55857–55872 di 72802 risultati

La lettrice

**In un mondo parallelo dove leggere sarà illegale l’unica arma è un libro
Una terra dove i libri sono banditi 
Una ragazza che non smette di lottare**
Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso. Con un meraviglioso alternarsi di storie di pirati, duelli di cappa e spada e assassini spietati, *La lettrice* è un’avventura raccontata in modo magistrale da uno straordinario nuovo talento. 
**Un nuovo straordinario talento bestseller del New York Times**
«Con un linguaggio evocativo riesce a creare un mondo affascinante, personaggi complessi e una trama che rapisce: gli amanti del fantasy non vedranno l’ora di affondare i denti in questa saga.»
**Booklist**
«Il debutto di Chee è un’esperienza profonda, che si presta a molteplici livelli di lettura… Esplora la magia della parola scritta: un primo capitolo da non perdere di una nuova serie.»
**Publishers Weekly**
«Narrazione sicura e dettagli vividi, in particolare sul magico processo della lettura… il primo episodio di una serie che promette di essere assolutamente affascinante.»
**Kirkus Reviews**
**Traci Chee**
È autrice di narrativa young adult. Ha studiato letteratura e scrittura creativa all’Università della California di Santa Cruz e ha conseguito un Master of Arts alla San Francisco State University. Traci è cresciuta in una piccola città con più mucche che esseri umani, e ora si sente a casa in montagna, in mezzo alla natura e alle sue meraviglie. Vive in California con il suo cane. *La lettrice* è il suo romanzo d’esordio.
**
### Sinossi
**In un mondo parallelo dove leggere sarà illegale l’unica arma è un libro
Una terra dove i libri sono banditi 
Una ragazza che non smette di lottare**
Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso. Con un meraviglioso alternarsi di storie di pirati, duelli di cappa e spada e assassini spietati, *La lettrice* è un’avventura raccontata in modo magistrale da uno straordinario nuovo talento. 
**Un nuovo straordinario talento bestseller del New York Times**
«Con un linguaggio evocativo riesce a creare un mondo affascinante, personaggi complessi e una trama che rapisce: gli amanti del fantasy non vedranno l’ora di affondare i denti in questa saga.»
**Booklist**
«Il debutto di Chee è un’esperienza profonda, che si presta a molteplici livelli di lettura… Esplora la magia della parola scritta: un primo capitolo da non perdere di una nuova serie.»
**Publishers Weekly**
«Narrazione sicura e dettagli vividi, in particolare sul magico processo della lettura… il primo episodio di una serie che promette di essere assolutamente affascinante.»
**Kirkus Reviews**
**Traci Chee**
È autrice di narrativa young adult. Ha studiato letteratura e scrittura creativa all’Università della California di Santa Cruz e ha conseguito un Master of Arts alla San Francisco State University. Traci è cresciuta in una piccola città con più mucche che esseri umani, e ora si sente a casa in montagna, in mezzo alla natura e alle sue meraviglie. Vive in California con il suo cane. *La lettrice* è il suo romanzo d’esordio.

Letto di rose

Da bambine hanno condiviso tutto: giochi, segreti, speranze. Con gli anni sono diventate donne brillanti, sexy e indipendenti. E hanno fondato un’agenzia di wedding planning dove ognuna di loro dà il meglio di sé per garantire ai clienti un giorno indimenticabile e perfetto. E loro, per quanto ancora rimarranno single? Sin da piccola Emma ha adorato le storie d’amore coronate da un lieto fine, ma non avrebbe mai immaginato che la sua passione si sarebbe trasformata in un lavoro: allestire addobbi floreali per i matrimoni. Sa tutto sui fiori e i bouquet da sposa… e anche sugli uomini. È la rubacuori del quartetto, ma è anche molto esigente: non smetterà mai di cercare l’uomo che sarà in grado di cambiarle la vita. E mai avrebbe immaginato di trovarlo così vicino, o meglio di riconoscerlo dopo così tanti anni… Perché l’uomo che la farà capitolare è proprio il suo migliore amico. Ma quando i due si confessano reciproco amore, le cose in agenzia iniziano a farsi difficili. I legami duraturi non sono mai stati il forte di Jack, mentre Emma cerca una storia che sia per sempre. Riusciranno a trovare un equilibrio? Può l’amicizia trasformarsi in amore? Se decideranno che sono fatti l’una per l’altro, dovranno abbandonarsi alle sorprese del destino, e alla forza di un sentimento pronto a superare qualsiasi ostacolo.

