56401–56416 di 66541 risultati

Alle spalle del cielo

Alessandria, 1944. L’ex commissario di Polizia Lorenzo Maida è tornato in Italia ormai da qualche anno, ed è costretto a lasciare la polizia per non aver portato del tutto a termine una missione in Spagna, ovvero l’eliminazione di sette anarchici italiani. Mosso da un’inaspettata pietà ha lasciato in vita l’ultimo dei suoi obiettivi. Maida cerca quindi di ricostruirsi una nuova esistenza come commerciante di tessuti ad Alessandria, dove già vivono la sorella Martina con il marito Vito Todisco, commissario a sua volta e amico da sempre. La vita sembra scorrere normale, tra un allarme per un possibile bombardamento alleato e un’incursione delle truppe tedesche, quando una rapina in banca e il furto degli stipendi degli operai del calzaturificio locale turbano la placida comunità. Il caso sembra chiuso con il ritrovamento del cadavere di un noto balordo e la conseguente morte di Graffio, un giovane quanto ingombrante comunista dalla lingua lunga. Il tutto viene archiviato come un regolamento di conti tra due complici, Maida però non è convinto, e per dare una mano al cognato incaricato delle indagini si muoverà come un lupo solitario tra le pieghe della città. Così, tra banchieri senza scrupoli e ricordi di affascinanti amanti e la tagliente ironia del suo dipendente Curcio, Maida svelerà una verità ben più profonda che anima e turba la calma nebbiosa di Alessandria, mentre squadriglie di aerei alleati sono pronte a portare l’inferno in terra.

(source: Bol.com)

Alla ricerca dell’ispirazione

Brillante autore per ragazzi, il furetto Budgeron ha in mente di scrivere il libro che sogna da tutta la vita e che – ne è sicuro – gli darà fama imperitura: un grande romanzo storico, che rimarrà come pietra miliare nella letteratura dei furetti. Ma dopo essersi cimentato con l’incipit della storia è entrato in crisi: la sua vena si è esaurita, non riesce a ritrovare l’ispirazione, soffre di un classico, penoso “blocco”, del panico da foglio bianco. Anche la sua dolcissima moglie Danielle, estetista e scrittrice per hobby, è convinta di avere una buona storia per un romanzo. Ma, contrariamente al marito, le sue zampette volano sulla tastiera, scrive di getto, con fantasia ed estro inesauribile. A poco a poco dà forma a una vicenda di intrighi e passioni travolgente e audace, che trova un editore e conquista i lettori diventando un bestseller. Mentre Danielle è alle prese con la promozione del libro e ne inizia un secondo, Budgeron si dibatte ancora in un mare di guai: il vagheggiato capolavoro proprio non riesce a decollare. Inoltre, un incubo tormentoso – una voce misteriosa, una strana presenza – gli disturba il sonno e la veglia annientandolo moralmente, costringendolo a rimettere ogni cosa in discussione. Budgeron si sente un mediocre, un fallito. Con tenerezza e perseveranza Danielle lo incoraggia a riconoscere la sua vera vocazione e a non arrendersi. Finché la musa torna benigna a sorridergli…
Incantevole racconto sui misteri del processo creativo e sul mondo dei libri, “Alla ricerca dell’ispirazione” celebra le cose che contano nella vita: lottare per trovare la propria strada, inseguire i sogni superando le difficoltà, amare ed essere amati.

