55217–55232 di 69633 risultati

Il tempo della vita

Vincitore del Premio Strega Europeo 2014. Considerato l’erede di Marías e Vila-Matas, Marcos Giralt Torrente racconta nella sua ultima opera, che ha ottenuto il prestigioso Premio Nacional de Narrativa, il difficile rapporto con il padre in quel tempo, “il tempo della vita” appunto, trascorso insieme a lui tra incomprensioni e odio-amore, fino alla morte dell’uomo. In una prosa splendida, letteraria e trasparente al tempo stesso, sospesa tra autobiografia e romanzo, tra narrazione e confessione, l’autore, completamente a nudo, indaga il senso profondo della relazione tra un figlio e un genitore. Questa materia, pericolosa e profondamente intima, quasi sfacciata, nella scrittura di Giralt Torrente diventa emozione, sorpresa e, soprattutto, grande letteratura capace di rivelare al lettore un significato universale. Il tempo della vita è la storia di una riconciliazione tra un padre e un figlio che, nonostante le reciproche chiusure, i silenzi, i lunghi periodi di separazione, non hanno mai davvero smesso di amarsi.

(source: Bol.com)

Il tempo dell’innocenza

Sareste capaci di uccidere un uomo, per salvare la persona che più amate? Milano, maggio 1986. Damiano, 17 anni, ha due amici: il carismatico Ivan ed Ermanno, il debole del gruppo. La vita di Damiano muta quando viene coinvolto da Ivan in uno scherzo ai danni di Ermanno. Uno scherzo che avrà un esito terribile. Nel 2011, Damiano è un quarantenne che vive di lezioni private e sembra non desiderare altro che passare inosservato ed essere dimenticato. Ma la lunga mano del destino sta per colpirlo. Ermanno, che non si era più riavuto dall’incidente dell’86, si spara, e per vendicarlo sua madre impone a Damiano un incarico atroce: uccidere Ivan. In cambio gli promette qualcosa che lui non può rifiutare. Lo scambio sarà una vita per una vita. Ma solo a patto che Damiano esca vincitore dal combattimento più difficile: quello con la propria coscienza.
(source: Bol.com)

Il tempo del vuoto

Il Vuoto, l’anomalia che è in realtà un microuniverso in espansione a spese del nostro, ma che alcuni adoreano come una manifestazione divina, ha ricominciato a dilagare. I Signori celesti del Vuoto hanno bisogno di un Secondo Sognatore, ma non riescono a trovarlo e il nemico del Commonwealth, l’Impero Ocisen, ha deciso nel frattempo di attaccare. Racconto nel racconto: edeard, colui che la gente chiama il Camminatore sull’Acqua, sa che deve incarnare il ruolo messianico che gli è stato assegnato, battendosi contro i potentati del crimine di Makkathran… Quando i lembi di diverse vicende si riuniranno, avremo un racconto fantastico e poderoso almeno quanto il volume che lo contiene e nulla di meno, alla lettera, di una saga universale.
Copertina di Franco Brambilla

Il tempo del buio

Notte dopo notte, Gil si scoperse a sognare di una città fantastica dove orrori alieni provenienti dalle profondità della terra e delle tenebre cercavano di distruggere la razza umana e tutte le opere dell’Uomo. Ma quando il Mago Ingold Inglorion attraversò il Vuoto alla ricerca del Santuario per l’ultimo Principe di Dar, si rese conto che i suoi sogni erano visioni assolutamente reali di una strana e singolare realtà. Sul mondo di Ingold, il mostruoso Buio era stato solo una leggenda per oltre tremila anni, ma ora, per qualche ragione sconosciuta, si aggirava in cerca di preda per tutto il paese, e non c’era alcuna possibilità di fuga dai suoi spaventosi poteri e dal suo insaziabile appetito. Cercando di aiutare Ingold, Gil e Rudy, due giovani cacciatori, vengono a trovarsi nello strano mondo del Buio. E qui sarebbero co stretti a rimanere per sempre, ammenochè non riescano a risolvere il mistero del Buio. Frattanto, prima che riescano a realizzare quale potrà essere il loro destino, il Buio colpisce repentinamente…

