55137–55152 di 74503 risultati

Stella meravigliosa

Giappone. Una notte d’estate degli inizi degli anni Sessanta, Juichiro Osugi, un uomo che conduce una vita tranquilla al riparo delle mura domestiche e dell’affetto dei familiari, attratto dal chiarore della luna, esce di casa e raggiunge una radura ai margini della città. Lì avviene l’“incontro” che muterà radicalmente la sua vita: un’astronave, luminosa, solenne, si schiude all’improvviso davanti ai suoi occhi. L’uomo la contempla estasiato e scopre un segreto sepolto nella sua memoria…
Pubblicato a puntate nel 1962 su “Shinco”, rivista letteraria dell’omonima casa editrice, *Stella meravigliosa* è il frutto di una passione segreta di Mishima: qualche anno prima della pubblicazione dell’opera, lo scrittore aveva preso, infatti, a frequentare riunioni di esperti di ufologia, e a consultare con cura gli studi sulle possibilità di vita extraterrestre. Grazie a una perfetta fusione tra realtà e fantasia, il romanzo si segnala per il suo potere di incantare il lettore, e di indurlo con estrema naturalezza a varcare i limiti della quotidianità.

Stella distante

Chi era Carlos Wieder? Un poeta o un assassino? Un artista o un criminale? Un pilota spericolato che si esibiva in performance di «scrittura aerea» o un autore di snuff movies? E ha veramente arrestato e torturato e ucciso, nei mesi successivi al golpe di Pinochet, decine di persone, per poi esporre le foto dei cadaveri ridotti a brandelli perché convinto della assoluta, gra­tuita purezza del male – perché solo il dolore è in grado di rivelare la vita, e lo scopo della sua era «l’esplorazione dei limiti»? Nulla, sembra ribadire Bolaño, è più sfuggente della verità. Tant’è che, una pagina dopo l’altra, un tassello dopo l’altro – attraverso un accumulo di indizi, molti dei quali di natura squisitamente letteraria, e di storie parallele, alcune tragiche, alcune grottesche, alcune paradossalmente fiabe­sche (ma tutte, sempre, eccessive, «come lo era il Cile di quegli anni») –, il nostro percorso di avvicina­mento a quella che potrebbe essere la verità diventa via via più sdrucciolevole, come se l’autore medesimo ci invitasse a dubitare degli eventi che narra non meno che degli scrittori che cita, delle poe­sie, delle riviste, dei movimenti letterari a cui allude. Nonché, in definitiva, dell’esistenza stessa di un uomo chia­mato Carlos Wieder.
(source: Bol.com)

Stella Di Piazza Giudia

Stella di piazza Giudia by Giuseppe Pederiali
Celeste è la ragazza più bella del Ghetto di Roma ma quasi nessuno la chiama con il suo nome vero: lei è Stella, per gli innumerevoli ammiratori, o la Pantera Nera, negli anni oscuri dell’occupazione tedesca, per i parenti e gli amici dei tanti correligionari da lei consegnati ai fascisti condannandoli alle Fosse Ardeatine o ad Auschwitz.
Nessuno ha mai saputo perché lo facesse. Per soldi? Per amore di un ausiliario delle SS? O per vendicarsi della propria comunità che l’aveva respinta ai margini per il suo comportamento disinibito? A queste domande non hanno saputo rispondere le cronache, che si occuparono a lungo di lei nel dopoguerra, quando trascorse anni in carcere prima di sparire nel nulla con un altro nome.
Partendo dallo studio di carte processuali, archivi, giornali d’epoca e da interviste di molti testimoni di quei tragici eventi, Pederiali costruì un romanzo corale struggente, vivido specchio di uno dei momenti più laceranti della nostra storia, che merita ancora oggi di essere ripubblicato e valorizzato.

La stella della vita

Kirk Hammond è solo. Solo più di quanto lo sia mai stato nessun altro uomo. È stato affidato a una macchina perfettissima, che non doveva sbagliare, che doveva portarlo fra le stelle, e poi indietro, fra gli uomini. Invece la macchina ha sbagliato. Così adesso Kirk Hammond vive le ultime ore della sua vita in attesa del funerale più solenne che sia mai stato tributato a un essere umano. Tutto il mondo saprà della sua morte, tutto il mondo piangerà il primo pioniere dello spazio morto nello spazio. E lui? Forse prima di morire impazzirà. Ma aprendo il portello che lo separa dal gelo del vuoto eviterà che il mondo pianga un eroe morto pazzo di paura. Kirk Hammond apre il portello e pur sapendo con esattezza di essere morto, non muore. Da quel momento Hammond desidererà di non addormentarsi mai, perché il sonno gli riporterà infallibilmente l’incubo di aver assistito alla propria morte.

