54257–54272 di 62912 risultati

Morti tutti insieme

Sookie Stackhouse non ne può più di risolvere i problemi di ogni creatura soprannaturale che incontri sulla sua strada. Dopo aver rotto con Bill, il fidanzato storico, Sookie non solo dovrà gestire il suo nuovo ragazzo Quinn, una tigre mannara, ma anche affrontare il Summit dei Vampiri, un evento a lungo pianificato che per la giovane di Bon Temps si rivelerà l’ennesima gatta da pelare. Nel frattempo Sophie-Anne, regina dei vampiri della Louisiana, si trova in una posizione precaria: il suo quartier generale è stato distrutto da un uragano e alcuni vampiri sono determinati a finire ciò che la natura ha già iniziato. Sookie dovrà scegliere da che parte stare. E la sua scelta potrebbe fare la differenza tra la vita e la catastrofe.
(source: Bol.com)

Morti sospette

Ad Ashdown Dean, minuscolo villaggio perduto nella campagna inglese, la monotona tranquillità della vita quotidiana è interrotta da una serie di incidenti a danno di animali domestici: un cane avvelenato, un gatto scomparso che rischia di essere bruciato, e così via. Sembra cosa di poco conto, anche se pur sempre inquietante per un posto dove sembra non debba succedere mai nulla. Le cose precipitano quando, in una serata temporalesca (anche questa tipicamente inglese), un’anziana signora viene rinvenuta cadavere dentro una cabina telefonica. A trovarla è Polly Praed, una scrittrice di gialli in cerca d’ispirazione; una donna con un carattere imprevedibile, timida e insicura, eppure maledettamente pronta a pretendere tutto dagli altri. Questo bell’esemplare di scrittrice, dal formidabile «super io», scatena sul posto, prima, l’intervento di Melrose Plant, l’originale aristocratico, alquanto decaduto ma assai simpatico, che ritroveremo in alcuni romanzi della Grimes e, poi, l’imperturbabile ispettore Jury. Quella che sembrava una innocua scampagnata, limitata alla ricerca del gatto scomparso della pretenziosa scrittrice, si dimostra invece una delle più complesse indagini poliziesche a cui deve far fronte il nostro ispettore. Perché le morti si susseguono con un’impressionante escalation e sarà difficile trovare una soluzione logica, anche per la testarda Polly Praed che ha trovato pane per i suoi denti e, manco a dirlo, materiale d’ispirazione in abbondanza per i suoi romanzi.

Morti senza tomba; Le mani sporche

Nell’opera teatrale di Sarte vi è come la presenza di tracce che negano la forma canonica del teatro borghese. Il rapporto è costruito su delle circostanze (che possono equivalere a una o più scene), come ne Le mani sporche; in tali circostanze si addensano quelle tracce che negano sul nascere la possibilità che le scene trasformino il teatro nella forma canonica del teatro borghese. Per questo il teatro di Sartre è anti-borghese: nega la forma canonica prima che nasca.
Il teatro di Sartre appare come un campo di battaglia sociale e culturale, allargato al pubblico che assiste alla rappresentazione. Non è infatti un teatro pedagogico, ma un modo di rappresentazione che sembra richiedere, quale spettatore modello, un pubblico irrequieto. Senza un simile pubblico, la rappresentazione perde le sue cariche culturali: rischia di muovere verso la forma del teatro pedagogico o verso quella del teatro politico. È un teatro che esige una certa cornice culturale e storica.

Morte sul fiume

Un sontuoso palazzo in stile veneziano sulle rive del Tamigi. È la sede di un’importante casa editrice. Ma è anche il luogo in cui troppe persone muoiono misteriosamente. Suicidi e omicidi di cui non si riesce a capire la ragione. Un’amante delusa, un manoscritto respinto, un serpente di stoffa. L’ispettore Adam Dalgliesh deve districare il confuso groviglio di indizi e moventi che gli si para dinnanzi. Deve riuscire a guardare al di là delle passioni e dei furori del presente per scoprire, nel passato, il seme dell’odio. Fino a cogliere il filo che lega una serie di delitti d’alta scuola…
**
### Sinossi
Un sontuoso palazzo in stile veneziano sulle rive del Tamigi. È la sede di un’importante casa editrice. Ma è anche il luogo in cui troppe persone muoiono misteriosamente. Suicidi e omicidi di cui non si riesce a capire la ragione. Un’amante delusa, un manoscritto respinto, un serpente di stoffa. L’ispettore Adam Dalgliesh deve districare il confuso groviglio di indizi e moventi che gli si para dinnanzi. Deve riuscire a guardare al di là delle passioni e dei furori del presente per scoprire, nel passato, il seme dell’odio. Fino a cogliere il filo che lega una serie di delitti d’alta scuola…