Il tempo degli stregoni

Il tempo degli stregoni: 1919-1929. Le vite straordinarie di quattro filosofi e l’ultima rivoluzione del pensiero by Wolfram Eilenberger
Siamo nel 1919. La Prima guerra mondiale è finita da poco. “Il dottor Benjamin fugge dalla casa di suo padre, il luogotenente Wittgenstein commette un suicidio finanziario, il libero docente Heidegger perde la fede e monsieur Cassirer lavora sul tram alla propria illuminazione.” Comincia un decennio di eccezionale creatività, che cambierà per sempre il corso delle idee in Europa e senza il quale alcuni pensieri non sarebbero mai stati pensati. Wolfram Eilenberger mette in scena l’esplosione del pensiero, sullo sfondo di una Germania divisa tra l’esuberanza e la voglia di vivere del dopoguerra e l’abisso della crisi economica, tra la lussuria delle notti berlinesi e i complotti reazionari della Repubblica di Weimar, mentre il nazionalsocialismo si trasforma velocemente in una minaccia. I quattro protagonisti di questi anni decisivi sono giganti di ogni tempo. E le loro vite straordinarie si intrecciano nella necessità di rispondere alla domanda che ha orientato nei secoli la storia del pensiero: che cos’è l’uomo? Una domanda che si fa più urgente che mai nell’ombra di una guerra devastante appena conclusa e di un’altra catastrofe che si annuncia all’orizzonte. Con grande abilità narrativa, Eilenberger mostra che la vita quotidiana e i dilemmi della metafisica fanno parte della stessa storia. E racconta la più grande rivoluzione del pensiero occidentale attraverso i suoi quattro protagonisti assoluti, ciascuno con il proprio sguardo penetrante e il proprio modo di concepire la vita, il linguaggio, il tempo e il mito.

Tempo assassino

**Il nuovo romanzo dell’autore di *Ninfee nere***
Estate 1989
Corsica, penisola della Revellata, tra mare e montagna. Una strada che segue la costa a precipizio sul mare, un’auto che corre troppo veloce… e sprofonda nel vuoto. Una sola sopravvissuta: Clotilde, quindici anni… I genitori e il fratello sono morti sotto i suoi occhi.
Estate 2016
Clotilde torna per la prima volta nei luoghi dell’incidente, con suo marito e la figlia adolescente, in vacanza, per esorcizzare il passato. Nel posto esatto dove trascorse l’ultima estate assieme ai genitori, riceve una lettera. Una lettera firmata da sua madre. Ma allora è *viva*?
«In *Tempo assassino* la Corsica non è più l’Isola della Bellezza, come viene solitamente chiamata, ma la scena di una suspense insostenibile tra confusione dei tempi e dei sentimenti».
—*Le Point*
Tradotto in circa trenta lingue, Michel Bussi è il maestro riconosciuto dell’alchimia tra manipolazione, emozione e suspense. È l’autore francese di noir attualmente più venduto oltralpe. I suoi libri hanno scalato le classifiche mondiali, tra cui anche quella del *Times* britannico. Le sue trame sono congegni diabolici dove il lettore è invitato a perdersi e ritrovarsi tra miraggi, prospettive ingannevoli e giochi di prestigio. Ma anche tra desiderio di vendetta e sentimenti d’amore.
**
### Sinossi
**Il nuovo romanzo dell’autore di *Ninfee nere***
Estate 1989
Corsica, penisola della Revellata, tra mare e montagna. Una strada che segue la costa a precipizio sul mare, un’auto che corre troppo veloce… e sprofonda nel vuoto. Una sola sopravvissuta: Clotilde, quindici anni… I genitori e il fratello sono morti sotto i suoi occhi.
Estate 2016
Clotilde torna per la prima volta nei luoghi dell’incidente, con suo marito e la figlia adolescente, in vacanza, per esorcizzare il passato. Nel posto esatto dove trascorse l’ultima estate assieme ai genitori, riceve una lettera. Una lettera firmata da sua madre. Ma allora è *viva*?
«In *Tempo assassino* la Corsica non è più l’Isola della Bellezza, come viene solitamente chiamata, ma la scena di una suspense insostenibile tra confusione dei tempi e dei sentimenti».
—*Le Point*
Tradotto in circa trenta lingue, Michel Bussi è il maestro riconosciuto dell’alchimia tra manipolazione, emozione e suspense. È l’autore francese di noir attualmente più venduto oltralpe. I suoi libri hanno scalato le classifiche mondiali, tra cui anche quella del *Times* britannico. Le sue trame sono congegni diabolici dove il lettore è invitato a perdersi e ritrovarsi tra miraggi, prospettive ingannevoli e giochi di prestigio. Ma anche tra desiderio di vendetta e sentimenti d’amore.

