55265–55280 di 74503 risultati

Sono apparso alla Madonna

“Sono apparso alla Madonna è l’esperienza e la frase che Carmelo ha scelto come titolo e come vertice della sua prima autobiografia. Una frase che non ha mai amato ripetere – lui che amava repertoriare e ribadire le sue battute migliori – ma che tutti invece ripetono quando pensano a Carmelo. La ripetono avversari o complici – è lo stesso – come fosse il massimo della provocazione o della dissacrazione, spesso dimenticandosi (gli uni e gli altri) che Carmelo è sì il campione teatrale della libertà ma anche il maestro della verità del teatro. E in verità e in teatro non ha senso ripetere una frase come quella, poiché “sono apparso alla Madonna’ non è mai stato un dire ma un fare di Carmelo Bene, un evento che ha segnato il corpo del suo attore e il corpus delle sue opere: apparire alla Madonna è diventato complemento della sua grazia e compimento del suo genio.” Dalla Postfazione di Piergiorgio Giacchè
(source: Bol.com)

Il sonno del demonio. Peggy Sue e gli invisibili

Da un po’ di tempo nel deserto succedono cose strane. Battaglie a colpi di neve, un oceano abitato da sirene e, durante la notte, un aereo di cristallo si posa su una pista abbandonata per poi volare in un magico sogno. È solo un miraggio? Ma perché le persone spariscono veramente? Peggy Sue e il cane blu, cercando di fare chiarezza su questo mistero, atterrano in un mondo favoloso dove il mare è dolce, la neve profuma di menta e ogni desiderio diventa subito realtà. Ma dietro tanta felicità si nasconde un pericolo incombente. Nei giardini delle meraviglie i cactus sono allergici ai bambini, i frutti annebbiano la mente, le rose sono piene di vanità e tutti sembrano rimpicciolire a vista d’occhio. Età di lettura: da 11 anni.

Il sonno degli dei

Su una luna ghiacciata ai confini del sistema solare, gli dei sognano dalla notte dei tempi. Una squadra di esploratori li riporta alla luce dopo il loro riposo millenario. Gli occhi degli dei si aprono lentamente, guardano l’incomparabile bellezza di Saturno. E qualcosa comincia a cambiare. Un antico enigma è la chiave di questo spettacolare romanzo di fantarcheologia che rivela un nuovo maestro della fantascienza americana.
Copertina: Marco PATRITO e GIRONE

Sonetti lussuriosi, Dubbi amorosi

A cinquecento anni di distanza dalla sua nascita, l’Aretino è uscito ormai dall’*inferno* delle nostre biblioteche divenendo il simbolo dell’uomo del Rinascimento: la rivoluzione del costume sessuale ha rivalutato la carica eversiva e amorale della sua scrittura, consentendone il libero accesso tra i classici della letteratura italiana. In perenne conflitto con le teorie cinquecentesche dell’ordine e della classicità, pronto ad affondare la sua penna pungente e sarcastica nelle pieghe più riposte della realtà umana, oltre le misurate norme dell’etica comune, l’Aretino ha sconcertato biografi e commentatori, ha scandalizzato i lettori di ogni tempo, modificando l’opinione pubblica e divenendo, in virtù delle sue descrizioni licenziose e della sua concezione libera e giocosa del sesso, il maestro dell’amore occidentale.

Sonderkommando Auschwitz

“Tutto mi riporta al campo. Qualunque cosa faccia, qualunque cosa veda, il mio spirito torna sempre nello stesso posto… Non si esce mai, per davvero, dal Crematorio.” Sono parole di Shlomo Venezia, ebreo di Salonicco, di nazionalità italiana; è uno dei pochi sopravvissuti del Sonderkommando di Auschwitz-Birkenau, una squadra speciale selezionata tra i deportati con l’incarico di far funzionare la spieiata macchina di sterminio nazista. Gli uomini del Sonderkommando accompagnavano i gruppi di prigionieri alle camere a gas, li aiutavano a svestirsi, tagliavano i capelli ai cadaveri, estraevano i denti d’oro, recuperavano oggetti e indumenti negli spogliatoi, ma soprattutto si occupavano di trasportare nei forni i corpi delle vittime. Un lavoro organizzato metodicamente all’interno di un orrore che non conosce eccezioni: il pianto disperato di un bimbo di tre mesi, la cui madre è morta asfissiata dal gas letale, richiama l’attenzione del Sonderkommando, lo scavare frenetico tra i corpi inanimati, il ritrovamento e subito dopo lo sparo isolato della SS di guardia che ammutolisce per sempre quel vagito consegnandolo alla storia. Per decenni l’autore ha preferito mantenere il silenzio, ma il riaffiorare di quei simboli, di quelle parole d’ordine, di quelle idee che avevano generato il mostro dello sterminio nazista ha fatto sì che dal 1992 abbia incominciato a parlare, e quei racconti sono la base della lunga intervista che è all’origine di questo libro. Prefazione di Walter Veltroni.
**

