55473–55488 di 66541 risultati

Da zero a uno

Nel mondo del business ogni evento accade una volta sola. Il prossimo Bill Gates non costruirà un sistema operativo. Il prossimo Larry Page o Sergey Brin non realizzerà un motore di ricerca. E il prossimo Mark Zuckerberg non creerà un social network. Se state copiando le loro imprese, non state imparando molto da loro. Ovviamente è più facile copiare un modello che realizzare qualcosa di nuovo. Fare quello che sappiamo già fare porta il mondo da 1 a n, un cambiamento incrementale che aggiunge un po’ di qualcosa che ci è familiare. Per costruire il futuro occorre invece un cambiamento verticale, trasformativo: bisogna andare da 0 a 1. L’atto della creazione è unico, così come il momento in cui essa avviene, e il risultato è qualcosa di originale e inusuale, che va perseguito a tutti i costi, perché chi non lo farà è destinato a scomparire. Da zero a uno tratta di come costruire imprese che creano cose nuove e si basa su tutto ciò che Peter Thiel, imprenditore seriale e pensatore controcorrente, ha imparato in prima persona come cofondatore di PayPal e Palantir, e poi investitore in centinaia di startup, comprese Facebook e SpaceX. La sua filosofia d’impresa, la densa analisi delle questioni fondamentali dell’innovazione e del futuro, e il suo sguardo dietro le quinte delle imprese di maggior successo della Silicon Valley offrono una guida inestimabile a tutti coloro che vogliono mettersi in gioco e creare la propria azienda. Nessuna formula per il successo però: i percorsi migliori sono quelli nuovi e mai sperimentati.

(source: Bol.com)

Da un altro mondo

Mariano adora trascorrere i fine settimana nella casa di campagna dei suoi amici Leo e Elisa, in una tenuta che era stata un’antica e ricca piantagione di caffè. Finché, una notte, ai ragazzi appare il fantasma di una bambina. Viene da un passato lontano e ha bisogno del loro aiuto per risolvere un mistero molto, molto importante… Una storia appassionante e potente che affronta temi forti come la schiavitù e la crudeltà, ai quali contrappone, con una scrittura fresca e spontanea, valori importanti come la ricchezza dell’incontro con l’altro e l’importanza delle proprie radici. Età di lettura: da 10 anni.
**

Da quando ci sei tu

Da quando ci sei tu by Penelope Douglas
The Fall Away Series
Dall’autrice di Mai per amore, bestseller in USA
Sei mai stato così arrabbiato che le cose che un tempo ti facevano male adesso ti fanno sentire vivo? Hai mai provato cosa significa essere insensibile a tutte le emozioni? Gli ultimi anni sono stati così per Jared. Un viaggio tra la rabbia e l’indifferenza, senza fermate intermedie. Alcuni lo odiano per questo, altri hanno paura di lui.
Ma niente e nessuno può fargli del male perché a lui non importa di niente e di nessuno. Tranne che di Tate. La ama così tanto che certe volte gli sembra addirittura di odiarla. Odia il fatto di non riuscire a lasciarla andare. Un tempo erano amici, ma poi Jared ha capito che non riusciva a fidarsi di lei né di nessun altro. L’ha ferita, respingendola, anche se ne ha ancora bisogno. Litigarci, sfidarla, prenderla in giro fino ad arrivare a perseguitarla, lo fa sentire vivo, un uomo. Tate, però, un bel giorno parte e sta via per un intero anno e quando ritorna sembra davvero molto cambiata. Il rapporto tra lei e Jared non potrà più essere lo stesso…
Numero 1 in America
Romantico, scandaloso, possessivo, forse crudele: ecco Jared.
«Se vi è piaciuto Mai per amore, non potete assolutamente fare a meno di leggere anche Da quando ci sei tu.»
«Gli darei dieci stellette e comunque non sarebbero abbastanza.»
«Un must, quando lo finirete capirete perché.»
**Penelope Douglas**
Vive e insegna a Las Vegas. Nata a Dubuque, Iowa, ha conseguito una laurea in Amministrazione pubblica. La Newton Compton ha pubblicato Mai per amore e Da quando ci sei tu, i primi episodi di The Fall Away Series.