All’ombra di Julius

Londra, anni Sessanta. Sono trascorsi vent’anni da quando Julius è venuto a mancare, ma il suo ultimo gesto eroico ha lasciato un segno indelebile nelle vite di chi gli era vicino. Emma, la figlia minore, ventisette anni, lavora nella casa editrice di famiglia e non mostra alcun interesse verso il matrimonio. Al contrario, Cressida, la maggiore, è troppo occupata a struggersi a causa dei suoi amanti, spesso uomini sposati, per concentrarsi sulla carriera di pianista. Nel frattempo Esme, la vedova di Julius, ancora attraente alla soglia dei sessant’anni, rifugge la solitudine perdendosi nella routine domestica della sua bellissima casa color rosa pesca. E poi c’è Felix, ex amante di Esme e suo unico vero amore, che l’ha lasciata quando il marito è scomparso e torna in scena dopo vent’anni di assenza. E infine Dan, un estraneo. Le tre donne e i due uomini, legati da un filo che solca presente e passato, si ritrovano a trascorrere un fine settimana tutti insieme in campagna: caratteri e personalità, segreti e lati nascosti, emergeranno attimo dopo attimo in queste giornate intense, disastrose e rivelatrici, sulle quali incombe, prepotente, l’ombra di Julius. Dall’autrice della saga dei Cazalet, un nuovo romanzo ricco di sensualità e delicata ironia, in cui commedia e tragedia si fondono magistralmente e in cui ritroviamo l’eleganza, l’acume e il talento di Elizabeth Jane Howard. ‘Insegnando io stessa scrittura, non esiste autore che non abbia consigliato più spesso. Leggetela, era il mio consiglio. A partire da quei piccoli miracoli che sono Il lungo sguardo e All’ombra di Julius’. Hilary Mantel, ‘The Guardian’ ‘Un romanzo curato, elegante e moderno che non deluderà i molti fan dell’autrice’. Julian Barnes ‘Magnifico, crea dipendenza… estremamente piacevole e scritto benissimo’. ‘The Times’ ‘Una lettura lirica, che trabocca di dettagli d’epoca, tratteggiati dall’intelligenza emotiva per la quale Howard viene giustamente lodata’. ‘Literary Review’

(source: Bol.com)

All’Insegna di Terranova

‘”Potete sedervi…”‘. ‘”No, grazie!” disse la donna che, tra i due, era decisamente la più nervosa: “Sarà una cosa rapida…”‘. ‘Maigret poteva vederla in faccia, illuminata dalla luce violenta di una lampada. Non ebbe bisogno di osservarla a lungo per classificarla. Del resto, gli era bastata la foto, benché si vedesse solo il busto…’. ‘Una bella ragazza, nell’accezione popolare del termine. Una ragazza dalle forme appetitose, con denti sani, un sorriso allettante e lo sguardo sempre acceso’. ‘Più esattamente una bella troietta, provocante, avida di piaceri, sempre pronta a dare scandalo o a scoppiare a ridere in modo sguaiato’. (Le inchieste di Maigret 17 di 75)
(source: Bol.com)

All’inizio del settimo giorno

Alle quattro di notte squilla il telefono. È la polizia, che informa Thomas che sua moglie è in rianimazione a causa di un incidente d’auto. L’uomo non sa perché Camille si trovasse su quella strada, né perché andasse così veloce e tantomeno come abbia fatto a perdere il controllo del veicolo su un rettilineo. Era in pericolo, o c’è dell’altro? E come dire a Elsa e Anton, i figli di otto e dieci anni, che la madre è in coma e non si sa se tornerà mai a casa? E poi le consegne urgenti per il nuovo progetto, i clienti che scalpitano e la concorrenza dei nuovi soci: Thomas cerca disperatamente di tenere tutto insieme, ma non è facile, qualcosa continua a sfuggirgli. A dire il vero, sono molte le cose che gli sfuggono: segreti nascosti dalla moglie sulla loro vita di coppia, ma anche segreti sepolti nella storia della sua famiglia, che coinvolgono i genitori e i fratelli in vicende dolorose sulle quali tutti hanno sempre preferito tacere. L’infanzia serena e l’incontestato successo della sua vita adulta hanno avuto un costo che qualcuno si è addossato al suo posto. Da Parigi a Le Havre, dai Pirenei al Camerun, Thomas attraverserà territori intimi e distanze incolmabili per andare fino in fondo nella ricerca della verità.
**