Il tempio maledetto

Ci sono scoperte che nessuno dovrebbe fare Un grande thriller Un enigma archeologico rimasto irrisolto per secoli sta per essere svelato Marmarica, 74 d.C. Sotto un sole cocente, una centuria di legionari romani vaga nello sterminato deserto egiziano. L’obiettivo della missione è ritrovare un antico tempio dedicato al dio Amon, al cui interno si celerebbe un oggetto leggendario, smarrito fra le pieghe dei secoli. Turchia, 1985. Lungo le coste del Chersoneso Tracico, lo studioso greco Yoannis Travlos ha riportato alla luce i resti dell’antica città di Lisimachia. Due settimane dopo, Travlos parte in segreto, alle prime luci dell’alba, deciso a raggiungere il vero obiettivo della sua campagna di scavi: una bassa collina a diversi chilometri di distanza dal confine autorizzato. Napoli, 2013. L’archeologo Robert Ferrazzi, ancora sconvolto per la morte del suo amico Alziwa, riceve una mattina la visita di una donna: è Melanie Scott Forster, figlia di Andrew Cameron, suo ex datore di lavoro scomparso misteriosamente. Quando intuisce che la sparizione dell’uomo s’intreccia con l’ultima ricerca archeologica del suo amico Alziwa – il ritrovamento di un antico tempio egizio sepolto sotto le dune del Sahara – Robert accetta di assistere la giovane e parte alla volta dell’Egitto. Un viaggio tra misteri e pericoli per far luce su una verità che il tempo sembra avere inghiottito… Un antico tempio sepolto nel deserto Un oggetto leggendario riemerge dal passato La storia sta per essere riscritta ‘Una trama coinvolgente affascina il lettore fin dall’incipit. La narrazione scorre veloce, gli intrighi non mancano e gli espedienti narrativi non risultano mai banali. Davvero un ottimo thriller.’ Fabio SorrentinoÈ nato nel 1983 e vive a San Giorgio a Cremano. È un ingegnere civile. Ha scritto i romanzi storici Ante Actium. Il destino di un guerriero e Sangue imperiale, tradotti in Spagna. La Newton Compton ha pubblicato Il segreto dell’Anticristo e Il tempio maledetto.

(source: Bol.com)

La tempesta

La tempesta porta la morte nelle isole Lofoten, nell’estremo nord della Norvegia: una violenta bufera infuria sulle aspre montagne. Una martellante e scoppiettante pioggia provoca una frana che finisce in un fiordo, portando alla luce lo scheletro di un bambino che era stato sepolto da diverso tempo. Nel frattempo, un uomo viene ritrovato carbonizzato in una casa di cura del paese. Le indagini dell’ispettore Rino Carlsen lo portano lontano nel passato. Non ha ancora idea che avrà a che fare con i crimini più raccapriccianti della sua carriera.

(source: Bol.com)

Tempesta di Spade

Dopo la morte di re Renly Baratheon gli avversari che si contendono il Trono di Spade sono ridotti a quattro. Il gioco di alleanze, inganni e tradimenti si fa sempre più spietato, sempre più labirintico, e l’ambizione dei contendenti non ha limite. Sui quattro re e sui paesaggi già devastati dalla guerra incombe la più terribile delle minacce: dall’estremo nord un’immane orda di barbari e giganti, mammut e metamorfi sta lentamente scendendo verso i Sette Regni. E con il “popolo libero” dei bruti, un pericolo ancora più spaventoso si avvicina: gli Estranei, guerrieri soprannaturali che non temono la morte. Perché alla morte già appartengono? Gli indeboliti, dilaniati guardiani della notte sanno che i loro giorni potrebbero essere contati. Spetterà a Jon Snow, il bastardo di Grande Inverno, ergersi per una disperata, eroica, ultima difesa. Forse, la guerra per il potere supremo è ancora tutta da giocare.