Morte per fuoco e altri racconti

Morte per fuoco (Man Fire, 1965) di Theodore L. Thomas
Esportazione vietata (A Guest of Ganymede, 1963) di C. C. Macapp
La bravata (The Kicksters, 1964) di J. T. Mc Intosh
Copertina: Karel Thole

Morte in seminario

In un remoto angolo d’Inghilterra, aggrappato su una scogliera a picco sul mare, sorge il seminario di St Anselm; un luogo malinconico e tranquillo. Fino al giorno in cui, sulla spiaggia sottostante l’edificio, non viene trovato il cadavere di uno studente. La polizia locale archivia frettolosamente il caso come suicidio. Ma il ricco padre adottivo del ragazzo vuole saperne di più, e ingaggia il miglior detective di Scotland Yard, l’ispettore Dalgliesh.
Non appena arriva a St Anselm, l’ispettore si trova davanti ad altre quattro morti sospette; la chiave del mistero sembra, fin dall’inizio, la fine annunciata del seminario, minacciato tanto dal mare che erode le rocce, quanto da chi lo considera una struttura ormai obsoleta e lo vorrebbe chiudere. Ma Dalgliesh presto si rende conto che non è solo un colpevole, quello che deve cercare, ma il Male stesso, quella presenza insieme umana e demoniaca che da sempre filosofi e teologi hanno cercato di identificare…
**
### Sinossi
In un remoto angolo d’Inghilterra, aggrappato su una scogliera a picco sul mare, sorge il seminario di St Anselm; un luogo malinconico e tranquillo. Fino al giorno in cui, sulla spiaggia sottostante l’edificio, non viene trovato il cadavere di uno studente. La polizia locale archivia frettolosamente il caso come suicidio. Ma il ricco padre adottivo del ragazzo vuole saperne di più, e ingaggia il miglior detective di Scotland Yard, l’ispettore Dalgliesh.
Non appena arriva a St Anselm, l’ispettore si trova davanti ad altre quattro morti sospette; la chiave del mistero sembra, fin dall’inizio, la fine annunciata del seminario, minacciato tanto dal mare che erode le rocce, quanto da chi lo considera una struttura ormai obsoleta e lo vorrebbe chiudere. Ma Dalgliesh presto si rende conto che non è solo un colpevole, quello che deve cercare, ma il Male stesso, quella presenza insieme umana e demoniaca che da sempre filosofi e teologi hanno cercato di identificare…

