55601–55616 di 63547 risultati

La Melodia della Luce e dell’Ombra

Non può esistere luce senza oscurità. Ognuno di noi, se illuminato, produce inevitabilmente un’ombra nascosta dietro di sé. Rudy è cresciuto ad Armonia, piuttosto isolato dal resto del mondo. Finalmente è arrivato il momento di iniziare il suo primo anno alla scuola di Musicomagia, assieme a Jiul e Lili, amici di sempre, di ottenere il suo uovo di animusi e di frequentare altri ragazzi della sua età. I sentimenti che Rudy prova per Lili sono lentamente maturati e cresciuti di intensità, così come il grande potere, ingabbiato dentro di lui quando era piccolo. Lui non sa nulla dell’entità delle proprie capacità. «Egli possiede una mente creatrice, ha in sé il potere di inventare nuovi incantesimi magici! Sarà molto prezioso per noi, dovrà imparare a gestire il suo dono, altrimenti potrebbe essere molto pericoloso.» Queste furono le parole della preside Yamanuelle, quando lui aveva solo tre anni. Una volta risvegliati i suoi poteri, Rudy non esiterà a fare qualsiasi cosa per aiutare i suoi genitori impegnati in una pericolosa missione sul pianeta Gamma Tre. Ma a quale prezzo? La Saga è stata interamente pubblicata e comprende i seguenti romanzi sia in formato ebook che cartaceo: La Melodia Sibilante (vol.1) La Melodia Rivelatrice (vol.2) La Melodia Dominante (vol.3) La Melodia Creatrice (vol.4) Sono disponibili due raccolte: Diana e Filippo (spin off) I racconti di Armonia (episodi e sequel vol.5) La Melodia Vincolante (prequel vol.0) La Melodia della Luce e dell’Ombra (sequel vol.6) Per saperne di più visita il sito: claudia-piano-autrice.webnode.it Buona lettura!
**

La Meditazione Come Cura

Negli ultimi anni la meditazione è passata dall’essere una pratica elitaria a rimedio per risolvere qualunque problema, dal sovrappeso alle relazioni di coppia e al successo nel lavoro. La plasticità del cervello, per cui la struttura di questo organo è influenzata dalle emozioni e dagli stati mentali, è ormai ampiamente condivisa e ha aperto la strada a una serie di metodi di “training mentale” che si propongono di migliorare la vita emotiva e intellettuale. Daniel Goleman e Richard J. Davidson raccontano in questo libro il loro interesse più che trentennale per la meditazione e le ricerche fondamentali che li hanno resi dei luminari rispettivamente nella psicologia e nel neuroimaging, spiegando la verità medica su quello che la meditazione può fare veramente per noi, e come trarne il massimo beneficio. Facendo piazza pulita dei miti popolari e delle distorsioni pseudo scientifiche, gli autori dimostrano che, al di là del benessre mentale, la meditazione può condurre alla modifica permanente dei tratti della personalità, facendo emergere qualità come l’altruismo, l’empatia e la compassione. Per ottenere questo risultato, però, sono necessari alcuni elementi che attualmente mancano nella versione più comune di mindfulness: come il feedback personalizzato e una visione del Sé più ampia di quanto non accada ora. Per questo, basandosi sugli ultimissimi dati ottenuti nel laboratorio diretto da Davidson, gli autori indicano nuovi metodi per sviluppare un addestramento mentale più efficace e più duraturo.
**
### Sinossi
Negli ultimi anni la meditazione è passata dall’essere una pratica elitaria a rimedio per risolvere qualunque problema, dal sovrappeso alle relazioni di coppia e al successo nel lavoro. La plasticità del cervello, per cui la struttura di questo organo è influenzata dalle emozioni e dagli stati mentali, è ormai ampiamente condivisa e ha aperto la strada a una serie di metodi di “training mentale” che si propongono di migliorare la vita emotiva e intellettuale. Daniel Goleman e Richard J. Davidson raccontano in questo libro il loro interesse più che trentennale per la meditazione e le ricerche fondamentali che li hanno resi dei luminari rispettivamente nella psicologia e nel neuroimaging, spiegando la verità medica su quello che la meditazione può fare veramente per noi, e come trarne il massimo beneficio. Facendo piazza pulita dei miti popolari e delle distorsioni pseudo scientifiche, gli autori dimostrano che, al di là del benessre mentale, la meditazione può condurre alla modifica permanente dei tratti della personalità, facendo emergere qualità come l’altruismo, l’empatia e la compassione. Per ottenere questo risultato, però, sono necessari alcuni elementi che attualmente mancano nella versione più comune di mindfulness: come il feedback personalizzato e una visione del Sé più ampia di quanto non accada ora. Per questo, basandosi sugli ultimissimi dati ottenuti nel laboratorio diretto da Davidson, gli autori indicano nuovi metodi per sviluppare un addestramento mentale più efficace e più duraturo.