Un letto di leoni

Ambientato in Afghanistan, nei luoghi della guerriglia contro l’invasione sovietica, questo romanzo ha come protagonisti una giovane donna inglese, sensibile e coraggiosa, un medico francese desideroso di emulare il padre, eroe della Resistenza contro i nazisti, e un inquieto americano che vuole organizzare in un unico esercito le varie tribù locali, unite dall’avversione contro gli stranieri ma divise dall’odio tribale. Ciascuno dei personaggi, spinto dai propri segreti motivi, giunge in Afghanistan, nella Valle dei Cinque Leoni, dove le attività di Anatoly, uno spregiudicato colonnello del Kgb, aggiungono un’ulteriore complicazione. Il duello che si combatte fra loro, fatto di ingegnosità e di pazienza, di crudeltà e di ardimento, culmina in un confronto esplosivo che fa di Un letto di leoni un grande thriller e un’emozionante storia d’amore.
**

Lettere Drammatico-Critiche Sopra La Didone Abbandonata

This is a pre-1923 historical reproduction that was curated for quality. Quality assurance was conducted on each of these books in an attempt to remove books with imperfections introduced by the digitization process. Though we have made best efforts – the books may have occasional errors that do not impede the reading experience. We believe this work is culturally important and have elected to bring the book back into print as part of our continuing commitment to the preservation of printed works worldwide.

Lettere di natale

Wynn Jeffries è uno psicologo di grande successo che suggerisce di educare i propri figli senza mentire, neanche su Babbo Natale. Katherine O’Connor lo detesta: ha visto l’effetto che simili consigli hanno avuto sulle sue nipoti. Quelle teorie avrebbero creato una generazione di marmocchi viziati ed egoisti. Che razza di persona poteva essere il dottor Jeffries se era disposto a correre tale rischio? È questo che Katherine pensa di lui. Almeno fin quando non lo conosce davvero. Due mondi diversi ma intrecciati in un rapporto di odio e amore che fa scintille.
(source: Bol.com)

Le lettere da Capri

Vincitore del premio Strega 1954, *Le lettere da Capri* è forse il romanzo più problematico e sfaccettato di Mario Soldati, quello che segna il suo approdo alla piena maturità narrativa. Ricco di sfumature e implicazioni, è incentrato su un’intricata storia d’amore e gelosie, di doppie verità e tradimenti, di ambiguità e finzioni che si mescolano nella vita quotidiana dei protagonisti: Harry, giornalista e studioso d’arte americano che vive in Italia, la moglie Jane, sua connazionale, a lui legata da stima e fiducia più che da amore, e la romana Dorothea, ragazza del popolo e prostituta per cui Harry prova un’attrazione feroce e morbosa. Sullo sfondo cosmopolita di Roma, Parigi, New York e Capri si svolge la loro vicenda, una lunga complicazione sentimentale che ruota attorno a una duplice confessione (tipico elemento della narrativa di Soldati) e ad alcune lettere, prima perdute e poi ritrovate, che Jane, all’apparenza irreprensibile, ha scritto a un amante italiano proprio dalla splendida isola partenopea.

Lettere a un’estranea

*Cosa si nasconde fra quelle mura maledette?*
In quella casa la sua vita era stata un inferno. Doña Alberta, sua madre, era una donna dispotica ed enigmatica che l’aveva resa insicura e infelice. Per questo motivo Berta era fuggita da Madrid per cominciare una nuova vita a Londra, all’inseguimento dei propri sogni. Ora che però la madre è morta e lei ha ottenuto i successi professionali che cercava, si sente abbastanza forte per rientrare nella casa in cui ha tanto sofferto, nel tentativo di affrontare il dolore passato e seppellirlo per sempre. Ma Berta non può immaginare cosa la aspetta: nascoste in soffitta troverà infatti delle misteriose lettere d’amore che la trascineranno in una vicenda che metterà a rischio la sua stessa vita e che sconvolgerà il suo cuore.
**

Il leopardo

Oslo. Due donne vengono trovate morte: i polmoni pieni di sangue e ventiquattro ferite in bocca. Nessun indizio. Un caso perfetto per Harry Hole, commissario specializzato in omicidi seriali, alcolista, uomo rude e solitario. Peccato si sia rifugiato a Hong Kong per sfuggire al proprio passato. Soltanto quando lo informano che il padre sta morendo in un ospedale, Hole decide di tornare in città. E subito scopre un dettaglio che sconvolge le indagini: le vittime hanno dormito nello stesso rifugio di montagna. Un killer, scaltro e selvaggio come un leopardo, sta braccando tutti gli ospiti di quella notte, uno a uno: Hole è l’unico che può fermarlo.
(source: Bol.com)