Da fronti opposti. Diari di guerra, 1914-1915

Due donne, entrambe americane, di fronte alla Grande Guerra europea. Una è Edith Wharton, scrittrice già affermata che in quegli anni sta scrivendo l’“Età dell’innocenza”, con cui sarà la prima donna a vincere il premio Pulitzer. L’altra Nellie Bly, giornalista famosa, che nel 1890 aveva stupito il mondo circumnavigando la terra in 72 giorni sulla falsariga del Giro del mondo in 80 giorni di Verne. La Wharton tra il febbraio e il novembre 1915 viaggiò a più riprese lungo il fronte occidentale, visitando le postazioni francesi dalle Argonne, sulla costa atlantica settentrionale, all’ Alsazia. Di questa esperienza scrisse un reportage giornalistico, “Viaggi al fronte”. Da Dunquerque a Belfort, un testo che appartiene a una dimensione poco nota della narratrice, conosciuta essenzialmente per i romanzi e i colti racconti di viaggio. Nellie Bly, tra l’ottobre e il novembre 1914, è invece in Austria e visita le zone di guerra su un fronte opposto, lungo il confine orientale. I suoi reportage, apparsi sul “New York Evening Joumal”, sono qui pubblicati col titolo “In prima linea sul fronte russo e serbo”. Tra le poche voci femminili sulla Prima Guerra Mondiale, Edith Wharton e Nellie Bly, con le loro cronache limpide e coinvolgenti, non sembrano parlare neppure dello stesso conflitto, tanto è diverso il loro modo di raccontarlo: a dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, che parlare di “sguardo femminile” sulla guerra è una mera convenzione. Eppure, la guerra, vista da due donne schierate su fronti opposti, così diverse per percorsi di vita ed esperienze di lavoro, si rivela essere in definitiva la stessa orribile follia.

