54769–54784 di 72802 risultati

Perry Mason e la rossa ambiziosa (Il Giallo Mondadori)

Quando si ha a che fare con una rossa non si sa mai come andrà a finire. Evelyn Bagby, avvenente cameriera in cerca di un’occasione nel mondo del cinema, ne è la prova vivente. La ragazza ha i capelli rossi, ed è una vera calamita per i guai a causa della sua ingenua ambizione. Non c’è da stupirsi che in pochi la credano innocente, quando viene trovata in possesso di un braccialetto rubato e accusata del furto dei gioielli di un’attrice hollywoodiana. Fortunatamente per lei, c’è qualcuno disposto a darle fiducia: Perry Mason, convinto che sia stata incastrata, per difenderla è pronto ad affrontare uno dei processi più complicati della sua carriera. E per avere la meglio in tribunale contro chi ha preso di mira la sua pur irrequieta cliente, il principe del Foro dovrà dimostrare di saperne davvero una più del diavolo.
ALL’INTERNO, il racconto ”So Lonely” di Riccardo Landini, terzo classificato all’ottava edizione del concorso Carabinieri in Giallo.
(source: Bol.com)

Perry Mason e la ragazza-calendario

Fotografi e modelle hanno aumentato il lavoro alla Giustizia. Infatti, il nostro tempo pare aver trasformato la macchina fotografica in uno strumento immorale che si macchia di molti reati. E le modelle, a ruota. Queste ragazze, che posano per copertine di riviste o per illustrazioni di calendari–omaggio industriali, chissà perché hanno gli onori della cronaca per scandali, ricatti, e omicidi, anche. Eccovi il caso scottante che vi prospetta questa volta Gardner, il quale come un attento cronista dei costumi d’oggi trasporta la cronaca nel romanzo e affida a Perry Mason e Co. il compito di portare a galla il sottofondo segreto e vischioso di un mondo che in superficie è tutto splendide ragazze sorridenti e affascinanti. I gialli di Perry Mason hanno la dote di essere «veri», rigorosamente esatti tanto da un punto di vista di cronaca di costume quanto da quello della cronaca giudiziaria. Ecco perché sono i più letti del mondo. Questo tredicesimo «Giallo del Mandarino» è anche il primo di due romanzi di Gardner tra i migliori dell’annata, degni in tutto della serie estiva.

Perry Mason e la moglie assonnata

Jane Keller si trova in un bel pasticcio. Ha venduto la sua isola al milionario Parker Benton. Un ottimo colpo, che però fatica ad andare in buca: la strana clausula di un precedente contratto potrebbe mandare a monte l’affare. Per Jane questa vendita è l’ultima carta da giocare, dopo che il denaro dell’assicurazione del defunto marito, cioè tutto il suo patrimonio liquido, è andato in fumo a causa dei cattivi investimenti del cognato. Ma Benton è un tipo che sa ciò che vuole e come ottenerlo, così per risolvere la controversia ed entrare in possesso dell’isola organizza una gita sul suo panfilo con le persone implicate nell’affare. Perry Mason compreso, in qualità di avvocato di Jane: un caso piuttosto facile all’inizio, ma con un seguito che gli darà molto da sudare.

Perry Mason e l’erede fiduciario

Il bizzarro testamento di Templeton Ellis, un finanziere morto da quattro anni… il modo tutt’altro che ortodosso, anche se fondamentalmente onesto, in cui un giovane consigliere finanziario, Kerry Dutton, amministra i beni lasciati da Templeton alla figlia… le ambigue manovre di un intellettuale fasullo che vuol spillare soldi alla ragazza per distribuire sussidi ad alcuni geni incompresi… uno scottante pacchetto d’azioni e la misteriosa morte di un ricattatore…, ecco gli ingredienti principali di questa nuovissima avventura dell’inarrivabile Perry Mason. «Tutti a lui capitano, i casi più interessanti e complicati?», domanderà qualcuno. Ma è naturale. Non vi rivolgereste voi forse a un Perry Mason, se vi trovaste impegolati in una situazione come quella in cui si dibatte Kerry Dutton? Secondo il suo solito, Perry si butta nella mischia col suo piglio spericolato, e, sulla dirittura finale, oltre ai fedelissimi – Paul Drake e Della Street – si troverà al fianco, il suo più intimo avversario, il tenente Tragg, disposto, una volta tanto, a dargli tutta la sua collaborazione.