All’improvviso la scorsa estate

È davvero una pessima giornata per l’impetuosa chef francese Élise Philippe. Non solo sono andati a monte i grandi progetti per l’inaugurazione del suo amato café, ma come se non bastasse Sean O’Neil è tornato in città, e più appetitoso che mai. Il ricordo della notte di fuoco che hanno condiviso l’estate precedente rappresenta per lei una vera tentazione, ma sa fin troppo bene che poi, alla fine, Sean se ne andrà di nuovo.
Per lui, infatti, tornare a casa nel Vermont allo Snow Crystal Resort, anche se temporaneamente, è un vero incubo, perché significa affrontare il senso di colpa che lo tormenta per essersi allontanato dalla famiglia anni prima ed essersi costruito una vita tutta diversa, come medico. C’è solo un aspetto positivo nel trovarsi lì: Élise Philippe è ancora nei paraggi e non smette di fargli bollire il sangue nelle vene. E il pensiero di come sono stati insieme quella volta rischia di rendere ancora più difficile andarsene.
**
### Sinossi
È davvero una pessima giornata per l’impetuosa chef francese Élise Philippe. Non solo sono andati a monte i grandi progetti per l’inaugurazione del suo amato café, ma come se non bastasse Sean O’Neil è tornato in città, e più appetitoso che mai. Il ricordo della notte di fuoco che hanno condiviso l’estate precedente rappresenta per lei una vera tentazione, ma sa fin troppo bene che poi, alla fine, Sean se ne andrà di nuovo.
Per lui, infatti, tornare a casa nel Vermont allo Snow Crystal Resort, anche se temporaneamente, è un vero incubo, perché significa affrontare il senso di colpa che lo tormenta per essersi allontanato dalla famiglia anni prima ed essersi costruito una vita tutta diversa, come medico. C’è solo un aspetto positivo nel trovarsi lì: Élise Philippe è ancora nei paraggi e non smette di fargli bollire il sangue nelle vene. E il pensiero di come sono stati insieme quella volta rischia di rendere ancora più difficile andarsene.

All’improvviso a New York

Darcy Archer lavora in una piccola libreria indipendente di Manhattan, ed è una sognatrice: non è disposta ad accontentarsi, e a trentatré anni aspetta l’arrivo del Vero Amore, quello che abita nei suoi adorati romanzi. Un giorno di dicembre, sfrecciando in bicicletta per le strade innevate della città, travolge un uomo che le sbuca davanti all’improvviso. Quando Aidan Harris viene portato via dai paramedici, senza più alcuna memoria del suo passato, sul marciapiede rimangono il suo cane Bailey e un pacco misterioso. Per Darcy inizia un’indagine sulla vita dimenticata di Aidan nel tentativo di aiutarlo a recuperare i ricordi. E, tessera dopo tessera, quello sconosciuto inizia ad assomigliare sempre di più al suo uomo ideale. Ma le sue fantasie corrispondono alla realtà? Un romanzo dolcissimo e sognante, una caccia al tesoro rocambolesca e appassionante, alla ricerca del vero amore.

(source: Bol.com)

All’alba del terzo giorno. Mary Lester e lo strano caso del rapimento in anteprima.

“Dove andremo a finire se i teppisti si mettono ad annunciare le loro malefatte nei libri, prima di commetterli?” È la domanda che si pone Mary Lester leggendo “All’alba del terzo giorno”, un libro strano che racconta come un celebre cantante viene rapito durante il festival dei Vieilles Charrues a Carhaix. Il prefetto è preoccupato, il sindaco è preoccupato, il presidente del festival è preoccupato. Solo il commissario, di umore molto arzillo in assenza della moglie, vuol credere allo scherzo. Tuttavia manda Mary a indagare sul posto, eccola quindi immersa nel cuore del festival a scoprire un mondo nuovo, per lei sconosciuto, in cui gravitano personaggi molto inquietanti.

All’ ombra delle piramidi

Inghilterra – Egitto fine XIX secolo Tuffandosi nel Tamigi per soccorrere il giovane di cui è invaghita, inconsapevolmente Kat Adair imprime alla propria vita una svolta significativa. Il suo coraggio, infatti, unito a una non comune avvenenza, solletica l’interesse di un giovane aristocratico appassionato di archeologia, Sir Hunter MacDonald, che decide di offrirle la possibilità di unirsi all’equipe del British Museum in procinto di partire per l’Egitto alla ricerca della tomba di un antico sacerdote. Ancor prima della partenza il gruppo sembra perseguitato da una maledizione, e via via che la spedizione si avvicina ai millenari segreti nascosti all’ombra delle piramidi si moltiplicano gli incidenti ai danni della fanciulla. Ormai perdutamente innamorato di Kat, Sir Hunter decide che l’unico modo per proteggerla è sposarla. Ma sarà in grado di farle dimenticare il viziato rampollo per cui lei ancora spasima e di salvarla dai pericoli che la minacciano?