La stella dell’Araucania

Mariquita, bellissima cilena chiamata la “stella dell’Araucania” parte alla ricerca del fidanzato Alonzo, – naufragato sulle coste della Terra del Fuoco, – con Piotre, un giovane segretamente innamorato di lei. Nel viaggio avventuroso, ricco di pericoli e imprevisti, la fedeltà e il coraggio di Piotre conquisteranno Mariquita, che scoprirà così i suoi veri sentimenti.

Stella del mattino

Oxford, 1919. Il Primo conflitto mondiale è appena terminato e una schiera di giovani reduci torna sui banchi universitari. Le ombre dei compagni morti popolano le loro notti, la routine accademica non ha risposte da offrire all’orrore vissuto al fronte. Da un giorno all’altro l’austera quiete dei college è turbata dall’arrivo di T. E. Lawrence, il leggendario ‘Lawrence d’Arabia’. Partito da Oxford come archeologo e divenuto ispiratore della rivolta araba contro i turchi, l’uomo d’azione ha ora un nuovo incarico: scrivere il memoriale della propria impresa. Mentre i ricordi prendono vita, la saga di ‘Lord Dinamite’ si alterna alle vicende di tre sopravvissuti al massacro. John Ronald Reuel Tolkien, filologo e scrittore di racconti. Clive Staples Lewis, studente di lettere che dalla guerra ha avuto in dono una doppia vita. Robert Graves, poeta che tenta invano di affrancare i propri versi dall’incubo delle trincee. L’incontro con Lawrence cambierà per sempre le loro vite, costringerà ognuno a confrontarsi con i propri fantasmi e sarà il punto d’origine di nuove memorabili storie.
(source: Bol.com)

Stella cadente

Julian Vega non ha mai ucciso Allison Wallis, la giovane dottoressa brutalmente assassinata nel 1983 nella città di New York. Lui si dichiara innocente, ma intanto marcisce in prigione da ventanni. Pietà per quella donna senza colpa, rabbia per i terribili anni di carcere e profondo rancore per un detective che l’ha sbattuto dentro con indagini sommarie: questo è tutto il mondo di Julian Vega. Ma l’incubo non è finito quando le porte della libertà gli si aprono davanti. Uno stesso, identico delitto viene commesso: sempre una giovane dottoressa, la stessa violenza di quel lontano passato, gli stessi dettagli sulla scena del delitto e, maledizione che si ripete, ancora quel detective che indaga sul caso. Ma oggi le regole del gioco sono diverse, e gli strumenti della scientifica sono ovviamente sofisticati. Adesso i tessuti e i residui di sangue trovati sotto le unghie della vittima possono essere esaminati e confrontati con quelli della donna uccisa vent’anni prima. La tensione è fortissima: bisogna riesumare il corpo di Allison Wallis e ricominciare l’indagine con la più accurata delle analisi. lì sangue sotto le unghie della vecchia vittima non è quello di un uomo: Julian Vega non ha ucciso Allison Wallis vent’anni prima. Una verità terribile è davanti agli occhi di tutti: il campione di sangue del 1983 è identico a quello rinvenuto sulla nuova vittima. È il sangue di Allison Wallis…

Stella

###
L’autore de “Il delfino”, lo scrittore australiano, nato in Perù e vissuto a lungo negli Stati Uniti, Sergio Bambarén racconta la storia di Stella: una giovane pennuta un po’ goffa e impacciata che detesta le sue piume colorate, che la rendono tanto diversa da quelli della sua specie. Con l’aiuto del saggio gufo Abramo però impara ad apprezzarle e a comprendere di avere una missione da compiere che la porterà a volare lontano.
**

Steady-Cam

Il racconto, scritto nel 1999, che ha fatto conoscere Christian Del Monte ai lettori di KULT Underground. Una carrellata di circa quindi ore su un gruppo di giovani che si muovono in una Bologna riconoscibile e dura, descritta nei luoghi, nelle azioni e nei pensieri, all’interno di una atmosfera unica e intensa.