Leopardi

Al principio della sua vita, Giacomo Leopardi era felice. Nell’infanzia, gioia, furia, «allegrezza pazza» riempivano le sue giornate. Era amato e ammirato dai fratelli. Il padre Monaldo pareva uscito da un’opera buffa: chiacchierone, bizzarro, paradossale, del tutto inetto a sopportare la realtà. La bellissima madre Adelaide non baciava i figli, non dava carezze, ma Monaldo fu per Giacomo padre e madre insieme, con una tenerezza grandiosa e assorbente. L’immensa biblioteca era il centro della vita familiare; Giacomo vi vedeva riflessi l’ordine e l’armonia dell’universo; ogni cosa aveva un senso. Poi l’infelicità piombò su di lui.
Cosa accade a Leopardi nel cuore della sua giovinezza? Un «sistema di malattie» si impadronisce del suo organismo. Giacomo non sente più né la natura né la bellezza; il sentimento, l’entusiasmo si dileguano; l’infelicità umana è irrimediabile. Non gli resta che sopportare: arte in cui diventa, in pochi anni, un maestro. Ma la sua mente è innamorata delle contraddizioni, dei rovesciamenti e degli sdoppiamenti. Così, continua a ricercare la felicità, pur sapendo che è un’impresa disperata. La insegue nel piccolo, accogliente mondo aristocratico-borghese di Bologna; a Pisa, nella tenue aria primaverile; a Firenze, tra le luci autunnali del lungarno; tra i gelati, le pasticcerie e i panorami di Napoli. Vive quasi tutto il resto della sua vita celando i dolori, le angosce, la desolazione, le passioni, la solitudine, il dono di essere un genio immenso.
Leopardi non conosceva i tempi e i luoghi moderni, non apparteneva a nessuna epoca, né a quella presente né a quella passata. Era a casa dappertutto e da nessuna parte. Questa radicale estraneità gli permise di comprendere come nessun altro il diciannovesimo e il ventesimo secolo, la società borghese e quella di massa. Se leggiamo lo Zibaldone, lampi ci richiamano di continuo alla memoria Nietzsche, Spengler, Adorno. Senza saperlo, Leopardi ci parla di Flaubert, di Kafka, di Musil, di Gadda, di tutti gli scrittori novecenteschi votati alla «disperazione placida», all’incompiutezza, all’analisi ininterrotta, alla condizione di stranieri. Ma al di là dell’intelligenza e della incredibile velocità mentale, in ogni sua poesia echeggia una musica inesprimibile con le parole, quella facoltà misteriosa che gli consente di far nascere sotto i nostri occhi qualcosa che non conoscevamo: la luce della luna.
Pietro Citati ci conduce attraverso la vita di Leopardi fino al cuore segreto della sua opera con la stessa sicurezza e partecipazione con cui ha saputo rivelarci l’essenza di Goethe, di Tolstoj, di Kafka, di Proust. Ci sono in questo libro alcune importanti novità biografiche e molte letture fresche e originali. Ma c’è soprattutto, come avrebbe voluto Leopardi, la capacità di immedesimarsi nello scrittore, di seguire ogni minimo impulso del testo, fino a creare una nuova opera, vibrante e appassionata.

Il Leone di Palermo

Questo romanzo racconta la vita di un siciliano affascinante della Belle Epoque internazionale industriale e mondana.Sullo sfondo storico ricostruito attraverso i luoghi, l’arte e gli eventi, rivive Palermo ricca e grandiosa, con personaggi storicamente esistiti e di fantasia, divisa tra aristocratici e borghesi, con le prime rivolte operaie, afflitta dalla miseria e dalla mafia.Una città splendida e contraddittoria come i protagonisti del romanzo, Leone e la moglie Enza, un uomo e una donna che travolti dal culto della bellezza e del lusso, rimasero sempre uniti nonostante gli infiniti tradimenti, le incomprensioni, gli egoismi reciproci e le tragedia familiari.

NOTE
Salvatore Requirez (Palermo, 1957).Dopo il successo di ”Le ville di Palermo” e ”Targa Florio” propone ora, con il suo avvincente stile, un romanzo liberamente ispirato alla dinastia dei Florio curando con particolare attenzione il profilo umano dei principali protagonisti.