Da duemila anni

Romania, anni Venti. L’antisemitismo è sempre più diffuso e violento. Il protagonista, uno studente ebreo dell’Università di Bucarest, insieme ai colleghi correligionari subisce quotidianamente angherie e soprusi, un martirio che gli altri sposano quasi fosse un processo di redenzione, mentre lui si sente intimamente antisionista eppure incapace di rinnegare la propria religione. Questo insanabile dissidio interiore lo induce al vizio. Il suo tempo trascorre infatti in lunghe passeggiate solitarie e notti alcoliche che spartisce con rivoluzionari, fanatici e libertini. Ed è attraverso il suo vissuto quotidiano e le conversazioni con i suoi compagni di strada – il determinato marxista S.T. Haim, il sionista Sami Winkler o il carismatico professor Ghita Blidaru – che il protagonista ricerca il senso di un mondo che sta cambiando e dell’oscurità che sta scendendo sul suo paese e minaccia di distruggerlo.
Uscito per la prima volta nel 1934, il romanzo è una tragica testimonianza dell’ascesa dell’antisemitismo in Europa. Un documento inestimabile e un racconto doloroso su uno dei periodi più feroci della storia europea che, in questi tempi oscuri di irragionevoli spinte nazionalistiche, ci insegna a dare un senso al passato offrendoci un ritratto dei molti volti dell’antisemitismo e provando a dare una risposta all’inevitabilità dell’odio.
«La sua prosa potrebbe provenire dalla penna di Čechov: ha la stessa umiltà, lo stesso candore e la stessa sottigliezza nell’osservazione».
Arthur Miller
«Cattura magistralmente l’atmosfera anteguerra in Romania, la sofisticatezza, la bellezza, l’orrore… Amo il coraggio di Sebastian, la sua leggerezza e il suo umorismo».
John Banville
«Incredibilmente attinente al nostro tempo, ai nostri luoghi. Non si riesce a fare a meno di pensare che Sebastian ci stia mandando un messaggio attraverso le generazioni».
«The New York Times Review of Books»
«Pungente, contemplativo, complesso, provocatorio… Oltre a essere un affascinante documento storico, è un romanzo coerente e convincente».
«Financial Times»
**
### Sinossi
Romania, anni Venti. L’antisemitismo è sempre più diffuso e violento. Il protagonista, uno studente ebreo dell’Università di Bucarest, insieme ai colleghi correligionari subisce quotidianamente angherie e soprusi, un martirio che gli altri sposano quasi fosse un processo di redenzione, mentre lui si sente intimamente antisionista eppure incapace di rinnegare la propria religione. Questo insanabile dissidio interiore lo induce al vizio. Il suo tempo trascorre infatti in lunghe passeggiate solitarie e notti alcoliche che spartisce con rivoluzionari, fanatici e libertini. Ed è attraverso il suo vissuto quotidiano e le conversazioni con i suoi compagni di strada – il determinato marxista S.T. Haim, il sionista Sami Winkler o il carismatico professor Ghita Blidaru – che il protagonista ricerca il senso di un mondo che sta cambiando e dell’oscurità che sta scendendo sul suo paese e minaccia di distruggerlo.
Uscito per la prima volta nel 1934, il romanzo è una tragica testimonianza dell’ascesa dell’antisemitismo in Europa. Un documento inestimabile e un racconto doloroso su uno dei periodi più feroci della storia europea che, in questi tempi oscuri di irragionevoli spinte nazionalistiche, ci insegna a dare un senso al passato offrendoci un ritratto dei molti volti dell’antisemitismo e provando a dare una risposta all’inevitabilità dell’odio.
«La sua prosa potrebbe provenire dalla penna di Čechov: ha la stessa umiltà, lo stesso candore e la stessa sottigliezza nell’osservazione».
Arthur Miller
«Cattura magistralmente l’atmosfera anteguerra in Romania, la sofisticatezza, la bellezza, l’orrore… Amo il coraggio di Sebastian, la sua leggerezza e il suo umorismo».
John Banville
«Incredibilmente attinente al nostro tempo, ai nostri luoghi. Non si riesce a fare a meno di pensare che Sebastian ci stia mandando un messaggio attraverso le generazioni».
«The New York Times Review of Books»
«Pungente, contemplativo, complesso, provocatorio… Oltre a essere un affascinante documento storico, è un romanzo coerente e convincente».
«Financial Times»

Cyberwar

Lasciando per qualche settimana senza energia elettrica parte degli Stati Uniti, i danni sarebbero tali da mandare in bancarotta mezzo mondo. Del resto, inserendo degli opportuni comandi dal posto passeggero di un aereo, se ne può prendere il controllo durante il volo. In modo simile si possono mandare fuori giri le centrifughe di una centrale nucleare, fino a portarla all’esplosione. E che dire di pompe d’insulina e pacemaker? Quelli di nuova generazione sono molto efficienti, ma anche vulnerabili a dei comandi capaci di metterli fuori controllo. E provocare centinaia di morti con un semplice clic. Questi sono solo alcuni esempi di quello che, oggi, si può fare con un computer. Non scenari ipotetici, ma eventi di cui abbiamo già avuto piccoli e grandi assaggi, e che sempre più popoleranno le notizie di cronaca. Guerra, crimine e terrorismo di ieri, con l’uso delle armi digitali, diventano cyberwar, cybercrime e cyberterrorismo. Più precisi, letali e invisibili. In questo libro si raccontano la storia, le tecniche, gli strumenti e i protagonisti di un fenomeno destinato a cambiare radicalmente le nostre vite. E scoprirete come un semplice computer possa diventare uno strumento di morte. Il più subdolo e insidioso di tutti.