Stazione Ospedale

In un lontano futuro la nostra galassia si è scoperta abitata da esseri intelligenti di tutte le razze possibili e immaginabili che si sono unite in una grande Federazione. Ma far vivere insieme persone che hanno abitudini alimentari diverse, differenti morfologie, che non respirano la stessa atmosfera o appartengono a mondi con diversa gravità, crea difficoltà tremendamente complesse in una gigantesca stazione spaziale, un planetoide artificiale che funge da ospedale galattico sovvenzionato dalla Federazione e a disposizione di chiunque ne abbia bisogno. Perciò nella stazione ospedale i medici vengono addestrati a vivere nelle condizioni più difficili e devono conoscere tutte le razze.

Stazione Geenna

Fra tutti i pianeti di cui la gigantesca corporazione diretta da R. G. Spooner ha richiesto i diritti di sviluppo, Geenna è il più maledettamente ostile. Ma il Grande Vecchio in persona si è interessato alla cosa, e ora sei professionisti bene addestrati stanno affrontando il problema. Si tratta di terraformare il nuovo mondo per le esigenze di innumerevoli coloni, ma in diciotto mesi strani incidenti prendono a verificarsi, inclusa la morte di uno dei tecnici. Victor Lewin viene inviato a indagare in incognito, e si trova a dover fare i conti con le stesse imponderabili forze che già una volta hanno lasciato il loro segno sul Grande Vecchio. Si tratta di un sabotaggio ben architettato da qualche rivale, o è lo stesso pianeta che non desidera intromissioni da parte degli umani?
Copertina di Vicente Segrelles

La statua immortale

Xul, il bellissimo pianeta illuminato dal sole Markab, sta per morire avvolto da una densa cortina di depositi nucleari formatasi in seguito agli esperimenti scientifici e che impedisce ai raggi di Markab di raggiungere il pianeta votatoa diventare una immensa distesa ghiacciata sul quale è impossibile vivere. E allora gli xuliani operano un ultimo disperato tentativo: aprire la strada alle immense grotte sotterranee dove ancora esiste calore. Ma prima che l’opera venga portata a termine, su Xul scoppia una rivolta, e gli abitanti delle città terrorizzati dall’avanzare dei ribelli che distruggono tutto ciò che ancora esiste, cercano scampo nelle ferrovie sotterranee. Così la gigantesca esplosione, che doveva dare la salvezza a molti se non a tutti, travolge il popolo xuliano. Quando secoli e secoli più tardi una spedizione scientifica terrestre arriva sul pianeta che li accoglie rigoglioso di vita vegetale sotto i caldi raggi del sole ormai libero dal velo atomico, uno strano popolo di creature diafane, timide e apatiche, completamente prive di occhi, vive nelle spettacolari grotte sotterranee dove non giunge la luce di Markab. E’ un popolo che trascina un’esistenza priva di qualsiasi interesse, e adora una grande statua che domina le grotte erette fra due stalattiti.
Copertina di: Karel Thole

Stato di salute

Sinossi

Per impedire al presidente degli Stati Uniti di presentare un progetto di legge che legalizza gli stupefacenti, il crimine organizzato elabora un terribile piano: rapire la figlia del suo medico personale, costringendolo a sottoporre il presidente ad una dannosissima terapia, che lo elimini dalla scena politica. Solo contro tutti, il dottor VanDuyne deve giocare una partita molto rischiosa. Ma sulla sua strada trova un’imprevista alleata: Poppy, la ragazza che il cartello della droga ha destinato alla sorveglianza della bambina.

Stasera, Tacchi a Spillo

Tenebroso, istrionico ed incorreggibile playboy… questo è il petroliere Cabe Ritter.
Per la giovane Danette Marist, la sua segretaria, è una semplice questione di sopravvivenza indossare gonne lunghe al ginocchio e camicette da educanda, tenere la mano leggera col trucco e raccogliersi i capelli in una severa crocchia.
Poi una sera, in occasione di una festa alla quale partecipano entrambi, succede l’inevitabile… un bacio, un sorriso, una carezza e… l’esplosione di una passione troppo a lungo repressa, ma, soprattutto, l’inizio di un bellissimo…