Morte e Distruzione: Edizione italiana

L’agente speciale dell’ATF Thayne Wolfe è costretto dai superiori a entrare nel programma di protezione testimoni, e dire che la cosa lo scoccia sarebbe un eufemismo. Il Procuratore ha bisogno della sua testimonianza contro uno dei trafficanti d’armi più famosi e spietati al mondo. Certo di annoiarsi e di doversi sorbire un sacco di tv, Thayne finisce invece con un ridicolo nuovo lavoro, uno stupido nuovo nome e con la guardia del corpo più irritante che abbia mai incontrato, Jarrett Evans, che ha ricevuto l’incarico di tenerlo in vita abbastanza a lungo perché Mills Lang e i suoi scagnozzi concludano le loro miserabili vite dietro le sbarre.
L’ex Marine Jarrett Evans è uno spirito libero, ha sempre fatto il lavoro sporco per lo Zio Sam ogni volta e ovunque ce ne fosse bisogno. Evans, uno dei migliori cecchini al mondo, è soddisfatto dell’uomo che è diventato; questo però non vuol dire che l’immagine dell’assassino a sangue freddo che ogni giorno si riflette allo specchio davanti a lui gli piaccia. Nel momento in cui incontra il bel Thayne Wolfe, le cose iniziano lentamente a cambiare e la redenzione sembra possibile anche per lui.
Mills Lang, trafficante d’armi tra i più spietati al mondo, è poco più di un serial killer fatto e finito. Mentre marcisce in prigione con nient’altro che un sacco di tempo a disposizione, è determinato a distruggere l’uomo che ha accolto nella sua cerchia e che l’ha tradito. Thayne Wolfe dovrà morire nel modo più doloroso possibile… insieme a tutte le persone che ama.
Questo non è un libro BDSM; tuttavia, poiché contiene scene di natura sessuale tra due uomini consenzienti, la lettura è consigliata a un pubblico di soli adulti.
*Nota Bene* Questa versione include un eccitante estratto da “Fuochi D’Artificio”.
(Restate sintonizzati per le prossime avventure di Thayne e Jarrett. Il libro 2°, “Fuochi D’Artificio”, è in arrivo!)
**
### Sinossi
L’agente speciale dell’ATF Thayne Wolfe è costretto dai superiori a entrare nel programma di protezione testimoni, e dire che la cosa lo scoccia sarebbe un eufemismo. Il Procuratore ha bisogno della sua testimonianza contro uno dei trafficanti d’armi più famosi e spietati al mondo. Certo di annoiarsi e di doversi sorbire un sacco di tv, Thayne finisce invece con un ridicolo nuovo lavoro, uno stupido nuovo nome e con la guardia del corpo più irritante che abbia mai incontrato, Jarrett Evans, che ha ricevuto l’incarico di tenerlo in vita abbastanza a lungo perché Mills Lang e i suoi scagnozzi concludano le loro miserabili vite dietro le sbarre.
L’ex Marine Jarrett Evans è uno spirito libero, ha sempre fatto il lavoro sporco per lo Zio Sam ogni volta e ovunque ce ne fosse bisogno. Evans, uno dei migliori cecchini al mondo, è soddisfatto dell’uomo che è diventato; questo però non vuol dire che l’immagine dell’assassino a sangue freddo che ogni giorno si riflette allo specchio davanti a lui gli piaccia. Nel momento in cui incontra il bel Thayne Wolfe, le cose iniziano lentamente a cambiare e la redenzione sembra possibile anche per lui.
Mills Lang, trafficante d’armi tra i più spietati al mondo, è poco più di un serial killer fatto e finito. Mentre marcisce in prigione con nient’altro che un sacco di tempo a disposizione, è determinato a distruggere l’uomo che ha accolto nella sua cerchia e che l’ha tradito. Thayne Wolfe dovrà morire nel modo più doloroso possibile… insieme a tutte le persone che ama.
Questo non è un libro BDSM; tuttavia, poiché contiene scene di natura sessuale tra due uomini consenzienti, la lettura è consigliata a un pubblico di soli adulti.
*Nota Bene* Questa versione include un eccitante estratto da “Fuochi D’Artificio”.
(Restate sintonizzati per le prossime avventure di Thayne e Jarrett. Il libro 2°, “Fuochi D’Artificio”, è in arrivo!)
### L’autore
International bestselling author Patricia Logan, resides in Los Angeles, California. The author of several #1 bestselling erotic romances in English, Italian, French, and Spanish lives in a small house with a large family. When she’s not writing her next thriller romance, she’s watching her grandchildren grow up way too soon, and raising kids who make her proud every day. One of her favorite tasks is coaxing nose kisses from cats who insist on flopping on her keyboard while she tries to type. She counts herself lucky to be surrounded by people who love her and give her stories to tell every day. Become a fan of Patricia at http://authorpatricialogan.com Email her at [email protected] She loves to hear from readers more than anything and will respond to all emails.

Morte Di Uno Scrittore

**Da *Morte di uno scrittore *è tratto il primo film della trilogia *Intrigo*, per la regia di Daniel Alfredson, con Ben Kingsley nel ruolo del protagonista.
**
David Moerk è un traduttore che vive una vita solitaria dopo la scomparsa della moglie in circostanze misteriose e ha appena ricevuto l’incarico di tradurre l’ultimo romanzo – inedito – di un celebre scrittore, Germund Rein. Ma nel frattempo Rein è morto e non può più spiegare perché pretende che quella sua opera non venga pubblicata in lingua originale e, soprattutto, perché si debba mantenere il massimo riserbo al riguardo. Dopo le prime indagini, le circostanze portano tutti a pensare che l’uomo si sia suicidato… Traducendo quell’ultimo, enigmatico lavoro, Moerk si convince tuttavia che Rein sia stato ucciso da qualcuno a lui molto vicino. Determinato a capire cosa nascondano realmente la scomparsa della moglie e quella dell’autore, Moerk scoprirà molto presto che il contenuto di quel libro è destinato a stravolgere per sempre più di una vita. La sua, per prima.
**
### Sinossi
**Da *Morte di uno scrittore *è tratto il primo film della trilogia *Intrigo*, per la regia di Daniel Alfredson, con Ben Kingsley nel ruolo del protagonista.
**
David Moerk è un traduttore che vive una vita solitaria dopo la scomparsa della moglie in circostanze misteriose e ha appena ricevuto l’incarico di tradurre l’ultimo romanzo – inedito – di un celebre scrittore, Germund Rein. Ma nel frattempo Rein è morto e non può più spiegare perché pretende che quella sua opera non venga pubblicata in lingua originale e, soprattutto, perché si debba mantenere il massimo riserbo al riguardo. Dopo le prime indagini, le circostanze portano tutti a pensare che l’uomo si sia suicidato… Traducendo quell’ultimo, enigmatico lavoro, Moerk si convince tuttavia che Rein sia stato ucciso da qualcuno a lui molto vicino. Determinato a capire cosa nascondano realmente la scomparsa della moglie e quella dell’autore, Moerk scoprirà molto presto che il contenuto di quel libro è destinato a stravolgere per sempre più di una vita. La sua, per prima.

