56625–56640 di 65579 risultati

Perversioni

Il viso di Laura era distorto e trasformato dal piacere, ruotava la testa in continuazione da destra a sinistra, e viceversa, come se non sapesse su quale guancia appoggiarla. A tratti apriva gli occhi, sbarrandoli e puntandoli verso un punto non ben identificato, poi li richiudeva premendo forte sulla nuca per inarcare il corpo e spingere in fuori il seno che ondeggiava a causa dei colpi ricevuti nella zona pubica. Sdraiata sul tavolo della sala, il ventre accoglieva conformandosi alla perfezione la fonte del suo piacere.

Persuadimi…

Cinque anni prima, un’intensa notte di sesso a tre aveva rovinato la loro amicizia… Ma rivedere Brandon e Tyler insieme riaccende il desiderio di Maisie.
Lei crede che i suoi due amici non vogliano rivangare il passato, ma quando Brandon le rivela i gusti “particolari” di Tyler, Maisie capisce di avere una seconda chance. Sa di volerli entrambi, e ora non ha più paura di ammetterlo.
Visti i contenuti espliciti se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto.
(source: Bol.com)

Personal – Edizione italiana: Le avventure di Jack Reacher

«*Reacher mi cattura dalla prima pagina fino all’ultima. Tra gli scrittori di thriller, Lee Child per me è il numero 1.*»
**Ken Follett**
«*I suoi romanzi sono davvero straordinari.*»
**Stephen King**
«*Il miglior autore contemporaneo di narrativa crime.*»
**Haruki Murakami**
«*Dà un nuovo significato al concetto di page-tuner.*»
**Michael Connelly**
«*Lee Child ci sa fare con le parole. Sono un suo fan.*»
**James Patterson**
**Le avventure di Jack Reacher – vol. 19**
«*Puoi lasciare l’esercito, ma l’esercito non lascia te. Non sempre. Non completamente.*»
E infatti **Jack Reacher** deve tornare in servizio, richiamato dal dipartimento di Stato e dalla CIA. Qualcuno ha colpito il presidente francese mentre teneva un discorso a Parigi. Un solo colpo, sparato con estrema precisione da una distanza eccezionalmente lunga, un colpo che sarebbe stato letale se non l’avessero fermato le barriere protettive. E il proiettile… è americano. Quanti cecchini sono in grado di fare fuoco da quasi un chilometro con una tale sicurezza? Pochissimi, e tra loro c’è di certo John Kott, una vecchia conoscenza di Reacher, che quindici anni prima lo ha mandato in galera. Ora Kott è libero e, con il G8 in corso, non è affatto una buona notizia…
La strada che Jack Reacher ha di fronte è disseminata di scelte difficili, spietati mafiosi, ex mercenari e soprattutto nessuna possibilità di chiedere aiuto. Ad affiancarlo nella sua caccia c’è Casey Nice, una giovanissima ma brillante (oltre che affascinante) analista. Ma entrare in azione con una donna al proprio fianco riporta Reacher all’ultima, drammatica occasione in cui ha lavorato in coppia, e alla fine tragica della sua partner. Non può permettere che accada di nuovo. Questa volta non può commettere nessun errore. È una questione personale…
**La serie di Jack Reacher:** 
* * *
*Zona pericolosa *
*Destinazione inferno *
*Trappola mortale *
*Via di fuga *
*Colpo secco *
*A prova di killer *
*La vittima designata *
*Il nemico *
*Jack Reacher – La prova decisiva*
*Identità sconosciuta – Un’avventura di Jack Reacher*
*Un passo di troppo *
*Vendetta a freddo *
*Niente da perdere *
*I dodici segni *
*L’ora decisiva *
*Una ragione per morire *
*La verità non basta *
*Il ricercato *
*Punto di non ritorno *
*Personal *
*Prova a fermarmi *
*Non sfidarmi *******
**
### Sinossi
«*Reacher mi cattura dalla prima pagina fino all’ultima. Tra gli scrittori di thriller, Lee Child per me è il numero 1.*»
**Ken Follett**
«*I suoi romanzi sono davvero straordinari.*»
**Stephen King**
«*Il miglior autore contemporaneo di narrativa crime.*»
**Haruki Murakami**
«*Dà un nuovo significato al concetto di page-tuner.*»
**Michael Connelly**
«*Lee Child ci sa fare con le parole. Sono un suo fan.*»
**James Patterson**
**Le avventure di Jack Reacher – vol. 19**
«*Puoi lasciare l’esercito, ma l’esercito non lascia te. Non sempre. Non completamente.*»
E infatti **Jack Reacher** deve tornare in servizio, richiamato dal dipartimento di Stato e dalla CIA. Qualcuno ha colpito il presidente francese mentre teneva un discorso a Parigi. Un solo colpo, sparato con estrema precisione da una distanza eccezionalmente lunga, un colpo che sarebbe stato letale se non l’avessero fermato le barriere protettive. E il proiettile… è americano. Quanti cecchini sono in grado di fare fuoco da quasi un chilometro con una tale sicurezza? Pochissimi, e tra loro c’è di certo John Kott, una vecchia conoscenza di Reacher, che quindici anni prima lo ha mandato in galera. Ora Kott è libero e, con il G8 in corso, non è affatto una buona notizia…
La strada che Jack Reacher ha di fronte è disseminata di scelte difficili, spietati mafiosi, ex mercenari e soprattutto nessuna possibilità di chiedere aiuto. Ad affiancarlo nella sua caccia c’è Casey Nice, una giovanissima ma brillante (oltre che affascinante) analista. Ma entrare in azione con una donna al proprio fianco riporta Reacher all’ultima, drammatica occasione in cui ha lavorato in coppia, e alla fine tragica della sua partner. Non può permettere che accada di nuovo. Questa volta non può commettere nessun errore. È una questione personale…
**La serie di Jack Reacher:** 
* * *
*Zona pericolosa *
*Destinazione inferno *
*Trappola mortale *
*Via di fuga *
*Colpo secco *
*A prova di killer *
*La vittima designata *
*Il nemico *
*Jack Reacher – La prova decisiva*
*Identità sconosciuta – Un’avventura di Jack Reacher*
*Un passo di troppo *
*Vendetta a freddo *
*Niente da perdere *
*I dodici segni *
*L’ora decisiva *
*Una ragione per morire *
*La verità non basta *
*Il ricercato *
*Punto di non ritorno *
*Personal *
*Prova a fermarmi *
*Non sfidarmi *******