La materia erotica

“Osar tutto e non aver bisogno di niente”: questo il motto che si scelse Louise von Salomé, antesignana del femminismo contemporaneo eppure inequivocabilmente “tradizionale” nel darsi come modello l’emulazione dell’uomo nel suo campo d’azione più specifico: quello intellettuale. L’incontro a cinquant’anni con Freud placò la lotta ambivalente con l’immagine dell’uomo, che è la chiave con cui può essere interpretata tutta la sua intensissima vita intellettuale e sentimentale. Il suo interesse per la psiche umana è però precedente alla conoscenza di Freud: il primo dei cinque saggi che qui pubblichiamo (Riflessioni sul problema dell’amore) è infatti del 1900, mentre l’incontro “ufficiale” con la psicanalisi risale al 1911. Lou Salomé analista parla, come Lou Salomé donna, dell’amore e della felicità; per lei nell’essere donna c’è qualcosa “di più”: “In fondo, il voler diventare femmina del nevrotico è sempre un voler essere felice. Solo lì la sessualità non è un conflitto, ma rimane la terra natia delle personalità”. In questo modo l’aristocratica letterata cosmopolita, amica di Wedekind, Strindberg e Schnitzler, “persecutrice” di Nietzsche e amante di Rilke, moglie adultera eppure fedele dell’iranista F. C. Andreas, discepola prediletta di Freud, conquista un posto particolarissimo nella storia della teoria psicanalitica.
**

La matematica e la realtà. Capire il mondo con i numeri

È sempre più diffusa la convinzione che la matematica sia lo strumento principe per analizzare e prevedere ogni aspetto della realtà, e questa visione è diventata tanto influente per il ruolo centrale che la matematica ha assunto negli sviluppi recenti della fisica e della tecnologia. Ma il mondo è matematico? Per rispondere a questa domanda, l’autore spiega con un approccio estremamente semplice come venga usata la matematica nella versione più recente della costruzione di modelli. Traccia poi il percorso storico che ha condotto dall’idea di Galileo che il mondo è scritto in linguaggio matematico fino alla contemporanea modellistica matematica. Infine descrive le problematiche più recenti – tra cui il tema della “ragionevole” o “irragionevole” efficacia della matematica e il ruolo del calcolatore nella ricerca scientifica.
**

La marcia degli zombie

Altre sei storie tratte dal più famoso Magazine di tutti i tempi, e raccolte da Gianni Pilo: LA MARCIA DEGLI ZOMBIE di Thorp McClusky, LA MORTE DELL’ARTISTA di Felix Kowalewski, I DEMONI GRIGI di Bassett Morgan, L’OMBRA DI MELAS di Roger S. Vreeland, RICORDI di H.P. Lovecraft e AZEV AVEC di Austin Hall.

La malinconia dei Crusich

Quella dei Crusich è la storia vera di una numerosa famiglia vissuta lungo l’intero arco del secolo scorso con due guerre mondiali, rivoluzioni, guerre civili e altri sconvolgenti avvenimenti sotto i cicli della luna a fare puntuale compagnia alla terra ruotante solitaria nell’universo. Tutti i Crusich vivono nell’ombra di una tenace malinconia, una sorta di ineluttabile preventiva nostalgia della vita che rende le loro esistenze particolarmente avventurose e intense. Ombra che spinge il capostipite a navigare per i mari nella vana ricerca di un introvabile altrove per approdare all’inizio del Novecento a Cofù, dove metterà al mondo sei figli. Li seguiremo, soli o con le famiglie, in Italia durante l’acclamata nascita del fascismo, in Africa durante la fondazione di un breve e fragile Impero, in storiche battaglie su aspre montagne abissine, in campi di concentramento per lunghe prigionie sotto il sole dei deserti egiziani. E poi di nuovo in Italia, a Milano, durante la faticosa ricostruzione della città uscita dalle macerie del secondo Grande Massacro Mondiale, a Roma nei movimentati, futili anni della Dolce Vita, in Sudamerica in cerca di vagheggiate fortune. Fino all’ultimo dei Crusich che si imbarcherà a sua volta per una navigazione solitaria lungo le coste della terraferma, i soli luoghi dove forse poter trovare, protetti dal mare e dalla luna, la perduta bellezza del mondo. Una storia di padri e figli che è insieme un’epica saga familiare e un romanzo storico del nostro tempo.
**