Morte di un signore oscuro

Nel villaggio di Cortton si è diffusa un’epidemia che colpisce i morti: cadaveri decomposti vagano per le vie alla ricerca della carne dei viventi. Gli abitanti della cittadina chiedono aiuto a Jonathan Ambrose, l’unico a conoscere il turpe segreto che si cela dietro l’incubo. Il Signore Oscuro del Reame, il crudele Harkon Lukas, ha appena iniziato a porre in atto la magia che lo aiuterà a fuggire dal suo Dominio e che lo porterà a seminare morte per tutti gli altri Domini. Ma Lukas ha bisogno di uno dei compagni di Ambrose per scatenare il potere della sua stregoneria…

Morte apparente

Le cicatrici sul volto e il gelo nell’anima, il giornalista Henning Juul torna al lavoro ma non alla vita dopo il misterioso incendio in cui ha perso il figlio. A strapparlo dal torpore di una morte apparente è il caso che sta turbando una Oslo che si credeva al sicuro, un delitto che porta il marchio della Shari”a. Fustigata, lapidata, mutilata di una mano, la giovane Henriette Hagerup è stata sepolta fino al busto, ”come un’esile rosa solitaria”, in una tenda bianca sulla collina di Ekeberg. I media sguinzagliano i loro migliori segugi, la polizia batte ogni pista plausibile, ma mentre i sospetti si concentrano su Mahmoud, il fidanzato pachistano legato alle bande del narcotraffico, il fiuto di Henning non si ferma ai comodi pregiudizi. Chi era veramente la bella studentessa di cinema, così ammirata, così intrigante nel suo talento anticonformista? E cosa nasconde il film sull’islam che la ragazza stava girando insieme all’amica Anette? In un crescendo di tensione, la trama di morte si infittisce intorno a un’indagine che insegue la verità dove finisce la coscienza e inizia l’ossessione, e che diventa per Henning un faccia a faccia con i propri fantasmi, fino al brusco risveglio che ha il cacciatore quando si accorge di essere la preda.

(source: Bol.com)

Morte al sesto giorno

Karen si voltò a guardare la propria immagine nello specchio, con aperta ostilità. Nella luce velata, i corti capelli castani, arruffati intorno al volto capriccioso, le davano un’aria da bambina spaventata. Certo, più da bambina che da donna. L’effetto era accresciuto dalla camicia da notte troppo ampia, che sottolineava la sua figura minuta, Si sentì ancora più triste e sperduta.
Suo marito Dan si è trasferito in California per lavoro. Karen sente la sua mancanza e lo vuole raggiungere insieme alla loro figlia, la piccola Connie. Sarà un viaggio lungo e faticoso ma le cose tra lei e Dan non vanno molto bene, c’è un legame da ricucire. Sì, lui l’ha tradita, ma è sicura di non avere proprio nessuna responsabilità in quanto è accaduto? Karen deve superare alcuni problemi psicologici che minano il suo equilibrio e vuole dimostrare prima di tutto a se stessa di essere in grado di organizzare la sua vita e quella della figlia senza cedere alla depressione. Per andare da New York a Los Angeles in automobile dovranno attraversare tutti gli Stati Uniti, ma è molto più economico che andare in aereo. Karen ha deciso in fretta, per evitare qualsiasi ripensamento, ma ha avuto la fortuna di trovare quasi per caso Winnie, sorella dell’amministratore del condominio, una compagna di viaggio che in cambio di un passaggio a ovest, è pronta ad alternarsi alla guida e a dividere la noia delle lunghe ore in auto. Winnie è una donna allegra e piace alla bambina… Eppure in lei c’è qualcosa che mette i brividi a Karen…