Tempesta

Tempesta by Lisa Henry, J.A. Rock
*Qualcosa di sinistro sta per accadere*.
L’agente dell’FBI Ryan “Mac”McGuinness e il truffatore Henry Page sono di nuovo in fuga. Questa volta sono diretti là dove tutto è cominciato: Altona, nell’Indiana. Popolazione: alcune capre. Henry non è affatto contento di doversi nascondere nella fattoria McGuinness, ma non ha altro posto dove andare.
Mentre Mac combatte per riabilitare il proprio nome e Henry cerca di decidere da che parte stare, un fantasma dal passato minaccia di distruggere ogni cosa. E non è neanche la sola tempesta all’orizzonte. Tagliati fuori sia dal lato buono che da quello cattivo della legge, Henry e Mac devono sopravvivere basandosi esclusivamente sul loro fragile rapporto.
Se Henry riuscisse finalmente rivelare a Mac chi si nasconde dietro tutte le sue maschere, i nostri eroi potrebbero forse avere una possibilità di sconfiggere le forze che cospirano contro di loro. Il vero amore non ha mai vita facile, ma per loro due potrebbe essere davvero l’unica speranza di sopravvivere.

Tempesta

Tempesta (titolo originale in inglese: Whirlwind) è un romanzo d’avventura scritto da James Clavell nel 1986 e pubblicato in Italia nel 1987.
Il romanzo è classificato dalle parole dello stesso autore come opera di genere avventuroso, anche se in realtà ha un respiro molto più ampio, che spazia dall’azione, alla politica, a vari altri aspetti della letteratura. La vicenda narrata, ambientata nel 1979, è stata ispirata dalle vere esperienze di una compagnia elicotteristica di servizi logistici che in quel tempo si trovava ad operare in Iran.

Tempesta

«Quando sono arrivato sull’isola, dopo tutti questi anni, pensavo che non sarei rimasto più di due o tre giorni. Ho preso una camera in un piccolo albergo del porto, accanto al terminal dei traghetti, sopra i negozi che affittano gli scooter e le biciclette ai turisti. Il tempo di verificare che non ci fosse più niente, che il passato fosse cancellato, che non provavo più nulla, il tempo di un ghigno o di un’alzata di spalle.» Philip Kyo, scrittore, condannato anni prima per aver assistito a un crimine orribile, uno stupro, e non averlo denunciato, e June, una tredicenne incapace di dare un volto al padre che non ha mai conosciuto. Questi i protagonisti di Tempesta, due figure segnate da un dolore profondo e conficcato nel tempo, chiuse nella bolla dell’isola di Udo, nel mar del Giappone. Un incontro fortuito, quasi impensabile, che assumerà la forma di un confronto serrato, dapprima fatto di intuizioni e fantasie, poi fin troppo vero e penetrante. Al centro del secondo quadro di questa composizione c’è invece Rachel, un’adolescente arrivata a Parigi dal Ghana. Anche lei racconta una vita segnata in due da una «rivelazione»: è figlia di uno stupro, figlia di una donna abbandonata, anche lei deve spiegare a se stessa la sofferenza che sente, e il come e il perché delle azioni che compie o si appresta a compiere. Le Clézio, a dieci anni dal Premio Nobel, costruisce un romanzo in novelle di una densità, linguistica e poetica, sorprendente; indaga le ferite dell’infanzia e il modo in cui ridisegnano il percorso delle nostre vite. Con uno stile delicato e chirurgico, ci affida due ritratti femminili intimisti e drammatici, pagine preziose della migliore letteratura francese.
**
### Sinossi
«Quando sono arrivato sull’isola, dopo tutti questi anni, pensavo che non sarei rimasto più di due o tre giorni. Ho preso una camera in un piccolo albergo del porto, accanto al terminal dei traghetti, sopra i negozi che affittano gli scooter e le biciclette ai turisti. Il tempo di verificare che non ci fosse più niente, che il passato fosse cancellato, che non provavo più nulla, il tempo di un ghigno o di un’alzata di spalle.» Philip Kyo, scrittore, condannato anni prima per aver assistito a un crimine orribile, uno stupro, e non averlo denunciato, e June, una tredicenne incapace di dare un volto al padre che non ha mai conosciuto. Questi i protagonisti di Tempesta, due figure segnate da un dolore profondo e conficcato nel tempo, chiuse nella bolla dell’isola di Udo, nel mar del Giappone. Un incontro fortuito, quasi impensabile, che assumerà la forma di un confronto serrato, dapprima fatto di intuizioni e fantasie, poi fin troppo vero e penetrante. Al centro del secondo quadro di questa composizione c’è invece Rachel, un’adolescente arrivata a Parigi dal Ghana. Anche lei racconta una vita segnata in due da una «rivelazione»: è figlia di uno stupro, figlia di una donna abbandonata, anche lei deve spiegare a se stessa la sofferenza che sente, e il come e il perché delle azioni che compie o si appresta a compiere. Le Clézio, a dieci anni dal Premio Nobel, costruisce un romanzo in novelle di una densità, linguistica e poetica, sorprendente; indaga le ferite dell’infanzia e il modo in cui ridisegnano il percorso delle nostre vite. Con uno stile delicato e chirurgico, ci affida due ritratti femminili intimisti e drammatici, pagine preziose della migliore letteratura francese.