Persona

L’attrice Elisabeth Vogler (Liv Ullmann), durante la rappresentazione teatrale dell’Elettra, si blocca improvvisamente, presa da un’inspiegabile desiderio di ridere. In seguito si chiude in un assoluto mutismo. Ricoverata in un ospedale psichiatrico, viene riconosciuta sana nel fisico e nella mente, non soffre di afasia, ma ha scelto coscientemente di non parlare più. Per farla uscire da questa condizione autoimposta, la dottoressa le affianca un’infermiera personale, la giovane e inesperta Alma (Bibi Andersson), e le propone di trascorrere un periodo di riposo e recupero nella sua casa in riva al mare. Lì, nel completo isolamento, matura uno strano rapporto esclusivo tra le due donne: mentre Elisabeth continua a mantenere il silenzio, Alma si apre completamente a lei, che vede come una perfetta interlocutrice e con la quale tende sempre più ad identificarsi, sopraffatta dalla forza interiore che traspare dalla decisione estrema di rinunciare alla parola.

Persecuzione infernale

E anche qui il «perseguitato» è il grande semiologo senza nome: il Maestro. Ma la «persecuzione infernale» in cui si dibatte, questa volta, non è rappresentata da cadaveri clonati galleggianti sul Po o da cecchini annidati in Sardegna, ma… dall’aglio!
Sì, perché è proprio questo nobilissimo e saporito bulbo a rendere impossibile la vita dell’illustre professore. E chi sarà mai il mandante di questo vile attentato?
Ma ecco che il Maestro, fortunosamente, s’imbatte nel capitano Flores, anche a lui a Bologna, in vacanza con consorte. E insieme, da Bologna a Venezia, ispezionando trattorie e «baccari», tra storici monumenti e quartieri popolari, troveranno la soluzione di questo divertente e divertito mistero.

Perry, sei grande!