La maledizione di Odi. La guerra delle streghe

Dopo aver appreso le straordinarie circostanze in cui sua madre Selene la dette alla luce, Anaid Tsinoulis, la giovanissima eletta del clan della lupa, vuole compiere ciò che le profezie hanno in serbo per lei: impadronirsi dello Scettro del Potere e porre fine alla Guerra delle Streghe, distruggendo per sempre le Odish che con la loro sete di sangue minacciano i clan Ornar e gli stessi esseri umani. Ma la giovinezza è irruente e contraddittoria, e prima della sua missione Anaid desidera l’amore di Roc e quello di Gunnar, il padre finalmente ritrovato. E lo Scettro del Potere sembra assecondarla, rendendola più potente come mai. Ma l’eletta sta per imparare una dura lezione: il suo destino è segnato, la Maledizione di Odi sta per compiersi, e lei dovrà scontrarsi con il suo stesso clan, il suo sangue e il Consiglio dei Morti… L’attesissimo volume conclusivo della saga mediterranea che ha conquistato il mondo; con mano sicura, Maite Carranza racconta l’ultimo atto di una trilogia fatta di personaggi e luoghi indimenticabili, di donne guerriere e sapienti, di mondi fantasticamente reali e realisticamente immaginari. Età di lettura: da 14 anni.

La maledizione di Anubi

“LONDRA OGGI:Una nuova mostra al British Museum non ha molto a che vedere con il Detective Invisibile. Almeno finché non scompaiono alcuni reperti archeologici. Quando Art e i suoi amici investigano su un’antica maledizione egizia, scoprono che la faccenda è molto più seria di quanto chiunque avrebbe potuto sospettare. In una tomba nascosta, un terrore senza tempo è in agguato, e la mummia comincia a risvegliarsi… LONDRA 1937: Arthur Drake e la sua amica Sarah scoprono che una ricerca di storia può rivelarsi alquanto pericolosa. Pare proprio che il Detective Invisibile abbia lasciato loro del lavoro incompiu¬to del quale dovranno occuparsi.. ”

La maledizione della spada nera

Quinto volume della Saga di Elric di Melniboné. Elric il Negromante è un eroe atipico, molto diverso dai soliti guerrieri barbari, alti, rozzi e possenti; egli è infatti un debole albino, civilizzato, principe di un impero in dissoluzione. La sua forza, che all’inizio gli è data da speciali pozioni magiche, gli verrà in seguito trasmessa dalla sua spada fatata, Tempestosa, che uccide e poi sugge l’anima delle sue vittime. Ma oltre che di forza, Tempestosa è portatrice anche di un destino cupo e funesto. Elric, oppresso e trascinato da un fato superiore, vaga per un mondo popolato di spettri e stregoni maligni, alla ricerca di una vera identità e di uno scopo per la sua vita. Gli epidosi della Saga tradotti in Italia sono finora nove: Elric Di Melniboné, Sui Mari Del Fato, Il Fato Del Lupo Bianco, La Torre Che Svaniva, La Maledizione Della Spada Nera, Tempestosa, La Fortezza Della Perla, Elric: La Vendetta Della Rosa e La Figlia Della Ladra Dei Sogni.