(source: Bol.com)

Il leone dei templari. Saint-Clair

Palestina, 1187. Il cielo verso Oriente si stava schiarendo lentamente e Alexander Saint-Clair, cavaliere dell’Ordine dei Templari, guardava la pallida luce trasformare la notte, consapevole solo di una cosa: quel giorno lui e il suo esercito avrebbero combattuto contro gli infedeli di Saladino la battaglia più lunga e probabilmente avrebbero incontrato la morte. Da settimane infatti erano partiti da Gerusalemme per raggiungere il forte di Tiberiade; ma la strada verso il nemico passava attraverso un immenso deserto, con le scorte di cibo e acqua ormai quasi esaurite e i soldati saraceni, nascosti nelle grotte, pronti ad attaccarli a ogni passo. La decisione di Guido di Lusignano, il re fantoccio della Città Santa, di mandare il più grande esercito che le truppe cristiane avessero mai avuto in Palestina al totale sbaraglio, in una zona così difficilmente espugnabile, era per Alexander, e per suo fratello André, inspiegabile. Ma era stato il Gran Maestro del Tempio a consigliare il sovrano e a prestare i servigi dei cavalieri Templari a Riccardo Cuor di Leone. Forse il segreto che da oltre un secolo veniva tramandato tra i monaci dell’Ordine era in pericolo e per questo bisognava distogliere l’attenzione di tutti, cristiani e mori, da Gerusalemme.
**

Lenin. Teoria e prassi nella personalità di un rivoluzionario

Questo saggio di Gyorgy Lukacs su Lenin appare in Italia a più di mezzo secolo dalla sua prima edizione tedesca: ma l’odierno dibattito intellettuale gli conferisce un’inattesa attualità ed efficacia. Sia Lenin che Lukacs, in modi diversi, sono al centro di una riflessione critica nuova, che ne ripercorre il pensiero e l’opera in funzione di un’esperienza etico-storica quanto mai aperta e inquieta. Perciò riesce particolarmente vivo e appassionante questo Lenin visto come espressione dell’intima forza motrice di un’età rivoluzionaria da un Lukacs immerso nell’atmosfera tempestosa dell’Ottobre e fiducioso nelle sorti del rivolgimento mondiale.
Se il Lenin di Lukacs è una figura centrale dello sviluppo della coscienza universale, il Lukacs di Lenin è un momento-chiave dell’itinerario speculativo del grande pensatore. Dal loro incontro è nato un libro d’eccezione, che ancor oggi vale a interpretare problematicamente tanto il rivoluzionario russo quanto il filosofo ungherese.

Legittima vendetta

Judy Carrier, dello studio legale Rosato & Associati, è sconcertata dal suo nuovo cliente: Tony Lucia, un mite vecchietto che le confessa di aver ucciso, per legittima vendetta, il fascista che sessant’anni prima gli aveva ammazzato la moglie. Ma perché aspettare tanto? domanda Judy. E Tony le rivela che nell’incidente in cui pochi mesi or sono ha perso il figlio e la nuora c’era la mano della stessa potente famiglia. L’avvocatessa non pare molto convinta, ma quando a sua volta inizia a subire misteriosi attentati, parte al contrattacco…
**

La legione

La legione by Simon Scarrow
Dall’autore dei bestseller Il centurione e Il gladiatore un nuovo avvincente romanzo per rivivere tutto il fascino dell’antica Roma.
Dall’autore dei bestseller Il gladiatore e Il centurione, un nuovo romanzo pieno di suspence e d’azione, in grado di evocare la grandezza di Roma, dei suoi eroi e dei suoi nemici.
Spinto dall’odio per Roma, il gladiatore Aiace percorre l’impero seminando morte e distruzione, massacrando civili inermi al pari dei soldati. Ancora una volta, Macrone e Catone sono incaricati di un compito ai limiti dell’impossibile: fermare le sue gesta, catturarlo o ucciderlo prima che la rivolta si estenda a tutto il Medioriente. Ma l’ex schiavo è abile, sfuggente, furbo, capace di evitare le trappole come di tenderle; l’inseguimento si spinge fino in Egitto, in un ambiente ostile, tra le paludi e i deserti lungo il Nilo, sotto un sole cocente, in zone infestate da zanzare e coccodrilli, dove i due protagonisti devono badare alla sopravvivenza prima ancora che al nemico. Tra scontri, imboscate, agguati e battaglie, Macrone e Catone arriveranno alla resa dei conti sospinti dalla disperazione e dallo spirito di vendetta.
Due soldati, amici per la pelle in uno scontro con un gladiatore ribelle e spietato.
Simon Scarrow
è nato in Nigeria. Dopo aver vissuto in molti Paesi si è stabilito in Inghilterra. Per anni si è diviso tra la scrittura, sua vera e irrinunciabile passione, e l’insegnamento. È un grande esperto di storia romana. Il centurione, il primo dei suoi romanzi storici pubblicato in Italia, è stato per mesi ai primi posti nelle classifiche inglesi. Macrone e Catone sono i protagonisti anche di Sotto l’aquila di Roma, Il gladiatore, Roma alla conquista del mondo, La spada di Roma e La legione, pubblicati dalla Newton Compton.