Tecniche di Memorizzazione – Il metodo passo per passo per memorizzare 52 carte + l’apologo del faraone e della piramide (Memoria)

In questo libro sfoglieremo insieme un intero mazzo di carte, girandole a due a due, e credo di poterti garantire che all’ultima pagina sarai in grado di ricordarlo tutto dal principio alla fine. Sarai anche in grado di ripeterlo in ordine inverso. E infine, sarai in grado se per esempio ti viene chiesto quale carta è stata estratta per 17esima, o 13esima, o Nesima, di rispondere esattamente e senza esitare in un paio di secondi.
Il gioco delle 52 carte è il mio preferito per due motivi: in primo luogo è di grande effetto, perché sembra veramente una cosa impossibile da fare. In secondo luogo, racchiude in sé le basi delle tecniche di memoria: i loci, la conversione alfanumerica, la associazione creativa di immagini. È un piccolo compendio delle tecniche, e padroneggiarlo è un ottimo esercizio sia per la tua autostima sia per il ripasso delle tecniche stesse.
Se conosci già le mnemotecniche, seguirmi nella memorizzazione delle carte sarà per te un gioco da ragazzi. Se non le conosci farai più fatica, ma ti spiegherò comunque le basi essenziali per permetterti di ricordare tutte le carte.
Buon Lavoro
Armando L
**
### Sinossi
In questo libro sfoglieremo insieme un intero mazzo di carte, girandole a due a due, e credo di poterti garantire che all’ultima pagina sarai in grado di ricordarlo tutto dal principio alla fine. Sarai anche in grado di ripeterlo in ordine inverso. E infine, sarai in grado se per esempio ti viene chiesto quale carta è stata estratta per 17esima, o 13esima, o Nesima, di rispondere esattamente e senza esitare in un paio di secondi.
Il gioco delle 52 carte è il mio preferito per due motivi: in primo luogo è di grande effetto, perché sembra veramente una cosa impossibile da fare. In secondo luogo, racchiude in sé le basi delle tecniche di memoria: i loci, la conversione alfanumerica, la associazione creativa di immagini. È un piccolo compendio delle tecniche, e padroneggiarlo è un ottimo esercizio sia per la tua autostima sia per il ripasso delle tecniche stesse.
Se conosci già le mnemotecniche, seguirmi nella memorizzazione delle carte sarà per te un gioco da ragazzi. Se non le conosci farai più fatica, ma ti spiegherò comunque le basi essenziali per permetterti di ricordare tutte le carte.
Buon Lavoro
Armando L