(source: Bol.com)

I custodi – Lo scrigno e la libellula

«*Sanders unisce mistero, magia, azione e suspense per stupire i lettori. Un inizio travolgente per la saga dei Custodi.*»
**Ala Booklist**
«*Un fantasy appassionante che piacerà ai lettori di J.K. Rowling e Rick Riordan.*»
**The NEw York Times**
Horace crede fermamente nelle coincidenze: perciò quando per strada vede un cartello con su scritto il suo nome decide di indagare. Scoprirà così l’ingresso per la Casa delle Risposte, un gigantesco deposito sotterraneo pieno di oggetti misteriosi e altrettanto misteriosamente catalogati dove, però, troverà solo domande…
**
### Sinossi
«*Sanders unisce mistero, magia, azione e suspense per stupire i lettori. Un inizio travolgente per la saga dei Custodi.*»
**Ala Booklist**
«*Un fantasy appassionante che piacerà ai lettori di J.K. Rowling e Rick Riordan.*»
**The NEw York Times**
Horace crede fermamente nelle coincidenze: perciò quando per strada vede un cartello con su scritto il suo nome decide di indagare. Scoprirà così l’ingresso per la Casa delle Risposte, un gigantesco deposito sotterraneo pieno di oggetti misteriosi e altrettanto misteriosamente catalogati dove, però, troverà solo domande…