Una ragazza in un mare di guai, e un bambino minacciato da una sorte crudele, ecco due elementi che sembrano fatti apposta per elettrizzare Perry Mason, l’avvocato astuto come il diavolo, ma tenero di cuore. Così, di fronte al dilemma di Norda Allison, prima perseguitata da un innamorato respinto poi accusata di averlo ucciso… di fronte al dramma di un bimbo che, forse, inconsciamente, ha ammazzato il proprio padre, Mason si butta nella mischia. Dovete ammettere che, con tre parole, siamo riusciti a dirvi quanto basta per farvi fremere di curiosità. Comunque, vogliamo aggiungere questo: fidatevi di Erle Stanley Gardner, e, naturalmente, un po’ anche di noi.

Perry Mason e le mura di Gerico

Morley Eden sembra lo sbalordimento in persona quando irrompe come un uragano nello studio di Perry Mason. Durante una sua assenza di fine settimana, una conturbante bellezza, disinvolta quanto dinamica, si è appropriata di una metà della sua casa, del giardino, della piscina… e sollevando una barriera che attraversa tutta la proprietà, da un capo all’altro, lo ha messo nell’impossibilità di accedere a quella metà di casa sua… a meno che egli non osi scavalcare le mura di Gerico! Be’, non che si tratti proprio di una muraglia, ma un filo spinato è pur sempre un grosso ostacolo. E poi, dacché Frank Capra rese famose le bibliche mura di Gerico nel suo «Accadde una notte», vien fatto di pensare ad esse, ogni volta che c’è una barriera come quella che divide, con insufficiente efficacia, il signor Eden e la sua vicina. Varie cose contribuiscono a irritare il povero giovanotto: la cucina, per esempio, si trova nella parte di casa occupata dall’«invasore», e Eden è tormentato ogni mattina dall’aroma del caffè che lui non può avere; e poi, la bella si esibisce in bikini prendendo il sole accanto alla piscina, e questo gli turba i sonni… Insomma, una vita impossibile. Perry Mason, vivamente incuriosito, crede forse, una volta tanto, di potersi dedicare a un casetto spassoso e un po’ piccante, senza lotte all’ultimo sangue per salvare gli innocenti e inchiodare i colpevoli. Ma è un’illusione… Erle Stanley Gardner ha lasciato una bella eredità al suo pubblico: due romanzi eccellenti. Questa è la prima opera postuma, e ci conferma che, con la sua scomparsa, abbiamo perso un giallista insuperabile.

Perry Mason e la salma in fuga

Edward Davenport, il re delle miniere, si sente male in un camping e muore, assistito da un medico e dalla moglie prontamente accorsa. Sennonché, prima di morire, Davenport aveva pronunciato chiare accuse contro la signora, e il medico si rifiuta di rilasciare il certificato di morte e chiama la polizia. Nell’attesa, la salma “scappa” dalla finestra, in pigiama. Di qui un seguito di complicazioni e l’accusa di ben due omicidi per la povera signora Davenport che, innocente, si vede ben vicina alla camera a gas. Per fortuna, il suo difensore è Perry Mason, l’avvocato che si batte strenuamente per i suoi patrocinati, e l’Accusa è rappresentata da un Procuratore Distrettuale senza prevenzioni e disposto a collaborare col difensore per il trionfo della giustizia. Così da questo insolito idillio fra Accusa e Difesa viene a galla prima un susseguirsi allucinante di episodi drammatici poi tutta la verità con il trionfo della giustizia.

Perry Mason e la bambola pazzerella

Dorrie Ambler è bellissima, il che non attenua certamente l’imbarazzo di Perry Mason quando lei vuole a ogni costo fargli prendere visione della cicatrice lasciatale da un’appendicectomia. Perry Mason ritiene che questo genere di ispezioni si adatti assai meglio al temperamento di Paul Drake, il suo inseparabile investigatore privato e per la verità, non sarà Paul Drake a ribellarsi… se non che Dorrie continua a mettere in imbarazzo il suo avvocato poiché col suo comportamento da pazzarella, fa in modo che il suo nome finisca sulle prime pagine dei giornali. La situazione si complica in modo tale da convincere sia Mason sia Drake che sia giunto il momento della grande disfatta per loro e quello del trionfo congiunto per il tenente Tragg e per il Procuratore Distrettuale Hamilton Burger.