Tecnica del colpo di stato

Questo «manuale pratico», come lo definisce semplicemente l’autore, non mancò di suscitare l’esitazione e la diffidenza dei suoi primi editori a diffonderlo. Il perché è presto detto: dopo le prime pagine, chiunque si rendeva conto che il libro era un’autentica bomba, e anche se qualcuno, fuorviato dalla scrittura semplice e un po’ ironica, poteva considerarlo dapprincipio un thriller alla James Bond, si sarebbe poi facilmente e subito convinto che Luttwak scriveva su un argomento molto serio con estrema serietà. In termini elementari, il colpo di Stato, volere o no, è divenuto un fenomeno della vita moderna (dal 1945 al 1968 se ne sono verificati settantacinque nel mondo) e ciò ci sprona a comprenderne e l’importanza e il significato. Luttwak, nato a Arad in Transilvania, cittadino inglese dal 1967, che ha vissuto e lavorato in parecchi paesi, compresi quelli dell’Europa orientale, ce li spiega, riscuotendo l’ammirazione di esperti di storia moderna come Manuel Finer e Stephen Ambrose, che non esitano a chiamare il suo manuale un classico.

Te Lo Giuro Sul Cielo

Te lo giuro sul cielo by Luigi Maieron
**Dopo il successo di *Quasi niente*, ****il nuovo romanzo di Luigi Maieron ****con la presentazione di Mauro Corona**
******”Splendido libro… Onore al merito, caro compare.” – *Mauro Corona***
“Leggendo queste pagine si cammina sulla cenere dei ricordi, 
sollevando la polvere di un mondo antico, ormai sepolto per sempre… 
Leggeri battiti di cuori dimenticati che, con un po’ di attenzione, 
si possono ancora ascoltare… Maieron lo ha fatto. 
In musica e prosa, anzi, una prosa musicale. 
Con lealtà e dolcezza, dentro epifanie di dolori e 
speranze che aiutano un po’ tutti noi. 
Onore al merito, caro compare.”
**Mauro Corona**

Il primo amore di Cecilia è una fisarmonica dal mantice di cartone. Grinta, passione e irresistibile comicità, lei è un fiume in piena che prende a morsi la vita.
***Te lo giuro sul cielo*** racconta l’esilarante e incontenibile **epopea** di un piccolo mondo antico che ha lasciato **tracce indimenticabili.** Che ha piantato radici profonde. **Luigi Maieron** compone la sua narrazione e i suoi ricordi come in un romanzo, ci porta indietro nel tempo, **tra le montagne di Carnia, in Friuli,** in un paese minuscolo il cui nome significa “circondato dai venti”. **Istinto** **e magia, carisma e imprevedibilità** hanno trovato casa per molto tempo a **Cercivento,** con Augusta, Pio, Genesio, la comare Teresine, Nodâl, Anna, Nêl, **una galleria di personaggi singolari e irresistibili** che l’autore immortala con immagini precise e toccanti, senza mai tradire il **dialetto,** lingua che mostra la vita tralasciando fronzoli e mediazioni.
Un omaggio a una terra, la **Carnia,** che sembra un’invenzione letteraria. Una presenza viva in ogni pagina. Una storia che consegna un messaggio senza pretendere di dare lezioni. Semplicemente raccontando **un modo di vivere e di stare al mondo** che oggi sembra non essere più possibile. Un modo non sempre giusto, ma **autentico, semplice e schietto. Vero.**

Te la sei cercata

In una cittadina di provincia dove tutti si conoscono, Emma O’Donovan è diversa. Lei è speciale: diciotto anni, bellissima, popolare, potente. È sempre perfetta e ama essere desiderata. Tutte le ragazze vorrebbero essere sue amiche, e tutti i ragazzi vorrebbero uscire con lei. Fino a quella notte. A quella festa d’estate, Emma era troppo ubriaca per rendersi conto di cosa stava accadendo, troppo ubriaca per dire basta, troppo ubriaca per ricordare. Ma quelle immagini, quelle fotografie che tutti hanno visto online, significano che non potrà mai dimenticare. E dopo la violenza comincia un nuovo incubo: Emma era speciale, ma ora è solo una fonte di imbarazzo. È sulla bocca di tutti, assurdamente additata e accusata. Davvero se l’è cercata? Davvero è sua la colpa? Senza punti di riferimento, Emma comincia a dubitare persino di se stessa.
**