Morte al piano di sopra

Cosa si nasconde dietro la misteriosa scomparsa di Sir Hector Montague? Una storia di intricate vicende sentimentali e di enigmatiche profezie che ruotano intorno ad Hamilton Street, un’anonima strada londinese…

Morte a Plum Island

Ferito nell’adempimento del proprio dovere, il detective della Squadra Omicidi della polizia di New York, John Corey, sta trascorrendo un periodo di convalescenza nell’isola di Plum Island, tra contadini, pescatori e… assassini. Assassini, sì, perché una giovane coppia di scienziati viene trovata uccisa da due colpi di pistola alla testa e, ben presto, John si rende conto di non trovarsi di fronte a un semplice tentativo di rapina sfociato in tragedia ma a qualcosa di ben più grave. Le vittime erano biologi specializzati nello studio di rari virus ed è facile immaginare un loro coinvolgimento in un traffico di armi batteriologiche di livello mondiale.
**

Morsa di ghiaccio

Otto scienziati delle Nazioni Unite si recano al Circolo Polare Artico per studiare la possibilità di utilizzare, rimorchiandoli fino ai porti nordici, enormi blocchi di ghiaccio. Il motivo: il mondo sta vivendo una crisi gravissima, per una feroce carestia causata da una siccità senza precedenti. Ma quando gli scien-ziati sistemano sessanta bombe a tempo sulla banchisa, prima che essi abbiano la possibilità di ritirarsi al campo base, si veri-fica un violento terremoto. E un enorme iceberg si stacca e va alla deriva, isolando gli otto uomini in disperata compagnia delle bombe.

Morire per le idee

CON UN’APPENDICE SUL CASO GIUDIZIARIO L’opera pasoliniana va letta come un tutt’uno, in cui le diverse fasi di un lavoro artistico complesso e articolato (dalla poesia alla narrativa, dal teatro al cinema, dal giornalismo alla critica letteraria) tendono a intersecarsi continuamente all’interno di un discorso creativo “aperto’ e “mobile’. In altre parole quella di Pasolini è una grande opera “totale’, all’interno della quale è difficile scindere i diversi “generi’. A partire da questa premessa il libro di Roberto Carnero indaga l’opera pasoliniana senza scindere i diversi aspetti della sua produzione, ma anzi riportando le diverse esperienze e i diversi momenti del lavoro pasoliniano alla coerenza di un percorso artistico unico. Un’opera, quella di Pasolini, strettamente legata alla vicenda biografica del suo autore. Per questo “una vita letteraria”, che Carnero ci aiuta a riscoprire e a percorrere in capitoli a metà tra il “tematico’ e il “biografico’. Il volume si presenta come un profilo di Pasolini, agile e aggiornato: una monografia critica adatta sia per gli studenti (delle università e delle scuole secondarie) sia, più in generale, per tutti i lettori interessati ad avvicinarsi a Pasolini in maniera informata. In un’apposita appendice (contenente, tra l’altro, un’intervista inedita a Walter Veltroni) si dà conto della controversa questione della morte di Pasolini, a partire dalle clamorose novità emerse negli ultimi mesi.

(source: Bol.com)

Morire è un attimo

L’indagine del maggiore Aldo Morosini nell’Eritrea italiana
Eritrea, 1935. Mentre crescono le tensioni internazionali e l’Italia mussoliniana si prepara alla guerra con l’Abissinia, nella città di Massaua vengono commessi due omicidi. Un noto imprenditore cittadino e un impiegato di banca vengono trovati decapitati. I sospetti si concentrano su agenti del Negus Hailé Selassié, coinvolti nelle settimane precedenti in sanguinosi scontri di frontiera con le truppe italiane.
Ma il maggiore Aldo Morosini, dell’Arma dei Carabinieri, non è per nulla convinto di questa versione. Malgrado la ricomparsa di un vecchio amore, che ridesta in lui una fiamma mai sopita, cerca con testardaggine altre piste investigative. E, con l’aiuto del fedele sottufficiale Barbagallo e dello sciumbasci Tesfaghì, segue le tracce di una vecchia scimitarra e di una foto ingiallita dal tempo.
Indizi che faranno riemergere dal passato una torbida vicenda di interessi e tradimenti. E costringeranno Morosini a inseguire l’assassino nell’infernale deserto della Dancalia e sui rigogliosi altopiani di Cheren e Asmara.