Perry Mason e il caso della rondine disperata

Il nuovo cliente dello studio e’ il maggiore Claude L. Winnett, playboy milionario, aviatore, che vuole ritrovare la nuova moglie che è scomparsa il giorno dopo di un furto di gioielli. Claude ha sentito piangere una rondine poco prima che la moglie gridasse alla vista del ladro che e’ scappato. Perry, Della, e Paul Drake visitano la tenuta e controllano la proprietà. Piano piano si delinea tutta una serie di indizi apparentemente slegati: il nido delle rondini, un fucile carico ma non di munizioni, la roulotte del primo marito di Marcia, la sua seconda moglie…

Perry Mason a lume di candela

La solita storia. Uno prepara un piano fin nei minimi particolari, e quando sta per realizzarlo il diavolo ci mette lo zampino. Soprattutto quando il piano nasconde qualcosa di poco pulito. Anche stavolta è lì bell’e pronto quando un banale incidente stradale lo manda in fumo. L’autista finito contro la parte posteriore di un camion si rivolge a Perry Mason per essere tutelato nei propri interessi. Perry Mason accetta. Sembra un caso di poca importanza, sennonché l’avvocato prima scopre che le pellicce trasportate dal camion erano di agnellini persiani che brucavano l’erba di una collina «galleggiante» sul petrolio… poi s’imbatte in un cadavere… A questo punto è fatta. Perry Mason non può più tornare indietro; anzi deve correre presto ai ripari se vuol vincere l’ennesima battaglia.

Pericoloso da Amare

“Cercasi moglie. Agricoltore del Maine, vedovo, due figlie, cerca compagna di specchiata virtù disposta ad accudire la casa e a far da madre alle bambine. Rispondere al dottor Tyler Savitch, temporaneamente alloggiato a Boston”. È in questo annuncio, scovato per caso su un giornale, che la diciassettenne Delia pensa di trovare la rispsota alle sue preghiere. Nonimporta se non ha mai visto lo straniero che dovrà sposare, non importa se la vita che le si prospetta non sarà paradisiaca; qualunque cosa l’attenda, sarà sempre meglio di quell’esistenza di stenti, della violenza del patrigno, della fame implacabile, della miseria dei bassifondi del porto di Boston. E quando si ritrova al cospetto dell’aitante dottor Savitch, Delia capisce di esser disposta a seguire quell’uomo ovunque, anche nell’ancora selvaggio Maine. Ma non è Tyler lo sposo a cui è promessa. Ombroso, forte, audace, il giovane medico cresciuto tra gli Indianiè solo l’accompagnatore della novella fidanzata, la sua scorta nel viaggio verso la frontiera. Eppure, nel lungo cammino attraverso la selvaggia America del Settecento, il tormentato ed enigmatico dottore si scopre suo malgrado sempre più travolto da un’ardente passione, da un’attarazione devastante e disperata per la donna che dovrà consegnare nelle braccia di un altro… Nelle immense praterie dominate da pellerossa e coloni divampa un’amore ostacolato dall’onore e dall’amicizia, un sentimento struggente e profondo che accende una brama sempre più difficile da placare.

Pericolosamente vivo

Sue Desart, giovane e bella, il cui fidanzato risulta disperso in Vietnam, sposa Marcus Desart, un uomo ricco e potente ma molto più anziano di lei. I due vivono a Manhattan, in un attico lussuoso. La prima moglie di Marcus è morta da quattro anni, assassinata sulla stupenda terrazza dell’attico. Un giorno ricompare il fidanzato di Sue e poco dopo Marcus muore, precipitando dalla stessa terrazza. Incidente? Suicidio? Omicidio? Per Sue comincia l’incubo, in una vertigine di dubbi, di sospetti, di speranze. Finché l’assassino tenterà di colpire ancora… Un superbo suspense, con una superba sorprendente soluzione.

Pericolo pubblico

«Attenzione! Il Comando della Polizia dell’Oklahoma rivolge un radio-appello a tutte le macchine della Volante, a tutte le pattuglie di polizia in servizio sulle autostrade e sulle statali… Ricercate Lemmy Caution; il bandito è fuggito oggi dalla prigione di Oklahoma City dopo aver ucciso una guardia carceraria e un vice-sceriffo. Fate attenzione! Si tratta di un delinquente pericoloso! Guida una Ford V 8 Sedan verde-scuro. Il vetro dello sportello accanto allo sterzo è rotto. La macchina ha una targa del Missouri, ma probabilmente Caution provvederà a cambiarla. L’uomo è armato. Ricercatelo. Avvertite le aree di servizio e i distributori fra Tulsa e Tahlequah perché probabilmente si dovrà rifornire di benzina. Prendetelo, ragazzi! Dategli addosso senza pietà…».