56065–56080 di 65289 risultati

Salomé. Dramma in un atto

“Oscar Wilde fu essenzialmente un abile, elegante e perfino geniale divulgatore. E tale si dimostra anche nel caso del suo unico scritto in francese, lo strano testo teatrale intitolato “Salomé”, dove in certo senso si dice una parola definitiva su questo personaggio tanto centrale per la sensibilità della cosiddetta decadenza. Centrale perché? Perché Salomè è l’ultima incarnazione del mito romantico della donna fatale, corrotta e innocente al tempo stesso, irresistibile e distruttrice; un mito che si incarna di volta in volta nella Belle Dame Sans Merci di Keats, nella Carmen di Mérimée, nella Monna Lisa di Leonardo descritta da Walter Pater. In “Salomè” questa femme fatale assume i connotati estremi nel segno della decadenza: estrema è la crudeltà (e allo stesso tempo, l’innocenza); estrema è la giovinezza (già nel Medioevo Salomè viene rappresentata come poco più di una bambina); estrema è la carica sacrilega del mito; ed estrema è la componente erotica (la danza discinta, il sangue). Questi sono i dati comuni a tutte le versioni tardoromantiche e decadenti, delle quali a Wilde sarebbe toccato di offrire la sintesi definitiva.” (Dallo scritto di Masolino D’Amico)

Sale e pepe

È davvero un inferno lavorare per Saul Easton, giovane e brillante uomo d’affari, tanto bello quanto insopportabilmente burbero e arrogante! Ma Verity, la sua graziosa segretaria, è ben decisa a non far parte della lista delle sue vittime per due ottime ragioni: è pagata profumatamente e desidera il meglio per la piccola Hannah, che ha allevato con le sue sole forze. Inoltre, lui è troppo affascinante per potervi rinunciare!

Salammbo

La guerra tra Cartagine e i Mercenari ribelli, l’impossibile storia d’amore di Salammbò e Matho, saranno lo scenario di una discesa allucinata nell’inferno degli ancestrali istinti umani, liberati in tutta la forza distruttiva.

“Ciò che mi sembra bello, ciò che vorrei fare, è un libro su nulla, un libro privo di legami esteriori, che si regga da solo grazie all’intima forza dello stile.” (Flaubert) Questo è sicuramente un libro che nasce dal nulla, da poche pagine di Polibio. Lo scenario che ricostruisce, a partire appunto da fonti storiche più o meno consistenti, è guidato da un’idea generale: la decadenza di una civiltà – quella cartaginese – il suo lento naufragio negli abissi del tempo. Un romanzo in cui l'”intima forza dello stile” rappresenta la vittoria sul “nulla”.

Saigon era Disneyland (in confronto)

Con un’operazione sfacciatamente propagandistica, gli operai di Sesto San Giovanni occupano il ricco e minuscolo emirato di Milano 2. Una delegazione di albanesi, in visita, adotta due bambini di Milano 2. Dilaga la gommina che, com’è noto, spappola il cervello dei giovani e, per di più, unge tutti i capelli. Ai semafori è pieno di marocchini a cui la gente lava gli occhiali in cambio di due o trecento lire. Tutto questo accade a Milano: una città che, quando Rambo ci arriva, paracadutato in segreto per liberare alcuni agenti del Fronte pensionati, strappa al muscoloso eroe un gemito di terrore e gli fa dire: “Saigon un cazzo! Saigon era Disneyland in confronto!”. Ed ecco spiegato il titolo dell’ultima “fatica” di Gino e Michele, i nuovi e incontrastati “re” dell’umorismo. Reduci dal travolgente successo di Anche le formiche nel loro piccolo s’incazzano, gli autori che hanno spopolato in TV e sui grandi giornali hanno deciso di dare alle stampe i loro pezzi migliori, per offrire ai lettori un distillato di intelligente humour al vetriolo che strappa risate a ogni pagina.

Sai Cosa Mangi?