La curiosità non invecchia: Elogio della quarta età

«Forse si invecchia veramente solo quando non ci si stupisce più, quando si dà tutto per scontato e la vita sembra non riservare più sorprese. Ma si può essere vecchi e mantenere il gusto della conoscenza e sapersi ancora meravigliare degli insoliti colori di un tramonto, di un fiore che si schiude o di una bambina che ti sorride con aria divertita.» Il nuovo libro di Massimo Ammaniti è una riflessione sulla terza e quarta età, e più in generale sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese (come Andrea Camilleri, Raffaele La Capria, Aldo Masullo, Mario Pirani, Alfredo Reichlin, Luciana Castellina, Angela Levi Bianchini) che ora raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l’amore, l’amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che non lasciarsi sopraffare dalla rabbia e dal rancore, non ripiegarsi su se stessi, ma continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, a rimanere agganciati al presente e a fare progetti per il futuro, magari condividendo in modo partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda al tetro stereotipo di periodo di inquietudine e sconforto, di abulia e rassegnazione, insomma di vuota attesa della morte.
Come l’anziano professor Borg, l’indimenticabile protagonista del film *Il posto delle fragole* di Ingmar Bergman, anche le persone intervistate rivisitano la storia della propria vita per rintracciare il filo rosso che l’ha attraversata e, con esso, la direzione e il significato del percorso compiuto. Così la dimensione anagrafica ed esistenziale della vecchiaia ritrova la sua verità, quella di una stagione indubbiamente difficile, irta di insidie fisiche e psicologiche, di paure e di perdite, ma che, se affrontata accettando la propria condizione senza risentimento né eccessivi rimpianti, e con la lucidità dovuta a una maggiore consapevolezza di sé e a un minor coinvolgimento emotivo nelle vicende del mondo, può rivelarsi una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. Come quando il giorno concede al tramonto la sua luce più intensa e più vera.
«Noi, la vera vita, la vediamo soltanto quando non c’è più, appunto quando invecchiamo, e quindi solo allora la possiamo contemplare. Quando tu la vita la puoi contemplare, cioè quando la vedi a una certa distanza, la puoi anche giudicare. Questa è la cosa più importante: il giudizio che uno dà su se stesso.» * **Raffaele La Capria *«Il mio rimpianto non è quello di non poter rifare quello che ho fatto o riprovare i piaceri che ho provato, ma di non poter disporre di un tempo aperto, nel quale non rifare quello che ho fatto e fare, invece, quello che non ho fatto. Questo è il punto: fare quello che non ho fatto.» * Aldo Masullo *«La rassegnazione e la rinuncia non mi appartengono. Non mi sento di dire che quello che avevo da fare l’ho fatto e che quello che volevo conoscere l’ho conosciuto. Io sono curioso e la curiosità è infinita e, allora, perché non conoscere ancora? Io credo che la mia storia finirà nel momento stesso in cui perderò la voglia di continuare a conoscere, apprendere e sapere.» * Andrea Camilleri *«L’amore ha avuto un peso decisivo nella mia esistenza. Il fatto che abbia sempre nutrito per le donne un grande rispetto e cercato di capire la loro posizione mi ha fatto diventare spesso loro amico, nel senso più filosofico del termine.» * Mario Pirani*
**
### Sinossi
«Forse si invecchia veramente solo quando non ci si stupisce più, quando si dà tutto per scontato e la vita sembra non riservare più sorprese. Ma si può essere vecchi e mantenere il gusto della conoscenza e sapersi ancora meravigliare degli insoliti colori di un tramonto, di un fiore che si schiude o di una bambina che ti sorride con aria divertita.» Il nuovo libro di Massimo Ammaniti è una riflessione sulla terza e quarta età, e più in generale sulla vecchiaia, stimolata anche dalle testimonianze di ottantenni e novantenni protagonisti della vita culturale e politica del nostro paese (come Andrea Camilleri, Raffaele La Capria, Aldo Masullo, Mario Pirani, Alfredo Reichlin, Luciana Castellina, Angela Levi Bianchini) che ora raccontano di come e quanto è cambiato il loro modo di vivere i sentimenti e le esperienze propri della vita di ogni essere umano: la famiglia, l’amore, l’amicizia, il senso del tempo, i sogni, il desiderio, i ricordi, i lutti. Ammaniti ci mostra che non lasciarsi sopraffare dalla rabbia e dal rancore, non ripiegarsi su se stessi, ma continuare a coltivare affetti, interessi e passioni, a rimanere agganciati al presente e a fare progetti per il futuro, magari condividendo in modo partecipe quelli di figli e nipoti, è il segreto per far sì che la vecchiaia non corrisponda al tetro stereotipo di periodo di inquietudine e sconforto, di abulia e rassegnazione, insomma di vuota attesa della morte.
Come l’anziano professor Borg, l’indimenticabile protagonista del film *Il posto delle fragole* di Ingmar Bergman, anche le persone intervistate rivisitano la storia della propria vita per rintracciare il filo rosso che l’ha attraversata e, con esso, la direzione e il significato del percorso compiuto. Così la dimensione anagrafica ed esistenziale della vecchiaia ritrova la sua verità, quella di una stagione indubbiamente difficile, irta di insidie fisiche e psicologiche, di paure e di perdite, ma che, se affrontata accettando la propria condizione senza risentimento né eccessivi rimpianti, e con la lucidità dovuta a una maggiore consapevolezza di sé e a un minor coinvolgimento emotivo nelle vicende del mondo, può rivelarsi una fase di straordinario arricchimento interiore e affettivo. Come quando il giorno concede al tramonto la sua luce più intensa e più vera.
«Noi, la vera vita, la vediamo soltanto quando non c’è più, appunto quando invecchiamo, e quindi solo allora la possiamo contemplare. Quando tu la vita la puoi contemplare, cioè quando la vedi a una certa distanza, la puoi anche giudicare. Questa è la cosa più importante: il giudizio che uno dà su se stesso.» * **Raffaele La Capria *«Il mio rimpianto non è quello di non poter rifare quello che ho fatto o riprovare i piaceri che ho provato, ma di non poter disporre di un tempo aperto, nel quale non rifare quello che ho fatto e fare, invece, quello che non ho fatto. Questo è il punto: fare quello che non ho fatto.» * Aldo Masullo *«La rassegnazione e la rinuncia non mi appartengono. Non mi sento di dire che quello che avevo da fare l’ho fatto e che quello che volevo conoscere l’ho conosciuto. Io sono curioso e la curiosità è infinita e, allora, perché non conoscere ancora? Io credo che la mia storia finirà nel momento stesso in cui perderò la voglia di continuare a conoscere, apprendere e sapere.» * Andrea Camilleri *«L’amore ha avuto un peso decisivo nella mia esistenza. Il fatto che abbia sempre nutrito per le donne un grande rispetto e cercato di capire la loro posizione mi ha fatto diventare spesso loro amico, nel senso più filosofico del termine.» * Mario Pirani*

Curcuma (Salute E Benessere)