Perry Mason e l’anatroccolo

John L. Witherspoon, ricco possidente, incarica Perry Mason di un caso “mortale”, vecchio di diciotto anni: quello di Horace Legg Adams condannato e giustiziato per aver ucciso David Latwell, suo socio in affari….

Perry Mason e il siero della verità

Nadine Farr è una ragazza con problemi psichici. Si è rivolta a uno specialista e, durante una seduta sotto l’effetto del siero della verità, ha confessato di aver avvelenato suo zio e di aver gettato nelle acque di un lago il fl acone con le pillole assassine. La sconcertante rivelazione è stata registrata su nastro dal dottor Denair, che consulta Perry Mason sul da farsi. Le dichiarazioni della paziente sono confi denziali e tutelate dal segreto professionale, ma contengono una notizia di reato, che come tale dev’essere denunciato alla polizia. Il guaio è che la storia del delitto potrebbe essere un’allucinazione provocata dal pentothal. Sarebbe allora più prudente svolgere ulteriori indagini, e chi meglio dell’insigne legale saprebbe incaricarsene? Ma un caso nato con simili premesse non può che riservare sorprese. Come, per Mason, quella di vedersi accusato di fabbricare prove false. O di scoprire che, oltre le apparenze, i fatti siano leggermente diversi. E magari, anche l’identità dell’assassino.
Erle Stanley Gardner (1889-1970), statunitense, è tra i più celebri giallisti di tutti i tempi. Dopo aver esercitato l’avvocatura e pubblicato numerosissimi racconti, a partire dagli anni Trenta si è dedicato esclusivamente alla narrativa. Con il personaggio di Perry Mason, accompagnato da un ampio e duraturo successo anche grazie alle trasposizioni televisive, ha prodotto una lunga serie di romanzi che rappresentano la vetta ineguagliata del giallo giudiziario, padre del moderno legal thriller.
All’interno, il racconto “Bas Salieri – Una notte tra le ombre” di Stefano Di Marino.

Perry Mason e il grido nella notte

Perry Mason ha una regola: niente casi che contemplino rapporti coniugali. Non lo interessano le cause di divorzio. Ma il suo nuovo incarico promette di essere più unico che raro. Una donna lo ingaggia perché interroghi il marito su una strana storia. L’uomo ha offerto un passaggio a una ragazza incontrata di notte lungo una strada; le avevano rubato l’auto e la borsetta con i documenti, e tuttavia lei non voleva chiamare la polizia. Eccedendo forse in altruismo più che in prudenza, lui le ha preso una stanza in un motel, dopodiché non ne ha saputo più nulla. Un’avventura davvero inconsueta che potrebbe riservare brutte sorprese, soprattutto se connessa all’omicidio di un medico, aggredito quella stessa notte da una ragazza che corrisponderebbe alla descrizione. È solo il primo atto di un’oscura vicenda di adozioni illegali e trafficanti di bambini. Un abisso di infamie che l’avvocato del diavolo si prepara a scoperchiare.
Erle Stanley Gardner (1889-1970), statunitense, è tra i più celebri giallisti di tutti i tempi. Dopo aver esercitato l’avvocatura e pubblicato numerosissimi racconti, a partire dagli anni Trenta si è dedicato esclusivamente alla narrativa. Con il personaggio di Perry Mason, accompagnato da un ampio e duraturo successo anche grazie alle trasposizioni televisive, ha prodotto una lunga serie di romanzi che rappresentano la vetta ineguagliata del giallo giudiziario, padre del moderno legal thriller.
All’interno, il racconto “La vendetta del Lamassu” di Allegra Iafrate, secondo classificato alla nona edizione del concorso Carabinieri in Giallo
EBOOK DISPONIBILE