Cosa mangia l’America nell’era moderna? Probabilmente molte delle cose che mangeremo anche noi nel prossimo futuro. Ormai la dinamica dei flussi è chiara: l’hamburger e la Coca Cola sono solo i simboli di un modello di consumo che, con diverse sfaccettature, ha definitivamente contaminato la nostra cultura del cibo. Se per noi gli spaghetti sono intoccabili e la pizza continua a essere il più gettonato tra i fast food, è comunque vero che le giovani generazioni sentono irresistibile il richiamo del cibo made in USA. All’insegna dell’intercultura e del mercato globale, ci troveremo sempre di più a fare i conti con prodotti per noi alieni come i Marshmallow (le famose caramelle spugnose a forma di cilindretto), magari in versioni addomesticate per sposarsi meglio con il gusto mediterraneo. Del resto il Parmigiano Reggiano e lo Speck dell’Alto Adige negli hamburger di McDonald’s sono già una realtà ed è un dato di fatto che i banchi del supermercato si arricchiscano ogni giorno di nuove proposte sempre più tecnologiche. Le “patatine” che hanno l’aspetto e il sapore del bacon (senza averlo mai visto nemmeno da lontano) sono dei must dell’happy hour, così come prosegue il successo degli energy drink dal gusto dubbio e delle gomme americane (per l’appunto…) che frizzano. È giusto? È salutare? Chissà… Di sicuro c’è una cosa: è la realtà dei nostri giorni. E allora, perché non provare a conoscerla meglio? Perché non lasciare da parte diffidenze e pregiudizi per dare spazio alla pura e semplice curiosità? Pagina dopo pagina, questo libro ci introduce in un mondo diverso ma certamente affascinante, dove si scopre che il cibo può avere dimensioni e significati differenti da quelli che gli attribuiamo abitualmente. Oltre il piacere, oltre il nutrimento, diventa gioco, ricerca tecnologica, sfida scientifica, desiderio di stupire e di distinguersi… Gli autori, esperti riconosciuti del settore, si approcciano a questo mondo con piacevole ironia e distacco professionale, guidandoci alla scoperta dei Pixy Stix, piuttosto che dei Circus Peanuts e dei Lucky Charm, senza peraltro trascurare argomenti più vicini al nostro quotidiano, dalla preparazione del gelato alla conservazione sotto vuoto, alle indispensabili attenzioni igieniche da seguire in cucina. Leggendo, si ha conferma di come l’alimentazione sia davvero una scienza complessa e di quanto siano ampi e stimolanti gli orizzonti che apre alla ricerca, ma si ha anche la percezione netta di quanta distanza possa esserci tra le diverse culture alimentari. Il mondo è bello perché è vario. È vero: la diversità è una ricchezza. Ma perché lo sia veramente va approcciata con curiosità e desiderio di confronto, gli stessi atteggiamenti che scaturiscono in modo irresistibile dalla lettura di questo libro. “Se avete un interesse per l’alimentazione, sarà un’appetitosa lettura” – Linda Brazill Capital Times “Queste pagine contengono moltissime informazioni sulla sicurezza alimentare, sul fenomeno del freezer burn (bruciatura da freddo) e sulle allergie. Ma ciò che rende il libro così appassionante e piacevole sono le storie legate ai nostri sfizi alimentari. Gli Hartel trattano questioni riguardanti le caramelle a forma di arachidi (Circus Peanuts), i marshmallow, la data di scadenza delle merendine, spiegano se preferire le scagliette alle codette di cioccolato, la torta fatta in casa dalla mamma ai preparati della Cameo. Ma la storia più gustosa che gli Hartel ci raccontano è come si fanno le ciliege ripiene ricoperte al cioccolato” – Linda Brazill, Capital Times

Saggio sulla libertà

Nel celebre Saggio sulla libertà (titolo originale: On Liberty), uno dei capisaldi della cultura filosofica della società moderna, Mill sostiene che un individuo è libero di raggiungere la propria felicità come meglio crede e nessuno può costringerlo a fare qualcosa con la motivazione che è meglio per lui, ma potrà al massimo consigliarlo; l’unico caso in cui si può interferire sulla libertà d’azione è quando la libertà di uno provochi danno a qualcun altro, solo ed unicamente in questo caso l’umanità è giustificata ad agire allo scopo di proteggersi
**
### Sinossi
Nel celebre Saggio sulla libertà (titolo originale: On Liberty), uno dei capisaldi della cultura filosofica della società moderna, Mill sostiene che un individuo è libero di raggiungere la propria felicità come meglio crede e nessuno può costringerlo a fare qualcosa con la motivazione che è meglio per lui, ma potrà al massimo consigliarlo; l’unico caso in cui si può interferire sulla libertà d’azione è quando la libertà di uno provochi danno a qualcun altro, solo ed unicamente in questo caso l’umanità è giustificata ad agire allo scopo di proteggersi
### Descrizione
Riflettendo sul tema della libertà civile, John Stuart Mill si domanda quali siano la natura e i limiti del potere che la società può legittimamente esercitare sull’individuo. Il criterio utilitarista del massimo benessere per il maggior numero di persone, secondo questo classico del pensiero politico, deve essere alla base delle norme che regolano il vivere comune. Nel suo percorso di ricerca della felicità, l’individuo è libero fino a quando non arreca danno agli altri: libero anche di esprimere il proprio dissenso dalle idee predominanti, libero di non conformarsi ad un modello di opinioni, sentimenti, usanze che la società impone come norma di condotta.