Spezia orientale dal caratteristico sapore e dal colore solare, la curcuma ha sempre richiamato alla mente gustosi piatti indiani dall’aroma avvolgente. Fino a poco tempo fa, tuttavia, le sue proprietà terapeutiche erano poco note alla medicina occidentale.
Curcuma svela l’enorme potenziale di questa spezia, oggi annoverata tra gli alimenti antitumorali più significativi. Numerosi studi scientifici dimostrano che la curcumina esercita un’azione preventiva particolare contro il cancro al colon e alla prostata. La curcuma si è rivelata efficace anche per ridurre il colesterolo, stimolare il sistema immunitario, lenire artrite e reumatismi. Le sue proprietà antinfiammatorie e antibatteriche ne fanno un potente rimedio contro molte patologie.
Considerata dalla medicina orientale alla stregua di un farmaco, la curcuma è una spezia versatile che allieta le papille e giova alla salute.
La curcuma nella storia
Prevenire numerose patologie
Favorire la digestione e stimolare il sistema immunitario
Proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antibatteriche
Prevenzione di numerose patologie
La curcuma in cucina: una spezia che vi sorprenderà

Curarsi con la forza della natura

Digiuno, yoga, ayurveda, piante medicinali, consapevolezza, alimentazione vegetariana: la medicina naturale, in tutte le sue manifestazioni, non è mai stata tanto attuale. Eppure molti ancora considerano queste cure naturali alla stregua di rimedi casalinghi privi di base scientifica. Niente di più errato, dice il dottor Andreas Michalsen, professore all’ospedale della Charité di Berlino, protagonista di ricerche pionieristiche che combinano in modo innovativo terapie millenarie con un’impostazione scientifica moderna. Non solo la medicina naturale si è liberata della sua vecchia immagine per diventare una disciplina con fondamenti scientifici, ma – soprattutto oggi, con l’aumento dei disturbi cronici (dolori articolari, diabete, ipertensione, demenza eccetera) – offre al corpo la possibilità di prevenire il male e curarsi con le proprie risorse interne, riducendo l’eccessivo ricorso ai farmaci e i loro effetti collaterali. Forte della propria esperienza in un ambiente scientifico d’avanguardia, il dottor Michalsen condivide con il lettore strategie terapeutiche e consigli pratici per assicurarsi longevità e salute, grazie a un approccio che fa tesoro dell’inesauribile potenza della natura. ‘Il dottor Michalsen, primario all’ospedale Immanuel di Berlino, è uno dei più bravi clinici di medicina naturale che io abbia mai conosciuto’ (Valter Longo)

(source: Bol.com)

Cupcakes a colazione

Per uno chef cucinare è un atto d’amore nei confronti del cibo, del gusto e di chi assaporerà le sue paradisiache creazioni. Ci vogliono pazienza, poesia e un tocco di romanticismo per realizzare un piatto che sia una vera opera d’arte.

Summer è una maga del dessert ed è appena stata ingaggiata dal proprietario di una catena di alberghi di lusso, Blake Cochran, per creare un menu prestigioso per il ristorante di Filadelfia. Carlo ha appena finito di dedicarsi al suo ultimo libro di ricette e sta per intraprendere un viaggio per pubblicizzarlo insieme all’agente Juliet Trent. L’incontro tra un uomo e una donna ha la stessa magia di una ricetta ben riuscita. Ora starà a Summer e Carlo dosare gli ingredienti per trasformare l’attimo in ”per sempre”.

Due chef di grido che in cucina amano soprattutto il lato sensuale, la capacità di incantare e sciogliere gli animi grazie a semplici ingredienti mescolati con maestria.

Due storie che si intrecciano tra profumi invitanti, nuovi sapori e ricette d’amore.