Alimentazione Naturale 2

È un libro indispensabile, che completa le pubblicazioni Alimentazione Naturale nel 2009; Storia dell’igienismo naturale, 2010; Dizionario di salute naturale, 2012, per approfondire ed aggiornarsi sui problemi della nutrizione, della salute e dell’etica, osservati dall’angolo visuale della scienza naturale igienistica.
Trattasi di un testo semplice e chiaro, eppure sorprendente e straordinario nei contenuti e nello stile, capace di influire e incidere, di far cambiare radicalmente il modo di pensare e lo stile di vita del lettore.
Alimentazione naturale, adattata e ritagliata come un vestito su misura al corpo vegeto-fruttariano-crudista di cui è dotato ogni essere umano, indipendentemente dall’eventuale poorzione di carne-pesce-cibo cotto che sta forse mangiando. Nutrizione dunque che deve per forza puntare al veganismo, all’igienismo naturale e al crudismo, non per accontentare sparuti, romantici e utopistici gruppi di idealisti vegetariani, ma per rispettare in concreto e al meglio il proprio corpo e le stesse leggi della creazione.
Il vege-fruttarianismo e il crudismo sono pertanto la verità e la perfezione assoluta per l’essere umano, in quanto lo spingono ad alimentare la sua macchina umana col solo carburante possibile e privo di effetti devastanti, che è il carboidrato vivo e naturale confezionato dalla fotosintesi clorofilliana e dal sole, caratterizzato da
presenza proteica ottimale, cioè minima ed assimilabile.

(source: Bol.com)

Alieni: un incontro annunciato

Non siamo soli nell’universo. Da secoli, anzi da millenni, i nostri “vicini di casa” alieni si manifestano sulla Terra. La storia dell’uomo è in effetti piena di testimonianze di questi incontri quasi furtivi e più o meno ravvicinati: dalla Bibbia alle pagine latine dello storico Giulio Ossequente, dalle osservazioni astronomiche condotte dal Seicento in poi alle relazioni top secret del Pentagono e del Kgb, ai misconosciuti articoli del fin troppo scomodo Mino Pecorelli.
Realtà o immaginazione? È davvero possibile che la Terra riceva da tempo visite dagli spazi esterni al sistema solare? La mole di fatti concreti e documentati raccolti in decenni di studio da Roberto Pinotti non sembra lasciare dubbi.
Citando episodi e dati inediti, il noto ricercatore aerospaziale propone in queste pagine un’ampia rilettura della storia umana che, sgomberato il campo da scetticismi e depistaggi, offre finalmente una convincente ipotesi di spiegazione di tutti quei fenomeni che sembrano sfuggire alla comprensione scientifica attuale; religioni, mitologie, leggende e tradizioni diventano così la razionalizzazione di episodici interventi nelle vicende umane compiuti da “Superiori Sconosciuti” provenienti dallo spazio. Quegli stessi esseri superni che, rispettosi dei nostri limiti, restano in attesa di una nostra responsabile disponibilità a tale evento epocale, pronti più che mai a un incontro a lungo annunciato.

Alien, dentro l’alveare

Ai confini della galassia orbita il nero pianeta degli Alien, i terribili parassiti capaci di innestarsi nel corpo dell’uomo per divorarlo dall’interno. Già altre volte umani e Alien si sono affrontati nello spazio, ma questa volta è diverso.
DESTINAZIONE: IL PIANETA-MADRE DELLE CREATURE PIU’ LETALI DELL’UNIVERSO – Per impossessarsi di una preziosa sostanza prodotta dagli Alien, viene allestito un corpo di spedizione speciale. Ma quando gli uomini arrivano nell’Alveare, il terrore si scatena. E comincia una battaglia senza respiro.

Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio

Introduzione e note di Paola FainiEdizioni integraliA oltre un secolo dalla sua pubblicazione, Alice, come romanzo e come personaggio, conserva ancora intatta tutta la sua freschezza, incantando non solo i più giovani ma anche gli adulti, che nel suo mondo meraviglioso scoprono un altro sé, pronto a sfidare ardui giochi linguistici, entusiasmanti trucchi psicologici, situazioni impossibili che mettono in discussione la realtà e svelano l’irresistibile fascino dell’assurdo. In un romanzo in cui la sospensione dell’incredulità è d’obbligo, il gusto del gioco non può essere dimenticato e va riscoperto con occhi che sappiano guardare al di là del consueto. Perché qui è l’essenza della vita, e forse tra i sogni segreti di tanti c’è proprio la tana di un coniglio bianco in cui perdersi, uno specchio al di là del quale riscoprire la bellezza della vita reale. È letteratura per ragazzi? È un libro da leggere punto e basta. Tra le molte riduzioni cinematografiche, la più recente è quella di Tim Burton con Johnny Depp, Anne Hathaway e Helena Bonham Carter.’Alice cominciava a non poterne più di starsene seduta accanto alla sorella, sulla riva del fiume, senza far niente: un paio di volte aveva dato un’occhiata al libro che la sorella stava leggendo, ma non c’erano figure né storielle, “e a che serve un libro”, pensò Alice, “se non ha figure né storielle?”.’Lewis Carroll(1832-1898), pseudonimo di Charles Lutwidge Dodgson, dopo la laurea in matematica fu nominato dapprima bibliotecario, quindi docente di matematica al Christ College di Oxford; accostò sempre alla carriera ufficiale molti altri interessi. Oltre alle due sue opere più famose, appunto, Alice’s Adventures in Wonderland (1865) e Through the Looking-Glass (1871), va ricordato il racconto in versi The Hunting of the Snark (1876).

(source: Bol.com)

Alice nel Paese delle Meraviglie

Nato come libro per bambini, ma letto e riletto anche dagli adulti, “Alice nel Paese delle Meraviglie” è un romanzo geniale: una storia fantastica e sottilmente satirica, in cui il magistrale intrecciarsi di invenzioni linguistiche, ribaltamenti di senso, trucchi logici e situazioni assurde stimola a guardare la realtà da punti di vista inusuali. Nel Paese delle Meraviglie, insieme ad Alice e attraverso i suoi occhi, incontriamo il Coniglio Bianco, il Bruco, la Lepre Marzolina, il Cappellaio Matto, il sonnolento Ghiro, il Gatto del Cheshire, la Regina di Cuori e una miriade di altre creature, rappresentate in tutta la loro stranezza dai disegni di John Tenniel. Seguendo Alice nelle sue paradossali avventure in questo mondo onirico sotterraneo, metafora dell’assurdità della vita adulta, sentiremo certamente stuzzicare la nostra curiosità e la sfida del ragionamento logico, ma arriveremo infine alla conclusione liberatoria che non per forza bisogna cercare sempre un significato, soprattutto se un significato non c’è. Età di lettura: da 7 anni.
**

Le ali della sfinge

Non è un buon momento questo per il commissario Montalbano: con Livia ci sono continui litigi, incomprensioni ingigantite dalla distanza, nervosismo. Passato e futuro si ammantano nei suoi pensieri di una vaga nostalgia. E in una di queste serate di malinconia viene chiamato d’urgenza. In una vecchia discarica è stato trovato il cadavere di una ragazza. Nuda, il volto devastato da un proiettile, niente borse o indumenti in giro. Solo un piccolo tatuaggio sulla spalla sinistra – una farfalla – potrebbe favorire l’identificazione della donna. Parte l’indagine con un Montalbano svogliato, stanco di ammazzatine. Ma il caso lo trascina: ci sono altre ragazze con una farfalla tatuata sulla scapola, sono tutte dell’Europa dell’est, hanno trovato lavoro grazie all’associazione cattolica “La buona volontà” che le ha salvate da un destino di prostituzione. Montalbano non è persuaso. C’è qualcosa di poco chiaro all’interno di quell’organizzazione benefica? E mentre l’inchiesta va avanti, il commissario è incalzato da ogni parte: dal vescovo, che non ammette ombre su “La buona volontà”, dal questore, che non vuole dispiacere al vescovo, da Livia che vuole partire con lui per ritrovarsi. Tutto si muove sempre più velocemente, alla ricerca della soluzione e il commissario ha fretta, di concludere, di andarsene.