La magica arte del furto

*“Christopher Brookmyre è la next big thing del Tartan Noir.”* – James Ellroy
L’inafferrabile genio del furto surreale. Il re della rapina dadaista. Come altro definire quelle coreografiche danze con cui cinque uomini vestiti da clown sono penetrati nella Great Northern Bank di Glasgow? O i metodi improbabili e raffinati con cui stanno intrattenendo gli ostaggi? L’incredibile storia d’amore ad orologeria tra un’acrobata della rapina e la “sua poliziotta”, scritta dal genio del noir britannico Christopher Brookmyre.
Dall’autore di *Un mattino da cani,* *Il paese della menzogna*, *Scusate il disturbo* e *Real LifeTM* (Meridiano Zero edizioni)
**
### Sinossi
*“Christopher Brookmyre è la next big thing del Tartan Noir.”* – James Ellroy
L’inafferrabile genio del furto surreale. Il re della rapina dadaista. Come altro definire quelle coreografiche danze con cui cinque uomini vestiti da clown sono penetrati nella Great Northern Bank di Glasgow? O i metodi improbabili e raffinati con cui stanno intrattenendo gli ostaggi? L’incredibile storia d’amore ad orologeria tra un’acrobata della rapina e la “sua poliziotta”, scritta dal genio del noir britannico Christopher Brookmyre.
Dall’autore di *Un mattino da cani,* *Il paese della menzogna*, *Scusate il disturbo* e *Real LifeTM* (Meridiano Zero edizioni)

La maga di Eld

Molte sono le leggende nate intorno alle buie foreste che ricoprono il misterioso monte Eld, e sempre vengono sussurrate con un filo di voce. Si narra che il possente mago Heald abbia avuto un solo figlio, l’ombroso Myk con un occhio grigio e un occhio nero, e che sul monte Eld il figlio del mago abbia attirato a sé dai quattro angoli del mondo creature leggendarie: l’orso Cyrin, che risponde a tutti gli enigmi tranne uno, il drago Gyld, ìntento a custodire il suo incredibile tesoro, e il cigno nero di Terleth. Si narra anche che il figlio di Myk, il cupo Ogam, abbia continuato la collezione chiamando a sé il mortale falco Ter e il magico gatto nero Moriah, artefice di sottili incantesimi… Ma oggi sotto la cupola di cristallo nascosta sul monte Eld vive la figlia di Ogam, la bellissima vergine maga Sybel, e i suoi tentativi per attirare Liralen, l’ultimo animale magico del mondo che ancora manca alla sua collezione, sono interrotti dall’arrivo di un cavaliere che chiede asilo per il figlio di un re spodestato. Il mondo degli uomini chiede l’aiuto della maga di Eld, e forse dei suoi animali.

La macchina di D.I.O.

HARLIE era il più avanzato computer del mondo. I suoi circuiti erano così simili a quelli del cervello umano che era capace non soltanto di risolvere i problemi più complessi, ma anche di fornire giudizi autonomi, di porre domande, di pensare in maniera indipendente. Ma da qualche tempo, HARLIE aveva cominciato a manifestare lunghi periodi di incoerenza e questo poneva a Auberson, lo scienziato che lo aveva programmato, gravi problemi, tanto più che i membri del consiglio di amministrazione della società a cui HARLIE apparteneva lo avevano posto davanti a un aut-aut: il Computer cessava di comportarsi in modo irrazionale e diveniva di qualche utilità per la compagnia o l’intero progetto sarebbe stato abbandonato e HARLIE smantellato. Auberson aveva spiegato a HARLIE quale pericolo correva e gli aveva detto di programmare qualcosa per se stesso che potesse renderlo utile. Tuttavia, neppure nei suoi sogni più folli – o nei suoi incubi – lo scienziato avrebbe potuto immaginare la terrificante risposta che il Computer gli avrebbe, alla fine, fornito. Questo libro è arrivato in finale al premio Hugo 1973.

La luna d’ombra

Presentando il tema della principessa destinata a salvare il mondo, “La Luna d’Ombra” ripropone un soggetto classico della fantasy, pur offrendone un’medita interpretazione. Nell’episodio inaugurale di questa trilogia, l’azione ha origine tredici anni dopo le avventure narrate nel film “Willow” di Ron Howard, allorché Willow Ufgood, divenuto un mago itinerante che ora si fa chiamare Thorn, si mette in viaggio verso la capitale per assistere all’ascesa al trono di Elora quale Principessa Sacra. Lo sfortunato mago finirà in prigione mentre un impostore prenderà il suo posto e cercherà di mutare il destino di Elora.