DOLCI INCONTRI

LEZIONI DI CUCINA

(source: Bol.com)

Cuori in moto: Viaggio in moto tra Sardegna, Corsica e Costa Azzurra

Viaggiare in moto è sempre una grande avventura. Raccontare un viaggio è un’avventura nell’avventura. Senza una meta ben precisa, lasciandoci portare dagli eventi e dalla strada, abbiamo percorso circa 3000Km in sella alla nostra Fazer.
Tra il mare dell’arcipelago della Maddalena, le montagne e i valichi della Corsica, fino allo sfavillante lusso della Costa Azzurra, è stato un viaggio in un’ Europa vicina ma sempre in grado di stupire.
Viaggiare in moto significa gustare il percorso, lasciarsi portare dalla strada e dai pensieri. E così, mentre la nostra Fazerina macina chilometri, i nostri cuori osservano il mondo che scorre curva dopo curva. Nascono emozioni nuove, pensieri nuovi. Cerchiamo di capire e interpretare un mondo che cambia. E’ un’altro viaggio, un viaggio interiore, che procede di pari pari passo, e che ci riempie ed arricchisce.
Questo breve diario racconta di entrambi i viaggi. Quello della moto, che percorre nuove strade al ritmo pulsante del suo amato e instancabile motore, e quello dei nostri cuori, che battono veloci tra mille emozioni e mille pensieri, alla ricerca di una strada tutta loro.

Cuori allo sbando

Inghilterra, 1813 – Se in un primo momento il frettoloso matrimonio tra l’affascinante Richard Mon-crief, duca di Radcliff, e la stupenda Bonny Barbara Allan, figlia di una nobildonna e di un parroco di campagna, sembra destinato a conoscere la felicità, al loro ritorno a Londra dal Kent le cose cominciano ad andar male.
A Londra c’è infatti la bella lady Heffington,ex amante di Richard, la quale fa di tutto per dare l’impressione che lui la frequenti ancora.E poi c’è il conte di Dunsford, che nel desiderio che Bonny faccia da tramite fra lui e la cugina Emily ricerca spesso la sua compagnia. Collera, sospetti, orgoglio ferito sprofondano i due sposi, che pur si amano perdutamente, nella più cupa disperazione. Tutto è perduto, la loro unione sembra finita. Se non che…
**
### Sinossi
Inghilterra, 1813 – Se in un primo momento il frettoloso matrimonio tra l’affascinante Richard Mon-crief, duca di Radcliff, e la stupenda Bonny Barbara Allan, figlia di una nobildonna e di un parroco di campagna, sembra destinato a conoscere la felicità, al loro ritorno a Londra dal Kent le cose cominciano ad andar male.
A Londra c’è infatti la bella lady Heffington,ex amante di Richard, la quale fa di tutto per dare l’impressione che lui la frequenti ancora.E poi c’è il conte di Dunsford, che nel desiderio che Bonny faccia da tramite fra lui e la cugina Emily ricerca spesso la sua compagnia. Collera, sospetti, orgoglio ferito sprofondano i due sposi, che pur si amano perdutamente, nella più cupa disperazione. Tutto è perduto, la loro unione sembra finita. Se non che…

Cuori al galoppo (Youfeel)

Può l’amore basarsi sull’inganno? Dopo anni di lontananza, Amabel torna nel paese della sua infanzia. Lì ritrova quella che un tempo era l’amica del cuore, Elena, che le propone di aiutarla in un’intrigante vendetta nei confronti del suo ex. Amabel non è mai riuscita a dire di no a Elena, nonostante non sia sempre stata ricambiata allo stesso modo. Così cede anche questa volta, ma tutto si complica quando scopre che l’oggetto della vendetta è un affascinante quanto enigmatico rubacuori. Una corsa al galoppo contro il vento che soffia tra i capelli, una cena sotto l’occhio indiscreto della luna e una scommessa che finisce con una gara di pesca disastrosa avvicineranno Amabel e Giulio molto più del dovuto. Ma come si fa a fidarsi di un bugiardo matricolato e come si può deludere un’amica? Eppure le storie d’amore possono nascere nei modi più svariati: se si intravede una scintilla, non è un peccato sprecarla? Dall’autrice di “Ancora prima di incontrarti”, un nuovo romanzo dolce e coinvolgente in cui niente è come appare, e la vendetta può essere più dolce che mai. Mood: Romantico – YouFeel è un universo di romanzi digital only da leggere dove vuoi, quando vuoi, scegliendo in base al tuo stato d’animo il mood che fa per te: Romantico, Ironico, Erotico ed Emozionante.  
(source: Bol.com)