Sonda mentale

Simeon Kelly è un telepatico, ma soprattutto è il primo individuo umano nato nei laboratori della Creazione Artificiale: l’istituto governativo in cui si pratica l’ingegneria genetica per ottenere “superuomini”. Simeon conduce una vita normale, è insoddisfatto esattamente come tutti coloro che lo circondano, ama gli agi, e amministra il proprio talento come un libero professionista, facendosi ingaggiare dal governo per sondare la mente, a loro insaputa, dei funzionari sospettati di illeciti. Ma un giorno viene chiesto a Simeon Kelly di esplorare la mente di un suo “fratello” artificiale: un essere conosciuto col nome di “Bimbo”. Un bambino mostruoso, destinato a vita breve e toccato dalla pazzia, che però possiede un’intelligenza sovrumana. “Bimbo” ha la chiave di alcune grandi scoperte, il volo astrale, gli schermi di forza,ma si rifiuta di darla, e l’unico modo di carpirgliela è quello di sondargli la mente per mezzo del talento di Kelly.

Sommergibile Squalus. Ore terribili

23 maggio 1939. Hitler e Mussolini hanno stretto la loro alleanza a Berlino e l’Europa si trova ormai sul baratro della Seconda Guerra Mondiale. Durante un test di immersione nelle acque del New England il sommergibile ‘Squalus’, fiore all’occhiello della marina americana, precipita sul fondo dell’Atlantico. Miracolosamente 33 membri dell’equipaggio sono ancora vivi. Mentre a riva mogli e fidanzate vivono momenti di indicibile apprensione il destino di quei marinai dipende unicamente da un uomo: il capitano Swede Momsen, pronto a sfidare i limiti della scienza e i regolamenti militari per costruire una speranza impossibile. Una storia vera, il resoconto documentato e coinvolgente di una vicenda che ha cambiato la storia della Marina.
**

Solstizio d’inverno

Elfrida Phipps, ex attrice di musical, ha sessant’anni. Affranta dal dolore per la morte dell’uomo che ha sempre amato, lascia Londra e si trasferisce in un piccolo villaggio dell’Hampshire. Dolce ed eccentrica, Elfrida fatica a inserirsi nella piccola comunità, finché non incontra la famiglia di Oscar Blundell, musicista in pensione. Poco tempo dopo Oscar perde moglie e figlia in un tragico incidente stradale, e rimane solo, assillato da problemi economici, in preda alla disperazione. Uniti dalle avversità, Oscar ed Elfrida decidono di lasciarsi alle spalle il passato e di trasferirsi in Scozia per ricucire le trame delle loro esistenze. Sarà il primo Natale trascorso insieme a ridare a entrambi la forza di ricominciare…
(source: Bol.com)

Solomon Gursky è stato qui

A chi lo incensava come l’inimitabile cantore del microcosmo ebraico di St Urbain Street, Mordecai Richler rispose da par suo, e cioè facendo saltare il tavolo con questo romanzo, il suo penultimo. Qui il racconto abbraccia infatti due secoli, due sponde dell’Atlantico e cinque generazioni di una dinastia ebraica in cui tutto è smisurato: vitalità, ricchezza, lusso, inclinazione al piacere in ogni sua forma. Ma nessuna grande famiglia è senza macchia, e la macchia dei Gursky si chiama Solomon, rampollo in disgrazia che pare essere stato presente, come Zelig più o meno negli stessi anni, in tutti i momenti cruciali del ventesimo secolo – la Lunga Marcia, l’ultima telefonata di Marilyn, le deposizioni del Watergate, il raid di Entebbe. Solomon rimarrebbe tuttavia un mistero, se della sua fenomenale parabola non decidesse di occuparsi il più improbabile dei biografi, Moses Berger, ex ragazzo prodigio rovinato dal rancore, dall’alcol, ma soprattutto dalle sue stesse maniacali indagini intorno a un unico soggetto: i Gursky. I lettori di Barney avranno certamente riconosciuto gli ingredienti base di ogni Richler da collezione: a sorprenderli, stavolta, sarà la loro imprevedibile miscela. “Solomon Gursky è stato qui” è stato pubblicato per la prima volta nel 1989.
(source: Bol.com)

Solo tra ragazze

Sette amiche napoletane, ex-compagne di classe, ormai vicine ai quaranta, organizzano una rimpatriata. Niente figli, niente mariti: sarà un weekend solo tra di loro, da trascorrere a Villa Camerelle, una grande casa isolata nella campagna toscana dove, vent’anni prima, avevano festeggiato la fine del liceo. Per dare un tocco di avventura alla breve vacanza, hanno deciso di non portare i cellulari. Piera è quella che dovrebbe accogliere le amiche; ha pensato lei ad affittare la villa. Ma quando le altre arrivano, alla spicciolata, Piera non c’è. Chissà, forse un ritardo, un imprevisto. Le amiche chiacchierano, scherzano, rivangano vecchie storie dei tempi della scuola, si raccontano le loro nuove vite. E intanto si scrutano, si studiano. Assieme ai ricordi riemergono anche i vecchi rancori, le piccole rivalità, le invidie camuffate sotto i complimenti, i segreti sporchi. E l’allegria e la complicità, un po’ costruite, si incrinano quando, di punto in bianco, sparisce anche Deda. Passano le ore, e a un certo punto non si trova più nemmeno Giovanna. Cosa è accaduto? Sono fuggite? Partite senza dire nulla? Quando, domenica mattina, si dilegua anche Maria Luisa, l’inquietudine si trasforma in paura, e la paura in terrore. Sono rimaste in tre. Sole nella grande casa antica dai muri spessi e silenziosi, che le ha accolte solo per inghiottirle.

