorti della guerra. E il teatro dell’azione si trasferisce improvvisamente nelle profondità del mare…

Morto e spacciato

Per Sookie Stackhouse l’attività quotidiana della comunità dei vampiri e dei mannari di Bon Temps e dintorni è di vitale interesse: ha un legame di sangue con il capo dei vampiri, è amica del branco locale di lupi mannari, lavora per un uomo che è un mutaforme e ha un fratello che è una pantera mannara. Per la maggior parte degli umani i vampiri sono misteriose creature seducenti, mentre l’esistenza dei mannari è ignota: almeno fino a ora, perché mannari e mutaforme hanno infine deciso di seguire l’esempio dei vampiri e rivelare al mondo la propria esistenza. Quello di cui però nessuno si rende conto è che esiste un’altra razza di creature non umane, più antica, più potente e molto più pericolosa. E che si sta preparando alla guerra. E Sookie si ritroverà a essere una pedina fin troppo umana della loro battaglia.
**

Morti viventi a Dallas

Dall’autrice del bestseller “Finché non cada il buio” la seconda avventura di Sookie Stackhouse.La cameriera Sookie Stackhouse sta attraversando un periodo decisamente sfortunato. Innanzitutto, un suo collega viene assassinato e sembra che a nessuno importi della cosa, poi si viene a trovare faccia a faccia con una creatura bestiale che le assesta una sferzata dolorosa e velenosa. A questo punto, entrano in campo i vampiri, che le succhiano il veleno dalle vene (come se non aspettassero altro!)Il punto è che le hanno salvato la vita, quindi quando un vampiro le chiede un favore, lei deve accettare, e ben presto si ritrova a Dallas, impegnata a utilizzare le sue doti telepatiche alla ricerca di un vampiro scomparso, fingendo di essere là per intervistare alcuni umani coinvolti in quella sparizione. Sookie pone una sola condizione: i vampiri devono comportarsi bene… e lasciar andare illesi gli umani coinvolti. Più facile a dirsi che a farsi: basta infatti abbinare una bionda deliziosa a un piccolo errore perché la situazione si faccia letale…
(source: Bol.com)

Morti tutti insieme

Sookie Stackhouse non ne può più di risolvere i problemi di ogni creatura soprannaturale che incontri sulla sua strada. Dopo aver rotto con Bill, il fidanzato storico, Sookie non solo dovrà gestire il suo nuovo ragazzo Quinn, una tigre mannara, ma anche affrontare il Summit dei Vampiri, un evento a lungo pianificato che per la giovane di Bon Temps si rivelerà l’ennesima gatta da pelare. Nel frattempo Sophie-Anne, regina dei vampiri della Louisiana, si trova in una posizione precaria: il suo quartier generale è stato distrutto da un uragano e alcuni vampiri sono determinati a finire ciò che la natura ha già iniziato. Sookie dovrà scegliere da che parte stare. E la sua scelta potrebbe fare la differenza tra la vita e la catastrofe.
(source: Bol.com)

Morti sospette

Ad Ashdown Dean, minuscolo villaggio perduto nella campagna inglese, la monotona tranquillità della vita quotidiana è interrotta da una serie di incidenti a danno di animali domestici: un cane avvelenato, un gatto scomparso che rischia di essere bruciato, e così via. Sembra cosa di poco conto, anche se pur sempre inquietante per un posto dove sembra non debba succedere mai nulla. Le cose precipitano quando, in una serata temporalesca (anche questa tipicamente inglese), un’anziana signora viene rinvenuta cadavere dentro una cabina telefonica. A trovarla è Polly Praed, una scrittrice di gialli in cerca d’ispirazione; una donna con un carattere imprevedibile, timida e insicura, eppure maledettamente pronta a pretendere tutto dagli altri. Questo bell’esemplare di scrittrice, dal formidabile «super io», scatena sul posto, prima, l’intervento di Melrose Plant, l’originale aristocratico, alquanto decaduto ma assai simpatico, che ritroveremo in alcuni romanzi della Grimes e, poi, l’imperturbabile ispettore Jury. Quella che sembrava una innocua scampagnata, limitata alla ricerca del gatto scomparso della pretenziosa scrittrice, si dimostra invece una delle più complesse indagini poliziesche a cui deve far fronte il nostro ispettore. Perché le morti si susseguono con un’impressionante escalation e sarà difficile trovare una soluzione logica, anche per la testarda Polly Praed che ha trovato pane per i suoi denti e, manco a dirlo, materiale d’ispirazione in abbondanza per i suoi romanzi.

Morti senza tomba; Le mani sporche

Nell’opera teatrale di Sarte vi è come la presenza di tracce che negano la forma canonica del teatro borghese. Il rapporto è costruito su delle circostanze (che possono equivalere a una o più scene), come ne Le mani sporche; in tali circostanze si addensano quelle tracce che negano sul nascere la possibilità che le scene trasformino il teatro nella forma canonica del teatro borghese. Per questo il teatro di Sartre è anti-borghese: nega la forma canonica prima che nasca.
Il teatro di Sartre appare come un campo di battaglia sociale e culturale, allargato al pubblico che assiste alla rappresentazione. Non è infatti un teatro pedagogico, ma un modo di rappresentazione che sembra richiedere, quale spettatore modello, un pubblico irrequieto. Senza un simile pubblico, la rappresentazione perde le sue cariche culturali: rischia di muovere verso la forma del teatro pedagogico o verso quella del teatro politico. È un teatro che esige una certa cornice culturale e storica.

Morte sul fiume

Un sontuoso palazzo in stile veneziano sulle rive del Tamigi. È la sede di un’importante casa editrice. Ma è anche il luogo in cui troppe persone muoiono misteriosamente. Suicidi e omicidi di cui non si riesce a capire la ragione. Un’amante delusa, un manoscritto respinto, un serpente di stoffa. L’ispettore Adam Dalgliesh deve districare il confuso groviglio di indizi e moventi che gli si para dinnanzi. Deve riuscire a guardare al di là delle passioni e dei furori del presente per scoprire, nel passato, il seme dell’odio. Fino a cogliere il filo che lega una serie di delitti d’alta scuola…
**
### Sinossi
Un sontuoso palazzo in stile veneziano sulle rive del Tamigi. È la sede di un’importante casa editrice. Ma è anche il luogo in cui troppe persone muoiono misteriosamente. Suicidi e omicidi di cui non si riesce a capire la ragione. Un’amante delusa, un manoscritto respinto, un serpente di stoffa. L’ispettore Adam Dalgliesh deve districare il confuso groviglio di indizi e moventi che gli si para dinnanzi. Deve riuscire a guardare al di là delle passioni e dei furori del presente per scoprire, nel passato, il seme dell’odio. Fino a cogliere il filo che lega una serie di delitti d’alta scuola…

Morte per fuoco e altri racconti

Morte per fuoco (Man Fire, 1965) di Theodore L. Thomas
Esportazione vietata (A Guest of Ganymede, 1963) di C. C. Macapp
La bravata (The Kicksters, 1964) di J. T. Mc Intosh
Copertina: Karel Thole