Cuore, Sopporta

Perché Adele decide di ritirarsi in una villa isolata sul mare? Da cosa fugge? Cosa l’ha ferita? Aveva tutto ciò che si può desiderare: un lavoro, un’amica speciale, una sorella adorata anche se tanto diversa da lei, Nina, e soprattutto un grande amore, Thomas, il ragazzo “con un viso da apostolo”. Una fatalità sembra unire i personaggi, legati dal *Libro tibetano dei **morti* come da un lungo filo rosso che attraversa le loro vite. Sin dall’infanzia, Adele è governata da un costante senso di insicurezza, mentre Nina è sfrontata e incosciente; una è mossa da un insopprimibile bisogno di consenso, l’altra si è sempre presa ciò che la vita ha potuto offrirle, anche a costo di compromettere gli equilibri. Adele e Nina, unite da uno sconfinato amore reciproco. Ma il destino distribuisce privilegi e infligge punizioni senza alcun criterio. Una serie di scoperte che colpiscono al cuore i personaggi del romanzo condurrà a una verità sconvolgente.
Francesca d’Aloja s’interroga su quanto sia ingannevole la conoscenza delle persone, e mette in scena un formidabile affresco sui rapporti d’amore, di amicizia e di sangue. Nulla esiste al mondo di più simile e nulla di più distante di due sorelle; nessun segreto dovrebbe sussistere tra due vere amiche. È giusto perdonare o il perdono non è che una scorciatoia, un tappeto sotto cui nascondere la polvere? Adele sembra aver rinunciato a comprendere l’enigma della vita: fino a quando, nel silenzio della pineta dove si è rifugiata, farà irruzione una presenza misteriosa e tutto ciò che pareva inanimato tornerà a respirare, e a vivere.
*Cuore, sopporta* alterna magistralmente il tono brillante e deciso della commedia ad atmosfere inquiete, dove tutto appare sospeso e minaccioso. È il segreto di questo romanzo, e ci porta ad attraversare in ogni pagina la sottile linea che separa la felicità dal disinganno, la bellezza dal dolore.
**
### Sinossi
Perché Adele decide di ritirarsi in una villa isolata sul mare? Da cosa fugge? Cosa l’ha ferita? Aveva tutto ciò che si può desiderare: un lavoro, un’amica speciale, una sorella adorata anche se tanto diversa da lei, Nina, e soprattutto un grande amore, Thomas, il ragazzo “con un viso da apostolo”. Una fatalità sembra unire i personaggi, legati dal *Libro tibetano dei **morti* come da un lungo filo rosso che attraversa le loro vite. Sin dall’infanzia, Adele è governata da un costante senso di insicurezza, mentre Nina è sfrontata e incosciente; una è mossa da un insopprimibile bisogno di consenso, l’altra si è sempre presa ciò che la vita ha potuto offrirle, anche a costo di compromettere gli equilibri. Adele e Nina, unite da uno sconfinato amore reciproco. Ma il destino distribuisce privilegi e infligge punizioni senza alcun criterio. Una serie di scoperte che colpiscono al cuore i personaggi del romanzo condurrà a una verità sconvolgente.
Francesca d’Aloja s’interroga su quanto sia ingannevole la conoscenza delle persone, e mette in scena un formidabile affresco sui rapporti d’amore, di amicizia e di sangue. Nulla esiste al mondo di più simile e nulla di più distante di due sorelle; nessun segreto dovrebbe sussistere tra due vere amiche. È giusto perdonare o il perdono non è che una scorciatoia, un tappeto sotto cui nascondere la polvere? Adele sembra aver rinunciato a comprendere l’enigma della vita: fino a quando, nel silenzio della pineta dove si è rifugiata, farà irruzione una presenza misteriosa e tutto ciò che pareva inanimato tornerà a respirare, e a vivere.
*Cuore, sopporta* alterna magistralmente il tono brillante e deciso della commedia ad atmosfere inquiete, dove tutto appare sospeso e minaccioso. È il segreto di questo romanzo, e ci porta ad attraversare in ogni pagina la sottile linea che separa la felicità dal disinganno, la bellezza dal dolore.