Perry Mason e il cane molesto

Arthur Cartright vorrebbe fare testamento a favore di una donna, la signora Foley, che è la moglie di un suo vicino di casa. Richiesta piuttosto insolita. Sembra però che la donna non sia veramente la moglie del signor Foley. Senza contare che Cartright in realtà è coniugato, ma non sa dove si trovi la gentile consorte. Una situazione davvero complicata. Per di più Cartright vuole denunciare Foley perché il suo cane lo tormenta ululando in continuazione, e i cani si lamentano quando qualcuno, nei paraggi, sta per morire. Di fronte a questa ulteriore bizzarria, l’avvocato Perry Mason dovrebbe forse suggerire al signor Cartright un altro genere di consulto. Invece accetta l’incarico. Scoprirà presto che il cane è tutt’altro che molesto, ma il presagio di morte pienamente azzeccato.

Perry Mason con l’acqua alla gola

«Dedico il mio nuovo romanzo» scrive Gardner nella prefazione «a un “Perry Mason” in carne ed ossa, l’avvocato Park Street di San Antonio, Texas, membro attivo della Corte dell’Ultima Speranza.» Questa Corte, com’è noto, è una specie di Tribunale ufficioso, nato sotto gli auspici di Gardner col concorso di giuristi e criminologi, che riesamina i casi giudiziari chiusi e archiviati dalla Magistratura dopo una sentenza tale da far temere un errore giudiziario. «Mentre scrivo questa prefazione» dice ancora l’autore «l’avvocato Park Street sta inaugurando nei suoi uffici una “Stanza Perry Mason” dedicata non tanto a Mason, che è un personaggio di fantasia, quanto alla concezione, agl’ideali che egli rappresenta. Ecco perché, quasi me l’avesse suggerito Perry Mason, che, diciamo, vive in me, ho sentito il bisogno di dedicare una delle sue avventure a un uomo che non esiterebbe certo a mettere a repentaglio carriera e portafoglio, pur di giungere al trionfo della Giustizia.» Perry Mason con l’acqua alla gola è un romanzo che non abbisogna di presentazioni. La dedica dell’autore è una conferma di quanto siano vicine alla realtà le vicende raccontate dal principe del Giallo.

Permutation city

In un mondo alternativo generato al computer, possono essere duplicati anche gli esseri umani, con le loro ansie, i loro ricordi di “vita” e addirittura le loro personalità. Queste sono Copie che possono interfacciarsi con il mondo reale, seguire gli avvenimenti politici e i propri affari addirittura post mortem. L’unica differenza sta nel fatto che il tempo soggettivo di queste copie è rallentato di circa diciassette volte rispetto al normale, a causa delle limitate capacità di calcolo disponibili, generando così una sorta di mondo onirico digitale. A poco a poco il mondo delle Copie si autonomizza, cominciando a reclamare per sé i diritti civili previsti per gli esseri umani, e si amplia fino a raggiungere le dimensioni di un insieme di universi paralleli, in cui giocano un ruolo fondamentale sedici ricconi che, prima di morire, si erano fatti scannerare in cambio di due milioni di dollari. Tutto sembra svolgersi secondo il progetto originario di Paul Durham, il protagonista-progettista di questo mondo parallelo, quando qualcosa comincia ad andare storto… Questo romanzo di Greg Egan è stato salutato come il testo fondativo della “speculative fiction” contemporanea, uno stile di fantascienza che prendendo spunto dall’osservazione fisico-matematica costruisce mondi paralleli in cui di fatto trovano spazio inedite riflessioni su idee filosofiche quali creazione, evoluzione, morte e Dio.