Sacrament

Will Rabjohns, un fotografo inglese gay famoso ed affermato che deve la sua fortuna alle foto scattate nell’ossessiva ricerca dell’attimo dell’estinzione, come denuncia, ma anche come spasmodico ricordo subconscio di qualcosa accaduto tanto tempo prima. In uno dei suoi appostamenti viene aggredito da un’orsa bianca che lo riduce in fin di vita facendolo ricoverare in coma all’ospedale. E’ durante questo coma che attraverso quelli che sembrano sogni, Will rivive parte della sua giovinezza in Inghilterra . E’ qui che il giovane Will farà un incontro che cambierà per sempre la sua vita, un incontro con due strane creature, all’apparenza umane (un maschio ed una femmina), delle quali il maschio, Jacob Steep, votato alla spasmodica ed ossessiva distruzione (estinzione) di ogni specie animale.

Sabbie, tempeste e pietre preziose

Il pianeta delle pietre preziose, il pianeta delle tempeste, il pianeta delle sabbie eterne… uno di questi tre mondi fiabeschi racchiudeva il segreto lungamente cercato da Casher O’ Neill, vagabondo della Galassia alla ricerca di giustizia e della forza cosmica che avrebbe potuto consentirgli di salvare dalla dittatura il suo pianeta natale, oscuro e primitivo nella grande luce rinascimentale della Riscoperta dell’Uomo. Ma nel corso di questa ricerca, Casher trova molto di più di quanto abbia cercato, perché tra le stelle esistono cose che stanno al di là della più audace immaginazione.

Sabbie rosse

Una vita sempre al limite. Il gusto del pericolo estremo. Brant Curtis è un famoso reporter abituato ad agire seguendo il proprio istinto. Ora è stanco, e non solo fisicamente. Una vacanza ai Caraibi potrebbe essere l’occasione per ritrovare se stesso. Non sa ancora che…

Rusalka

Le terre della Russia nell’epoca pre-cristiana – come d’altro canto anche tutto il resto del mondo – erano popolate di Esseri Soprannaturali, il più delle volte ostili, che era meglio tenersi buoni. Tra tutti questi il più pericoloso era sicuramente un rusalka, ossia lo spettro di una ragazza assassinata che cercava di prolungare la sua esistenza nutrendosi dell’energia vitale delle persone e degli altri esseri viventi che si trovavano nelle sue vicinanze. Pyetr Kocevikov ed il suo amico Sasha, cacciati dalla loro città natale, cercano rifugio in una casa sperduta nelle profondità di una foresta maledetta, di proprietà di uno Stregone: Uulamets. Ma il vecchio Stregone nasconde un segreto: egli infatti è il padre del rusalka, e cerca di riportarlo in vita servendosi di coloro che gli capitano a tiro. A complicare vieppiù la situazione, tra Pyetr ed il Rusalka nasce un profondo amore…

Rumore bianco

Jack Gladney è professore di studi hitleriani presso un campus dove i detriti della cultura popolare americana sono divenuti la nuova bibbia e il supermarket la sua biblioteca. Come dice Murray J. Siskind, collega di Jack e profeta dell’apocalisse postmoderna, il supermarket è un luogo saturo di onde, radiazioni, lettere e numeri, voci e suoni in attesa di essere decodificati. Ma la vita rassicurante e consumistica di Jack e della sua famiglia ultramoderna viene improvvisamente inghiottita da una nube letale, l’evento tossico aereo, espressione concreta della miriade di altri eventi tossici onnipresenti tra le mura domestiche: trasmissioni radio, sirene, microonde, il ruggito di freezer e lavatrice, la voce incessante e assurda della tv. La paura della morte che accumuna Jack e la quarta moglie Babette diviene così una forza prorompente, un raggio di luce nera in grado di perforare il muro di “rumore bianco” che avvolge questo capolavoro di fine millennio. “Rumore bianco” ha vinto nel 1985 il National Book Award.

RUBY

L’unica famiglia che Ruby Landry ha mai conosciuto sono sua nonna Catherine, una guaritrice cajun, e l’alcolizzato, emarginato nonno Jack. Anche se il ricordo della mamma morta, e il mistero sull’identità del padre, la rendono triste, Ruby è comunque grata per tutto quello che ha. La sua vita è piena di speranze e di promesse… soprattutto quando la sua attrazione per il bel Paul Tate sbuca in un misterioso, meraviglioso amore. Ma i ricchi genitori di Paul gli proibiscono di legarsi con i poveri Landry, e nonna Catherine esorta Rubt a seguire il suo sogno di diventare una grande pittrice, seguendo una visione del futuro, in cui le appare Ruby circondata dalla ricchezza nella città di New Orleans. Ma…

Roverandom

Se un bambino perde il cagnolino di stagno, il suo giocattolo preferito, diventa tanto triste: e allora il suo papà gli racconta una storia per consolarlo. Se il bambino si chiama Michael Tolkien e il suo papà J.R.R. Tolkien, la storia che inventa sarà una storia bellissima, piena di poesia. Se il piccolo cane-giocattolo ha le ali e sa volare e parlare, se i suoi amici sono l’Uomo-sulla-Luna e il mago Psamathos, allora questa storia diventerà un piccolo libro: Roverandom.