Solo per passione (I Romanzi Emozioni)

Alana Farmer è stata cresciuta da un tutore, con tutti i privilegi di una figlia della nobiltà e ricevendo un’educazione consona a una regina. Alla vigilia del debutto in società, apprende però la scioccante verità sulle proprie origini: erede unica al trono di Lubinia. Non solo, la sua presenza è urgentemente richiesta al paese natale per scongiurare una guerra civile. Così Alana si ritrova ben presto in una terra aspra e isolata, dalle usanze medievali, dove nessuno conosce la sua identità. Al punto che il capitano delle guardie reali, Christoph Becker, credendola una spia mandata a uccidere il re la fa arrestare. Pur di spingere la bellissima prigioniera alla confessione, Christoph è addirittura deciso a usare tutte le armi della seduzione, ma presto la passione esplode. E allora non sarà solo la sorte di una nazione a dipendere da loro, ma anche quella dei loro cuori…

Solo per natale

Ritorno a Fitton Magna.
Mai e poi mai Phoebe avrebbe dovuto tornare in quella villa maledetta, teatro dell’episodio più drammatico e odioso della sua vita. Un episodio che, a suo tempo, aveva coinvolto anche il padrone di casa, Dominic Ashton. Certo, in questo caso, la giovane donna ha dovuto far fronte a un’emergenza del tutto improrogabile: riportare a casa la piccola Tara, figlia di Dominic, abbandonata da una babysitter sconsiderata Ora, però, Phoebe Grant si ritrova in una spirale da cui è difficile uscire. Casualmente, il padrone di casa, che non l’ha riconosciuta, le offre il lavoro di cui lei ha dannatamente bisogno. Titubante, Phoebe prova a porre una condizione: una prova nel periodo natalizio. E se si trattasse del primo passo verso una resa senza condizioni?
(source: Bol.com)

Solo per giustizia

Il racconto del giudice Cantone prende avvio dal suo ultimo giorno alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli: ripercorrendo la sua esperienza, Cantone mostra in che modo un bravo studente di giurisprudenza che voleva addirittura fare l’avvocato sia finito per diventare il nemico numero uno dei boss di Mondragone e Casal di Principe, più di una volta minacciato di morte e da anni costretto a vivere sotto scorta insieme ai familiari. Un’evoluzione che non nasce da una sorta di vocazione missionaria, ma prende forma attraverso un percorso graduale e, talvolta, persino casuale, dove però rimane sempre salda la sua originaria passione per il diritto. Quella che gli fa trattare con la medesima professionalità e dedizione le vicende di un anziano signore che si rivolge alla giustizia per la tragica morte del figlio dovuta a un caso di malasanità e le sofisticatissime indagini condotte insieme al Ros per arrivare alla cattura di Michele Zagaria, la primula rossa dei Casalesi. Ma l’amaro realismo di queste pagine finisce per evidenziare come l’universo camorrista abbia confini ben più estesi e radici ben più profonde dei vertici di qualche clan. Per cui, fino a quando ci saranno politici, funzionari, imprenditori, uomini delle forze dell’ordine e liberi professionisti corrotti, conniventi o sottomessi, la camorra resterà come un’idra cui la giustizia può tagliare una o qualche testa che subito ricresce, mentre coloro che vi si oppongono individualmente sono votati a un pericoloso destino di isolamento. **

Solo per amore

Donald Wolfe approda dal Midwest a New York nel 1968, carico di ambizioni e di ideali. Il futuro non può che sorridergli: tutte le scelte e le opportunità che la Grande Mela gli offre sono percorribili. E fra queste c’è Lilian, giovane affascinante e ribelle, che Donald sposa sull’onda dell’infatuazione. Basta poco a entrambi per comprendere che il loro non è un matrimonio idilliaco e, alla nascita della figlia, i due sono già praticamente separati. Donald sarebbe disposto a tutto per la sua felicità. Anche a prendere una decisione estrema, ma necessaria…

Solo per amore

TRE PER TRE – Vol. 1. Una notte di dodici anni prima Sheila era diventata donna e madre tra le braccia di Caleb Bishop, tuttavia aveva deciso di tenere nascosta la vera paternità del bambino e accettato di sposare un uomo più vecchio di lei. Ora Caleb è tornato in città, ma per amore di suo figlio Sheila deve combattere contro l’attrazione che la spinge verso di lui. Caleb non ha però intenzione di arrendersi. Il suo primo obiettivo è conquistarla, il secondo… I volumi della serie: 1) Solo per amore 2) Così come sei 3) Provaci, Jake!
(source: Bol.com)